L'altra donna_(0)

740Report
L'altra donna_(0)

L'altra donna
Di
Signorina Irene Clearmont

Una fantasia che si è avverata.

Copyright © 2011 (novembre)



Preambolo.
----------------
Suppongo che ci sia un punto in ogni matrimonio in cui uno dei partner "si smarrisce". Bene, OK allora, non tutti i matrimoni, ma devo ammettere che è successo a me, quel momento in cui dici a te stesso: 'C'è qualcun altro in questo matrimonio, qualcuno che non ho ancora incontrato, qualcuno che si sta intromettendo. '

Questa è la storia di un'intrusione diventata invasione.

Una donna ha aperto la porta ed è entrata.

Ovviamente tutti ci aspettiamo che l'altra donna sia una sgualdrina o una sgualdrina che il marito ha incontrato in ufficio o in qualche pub squallido o anche in un pub con i grigi! I segni sarebbero rossetto, profumo, denaro mancante, marito scomparso, nottate notturne, strane fatture della carta di credito e il ripristino del sedile del passeggero in macchina.

Questi segnali potrebbero arrivare tutti in una volta, il primo giorno, oppure potrebbero arrivare come autobus, troppo tardi e in tre. Con me i segni erano molto diversi, non c'era il rossetto, il conto della carta di credito andava bene e nessun altro era stato in macchina.

L'inizio è stato Monique...
... e l'ossessione finale.


Scoprire.
-----------------
Craig e io eravamo sposati da circa dieci anni quando inizio la mia storia. Fammi capire subito, non c'erano problemi visibili; il sesso andava abbastanza bene, c'erano abbastanza soldi per una macchina nuova ogni anno e avevamo appena saldato il mutuo. Abbiamo fatto delle belle vacanze e l'unica cosa che mancavano erano i bambini.

Alla fine ci stavamo provando e il sesso è diventato un'ossessione "quasi" mentre continuavamo a provare. Alla fine, abbiamo dovuto ammettere che non sembrava così buono, quindi sono andato dal dottore per la solita gamma di test.

Il risultato mi ha scioccato, più che scioccato, ero stordito.

Non ero fertile, o dovrei dire che non ero più fertile. Il dottore mi ha detto che avevo un caso di clamidia, quella maledizione silenziosa che viene trasmessa da un partner sessuale all'altro, una specie di biglietto da visita sessuale avvelenato.

Il dottor Vasy mi aveva detto che, a giudicare dal danno, ero stato infettato cinque o più anni fa!

Tornai a casa in un tumulto di rabbia e confusione. Principalmente rabbia. Qualche anno fa Craig doveva essere andato a letto con un'altra donna perché ero stato certamente fedele al cento per cento.

Così sono tornato a casa infuriato; come sono riuscito a tornare a casa senza speronare qualche altro povero guidatore o un lampione non lo saprò mai.

Mi sono precipitato in casa urlando il nome di quella merda per trovarlo in cucina a preparare un caffè.

"Craig, pezzo di merda!" gridai facendolo sobbalzare dallo shock. Non l'ho mai visto così sorpreso; ha quasi lanciato la tazza attraverso la stanza con la sorpresa.

"Che cosa? Che cos'è?"

Beh, poteva a malapena sapere che ero stato dal dottor Vasy perché non gli avevo detto che ci sarei andato.

"Con chi ti sei scopato?"

Non c'è alcun sostituto per essere diretto. Solo per aumentare la tensione stavo urlando a squarciagola.

L'ho visto soffocare. È un regalo morto con Craig, prima che possa mentire deve solo deglutire. È un poker tell che uso da anni e lui non è mai stato così saggio.

“Tesoro, non vorrei mai...”

«Fottuto bugiardo», gridai a squarciagola. “Posso prendere la clamidia da un sedile del water? Come osi dirmi bugie! Non credo proprio. L'unico cazzo che ho cavalcato è il tuo, da dieci fottuti anni, quindi voglio una spiegazione subito!

Craig è diventato bianco. Giurerò che tutto il sangue gli è defluito dalla faccia come se fosse stato risucchiato. In effetti ho quasi pensato che stesse per cadere. La sua bocca si mosse ma non ne uscì alcun suono, nemmeno un gorgoglio o un singhiozzo.

