I giovani vogliono essere presi da modello

1KReport
I giovani vogliono essere presi da modello

“Sono come un animale, che si nutre di lei, mentre consuma il mio ardente desiderio. Una volta nutrito, non più il lupo".

Un amico mi ha parlato della figlia di un amico che voleva intraprendere la carriera di modella. Mi è stato dato il suo portafoglio limitato e altre informazioni; Il suo nome Alla - 23 anni - mai sposata - alta circa 5' 6" - non più di 115 libbre - lunghi capelli ramati - i suoi lineamenti del viso squisiti sono privi di imperfezioni come porcellana fine - corpo flessuoso - seno piccolo - culo perfetto a forma di cuore . Una delle mie divisioni aziendali di maggior successo è Fashion Modeling Agency and Cosmetics. Come titolare di un Conglomerato Internazionale, sono sempre alla ricerca di belle donne per fare le modelle. Alla mi ha chiamato per un appuntamento, le ho chiesto se potevo passarla a prenderla nel suo appartamento e portarla a pranzo e poi nel mio ufficio. L'ho presa con la mia Mercedes sportiva per andare a The Mansion su Turtle Creek. Dopo un'ora di pranzo, un po' di vino e una conversazione. Ally era nervoso ma dopo pranzo e il vino, si è sentita sollevata quando alla fine ho suggerito che era ora di andare in ufficio. Era contenta di entrare nella mia macchina e di sedersi e rilassarsi per il viaggio verso l'ufficio. Si è rilassata ancora di più quando ha saputo che eravamo gli unici a sarebbe nel mio ufficio. " Quindi Ally, vuoi essere un modella." Dissi dandole una pacca sul ginocchio mentre ci allontanavamo. Ne abbiamo parlato per un po' e io mi sono sembrata così premurosa e premurosa che ha iniziato ad aprirsi con me. Ha anche ammesso di non essere anche sessualmente attiva. In qualche modo la conversazione è abbastanza rilassata anche se si è parlato di un bel po' di sesso. È stato strano che non abbia mai discusso della sua vita sessuale nemmeno con i suoi amici più cari, eppure qui è abbastanza aperta con me. Probabilmente era il vino ad alleviare le sue inibizioni.

Quando siamo arrivati ​​in ufficio, l'ho invitata nel mio grande ufficio d'angolo e mi sono offerto di farle un massaggio alle spalle per farla rilassare di più prima di parlare ancora un po'. "Dovrei fare un bel massaggio," dissi rivolgendole un modesto sorriso. Ha pensato che dovrebbe andare a casa dato che non c'è nessun altro in giro. Ma è davvero speciale essere invitato nel mio ufficio. Inoltre, la prospettiva di un massaggio alle spalle è piuttosto attraente. Le prendo una sedia e mentre si siede mi muovo dietro di lei e comincio a massaggiarle il collo e le spalle.
"Lascia che ti aiuti a rilassarti." Il massaggio è fantastico. Presto la ritrovo completamente rilassata e di nuovo a chiacchierare liberamente. In qualche modo ho presto portato l'argomento sul sesso e l'ho fatta parlare di nuovo di non fare sesso. Mentre chatto casualmente, lascio alcuni commenti su quanto sia sexy e che qualsiasi uomo sarebbe molto fortunato. La faccio sentire benissimo. "John, non credo sia una buona idea!" Ha reagito rapidamente mentre le mie mani massaggianti si spostano per slacciare il bottone in alto della sua camicetta. "Oh, non preoccuparti. Voglio solo aprire un po' di più le tue spalle in modo da poterle massaggiare meglio," risposi con calma mentre slacciavo il secondo bottone e le spingevo la camicetta appena fuori dalle spalle. Non sapeva bene cosa fare, ma siccome non andai oltre, lo lasciò andare. Dopotutto, il massaggio è davvero rilassante. Chiuse gli occhi e lasciò che la sua mente si addormentasse. La tengo in uno stato di beatitudine strofinandole le spalle e lentamente facendomi strada lungo le sue braccia. Troppo tardi si è resa conto che le stavo facendo scivolare la camicetta parzialmente abbottonata ancora più in basso nelle sue braccia. Prima che potesse reagire, la sua camicetta le era scivolata sul seno e le aveva intrappolato le braccia lungo i fianchi.

