A dare una mano a zia Vanessa

753Report
A dare una mano a zia Vanessa

Avevo solo 15 anni, la scuola era finita per l'estate ei miei due migliori amici erano via per un paio di settimane. Non avrei nient'altro da fare se non girovagare per casa giocando ai videogiochi, visitando siti porno e masturbandomi tre o quattro volte al giorno. Non è stato davvero sorprendente che la mamma alla fine si sia arrabbiata con me e mi abbia detto di smetterla di muggire per casa e di fare qualcosa di utile. "Togliti da sotto i miei piedi e vai da zia Vanessa e vedi se può darti qualcosa da fare."

Zia Vanessa era la sorella maggiore della mamma di circa quarant'anni. Era tornata in città circa una settimana prima dopo aver divorziato e stava affittando una casa mentre sistemava le cose. Almeno così ha detto la mamma. “Puoi aiutarla a sistemare le cose o spostare i mobili o dipingere. Deve esserci qualcosa che può trovarti da fare che è meglio che giocare su quel computer tutto il giorno. Sei una tale infelicità con i tuoi amici lontani. Un paio di minuti dopo aveva telefonato a zia Vanessa e mi aveva mandato via. La mamma era davvero bella, ma zia Vanessa era ancora meglio. Aveva i capelli castani sulle spalle e profondi occhi castani intonati. Era anche piuttosto alta a circa 5 piedi e 8 pollici con un corpo snello che ha lavorato per mantenerlo correndo molto e usando una palestra. Andavo avanti, non volendo davvero aiutarla, anche se mi sarei divertito a guardarla con gli occhi, nonostante fosse mia zia. Era sempre gentile con me e mi piaceva Ok ma avevo di meglio da fare. Alla fine però sono arrivato a casa sua e ho suonato il campanello.

"Se sei tu Jimmy, entra, la porta è aperta" ha chiamato e sono entrato in casa. Davanti a me, verso la fine del corridoio, c'era un'alta serie di scale sistemate sotto un lampadario e zia Vanessa stava cercando di fissare una nuova tonalità alla luce. “Ciao Jimmy,” disse, voltandosi a guardarmi, “mi aiuteresti, vuoi? La scala è un po' instabile, quindi tienila per me, per favore.

"Ciao zia Vanessa", ho risposto mentre mi avvicinavo alla base della scala e mi aggrappavo a entrambi i lati.

"Oh, grazie Jimmy", disse, "fammi solo indossare questa sfumatura e poi ci preparerò una bibita fresca, ti piacerebbe?"

"Sì, certo", risposi, guardandola e sentendo la mia gola seccarsi un po' su di me. Si stava allungando fino alla lampada e indossava un paio di pantaloncini corti di jeans e una camicia attillata annodata davanti sopra una maglietta. I suoi capelli erano raccolti in una ciocca, ma ci stavo prestando poca attenzione mentre guardavo le sue gambe e la guardavo dalla punta dei piedi alla testa. Avevo sempre pensato che fosse bella, come mamma, ma ora mi sembrava fantastica. I suoi seni erano tesi contro la maglietta mentre si alzava, ma fu la giuntura dei suoi pantaloncini ad attirare la maggior parte della mia attenzione. I suoi piedi erano entrambi sullo stesso gradino della scala e le sue gambe erano leggermente divaricate, permettendomi di vedere la cucitura dove sapevo che la sua figa era appena dietro. Nel punto in cui i suoi pantaloncini incontravano le sue cosce, c'era un leggero spazio tra la pelle e il materiale e potevo solo intravedere un lampo di pizzo delle mutandine attraverso quello spazio.

Stavo fissando il vuoto, e il mio cazzo si stava indurendo come i cazzi di quindici anni si induriscono nei mondi dei sogni di quindici anni, quando all'improvviso mi resi conto che mi stava guardando dall'alto. Ho provato a fingere che stavo solo sognando ad occhi aperti e mi sono guardato intorno nella stanza e verso la lampada, ma sapevo che mi aveva visto fissare il suo inguine. "Tieniti alla scala mentre scendo", disse con un sorriso, "e concentrati su quello che stai facendo o mi farai cadere qui". Poi ha affrontato la scala e ha iniziato a indietreggiare verso di me. Non ho resistito e ho fissato il mio sguardo sulle sue natiche ondeggianti mentre si avvicinavano a me e poi oltrepassavano il mio livello degli occhi con la sua vita sottile e la schiena tesa che seguivano. Mentre era al sicuro fino al quarto gradino, mi spostai di lato per lasciarla passare e anche per cercare di vedere di sfuggita la sua scollatura. L'avevo fatto di nuovo! Ed eccola lì, che mi guardava mentre la guardavo. Potevo sentirmi arrossire mentre diceva: "Mio, mio, sei di uno di quegli stati d'animo oggi, vero?"