Quindi, per mantenere la pressione, ho continuato a urlare al mio marito segaiolo: “Chi è la puttana? Dove hai messo il tuo cazzo e quale buco?

Strani hobby.

Beh, la verità può essere più strana della finzione, non succede molto spesso ma quando succede cadi a terra per la sorpresa. È come quando un prestigiatore tira indietro il panno ed ecco la bionda, di nuovo tutta d'un pezzo!

Craig mi ha lasciato sotto shock perché non l'avrei mai sospettato di lui. La sua voce era piccola e dovevo quasi fargli ripetere quello che aveva detto prima che potessi capirne il senso.

"Sono andato da una dominatrice!"

"Scusi? Voglio dire "scusami"! Sei andato da una stronza di puttana?

Craig chinò la testa, non poteva affrontarmi e guardarmi negli occhi. Questo è un segno sicuro che ciò che ti viene detto è la verità, quindi ho dovuto solo ascoltare e cercare di capirlo.

"Sì, l'ho pagata", disse con la sua vocina, "ma ne avevo bisogno, davvero."

"Perché avevi bisogno di una donna che ti picchiasse?" chiesi stupito.

Poi mi sono ricordato di una conversazione che io e Craig abbiamo avuto circa cinque anni prima. Voleva che mi vestissi con più di lingerie, stivali e così via e io l'avevo rifiutato e ridicolizzato la sua richiesta.

Suppongo che anche io fossi colpevole, ma non c'era modo che lo avrei lasciato fuori dai guai. Quindi ho fatto quello che ho sempre fatto e sono andato all'attacco.

"Chi?"

"Io dimentico!"

Ho riso della sua ingenuità. “Mi dirai che l'hai fermato adesso? Chi è lei?"

«Padrona Monique», rispose.

"Dove?"

“Davvero, Sabrina,” disse, “non puoi assolutamente andare a trovarla, per favore!”

«Dimmelo adesso, Craig, o ti butto fuori di casa. Potrei ancora farlo, ma fai come ti dico!

Craig sospirò e scomparve per tornare dopo un minuto con un biglietto da visita che mi passò.

-------------------------------------------------- -
Padrona Monique

Il tuo superiore.

Tel. 092-131-121212121
-------------------------------------------------- -

Diedi un'occhiata al cartellino oro e nero e modificai un po' la mia opinione su Miss Monique. Non troppo appiccicoso. L'ho restituito a Craig e gli ho detto di chiamarla.

"Per favore, Sabrina, non farmi fare questo, per favore!"

"Chiama la puttana, voglio parlarle."

Ho cenato con la She Devil.

Quindi eccomi a bussare alla porta. In realtà non sono stato così stupido da andare all'indirizzo di lavoro di Mistress Monique, ho solo organizzato un incontro con lei. Dovevo solo vedere questa donna che aveva convinto mio marito a pagare per fare sesso con lei.

Sorprendente!

Lei era d'accordo!

Quindi ho pensato che avrei boxato in modo intelligente. Sai, togli le scorie dal suo elemento e fai un buon vecchio incontro urlante con lei. Così ho pensato, quale posto migliore per un incontro di un ristorante elegante a Soho, quel covo di iniquità sessuale nel West End.

Così ho prenotato un tavolo in un piccolo ristorante di cui avevo sentito parlare, ma in cui non ero mai stato. Tradotto dall'italiano si chiama "The Wolf's Maw" ed è davvero un ristorante "prima del teatro" piuttosto elegante.

Mi sono assicurato di arrivare presto. Non è mai bello essere in ritardo per un incontro con una puttana. Così eccomi lì, solo al tavolo, bicchiere di rosso in mano; un Barolo piuttosto buono se posso dire. Avevo in mente una dozzina di cose da dire. Dall'abbondantemente rozzo all'elegante elegante "messo giù", erano tutti preparati.

Così quando Monique è entrata nel ristorante vestita di jeans e pelliccia non l'ho nemmeno riconosciuta. Per un attimo si guardò intorno e poi venne direttamente al mio tavolo.

"Suppongo che tu sia la signora Sabrina Sanders", disse con voce fredda.

Senza aspettare una risposta, scostò la pelliccia da un lato e si sedette al tavolo di fronte a me.

"Allora lei deve essere la signora Monique", risposi, sottolineando la "padrona" con un leggero ghigno.

