Futa's Wild Passion 02: Futa Shower Fun della sorella

689Report
Futa's Wild Passion 02: Futa Shower Fun della sorella

La passione selvaggia di Futa

Capitolo due: Divertimento sotto la doccia Futa della sorella

Di miopenname3000

Diritto d'autore 2019

Nota: grazie a FallenAngelX00 per la beta che legge questo!

È stata una giornata così selvaggia.

Mi sono inginocchiato tra le cosce della mia sorellina, leccando la sua fica deflorata da diciottenne per ripulirla dal mio futacum. Rabbrividii, il mio nuovo clitoride palpitante, duro e dolorante mentre oscillava tra le mie cosce. La mia crema per la figa gocciolava giù mentre banchettavo con la fica fresca di Allie. La sua leggera peluria di peli pubici infuocati mi solleticava le labbra mentre strillava.

“Ooh, sì, sì, è così,” gemette. "Jenny, sì, sì!"

Pensavo che Allie fosse una mocciosa, ma dopo aver preso la sua ciliegia, la vedevo sotto una luce completamente nuova. Stavo vedendo tutto sotto una nuova luce. Pensavo che la mia vita fosse finita quando oggi, durante la chiesa, ho sviluppato la sindrome di Futanari.

Il mio clitoride si è trasformato in un cazzo.

Era una malattia rara. Solo una ragazza su cento milioni ce l'aveva. Ero tipo il terzo caso in America. Sono andato fuori di testa e le parole del dottore su come avrei avuto una vita normale avevano suonato vuote. Pensavo che nessun ragazzo avrebbe voluto toccarmi. Avevo diciannove anni e pensavo fosse tutto finito.

Poi la mia sorellina mi ha fatto irruzione mentre mi masturbavo per la prima volta. Proprio mentre stavo venendo, fantasticando su un rapporto a tre perverso con mia madre e il reverendo Helen August, il moccioso ha iniziato a prendermi in giro. Arrabbiato, l'ho inseguita attraverso la casa e fuori nel cortile sul retro. È fuggita nel suo castello da principessa che il nostro defunto padre l'ha costruita per quando era bambina. Pensava che l'avrebbe protetta.

Sono entrato e l'ho placcata. Abbiamo lottato e poi ci siamo baciati. E poi stavamo facendo l'amore.

"Ooh, sì, sì, continua a mangiarmi", gemette. “Mmm, voglio che tu mi lecchi pulito. Ooh, spero che tu mi abbia allevato.

Mia sorella era pazza. Non sapevo se fosse una fantasia o meno, ma lei mi ha fatto venire due volte dentro di lei senza sella. Ora ho leccato tutto quel meraviglioso sperma. L'ho leccato, banchettando con lei mentre il suo corpo minuscolo tremava. I suoi seni in erba tremavano mentre la sua espressione da ragazza si contorceva di gioia. Trecce biondo fragola le danzavano intorno al viso.

"Sì, sì, è così!" gemette. “Oh, Jenny, meravigliosa futa! Ooh, leccalo tutto!

Faceva così caldo mangiando il mio sperma dalla fica incestuosa della mia sorellina. I suoi succhi freschi mescolati con il mio sperma salato. Gemetti, il mio cazzo dolorante e palpitante. Volevo accarezzarlo, ma mi stavo divertendo troppo ad amarla.

Era così sexy. Avevamo forgiato un legame così profondo e fraterno quando abbiamo fatto l'amore. Ci siamo presi la verginità a vicenda. Le mie mani le afferrarono le cosce, tenendole le gambe flessuose mentre si contraevano e si contraevano. La mia lingua svolazzava tra le sue pieghe, mangiandola, divorandola, amando ogni sua parte.

Aveva un sapore così buono.

Era così sexy.

Una tale delizia da godere. La mia figa vergine si contrasse mentre infilavo la lingua in profondità nel suo buco deflorato. Ho svolazzato dentro di lei, leccandola così come il mio sperma. Gemetti, la mia lingua svolazzava nelle sue profondità. Ho assaporato quella deliziosa figa. Aveva un sapore incredibile. La sua fica calda si strofinò contro la mia bocca. La sua crema scorreva sulla mia lingua.

Che esperienza. È stato un vero piacere. L'incesto era fantastico. La figa di mia sorella minore si è sciolta sulla mia lingua. Svolazzai attraverso di lei, leccando sempre più del mio sperma mentre ansimava sempre più forte.

Mi strinse le cosce sul viso. La sua testa si muoveva avanti e indietro. Lei gemette e ansimò, strofinandosi contro di me. Lo amavo. La mia lingua schizzò fuori di nuovo, raccogliendo altra crema per la sua figa e il mio sperma.

"Jenny!" ansimò. “Mi stai facendo impazzire! Oh, sì, sì, leccami per pulirmi! Ooh, mi hai sparato tutta quella crema! Devi ripulirmi!

"SÌ!" gemetti.

"Hai preso la mia ciliegia, mi hai allevato, quindi ora devi prenderti cura di me."

Il mio futa-cock pulsava. Se avessi davvero allevato la mia sorellina...

Ho banchettato con lei con tanta fame. Ho premuto le mie labbra nella sua fessura stretta. I suoi radi peli pubici si strofinavano contro il mio viso. Lei gemette e piagnucolò. Le sue dita si strofinarono i capezzoli gonfi e rosa. I suoi occhi azzurri saettarono intorno.

"Questo è tutto!" ansimò. “Ah, sì, sì. Jenny!»

La mia sorellina mi strinse forte le cosce intorno al viso. Tutto il suo corpo tremava. Poi sgorgò un fiotto della sua panna fresca. Mi è caduto sul viso. Mi ha fatto il bagno con la sua meravigliosa crema. L'ho leccato. Ho adorato il sapore. La mia lingua dardeggiava intorno alla sua fica, assaporando la sua crema.

Mi sono divertito a farla venire. Le sue mani si abbassarono, afferrando manciate i miei capelli rossi. Mi ha stretto forte nella sua figa mentre i suoi gemiti echeggiavano sulle pareti di plastica del castello dei giochi. Si dimenò e si dimenò, saltando contro di me.

