DEMONE

1.8KReport
DEMONE

"E stai fuori!" Sono stato buttato fuori dall'unico posto che chiamo casa.

Questa volta, probabilmente non tornerò strisciando da Rebecca. So benissimo che ho fatto una cazzata a sceglierla, e non c'è ritorno da questo.

"Posso almeno prendere i miei vestiti?" Ho chiamato dal marciapiede, ma l'unica risposta che ho ricevuto è stata una porta sbattuta. Probabilmente li avrebbe venduti comunque.

"Dannazione." Ho spintonato con le tasche della giacca, cercando di trovare le chiavi della mia macchina sportiva. Trovando le chiavi nella tasca sinistra dei pantaloni, ho avviato la macchina e ho cominciato a partire. Non volevo sapere, né mi interessava sapere, dove stavo andando.

Mentre mi allontanavo dal cordolo che è stato mio per quasi tre anni, ho deciso che sarebbe stato bello essere di nuovo da solo, che potrei stare bene. Ok fino a quando una macchina nuova non si è fermata e ha preso il mio spazio sul marciapiede.

"Fanculo la mia vita!" Sbattei il volante quando Becca aprì la portiera, solo per pomiciare con il nuovo ragazzo che si avvicinò alla porta.

Decidendo di dimenticare e perdonare, alla fine ho girato l'angolo e ho lasciato la mia vecchia vita alle spalle, ed ero pronto per iniziarne una nuova

"Ciao?" Gli altoparlanti dell'auto suonavano mentre mi giravo intorno a Fifth e Johnson, probabilmente il quarantesimo giro casuale che ho fatto quella notte.

"Ehi, è Max", speravo in una buona risposta, perché non lo vedevo da quando Becca aveva deciso che la nostra amicizia aveva avuto una cattiva influenza su di me.

"Io!" Scoppiò in una risata. "Non ti vedo da sempre, amico!" Ho notato della musica in sottofondo alla chiamata.

“Ehi Jayce! È passato un po' di tempo amico". Mi sono fermato a un semaforo. "Fai ancora feste amico?"

"Aww amico, lo sai!" Jayce sembrava felice di parlare con un vecchio amico, si spera.

Ho deciso di essere impulsivo. Dopotutto, chi potrebbe dirmi di no? "Dov'è l'uomo? Sai che non puoi organizzare una festa senza picchiare un fratello".

"No, grazie fratello", Jayce sembrava più cauto "Non avrò Rebby Rotten nella mia merda, amico". Rebby Rotten era il nome Jayce, e la maggior parte degli altri miei amici, si chiamava Rebecca, alludendo all'antagonista di un programma televisivo d'infanzia.

“No, fratello, ci rilassiamo. Non vedo che-" ci fu una breve pausa, "mai più puttana del cazzo."

"Oh, amico!" Jayce mi ha praticamente urlato nell'orecchio. "È sulla Quinta e sulla Turner." Non era troppo lontano da dove mi trovavo. Ho acceso il lampeggiatore destro.

"Freddo. Arriva tra cinque». dissi, sul punto di terminare la chiamata.

Urlando al di là del suo telefono, Jayce era un po' esagerato ai miei occhi. “Ricordate il mio amico Max? Sarà qui tra cinque!» Potevo sentire il tumulto dal microfono di Jayce. Ho riso un po', poi ho chiuso la chiamata e il semaforo è diventato verde.

Ho aperto le mie porte BRZ modificate e sono stato colpito da una musica che sembrava lontana, ma era abbastanza forte da provenire dalla mia auto. Cominciai a camminare verso un angolo di strada. Alzando lo sguardo, ho potuto vedere il cartello con la scritta "TURNER ROAD" e ho sorriso. Un sorriso che non indossavo da circa due anni.

Proprio mentre giravo l'angolo. Ho visto l'unica casa sulla strada. Una fottuta villa, e questo, stava facendo esplodere la musica.

