Dodici giorni schiavo 3 di 13

120Report
Dodici giorni schiavo 3 di 13

Questa è la storia della condanna di una giovane donna come terrorista e di cosa le accade quando viene condannata alla schiavitù penale. La schiavitù penale non è impossibile. Il tredicesimo e il quattordicesimo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti d'America NON proibiscono la schiavitù. Limitano solo la schiavitù alla punizione per i crimini. In altre parole, la Costituzione consente la schiavitù penale.

Dopo che la donna è stata condannata, un "negoziatore di sentenze" ottiene la riduzione della pena a un giorno pubblico di pentimento seguito da undici giorni di punizione pubblica. In seguito dovrà scontare un anno di lavori forzati.

Questa storia tratta di punizione non consensuale, dolore e schiavitù involontaria. Se tali argomenti ti offendono o ti turbano, ti consiglierei di saltare questo particolare libro.

Ci sono tredici capitoli in questa storia. I capitoli possono essere letti da soli, ma la storia si comprende molto meglio se si leggono le parti precedenti. La storia completa è tutta la lunghezza del libro. Ho discusso di pubblicarlo con alcuni dei miei altri libri su Fiction4all, ma ho deciso che avrei preferito serializzarlo e pubblicarlo qui.

Una descrizione dei tredici capitoli segue la fine di ogni capitolo. Questo capitolo è il primo degli 11 giorni di punizione pubblica di Missy. In questo primo giorno di punizione, il Maestro Hiroya Takahashi mostra ragazze pony adeguatamente addestrate e istruisce Missy sul modo corretto per ricevere una sculacciata di punizione. Il focus di questo capitolo sono le pony girls e la sculacciata pubblica.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in uno stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti rappresentati in queste storie, interrompi immediatamente la lettura e muoviti da qualche parte che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se l'articolo include il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2015 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. La produzione di copie multiple di questa storia su carta, disco o altro formato fisso è espressamente vietata.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
* * * * * * * * * * * *

Capitolo terzo - Il primo giorno di punizione.

Missy ha dormito sorprendentemente bene la sua prima notte da schiava. Forse era perché nei suoi sogni era libera. Indossava il bellissimo vestito, le scarpe e la lingerie che aveva indossato quella mattina, ma era a una sontuosa festa in una bellissima villa. Poi l'orologio suonò la mezzanotte e tutto scomparve. All'improvviso fu condotta fuori dalla festa nuda e in catene.

“Non è giusto! Non è giusto! Non è giusto! iniziò a urlare. Si svegliò con le sue stesse urla. Una guardia era in piedi fuori dalla sua cella.

"Tienilo basso", ha detto. «Sveglierai gli altri prigionieri.»

La signorina schiava guardò l'orologio che era appena visibile nel corridoio. Erano le 6:00. Il suo primo giorno di punizione sarebbe presto iniziato.

Verso le 6:30 la guardia si presentò con la sua colazione. Era una specie di waffle e quello che sembrava un bacon molto denso. Non c'erano posate. Evidentemente i waffle della prigione erano stuzzichini. C'era anche una bottiglia di plastica di una specie di succo. Vicki lo assaggiò e non era sicura di cosa fosse esattamente, ma era freddo e dolce, quindi lo finì con la sua colazione.

Le era stato fornito uno spazzolino da denti, quindi si lavò i denti dopo colazione. In piedi davanti al lavandino guardò il suo corpo nudo e glabro. "Sicuramente fa risparmiare tempo a prepararsi la mattina", disse ad alta voce. “Come pettinerò i miei capelli oggi... oh, non ne ho. Cosa indosserò oggi... oh, ci sono più di 58 gradi quindi rimarrò semplicemente nudo.

Continuò a guardarsi allo specchio. Per un momento le lacrime le sgorgarono dagli occhi mentre leggeva e rileggeva il marchio sopra il seno sinistro che diceva "schiava signorina". Alla fine le venne in mente che la mancanza di lettere maiuscole non era un incidente. Gli schiavi non avevano davvero nomi. Avevano designazioni di proprietà. Quella realizzazione ha portato lacrime più silenziose mentre strofinava leggermente il marchio che era stato bruciato in modo permanente nella sua carne.

Alla fine fece un profondo sospiro e parlò al suo riflesso nello specchio: “Beh, schiava signorina”, disse, “hai superato il primo giorno. Mancano solo undici giorni.» Abbassò lo sguardo sul pavimento e poi tornò su se stessa prima di aggiungere tremante: "E poi almeno un anno di schiavitù".

La guardia interruppe a quel punto la sua conversazione con se stessa. "È ora di tornare nella tua gabbia", disse ad alta voce.

Mentre Missy lo faceva, aggiunse: "Indietro contro le sbarre lontano dalla porta".

Entrò nella gabbia e si premette contro le sbarre. La guardia è quindi entrata nella cella e ha immediatamente chiuso il grosso lucchetto sulla gabbia. Dopodiché, fece il giro della gabbia e le mise il collare di metallo pesante intorno alla gola.

"Affrontami e metti le mani vicino alle sbarre", ordinò.

