Buongiorno Crista.

438Report
Buongiorno Crista.

Krista e io abbiamo avuto una relazione molto tumultuosa. Abbiamo trascorso la maggior parte della nostra relazione separati e senza parlare. Questi periodi di riposo sarebbero stati seguiti da alcune settimane del sesso più intenso e soddisfacente che abbia mai avuto, seguite da litigi sempre più intensi finché non avessimo avuto bisogno di un'altra pausa. Avrei dovuto uscire completamente dalla relazione prima. Non l'ho fatto perché il sesso era folle e intenso quanto lei. Krista farebbe qualsiasi cosa volessi, ogni volta che lo volessi e ovunque potessimo trovare un posto privato. Avrebbe escogitato nuovi modi interessanti per farmi venire e me li avrebbe lanciati addosso quando non mi aspettavo affatto il sesso. Un sabato mattina presto, per esempio, mi ha fatto la miglior sega che avessi mai visto.

Eravamo appena tornati insieme da una lite e avevamo passato le ultime settimane a scopare come animali. Le cose stavano iniziando a rallentare tornando a un ritmo regolare, ma il suo folle livello di gelosia non era ancora riemerso. I suoi genitori erano fuori dallo stato e lei stava a casa loro mentre era in vendita. Avevano una bella casa e la camera da letto principale aveva un letto king size californiano. Era perfetto per dormire e scopare. Abbiamo trascorso il fine settimana facendo proprio questo. Dopo aver scopato per tutta la casa il giorno prima, quella notte ci siamo ritirati nella camera dei suoi genitori per dormire. Prima dell'alba, ebbe fame e andò a prendere diversi pezzi di frutta, li tagliò a fette e se li portò a letto. Mi ha svegliato mettendomi in bocca fette di mela verde. Abbiamo fatto una colazione leggera e ci siamo appisolati un po' al sorgere del sole. Abbiamo trascorso molte mattine proprio così; sonnecchiando, tenendosi l'un l'altro ed esplorando i corpi l'uno dell'altro. Sono sgattaiolato in bagno mentre il sole stava entrando per la prima volta dalla finestra e ho cercato di non svegliarla se stava dormendo. Quando sono tornato a letto, si è girata verso di me e mi ha appoggiato la testa sul petto e ha iniziato a massaggiarmi il petto e alla fine ha messo la mano nelle mie mutande. Mi ha lavorato la biancheria intima fino alle ginocchia e io l'ho lavorata fino in fondo in modo da poter aprire le gambe per le sue mani da esplorare.

Ha passato molto tempo ad accarezzarmi il cazzo, giocando con le mie palle e solleticando la mia macchia e il mio crack. Sapeva esattamente come stuzzicarmi e come farmi venire il cazzo così duro da farmi male. Più suonava, più abbassava la testa verso la mia erezione. Speravo che da un momento all'altro avrebbe abbassato la testa e preso un respiro profondo che era diventato quasi come un suono distintivo per lei prima di inghiottire il cazzo. Continuava a giocare e a stuzzicare, ma non ho mai sentito il rantolo.

Si era avvicinata abbastanza al mio cazzo che potevo sentire il suo respiro su di me. Usava le unghie per artigliare la mia asta e poi tirava la pelle del mio sacco di palle quasi fino al punto di farmi male. Mi è piaciuto quando ha fatto questo. Ero diventato troppo eccitato, impaziente e affamato di un assaggio di figa per lasciarla continuare a giocare. Sapevo che se avesse continuato così sarei venuto. Le ho detto che se avesse continuato a prendermi in giro mi sarei venuto addosso.

"Sarebbe uno spreco di buon sperma", ha risposto, "mi fermerò".

Ha smesso di accarezzarmi e il mio cazzo ha iniziato a farmi male. Non mi ha mai tolto la mano di dosso, ha semplicemente smesso di muoversi. Ho allungato la mano e ho preso una manciata di capelli in mano e ho iniziato a forzare la sua testa verso il mio cazzo. Stavo di nuovo anticipando il sussulto d'aria e la familiare calda, morbida umidità dell'interno della sua bocca che mi accoglieva. Sono stato invece accolto con una bocca ben chiusa.

"Non lo farò oggi", ha osservato. Era strano da parte sua dirlo, ma non mi sono offeso.

Ho continuato a tenerle i capelli in mano, ma le ho dato la libertà di fare ciò che voleva. Non si è tirata indietro dal mio cazzo. Spostò il viso un po' più vicino al mio osso pubico e allontanò la testa della mia erezione dalle sue labbra. Questo riadattamento l'ha lasciata con un pene duro sul viso.