"OH! Non preoccuparti di tutte quelle stronzate, 'signorina' è abbastanza. Lei rise. "Sono solo i miei clienti che mi chiamano 'Padrona'."

In quel momento arrivò il cameriere e offrì il menù e la carta dei vini. Credo davvero che io e Monique non saremmo mai diventati amici e altro se lui non fosse venuto in quel momento a separare i due pugili.

Così com'era, lei ordinò il vino e io ordinai il cibo per entrambi e ci eravamo calmati un po'.

Una volta che il ghiaccio si è in qualche modo rotto, si è dimostrata arguta e molto più con i piedi per terra di quanto avessi mai pensato.

"Craig è un vero tesoro, davvero", disse con un sorriso, "fa tutto ciò che gli viene detto senza un mormorio e anche di più!"

Ho stretto i denti per impedirmi di fare un tentativo giusto con la donna e quasi ci sono riuscito. Potevo sentirmi iniziare ad apprezzare davvero la cagna!

"Sai che cinque anni fa gli hai dato la clamidia e lui l'ha trasmessa a me!" dissi a denti stretti.

"È così che l'hai scoperto?" disse e si allungò per toccarmi la mano. "Voglio dire che Craig ti stava tradendo?"

Ho allontanato la mia mano senza lasciarla entrare in contatto e l'ho lasciata continuare: "Viene nel mio studio solo da due anni, quindi cinque anni fa è impossibile..."

L'ho guardata negli occhi e ho capito che stava dicendo la verità.

"Beh, allora spero che non te l'abbia passato", dissi.

"Improbabile, non gli ho mai concesso quel piacere, quindi è un po' improbabile."

"Che cosa? Vuoi dire che non ha mai scopato... Voglio dire che non è mai stato una volta?"

Ero senza parole, totalmente. Voglio dire, per cosa sta pagando l'uomo se non ottiene mai nemmeno un cazzo?

'Fantastico.' pensai.

«Cambiare argomento», disse. «Voglio dire, sai cosa faccio, o almeno hai un'idea. Cosa fai?"

"Disegno mobili", dissi, "principalmente in legno, ma ora abbiamo iniziato con acciaio e ottone".

"Progetto? O fare anche tu?

Mi sono ritrovato a essere distratto dal mio scopo qui. Questo si stava trasformando in un pasto con un compagno, un amante o un amico e non con la cagna che ha scopato mio marito.

Ovviamente si scopre che non l'ha fatto, non l'ha fatto!

C'è un'altra parte della conversazione che devo riferire. Le ho chiesto cosa ha addebitato. La risposta di Monique è stata un po' evasiva, visto che mi ha detto che dipende dal servizio, ma il suo commento finale mi ha spiazzato.

«Da quattro a settecento all'ora.»

“Sterline? Voglio dire, così tanto?"

"Beh, lo faresti per meno?"

"Ovviamente no."

"Bene allora. Dato che mi diverto anche io, è solo panna nel mio caffè. In effetti potresti dire che vivo la vita.

«Posso venire a dare un'occhiata. Voglio dire, non sono un guardone o qualcosa del genere, ma devo solo vedere.

"Solo?"

"Ovviamente."

"Beh, faccio anche le coppie", ha detto Monique con un sorriso. “Dovrei farti pagare quando arrivi? O è una visita di cortesia?

"Non ne ho idea! Suppongo sociale, ma se ti prendo il tuo tempo...!

"Ti dirò cosa. Vieni in giro con almeno seicento in mano e vedremo. Pagherò il conto!

Monique ha pagato il conto e io ho lasciato una grossa mancia. Eravamo in Archer Street mentre si accendeva una sigaretta.

"C'era un casinò qui", ha detto. “Una volta ho provato a trovare un lavoro qui una volta. È stato qualche anno fa!

Abbiamo camminato insieme fino a Piccadilly. Non abbiamo detto una parola; eravamo entrambi troppo immersi nei nostri pensieri. Alla fine l'ho lasciata mentre salivo su un taxi. Rimase in piedi con i suoi tacchi altissimi e la pelliccia, aspirando profondamente dalla sigaretta e soffiando il fumo blu nell'aria fresca della notte.

Jeans e pelliccia davvero!

Flash spazzatura con una scorta!