Missy fece come le era stato ordinato e la guardia le attaccò le manette ai polsi.

"Tieni la gamba vicino alle sbarre", era il comando successivo, seguito da "Altra gamba".

Missy era ora di nuovo nelle catene che aveva indossato il giorno prima.

Quando la guardia è uscita dalla cella, ha lasciato la porta aperta. Tornò un attimo dopo con il transpallet e la fece rotolare sulla banchina di carico. Al posto del cassone, oggi c'era un piccolo rimorchio quadrato, basso. E al posto dei cavalli c'era un ATV a quattro ruote.

"Dovremo usare il verricello per metterla in posizione oggi", ha detto l'autista dell'ATV. "Dopodiché, possono farla salire e scendere dal rimorchio con il transpallet, se lo desiderano."

L'autista, uno degli ufficiali giudiziari, ha quindi attaccato il cavo alla parte superiore della gabbia. Quando è stato abbassato sul rimorchio, Missy ha potuto vedere che si adattava perfettamente a un grande telaio metallico quadrato. Una volta sistemata, l'ufficiale giudiziario e la guardia hanno alzato quattro chiavistelli e li hanno serrati, tenendo saldamente in posizione la gabbia. L'ufficiale giudiziario ha quindi guidato l'ATV lungo la rampa che portava dal molo al vicolo.

Quando raggiunse la strada, una normale macchina della polizia li stava aspettando. Accese le luci e si infilò nel traffico. Un SUV nero si è messo in fila dietro di loro. Poi hanno guidato lentamente attraverso la città e verso la zona fieristica locale dove avrebbe avuto luogo la sua punizione.

Quando sono arrivati, c'era già una grande folla riunita sulla superstrada, che fungeva anche da palcoscenico del programma quando band o altri spettacoli erano in città. Missy ha potuto vedere che il palco era allestito un po' più in là rispetto al normale. Poteva anche vedere che le tribune erano piene e che sul binario erano state sistemate altre sedie. Anche quelli erano fitti.

L'autista rallentò a passo d'uomo mentre passava davanti alla folla. La gente era in piedi per farle una foto, e di nuovo i bambini sollevavano le bambole. Missy non era sicura del perché l'avessero fatto. Forse era solo per mostrarglieli, o forse la stavano confrontando con le loro bambole per vedere quanto fossero accurate. In entrambi i casi, sentiva che era un po' inquietante.

Una grande rampa era stata costruita sul lato del palco e dopo che l'ufficiale giudiziario aveva percorso l'intera lunghezza della folla, ha fatto una brusca svolta ed è salito sul palco. Un cavo è stato calato dall'alto e la gabbia è stata sollevata dal rimorchio. Si aspettava che fosse posato sul palco una volta che il trailer avesse lasciato il palco, ma invece la gabbia è stata sollevata ulteriormente in modo che fosse sospesa a circa dodici piedi sopra il palco.

Una volta che la sua gabbia era a posto e aveva smesso di girare, William Wilson è salito sul palco. Era vestito con uno smoking. I suoi capelli erano stati tinti, o almeno ritoccati, ed erano perfettamente tagliati e acconciati. Aveva in mano un microfono.

“Signore e signori”, iniziò, “oggi è il secondo dei dodici giorni per il pentimento e la punizione di Vicki LeClaire ed è sponsorizzato dalla Hiroya Takahashi Slave Training School. Che sia per produzione o piacere, il Maestro Takahashi addestrerà il tuo schiavo a soddisfare perfettamente ogni tuo comando.

Indicò il lato del palco dove si trovava un anziano signore giapponese. "Il Maestro Takahashi ci darà ora una piccola dimostrazione di alcuni degli allenamenti che possono essere svolti nella sua scuola."

Hiroya indossava una spessa tunica di lino che sembrava fluire con lui mentre arrivava al centro del palco. Fece qualche passo indietro e batté forte le mani. Quattro uomini e tre donne sono saliti di corsa sul palco e hanno formato una fila. Era ovvio che fossero schiavi perché, a parte le scarpe, erano nudi. I loro marchi erano facilmente visibili. Missy notò che tutte portavano il nome "sgualdrina" seguito da tre numeri. Fece scorrere la mano sul proprio marchio di schiava e disse a bassa voce a se stessa: "Grazie, signor Wilson".

Il Maestro Takahashi ha battuto ancora una volta le mani e altri due schiavi sono saliti sul palco tirando piccoli carretti carichi di vari pezzi di metallo. Un terzo schiavo corse dove si trovava il Padrone e rimase lì con in mano un grande cronometro elettronico.

Hiroya batté le mani ei sette schiavi lavoratori iniziarono furiosamente ad assemblare quello che si rivelò essere una serie di scaffalature come se fossero usate in un magazzino. In pochi istanti tutti si tirarono indietro e il Maestro ancora una volta batté le mani.

William tornò al centro del palco e annunciò: “È stato assemblato in soli due minuti e ventitré secondi. I tuoi schiavi lavorano così velocemente? In caso contrario, perché non dai un'occhiata alla Hiroya Takahashi Slave Training School?