"Stai attenta o ti vengo in faccia", l'ho avvertita. Normalmente non aveva problemi a succhiare un cazzo in un attimo. Le piaceva essere informata che stavo per scaricarle il mio carico in bocca a causa della grande quantità con cui la riempivo. Volevo darle un giusto avvertimento per questo, soprattutto perché oggi non voleva succhiarlo. Non avevo mai scaricato il mio carico sul viso di una ragazza prima e il pensiero mi fece battere forte il cuore e le mie ossa pulsarono contro la sua pelle morbida.

Ha fatto scivolare le dita sulla mia asta e ha spinto il mio cazzo sul suo viso. Quando ha tolto la mano il mio cuore batteva così forte che il mio cazzo pulsava e pulsava proprio davanti ai suoi occhi. Allungò una mano e lo schiaffeggiò. Quando lo fece, si schiaffeggiò contro la sua guancia e tornò subito all'attenzione più forte che mai. Il bruciore dello schiocco e la sensazione della mia carne che le schiaffeggiava il viso erano gloriosi. Di nuovo lo schiaffeggiò. Di nuovo la colpì in faccia e tornò alla piena attenzione. Più e più volte ha fatto questo. Ha girato la testa e ha schiaffeggiato il mio cazzo duro contro la sua bocca, contro il naso, il mento, gli occhi e l'orecchio. Potrei dire che non durerei a lungo. Lo adoravo. Appoggiò la testa contro il mio stomaco e continuò a schiaffeggiarmi l'asta e la testa sul suo viso.

Le tenni i capelli stretti con una mano e il collo con l'altra. L'ho afferrata per metà in estasi e per metà per paura che cercasse di allontanarsi. Ho pensato di avvertirla che stavo per venire così avrebbe avuto la possibilità di dirmi di lasciarla andare, ma a questo punto era già stata informata e tutto quello che volevo fare era scaricarle il mio seme in faccia. L'immagine mentale del suo bel viso devastato dallo sperma mi ha mandato oltre il limite.

Ho avuto il tipo di orgasmo così intenso da far raggrinzire dolorosamente il tuo ano mentre il tuo corpo svuota tutto lo sperma che può sul tuo bersaglio. Ha tenuto il mio cazzo in una presa salda mentre l'orgasmo ha causato le convulsioni in tutto il mio corpo.

Quando finalmente mi sono calmato, ha allentato la presa e ha iniziato a sedersi. Sapevo che il suo viso era coperto dal mio carico e non vedevo l'ora di vederlo. Mentre si girava verso di me, vidi un grumo gocciolare dal suo mento e atterrare sulla mia pancia. Si è girata completamente per guardarmi e ho potuto vedere il mio sperma aggrapparsi al suo bel viso, appeso tra i suoi morbidi capelli castani e colare giù per gocciolare sui suoi seni e su di me.

"Mi piacerebbe farlo di nuovo presto", ho affermato e lei mi ha detto che ero il benvenuto a venire su di lei quando e dove volevo.

Grazie per aver letto. Il feedback è apprezzato.

Storie simili

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

162 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.8K I più visti

Likes 0

La storia di Margo 2 - Carlo

Abbiamo iniziato a baciarci e, naturalmente, ho lasciato che mi accarezzasse il seno. Non ero sicuro di quanto sapesse della mia disponibilità a fare altre cose, ma ha messo una mano sulla mia gamba e gli ho permesso di allungare una mano sotto la mia gonna e strofinare la mia coscia sul bordo delle mie mutandine. In quel momento mi sono girato leggermente e ho messo la mano sul rigonfiamento dei suoi pantaloni. Il suo respiro accelerò mentre lo strofinavo vigorosamente lì. Lui, ovviamente, lo prese come un permesso per giocare con la mia figa, prima all'esterno delle mie mutandine e...

1.6K I più visti

Likes 0

Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo - NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a... Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni. Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura. La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri...

948 I più visti

Likes 0

Scopando il mio collega_(1)

Lasciatemi solo dire che sono un uomo sposato. Ho una moglie adorabile con un avvertimento: poco dopo che ci siamo sposati ho scoperto che era stata sbattuta in gruppo da alcuni dei suoi amici al liceo. Permettetemi anche di assicurarvi che questo non ha cambiato il modo in cui mi sentivo per lei, solo il mio impegno a rimanere monogamo. In altre parole, me la cavo quando mia moglie non guarda. Sarò breve, perché questa è una storia vera, e queste storie sono sempre brevi. C'era questa ragazza ebrea troia al mio lavoro. So che aveva figli perché ho visto le...

611 I più visti

Likes 0

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

529 I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

288 I più visti

Likes 0

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.