Dono del padre

919Report
Dono del padre

Cosa ci si aspetta da qualcuno che si imbatte effettivamente in questo tipo di potere? Ovviamente pensi a come il potere stesso potrebbe essere usato per sempre, questo è ciò che fanno gli eroi nei fumetti e nei film, ma le persone raramente sono così altruiste. Mi chiamo Grant Palacios, ed è così che ho acquisito il potere di controllare il tempo.

Sono cresciuto in una piccola città della California, lontano dalla costa. Vivevo modestamente con mia madre e la mia sorellastra maggiore. Mio padre non è mai stato nella foto e mia madre non ha mai parlato di lui. Ha insistito sul fatto che non sapeva nulla di lui, e non l'ho mai incalzata troppo perché sembrava turbarla.

Mia sorella, Moriah, ha qualche anno più di me. Suo padre viene ogni tanto quando non è schierato, e sembrava sempre risentito nei confronti di mia madre. È successo qualcosa tra loro ma avevo sempre troppa paura di chiedere cosa, è un ragazzo spaventoso.

Non mi dispiace non sapere così tanto, ma ero curioso. Perché mio padre non era in giro? Mi ha abbandonato? Gli è successo qualcosa? Non so nemmeno se dovrei essere arrabbiato con lui o triste perché se n'è andato. Avevo 20 quasi 21 anni ed ero arrivato così lontano nella vita senza di lui, quindi non è nemmeno che voglio che faccia un ritorno. Ho solo domande. Non sapevo che avrei ricevuto risposte molto presto.

Lavoro a tempo pieno in un magazzino in città e frequento i corsi serali e del fine settimana presso il college della comunità locale. Paga decentemente così posso aiutare la mamma con le bollette e avere un po' di soldi divertenti. Alcune settimane metterò i soldi divertenti nel mio conto di risparmio. Sto risparmiando per un'auto e preferirei di gran lunga prenderne una nuova. Inutile dire che cammino da e per il lavoro e la scuola a meno che mia madre non mi presti il ​​camion.

Oggi cammino. Non mi dispiace, l'aria fresca fa bene e mi piace schiarirmi le idee durante il tempo da solo. Uso il tempo per pianificare cosa farei per il mio compleanno quella notte. Non avevo programmi, non ero molto socievole, non un sacco di amici, nessuna ragazza. Non è che non sono attraente, sono 5' 10 "con i capelli neri lunghi fino alle spalle, sono messicano, quindi ho la pelle color cannella e gli occhi castani. Sono un po 'in forma ma lontano dalla corporatura di un atleta. Sono sicuro che qualcuno ha pensato che fossi carino a un certo punto. È solo che se hanno / fanno, non hanno detto nulla.

Il telefono mi vibra in tasca. Ah è Gloria. Lei è la mia migliore amica. Una splendida ragazza filippina con bassa statura e carattere ancora più basso. Ha la pelle scura e occhiali dalla montatura spessa che si sposano bene con il suo viso tondo. È 5'2 "un po 'paffuta e ha "caratteristiche" che sono un po' grandi per la sua struttura. DD tette e un culo che sussulta quando cammina. Se non l'avessi conosciuta da quando avevamo 7 anni, avrei tentato la fortuna con lei così tante volte. Però è passato troppo tempo, sarebbe strano. Inoltre, non le piaccio così. Scuoto i pensieri dalla mia mente e rispondo ai suoi messaggi

“Ehi sfigato, non hai programmi per il tuo compleanno vero?? "

“Non con nessuno. Stavo solo pensando di comprarmi degli snack al negozio e di schiantarmi nella mia stanza più tardi.

“Culo zoppo!! Vieni a stare con me, ti prendo una torta e guardiamo qualche anime o roba del genere.

"Non lo sooooo, gli orari sono piuttosto stretti."

