Matrimonio parte 1 (pilota)

1KReport
Matrimonio parte 1 (pilota)

Mia moglie ed io eravamo sposati da 11 anni. La nostra storia non è affascinante, l'ho incontrata a un festival rock ed era ubriaca. Sono diventata la sua preda mentre mi infilava la lingua in bocca e danzava intorno alle mie gengive. Prima ancora che potessi battere le palpebre, avevo una ragazza di 23 anni che mi succhiava la faccia con i fumi di bourbon che uscivano dal suo corpo. Normalmente qualcuno come me si sarebbe tirato indietro, ma ero bloccato nella foga del momento e ho visto quanto fosse bella. Alcune persone potrebbero averla definita una skank, una troia o una facile. Ma c'era qualcosa in lei che mi faceva venire voglia di tenerla stretta, che è quello che ho fatto per così dire. Dopo che il festival si è concluso, sono rimasto con questa bruna ubriaca svenuta con la testa in grembo mentre guardavo passare ogni singolo treno finché non ce n'erano più. Indossava pantaloncini neri che le arrivavano ma e una canottiera bianca macchiata di alcol, pittura per il corpo e sudore. Non ero tipo da lasciare una ragazza vulnerabile da sola svenuta ubriaca, quindi ho aspettato con lei fino al tramonto. Quando il sole è sorto e la luce si è spostata sul suo viso, si è svegliata e mi ha guardato negli occhi, era la prima volta che vedevo quei bellissimi occhi castani alla luce del giorno. Mi ha guardato con uno sguardo impotente e ha detto "chi sei?" disse con aria stanca. Ho balbettato per un secondo prima di pronunciare una frase: "Mi sei svenuto, quindi sono rimasto con te, scusa se ti ho spaventato". Sembrava non ricordare cosa avevamo fatto. Si è alzata e ho controllato se sembrava a posto, cosa che dopo un breve esame visivo è sembrato che lo fosse. Le sorrisi e la guardai negli occhi mentre manteneva la sua compostezza, "Beh, immagino che tu stia bene allora, stai fuori dai guai" dissi casualmente. Mentre mi avvicinavo alla banchina del treno, ho sentito dei passi rumorosi dietro di me che ho subito respinto, "Aspetta!" Ho sentito la ragazza urlare da dietro. Mi voltai per vedere che mi aveva parzialmente seguito, la riconobbi con un sorriso e girai il resto del mio corpo davanti a lei. “Il minimo che posso fare per ringraziarti è offrirti la colazione”. Ci ho pensato per un secondo e ho accettato mentre viaggiavamo insieme sul treno.

Non ero del tutto sicuro di come comportarmi con questa ragazza, quindi ho solo chiesto il suo nome. "Gioiello" disse educatamente. "Capisco, è davvero un bel nome" dissi in risposta. Le ho detto il mio nome e l'ho portata in un piccolo caffè che sapevo ci avrebbe servito con l'abbigliamento informale che indossavamo. Mentre mangiavamo mi guardò per un secondo e trovò il coraggio di parlare: "L'abbiamo... fatto?" lei chiese. Ho sorriso e scosso la testa, "Oh, grazie a Dio", ha detto bruscamente. Alzai un sopracciglio e ridacchiai tra me e me mentre balbettava una risposta correttiva, "No no no non intendevo dire che non lo farei, è solo che non ricordo e..." si fermò quando si rese conto di quello che stava dicendo e si prese la testa tra le mani. "Mi dispiace, ho i postumi di una sbornia e non penso lucidamente", sorrisi e calmai i suoi nervi. "Non preoccuparti", dissi, "Non hai fatto niente di stupido, sii solo contento di non esserti lanciato contro qualcuno che non era così innocuo". Rise un po' a sue spese e mi sorrise. Era una ragazza molto attraente, molto tonica e composta. Mentre la riaccompagnavo al suo appartamento, io e lei abbiamo iniziato a chiacchierare e ridere tra di noi finché non abbiamo raggiunto la nostra destinazione. “Bene, grazie per aver restituito il favore. È stato un piacere conoscerti Jewel” dissi tentando di concludere il pomeriggio. Mi guardò e fece un sorriso timido strofinandosi il braccio: “Mi piacerebbe che tu entrassi. Voglio dire, non vuoi tornare a casa tutta sporca in quel modo, vero? Vuoi fare la doccia da me? Sembrava nervosa per una ragazza così desiderosa di mettermi la lingua in gola la sera prima. Ho accettato e lei mi ha portato nel suo appartamento innocentemente. Tuttavia, da qualche parte lungo la linea di me che mi facevo la doccia e mi ero trasformato in un bravo ragazzo, abbiamo fatto l'amore appassionato in uno scambio spontaneo e lussurioso. Non me ne sono andato fino a notte fonda, abbiamo continuato a fare sesso 5 volte prima che le lasciassi il mio numero e tornassi a casa. Solo 3 anni dopo ho deciso che volevo che mi sposasse, e fino ad oggi come coppia di 37 anni felicemente sposata è ancora la luce della mia vita.