Ma ho dovuto ammettere che, nonostante le mie riserve, mi piaceva. In effetti ho sentito una strana forza gravitazionale che mi attirava verso la sua orbita.

Forse di più.

Era diretta, non ostentava, lo era e basta. Monique era una di quelle donne che non si adattano mai ma si impone a qualsiasi livello della società ed è accettata per quello che è.

Ebbi un'ultima impressione di un sorriso cinico sul suo volto, ma avrei potuto scambiare il divertimento per il disprezzo.


La cucina del diavolo.
-------------------------
È la sensazione più strana andare da una prostituta. Quando sei una donna ed è la prima volta allora ti vengono le farfalle nello stomaco e la sensazione preoccupata che qualcuno ti stia seguendo!

Ad ogni modo, stavo vagando per il Fulham con una fossa nello stomaco e una mazzetta di contanti in mano. Sono stato io a chiedere di venire, cosa stavo pensando?

Alla fine, anche se andavo il più lentamente possibile, finii in piedi sui gradini del suo indirizzo chiedendomi se suonare il campanello fosse davvero una buona idea. Voglio dire, che cazzo stavo facendo?

Aspettavo questo incontro da tre settimane ormai. Dovevo trovare un giorno in cui Craig fosse impegnato e in cui potessi cavarmela con qualche ora libera. Sembrava anche che Monique avesse un diario pieno!

Stavo per girare sui tacchi e dirigermi verso la stazione della metropolitana, quando la porta si è aperta e mi sono ritrovato a guardare negli occhi un uomo di mezza età che sembrava una specie di maggiordomo.

Mi ha fatto un cenno e ha detto: “Sabrina? Sei atteso."

Allora era così. Non potevo più ritirarmi da questa folle spedizione. Sì, ero curiosa di Monique e di cosa ci facesse qui mio marito. Ma gran parte del motivo era svanito al punto che mi sono reso conto che Craig aveva visitato un certo numero di prostitute nel corso degli anni, Monique era solo l'ultima.

Ho seguito l'uomo in uniforme in casa e gli ho permesso di prendere il mio cappotto. Poi mi condusse in una stanza che era come una camera da letto senza il letto. Cassettiere e armadi allineavano le pareti e un tavolo da trucco sulla parete dava alla stanza un'aria teatrale.

"Per favore, aspetta qui", disse.

Mi sono seduto sull'unica poltrona disponibile e ho aspettato Monique. Alla fine è venuta e io mi sono alzato per salutarla.

«Sabrina», disse. “Mi chiedevo se avresti avuto il coraggio di presentarti! Hai portato i soldi?

Ho ceduto le seicento sterline che avevo portato e mi sono chiesta che cazzo ci facevo qui.

"I soldi non sono importanti", ha detto. “Rappresenta solo la nostra relazione per il momento. Tieni presente che mi hai pagato e quindi ti devo un servizio. Il paradosso è che il servizio sarà quello di fare come ti viene detto.

"Questo significa che devo chiamarti padrona?"

"Solo se hai voglia di farlo", rispose lei. "La maggior parte degli uomini si diverte, la maggior parte delle donne preferisce di no... D'altra parte penso che lo farai almeno per oggi."

Mi prese la mano e mi fece voltare. Una mano sollevò l'orlo della mia gonna in modo che potesse guardarmi le gambe. Poi si è messa dietro di me e mi ha tirato dentro di sé e mi ha afferrato i seni. Le ho permesso di maneggiarmi, infatti è stata un'esperienza interessante e mi sono sentito rilassato nelle sue mani.

“Hai una bella figura, Sabrina, seno snello ma anche generoso e fianchi larghi sotto una vita stretta. Penso che staresti benissimo con qualsiasi cosa, quindi non ti darò molti consigli. Scegli tra i vestiti in questa stanza e ti manderò Tania. Lei fa il trucco per me e alcune altre cose oltre.

“Dove metto i miei vestiti?” Ho chiesto.

Indicò un armadio con un gesto sprezzante e mi lasciò a me stesso.

Ho vagato da una collezione all'altra. Era tutto qui, avrei potuto vestirmi in uno qualsiasi dei milioni di modi. Da lattaia bavarese a troia di gomma e di nuovo a cameriera francese.