Il Padrone batté rapidamente le mani due volte e gli schiavi cominciarono a smontare gli scaffali. Semmai sono stati più veloci di quanto non fossero stati durante il montaggio. Mentre stavano lavorando, William continuò: “Non tutti gli schiavi sono schiavi della produzione. Alcuni sono schiavi sportivi, e quale sport migliore per i proprietari di schiavi delle corse di pony?

Si è avvicinato al lato del palco e ha annunciato "Il Maestro Takahashi ora mostrerà schiavi pony adeguatamente addestrati".

Il Padrone batté le mani e gli schiavi sul palco corsero via portando con sé i pezzi degli scaffali. Sono stati sostituiti sul palco da sei ragazze pony. A differenza delle precedenti schiave, queste ragazze non erano completamente nude. Indossavano elaborati copricapi con cappuccio costituiti da alte cime piumate, paraocchi e un collare posturale attaccato. Ognuna aveva un morso ben legato in bocca e una lunga coda attaccata a un plug anale che le era stato inserito nel culo. Un corsetto stretto completava l'outfit. Sollevava i loro seni in modo che i campanelli che pendevano da catene fissate ai loro capezzoli non tirassero giù i seni.

Hiroya adesso aveva in mano una piccola frusta. Lo fece scattare una volta e le sei ragazze si spostarono sul bordo anteriore del palco. Quasi al rallentatore, si posizionarono con un passo alto mentre si tenevano le mani davanti a sé come un cane che cammina sulle zampe posteriori. Era ormai ovvio che le loro mani erano racchiuse in guanti da zoccolo. I ferri di cavallo all'estremità dei guanti lampeggiarono leggermente mentre riflettevano le luci del palco.

Hiroya fece schioccare di nuovo la frusta e le ragazze formarono un piccolo cerchio. Ora si stavano muovendo più rapidamente mentre alzavano le ginocchia più in alto che potevano ad ogni passo. Un altro schiocco di frusta e stavano quasi correndo. I loro corpi cominciavano a brillare per lo sforzo. Un altro schiocco di frusta e si stavano muovendo ancora più velocemente. Uno o due di loro stavano cominciando ad armeggiare leggermente mentre danzavano rapidamente attorno al loro cerchio, ma nessuno rallentò il loro ritmo frenetico.

Tre rapidi schiocchi di frusta e le pony girls improvvisamente si immobilizzarono a metà passo. Hanno lentamente abbassato le gambe a terra e poi, tenendosi al passo l'uno con l'altro, hanno aperto il cerchio e sono tornati in alto verso la loro fila davanti al palco. Uno schiocco di frusta e sono scesi dal palco giù per la rampa.

William si fece di nuovo avanti. "Se il tuo interesse non è il dressage ma le corse reali, il Maestro Takahashi è ancora l'allenatore che fa per te."

C'è stato un forte "Hee-a-yup" e tre carretti di ragazze pony hanno rombato da dietro il palco per passare in fila indiana davanti alla folla. Superati i sedili, si aprirono a ventaglio quasi di fianco e iniziarono a correre lungo la pista. Le pony girls erano vestite in modo simile a quelle che avevano eseguito il dressage sul palco, ma erano ovviamente molto più muscolose. Ognuno dei conducenti aveva una frusta sottile che usavano per spingere i loro pony a correre più veloci. Questa era solo una dimostrazione, ma probabilmente c'erano ancora gravi conseguenze per la pony girl che è arrivata ultima in questa corsa a un giro.

I tre carri sfrecciarono intorno all'ultima curva e nel rettilineo finale. Poco prima della zona dei posti a sedere, hanno improvvisamente rallentato e si sono di nuovo messi in fila indiana per passare davanti al pubblico. La terza ragazza pony sembrava molto spaventata.

I tre carri passarono davanti e poi curvarono verso il punto in cui erano venuti da dietro il palco. Pochi istanti dopo una delle pony girls è salita sul palco. Dal colore del suo copricapo, era ovvio che era la ragazza pony al terzo posto.

Si avvicinò al Maestro Hiroya e gli porse qualcosa. Poi, voltando le spalle al pubblico, si è chinata e ha messo le mani sul palco. La spina che le teneva la coda era chiaramente visibile.

Il Maestro Takahashi fece un leggero passo avanti. Alzò la mano per mostrare al pubblico cosa gli aveva dato la pony girl. Era un quirt, una lunga asta con tre sottili strisce di cuoio intrecciate e attaccate all'estremità.

Le disegnò il ciuffo sul sedere nudo e la sua coda tremò mentre le natiche si contraevano e si aprivano. Poi improvvisamente tirando indietro la mano, fece schioccare il polso e fece scendere bruscamente la goccia sulle sue natiche.

La ragazza pony guaì, ma per il resto rimase in silenzio. Il quirt lampeggiò di nuovo e la ragazza guaì ancora una volta. Non sembrava esserci alcun movimento nel braccio o nella mano di Hiroya, ma il quirt si muoveva a grande velocità e il suono del cuoio che colpiva la carne poteva essere sentito in tutta l'arena.