"Jay deve vivere abbastanza bene", ho sospirato mentre mi avvicinavo alla grande recinzione metallica che circondava un'enorme proprietà. Toccando il cicalino, ho soffiato il mio nome nella scatola dall'aspetto particolare e il cancello si è aperto.

Ho iniziato a camminare su per la collina verso il paradiso degli scapoli. Un cortile quasi perfetto, con tonnellate di donne meravigliose che riempiono una piscina un po' esagerata, una vasca idromassaggio particolarmente grande, sebbene sia completamente gratuita, un enorme patio e, soprattutto, mentre mi avvicinavo, il barbecue di Jayce.

"Io!" Ho chiamato il mio migliore amico.

"Cosa sta succedendo fratello?" Jayce si voltò e mi abbracciò. Jayce era un ragazzo piuttosto grosso. In piedi a circa sei piedi e due pollici e con un peso di quasi 220 libbre di muscoli quasi puri, era una forza da non sottovalutare, anche se un ragazzo dolce nel cuore. Ho incontrato Jayce nella mia vecchia palestra, dove era l'unico personal trainer afroamericano, ma era un "aspirante" personal trainer.

"Non molto, ad essere onesti", dissi, cercando di risparmiare a Jayce la teatralità di spiegare la mia ultima ora. "Sembra che la tua carriera da PT stia iniziando, amico."

"Sì amico. Adesso ho il mio programma televisivo". Non saprei, perché non avevo davvero il tempo libero per guardare la TV. "È una piccola cosa, ma paga le bollette".

"Un po' più che 'pagare le bollette'", feci un gesto.

"Vero che." ha commentato Jayce. “Vuoi un hamburger o due? Giù per le costole?"

"Diavolo sì fratello!" Ero un po' in apprensione, perché pensavo che Jayce potesse leggermi nel pensiero. "Stavo per chiedere anche io."

“Perché non esci con delle signore mentre aspetti? Oppure puoi colpire i tavoli, farti un dollaro o due. " Ora questo, ho pensato mentre mi voltavo, è inquietante, ma il...

"Le donne ti stanno aspettando fratello" alzai un sopracciglio.

"È quasi come se tu potessi leggere la mia mente", dissi stancamente.

"Non è così difficile" mormorò Jayce.

È strano, pensai, ma immagino che glielo chiederò dopo la festa. Mettendo da parte questo finale imbarazzante per un'accoglienza a lungo necessaria, sono andato a grandi passi dal patio, alla festa intorno a lui. Un uomo piccolo, rispetto alla mia corporatura, è passato davanti. Dato che l'uomo indossava un completo, ovviamente troppo vestito, ho chiesto se l'uomo poteva tenersi la mia giacca. L'uomo obbedì, prestandogli il braccio per appoggiare il mio cappotto. Ho anche chiesto all'uomo se potevo entrare in casa.

Al che l'uomo ha risposto "Mi dispiace signore, solo gli ospiti VIP sono ammessi all'interno".

“Sono abbastanza sicuro di poter essere dentro. Mi chiamo Max, se può essere d'aiuto?" L'uomo tirò fuori una radio dalla tasca e borbottò dentro, ricevette una risposta dopo un paio di secondi, poi annuì.

“Il capo ha detto che sei libero di entrare. Lascia che ti accompagni.» Io e l'uomo, il cui nome era Larry, abbiamo iniziato a camminare senza problemi, finché una bella donna mi ha afferrato per il braccio.

_-_

Korranah stava osservando questo ragazzo che chiamava carino da un po'. Era da un po' che non festeggiava e stava aspettando di prenderlo da sola. Sembrava che non avrebbe lasciato solo Jayce. Non voleva Jayce, poiché gli mancava il motivo per capitalizzare quando lei gli aveva donato i suoi poteri.

Nel momento in cui lasciò il fianco di Jayce, lei iniziò a camminare verso di lui. Ha sicuramente segnato un pasto, ma potrebbe aver segnato un nuovo partner mentre era lì.