“Sì, sì, sì, sei la sorella migliore! Mia sorella futa! Ti amo!"

"Allie!" Gemetti mentre leccavo la sua crema. Volevo scoparla. Volevo essere di nuovo in lei. Ma... ma... "Dannazione".

"Che cosa?" chiese mentre tremava per il piacere.

Mi misi a sedere, leccandomi le labbra. Lanciai un'occhiata alla porta rosa del castello e fuori dalle finestrelle. «La mamma tornerà presto a casa. E Sara o Tara alla fine usciranno dalla loro stanza e ci troveranno.

Mia sorella ha alzato gli occhi al cielo. “I gemelli stanno studiando. Non usciranno”.

Tara e Sara erano le nostre sorelle gemelle maggiori. La mamma li ha lasciati al comando quando è uscita per fare una commissione dopo avermi riportato dal dottore. Conoscevo mia madre. Mi controllava, assicurandosi che stessi bene.

«Dobbiamo ripulirci», dissi. Ho annusato l'aria. “Profumiamo un po' come...”

"Stavamo scopando?" Suggerì Allie, la ragazza minuta che diceva la parola con un sorriso malizioso. Trovava ancora imprecare qualcosa di cattivo.

«Sì», dissi. "Quindi dovremmo andare a fare la doccia in fretta."

"Insieme?" chiese Allie.

Il mio futa-cazzo pulsava. Le diedi uno sguardo di traverso. "Se lo facciamo, finiremo per scopare."

"E?" La mia sorellina birichina mi ha afferrato il cazzo. Lo accarezzò, questo sorriso malvagio sulle labbra.

Gemetti, rendendomi conto di aver scatenato un mostro. Un mostro amante della futa.

Raccogliemmo i nostri vestiti e ci precipitammo nudi fuori dal castello dei giochi. Sapevo che era malvagio, ma la mamma non era ancora tornata e aveva ragione. I gemelli erano sempre nella loro stanza a studiare. Era così cattivo attraversare il prato, il sole caldo sulla nostra schiena. Il mio futa-cock rimbalzava davanti a me, le mie tette si sollevavano. Allie corse via, il suo sedere stretto sembrava carino ei suoi fianchi snelli, quasi maschili.

Stava appena sbocciando nella femminilità.

Raggiunse la porta scorrevole in vetro e la spalancò. Si voltò e mi sorrise, le sue trecce svolazzanti. Lei inarcò le sopracciglia e poi si girò di scatto. Mi precipitai dietro di lei, chiudendo la porta e poi correndo attraverso la casa.

Mi ha preceduto. Quando raggiunse le scale, si chinò, la figa in mostra. La sua fessura non era così stretta da ragazzina come lo era prima, le labbra della figa che spuntavano dalla sua vulva. Mi leccai le labbra, i suoi succhi freschi le ricoprivano ancora.

Ridacchiò mentre correva davanti alla stanza di nostra sorella.

"Non uccidetevi a vicenda!" gridarono Tara o Sara mentre ci precipitavamo davanti.

Allie irruppe in bagno, gettando i suoi vestiti sul pavimento. Saltò nella doccia e l'accese mentre entravo e chiudevo la porta dietro di noi. Ho messo la mia roba sul bancone, ansimando, il mio futa-cazzo che ondeggiava forte davanti a me. Pulsava con il mio battito cardiaco. Spinse fuori dal mio cespuglio infuocato, le labbra della mia figa avvolte attorno ad esso.

Era cresciuto in fretta. Nel giro di un'ora, era passato da un piccolo clitoride più piccolo del mio capezzolo a un enorme cazzo che si protendeva davanti a me. Nessuno sapeva cosa causasse la sindrome futanari, sebbene fosse leggermente più comune in Giappone che in qualsiasi altra parte del mondo.

Da qui il nome.

«Andiamo», disse Allie, mentre l'acqua le inzuppava le estremità dei codini. Brillava, sembrava così sexy.

"Ricorda, dobbiamo ripulirci", le dissi mentre saltavo dentro.

"Sì", ha detto, afferrando il mio cazzo futa. "Lascia che ti ripulisca."

Lo spruzzo mi schizzò sulla schiena mentre lei cadeva in ginocchio davanti a me. Dal sorriso malizioso sul viso della mia sorellina, avrei dovuto sapere che non aveva intenzione di usare il sapone per farlo. Invece, la ragazza monella ha strofinato le labbra contro la punta del mio cazzo.

Gemetti alla calda sensazione delle sue labbra. Si sentivano così cattivi contro di me. La sua lingua ci danzava sopra. Ha leccato il precum che fuoriesce. Mi contorsi, la mia figa bevendo la sensazione svolazzante. L'acqua calda che mi tamburellava sulla schiena mi massaggiava mentre mi amava.

«Allie», piagnucolai.

“Sei proprio enorme,” gemette. "Non riesco ancora a credere di essere riuscito a succhiarti in bocca prima."

«Lo so», gemetti.

"Kathy Greene dice che adora succhiare i cazzi", gemette mia sorella. Kathy era la figlia del mio insegnante. "Capisco perché."

«È cattivo da parte sua», ansimai.

"Devo amare ogni parte di te!"

Allie premette la bocca contro il mio cazzo. Gemetti, il mio cuore batteva all'impazzata. Il mio respiro accelerò. La mia figa si contrasse mentre faceva scivolare le labbra sulla mia corona spugnosa. I suoi occhi azzurri brillarono su di me mentre apriva la mascella sempre di più.

Ha schioccato la testa del mio cazzo in bocca.

Ha strillato di gioia, le sue labbra si sono sigillate sulla mia asta. La sua passione era incredibile mentre ronzava sulla mia corona sensibile. Poi la sua lingua ha danzato intorno alla spugnosa corona del mio cazzo. Questo calore malvagio è salito attraverso di me. Il mio corpo tremava. I miei occhi sbatterono.

Ha succhiato forte.

"Allie!" piagnucolai.

Era così diverso dall'essere nella sua figa. Questa è stata una corsa incredibile mentre la sua testa oscillava su e giù per il mio cazzo. Mi sono piaciuti entrambi. La sua figa e la sua bocca erano entrambe fantastiche. Rabbrividii sotto la doccia mentre mi allattava il cazzo.