Al quinto colpo, la ragazza gridò. Il settimo ha iniziato a implorare pietà. Alla decima era al di là delle parole e si limitava a urlare e grugnire a ogni nuovo colpo di frusta.

Molti tra la folla contavano a bassa voce mentre il maestro frustava la ragazza pony perdente, ma molte voci che parlano a bassa voce si sommano. Si poteva sentire chiaramente il conteggio... "ventidue, ventitré, ventiquattro, venticinque".

Il maestro si fermò a venticinque. La schiava pony è rimasta con le mani sul pavimento del palcoscenico. Il suo pianto e il dolore alle natiche le scuotevano il corpo. Hiroya allungò una mano e le toccò la schiena con il piumino. Si alzò immediatamente e lo affrontò.

Lui tese la penna e lei la baciò. Poi l'ha presa tra i denti e, usando il giusto passo alto, è uscita dal palco.

Mentre se ne andava, William si fece di nuovo avanti. Portava una robusta sedia di legno senza braccioli che collocò al centro del palco.

"E ora il momento che tutti stavate aspettando", disse con uno svolazzo. "Il Maestro Takahashi dimostrerà a te - e alla schiava missy - il modo corretto di dare una sculacciata alla mano."

Si fermò per guardare la folla. "Ricorda", ha detto, "ogni punizione si basa sul numero 46, che rappresenta le 46 aziende i cui sistemi informatici sono stati bloccati dall'attacco informatico". Si strinse nelle spalle e poi aggiunse: "Certo, se la signorina schiava non si mantiene nella posizione corretta, potrebbe finire con molto più di 46 schiaffi nel culo".

Ha dato un segnale con la mano e la gabbia è scesa lentamente sul palco. William aprì il lucchetto e fece cenno alla schiava signorina di uscire. L'ha fatto.

"Richiamo la tua attenzione sulle guardie che circondano il palco", disse ad alta voce mentre gesticolava con il braccio verso la dozzina di guardie in uniforme che erano apparse sul palco. "Otto di queste guardie hanno pistole tranquillanti", ha spiegato. Poi, parlando molto solennemente, aggiunse: "Quattro di loro sono armati con munizioni standard".

Rivolgendosi a missy disse: “Penso che la loro presenza ti aiuterà a rispondere a questa domanda. Prometti che se ti tolgo catene e ceppi non tenterai di scappare? Fece una pausa e disse drammaticamente: "Tieni presente che nel momento in cui tenti di lasciare il palco, otto pistole tranquillanti ti spareranno". La sua voce scese di volume, ma mantenne la sua drammaticità. "E non appena i tuoi piedi toccano il binario, le altre quattro guardie ti abbatteranno."

Sollevò la chiave delle catene. "Allora", disse, "prometti di non tentare di scappare?"

Missy sapeva che questa domanda sarebbe stata posta. Non le era stato detto della teatralità che l'avrebbe accompagnata. Era stata persino interrogata in precedenza per essere sicura di ricordare la forma corretta per la sua risposta.

La sua voce era leggermente tremante mentre rispondeva. “Prometto che non cercherò di scappare. Accetto di meritare questa punizione e mi sottometto al Maestro Takahashi affinché possa adeguatamente punirmi.

La folla ruggì la sua approvazione. Mentre applaudivano, applaudivano e fischiettavano, William si avvicinò a Missy in modo che potesse iniziare ad aprire le serrature. Le disse anche a bassa voce: “È tutto spettacolo. Tutti ora pensano che tu sia un terrorista molto pericoloso. Siamo già quasi esauriti per domani. La gente in città può sentire quegli applausi. I biglietti rimanenti andranno esauriti prima che finiamo lo spettacolo di oggi.

William poi la condusse dove era seduto il Maestro Hiroya. Aveva un forte accento orientale, Missy pensava fosse giapponese. Accarezzandogli il grembo disse: “Sdraiati sul mio grembo, schiavo. E poi sostieniti sulle dita dei piedi e sulla punta delle dita.

Missy gli giaceva esitante in grembo. Mentre si sistemava, lui la schiaffeggiò con decisione e disse: "Dita dei piedi e polpastrelli!"

Missy si sollevò sulle mani e sui piedi. Il Maestro Hiroya la schiaffeggiò di nuovo. Questa volta fu molto più difficile e il suono della sua mano che le colpiva il sedere riecheggiò nell'arena.

"Non capisci l'inglese?!" disse con rabbia. "Ho detto dita dei piedi e polpastrelli, non mani e piedi."

Missy alzò lo sguardo e lui. La sua confusione doveva essere evidente sul suo viso perché lui le tendeva la mano con le dita formate come se stesse tenendo una grossa palla. "Punta delle dita!" disse con fermezza. "E le dita dei piedi!"

Formò le mani nella forma che lui le aveva mostrato e sollevò i palmi dal pavimento. Ha anche fatto oscillare i piedi in avanti in modo che tutto ciò che toccava fossero le dita dei piedi.

"Sostieniti", ordinò. Missy impiegò un momento per capire cosa volesse, ma poi strinse i muscoli e sollevò leggermente il corpo dal suo grembo.