Tuttavia le cose sono cambiate. L'appetito sessuale dei gioielli è diminuito man mano che il mio è cresciuto. Nella sua maturità sono solo diventato più attratto dal gioiello. Il suo corpo minuscolo si era sprofondato in un bellissimo corpo sinuoso che qualsiasi uomo poteva sognare. I suoi capelli erano di un colore castano dorato con una bella pelle abbronzata, si poteva dire che si prendeva cura di se stessa. I suoi outfit mi hanno fatto impazzire, pantaloni da yoga e jeans attillati. La volevo più che mai nei miei anni più grandi, ma lei non si sentiva la stessa cosa. Ero ancora un attraente uomo di 37 anni, mia moglie mi amava e spesso ricevevo complimenti per quanto sembrassi più giovane. Ma niente di quello che ho fatto avrebbe fatto desiderare a mia moglie di fare sesso con me. Negli ultimi due anni del mio matrimonio non avevamo fatto un solo atto sessuale l'uno con l'altro. Ora, prima che tu mi giudichi, il sesso con mia moglie è stato più di un semplice orgasmo, se lo fosse allora potrei semplicemente continuare a strofinarne uno ogni tanto. Il sesso con lei è stato un viaggio emotivo che mi ha fatto sentire come se fossimo di nuovo giovani. Per me avere l'opportunità di dare e ricevere piacere da Jewel è stato un sogno che si è avverato. Ma niente ha funzionato, ho provato di tutto. Ho provato massaggi alla schiena, massaggi ai piedi, coccole, baci, affetto spontaneo. Ma tutto ciò che ho fatto è stato vano perché sarebbe rimasta arida come un deserto laggiù. A volte si scusava ea volte si arrabbiava, ma non l'ho mai incolpata per niente di tutto ciò. L'amavo e semplicemente essere in grado di tenere il suo corpo accanto a me mentre dormivo era un piacere di per sé. Ma stava mettendo a dura prova il mio matrimonio, per quanto le sarebbe piaciuto negarlo, Jewel aveva un gran bisogno di scopare. La sua tensione è aumentata e lei è diventata frustrata intorno a me. A volte sentivo di non poterla nemmeno toccare, ed è allora che ho tracciato la linea. Dovevo fare qualcosa per salvare il mio matrimonio e presto ho capito il problema. Certo, Jewel era parte del problema, ma lo ero anch'io. Anch'io ero un membro della relazione, e come marito era mia responsabilità far sentire amata mia moglie. In parte era colpa mia se era stata privata del sesso, ma avevo bisogno di scoprire perché.

Jewel non lo sapeva, ma negli ultimi 3 mesi avevo frequentato un corso facoltativo su come soddisfare mia moglie. Sì, lo so, è completamente zoppo e tipico. Un marito fallito che frequenta una classe piena di vecchi che non possono scopare la moglie per più di 2 minuti. Ma non c'era niente di sbagliato nella mia esibizione, solo la mia iniziazione. Ero entusiasta di rivedere la vita sessuale tra me e mia moglie, avevo capito esattamente cosa avrei fatto. Ho imparato molto in quei corsi e se non funzionavano allora era sicuramente una causa senza speranza. Quella sera sono arrivato a casa e ho visto Jewel sdraiato sul divano con un bicchiere di vino. Alzò lo sguardo e mi sorrise con uno sguardo esausto. "Com'è andata in palestra?" lei chiese. Sì, quella era la mia scusa. Negli ultimi 3 mesi avevo detto a Jewel che ero in palestra per un'ora prima di tornare a casa. Nonostante la mia figura rimanesse a un livello esperta, Jewel era completamente insospettabile delle mie azioni. “È andato tutto bene, penso che d'ora in poi me la prenderò con calma. Oggi mi sono fatto male al petto”. Jewel si alzò di scatto dal divano e mi guardò: "Stai bene?" lei chiese. Annuii e mi avvicinai a lei prima di baciarla sulla fronte. "La cena è in frigo tesoro" disse allegramente. Le scostai i capelli dal viso e le sorrisi facendo un evidente gesto di affetto. Muovendo il viso verso di lei l'ho baciata sensualmente e le ho accarezzato la guancia. Ho sentito una leggera risposta di affetto e subito mi sono allontanato. Sembrando confusa, Jewel stava per parlare mentre la ringraziavo e mi avvicinavo al frigorifero. Jewel era senza parole, di solito quando mostravo così tanto affetto volevo che portasse a una sorta di atto sessuale. Ma quello era tutto nel passato, avevo una nuova visione dell'intimità con Jewel. Potrei dire che l'avevo fatta arrabbiare, per tutto il tempo che stavo scherzando in cucina lei mi fissava da sopra il divano. Mi guardò con un misto di confusione e delusione mentre mi godevo il pasto che mi aveva preparato così generosamente. Si alzò e si stiracchiò un po' senza distogliere lo sguardo, "Vado a farmi una doccia veloce" disse andando in camera da letto. Tutto stava andando secondo i piani.