Alla fine ho deciso che un abito lungo in pelle, con spacco fino alla coscia, era la cosa giusta e mi ci sono buttato dentro. Ho tenuto i tacchi a spillo, tacchi a spillo neri e metallici, e ho aggiunto calze che arrivavano poco sopra il ginocchio.

Tania si è rivelata una studentessa d'arte perduta. Forse diciannove anni e un tocco magistrale con il trucco. Piume blu per ciglia e palpebre azzurre che sfumano nel nero sulle mie labbra lucide.

La cosa sorprendente è che mi ci vuole un'ora per applicare rossetto e fondotinta e poi per finire. Ha gestito tutto in dieci minuti e l'effetto è stato sbalorditivo.


Sala del Trono
----------------------
Sono stato condotto nelle stanze di Monique. Non riuscivo a decidere se sembravo una schiava del sesso trash pronta per essere usata; o un'amante che avrebbe elegantemente fatto conoscere i suoi bisogni con un battito delle dita. Ma la sensazione di caos nella mia testa e la volontaria perdita di controllo mi hanno entusiasmato.

Stavo perdendo il controllo e la sensazione mi ha inebriato.

Quando sono arrivato Mistress Monique era seduta su un trono. Un'enorme poltrona di legno e pelle che si ergeva su un'ampia pedana rivestita di moquette. Il resto della stanza era vuoto, ma notai che le pareti erano addobbate con catene e anelli d'acciaio fissi.

Mistress Monique disse: "Sabrina, hai scelto molto bene, quel vestito è perfetto".

Ho sentito un bagliore di piacere alla sua lode. Mi indicò con la mano che dovevo avvicinarmi a lei e mentre mi avvicinavo mi mostrò un paio di guanti di raso rosso.

"Mettiti questi, adesso!"

Mi sono infilato i guanti e poi ho scoperto perché desiderava che li indossassi mentre Monique mi ammanettava i polsi con manette che avrebbero rotto e ferito la pelle se il materiale morbido dei guanti non mi avesse protetto.

Mi fece inginocchiare vicino al suo trono e mi sistemò come se fossi una bambola. La sensazione era totale, ero il suo ornamento, una bambola flessibile accanto al suo trono e l'idea mi fece arrossire per l'eccitazione, l'eccitazione di vedersi tolta ogni risoluzione e sostituita dalla sottomissione.

"C'è qualcos'altro che devi indossare per me", disse mentre mi copriva il viso con una maschera di porcellana veneziana.

Ho sospirato e deve essere suonato come lussuria, era fame emotiva, suppongo!

La maschera mi copriva il viso dal labbro superiore alla fronte, nascondendo efficacemente il mio viso. Con grande cura mi ha organizzato alla perfezione. Il lungo abito di pelle era sistemato in modo da mostrare un profondo décolleté e l'orlo, lasciando intravedere la parte superiore delle calze basse. Infine la maschera in modo che le labbra nere fossero esposte e le ciglia piumate svolazzassero come dovevano.

«Ricorda», disse. “Fai sempre come ti viene detto e imparerai quello che vuoi sapere, anche se non sai ancora di aver bisogno di questa conoscenza. Non una parola ti è permesso dire. Nessun suono. Tu sei Orfeo per Euridice, tu sei il mio schiavo ma ho rispetto per te, non dimenticare che qualunque cosa io faccia è per il tuo bene. Il tuo bene e il mio piacere!

Ho aperto la bocca per parlare. Avevo intenzione di farle una o due domande. O lo sentiva in me oppure stava sublimando la sua personalità al ruolo che stava assumendo. La sua mano toccò le mie labbra nere e mi zittì con le labbra arricciate.

"Obbedienza!"

Mi sono seduto in attesa, si è seduta sul trono e ha incrociato le gambe. "Guarda avanti, in lontananza, non alle persone che saranno nella stanza", ha detto.

La porta si aprì ed entrò il maggiordomo. In mano aveva un ciuffo di cuoio, un raccolto che terminava in una coda corta con trecce annodate. Salì al trono e si inchinò. Il raccolto lo depose ai piedi di Monique con un piccolo movimento delicato.

“Il tuo prossimo appuntamento ti aspetta, Padrona,” disse mentre si genufletteva.

«Allora portalo dentro» disse.