"Conterai tutte le 46 sculacciate", ha detto. La sua voce divenne molto più ferma quando aggiunse: “Se perdi il conto, ricomincio da capo. Se il tuo corpo non torna in questa posizione prima della sculacciata successiva, quella non conta. Capisci?"

"Sì," rispose lei e poi guaì immediatamente mentre lui ancora una volta le schiaffeggiava con forza il sedere.

"Sì cosa?" abbaiò.

"Sì, maestro", rispose. "Capisco."

"Allora cominciamo", disse con un sorriso.

Missy poteva sentire il suo corpo tremare mentre attendeva la prima delle sue sculacciate di punizione. Il Maestro Hiroya non sembrava avere alcuna fretta di iniziare, tuttavia, e passarono diversi secondi prima che improvvisamente le colpisse la guancia destra del sedere appena sopra il punto in cui si fondeva con la sua coscia.

"Uno!" gridò.

Colpì subito di nuovo.

"Due!" gridò.

"No", ha risposto. «Non sei tornato in posizione in tempo. Quello non conta.

Fece una pausa e poi disse semplicemente: "Posizione!"

Missy sollevò il suo corpo dal suo grembo. Non appena il suo peso fu sollevato dalle sue gambe, la sua mano si abbatté sul suo culo sinistro. Questa volta era vicino alla cima, quasi alle sue spalle.

"Due!" gridò.

Hiroya Takahashi non è stato chiamato "Maestro" senza motivo. Era uno sculacciatore molto abile, un virtuoso del dolore. Non c'erano due schiaffi nello stesso punto, e presto non c'era posto sul suo culo che non fosse rosso e gonfio. Dopo una dozzina di schiaffi, Missy piangeva in modo incontrollabile.

"Tw... tw... dodici", disse tra i singhiozzi.

“Controllati,” ordinò con la sua voce roca. "Ricorda, se perdi il conto, ricominciamo dall'inizio."

Poi ha colpito ancora. Questa volta la sua mano atterrò su entrambe le guance del suo sedere.

"Tredici", gridò, ma il suo corpo non voleva tornare nella posizione corretta sopra il grembo del Maestro.

Fece una pausa, osservando la sua lotta. “Avrò pietà di te perché non sei ancora uno schiavo addestrato”, disse. "Ti aiuterò a mantenere la posizione."

Fece scivolare la mano sinistra sotto i suoi fianchi e si sollevò. "Posizione!" ordinò, e lei tese i muscoli per sollevarsi dal suo grembo. Senza il suo aiuto, non ce l'avrebbe fatta, ma con lui che l'ha aiutata a sollevarla, è tornata nella posizione desiderata.

Il colpo successivo, tuttavia, le disse che l'aiuto del Maestro Hiroya era una benedizione mista. La sua mano la teneva in posizione, ma significava anche che il suo corpo non poteva muoversi con lo schiaffo. Un aumento del livello di dolore le attraversò il culo e lei urlò: "Quattordici!"

Dato che era tenuta in posizione, i colpi iniziarono ad arrivare sempre più veloci.

"Quindici!"

"Sedici!"

"Diciassette!"

"Diciotto!"

"Diciannove!"

"Venti!"

A vent'anni, il Maestro Hiroya si fermò per diversi istanti. Spostò leggermente la mano sotto Missy e lei sussultò quando le sue dita le toccarono la fessura. "Bagnato", disse piano. "Forse dovremmo iniziare ad addestrarti in un modo diverso."

Quindi posizionò con cura la mano in modo che il bordo del palmo fosse direttamente sopra la sua clitoride, mentre le sue dita si muovevano sulle labbra della sua figa. Missy era distratta dai movimenti delle sue mani e fu colta totalmente di sorpresa dallo swat ventuno.

"Aiiieeee", urlò, e poi aggiunse rapidamente, "Ventuno!"

I colpi del Maestro ora presero un ritmo. Ogni colpo era a distanza di otto-dieci secondi. E dopo ogni colpo, Missy urlava il numero.

Da qualche parte intorno allo swat trentacinque, tuttavia, Missy ha notato che qualcosa stava cambiando. Il Maestro Hiroya la stava ancora schiaffeggiando con la stessa forza e allo stesso ritmo, ma ora lei sentiva più sensazioni dalla sua mano sinistra che dalla sua destra.

Gli schiaffi fanno ancora male. Ha ancora urlato ogni numero. Ma ogni colpo la spingeva anche fermamente sulla mano che la sosteneva. E quella mano era posizionata in modo che la maggior parte di quella forza fosse centrata sul suo clitoride.

"Mi sto eccitando!" pensò improvvisamente tra sé. "Mi sto eccitando con una sculacciata!"

Nel profondo della sua mente, poteva sentire il consiglio di William di non pensare a quello che stava accadendo, ma invece di pensare alle sue fantasie. Farle diventare viola il culo non era proprio una delle sue fantasie, ma molte delle sue fantasie riguardavano l'essere dominata da un Padrone o da una Padrona.

Nella sua mente, si stava guardando sul palco. Poteva vedere le gambe che si agitavano e il sedere arrossato. Poteva sentire le sue urla di dolore e la sua lotta per tenere il passo con ogni numero.