"Ehi tesoro, come sei arrivato qui?" Poteva sentire la lussuria che derivava da lui. Ha creato un interruttore nella sua mente tra "arrapato" e "annoiato". Il suo interruttore era appena sopra "annoiato" ma lentamente ticchettava verso "arrapato".

"Non sto cercando un'avventura di una notte, mi dispiace." ha saltato verso cornea. Questo la confuse. La maggior parte delle persone, a questo punto, la porterebbe tra i cespugli per una scopata veloce. Così decise di leggergli nel pensiero. Dio mio. Korranah pensò: Non solo mi sta mettendo alla prova, vedendo se valgo o meno il suo tempo, ma mi sta usando come deterrente per le altre ragazze già che c'è. È premuroso, glielo darò.

"Onestamente, nemmeno io." Essere una principessa demone senza firma aveva i suoi vantaggi, non poteva stancarsi del sesso, ma voleva che qualcuno la amasse per quello che è, non per il suo titolo. Si aggiustò leggermente, spingendo il suo braccio nella fessura tra le sue tette

"Allora perché sei a questa festa e ti stai aggrappando al mio braccio?" –premendo le tue tette nel mio braccio come una troia, lei lo lesse. Il suo passaggio era a tre quarti della strada per l'arrapato.

_-_

"Perché sto cercando di trovare un uomo degno di me", non riuscivo a leggerla. Si comportava come se volesse fottermi il cervello, ma era stanca delle avventure di una notte ed è in uno stato estremamente fragile mentre ci sta.

I suoi seni lo stavano facendo impazzire. Avevo un debole per i seni, preferibilmente grandi. E sembrava che ne approfittasse. Aveva circa cinque-quattro anni, aveva bei capelli rossi ondulati, occhi azzurri in cui potevo perdermi, seni DD e un culo che non voleva smettere, il tutto avvolto in un vestito scarlatto e nero che sembrava completarla più di dovrebbe. Non ero il tipo da una notte e non ne facevo uno dai tempi del liceo, e ho intenzione di continuare così

"Andrò dritto al punto", ho smesso di camminare proprio mentre mi avvicinavo a una bellissima porta d'ingresso a vetri della villa, "Ho appena rotto con la mia ragazza da 3 anni oggi, e ho pensato di potermi riprendere, vedendo tutto di queste belle ragazze a questa festa. Ma non posso.

"Sto solo andando a crogiolarmi nella mia tristezza all'interno della villa", indicai la grande casa, "bevendo tutta la vodka di Jay fino a svenire sul pavimento. Sei una bella ragazza e spero che tu abbia una bella vita. Mi dispiace di averti fatto perdere tempo".

"Bene. Completamente comprensibile.» Ha lasciato andare il mio braccio. "Ma possiamo almeno condividere un drink?"

"Mi suona bene", ho sussurrato, felice che non abbia fatto una scena enorme come avrebbe fatto Rebecca.

“Quindi ti chiami Korranah. Come hai conosciuto Jayce?" Le ho restituito la carta d'identità.

“Io vado da Korra però. Praticamente gli do dei vantaggi se mi lascia restare e scoparlo ogni volta che ne ho voglia."

"Buon affare. E quali sono i vantaggi?" ho chiesto.

Korra ha appena alzato un sopracciglio.

"Non voglio nemmeno più saperlo." Entrambi scoppiammo a ridere.

"Quindi da dove vieni?"

"Paradiso o inferno, a seconda di quale preferisci."

“Buona deviazione. Vengo da Washington, ma l'ho trasferita a vivere con la mia ex".

"Dimmi di più su di lei." Il suo viso divenne rosso. “Se non è troppo doloroso”

"Nah, ho più di un paio di drink dentro di me." Alzai le spalle. “Le cose stavano andando alla grande per circa due anni. Poi, quando ha ottenuto il suo nuovo lavoro, ha dovuto trasferirsi qui in California, e io ho dovuto lasciare il mio lavoro per stare con lei.