La sua lingua bagnava il mio cazzo mentre dondolava la testa. Ha succhiato con tanta fame. La sua mano afferrò la base del mio cazzo. Lo strinse su e giù, aggiungendo un po' di stimolazione. La maggior parte del piacere, tuttavia, proveniva dalla sua bocca affamata.

I miei seni rotondi ondeggiavano sopra la sua testa. Ho ondeggiato sotto il getto della doccia. L'acqua scorreva fino al mio culo, accarezzandomi il sedere mentre la mia sorellina mi succhiava. L'incestosa beatitudine di essere nella sua bocca mi pervase.

"Oh, dannazione, Allie", gemetti, afferrandole le trecce.

Lei staccò la bocca. “Ooh, sì, sì, tienili come manubri. Kathy Greene dice che è il massimo quando i ragazzi lo fanno.

"Wow, è una cattiva", gemetti.

Allie mi sorrise. Poi ha nuovamente inghiottito il mio cazzo. La sua bocca calda e calda si abbassò intorno ad esso. La mia presa si strinse sui suoi codini mentre faceva scivolare la bocca su e giù per il mio cazzo. Quella meravigliosa gioia mi attraversò. La mia figa si contrasse mentre l'ondata inebriante mi attraversava. La mia testa tremava da una parte all'altra, il mio cuore batteva all'impazzata.

Amava il mio cazzo. Mi ha succhiato forte, la sua lingua che danzava attorno al mio cazzo femminile. Gemetti, la mia figa si stringeva forte. La sua testa si mosse, si contorse. Mi amava con tanta passione. Questa malvagia beatitudine si increspò attraverso il mio corpo. gemetti, il cuore mi martellava nel petto.

"Dannazione!" Gemetti “Oh, dannazione, va bene. Alleato! Sto per venire.

Ha succhiato più forte.

"Vuoi che venga, vero?"

Lei gemette per il mio cazzo, l'estasi ronzante che ronzava intorno alla punta sensibile.

"Così stuzzicante, sorellina," gemetti, il brivido incestuoso della sua bocca che succhiava mi faceva traboccare di piacere.

La pressione costruita nella mia figa. Le mie ovaie sono diventate sempre più strette. Gemetti, il mio cuore batteva all'impazzata. Il piacere mi uscì. Il mio cazzo pulsava e faceva male. gemetti. Mi girava la testa per la gioia della sua bocca affamata.

Mi ha preso in giro. Mi ha fatto impazzire. Lo amavo. Il cuore mi martellava nel petto mentre lei muoveva la bocca. Ha succhiato con tanta passione. Mi ha divorato. Tale estasi selvaggia costruita e costruita in me. Mi stavo avvicinando sempre di più all'esplosione.

Per inondarle la bocca con tutto il mio sperma.

"Allie!" gemetti. "Ci sono quasi. Lo inghiottirai tutto, vero?

Mi ha fatto l'occhiolino.

"Dannazione," ansimai, la mia figa che si stringeva dai suoi caldi succhi. "Sei proprio una malvagia, sorellina."

Non potevo sopportare molto di più. La sua bocca che succhiava era incredibile.

L'acqua mi è caduta lungo la schiena. Mi ha rilassato. La mia testa oscillava da una parte all'altra. La pressione aumentò sulla punta del mio cazzo. Le mie ovaie erano piene di sperma.

"Allie!"

Ha strappato la bocca dal mio cazzo e ha gemuto: "Sborrami in faccia!"

Quelle parole mi fecero venire un brivido selvaggio. È stato così brutto da fare.

sono esploso.

Il mio futa-cum è schizzato dal mio cazzo femminile e ha bagnato il viso della mia sorellina. Ho dipinto l'espressione maliziosa di Allie nel mio sperma incestuoso. I fili luccicanti cadevano in linee fibrose sui suoi lineamenti. Le schizzò sulla fronte e le colò lungo il mento. Aprì la bocca, tirando fuori la lingua.

Un'esplosione bianca si posò su di esso. Lei gemette di gioia, tirandoselo in bocca.

La mia figa ha avuto le convulsioni. Il rapimento e l'estasi si riversarono nel mio corpo. Due diverse delizie hanno sbattuto la beatitudine nella mia mente. Ho tremato, stringendo le sue trecce per sostenermi mentre il mio sperma continuava a fuoriuscire da me. I succhi mi inondarono le cosce, mescolandosi con l'acqua che mi scorreva lungo la schiena. Le stelle danzavano davanti ai miei occhi.

"Allie!" Rimasi senza fiato mentre sparavo un ultimo getto di sperma sul suo viso.

La mia sorellina gocciolava nel mio sperma. Sembrava così sexy con quello sul viso. Gemetti alla sua vista. La mia mascella è caduta. Non riuscivo a credere a quanto fosse eccitante decorare il suo viso con il mio sperma incestuoso. Lo sperma perlaceo gocciolava lungo i suoi lineamenti da ragazza.

Sembrava allo stesso tempo innocente e puttana.

«Allie», piagnucolai.

La sua lingua uscì e leccò lo sperma che le era colato in bocca. Si alzò, le sue trecce ondeggianti. Le estremità aderivano alle sue spalle bagnate. La nebbia si riversava intorno a me, accarezzando il suo corpo ma non lavando via il mio seme. Un po' le gocciolava sui seni, atterrando vicino al capezzolo.

"Era così caldo, Jenny!" Ha afferrato il mio cazzo da ragazza, accarezzandolo. Ero ancora duro. "Amico, avere una sorella con la sindrome di Futanari è così eccitante."

"Immagino che lo sarebbe", dissi, il mio cuore che batteva forte, il mio corpo che ronzava per la beatitudine del mio orgasmo.

Sembrava così sexy, e c'era quella cucchiaiata del mio sperma sul suo capezzolo rosa e gonfio. Mi leccai le labbra e poi abbassai la testa. Chinandosi ha tolto la sua mano dal mio cazzo, ma ne è valsa la pena per inghiottire il nocciolo della mia sorellina. Rimase a bocca aperta per lo shock mentre la succhiavo. Mia sorella tremava, gli spruzzi ora bagnavano la mia testa e cadevano sulle sue spalle. Rovesciò dell'acqua nella mia bocca che allattava.