"Cazzate! Sii solo a casa mia alle 8 più tardi, nerd"

“Va bene, weeb ttyl”

Ci siamo, piani fatti. Lo ha fatto ogni anno dal mio diciottesimo compleanno. Mia madre si è messa in testa che sono troppo vecchio per le feste di compleanno dopo aver raggiunto quell'età, il che va bene, in un certo senso lo sono. Mia madre di solito mi fa un regalo e mi bacia sulla fronte, mentre mia sorella mi augura buon compleanno senza alzare lo sguardo dal telefono e non ne sento parlare durante la giornata. Il resto della mia famiglia invierà lettere alcune con contanti e cosa no. In questi giorni le parti migliori dei miei compleanni sono quando riesco a passare del tempo con Gloria.

Entro al lavoro dopo essere finalmente arrivato e passo attraverso il metal detector. Qualcosa nella giornata sembra strano, come se fossi osservato. Mi scrollo di dosso la sensazione e arrivo. Il mio turno è relativamente lento, c'è molto lavoro, ma penso di essere principalmente entusiasta di uscire da lì.

Quando finalmente il mio turno finisce, esco e mi precipito fuori dalla porta il più velocemente possibile. Mentre cammino, decido di mandare un messaggio a Gloria che sto arrivando. Guardo il mio telefono e le mando un messaggio, senza guardare dove sto andando. SMACCO. Mi sono imbattuto in qualcuno, cadendo a terra. Alzo lo sguardo e vedo una bella ragazza che mi guarda con il braccio teso per aiutarmi ad alzarmi.

"Mi dispiace, amico."

“No, scusami, non stavo prestando attenzione”

È carina, non proprio il mio tipo ma dannazione è carina. Ha più o meno la mia altezza, una corporatura atletica super magra con dei vestiti attillati. Le prendo la mano e mi alzo in piedi.

“Sei Grant, vero? In realtà sono stato mandato qui per cercarti.

"Me? Da chi? Per che cosa?"

"Tuo padre, mi ha mandato a darti questo."

Infila la mano nella tasca del maglione e tira fuori una piccola confezione regalo. Sono sorpreso da quello che ha appena detto. Mio padre? Tendo la mano e le prendo tremante la scatola.

“Buon compleanno Grant.”



Se ne va lasciandomi con un sacco di domande. Metto in tasca la piccola scatola rettangolare e mi dirigo a casa di Gloria con la mente che corre.

Busso alla porta di Gloria e lei mi fa entrare, e per ora cerco di non pensare al regalo, voglio godermi il mio compleanno. La notte è molto divertente, guardiamo spettacoli e mangiamo, solo noi due. Mi canta tanti auguri e mangiamo la torta. Mentre mangiamo, fa cadere una scatola sul bancone.

"Aprilo stronzo."

"Aggressivo."

Alzo un sopracciglio, ma faccio come dice. Stacco la carta e tolgo il coperchio dalla scatola.

"Iiiiit, un... rock?"

“Si chiama perdente della pietra dei desideri. A mezzanotte lo stringi e ci metti tutta la tua energia e ti esaudisce un desiderio”

"Capisco, quindi mi hai preso un fermacarte"

Mi dà un pugno sul braccio e ride.

"Sì, credo di averlo fatto, ma è carino, vero?"

Alzo le spalle. È carino. Mentre intasco la piccola pietra, la mia mano sfiora la scatola che ho ricevuto in precedenza. Lo tiro fuori e lo appoggio sul bancone. Gloria lo guarda e parla con la bocca piena di torta.

"Chi te l'ha dato?"

"Una ragazza, ha detto che era di mio padre... non l'ho aperto"

"Perchè no? Forse in realtà è qualcosa del tuo vecchio.»

Le faccio un cenno, immaginando che non possa far male aprire la scatola. Sollevo il coperchio della scatola. All'interno c'è un telecomando argentato dalla forma strana con solo tre pulsanti, pausa / riproduzione, riavvolgimento, avanzamento veloce e piccolo schermo. Sollevo delicatamente il piccolo dispositivo dal suo contenitore per esaminarlo

"Whoa, fa caldo"

"Come se fosse stato usato?"

“Come se fosse vivo”

“Weeeeeird”

Lo rigiro tra le mani e scrollo le spalle. Getto la scatola nel bidone della spazzatura e metto in tasca il telecomando.

"Torniamo allo spettacolo."

Torniamo sul divano e guardiamo alcuni strani anime di Netflix per un po' finché non siamo mezzi addormentati. Gloria si alza dopo qualche ora e si stiracchia.