Quando Jewel è tornata in camera da letto con indosso solo un asciugamano, ho aspettato innocentemente fingendo di leggere un libro. Mi guardò e si avvicinò al suo lato del letto. Era sempre cauta con me, si aspettava che io volessi sempre sesso da lei e stava diventando paranoica per non essere in grado di esibirmi. Ma stasera non era un problema, avrei mostrato a Jewel la vera forma del mio amore. Si sedette di fronte a me spazzolandosi i capelli mentre incollavo gli occhi sul mio libro con insistenza. In realtà non stavo leggendo nulla, stavo semplicemente aspettando il momento giusto. Mi guardò con la coda dell'occhio, anche se aveva perso il desiderio di sesso non le dispiaceva l'attenzione che le davo. Questa volta però le avrei prestato le giuste attenzioni. Sbirciai e le sorrisi innocentemente e lei voltò la testa. "Ti dispiace se ti massaggio la schiena?" Ho chiesto. Jewel è quasi saltato giù dal letto incredulo. "Che cosa?" chiese: "È una specie di scherzo?" L'ho guardata con una faccia delusa e ho richiamato la mia attenzione sul mio libro, "Non stavo scherzando, se è un grosso problema non ti darò fastidio hun" ho detto suonando abbastanza sicuro di me stesso. Con la coda dell'occhio notai che Jewel aveva smesso di spazzolarsi i capelli e guardava il pavimento con aria colpevole. Ha girato il suo corpo e si è mossa verso di me, "Beh, se sei serio, mi piacerebbe che tu lo facessi per me". Girai la testa e sorrisi facendole segno di sdraiarsi. Aveva un corpo immacolato per la sua età, così morbido e rigoglioso. Nei suoi anni più anziani aveva formato un corpo più voluttuoso, ma l'ho trovato unico e bello. Avevo davvero sposato una bella donna. Ho allungato la mano e ho afferrato l'olio da massaggio che in 5 anni era appena entrato in uso. Versandolo sul suo corpo emise un lieve gemito. Il suo corpo nudo era bellissimo perché era ben oliato. Mettendo le mani sulla sua schiena, massaggiai profondamente i suoi muscoli spinali e rilasciai la tensione. Nei primi sfregamenti ha gridato di sollievo e si è arcuata tra le mie mani. I suoi seni erano visibili sui fianchi e mi costrinsi a concentrarmi sul suo corpo. Ho mantenuto la mia integrità nell'attività e le ho dato l'affetto più amorevole che avevo da molto tempo. Gemette più forte, non in alcun modo sessuale ma in segno di liberazione mentre scavavo più a fondo nei suoi muscoli tesi. "Perché stai facendo questo?" ha chiesto. Mi sono fermato e mi sono preso una breve pausa dal massaggio per rispondere. “Beh, sei rimasto sveglio tutta la notte, quindi ero nutrito e felice. Questo non è niente in confronto a quello che mi fai”. Alzò la testa e mi guardò ancora sdraiato sul letto. "OH? E questo non ha niente a che fare con te che hai scopato stasera?" osservò con voce sospettosa. Emisi un sospiro e continuai ad accarezzarle la schiena. “Fai quello che vuoi” risposi, “Ci sono più modi per amarti che il sesso”. Ridacchiò tra sé incredula e mi permise di continuare. Ancora sospettosa, Jewel si allungò dietro la schiena e mise la mano sul mio cazzo eretto, emise un sospiro. "Sì, è quello che pensavo" mormorò delusa. Ho tolto le mani dalla sua schiena e ho risposto “Cosa? Sarebbe strano se non mi eccitassi, non credi? Ha alzato lo sguardo e me e si è preparata per la confutazione, ma l'ho battuta, "Beh, comunque sono un po' stanca, grazie per avermelo permesso" dissi lasciando uscire un falso sbadiglio. Si voltò guardandomi con un'espressione meglio descritta come shock e cercò di dare un senso alla situazione. Avvicinai il mio viso al suo e la baciai amorevolmente. "Buonanotte" sussurrai mentre mi coprivo le coperte. Jewel si sedette per alcuni secondi prima di unirsi a me e abbracciarmi. La serata è stata un successo.

La mattina seguente, come mi aspettavo, Jewel era più energico del solito. Quando mi sono svegliato ha iniziato un bacio, qualcosa che non ha mai fatto e ha appoggiato la testa sul mio petto. Le sorrisi mentre recuperavo la calma: "A cosa devo il piacere?" Ho chiesto. Ha alzato la testa e mi ha guardato felice: "Mi sento più a mio agio con te vicino a me", ha detto. Jewel chiaramente non sentiva più la pressione del sesso, la sua gamba poggiava sulla mia erezione. Non era intimidita dalla mia durezza e l'ho sentita e ho stabilito una connessione che era stata persa da tempo. “Non ti dà fastidio? So che sei arrapato, lo sento ”, disse in modo suggestivo. L'ho guardata e ho risposto casualmente "Posso vivere senza sesso", ho detto, "Ma non posso vivere senza di te. Puoi soddisfarmi in altri modi sai”. Balzò in piedi con un'aria un po' meno sospettosa di prima. "Oh veramente? Questo non suona affatto da te ", ha osservato. "Forse no", ho detto in modo informale, "ma scommetto che la tua schiena è fantastica, vero?" Jewel rise scherzosamente e concesse. "Va bene, ma se lo faccio?" lei disse. Immediatamente mise la sua mano intorno al mio cazzo e sussultò un paio di volte cercando di stuzzicarmi. Gemetti leggermente e mi allontanai baciandola sulla fronte. "Scusa piccola, non sono dell'umore giusto" dissi alzandomi in piedi, "vado a prenderci la colazione mentre ti prepari per il lavoro". Mi guardò con confusione e frustrazione, era la prima volta che iniziava un qualsiasi tipo di sesso da anni e io l'avevo rifiutato. Quindi cosa stavo facendo esattamente? Non mentirò, ogni parte di me voleva bloccare Jewel e lanciarsi inesorabilmente verso l'orgasmo. Ma quel tipo di pensiero non mi aveva portato da nessuna parte in passato, dovevo far rivivere a Jewel i fondamenti della nostra relazione. Era tutto nelle mie lezioni, le davo semplicemente affetto di base e la stimolavo senza alcuna pressione per il sesso. Solo allora ho sentito di poter rivitalizzare il nostro matrimonio, è stato quasi come ricominciare come coppia. Quindi è esattamente quello che ho fatto, mentre Jewel si faceva la doccia non ho provato a fare una mossa come avrei fatto a volte, l'ho lasciata stare e l'ho ammirata in altri modi. Le preparai un muesli speciale e apparecchiai la tavola con il suo latte e il suo succo d'arancia per quando usciva. Quando entrò nella sala da pranzo guardò cautamente il tavolo per vedere cosa avevo fatto per lei. "Va bene cos'è questo?" disse sospettosa. Ho guardato oltre e ho sorriso: "Divertiti, non posso semplicemente fare qualcosa per mia moglie senza sospetti?" Si strinse nelle spalle e si sedette mentre iniziava a mangiare. Sorrisi soddisfatto del mio lavoro mentre lei si divertiva. Cercando di non tradirmi, ho baciato Jewel sulla guancia e ho iniziato a lavare i piatti. Prima di andare al lavoro, Jewel mi ha abbracciato da dietro e mi ha baciato sulla guancia mentre sussurrava "Grazie" e se ne andava. Sapevo che non mi stava solo ringraziando per il semplice muesli, ho sorriso sapendo di aver fatto i primi passi per salvare il mio matrimonio. Le cose stavano andando alla perfezione.