“Quando ci siamo trasferiti qui per la prima volta, abbiamo comprato una casa di dimensioni abbastanza decenti. Dato che lavorava tutto il tempo, eravamo solo io, la casa e la vicina palestra. È lì che ho incontrato Jayce.

“Così, essendo io annoiato, ho deciso di giocare ai videogiochi, registrarli e caricarli su Internet. Dopo un anno, il mio ex ha iniziato a diventare più controllato e distante, come in meno sesso e più urla, quindi ho deciso di impegnarmi di più nei miei video. E come si suol dire, il tempo è denaro, e ho iniziato a guadagnarne un po'. Abbastanza per comprare un nuovo computer e gli ultimi giochi.

“Presto, dopo circa un anno, si è accorta che stavo guadagnando parecchio, e ha usato tutti i soldi extra usati per i nostri appuntamenti, su se stessa. All'inizio non mi dispiaceva, dato che le avevo già detto che stavo mettendo i non extra su un conto bancario a mio nome.

“Recentemente, ho risparmiato abbastanza soldi per andare in tour con i miei fan, e quando gliel'ho detto, ha posto una condizione. Anche lei ha accesso all'account. Non ho pensato a questa richiesta, e mi sono fidato di lei con tutto il mio cuore e cose così stupide come quella.

“Quindi, quando ho aperto il conto la mattina dopo, tutti i miei soldi erano spariti. L'ho affrontata e lei ha appena detto che l'ha "trasferita sul conto cointestato", il che era una stronzata. Sapevo già che l'ha spostato sul suo account personale, ma le ha comunque concesso il beneficio del dubbio.

“Quella notte, beh, stasera, ho deciso di aprire il suo telefono e leggere i suoi messaggi, solo per scoprire che mi ha tradito per anni e mi ha usato solo per soldi. L'ho affrontata questa mattina e ho deciso di porre fine alla mia carriera online prima che si diffondesse qualsiasi dramma. Abbiamo litigato tutto il giorno, fino a quando non mi ha cacciato di casa oggi, e non c'è niente che io possa fare, dato che tecnicamente è sotto il suo nome".

"Che stronza!" Korranah scosse la testa.

"Oh lo so. Qual è la tua storia?"

"Il solito. Il padre violento voleva che sposassi un uomo violento, quindi sono scappata e da allora ho sempre corso". Alzò lo sguardo e vide il mio viso rattristato. "Non preoccuparti, ho più di un paio di drink dentro di me!"

Dopo aver parlato per un po' e averla conosciuta, ho deciso di fare una mossa su di lei.

"Ehi Korri?" lei mi guardò incuriosita

"Sì, come va Max?"

“Normalmente non lo faccio, ma voglio portarti in albergo, ma ho una condizione: resti almeno per colazione.” Ho aggiunto quella condizione finale in modo che non fosse un'avventura di una notte, ai miei occhi.

Scivolò più vicino a me "Cambio di programma, io vivo qui, quindi perché non lo facciamo", si fermò per un minuto, mettendo la mano sul mio cazzo che si alzava, "testa di sotto?"

Ha afferrato la mia mano e ha corso attraverso i corridoi e giù per una rampa di scale, in questo pavimento quasi simile a un appartamento. Non appena ha chiuso la porta, è stato come una commedia romantica stereotipata.

"Aspetta..." ho interrotto il bacio, "non ho portato alcuna protezione", non ero dell'umore giusto per un bambino, "e hai detto che non prendi la pillola da mesi".

"Non preoccuparti, tesoro." Appoggiò lentamente le sue labbra alle mie, sfiorandole appena. "Giusto avvertimento", stava sussurrando a malapena, "Ho intenzione di rovesciare i tuoi fagioli".