"Forza Alla," dissi percependo la sua reazione tesa, "Sicuramente altri ragazzi ti hanno già visto in bikini!!" Improvvisamente Ally si alza correndo fuori dal mio ufficio, io accelero il ritmo mentre gira lungo un corridoio buio. La seguo e mi precipito ad incontrarla. Quando sono a una decina di metri dietro di lei si gira e mi chiede "Mi stai seguendo?" Mi fermo e dico: "Le giovani donne sexy come te non dovrebbero camminare da sole per corridoi vuoti e bui". " Posso prendermi cura di me stesso." lei rispose con un sorriso. "Cioè... se voglio..." Qualcosa nel modo in cui ha detto l'ultima riga mi ha fatto pensare. Rimasi lì per alcuni secondi a prenderla tutta dentro.........la sua scollatura seduta sul suo petto, le sue gambe lunghe, i suoi occhi azzurri penetranti, i suoi fianchi rotondi e invitanti... All'improvviso, afferro lei e lei cominciano a lottare. Riesco a mettermi dietro di lei e le avvolgo un braccio intorno al collo e la strinsi. Lei è forte... Abbiamo faticato un po' di più poi riesco a trascinarla davanti a me qualche passo alla volta. Ha combattuto contro ogni mia mossa mentre lentamente ci dirigevamo verso una porta. La premo contro e provo ad aprire la porta ma è chiusa a chiave. "Va bene", mi sono detto. "Il corridoio è..."

L'ho trascinata a terra con me e mi sono sdraiata su di lei, premendo tutto il mio peso sulla sua schiena. È a terra sulle mani e sulle ginocchia, ma ha rifiutato di andare oltre. Lascio andare il suo collo, prendo una manciata di capelli e gliela tiro indietro con forza. Emette un sussulto e si rilassa un po'. Le taglio un gomito e lei si accasciò sulla spalla, con la testa che urtava il pavimento di moquette. Continuo a cercare di metterla a terra, ma è una combattente. Mi allungo e le tiro giù il top e comincio a maneggiarle le tette. Dio, ha dei bei seni di taglia media... e sono così sodi. Emette un gemito e cerca di staccare le mie mani dal suo petto ma non riesce a fare alcun progresso; Continuo solo a tornare. Sono riuscita a togliermi i pantaloni e iniziare a lavorare sulla sua gonna. Sono ancora dietro di lei, i miei fianchi spingono nel suo culo più forte che posso. Metto la mia mano sulla sua testa e la inchiodo al pavimento, poi uso l'altra per allungare la mano sotto la gonna. Amo il modo in cui la sua carne si sente per me... È calda e soda, ma allo stesso tempo volenterosa. Anche se continua a lottare contro di me. Non ha mai smesso di lottare, ma non ha mai chiesto aiuto o implorato di smetterla... lei voleva che fosse così e io sono solo il ragazzo che gliela dà. Ho raccolto la sua camicetta in mano e l'ho avvolta intorno ai suoi polsi, principalmente per togliermela di mezzo. "Ora vediamo di quelle tue belle mutandine viola." le sussurrai all'orecchio. "Chiedimi di toglierli per te." Dovette fare un paio di respiri profondi e tremanti prima di poter pronunciare le parole. "Per favore, toglili per me." "Certo Ally. Lo farò per te adesso."