Quel pomeriggio, avendo il giorno libero, passai l'intera giornata a cucinare per mia moglie. Jewel era vegetariana e questo era uno dei motivi per cui non mi ero mai preso il tempo di cucinare per lei. Ho imparato nelle mie lezioni che dovevo soddisfare Jewel nell'arte della cucina. Apparentemente godersi il cibo l'uno con l'altro era uno dei fattori chiave di una buona relazione, quindi ne approfittai. Ho tagliato via le verdure e ho cucinato il più precisamente possibile in modo che quando tornava a casa da una lunga giornata potesse rilassarsi. Il rilassamento era la chiave per riprendere una connessione sessuale con Jewel, quindi è quello a cui miravo. Tutto era andato come previsto, ho cucinato un sano soffritto vegetariano per Jewel e tutto ciò che restava da fare era aspettare. Sono stato anticipato e mi sono preso il tempo di mettere su della musica soft, qualcosa che ovviamente le sarebbe piaciuto. Mentre iniziavo a versare il vino, sentii l'auto di Jewel entrare nel vialetto e le luci che brillavano dall'esterno. In realtà ero eccitato, non per la possibilità del sesso, ma per vedere il suo viso mentre la consapevolezza di non dover cucinare le illuminava gli occhi. Cercando di comportarmi nel modo più naturale e disinvolto possibile riguardo alla situazione, ho finto di sembrare occupato mentre mi lavavo in cucina. La porta si aprì cigolando e con la coda dell'occhio vidi Jewel entrare in casa con una statura stanca e irritata. Girai la testa e sorrisi, salutandola. Non aveva ancora guardato bene quello che avevo fatto, ma presto il profumo della mia cucina attirò la sua attenzione. Girò rapidamente la testa sorpresa e immediatamente urlò "Che diavolo è tutto questo?" Ho fatto finta di sembrare ignaro e ho risposto: "È cosa?" Ho aggiunto. Si avvicinò al tavolo da pranzo e guardò il cibo con uno sguardo sospettoso: "Non cucini mai per me, c'è della carne?" Sono uscito dalla cucina e ho salutato Jewel con un abbraccio e un bacio eccessivamente affettuosi prima di rispondere: “Beh, forse no, ma l'ho fatto stasera. E no, vegetariano al cento per cento”. Stava davanti a me con emozioni sopraffatte. Sembrava che volesse scoppiare in lacrime di gioia, ma si ricompose mentre si sedeva. "Mi hai anche versato del vino, che ti succede?" lei chiese. Finii in cucina e la raggiunsi prima di riprendere la conversazione. "Immagino sia ora che parliamo, allora eh?" Ho suggerito. Jewel mi ha guardato mentre mangiava e mi ha chiesto di continuare. “Ricordi quando ci siamo incontrati per la prima volta? Ho passato un'intera notte con il tuo culo ubriaco alla stazione dei treni? lei annuì con riluttanza, probabilmente infastidita dal fatto che avessi tirato fuori quella parte della storia. Ho riso tra me e ho continuato: "L'unico motivo per cui ti piacevo allora era perché ho fatto qualcosa per te senza pensare a come mi avrebbe giovato" Gli occhi di Jewel si illuminarono come se stesse per piangere. “Ho smesso di essere quella persona e ora non mi toccherai nemmeno. Quindi ora devo tornare a quando avevamo 23 anni, quando avrei fatto qualsiasi cosa per farti sentire speciale”. Jewel si sedette e sorrise: "Ti amo così tanto", ha detto. "Non posso credere che tu stia facendo tutto questo per me". Ho interrotto: "No, non per te, per noi". Jewel ha continuato a sorridere e ho elaborato: "Se questo non funziona, allora non ho il diritto di essere tuo marito, un uomo che non può soddisfare sua moglie non ha valore in un matrimonio". Saltò indietro sulla sedia e bevve un sorso di vino con occhi cauti. "E allora se non iniziamo a fare sesso, divorzierai da me?" osservò con curiosità. Scossi la testa e la corressi: “No no niente del genere. Il sesso è l'ultima cosa che ho in mente in questo momento” dissi non sicura che quello che stavo dicendo fosse del tutto vero. "Dobbiamo concentrarci sull'apprezzarci a vicenda al di fuori del sesso". Jewel ha colto l'occasione per mettere alla prova le mie parole. "Oh veramente? E se lo facessi?" chiese mentre la sua mano scivolava lungo le sue spalline rivelando la sua morbida scollatura. Ridacchiai tra me e mi sottomisi a guardarle il petto con lussuria. “Sai che voglio buttarti su questo tavolo e provarci adesso” osservai, “Ma se lo facessimo faresti sesso con me solo per qualcosa che ho fatto. Voglio che tu faccia sesso con me perché è qualcosa che vuoi”. Jewel abbassò la mascella e spalancò gli occhi, "Sono impressionata" disse cercando di nascondere la sua eccitazione. "Quindi stai dicendo che niente di tutto questo riguarda il sesso?" Finito di cenare mi alzai e le misi una mano sulla spalla. Baciandola sulla testa ho sorriso e ho risposto: “Niente affatto, questo è solo per recuperare il tempo perduto”.