La vista di se stessa faceva ora parte delle sue fantasie. Il dolore non è diminuito, ma il piacere ha cominciato a crescere fino a quando non ha iniziato a superare il dolore. Poteva sentirsi salire verso l'orgasmo. Era quasi arrivata quando si sentì gridare: «Quarantasei», e tutto si fermò.

Il Maestro Hiroya tirò fuori la mano da sotto di lei e il suo corpo cadde immediatamente sul suo grembo dove giaceva contorcendosi e piangendo. Le persone tra il pubblico applaudirono e applaudirono, pensando che si stesse contorcendo per il dolore, ma non era il dolore a sopraffarla. Era necessario.

"Nooooo!" lei pianse. “Sono così vicino. Per favore, finiscimi! Per favore, per favore, per favore."

Hiroya le accarezzò leggermente il sedere rosso e gonfio e disse piano: "Un giorno diventerai una schiava eccellente". Poi rise piano e disse: “Farei quello che desideri, ma oggi è un giorno di punizione. Quindi, ti lascerò nel tuo bisogno.

Missy sentì a malapena le mani di William che afferrarono le sue e la tirarono in piedi. La riportò alla gabbia e lei entrò. Quando ha sollevato i ceppi e le catene, lei conosceva la routine e ha premuto la schiena contro le sbarre. Una volta sistemato il collare, avvicinò i polsi alle sbarre in modo che le manette potessero essere attaccate, e infine sollevò i piedi in modo che le catene potessero essere messe a posto.

Quando la gabbia si alzò di nuovo in aria, si appoggiò contro le sbarre e pianse. Teneva le mani rigidamente lungo i fianchi, non in segno di sottomissione, ma piuttosto perché sapeva che se avesse permesso alle sue mani di vagare sul davanti, non sarebbe stata in grado di trattenersi dal massaggiarsi fino all'orgasmo.

La gabbia girava lentamente sulla sua catena e la folla, che stava lentamente sfilando fuori dall'arena, aveva una chiara visione del suo sedere ben sculacciato così come della sua figa luccicante. La signorina schiava sperava che nessuno vedesse l'umidità delle sue cosce, ma diversi sussulti, dita puntate e risate fragorose le dicevano che tutti se ne erano accorti.

Quando non era rimasto nessuno tranne gli ufficiali giudiziari e la troupe stradale, il rimorchio speciale è stato tirato su sul palco e la sua gabbia è stata nuovamente abbassata e fissata in posizione. Missy si guardò intorno per vedere dove fossero le auto della polizia che l'avrebbero scortata di nuovo in prigione, ma invece William stesso salì sull'ATV e lo portò fuori dal palco.

Continuò attraverso il campo interno della pista fino a un ingresso sul retro che si affacciava sul piccolo campeggio utilizzato durante la fiera. Missy sapeva dove stava andando, o almeno aveva una buona idea. C'era un grosso autobus con dietro un grande rimorchio parcheggiato in fondo all'area del campo.

Era abbastanza sicura che fosse lì che stavano andando perché esposta lungo il lato dell'autobus c'era un'immagine a grandezza naturale di lei che veniva trascinata per le strade dietro il cassone trainato da cavalli. A caratteri cubitali sulla fiancata dell'autobus, vicino alla linea del tetto, c'era scritto: "La schiava Missy's Punishment Tour". In lettere leggermente più piccole sotto c'era scritto: "Testimone della punizione di un terrorista pentito".

Il signor Wilson si fermò e puntò un telecomando verso il retro della roulotte. L'intera parte posteriore del rimorchio si piegò lentamente verso il basso, formando una rampa. Una volta all'interno del rimorchio, premette di nuovo il telecomando e la rampa si sollevò per formare il retro del rimorchio. Diverse luci soffuse illuminavano l'interno.

"Tecnicamente", iniziò, "alla fine del tuo giorno di pentimento, non eri più prigioniero". La guardò attraverso le sbarre. "Sei uno schiavo", disse. "Mio schiavo. Quindi ora sono responsabile della tua reclusione.

Aprì il lucchetto della gabbia. "Per qualche motivo, tuttavia", ha detto con un grande sorriso, "i documenti sono stati leggermente ritardati, quindi non ho potuto prenderne possesso fino a oggi." Il suo sorriso si allargò quando disse: "Ciò significava che dovevi essere tenuto in prigione durante la notte e poi portato qui dalle guardie e dagli ufficiali giudiziari". Stava quasi ridendo quando ha detto: "Quella parata per le strade probabilmente ha assicurato il tutto esaurito per tutta la durata della nostra corsa qui".

Scosse velocemente la testa indicando che Missy doveva uscire dalla gabbia. Facendo roteare il dito in aria, le fece segno di girarsi in modo da poter togliere il collare. Girandole le spalle per affrontarlo, le tolse le manette e le catene.

"Lascia che ti mostri dove trascorrerai il prossimo anno della tua vita", disse mentre apriva una porta laterale della roulotte. Un altro telecomando aprì la portiera dell'autobus e lui le fece cenno di entrare.