Faccio scorrere le mie mani lungo l'esterno delle sue cosce fino alle sue mutandine e le tiro giù fino alle sue caviglie. "Vediamo cosa abbiamo qui." Afferro le guance del suo culo e le separo. Vedo la sua bella figa rosa e il cerchio scolorito del suo ano. "Mmm, bello. Vediamo come ti senti." Le lascio andare il culo con la MIA mano destra e glielo faccio scivolare tra le gambe. La sua figa è calda, ma secca al mio tocco. Le ho fatto scorrere la mano sullo stomaco da dietro e ho scoperto che era ben rasata. "Dovresti essere più entusiasta di stare con me", dissi. "Dobbiamo vedere cosa possiamo fare al riguardo". Lei sta tremando ora; tremante di paura. Comincio a strofinare le dita da dietro in avanti lungo la sua figa, avanti e indietro, avanti e indietro. Ogni tanto mi fermo sul suo clitoride e lo strofino in un piccolo cerchio. Poi avanti e indietro. Ci è voluto solo un minuto o giù di lì prima che accadesse. Sapeva che stava arrivando. Sente che inizia, come se qualcuno avesse schiacciato un acino d'uva dentro di lei. Il liquido caldo e appiccicoso della sua eccitazione inizia a fluire. «Ci ​​siamo», dissi in tono tubante. "È una brava ragazza. Sapevo che saresti stato felice di vedermi." Continuo a strofinarmi e poi, all'improvviso, le infilo due dita dentro, spingendo delicatamente da parte il suo imene. È stretto, molto stretto, mi chiedo se sarà in grado di ospitare il mio cazzo enorme. Ho trovato il suo punto G, leccandole e succhiandole il clitoride mentre le mie dita massaggiavano in profondità dentro di lei. "Ahhhh!!" ansima, si sciocca mentre la prima ondata della sua eccitazione si abbatte su di lei. "Bene," dissi. "Sei pronto ora."

Mi alzo da lei poi la tiro su in piedi spingendo il suo viso contro il muro. Il mio cazzo è in piedi orgoglioso e pronto. Sono dietro di lei e uso la mia mano per far scorrere la testa del mio cazzo avanti e indietro lungo le sue labbra un paio di volte per farlo bene e lubrificato. Poi con una, forte spinta, mi forzo fino in fondo in lei. "Unghhhh!" lei urla di nuovo. Esco lentamente e poi entro di nuovo, questa volta più forte. Nel giro di pochi colpi, ho migliorato il mio ritmo mentre la sbatto contro e la sbatto contro il muro. Ancora e ancora. È molto stretta, anche se bagnata com'è, le sue labbra si aggrappano a me quando tiro fuori e rotolo lungo il mio cazzo mentre mi sforzo di rientrare. Ogni spinta portava da lei un altro suono animalesco di desiderio, paura, piacere e dolore. Poi, solo pochi minuti dopo, la sento contrarsi attorno al mio albero. Sta raggiungendo l'orgasmo, ansimando, piangendo, metà piangendo e metà venendo. Poi comincio a venire anche io. La sbatto di nuovo addosso e la sento venire su di me, incapace di controllarla più a lungo, la tiro vicino e le sparo dentro il mio sperma mentre ondate di piacere mi passano sopra. La tenni stretta in quel modo per alcuni minuti, riprendendo fiato. Quando avrò finito, e mi sento rimpicciolire dentro di lei. Faccio un passo indietro e guardo la sua fica. Il mio sperma tinto di sangue inizia a raccogliersi all'ingresso della sua figa. Premo il mio indice e il medio nella sua figa e lo uso per lubrificarli a fondo. Poi, lentamente ma con forza, premo le mie dita nel suo ano. "No," disse. Mi sta stringendo e combattendo. "Non c'è!" Ma l'ho semplicemente ignorata. Continuo il mio assalto implacabile finché non ho vinto e le mie dita scivolano nel suo culo. Emette un urlo di dolore, ma questo è tutto. Mi sento già di nuovo duro. Dentro e fuori lavoro le dita fino a quando il fluido della sua figa inizia a svanire e diventavano sempre più difficili da infilare dentro.