Nelle settimane successive continuai il mio dovere coniugale di marito e feci sentire mia moglie l'angelo che era. Il suo atteggiamento iniziò a cambiare, non era più nervosa come una volta. Sorrise di più e mi permise di mostrare un affetto innocuo senza congedarmi. La relazione stava sicuramente andando nella direzione che avevo sperato, ma dovevo fare di più. La prima parte del mio piano era andata bene, ricreare con successo il nostro affetto ci aveva reso più vicini. Ma ora era il momento di portare le cose a un livello superiore. Jewel era soddisfatta, ma non sentiva quasi l'amore e l'affetto di quando ci siamo incontrati per la prima volta. Come al solito ho aspettato che Jewel tornasse a casa nel mio giorno libero, ma questa volta avevo in programma qualcos'altro. L'attesa cresceva sempre di più, sapevo che questa sarebbe stata una notte che Jewel non avrebbe mai dimenticato. Al calar della notte, l'auto di Jewel è entrata nel vialetto e io ho sorriso. Era finalmente giunto il momento di rivelare la mia sorpresa. Jewel entrò con uno sguardo di piacevole aspettativa e scoprì che non avevo preparato la cena. Supponendo che le mie buone azioni fossero finite, sospirò: "Ti porto un po' di pasta o qualcosa del genere, lasciami cambiare". L'ho fermata con un sorriso sul mio viso, "Oh, non stiamo mangiando qui", ho risposto. Jewel mi guardò incuriosito: "Ti porto a Sainte Pierre stasera". Jewel sembrava sul punto di avere un ictus, “Sei cosa? Quel posto è un ristorante a cinque stelle!” Le ho sorriso e le ho passato la mano sul viso, "Lo so, e partiamo tra un'ora". Jewel sussultò e iniziò a mostrare la sua eccitazione, ma all'improvviso si fermò. "Ma non ho niente da indossare in un posto come Sainte Pierre, sembrerò a buon mercato". Ho riso e le ho preso la mano per rassicurarla: "Sì, lo fai, ho fatto fare qualcosa per te un paio di settimane fa". Sobbalzò per l'eccitazione e l'incredulità: “Hai fatto cosa? Come hai preso le mie misure?" Mi sono avvicinato al tavolo da pranzo e ho tirato fuori un vestito rosso vivo da una scatola di medie dimensioni e gliel'ho mostrato, "Ho preso uno dei tuoi altri vestiti per un confronto, anche il materiale è regolabile in modo da far risaltare le tue curve fuori". Guardò con ammirazione il vestito e mi abbracciò guardandomi negli occhi: “Ti piacciono le mie curve?” domandò con compassione nei suoi occhi. La baciai sulla guancia e la strinsi forte tra le mie braccia prima di rispondere. "Li adoro" dissi mentre le mie mani scivolavano lungo i suoi fianchi e giù fino alle sue cosce, "Sono ciò che ti rende così bella". Potevo vedere che le mie parole avevano avuto effetto su Jewel mentre mostrava segni di scoppiare in lacrime. Prima che si perdesse nel momento in cui la baciai e la condussi in camera da letto, "Cambiati in fretta, non vogliamo fare tardi" dissi con un sorriso. Si è vestita rapidamente e si è truccata, potevo dire che era eccitata mentre rimbalzava per la stanza emettendo sorrisi di gratitudine nei miei confronti. Quando fu finalmente pronta, uscì in sala da pranzo e si fece vedere. La mia mascella è caduta quando l'ho vista, l'abito si è avvolto perfettamente attorno alle morbide curve di mia moglie e ha modellato in modo glamour la parte superiore del suo corpo. Sembrava fantastica e mi sono ritrovato a fissarla. “Mi stai facendo arrossire” disse timidamente. Le presi la mano e camminai con lei, "Andiamo" dissi.