Il maggiordomo se ne andò e mentre usciva un uomo nudo entrò nella stanza. L'uomo nudo era, ovviamente, Craig. Avrei dovuto prevederlo, era così ovvio. Non c'è da stupirsi che ci siano volute diverse settimane per organizzare l'appuntamento. Padrona Monique aveva concesso a entrambi il tempo di nascondere il fatto che entrambi la tradivamo!

Le mani di Craig erano legate dietro la schiena e le sue caviglie erano limitate da manette con catene corte tra di loro. Trasformarono i suoi passi in uno strascico, un abietto zoppicare.

"Passami la frusta", disse la signora Monique in tono duro mentre si avvicinava.

Craig raccolse la frusta con le labbra ei denti e rimase in piedi tenendola pronta a passarla alla sua padrona. Mi chiedevo cosa stesse combinando Mistress Monique, cosa stesse cercando di dirmi? Non riuscivo a indovinare in quel momento, non riuscivo a vedere la destinazione, solo la strada.

La mano di Mistress Monique scattò in avanti e schiaffeggiò mio marito. Ci fu un suono quasi come quello di stoviglie che si rompono quando entrò in gioco tutta la potenza del suo braccio.

“Ho detto passami la frusta! Non ho detto di tenere la frusta per me. Non ho detto alza la frusta. Non ho detto di accarezzare la frusta con la lingua. Non ho detto bacia la frusta. Devi davvero imparare a obbedirmi correttamente, parola per parola.

Craig non ha reagito, ha semplicemente abbassato la testa e le ha offerto il raccolto dall'aspetto malvagio con entrambe le mani legate.

“Se devo correggere di nuovo il tuo comportamento, te ne pentirai. So che tua moglie sta considerando la tua posizione nella sua vita, quindi non vuoi davvero che la contatti, vero?"

Potevo vedere la paura nei suoi occhi.

La minaccia di frusta e moglie faceva parte della sua dipendenza. Era l'eroina nel cucchiaio rovente e la scia bianca sullo specchio. Lui era il posseduto che bramava la dose e lei era l'ago nel suo braccio.

Mi sentivo senza fiato mentre la guardavo trattare con mio marito e mi chiedevo se avrei preferito essere al suo posto.

L'erezione ha dimostrato la dipendenza di Craig.

Mi mostrò la seconda lezione che avevo imparato quel pomeriggio. La prima lezione è stata che l'abuso poteva essere distribuito fintanto che l'abusato non lo riconosceva come sfruttamento. La seconda lezione era che quest'uomo era in potere di qualsiasi donna o forse anche di un uomo che sapesse dove erano custodite le chiavi delle sue serrature.

Sentii un brivido percorrermi perché anch'io ero in preda a una simile catarsi. Esitavo tra l'essere la puttana usata di Mistress Monique e l'orgoglioso manipolatore di Craig. Stava trovando anche le chiavi ben nascoste delle mie serrature.

Prese il raccolto, quella dea, e se lo fece passare tra le mani un paio di volte prima di sedersi sul suo trono. Finora aveva ignorato la mia presenza, tranne per il fatto che mi stava mostrando il potere che aveva su mio marito.

Monique fece un cenno a mio marito finché non fu alla sua portata e poi la sua mano si allungò e prese il suo cazzo con un movimento che lo spinse dalla punta alla base con un movimento fluido delle sue mani guantate.

Craig rimase immobile e con mio totale stupore raggiunse l'orgasmo!

Craig venne con uno scatto sulla sua mano e uno spruzzo sulle sue ginocchia rivestite di nylon.

Quel solo movimento della sua mano lo aveva portato all'orgasmo con un solo movimento. Un sorriso apparve sulle sue labbra, una curiosa sorta di disprezzo e soddisfazione le attraversò il volto.

“Ti ho dato il permesso di venire? Ti ho mai dato il permesso? ha permesso alla sua voce di scivolare nel modo di una maestra o forse di una madre annoiata che parla a suo figlio.

“Questa è la terza volta che tossisci bava dal tuo patetico cazzetto. Questa volta ti punirò in modo esemplare.


Schiava Padrona Schiava
--------------------------------
Craig sembrava spaventato.