"Di che umore?" chiesi scontroso, pensando che stavo per essere sgridato per averla sbirciata.

"Uno di quegli stati d'animo da adolescente arrapato in cui vuoi dare un'occhiata a qualsiasi cosa in una gonna in modo da poter pensare a cosa faresti se ne avessi la possibilità."

"Che cosa? Non lo ero! mi sono agitato. Stavo solo tenendo la scala come mi avevi detto. Non stavo facendo niente!

“Oh, andiamo adesso. Non metterti così sulla difensiva. Non sono arrabbiato o altro e non ho intenzione di andare d'accordo con te, ma ammetto che stavi cercando di dare una sbirciatina ai miei pantaloncini e poi proprio ora stavi cercando di dare un'occhiata al mio petto.

«Be', va bene, ma è stato un incidente. Non volevo ed è semplicemente successo. Non ho visto niente però. Onesto."

“Hmm. Certo che no. ribatté lei con una punta di sarcasmo. “Comunque, non litighiamo. Ti prendo quella bibita fresca e possiamo sederci un po' prima di iniziare il prossimo lavoro. Vuoi una birra o qualcosa di morbido?"

"Che cosa?" dissi, sorpreso e pensando di aver capito male. Ha ripetuto la sua offerta con una sorta di sfida nella voce, quindi ho detto: "Sì, birra, per favore, zia Vanessa". Forse dopotutto non ero nei guai, ho pensato mentre rientrava nella stanza con due birre stappate e si sedeva sul divano accarezzando il sedile accanto a lei per farmi sedere con lei.

Abbiamo sorseggiato le birre per qualche minuto mentre lei mi diceva cosa voleva fare in casa e come avrei potuto aiutarla, poi si è voltata a guardarmi completamente e ha detto: “Allora, Jimmy. Ti è piaciuto quello che hai visto prima?"

“Umm, beh, onesta zia Vanessa, non ho visto proprio niente. So che stavo cercando e mi dispiace ma era ok, eri coperto.

“Allora è stata solo la tua immaginazione a causare quel rigonfiamento nei pantaloni. È questo che stai dicendo?

Mi stavo contorcendo ora perché sapevo che mi aveva sorpreso a guardarla, ma non sapevo che aveva visto la mia semi erezione mentre lo facevo.

“Se posso renderti mezzo duro non mostrandoti nulla, allora come sarai se ti mostrassi davvero qualcosa? Ti piacerebbe quel Jimmy? Ti piacerebbe dare un'occhiata a me invece di quelle riviste per ragazze che sono sicuro hai nascosto nella tua stanza?

Non sapevo come rispondere e non sapevo se stesse solo prendendo in giro o cosa, quindi immagino di essermi seduto lì con la bocca aperta cercando di pensare a qualcosa da dire. Poi ha riso e mi sono sentito così stupido che ho semplicemente sbottato: "Sì, mi piacerebbe guardarti zia Vanessa, mi piacerebbe vedere le tue tette e la tua figa così lì!" Merda, ho pensato, ora l'ho fatto. Mi colpirà uno e mi manderà a casa e sarò messo in punizione dalla mamma per averle parlato in quel modo. Il mio cuore batteva all'impazzata, ma ciò che accadde dopo lo fece battere ancora più velocemente.

“OK,” disse in modo lento e deciso, “ma è meglio che tu non dica niente a nessuno se lo faccio. Se lo scopro, dillo a qualcuno che sarai in grossi guai e se tua madre lo scopre non mi parlerà mai più. Quindi faresti meglio a promettere che qualunque cosa accada rimarrà tra noi due.

Cristo, ho pensato, lo intende davvero! Vedrò delle vere tette e una vera figa cresciuta, non solo alcune protuberanze delle tette di ragazze o un rapido flash di una figa adolescente, ma la cosa reale. Il mio cazzo stava già iniziando a indurirsi al pensiero mentre borbottavo "Prometto a zia Vanessa, non dirò niente a nessuno".