"Jenny", piagnucolò, muovendo i fianchi da una parte all'altra. "Ooh, sì, sì, ami il tuo sperma."

L'ho fatto. Il mio seme salato aveva un sapore incredibile sulla sua protuberanza. Feci roteare la lingua intorno a lei, pulendola mentre la beatitudine mi scorreva nelle vene. Il mio futa-cazzo pulsava e la mia figa si contraeva. L'acqua scorreva sul mio culo e mi bagnava il cespuglio, accarezzando la mia vulva dolorante prima di scorrere lungo il mio cazzo fino alla punta.

Mi ha preso in giro perché amavo la protuberanza della mia sorellina. Gemetti, succhiandola forte. L'ho mordicchiata e allattata, amando il modo in cui gemeva mentre giocavo con la sua protuberanza. Rabbrividì, le sue dita mi passarono tra i capelli, accarezzandomi.

Mi fa impazzire.

L'ho succhiato forte. L'amavo. Ho giocato con il suo piccolo capezzolo. Era così carino. Mi sentivo proprio in bocca. Lei sussultò di gioia, i suoi fianchi si dimenarono da una parte all'altra mentre succhiavo forte. La fame mi assalì. Questa passione malvagia, sfrenata e birichina è esplosa in me.

Ero così eccitato in questo momento.

Allie ridacchiò quando le sue mani trovarono i miei seni. Mi ha impastato mentre la sua lingua leccava altro sperma dalle sue labbra. Le scorreva sul viso, linee perlacee della mia passione. Gemetti e staccai la bocca dal suo capezzolo, scattando verso l'alto.

“Devo pulirti ora,” gemetti e poi leccai la sua guancia.

"SÌ!" lei ansimò, le sue mani stringevano e impastavano le mie tette mentre leccavo il mio sperma salato. "Jenny, sei la migliore."

Ho tremato, una malvagia ondata di lussuria mi ha attraversato mentre leccavo il mio sperma. Ne assaporai il sapore sulla lingua. Ne ho trovato sempre di più sul suo viso. Ho leccato in giro, la ragazza salata mi ha dato fuoco alle papille gustative.

Le sue mani mi massaggiavano le tette, quasi come se le stesse lavando. I suoi pollici sfiorarono le mie areole mentre la mia lingua leccava la mascella, raccogliendo altro sperma. Rabbrividii, la punta del mio uccello da ragazza le sfiorò lo stomaco mentre le mie labbra trovavano le sue.

L'ho baciata forte.

Infilo la mia lingua nella sua bocca, condividendo il mio sperma con lei. Lei gemette nel bacio, le sue dita massaggiarono più forte i miei capezzoli. La mia ragazza-uccello pulsava, la corona spugnosa pulsava e faceva male contro le sue parti cattive. La gioia si sprigionò da me. La mia fica bruciava, il calore mi invadeva. La mia testa danzava da una parte all'altra, mescolando un nuovo lotto di sperma nelle mie ovaie.

Quanto potrei produrre?

I medici hanno parlato di un aumento della libido.

Allie ruppe il bacio. Aveva un sorriso malvagio sul volto. La sua mano destra scese dal mio seno sinistro per afferrare di nuovo il mio cazzo. "Ti capita mai di rammollirti?"

«Non ne sono sicuro», risposi. “Il dottore non mi ha detto molto di com'era. Voglio dire, non è che ci siano molti di noi.

"Sì, cosa, venti o trenta in tutto il mondo?"

"Qualcosa del genere." Mi morsi il labbro e poi gemetti mentre la sua mano pompava su e giù per il mio cazzo. “Vogliono che vada a fare i test settimanali. Cerca di capire cosa ci rende”.

"Forse hai stimolato troppo il tuo clitoride attraverso la masturbazione." Allie mi sorrise. "Ho sentito l'ansimare pesante nella tua stanza."

Le mie guance bruciavano. "Veramente?"

Lei annuì. "A volte, mi univo a te."

"Ti masturbi?"

Mi ha dato questo aspetto piatto. “Certo che mi masturbo. Ho diciotto anni, non un ragazzino.

"A volte me ne dimentico", ammisi. L'ho guardata. "Voglio dire, hai visto le tue tette."

"Le mie tette sono carine da morire!" sibilò, accarezzandomi il cazzo più velocemente. "E tu lo sai."

"Sì, lo sono", dissi, fissandoli.

"E il mio sedere?" Si è voltata e ha mosso il culo verso di me, la punta del mio cazzo le ha urtato il sedere.

Formicolii che mi risalgono il cazzo dal contatto con la sua carne birichina, gemetti: "Quel culo è carino da morire, Allie".

Si voltò, l'estremità bagnata del suo codino mi colpì la tetta. Un grande sorriso le attraversò le labbra. "Bene! Sono felice che tu apprezzi quanto sia sexy la tua sorellina".

"Oh, lo sono," gemetti, il mio cazzo pulsava. "Credo di aver dato ampie prove della mia attrazione."

Mi fece l'occhiolino, poi afferrò il bagnoschiuma liquido dallo scaffale. Aprì la bottiglia nera e si spruzzò il sapone bianco nelle mani. Non era perlato come il mio sperma, ma di un bianco più puro. Poi mi ha rivolto la bottiglia.

"Dai, è ora di lavarci a vicenda." Questo luccichio malvagio brillava nei suoi occhi azzurri. "Siamo entrambi così sporchi."

Ho teso entrambe le mani, stringendole insieme. Il mio cazzo pulsava mentre spremeva il sapone. Mi schizzò tra le mani, rovesciandosi sui miei palmi in linee filamentose. Era quasi come se ci stesse schizzando addosso, il che mi ha fatto venire un sussulto malvagio.

Rimise la bottiglia sullo scaffale e si insaponò le mani. Bolle di sapone le ricoprirono le dita mentre mi sorrideva. Prima che potessi fare lo stesso, le sue mani erano sulle mie tette, massaggiandomi le tette, ricoprendole di schiuma. I miei capezzoli formicolavano mentre mi lavava.