"Mettilo in pausa perdente, devo fare pipì"

Mentre si allontana, mi aggrappo distrattamente alla mia destra, prendo il telecomando e premo pausa. Gloria si ferma di botto e io alzo un sopracciglio.

"Sei brava Gloria?"

Nessuna risposta.

“Ehi? Cosa c'è che non va?"

Ancora niente. Mi alzo e cammino anche lei.

"Mi stai ignorando?"



Entro davanti a lei. Che diavolo? È come se fosse congelata. Agito la mano davanti al suo viso, scatto. Niente. Guardo nella mia mano e vedo il telecomando argentato. Lo porto su e guardo lo schermo. 'In pausa'. Guardo di nuovo Gloria.

"Stai cercando di farmi uno scherzo..."

Le giro intorno.

"Ok, quindi, se sei davvero congelato, non ti accorgerai se lo faccio!"

Torno indietro e le do il colpo sul culo più duro che riesco a raccogliere. Il suo culo sussulta un po', ma lei non reagisce. Porca merda. È congelata. Torno verso il divano e mi butto giù. Premo play sul telecomando argentato. Gloria urla. E mi guarda. È di un rosso intenso

"Grant cosa diavolo!?"

"Che cosa? Sono molto qui.»

Sembra confusa per un momento, massaggiandosi il culo dove ho schiaffeggiato. Lei annuisce.

"Ok... metti già in pausa lo spettacolo"

Metto in pausa il telecomando della TV e lei se ne va. Guardo il telecomando argentato e lo rigiro tra le mani. Da dove cazzo vieni? Premo di nuovo la pausa e vado in bagno. Le porte si chiudono ma io allungo la mano, prendo la chiave dal telaio della porta e la apro. Gloria è seduta lì sul water, pantaloncini intorno alle caviglie, gomiti appoggiati sulle ginocchia. Sembra che fosse immersa nei suoi pensieri. Non reagisce al mio arrivo. Le agito di nuovo la mano davanti al viso. È davvero congelata. Mi viene un'idea e non riesco a trattenermi.

“Scusa Gloria...”

Allungo una mano e le tiro fuori le tette una alla volta dalla canottiera. Accidenti, è così che sembrano. L'ho sempre immaginato ma sono anche meglio di quanto pensassi. Il mio cazzo sta iniziando a indurirsi mentre mi fisso e mi sbottono i pantaloni. Faccio scorrere il pollice sulle sue labbra morbide e le apro leggermente la bocca, mentre mi accarezzo il cazzo con l'altra mano. Premo la punta sulle sue labbra e le spalmo la preeiaculazione su di esse come lucidalabbra prima di spingere lentamente nella sua bocca calda e in attesa. Gemo profondamente e comincio a scoparle lentamente la faccia. Vado sempre più in profondità finché il mio tumulo rasato non viene premuto contro il suo naso. Le metto una mano dietro la testa e premo il suo viso più vicino a me spingendo il mio cazzo in fondo alla sua gola. Sento una tensione familiare nei miei lombi e le mie gambe iniziano a tremare un po'. Il mio cazzo pulsa come se stesse per scoppiare prima di spararle una corda dopo l'altra in gola. Inciampo all'indietro, il mio cazzo le scivola dalla bocca, ho un po' del mio sperma che gocciola dal suo labbro. Mi tiro su i pantaloni e prendo un pezzo di carta igienica per pulirle il labbro e lo getto nella spazzatura. Esco dal bagno chiudendomi la porta alle spalle. Riprendo la vita quando raggiungo il soggiorno e aspetto il suo ritorno. Quando lo fa dice che ha una strana sensazione alla gola.

"Forse ti stai ammalando?"

"Probabilmente."

Non riesco a concentrarmi per il resto della serata. Per ora mi sento soddisfatto, ma mi chiedo cosa farò con questo potere che ora detengo.

Verso l'una di notte lascio la casa di Gloria e torno a casa. Mentre cammino comincio a sentirmi seguito, quindi mi fermo e mi guardo intorno. Quasi mi aspetto di vedere qualcuno con un coltello o una pistola, ma con mia sorpresa vedo la ragazza misteriosa di prima camminare verso di me.