"Oh, è meglio." Le ho stretto il braccio intorno alla vita e l'ho baciata come se non l'avessi mai più rivista. Gemette attraverso le mie labbra e le leccò delicatamente, chiedendo l'ingresso per passare al passaggio successivo. Non mi piaceva questa idea per dire. Ruotandola e lanciandola sul divano, ho suscitato in lei un gemito

“Mmmm, ma non mi piace molto il divano. Preferisco il letto.» Spingendomi delicatamente sul petto, mi ha chiesto in silenzio di muovermi. Afferrando i suoi seni lussureggianti, non ce l'avevo.

"Per favore, se non ti fermi presto, non riuscirò a trattenermi." Io per primo, mi piaceva l'idea.

"Dov'è la tua camera da letto, allora?"

«In fondo al corridoio ea sinistra. Perché...” Non la lasciai finire mentre portavo il suo stile da principessa, girandomi baciandola e guardando dove stavo andando.

"Dannazione." Aveva un letto da culo grosso e sembrava comodo da morire. Lascia perdere il letto, ho una bellissima ragazza tra le braccia. Guardandola più da vicino, ho iniziato ad innamorarmi di lei. Era più di tutto quello che volevo, ed era fuori dalla mia portata. Rispetto a Becca, ho segnato, cazzo.

"Smettila di fissarmi come uno scemo e fai l'amore con me!" Il mio cuore si è illuminato. Invece di pensare a questo come a una scopata veloce, ha davvero apprezzato questo.

"N-uh-uh." Ho amato un po' troppo questa parte. L'ho messa sul letto e ho cominciato a massaggiarla.

"Non voglio essere accarezzato, voglio il tuo cazzo." E poi ha sussultato. Ho sollevato il suo vestito e stavo baciando la sua bella figa.

“Non indossavi nemmeno le mutandine. Che troia da parte tua!” Alzai a malapena il viso dal suo clitoride pulsante per sussurrare quelle parole.

“Mmmmm-vaffanculo,” la sua voce era estremamente tremante. Le ho impedito di raggiungere l'orgasmo.

"Ah, veloce cummer vedo",

"No, sei solo uno stronzo." Era legittimamente imbronciata.

Dopo una pausa, ho ammesso la sconfitta. "Bene" ho infilato la lingua in profondità nella figa, spingendola oltre il bordo.

“Mmmuuuhhhhh!!” Gemette a pieni polmoni, dimenandosi e contorcendosi in pura estasi. Continuò ad avere le convulsioni per altri trenta secondi, scendendo lentamente dal suo folle sballo.

"Ora, ecco la parte folle", ha detto. Dopo essersi alzata per inginocchiarsi sul letto, ha chiesto: "Sei sicuro di volerlo?" Mi guardò, come un bambino che ha appena rotto il vaso preferito della madre. "Come ho detto, ho intenzione di rovesciare i tuoi fagioli."

"Ne sono sicuro, anche se mi stai spaventando un po'." Ero un po' preoccupato.

Si tolse lentamente i vestiti per rivelare un reggiseno scarlatto allacciato, si spostò all'indietro e si lasciò cadere sul letto. Accarezzando il letto dietro di lei, ha detto "Voglio iniziare sdraiandomi prima"

Mi sdraiai dietro di lei, le avvolsi una mano intorno e sotto i suoi seni lussureggianti. Usando l'altra mano, ho guidato la mia erezione furiosa nella sua figa perfetta e ho visto le stelle. Per circa mezzo secondo ho provato la sensazione più paradisiaca del mondo. È stato come avere un angelo che benedice questo momento. Ma è stato solo un momento, perché sono svenuto non un secondo dopo.

_-_

"Ma papà, non voglio sposarlo!" Una bambina, non oltre le sei, inginocchiata sul pavimento di un palazzo, che fissa una statua piangendo. Mi chiedevo con chi stesse parlando, finché non l'ho sentito.