"Mmm, ora mi copri le spalle", ha detto.

Inarcai un sopracciglio. "Non sei carino come fottute tette?"

Mi ha fatto l'occhiolino.

Le ho girato la mano intorno al busto e ho strofinato il bagnoschiuma sulla sua schiena elastica. Mi sorrise, le sue mani che vagavano sulle mie tette. Li strinse e li massaggiò mentre io le massaggiavo le scapole, impastando i suoi muscoli.

"Ora fai quello che faccio io", disse e abbassò le mani.

Ho inarcato un sopracciglio mentre guardava il mio busto proprio sotto le mie tette. Non ho detto niente, ma le ho lavato la parte bassa della schiena, insaponandola con il sapone. Lei sorrise, le sue mani percorsero il mio corpo, le mie fecero lo stesso con le sue.

Rabbrividii mentre mi massaggiava lo stomaco con le dita. Il suo tocco che mi lavava gli addominali mi faceva venire un formicolio. Il mio futa-cazzo pulsava e la mia figa si contraeva. Mentre le sue mani scendevano sulla mia fronte, io scendevo sulla sua schiena. Si avvicinò sempre di più al mio cespuglio mentre mi avvicinavo al rigonfiamento del suo bel culo.

"Altro sapone!" disse, allontanando di scatto le mani. Afferrò di nuovo la bottiglia.

Una volta che ci fummo entrambi insaponati, le sue mani tornarono sul mio basso ventre, proprio sopra il mio tumulo pubico. Ho trovato il suo coccige, sentendo l'inclinazione iniziale della sua groppa. Aveva un sorriso malvagio mentre le sue dita scendevano sul mio cespuglio, strofinandosi sui miei setosi peli pubici.

Sono scivolato sul suo sedere. Le ho massaggiato il sedere mentre le sue dita sfioravano le pieghe superiori della mia figa. Il suo sorriso divenne solo più impertinente mentre raggiungeva il cazzo della mia ragazza. Avvolse la sua presa insaponata intorno alla mia asta e la accarezzò su e giù mentre le mie dita le massaggiavano il sedere, massaggiandola.

“Mmm, non dimenticare il mio crack,” gemette. "Devo pulirmi perfettamente."

«È impossibile», dissi. "Hai una mente così sporca."

Lei ridacchiò.

Le mie dita affondarono nella sua fessura del sedere. Scivolavo su e giù per il suo crepaccio, accarezzandola, spalmando il sapone nella sua carne. Lei gemette e dimenò i fianchi, il sedere che mi stringeva le dita. Rimase senza fiato quando trovai il suo buco del culo. Accarezzai la sua apertura grinzosa e raggrinzita.

“Mmm, metti un dito lì dentro e assicurati che io sia pulita,” gemette.

"Ooh, sei sporco," gemetti. Era una richiesta così sgradevole, ma ero così eccitato. La sua mano mi strinse il cazzo su e giù, coprendomi di schiuma.

Il mio dito si è mosso nella porta sul retro della mia sorellina. Le sue viscere si serrarono intorno a me. Mi hanno afferrato con questo caldo umido. Mi ha quasi bruciato le dita. Rabbrividii, il cuore mi martellava nel petto mentre pompavo il dito dentro e fuori dalle sue viscere. L'ho presa in giro, l'ho fatta impazzire. I suoi occhi erano così luminosi. Così cattivo e sfrenato.

Si leccò le labbra, inarcando un sopracciglio. Il mio cazzo pulsava nella sua presa mentre le sue viscere si stringevano attorno al mio dito. Era così sexy lì dentro. Così vellutato. Lei fece le fusa deliziata, i suoi occhi azzurri fumanti.

«Ecco fatto», gemette. “Ooh, lavami il culo sporco! Mmm, sì, sì, stai mettendo tutto quel sapone lì dentro.

"Sì, lo sono", ansimai, la pressione che si gonfiava sulla punta del mio cazzo.

«Ma il tuo dito non arriva abbastanza lontano», gemette. “Ho bisogno di qualcosa di più lungo per lavare ogni centimetro del mio buco del culo. Ho bisogno del tuo futa-cazzo!

I miei occhi si spalancarono. La mia sorellina voleva che la fottessi nel culo?

L'idea mi ha attraversato. In un lampo elettrico, stavo venendo. Il mio futa-cazzo è esploso. La mia ragazza-cum è schizzata fuori in potenti impulsi. Le schizzò sullo stomaco mentre il doppio piacere scorreva attraverso il mio corpo. Le esplosive esplosioni di estasi dal mio futa-cazzo si schiantarono nella mia mente seguite dalle dolci ondate di gioia che uscivano dalla mia figa.

"Allie!" Gemetti, il mio futa-cazzo zampillava ancora e ancora.

"Oooh, Jenny, qualcuno si è emozionato!" gemette, il suo buco del culo stretto intorno al mio dito.

Le sue mani insaponate accarezzarono il mio cazzo zampillante. Il piacere mi ha fatto oscillare. La mia mano sinistra le afferrò il sedere scivoloso mentre la doccia girava intorno a me. Una vertiginosa beatitudine mi pervase mentre sparavo un'ultima scarica di sperma sul corpo della mia sorellina.

"Oh, Jenny, sì!" gemette mia sorella, mentre la sborra le scorreva lungo lo stomaco verso il suo cespuglio sparso. «Meno male che non ti addolcisci. Voglio davvero, davvero provare l'anale.

"Sei una ragazza sporca," gemetti mentre si girava, il movimento mi faceva schioccare il dito dal buco del culo.

"Sì!" disse mentre appoggiava le mani contro il muro e dimenava quel bel sedere verso di me. La schiuma di sapone le aderiva alle guance luccicanti. Il mio futa-cazzo pulsava, ancora dolorante. Ancora desideroso di divertirsi.

Rabbrividii mentre fissavo il suo sedere. Ho afferrato il mio cazzo insaponato, rendendomi conto del motivo per cui ha reso il mio albero bello e scivoloso. Ragazza brillante. La mia mano sinistra le aprì le natiche, esponendo il suo sfintere marrone mezzo coperto di sapone.