Siamo arrivati ​​a Sainte Pierre in perfetto orario. Jewel sembrava assolutamente incredibile durante il viaggio in macchina, stava diventando un pericolo per la mia concentrazione durante la guida. Ho iniziato a notare che ultimamente sembrava diversa, niente che potessi distinguere fisicamente, ma i suoi modi l'avevano fatta sembrare come se avesse di nuovo 20 anni. Si emozionava più facilmente, era più affettuosa e mi rivolse lo sguardo di ammirazione che da tanto tempo mi mancava. Le ho aperto la portiera mentre scendeva dall'auto e le tenevo la mano. Conducendola su per le scale fummo accolti. Ho notato che molti degli avventori hanno lanciato uno sguardo a Jewel mentre si lanciava nella sala da pranzo. Non sono diventato geloso, ero orgoglioso che mia moglie di 37 anni possedesse ancora la scena mentre le persone appena ventenni avevano gli occhi incollati su di lei. Ci siamo seduti e abbiamo continuato la nostra serata come avevo programmato, mi sono astenuto dal bere quella notte in modo che Jewel potesse farlo. Di solito ero veloce ad aiutarmi con un drink a scelta, ma questa era la serata di Jewel. Lei e io ci siamo goduti a fondo la nostra serata e durante il deserto, Jewel ha sollevato un argomento che speravo venisse messo in discussione. “Allora…” disse fermandosi un attimo mentre faceva roteare il cucchiaio attorno al suo soufflé al cioccolato, “Faremo sesso stasera”. Ho pensato a lungo alla mia risposta, ma sono rimasto fedele al mio piano nonostante la tentazione. Scossi la testa mantenendo un sorriso ed elaborai: “Non possiamo semplicemente fare sesso perché ti ho portato a Sainte Pierre. Dobbiamo imparare a godere di questo genere di cose senza la promessa del sesso”. Con mia sorpresa, il mio rifiuto è stato accolto con ottimismo, "Immagino che tu abbia ragione", ha ammesso, "Non è che non vuoi, vero?" Gioiello ha chiesto. Ancora una volta ho scosso la testa con più enfasi questa volta al contrario, "Assolutamente no Jewel, non c'è niente di più che volevo fare con te dal giorno in cui ci siamo incontrati che fare l'amore con te". Il suo viso si illuminò di sollievo e mi permise di continuare. “Ma ho dato troppa priorità a questo in passato ed è per questo che siamo qui adesso. Non possiamo semplicemente avere un matrimonio in cui il sesso risolve i nostri problemi”. Jewel sembrava deluso e una parte di me stava impazzendo al pensiero di far passare l'opportunità di fare sesso con mia moglie. Ma quello che ho detto era verissimo, avevo cercato di compensare il nostro matrimonio con il sesso quando quello che dovevo fare era essere un marito migliore. Ero sicuro di fare la cosa giusta. Ha buttato indietro l'ultimo sorso di vino e ha guardato dall'altra parte del tavolo in modo seducente, "Non hai idea di quanto voglio scoparti, e non è solo il vino a parlare", ha detto con una risata. Ho condiviso le sue risate e mi sono allungato per afferrarle la mano: “So che lo vuoi, ed è quello che voglio piccola. Ma ti prometto che col tempo lo faremo, si tratta solo di tempismo”.

Ho mantenuto la mia parola, quella notte ho portato Jewel a letto con me e non siamo mai andati oltre un bacio appassionato. Potevo sentire i suoi fianchi arricciarsi contro di me mentre giacevamo uno accanto all'altro, era una delle prime volte che la sentivo iniziare il sesso da anni. Ma non persi il controllo e mentre i suoi morbidi capelli si posavano sul mio petto si addormentò poco prima che io facessi lo stesso. Al mattino Jewel ha messo alla prova la mia lealtà alle mie parole mentre mi massaggiava l'inguine svegliandomi leggermente. Ma non sono stato sottomesso facilmente, quando ho aperto gli occhi mi sono allontanato ridacchiando tra me e me. Jewel era come una scolaretta arrapata dal modo in cui mi guardava ultimamente. I suoi occhi si sono illuminati quando mi ha toccato e devo dire che a volte mi ha quasi sedotto completamente. Ma sono riuscito a controllarmi, continuando a svolgere i miei doveri di marito per lei ancora per qualche settimana. Certo che sono un uomo e ho i miei limiti, c'era solo una certa quantità di negazione che potevo imporre prima che fosse troppo. Un giorno, mentre io e mia moglie eravamo al lavoro, ho ricevuto una sua telefonata. "Ehi tesoro" disse allegramente. Il mio sorriso si illuminò quando risposi: "Ehi, come va il lavoro?" Ho chiesto. Ha emesso un sospiro e ha continuato: "Va tutto bene, sono solo occupata e sono pronta per tornare a casa", ha aggiunto. Abbiamo continuato a fare conversazioni oziose per alcuni minuti prima che Jewel iniziasse ad accennare a qualcosa che mi ha incuriosito. "Così stavo pensando" disse cambiando il suo tono in uno più misterioso, "Stasera è la notte". La mia mente saltellava cercando di pensare a qualsiasi altra possibilità, ma ero sicuro di sapere cosa intendesse. "Oh veramente? Mi piace il suono di quello ”ho accennato cautamente. Jewel ha riso leggermente al telefono, non poteva essere troppo esplicita nel caso qualcuno avesse sentito, ma sapevo esattamente cosa intendeva. «Ti piacerà ancora di più stasera. Dopo tutti i dolcetti che mi hai dato negli ultimi due mesi, penso che sia ora che ti prenda qualcosa, non credi? suggerì con voce seducente. Rabbrividii leggermente mentre la mia mente correva cercando di pensare a ciò che aveva pianificato. Tutto ciò a cui riuscivo a pensare era abbastanza buono, desideravo ardentemente sentire una connessione sessuale con lei dopo tutti questi anni. Avevo quasi dimenticato di poter fare sesso con mia moglie, la possibilità era come perdere di nuovo la verginità. "Sono totalmente d'accordo, sono pronto per tutto ciò che hai per me tesoro" ho risposto. Jewel ridacchiò tra sé e fece un suono di bacio nel telefono, "Ci vediamo quando torni a casa".