"Di nuovo tu? Ehi, che diavolo è questa cosa?"

“Vedo che hai avuto il tempo di capire il suo potere. È un telecomando per la manipolazione del tempo, un regalo di tuo padre.»

“Come fai a sapere chi è mio padre? Perché dovrebbe darmi questo? Perché ora?"

“So che devi avere diverse domande, ma non sono io che posso rispondere a tutte. Lavoro per tuo padre. Mi ha mandato prima per regalarti il ​​telecomando, e ora per dirti dov'è. Vorrebbe parlare con te”

"Cosa gli fa pensare che io voglia parlargli?"

"Lui sa. Lo troverai al River Valley Community Hospital, stanza 301. Ti aspetterà.

Lei si volta e se ne va. Premo pausa sul telecomando. Ho bisogno di un momento, quindi mi siedo sul marciapiede. Voglio davvero parlargli? Dopo 20 anni di silenzio sulla sua fine? Non so niente di lui e voglio risposte ma sono nervoso. L'ospedale è a pochi isolati di distanza. Premo play sul telecomando. Fissando i miei piedi, provo a farli muovere. Mi rialzo lentamente e comincio a camminare in direzione dell'ospedale.

Varco le porte e mi avvicino alla scrivania.

"Scusi, sa chi alloggia nella stanza 301?"

"Fammi vedere... Sembra un certo signor Grant Velazquez, ma l'orario di visita è terminato."

"Va bene, volevo solo chiedere"

Torno fuori dalla porta e premo di nuovo la pausa. Torno dentro e salgo le scale fino al terzo piano. Immagino che le macchine complesse e l'elettronica non funzionino mentre il mondo è fermo. Trovo la stanza 302 e premo play. Mentre alzo la mano per bussare, sento una voce.

"Entra figliolo, so che ci sei."

Quando entro vedo un uomo più anziano, più o meno dell'età di mia madre. Mi sorride, ma io non ricambio. Sono solo confuso.

"Ho così tante domande."

"So che lo fai, siediti junior"

Faccio come mi è stato detto.

"Che diavolo sta succedendo? Cos'è questo telecomando? Dove sei stato per tutta la mia fottuta vita? Sono così fottutamente confuso in questo momento. Non so nemmeno da dove cominciare.

“Ti dirò tutto. Lasciate che cominci dall'inizio.

Comincia a raccontarmi che ha conosciuto sua madre al liceo. Si sono innamorati ma nessuno dei due ha voluto ammetterlo. Rimasero amici per diversi anni, nel tempo in cui lei si innamorò di qualcun altro, si sposò, ebbe una figlia. Non è stato così fortunato. Quando ha compiuto 23 anni, è successo qualcosa di strano. Stava frequentando un corso di mitologia norrena per crediti storici al college. Il suo professore aveva tutti i tipi di cianfrusaglie che presumibilmente erano artefatti di quel tempo. Mentre li osservava uno in una teca di vetro lo chiamò. Una piccola pietra che sembrava luccicare. Quando la classe stava sgomberando per l'ultimo giorno del semestre, si avvicinò alla teca, sicuro di essere bloccato dalla calca degli studenti, aprì velocemente la porta e afferrò la pietra, ficcandosela in tasca. Il suo professore se n'era accorto e aveva chiesto di parlargli, ma invece di arrabbiarsi sembrava felice di passare la pietra. Era vecchio e non ne aveva più bisogno. Ha affermato che era un regalo di Loki in persona. Mio padre ha lasciato l'aula e fissando la pietra in mano. Mentre pensava "Cosa fai?" La pietra cambia forma nella sua forma attuale, quella remota. Si rese presto conto che controllava il tempo e iniziarono gli imbrogli. All'inizio si trattava di piccole cose, sollevare magliette, rubare reggiseni e mutandine, ma presto si è trasformato in qualcosa di più. Cominciava a fare sesso con ragazze che trovava particolarmente irresistibili. Dopo un po' mia madre e il suo allora marito tornarono nella città in cui viveva. Si sono messi in contatto e sono stati raggiunti davanti a un caffè in un negozio locale. Era andata avanti, era innamorata di qualcun altro e l'amore per lui era stato dimenticato. Era deluso ma si rese conto che poteva ancora averla. Quando lei salì in macchina, lui salì nella sua e infilò la mano nel vano portaoggetti, tirando fuori il telecomando. Fece una pausa e si diresse verso l'auto di mia madre. Era diventata ancora più bella e sexy dall'ultima volta che si erano incontrati. Ha fatto sesso con lei ma lei era diversa dalle altre ragazze. Con le altre ragazze stava attento a non farle venire dentro, ma con lei non era così. È venuto dentro di lei, più volte, e si è assicurato che rimanesse incinta. Pochi mesi dopo, suo marito torna e lei scopre di essere incinta. Suo marito se ne va e io sono nato.