"Ora sono di nuovo pronto, quindi hai una scelta. O posso fotterti in questo tuo piccolo stronzo stretto e sappiamo entrambi che non si sentirà troppo bene. Almeno non per te. Oppure possiamo tornare indietro nel mio ufficio così posso fotterti di nuovo." Con ciò sbatto forte le dita, facendola stringere intorno a me. "Allora quale sarà?" "Il tuo ufficio... Il tuo ufficio." Lei balbetta. Torniamo nel mio ufficio, lei si sdraia sulla carrozza sulla schiena, allargando le gambe. I suoi occhi sono chiusi mentre mi arrampicavo tra le sue gambe, il suo corpo trema aspettando il mio cazzo mostruoso. La mia grande testa di cazzo sta aprendo le sue labbra della figa. "Non John, per favore." Affondò i talloni nei cuscini, le avevo i polsi bloccati, il suo corpo sottomesso dal mio peso. Con la testa all'indietro e il collo scoperti, ho scelto la sua giugulare. Come un animale succhio e mordo. Pensava che le avrei rotto la pelle. Alzò lo sguardo verso di me, il mio cazzo che rimbalzava e puntava verso di lei come un dito di rimprovero. Un dito molto grande. Sapeva cosa sarebbe successo dopo. "Non farlo," disse. Ma l'ho fatto. L'ho inserita. La sua figa è vittima di bullismo aperto dal mio grosso cazzo. È improvviso e doloroso, ma le sue dita dei piedi si arricciano con un'estasi che le schizza dal basso verso l'alto e scappa in un gemito. "Oh no. No perché? No." Ha detto con ogni centimetro che le ho seppellito dentro. Il mio spessore spinge di nuovo le sue pareti vaginali al limite. La mia lunghezza premette contro la sua cervice e andai oltre, allungando il suo quim finché non pensò che si sarebbe spezzato. Ma non è stato così. Ora fa solo male.
"Alla," dissi con un sorriso, poi comincio a spingere il culo. "Alleato". Continuavo a dirlo mentre mi spingevo dentro e fuori da lei. Sente il risucchio della sua figa stretta che afferra il mio cazzo come se lo volesse. Ha maledetto il suo corpo. Le strette pareti rosa tra le sue gambe hanno fatto del loro meglio per farmi piacere mentre si lamenta.

"No, no. John non sai cosa stai facendo." "Sì, alleato." Avvolgo le mie braccia intorno alla sua schiena e ho scavato più a fondo in lei. Le mie labbra si stanno muovendo sul suo collo, sul petto e sui capezzoli mentre le ho detto: "Alleato". "Smettila John," dissi senza fiato. Le sue gambe sono divaricate, oscillando a ogni spinta. La mia virilità scivolava con forza dentro e fuori di lei, aprendola ancora e ancora, andando il più lontano possibile. Il suo corpo ha rilasciato tutto il lubrificante possibile per maneggiarmi, ma non è abbastanza. "Ohhhh, owowow, John, mi stai facendo del male. Per favore, smettila. Non farlo." "Sì, ah..ah, sei così fottutamente stretto." Il suo stomaco si gonfiò. Se non fossi stato così profondamente dentro di lei, ha la nausea ma non riesce a riprendere fiato. Le sue mani che mi spingono sulle spalle. Per qualche motivo sta attenta a non graffiarmi o graffiarmi mentre mi ha combattuto a malincuore. La stanza si è girata e lei è girata a pancia in giù. Spingo il mio cazzo nella sua figa. Mi sono sdraiato parallelamente sulla sua schiena con entrambe le mani intrecciate sotto le sue tette, stringendole dolorosamente i capezzoli. La mia testa è sepolta tra i suoi capelli scuri arruffati. Odora di sudore e sesso. Sente l'odore del succo della sua figa che diventa bianco e viscoso mentre il mio cazzo si fa strada dentro e fuori di lei. "Alla." Continuo a dire mentre le mie cosce sbattono contro le sue natiche, sempre più velocemente. Sto scavando nel suo buco vergine senza pietà. Stringe tra i pugni la fodera del divano. Le do un calcio alle caviglie, sollevandole leggermente i fianchi e punendola più a fondo. Giura di sentire il mio cazzo enorme dietro l'ombelico.