Sarebbe stato fantastico e non sapevo nemmeno cosa fosse. Ho cercato di riassumere una sorta di idea su cosa avrebbe fatto per me, ma ero troppo eccitato anche solo per capire cosa potesse soddisfare le mie aspettative. Mentre mi avvicinavo alla casa ho visto che le luci erano spente, "Che strano..." mi sono detto. Quando sono sceso dalla macchina, sono corso verso la porta e ho armeggiato con le chiavi prima di riuscire finalmente ad accedere. Attraversando la porta principale ho provato la stessa eccitazione e anticipazione che avrebbe potuto provare Jewel quando avevo fatto delle cose per lei. Sbirciando nell'oscurità, ho visto un barlume di luce provenire dalla camera da letto che ho subito identificato come luce di candela. Avvicinandomi lentamente alla porta della camera da letto, vidi il letto completamente foderato di candele. Non una sola luce in casa era accesa, non riuscivo a vedere Jewel da nessuna parte. Improvvisamente ho sentito una voce dal bagno: “Sdraiati sul letto e mettiti la benda”. Sobbalzai all'improvviso e riconobbi la voce di Jewel. C'era una benda sul comodino, mi sono tolto le scarpe e mi sono sdraiato prima di mettere la benda in modo bello e deciso. Non ho sentito niente per un secondo prima che la porta del bagno si aprisse. Istintivamente ho guardato per vedere ma la mia benda non mi ha permesso di vedere. Ho sentito una risatina mentre dei passi circondavano il letto, "Non muoverti" disse severamente Jewel. Rimasi completamente immobile mentre immaginavo cosa stesse succedendo. All'improvviso ho sentito un paio di mani scendere e slacciarmi la cintura prima di tirarmi giù i pantaloni e le mutandine. Sono saltato per l'eccitazione e presto le morbide mani calde di Jewel mi hanno sbottonato la camicia. Ansimai più forte per l'eccitazione mentre le sue mani scendevano lungo il mio corpo, in sincronia con il momento in cui mi chinai in avanti e Jewel mi tolse la maglietta mentre ci baciavamo. Il suo corpo era profumato di dolcezza e la sua pelle era morbida sul mio viso. Ho tentato di alzare le braccia per accarezzarla, ma lei le ha immediatamente bloccate e mi ha sussurrato nel cuore "Siediti forte piccola, avrai la tua occasione". Quasi non potevo sopportare di aspettare di toccare il suo corpo perché ero enormemente curioso, ma mi sono trattenuto mentre Jewel mi massaggiava il corpo. Ero completamente nudo ed esposto davanti a lei mentre le sue morbide mani scivolavano sul mio petto e sulle mie cosce. Immediatamente mi sono alzato e ho sentito Jewel arrampicarsi sul letto. Le sue cosce sono atterrate su entrambi i lati di me e ho sentito il tessuto setoso che indossava sul mio corpo. Mi sono esortato a tenere le mani a posto, volevo buttarla giù e prenderla. Ma presto ho sentito i fianchi di Jewel contorcersi verso il basso e ho capito che il suo viso era adiacente al mio pene eretto. Non ci potevo credere, mia moglie mi avrebbe fatto un pompino. Non metteva la bocca vicino a quella zona da almeno sette o otto anni. Non riuscivo quasi a credere che sarebbe successo. Ma sicuramente è successo quando ho sentito la calda bocca di Jewel avvolgermi e la sua lingua turbinare intorno a me. Sembrava il paradiso, il mio corpo si inarcò mentre lei accelerava il ritmo e succhiava con più intensità. Ha prestato grande attenzione ai dettagli mentre monitorava le mie reazioni e adattava la sua tecnica. Gemetti di assoluto piacere, ma volevo vederla così tanto. "Ti piace il modo in cui ti succhio il cazzo, vero tesoro?" I panted heavily and tensed my body, it was hard to respond during my jolts of pleasure. “Oh fuck, I do” I yelled loudly. Jewel giggled and continued to blow me taking a break every few seconds to jerk me off and talk dirty. “I know what you want” she said sensually, “You want to use your hands don’t you? You want to take that blindfold off and watch your wife pleasure you right?” Jewel couldn’t have been closer to the truth, I was closing in on my threshold of being able to control myself. "SÌ!" I screamed as she jerked me faster.