All'interno, l'autobus somigliava molto a una stretta stanza d'albergo. C'era una piccola cucina e soggiorno e un piccolo ma efficiente bagno con doccia. Aprendo una porta a circa metà dello stretto corridoio, disse: "Questa è la mia camera da letto". Poi, aprendo la porta in fondo al corridoio, disse: "Questa è la tua gabbia".

La signorina schiava entrò dalla porta. Era una camera abbastanza carina, a parte il fatto che c'erano le sbarre alle finestre. Il letto occupava gran parte della stanza, ma era più grande di quello della camera di William.

"Puoi andare in bagno", ha detto, "ma c'è una porta barriera prima di entrare in cucina."

Guardando indietro nel corridoio, Missy vide che c'era una porta con diverse sbarre di ferro che poteva essere chiusa attraverso il corridoio. Assomigliava molto alla porta della sua cella di prigione.

«Fra un po' ci preparerò qualcosa da mangiare» disse piano. "Nel frattempo puoi usare il bagno e la doccia." Tossì leggermente e sembrò leggermente imbarazzato. I suoi occhi stavano ovviamente guardando la sua figa luccicante. “Se c'è qualcosa di cui devi occuparti prima di fare la doccia, chiudi semplicemente la porta. Non puoi bloccarlo, ma puoi chiuderlo.

La signorina schiava sapeva cosa intendeva e arrossì furiosamente. Il suo culo non era l'unica cosa che stava bruciando. C'era un fuoco nella sua fica come non aveva mai sentito prima. Mormorò un dolce "Grazie" e andò nella sua camera da letto. Pochi minuti dopo, William poté sentire gemiti soffocati provenire da dietro la porta chiusa. Poco dopo, sentì la doccia scorrere.

Quando finalmente Missy uscì in cucina, sentì l'odore della cena che restava calda in una padella sul fornello. William era seduto al tavolino. Mentre si avvicinava, disse: "Vediamo qual è il danno".

Missy sembrava confusa, così lui tenne il dito in aria e lo mosse in un piccolo cerchio indicando che avrebbe dovuto girarsi. "Non c'è rottura della pelle", disse mentre le passava leggermente la mano sul sedere, "ma stai iniziando a diventare viola."

Missy poteva sentirlo rovistare in cerca di qualcosa su uno scaffale accanto a lui, poi all'improvviso qualcosa di freddo le toccò il sedere. "Questo unguento eliminerà il dolore quasi immediatamente", ha detto, "e i lividi dovrebbero svanire durante la notte".

Cominciò a strofinare delicatamente l'unguento sulle sue chiappe gonfie. Ansimò piano quando la sua mano scivolò leggermente tra le sue guance e gemette di nuovo leggermente mentre si spostava verso la parte superiore delle sue cosce.

"Ho messo un asciugamano sulla panca dalla tua parte del tavolo", disse quando ebbe finito. "Siediti mentre mi lavo le mani e ci preparo la cena."

Il pasto era una specie di cena al sacco con dentro l'hamburger. Non era il suo preferito, ma era molto meglio del cibo della prigione. E aveva anche l'argenteria, quindi non doveva raccoglierla con le mani.

Dopo il pasto, William lavò i piatti. Dopo che ebbe finito, si sedette su un piccolo divano per guardare la TV. Accarezzando il cuscino accanto a lui, disse: "Porta il tuo asciugamano". e la invitò a unirsi a lui. Le ha persino permesso di scegliere quale programma le sarebbe piaciuto guardare. Alle dieci disse: "Domani avremo entrambi una lunga giornata" e spense la TV. Mentre Missy entrava nella sua camera da letto, poteva sentire il rumore metallico della porta di ferro che veniva chiusa nel corridoio.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
END CHAPTER 3 OF THIRTEEN

Please remember to vote
by clicking on one of the stars at the end of the story.

If you really liked it, click 5.
If you really hated it, click 1, but please click something.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Chapter Summaries

Chapter One: Vicki LeClaire is convicted of all charges. A sentencing agreement is negotiated by William Wilson, a professional slave sentence negotiator. This chapter primarily sets the scene for the rest of the book. Once that is done, the action near the end centers around public nudity and public humiliation.

Chapter Two: Vicki’s “Day of Repentance” and her humiliating descent into slavery, including being renamed as slave missy. This chapter centers primarily on public nudity and public humiliation.

Chapter Three: The first of missy’s 11 days of public punishment. On this first day of punishment, Master Hiroya Takahashi demonstrates properly-trained pony girls, and instructs missy on the proper way to receive a punishment spanking. The focus of this chapter is pony girls and public spanking.

Chapter Four: The second day of punishment begins with a flogging contest by a company called Judicial Placements Incorporated. Her negotiator... and new Master, William Wilson, flogs missy the required forty-six times to fulfill the terms of her sentence. This chapter is totally focused on non-consensual flogging.

Chapter Five: Slave missy’s third day of punishment. She is once again subject to a spanking, this time by the head of a private girls’ reformatory. Before her spanking, several of the young women from the reformatory also receive public punishment. This is a spanking chapter with bare hand, slipper, paddle, and leather belt.