“Dai allora, seguimi dove possiamo avere un po' di privacy e non preoccuparti per le persone che passano e ci vedono” e mi ha portato su per le scale fino alla camera da letto dove ha fatto un cenno al letto per farmi sedere. Si fermò davanti a me e sciolse il nodo della camicia per aprirla e lasciarla cadere a terra. Poi si è tirata la maglietta sopra la testa e l'ha lasciata cadere per unirsi ad essa. Rimase lì con la mano a coppa sulle tette e le fece oscillare leggermente e venendo verso di me disse: "Ti piacerebbe baciarle Jimmy?" Ho guardato queste bellissime tette e ho ammirato la loro pienezza e i capezzoli bruno-rosa che risaltavano duri e ne ho preso uno sulla bocca e ho cominciato a leccarlo e succhiarlo. Mi ha tenuto la parte posteriore della testa e mi ha accarezzato i capelli dicendo: “È carino questo Jimmy? Ti piacciono le mie tette? Hanno un buon sapore?"
Non credo che si aspettasse davvero che rispondessi mentre mi teneva stretta e spostava la mia bocca dall'una all'altra. Poi ha lasciato andare la parte posteriore della mia testa e ha fatto un passo indietro mentre abbassava i pantaloncini di jeans sul pavimento e scalciava le scarpe. Poi mi ha spinto di nuovo sul letto e si è sdraiata accanto a me con addosso solo le mutandine di pizzo rosa.

Ha cullato la mia testa contro il suo petto e ho iniziato a leccarla e succhiarla di nuovo. Ormai il mio cazzo era infuriato e il mio cervello da quindicenne ha preso il sopravvento e ho fatto scivolare la mano sulle sue mutandine per provare a sentirla. Mi prese la mano e la tenne dicendo: “Vuoi accarezzare il pizzo Jimmy? Fallo bene e lentamente e te lo permetterò. Misi i freni sulla mia mano errante e cominciai lentamente ad accarezzarle la parte anteriore delle mutandine. Potevo sentire i suoi capelli nel punto in cui si infilavano nel pizzo e li accarezzai lentamente. Cominciò ad alzare i fianchi verso di me e la mia mano scivolò lungo il pizzo tra le sue gambe e potevo sentire il suo calore mentre accarezzavo il tassello dei suoi pantaloni. Quasi immediatamente ho sentito la sua umidità filtrare e lei gemeva mentre facevo scivolare la mano su e giù. "Entra Jimmy, toglili e accarezzami la figa."

Non avevo bisogno di un secondo invito e ho infilato la mano nella fascia in vita e ho iniziato a spingerli verso il basso mentre lei mi aiutava alzandosi e spingendo con la mano dall'altra parte e li gettavamo sul pavimento. Ora era completamente nuda sdraiata accanto a me e guida la mia mano verso la sua fessura mentre spinge anche la mia testa verso il basso. "Oh, ohhhhh, sì Jimmy, così" gemette mentre guidava il mio dito lungo la sua fessura e attorno al suo clitoride, "Sto venendo ora" gemette mentre mi afferrava la mano e infilava le mie dita dentro di lei. Era tutta calda e bagnata e ho schiacciato le dita dentro di lei. Ho sentito i suoi muscoli afferrare le mie dita e ho pensato che li avrebbe spezzati per un minuto mentre li cavalcava come una creatura selvaggia. A poco a poco è scesa dal suo orgasmo e si è allungata per prendermi la testa tra le mani e farmi scivolare più in basso dicendo: "Per favore, bacialo Jimmy, leccalo dentro e dentro come hai appena fatto con le dita".

Ho abbassato la testa e ho fissato questo spettacolo meraviglioso proprio di fronte a me. Questa non era una foto di una rivista femminile o una clip sfocata su Internet, questa era la cosa reale. Aveva folti capelli ricci castani nella parte superiore che portavano a una meravigliosa fessura rosa brillante con una piccola protuberanza dura in cima. L'ho guardato e l'ho preso e ho visto i lati contrarsi mentre si irrigidiva e ho visto il fluido trasudare da lei in fili lisci e piccoli globuli e ci ho affondato sopra la bocca e ho assaporato la sua salsedine mentre spingevo la lingua più lontano che potevo dentro di lei. Aveva un odore e un sapore meravigliosi e non ne ho mai abbastanza mentre leccavo e leccavo intorno e dentro di lei. Ormai il mio cazzo stava scoppiando e ho detto: "Posso andare a masturbarmi con zia Vanessa, voglio davvero venire e sono così duro che fa male".

“Oh Jimmy. Mi dispiace", ha detto, "quanto egoista da parte mia. È passato così tanto tempo che ho dimenticato me stesso. Fammi vedere” e con ciò si è seduta e si è chinata su di me e mi ha slacciato i pantaloni per togliermeli di dosso, insieme ai pantaloncini. Mentre li spingeva oltre il mio cazzo, è rimbalzato e mi ha colpito sulla pancia con un forte "Thwack" ed entrambi abbiamo riso. "Oh mio, oh mio Jimmy, sei un ragazzo grande adesso, vero?" mormorò mentre si chinava e avvolgeva la sua mano attorno al mio cazzo e cominciava ad accarezzarlo.