Mi chiedevo se fossi troppo grande per lei mentre premevo il cazzo contro la sua porta sul retro, ma questo dolore arrapato mi prese. Ho avuto la possibilità di godermi il buco del culo stretto di mia sorella. Lo ha implorato. Lei voleva questo. Non potevo negarla.

Ho spinto in avanti.

"Jenny!" Allie gemette, inarcando la schiena.

"Fa male?" sussultai, allentando la pressione.

"No, no, mi sento solo strano", gemette. "Per favore, Kathy dice che l'anale può stare bene con la persona giusta."

"Non c'è niente che quella ragazza non farebbe?" borbottai.

"Ha ancora la sua ciliegia", gemette mia sorella. "Sai, i pompini e l'anale sono le migliori forme di controllo delle nascite."

"Qualcosa di cui non sei preoccupato," ansimai mentre premevo di nuovo il cazzo contro il suo sfintere insaponato.

"No!" Mia sorella lanciò un sorriso malvagio alle sue spalle. "Mi fotterai tutti i giorni finché non rimarrò incinta."

Ho avuto così tante obiezioni a questo, ma è stato difficile sollevarle perché ho sentito il suo anello anale allargarsi. Rabbrividii al calore vellutato delle sue viscere che avvolgeva la punta del mio cazzo. Il suo sfintere si allungò e si allungò, entrambi gemevamo, gemevamo.

Sono saltato nelle viscere della mia sorellina. Gemetti mentre sempre più del mio cazzo svaniva nelle sue profondità. Non sono andato veloce. Non mi sono tuffato in lei con forza. Sono appena affondato in lei con una leggera pressione. È stato un piacere così malvagio da godere. Gemetti mentre andavo sempre più in profondità nelle sue viscere.

I suoi gemiti echeggiavano nel bagno. “Jenny! Jenny!»

"Dannazione!" Gemetti quando metà del mio enorme cazzo di futa svanì nel suo sfintere. Ho continuato.

"Ooh, questo sembra diverso", gemette, la sua gioia vellutata che si stringeva intorno a me.

"Buono diverso?"

"SÌ!"

Rabbrividii, amando la sensazione delle sue viscere. Era così sexy. Così stretto. Il mio cazzo pulsava. La mia figa si è serrata. Volevo solo scoparla. Sono andato sempre più in profondità dentro di lei. I miei occhi sbattevano mentre prendeva sempre più del mio cazzo. Il mio cespuglio si avvicinava sempre di più alla sua groppa. Mi tremavano i seni. L'acqua calda mi schizzò sulla schiena.

Ho toccato il fondo nel buco del culo della mia sorellina.

Era incredibile essere in lei. Per sperimentare l'abbraccio vellutato del suo buco stretto. Gemetti mentre lei tremava. Tutto il suo corpo ondeggiava, agitando le sue viscere attorno al mio cazzo. Il piacere mi ha increspato l'asta. Il mio cuore urlava nel mio petto, pompando felicità nelle mie vene.

Mi morsi il labbro mentre l'acqua mi schizzava sulla schiena. Non volevo muovermi, eppure il mio cazzo di ragazza implorava più stimoli. Per l'attrito del pompaggio dentro e fuori dalle viscere della mia sorellina. Ero passato da ragazza vergine a futa che l'aveva fottuta in tutti i suoi buchi.

"Oh, wow, sei enorme!" gemette, inarcando la schiena. Il suo buco del culo si è stretto intorno a me.

«Scusa», ansimai.

"Non essere." Mi lanciò uno sguardo da sopra la spalla, gli occhi azzurri lucidi per l'eccitazione. “Amo quanto sei grande in me. Ooh, scommetto che Karen non ha mai preso niente di così grosso nel culo.

«Non è una gara», borbottai.

«Diglielo.» Allie dimenò i fianchi e agitò le sue viscere intorno al mio cazzo. Gemetti per la stimolazione. È salito sulla mia asta fino alla mia figa vergine. "Ora perché non mi scopi?"

«Ti lascio adattare», ansimai.

“Mi sono adattato! Ooh, mi sento come se fossi nato per questo cazzone! Quindi fottimi! Scopami con quel grosso cazzo di futa!

"Non così forte," gemetti mentre tiravo indietro il mio cazzo attraverso il suo paradiso vellutato. “Se i gemelli qui...”

«Possono aspettare il loro turno», borbottò Allie.

"Lo diranno alla mamma, e lei ci ucciderà", ansimai, sbattendo di nuovo nelle sue profondità.

Il mio inguine ha sbattuto contro il sedere di mia sorella. Lo schiaffo umido echeggiò intorno a noi. L'ho assaporato mentre il mio cazzo si crogiolava nell'essere dentro le sue viscere strette. La sua guaina anale vellutata mi ha massaggiato mentre tiravo indietro i fianchi e la scopavo.

Difficile.

Ho sbattuto più e più volte nella guaina anale della mia sorellina. La sua delizia vellutata mi ha massaggiato. Mi ha preso in giro. Quella carne meravigliosa mi ha afferrato, facendomi impazzire. Ho pompato forte verso di lei, le mie mani che le accarezzavano i fianchi. Il piacere scorreva lungo il mio cazzo e riscaldava la mia fica vergine.

«Ecco fatto», gemette. “Sbattimi, Jenny! Colpiscimi il culo! Adoro il tuo cazzo! Ti amo!"

"Anch'io ti amo!" Gemetti, le mie mani scivolarono intorno al suo corpo. Le strofinai la pancia liscia, le mie mani danzavano sulla sua carne.

L'ho accarezzata mentre la scopavo. Le mie mani vagarono sul suo corpo, stuzzicandola mentre le sue viscere si stringevano attorno al mio cazzo di ragazza. Grugnii e gemetti, sbattendo contro di lei forte e veloce. Ho seppellito fino in fondo in lei. L'ho scopata con tutta la mia passione. L'ho alesata. Mi è piaciuta. Grugnii e gemetti mentre pompavo via le sue viscere.