Chapter Six: The fourth day. On this day of punishment, she is caned... by a robot, or more accurately, by a computer-driven mechanical spanking machine. Before her caning, James Madison demonstrates his company’s machines. This chapter focuses on mechanical flogging, paddling, and caning. It also delves into self-bondage and pain-pleasure.

Chapter Seven: The fifth day. Slave missy is punished by water combined with heat, cold, and electricity. This chapter focuses on various types of water punishment.

Chapter Eight: On the sixth day of her punishment, missy is introduced to “The Whipmaster.” Before punishing her he provides a demonstration of his abilities. The chapter is focused on public nudity, public humiliation, and public flogging of one sort or another.

Chapter Nine: The seventh day for slave missy is a day for electro-punishment. Slave missy becomes part of the vidshow, “Wheel of Pleasure, Wheel of Pain.”

Chapter Ten: The eighth day introduces a unique punishment– punishment by combat. There is also an undercard of slave wrestling with humiliation and pain in store for the loser.

Chapter Eleven: The ninth day of punishment is a lottery. The public is given the chance to paddle the repentant terrorist. Eight lucky winners each get to give her five swats with a special paddle. One lucky winner gets to finish the forty-six required for her punishment by laying six swats of the paddle across missy’s ass. The undercard is also part of the lottery. Three slaves in need of punishment will each receive 20 swats, again with one lottery winner delivering 5 of those swats. In addition there are two volunteers. One is a male member of the stage crew who is coming out as a pain slut. The other is a woman who has been at every performance so far and wants to experience public punishment and humiliation. Hers is a special case and her husband will deliver however many swats it takes to make her cum. Twenty-five winners were chosen to participate. Each was asked to write a short essay saying why they should be the one to deliver the final six to the repentant terrorist. The winner finishes off missy.

Chapter Twelve: This tenth day returns missy to old school punishment as she receives an old-fashioned caning. There is also a contest between slaves to see who can withstand the most strokes of the cane.

Chapter Thirteen: (Last Chapter) Slave missy finally reaches her final day of punishment. After having been punished by hand, slipper, paddle, cane, water, and electricity, missy is punished with pleasure. She is strapped into a high-tech denial/teasing/edging device and taken to the very brink of orgasm 46 times.

Storie simili

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

1.1K I più visti

Likes 0

Moglie e sorella scopano duramente

Questo è Alì. Sono un uomo sposato di 32 anni. Sono sposato e mia moglie Niha ha 28 anni ed è una casalinga. Lei è una bella signora. Ovunque vada, i ragazzi intorno non distoglieranno gli occhi da lei. Sono molto fortunato ad averla. La sua taglia è 36-28-40. Ha un seno bello e sodo e un culo rotondo e spumeggiante che oscilla mentre cammina e molte persone per strada aspettano di vedere il momento del suo culo mentre cammina per il mercato vicino. Indossa sempre Sari e talvolta a casa, le piace indossare la notte. Abbiamo avuto una buona vita...

880 I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

777 I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

732 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

679 I più visti

Likes 0

Bella Lilly

Nota dell'autore: se non sei un fan delle storie in cui la maggior parte dei personaggi ha poca o nessuna morale, per favore non leggere questo. Sei stato avvisato. Vai avanti se questo concetto non ti incuriosisce. Ci sono alcune persone malvagie e incasinate in questa storia. Il figlio sessualmente attivo può essere il minore dei mali. Questa non è una storia d'amore spensierata. Il suo pezzo compagno Juicy J è molto più ottimista e spensierato. Sentiti libero di leggere quella storia (sulla sorella di Lilly) se preferisci quello stile. Questo è anche un racconto a strati con diversi personaggi. Un...

480 I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

389 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

354 I più visti

Likes 0

Mia sorella è un cassonetto di sperma

Mi chiamo Zack e la mia sorellina Melinda è il mio cassonetto personale da quando aveva 12 anni. Questa non è una storia d'amore incestuosa. Non è ricatto o coercizione. Mia sorella è solo una troia e adora scopare. Fortunatamente per lei, anche suo fratello adolescente è una fabbrica di ormoni pubescenti che scopa 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Mi capita anche di avere un bel cazzo da 8 e un apprezzamento per adolescenti sexy, atletiche e bionde con pance piatte e tette vivaci. A dire il vero avevo 7 anni e lei ne aveva quasi 6 quando...

221 I più visti

Likes 0

Mi scopo la mamma del mio amico

Alicia che fai stasera? chiesi a mia sorella. Vado a stare con il mio amico a casa sua Pensi di potermelo passare? Come si chiama? Sono sempre stato protettivo nei suoi confronti, e ora che ha 16 anni ci saranno molti ragazzi che cercheranno di approfittarsi di lei. Anche io penso che sia sexy, ed è mia sorella. Non preoccuparti, penso che sia gay. Anzi, gay. Sai? Avevo fretta, non avevo più tempo per interrogarla. Sii prudente urlai mentre uscivo dalla porta. Sono saltato sul mio F-150 sollevato e ho iniziato a guidare. C'era questo night club di 18 e più...

105 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.