"Zia Vanessa, aspetta!" Ho urlato quando ho sentito la pressione aumentare con questa sensazione. "Va tutto bene", ha detto, "va bene, lascialo andare" e io ho fatto come aveva detto e il mio cazzo ha iniziato a zampillare lungo e in alto mentre venivo come mai prima d'ora. Mi ha munto ad ogni scatto e ha guardato ogni colpo mentre volava sulla mia pancia e sulla sua mano e sono sicuro che ha raggiunto di nuovo l'orgasmo mentre lo faceva perché ha alzato gli occhi verso l'alto e poi li ha chiusi mentre si mordeva il labbro . "Oh, sei proprio come una bottiglia di champagne che si spegne, vero Jimmy?" rifletté. Mentre iniziavo a sistemarmi nei miei scatti finali, abbassò la bocca sul mio cazzo e se lo portò in fondo alla gola. "Mmmm sì, proprio come lo champagne, solo meglio." Ero così sensibile a questo punto che ho cominciato a sgroppare e ad allontanarmi un po' da lei. Ha mantenuto una presa su di me e ha sollevato la bocca dal mio cazzo e poi ha dato un piccolo colpetto alla giuntura della pelle appena sotto la testa.

“Scusa Jimmy, sto diventando un po' troppo impaziente lì, ma volevo solo un assaggio del tuo sperma. È passato così tanto tempo dall'ultima volta che l'ho fatto e mi manca.

"Va bene zia Vanessa", il mio cervello da adolescente pieno di testosterone si è riacceso, pensando di aver interrotto l'azione con il mio allontanamento, "Ha solo fatto un po' male ma puoi farlo di nuovo se vuoi" e per fortuna ha ripreso a mordicchiare il mio cazzo e leccare di nuovo per tutta la sua lunghezza, solo che questa volta con un po' meno ferocia. Ebbi appena il tempo di ammorbidirmi quando lei mi fece di nuovo duro e fece oscillare la gamba sopra di me per sistemarsi sopra il mio viso. "Baciami ancora Jimmy." Ho allungato le braccia intorno alle sue natiche e l'ho tirata giù sulla mia bocca dove ho ricominciato a leccarla e ad affondare la mia lingua dentro di lei, facendola roteare mentre lei si allungava in avanti e mi accarezzava il cazzo. Gemeva di nuovo di piacere e si dondolava sul mio viso mentre versava i suoi fluidi su di me. Ha strillato di nuovo in un altro orgasmo e ha abbassato la testa sul mio cazzo dove ha iniziato a far scorrere la bocca su e giù per la sua lunghezza mentre la sua mano massaggiava l'asta. Dopo qualche minuto ha alzato la testa e ha detto: "Hai mai scopato qualcuno, Jimmy?"

“No zia Vanessa, sei la prima persona che me lo succhia. Finora sono riuscito a farmi segare solo da un paio di ragazze.

"Bene Jimmy, allora è ora di cambiarlo" e si è sollevata dalla mia faccia e si è girata in modo da essere appollaiata sopra il mio cazzo che teneva in mano. Lo accarezzò un paio di volte e poi si abbassò verso di esso. Quando l'ha raggiunta, ha asciugato la testa del mio cazzo lungo la sua fessura succosa e mi ha sorriso mentre si abbassava sul mio cazzo finché non era completamente sepolto dentro di lei. Non riuscivo a credere alle sensazioni che questo mi dava. Il mio cazzo si sentiva così bene dentro questo suo buco caldo mentre lei ci si avvolgeva attorno. La mia mente stava impazzendo pensando che questa fosse la tua prima vera scopata, la prima volta che hai avuto il tuo cazzo nella fica di una donna ed è anche una donna adulta! "Oooh sì Jimmy, oooh sì, va bene," sospirò mentre faceva dondolare il bacino contro il mio, strofinando la clitoride contro di me per portarsi a un altro orgasmo dove la sensazione dei suoi muscoli pulsanti sul mio cazzo mi fece impazzire di piacere. .

“Accidenti, zia Vanessa, è incredibile! È come quando mi stavi succhiando prima! Solo meglio!