Suddenly Jewel stopped and threw her body level with my own. She was sitting on top of me rocking her hips as I felt her grind against me. Jewel lowered her lips towards me ear and I shivered from her calm breath. “It’s time to reward you” she said lustfully as I felt her pull away. Her hands rested on my chest as she positioned herself above me and grinded my cock. She was still wearing silk panties but quickly removed them. I couldn’t believe it, Jewel was actually self-lubricated! Jewel was almost never aroused at my advanced in the past, it took the help of artificial lubricants to do the job. But her lips were glossed with her essence as she moved back and forth on top of me. “You want it inside me don’t you?” she said quietly. “I do” I answered immediately. Jewel let out a naughty laugh and teased me more, “You’re not getting inside me with that, beg for it!” she said slightly raising her voice. I guess it was my time to be teased, “Please let me inside of you” I said with heavy breathing. “Not good enough” she whispered softly. “Please I beg you, let me inside!” I yelled even louder with desperation. She repositioned herself so that I was almost ready to enter inside of her, “Beg for me one more time”. I needed no encouragement, “I BEG YOU, FUCK ME NOW!” I yelled at the top of my lungs, I felt slightly pathetic but my thoughts were muffled as Jewel slammed her body downwards and I was pushed all the way inside her. I groaned loudly as she moved up and down panting with me. “How does that feel baby?” lei chiese. It was amazing, my wife and I were having amazing sex for the first time in over 2 years. “It’s fucking amazing I yelled”, she let out a playful howl as she increased her pace. She hadn’t lost any of her skills, my wife had the precise motion that would make a man scream for days. I couldn’t take it anymore as I lifted my hands and placed them on her thighs. Her body felt so amazing, I ran my hands along what felt like a silk night dress which was loosely worn. I pulled her in close to me and pelted my hips back and forth as my cock slammed in and out of her. She screamed in pleasure and I continued to relentlessly thrust away releasing my build-up of desire in every motion. I felt her moan louder and higher before she collapsed on top of me. Her breasts pushed against me and I felt her nipples harden through the silk. "Dio mio!" she said, “You made me orgasm!” I was surprised, it seemed after so long and so much temptation we were on edge. I myself was barely holding on inside my wife. Her hands landed on my cheeks and she kissed me with appreciation moving slowly on top of me. “You want to see this girl fuck you?” lei chiese. I nodded and Jewel giggled under her panting and placed her hands on my blindfold. “Say please” she demanded as he hips continued to rock. I smiled and obeyed her commands, “Please Jewel, I want to watch you”. As I rubbed her body Jewel removed my blindfold. My eyes adjusted and I saw my wife in a beautiful purple nightgown which flowed off of her curvaceous body. I gasped as I looked up at her in awe and Jewel raised her body to give me a better look. “Fuck Jewel, you look amazing” I yelled uncontrollably. Jewel’s face lit up and in the candle light I watched her rock back and forward. She was even wetter than before and with ease she pulled me nearly all the way out and slammed down repeatedly as I watched her breasts jiggle. I groped her tightly losing control as Jewel began to moan, her breasts were large but composed in her older age. There were no stretch marks on her body or obvious damages of any kind. As a 37 year old woman Jewel was near perfect. I wrapped my arms around Jewels lush body and rolled her over so I was on top with our bodies still connected. She passively followed my movements and I found myself staring down at her. She looked magnificent from all angles, I noticed Jewel becoming slightly self-conscious as her arms tried to cover her body. I pulled her arms away and looked her deeply in the eye, “Please don’t ever hide this beautiful body from me Jewel” I said sternly. I assertiveness made her body go limp as she let out an emotional moan. I began penetrating deep inside her again holding myself close to her. I knew I was nearing an end so I took my opportunity to strip Jewel down and discover her body. Her silk gown glided off and exposed her body in the candle light. I remained in awe of Jewel as her body glowed in my eyes. I lowered my head and kissed her stomach and nipples while I thrusted inside her. Her body curled in pleasure as I paid particular attention to her large round nipples. They were surely her sensitive spots.

I could no longer hold on with the abundance of ecstasy in the room. Between my cock sliding effortlessly inside Jewel, her moaning which was music to my ears and watching her beautiful body in the candle light I felt myself ready to finish. With a final few motions Jewel felt me tense and her hips bucked into me allowing me to ejaculate. I blasted myself inside her and moaned loudly, she cried out playfully as if she was proud of her accomplishment. My body went limp with the final few thrusts and I collapsed beside Jewel who crawled onto my chest. Usually she would have left to the bathroom to clean up, but we were so madly in love we didn’t care. It didn’t even faze us that I had finished inside of her as we curled up next to each other affectionately, we just wanted to stay close together for as long as we could. As far as I was concerned our sex was not finished, being able to hold my wife close and for us to share our warmth with one another was a pleasure on a different level. Without care we fell asleep from the exhaustion both with a smile on our faces. My marriage looked as if it was saved, but I wasn’t done fixing it yet.

Storie simili

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

2.1K I più visti

Likes 1

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

2K I più visti

Likes 0

Il mio dovere patriottico

Vengo da una famiglia di militari. Anche se non mi sono unito a me stesso, ho sempre sostenuto coloro che lo fanno. Un fine settimana ho davvero avuto la possibilità di sostenerli, con la benedizione di mio marito! Era nell'esercito e capiva perfettamente cosa stava succedendo, quasi lo incoraggiava. Stavamo attraversando Dallas mentre tornavamo a casa dalle vacanze. Ci siamo fermati in un hotel per la notte poiché non avevamo fretta e abbiamo trascorso la serata rilassandoci un po'. Siamo scesi al bar dell'hotel per una cena tardiva e qualche drink. Mentre eravamo lì abbiamo iniziato a parlare con un ragazzo...

1.9K I più visti

Likes 0

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.7K I più visti

Likes 0

Cat Fight 22 Modifiche

TERMINI tinton  - 2 1/2 secondi spettro - 2 1/2 minuti Toton -   2 1/2 ore minton -  2 1/2 giorni daycon -  2 1/2 settimane Malant -  2 mesi e mezzo quant  -  2 1/2 anni galant -  2 1/2 secoli Metson - 2 1/2 pollici maclon  - 2 piedi e 1/2 Heckson - 2 1/2 miglia tetson -  2 1/2 acri unità -    2 1/2 cc Personaggi Bill Axor (AKA Ambrose) - Clan Lion, Cit-Chac-Coh Re Tomco Traxor - Il padre morto di Bill, clan dei leoni Re Tobias Traxor - Il fratello morto di Bill, clan dei leoni Regina...

1.7K I più visti

Likes 0

Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2 La prima parte descriveva JB un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente... Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per...

1.7K I più visti

Likes 0

Dominio su debole

Karen ha concluso i suoi diciotto anni. Ha cinque fratelli, era la più grande. Hanno avuto una difficile situazione finanziaria come molte altre persone negli ultimi tempi. Era giunto il momento per lei di cercare perfettamente un lavoro con una stanza in affitto o qualcosa del genere. A causa delle cattive condizioni, non poteva permettersi molte cose. Comunque era una bella ragazza. Anche con la sua corporatura piccola di 5 piedi (1,65 m), aveva gambe lunghe e snelle incredibili, braccia sottili con dita lunghe. Fortunatamente, sua madre è riuscita a trovarle un'offerta di lavoro come domestica per un uomo d'affari quarantenne...

1.6K I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

1.6K I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.