“MIA FIGLIA DEVE FARE COME DICO, QUANDO LO DICO!” Una voce tonante che sembrava provenire da ogni dove e da nessuna parte sputava. "O-"

"Per favore!" La bambina si alzò di scatto, piangendo ancora più di un secondo prima. "Per favore, non quello!"

“ALLORA FATE COME DICO!” La voce era chiaramente arrabbiata.

"Ma-" Non finì nemmeno quello che stava dicendo, poiché fu colpita da un fulmine a un fulmine accecante. Urlando per tutto questo, ognuno colpendo veloce come una mitragliatrice, durò ben cinque secondi. Poi è collassata, tutto il suo corpo è annerito, gravemente ustionato e in alcune parti bruciato.

Alzando lentamente una mano, sussurrò "prego" e fu colpita da un ultimo fulmine che fece tremare il palazzo, e il suo corpo si afflosciò. Ero pieno di rabbia. L'ha appena uccisa, cazzo!

“ALENA. FATE PORTARE NOSTRA FIGLIA IN PRIGIONE.” È esploso, apparentemente disinvolto nel mandare sua figlia in prigione, facendomi infuriare ancora di più.

"Capisco", disse una voce sopra di me. "Angeli?"

Un gruppo di angeli accorse apparentemente dal nulla, presero la bambina e la trascinarono verso la porta. Appena uscita dalla porta, ha sputato più sangue di quanto avrei voluto. Almeno mi sbagliavo sul fatto che fosse morta, ma ho sentito uno stomaco rivoltarsi, stavo per vomitare.

_-_

Tossii, in modo atrocemente forte. E poi la mia vista si è schiarita. Stava scopando la mia cowgirl con il cazzo, ma mi ha ucciso non appena ho aperto gli occhi.

"Era che?" gracchiai preoccupato.

"Sì", si è seduta fino in fondo alla mia erezione da 10 pollici. Si fermò notevolmente, la sua espressione facciale si trasformò in tristezza

"Quello ero io"

______________

Ehi, Lacuna qui, mi dispiace che non ci sia stato troppo sesso, poiché questa è la mia prima storia scritta e la mia prima pubblicazione di detta storia. Quindi abbi pazienza con me, per favore. Accolgo con tutto il cuore le critiche e le critiche costruttive, poiché è il modo più rapido in cui crescerò. Grazie, Lacuna

Storie simili

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo - NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a... Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni. Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura. La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri...

946 I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

286 I più visti

Likes 0

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

161 I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

2K I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

1.4K I più visti

Likes 0

La maledizione di Cupido parte 1

Di nuovo sto facendo lo stesso sogno; è sempre la stessa stanza fredda e squallida. All'inizio sembra sempre buio pesto ma grazie a qualche luce di candela nella stanza riesco a vedere nella stanza accanto dove c'è sempre un divano rosso, dove una strana donna aspetta la mia compagnia. Non riesco mai a sentire la sua voce, ma per qualche motivo so che mi sta chiamando. Mentre mi alzo dal letto per venire da lei, sento lo stesso dolore acuto nei miei occhi, eppure non smetto mai di muovermi, non importa quanto intenso diventi il ​​dolore, come se il mio corpo...

889 I più visti

Likes 0

L'imprevisto_(1)

Regole per la mia scrittura: 1. Scrivo per me stesso. Per tirarmi fuori. Se ti piace, bene se non vai avanti. 2. Se mi sento all'altezza, posso fare richieste ma non aspettarti che siano tempestive, le scriverò nel mio tempo. 3. Se non ti piacciono le età, i sessi o gli eventi (trama) nelle mie storie, nessuno ti obbliga a leggerle. 4. Se vuoi essere scortese nei tuoi commenti, vai avanti. Non mi dà fastidio. Fai riferimento alla regola n. 1. ---- Brittani girò la maniglia della porta d'ingresso e strisciò dentro, cercando di stare attenta a non fare rumore. Era...

757 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.