Lei ridacchiò, “tu ragazzo cattivo Jimmy, ti senti così bene che mi hai fatto venire di nuovo. Ora ti farò sentire bene così come hai me” e si sollevò lentamente fino alla punta del mio cazzo. Abbassai lo sguardo, guardandolo emergere dal suo buco. Era scivoloso e bagnato dei suoi succhi e potevo vederli scorrere lungo i lati in piccoli rivoli, proprio come lacrime. Poi si lasciò cadere di nuovo su di esso e io sussultai per la sorpresa quando lo sentii colpirla nel profondo. Roteò gli occhi verso l'alto e rise di nuovo e ripeté i suoi movimenti per scivolare su dalla mia asta e poi sbatterci sopra di nuovo, facendo un piccolo guizzo per strofinare la sua clitoride contro di me quando toccò il fondo. “Oh, fanculo Jimmy, è così bello, continua a fottermi così. Quel tuo cazzo è così meraviglioso. Voglio sentirti venire dentro di me” disse a denti stretti mentre mi cavalcava e cominciava ad accelerare. Ad ogni alzata contraeva i muscoli e mungeva il mio cazzo con la sua fica. Potevo sentire i cambiamenti di pressione mentre lo faceva e la mia testa girava per il brivido di tutto ciò mentre le mie palle cominciavano a sentire come se stessero per scoppiare di nuovo. "Zia Vanessa, sto venendo di nuovo" ansimai.

“Sì Jimmy, lo so e questa volta vengo con te. Andiamo mio piccolo stallone del cazzo! Fammi sentire che spruzzi ora” e iniziò ad alzarsi e abbassarsi su di me a un ritmo maggiore così che era quasi una macchia sfocata sopra di me con le sue tette che rimbalzavano leggermente su e giù mentre mi cavalcava. La vista e la sensazione erano troppo per il mio cervello di quindici anni e ho iniziato a sparare il mio sperma. "Argggh, sì!" Ho gridato mentre uno scatto dopo l'altro mi ha lasciato per inzuppare le sue viscere e anche lei ha gridato e ha iniziato a sgranocchiare me con quei suoi muscoli contratti e poi ha rallentato se stessa in modo che potessimo entrambi assaporare le sensazioni che ci stavamo dando l'un l'altro. A poco a poco, ha interrotto i suoi movimenti e si è sdraiata sopra di me con la sua fica che si contorceva intorno al mio cazzo. Anche se nessuno di noi due si muoveva, mi sentivo come se fossi ancora succhiato e strofinato da lei mentre continuava le sue contrazioni palpitanti. Ero esausto per l'eccitazione dell'evento e sono rimasto lì a guardarla in faccia. Ha appoggiato la testa sulla mia spalla con gli occhi chiusi e piccole gocce di sudore sulla fronte e sul labbro superiore e poi ha posato un bacio lungo e lento sulla mia bocca dove ha fatto scivolare la lingua tra i miei denti per esplorare e gocciolare la sua saliva Dentro me. Si sentiva meravigliosa e aveva un sapore meraviglioso e non credo che proverò mai più le sensazioni che ho provato in quel momento.

Dopo che siamo rimasti lì in silenzio per un po', si è alzata sul gomito e ha detto: “Ok Jimmy, faresti meglio a tornare a casa o tua madre chiamerà per vedere cosa stai facendo. Non dimenticare però, se ti annoi in casa puoi sempre venire di nuovo ad aiutarmi ”ed entrambi abbiamo riso di questo, sapendo che l'avrei aiutata molto quest'estate.

Storie simili

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

286 I più visti

Likes 0

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

161 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.8K I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

2K I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.7K I più visti

Likes 0

Piccola cosa rotta

Piccola cosa rotta DarksX per sexstories.com Potrei chiedere alla mamma di lasciarmi venire a vivere con te dopo che si sono sposati, sai, ha detto Ava sedendosi di traverso sul divano enorme che avevo davanti alla TV. La giovane ragazza si è svegliata tardi, ha mangiato una ciotola di cereali per colazione, poi è venuta in soggiorno a farmi compagnia mentre controllava i compiti del fine settimana sul tablet. Mi sono seduto sulla comoda poltrona reclinabile sul lato destro della grande sala TV, perpendicolare a dove sedeva lei, e ho guardato una gara di Formula 1. La mia settimana era stata...

1.8K I più visti

Likes 0

La storia di Margo 2 - Carlo

Abbiamo iniziato a baciarci e, naturalmente, ho lasciato che mi accarezzasse il seno. Non ero sicuro di quanto sapesse della mia disponibilità a fare altre cose, ma ha messo una mano sulla mia gamba e gli ho permesso di allungare una mano sotto la mia gonna e strofinare la mia coscia sul bordo delle mie mutandine. In quel momento mi sono girato leggermente e ho messo la mano sul rigonfiamento dei suoi pantaloni. Il suo respiro accelerò mentre lo strofinavo vigorosamente lì. Lui, ovviamente, lo prese come un permesso per giocare con la mia figa, prima all'esterno delle mie mutandine e...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.