"John, oh, ow, è troppo profondo." "Sì," grugnii nel suo orecchio. "Sto per venire." "Sì, vieni per favore." Lei implora. Implora perché vuole che finisca. Non sapeva nemmeno di aver detto di aver capito il motivo. Aveva solo bisogno che tutto questo finisse in modo da poter provare a risolverlo nella sua testa. Si immagina sotto la doccia, a strofinarsi, senza essere più la stessa. "Sto venendo." Ho detto. "Sì John, cum." "Sto venendo dentro di te." "No, no." Le implicazioni la invadono. Il mio sperma l'ha messa incinta. È troppo. "Niente sperma in me." "Sto venendo dentro di te." Le gira la testa. Non sapeva cosa fare. " Oh si." Il mio corpo tremava. " Sei così caldo." Le sue gambe tremano, la sua figa si sente calda e maltrattata. Non riesce a respirare con il mio peso su di lei. Eruttò dal profondo di me come magma volanico. Il mio sperma è esploso dalla mia testa con schizzi violenti, accompagnato da scatti in avanti dei miei fianchi, seppellendola profondamente nel divano sudato e intriso di sesso. Ogni impulso di sperma le ha fatto esplodere la parte posteriore della figa, bollente. Mi sono alzato da lei. Con un sospiro di sollievo, mi sono seduto sulla mia sedia senza un'altra parola. Alla fissava il soffitto, aspettando che la realtà si raddrizzasse. Eppure non è stato così, ho avuto altre sorprese per lei.

Storie simili

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

352 I più visti

Likes 0

Il nostro primo incontro parte 1

Era una fredda notte di ottobre. Il caminetto stava bruciando e abbiamo avuto un paio di drink. Ci siamo seduti casualmente a fissare il fuoco e chiedendoci cosa stessero pensando l'un l'altro. Lanciai un'occhiata a mia moglie, Stacie. Era in un altro mondo. Il silenzio è stato rotto da Heather che chiedeva a Stacie se stava pensando? Stacie ha risposto con una risatina, Oh niente di importante. In realtà mi stavo chiedendo com'era la tua vita sessuale? Avresti potuto bussare a me e Bill mentre iniziavano a ridacchiare e a discutere dell'intimità della loro vita sessuale. Bill e io sedevamo ad...

1.9K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.9K I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

Le Sorelle Calzino (Capitoli 9-12)

CAPITOLO NONO Jeff ci ha lasciati davanti alla casa di Kim intorno alle 8:30 e lei ci ha incontrato sulla porta con indosso una delle soffici vecchie vesti. “Sono appena uscito dalla doccia ragazze. Vieni nella mia camera da letto, ci cambiamo lì. Phil se n'è appena andato e mi sono quasi dimenticato del tempo! Phil se n'è appena andato, eh? Ho scherzato. E cosa stavate combinando voi due per aver perso la cognizione del tempo? “Stavamo scopando, Mar! Cosa hai pensato? Kim sorrise a me e Beth e scoppiammo tutti a ridere. Quando arrivammo nella stanza di Kim, lasciò cadere...

1.6K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.2K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Wartime Comfort House Diario - Giorno 7 British Sausage

Avevo incaricato la signorina Yamaha di portare la giovane madre coreana Maple a nutrire la mia debole moglie del posto ogni volta che andavo a consumare con Cherry, oltre alle sue normali poppate quotidiane. Sapevo che il nutrimento extra avrebbe aiutato Cherry a diventare più forte. Sono stato anche incuriosito dall'orgasmo di mia moglie dopo che ho sparso i miei semi e mi sono ammorbidito, quindi ho deciso di lasciare la mia virilità nel suo grembo ogni volta che raggiungevo l'orgasmo. Mi eccitavo baciando appassionatamente mia moglie mentre accarezzavo i suoi seni sodi in crescita (quasi coppa B ora) e i...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.