La sua passione si è riversata intorno a me. La sua carne meravigliosa mi ha afferrato. Le sue viscere strette erano un delizioso paradiso che mi portava sempre più vicino all'esplosione. Ansimai, i miei fianchi spingevano forte e veloce dentro di lei. L'ho alesata. Godeva di essere nella sua guaina incestuosa.

Le mie mani scivolarono sul suo stomaco fino ai suoi piccoli tumuli. Ho afferrato le tette della mia sorellina, i suoi capezzoli gonfi che si strofinavano contro i miei palmi. Lei gemette più forte, le sue trecce danzavano intorno alla sua spalla. Il calore nelle sue viscere cresceva e cresceva.

L'ho scopata più forte e più velocemente.

Ho speronato fino in fondo in lei. Ho seppellito nelle profondità delle viscere della mia sorellina. Mi crogiolavo nel piacere incestuoso della sua guaina anale. La punta del mio nuovo futa-cock mi faceva male. La pressione crebbe lì, un altro rilascio esplosivo che si gonfiava e si gonfiava. Le mie ovaie si sono irrigidite.

Sparerei tutto il mio sperma di ragazza nelle sue viscere.

"Ecco fatto, Jenny!" gemette, il suo corpo tremava. Il suo buco del culo si strinse intorno al mio cazzo mentre mi tiravo indietro. “Colpiscimi! Ooh, fammi venire! Ti senti incredibile in me.

"Bene!" gemetti. "Mi piace questa."

"Cazzo pervertito!"

"Moccioso arrapato!"

Lei ridacchiò e poi strillò. “Così eccitato! Sì, sì, spingi quel cazzo dentro di me. Mia sorella maggiore ha un cazzo enorme!

"Non così forte!" Ansimai, il mio cazzo palpitante, dolorante.

I suoi gemiti echeggiavano attraverso la doccia, mescolandosi con lo spruzzo dell'acqua. Il mio cazzo-clitoride ha perforato le sue viscere strette più e più volte. L'ho martellata. Ho alesato fino in fondo in lei. Ho sbattuto in profondità e con forza nelle sue profondità anali.

Lei piagnucolò e gemette, stringendo le sue viscere attorno al mio cazzo di ragazza. Mi è piaciuto quando lo ha fatto. Ha fatto sentire il mio cazzo fantastico dentro di lei. Tipo un miliardo di dollari o qualcosa del genere. La mia figa vergine è diventata sempre più calda, bevendo tutte le sensazioni fornite dal suo buco del culo.

Le strofinai i capezzoli gonfi premendo le mie tette rotonde sulla sua schiena bagnata. Mi chinai su mia sorella più bassa, sodomizzandola duramente. I nostri piedi si spostarono, sfiorandosi l'un l'altro mentre lei tremava. Lei gemette, le sue viscere si strinsero intorno al mio cazzo di ragazza.

"Sto per venire così forte su di te," gemette.

"SÌ!" gemetti. “Voglio che tu esploda su di me. Voglio sentire le tue viscere impazzire.

"Così selvaggio!" Il suo corpo tremò. "Sono così vicino. Non fermarti. Per favore, non fermarti.

«Non finché non sgorgherò nel tuo stretto buco del culo.

Lei girò la testa e mi diede un bacio caldo e veloce sulle labbra. I miei capezzoli pulsavano contro la sua schiena bagnata. Mi spingo in profondità dentro di lei, con forza. Le mie ovaie tremavano. Ero così vicino a esplodere in lei. Solo qualche altro colpo nelle sue viscere strette.

L'ho picchiata forte. La mia carne schiaffeggiava contro la sua. Mi sono sepolto dentro di lei e poi mi sono tirato indietro. Gettò indietro la testa, strofinandomi i capelli sul mento. Lei emise un sussulto. Le sue viscere si strinsero attorno al mio cazzo mentre mi spingevo dentro.

Poi la sua carne si contorse.

"Sì sì sì!" ululò. "Oh, Allie, sì!"

La sua passione riecheggiò intorno a noi mentre veniva sul cazzo della mia ragazza. La sua carne ebbe spasmi e si contorse, contorcendosi intorno a me. Gemetti mentre mi spingevo nelle sue profondità, sentendo la sua guaina vellutata che si increspava intorno al mio cazzo. È stata questa corsa incredibile. L'ho urtata mentre il cuore mi martellava nel petto.

"Oh, mio ​​Dio, Jenny, vieni dentro di me!" gemette. "Sì, sì, dammelo!"

Non riuscivo a credere a quanto fosse fantastico. Barcollai, la passione quasi mi travolgeva mentre martellavo nelle sue viscere convulse. La pressione si precipitò sulla punta del mio cazzo. Non ce la facevo più.

Mi sono sepolto dentro di lei e sono esploso.

"Mi stai venendo dentro!" lei ha urlato. Troppo forte.

I couldn't stop her from screaming her head off. Not with my futa-cum spurting out of my clit-dick and flooding her bowels. My pussy convulsed, spilling hot juices that mixed with the water pouring down my thighs. I trembled, rubbing my boobs into her back as my cock spurted over and over.

“Jenny! Jenny! Yes!”

Her bowels milked my futa-dick. I erupted over and over. Each one sent a blast of rapture shooting through my body. It swept over the waves of delight washing out of my virgin cunt. I swayed, holding her, my mind melting beneath the rapture of my orgasm.

È stato incredibile. My entire body tingled. My dick spurted a final time into her as my mind was carried to such a wondrous height of rapture. I felt dizzy, gripping my sister's small tits to hold my balance.

“Oh, Allie,” I moaned, “that was—”

KNOCK!

KNOCK!

KNOCK!

Did our sisters hear us? Did they go tell Mom what we were doing?

I gasped and ripped my girl-dick out of Allie's asshole at the hard pounding on the bathroom door. A cold, clammy ripple swept through me. Allie was so loud. My futa-cock finally went limp as the water splashed on my back. My sister whimpered as we both waited.

Were we busted? Had the twins realized we were in here having sex? They would tell Mom. She would burst in here at any moment and catch us. She would be furious at me. I just knew it. She would all say I took advantage of my little sister and tricked her into incest.

Allie never got in trouble for anything.