Mi guarda e aspetta una risposta ma non ho niente da dire. Non è che non gli creda, ho in mano il telecomando. Penso per un momento. Questo spiega perché la mamma ha sempre affermato di non sapere chi fosse mio padre. Lei non ha davvero idea di chi sia, ma adesso sì.

“Perché trasmetterlo adesso? Sei ancora abbastanza giovane"

“Sto morendo Grant, e ho amato tua madre, Yesenia, più di chiunque altro. Penso che anche lei si sia sentita così, dopotutto ti ha dato il mio nome. Ecco perché ottieni il telecomando su tutti gli altri.

"Quindi ho altri fratelli?"

"Probabilmente centinaia, ma solo pochi che contano."

Prende un taccuino dal tavolo accanto a lui e scrive alcune cose.

«Questi sono gli indirizzi dove troverai i tuoi fratelli. Sei uno dei miei due figli. Le altre sono figlie”.

Prendo il foglio e guardo i cinque indirizzi ei nomi scritti accanto. Sono i nomi delle madri e dei miei fratelli. Mi spiega chi sono i fratelli e come ha conosciuto la madre. Si distende nel suo letto.

“Non mi resta molto tempo da junior. È solo che non volevo lasciarti con delle domande.»

Chiude gli occhi e mi fa cenno di uscire dalla porta. Esco e torno a casa per la notte.

Il giorno dopo vado al lavoro, telecomando in tasca. Ricevo un paio di occhiate strane mentre passo attraverso il metal detector quando tiro fuori il telecomando, ma nessuno dice niente. Quel giorno la mia produttività e qualità sono alle stelle. Faccio di più in un'ora che le nostre persone più veloci farebbero in due. Tutti mi danno una pacca sulla spalla e scherzosamente chiedono il mio aiuto, chiedendomi cosa sto facendo. Rido e stringo leggermente il telecomando in tasca, ma non tutti sono contenti di vedermi fare bene.

Più tardi la mia coordinatrice, una donna bruna più alta con la pelle pallida di nome Riley, si avvicina a me, guardandomi attraverso gli occhiali. Comincia a interrogarmi su come sto andando così bene. È una tale stronza, tutti la odiano. Le do risposte intelligenti. Non dovrei risponderle, ma non posso farci niente. È chiaramente incazzata perché sto diventando positiva e sta cercando di abbattermi nel suo modo passivo aggressivo.

“Vedo che hai allagato il nastro trasportatore tutto il giorno. Non stai cercando di lasciare spazio ai tuoi partner per scegliere?

“Vedo che stai ancora dando cazzate alla gente senza motivo. Hanno un sacco di spazio, me ne assicuro.

Il suo viso diventa un po 'leggero, arrabbiato per la mia risposta. Sfoga su come devo lasciare più spazio per dieci minuti prima di andarmene. Da davanti non è molto, tette coppa B, maglietta scollata. La odio ma ha il culo più bello. Indossava leggings oggi e il suo culo si increspa a ciascuno dei suoi passi pesanti e arrabbiati mentre se ne va. Il mio cazzo inizia a crescere e non posso resistere.

“Ehi, Riley? Puoi spuntare quella casella lì? L'etichetta potrebbe essere sbagliata.