“Jenny!” Tara or Sara shouted through the door. “How long are you going to be in the shower?”

“Sorry,” I said, my heart pounding fear through me. At least it wasn't Mom at the door. Was she still not back? “It's just...”

“Yeah, yeah, I get it,” my sister said. “You're having a weird day.”

I didn't hear any disgust in her voice.

“Listen, your friend, Pita, is here. I let her wait in your room.”

“Oh,” I said, some of the fear relaxing from me. “Okay, thanks for doing that.”

“No prob.” There was a pause. “You didn't kill Allie, right?”

“No,” I said slowly. Maybe they did hear the shouting and thought we were fighting in here.

“So she must be out terrorizing the neighborhood or something.” My older sister sighed. “Well, stop wasting water. Oh, and Mom got called into work. Some emergency or something.”

“Again?” I asked, not really caring. The twins had no idea that Allie and I had done anything in here. They thought I was alone. I felt so relieved. I wasn't busted for having sex with her.

“Yeah, you know her new boss. Ms. Petrov wants their new product to launch smoothly. So it's going to be pizza for dinner. You cool with that?”

“Yeah,” I said, shutting the shower off.

“Yay!” Allie squealed.

I gave her a sharp look. We'd gotten away so far, but if she made too much noise...

“Well, I got to get back to studying,” Tara or Sara said. I couldn't tell the twins apart by voice.

“Sure,” I said, slipping out of the shower stall.

Her feet retreated down the hallway. I glanced at Allie and hissed, “You have to sneak downstairs and make it sound like you came in from outside.”

She rolled her eyes. “I know how to be a sneak.”

Of course, she did.

We both dressed, my stomach roiled in knots. My sister didn't seem to care that our incestuous relationship could be uncovered. What would happen if she actually got pregnant? Maybe I should by some condoms just to make sure.

My dick twitched as I dried myself beside her lithe body. It was fun fucking her and cumming in her. Maybe we could just do anal. She liked that. I bit my lip, my dick twitching and swelling hard again.

I couldn't let that happen. Not with Pita here. I had to be careful with my new appendage and broach this condition to my friend slowly so I didn't freak her out. Oh, god, I had classes tomorrow. How would all my classmates react to learning I was a dickgirl now?

I pulled on my t-shirt and skirt, then drew up my panties, struggling to stuff my soft cock into it. I had a noticeable bulge that Allie padded. She'd undone her pigtails, letting her strawberry-blonde locks hang damp around her face. She had a wicked grin on her lips.

“Don't do that?” I moaned as my dick swelled.

“What?” she asked. “Make you hard?”

“Ooh, you are such a brat,” I groaned.

“Yep! It's why you love me.”

I couldn't say anything against that. Her playfulness was attractive. “And why I want to kill you sometimes.”

“Ooh, we could do some bondage next time,” she said. “Karen said she loves getting tied up and then fucked up the asshole. But you can fuck my pussy and cum in me and breed me while I'm tied up.”

“Stop that,” I whimpered, my dick twitching, throbbing. “You're making me so hard.”

She giggled and then opened the door. She thrust her head out then padded away.

I took a few nervous breaths and then followed her into the hallway. My little sister had already reached the stairs and headed down them while I went to my bedroom door. I opened it to find Pita sitting on my bed. The Hispanic girl flashed me a smile, her curly, brown hair swaying about her face.

Why did she have to have such a cute face? Her skin was this rich hue and her nose was small while she had these kissable lips, My futa-dick throbbed again, swelling as I couldn't help but notice her small breasts molded by the tight tank top she wore. Its spaghetti straps left her delicate shoulders bare. She wore shorts that exposed most of her lithe legs.

“Did you forget we had a project we had to work on today?” she asked. “I've been calling and waiting for you to show up at my house.”

My stomach dropped. “Sorry.” I closed the door behind me. “I've been having a weird day. Things have gotten out of hand. It slipped my mind.”

“That's not like you and...” She jumped to her feet and grabbed my hands. “What's wrong? What happened?”

“Well...” I said. She had a flowery perfume on. It was sweet and exciting all at the same time. I couldn't help the way my dick hardened. It twitched and throbbed in my skirt while my heart raced. Why did she have to smell so sweet? My poor panties constrained my throbbing dick. “It's this...” I looked down. “I don't know quite how to say it.”

My friend's gaze traveled down my body. Her hands tightened on mine as she gasped. Her gazed snapped up to me. “No way.”

My cheeks burned.

“You became a futanari?” She took a step back, releasing my hands. Her breasts rose and fell.

“Yeah,” I said. I swallowed. “It just sort of... happened.”

Her eyes flicked down to my cock. “Can I see it?”

That wasn't the reaction I expected. Before I even realized what I was doing, I was pulling up my skirt to show her. I wasn't thinking at all, just acting. I was too flummoxed by her eagerness. I expected her to be more shocked than this. To be confused or maybe even disgusted that I wasn't fully a girl any longer.

She bit her lower lip as I exposed my panties, my cock throbbing. I was half-bent and needing to be released anyways. So I shoved them down. My clit-dick popped out before me, twitching and throbbing. It pulsed and ached.

“Oh, my god, Jenny, you're huge,” Pita moaned. Then she grabbed my cock in her warm grip.

Pleasure surged down my shaft.

To be continued...

Storie simili

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

286 I più visti

Likes 0

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

161 I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

2K I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

1.4K I più visti

Likes 0

Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo - NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a... Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni. Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura. La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri...

947 I più visti

Likes 0

La maledizione di Cupido parte 1

Di nuovo sto facendo lo stesso sogno; è sempre la stessa stanza fredda e squallida. All'inizio sembra sempre buio pesto ma grazie a qualche luce di candela nella stanza riesco a vedere nella stanza accanto dove c'è sempre un divano rosso, dove una strana donna aspetta la mia compagnia. Non riesco mai a sentire la sua voce, ma per qualche motivo so che mi sta chiamando. Mentre mi alzo dal letto per venire da lei, sento lo stesso dolore acuto nei miei occhi, eppure non smetto mai di muovermi, non importa quanto intenso diventi il ​​dolore, come se il mio corpo...

889 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.