Si gira e mi fissa, ma poi ferma il nastro trasportatore e si china sulla scatola per guardare l'etichetta. Perfetto. Metto in pausa il telecomando, mi avvicino a lei e le schiaffeggio il sedere sinistro con tutte le mie forze, un paio di volte. Infilo le dita nella cintura dei suoi leggings e li tiro giù fino alle caviglie e le do qualche altro schiaffo sul culo dallo stesso lato. Poi allargo il suo culo perfetto e guardo bene la sua figa e il suo buco del culo. Non posso resistere a scivolare tra le sue gambe e leccarle la figa per un po'. La mia lingua scivola su e giù per la sua fessura e circonda il suo clitoride prima di succhiarlo per un po'. Ha un sapore dannatamente buono e mi sta solo rendendo il cazzo più duro. Infilo un po' il suo buco e ci infilo dentro le dita. Comincio a notare che il suo corpo sta reagendo alla stimolazione anche se i tempi sono congelati. La sua figa si sta inzuppando e sono pronto a sfruttare appieno la posizione in cui l'ho messa. Mi alzo e mi metto dietro di lei, afferrandole l'anca con una mano e allineando il mio cazzo fino al suo buco gocciolante con l'altra . La sbatto contro più forte che posso, non sto cercando di essere gentile. Pompa il mio cazzo dentro di lei più forte che posso. Le afferro una mano per i capelli e le tiro indietro la testa mentre la spingo dentro e fuori, emettendo forti schiaffi. Ricomincio a schioccarle il culo mentre spingo il suo corpo ancora di più nella scatola mentre la scopo. Sento il mio sperma che inizia a crescere e prendo più velocità. Le verrò dentro. Sento che le mie ginocchia iniziano a piegarsi un po' mentre rilascio un enorme carico nella sua figa in attesa. Gemo ad ogni onda che passa mentre scarico corda dopo corda dentro di lei. Quando tiro fuori il mio sperma inizia a gocciolare lungo la sua coscia. Il mio cazzo è ancora duro e le allargo di nuovo il culo. Le sputo sul buco del culo e ci allineo il cazzo e spingo forte il mio cazzo nel suo culo stretto, fino alla base. Voglio che questo faccia male, le afferro i fianchi con entrambe le mani e comincio a sbatterle nel buco del culo, ancora e ancora. Le schiaffeggio il culo enorme finché non diventa di un rosso intenso. Sento che mi sto preparando a venire di nuovo, quindi le do un'ultima bella spinta dura e le vengo in profondità nel buco del culo. Il mio cazzo inizia ad ammorbidirsi e lo tiro fuori con un leggero tonfo. Reclamo le sue mutandine come trofeo, poi le tiro su i leggings. Riesco a vedere punti bagnati dove il mio sperma fuoriesce da lei, ridacchio e mi raddrizzo. Mi assicuro di essere tornato dove mi trovavo prima e premo il pulsante di riproduzione. Riley inizia a parlare.

"È corr- OH FUUUUUUCK!"

Le sue gambe si piegano e iniziano a tremare, ha il braccio sulla scatola per sostenerla. Il suo respiro è irregolare mentre si riprende dall'orgasmo "casuale" che ha appena avuto. Il viso arrossisce e tutti la fissano. È visibilmente confusa, mentre si guarda intorno.

“Cosa state fissando tutti!? Torna al lavoro!

Cerca di ricomporsi un po' prima di scappare sulle sue gambe ancora tremanti. Sorrido e torno al lavoro. Mi divertirò ad avere il potere di scopare chi voglio.

Storie simili

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

351 I più visti

Likes 0

Incontrare di nuovo Taylor al Park

Erano passati diversi mesi da quando io e Taylor ci eravamo messi insieme e, col passare del tempo, ho finito per vedere la mia vecchia ragazza. Stavo cercando di lasciarmi l'esperienza alle spalle, ma ogni volta che facevo sesso, sembrava che finissi sempre per pensare a Taylor. Ero ossessionato da lei, al punto che passavo davanti a casa sua, sperando disperatamente di incontrarla. Avevo iniziato a rendermi conto che non l'avrei mai più rivista, ma continuavo a portare il mio cane a fare passeggiate intorno al lago tutti i giorni, a volte anche due volte. Ancora una volta, non mi sarei...

329 I più visti

Likes 0

Wartime Comfort House Diario - Giorno 7 British Sausage

Avevo incaricato la signorina Yamaha di portare la giovane madre coreana Maple a nutrire la mia debole moglie del posto ogni volta che andavo a consumare con Cherry, oltre alle sue normali poppate quotidiane. Sapevo che il nutrimento extra avrebbe aiutato Cherry a diventare più forte. Sono stato anche incuriosito dall'orgasmo di mia moglie dopo che ho sparso i miei semi e mi sono ammorbidito, quindi ho deciso di lasciare la mia virilità nel suo grembo ogni volta che raggiungevo l'orgasmo. Mi eccitavo baciando appassionatamente mia moglie mentre accarezzavo i suoi seni sodi in crescita (quasi coppa B ora) e i...

1.1K I più visti

Likes 0

La storia di Ann parte 2

La storia di Ann parte 2 Ann non era affatto a disagio nel retro di questo veicolo e con gli orgasmi appena avvenuti, insieme a chiunque la stesse succhiando, questo la portò di nuovo a un climax tremante. Le piaceva quando suo marito si contorceva e giocava con i suoi capezzoli, ma quello che amava ancora di più era quando giocava con loro e le succhiava la figa, specialmente il clitoride. Gli uomini che l'avevano presa apparentemente erano molto bravi a dare piacere alle donne. Era sdraiata lì incapace di muoversi ed era così consumata da tre orgasmi piacevoli, quasi di...

944 I più visti

Likes 0

Catherine- prima parte._(1)

Lentamente, Catherine si sveglia dal letto sentendo l'aria fredda della California inondare la sua stanza. Si alza dal letto solo per sentire le piastrelle fredde sul pavimento. Allontanandosi dal letto, si prepara per la scuola. Entrando in bagno, ricordò la scorsa notte quando si era toccata per la prima volta. È stata un'esperienza strana, aveva sentito parlare e voci sulla masturbazione ma non l'aveva mai fatta da sola, anzi, a se stessa. Guardandosi allo specchio Catherine vide una ragazza con i capelli castani e gli occhi castani, un seno un po' sviluppato che sembra un po' insolito per una diciottenne. Si...

880 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

814 I più visti

Likes 0

Angeli e Demoni:1

C'è una battaglia per il cuore in me, una battaglia per la mia anima, vedi. Perché io sono l'ultimo istinto. Prima ancora che io fossi creato, loro erano la mia gente. Eravamo esseri antichi che si sono fatti strada con gli artigli per uscire dall'abisso che veniva prima di ogni cosa. Eravamo l'incarnazione del puro istinto primordiale e presto l'istinto di approvazione ha preso il sopravvento e abbiamo iniziato a creare cose. Il più grande tra noi ha creato quindici rocce di straordinaria bellezza e per un certo periodo la mia gente ha vissuto su di esse. Dopo un millennio, però...

693 I più visti

Likes 0

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

Stazione Anton.

Mi dispiace per le persone che si prendono una pausa da Link perché sono TOTALMENTE perplesso e ho pensato a una nuova idea per una storia, Kai, con i suoi lunghi capelli castani e ricci con l'aiuto della brezza, le sferzava la nuca. Le sue lunghe ciglia, che quasi nascondevano i suoi occhi celesti, le tenevano lontano lo sporco dagli occhi. Mentre il cavallo si impennava davanti a lei, Kai alzò le braccia davanti a lei e si inchinò dolcemente al cavallo. I suoi movimenti rapidi erano taglienti e Kai non sapeva se poteva domare il cavallo o no. Dopo circa...

601 I più visti

Likes 0

Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

Diana non era sicura se si vedesse, ma si sentiva come se stesse ansimando come un cane mentre si muoveva verso la figlia nuda mentre la ragazza si adagiava in modo così provocatorio sul letto. E dagli sguardi che l'adolescente le lanciava con i suoi occhi sensuali e abbassati, Diana era abbastanza sicura che la ragazza ne fosse entusiasta quanto lei. Diana si sedette sul lato del letto. Il suo piano originale era stato quello di sedurre la ragazza nello stesso modo in cui aveva fatto con Jimmy, iniziando chiedendole quanto spesso Holly si fosse fregata con una preoccupazione genitoriale fraudolenta...

552 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.