Un'espressione di vera paura si diffuse sul suo viso mentre osservava il malvagio raccolto che penzolava dalla mano di Mistress Monique. Poi c'era un altro componente di questa scena che non capiva. Chi era la bella donna che si inginocchiò come una splendida bambola mascherata al fianco della sua padrona?

Craig si è concentrato su Monique e sull'adempimento dei suoi desideri. Era così difficile capire cosa volesse.

Voleva che venisse solo per poterlo punire per questo?

Stava mostrando alla donna con la maschera bianca il suo potere?

Era davvero contenta o scontenta di Craig?

Chinò la testa e ringraziò le sue stelle per non essere riuscito a capire tutto. Era semplicemente troppo per lui. Questa donna era un enigma. Ha preso i suoi soldi e lo ha schiaffeggiato per questo.

Le piaceva la sua confusione.

Si chiese il maggiordomo. Quell'uomo quasi silenzioso ed enigmatico che, a quanto pareva, serviva da suo schiavo. Ma non era mai nudo, ma sempre sottomesso. Uniforme e deferente, ma non si è mai umiliato.

Più servo che schiavo. Ho pensato.

Monique fece il giro del suo prigioniero. Ovviamente c'erano due prigionieri nella stanza, io e mio marito, ma sembrava che in qualche modo avessimo uno status diverso e io ero lo schiavo di Monique dove lui veniva trattato come lo schiavo di uno schiavo.

Mi chiedevo quale fosse la sua prossima mossa. È arrivato con una rapidità che è stata accecante e mi ha fatto sussultare. Gli posò un colpo di frustino, quel velo ibrido di frusta di cavallo e frusta sulle sue cosce. Il colpo atterrò sul muscolo ammassato in cima alle sue gambe, mancandogli di poco le palle.

Ma Monique non si è fermata qui; la frusta gli sferzava le cosce dal davanti e poi tornava a dorso a segnargli il morbido sedere con linee che correvano sulla carne liscia come tracce di un ago rovente.

Craig è quasi caduto.

Le sue caviglie incatenate e incatenate quasi lo fecero inciampare e le sue braccia legate lo sbilanciarono.

Ma rimase in piedi.

"Ho deciso che non farai più sesso con tua moglie", disse Monique. "A tal fine ti punirò finché non le permetterai di vedere il tuo corpo nudo!"

"Ma l'avevi promesso!" gridò Craig. "Hai detto..."

Mentre parlava, la frusta scese di nuovo in un arco di dolore. Ora gli incideva il petto e la schiena. Colpo anteriore alla schiena e ritorno al petto. I nodi e le code del gatto lasciavano dei tagli nella morbida carne che si gonfiava leggermente.

"Come osi dirmi quello che ho detto o non ho detto, puttana?" urlò Monique mentre gli girava intorno come un leopardo che fa tremare la sua preda, pronta per l'uccisione. "Decido io cosa ho detto o no."

Lasciò che la frusta gli scivolasse sul petto e sulle spalle mentre camminava.

“Ho deciso di contrassegnarti come mio, piccolo Craig. Non puoi nasconderti dalle donne della tua vita. Hanno il diritto di conoscere i tuoi pensieri interiori, le motivazioni interiori e hanno il diritto di avere le tue chiavi nelle loro mani.

"Per favore, padrona", stava singhiozzando le parole ora. Il suo petto si stava sollevando per l'emozione repressa e per la realtà di tutto ciò. "Mi lascerà e la amo più di ogni altra cosa!"

"Se la ami, allora perché sei qui?"

“Perché lei non capisce che devo servirla e obbedirle. Pensa che dovremmo essere una partnership e che siamo uguali.

Le trecce della frusta si protesero e gli baciarono la parte superiore delle braccia, lasciando i segni visibili a tutti. Lo stava marchiando come un contadino marchia le sue pecore, rendendolo suo perché tutte le donne del mondo lo vedessero.

"Tui hai torto. Non capisce che sia tu che lei dovete servire.

Lascio che quelle parole avvolgano la mia coscienza e risuonino come rintocchi di campane. Lei mi ha capito.

*****

Non riuscivo proprio a credere a come si stava sottoponendo a questo trattamento. Era disposto al sacrificio o al matrimonio e allo stesso tempo le diceva che mi amava. Che cazzo gli passava per la testa?

Cosa stava succedendo nella mia mente?

Mi sono seduto in silenzio. Prima o poi sapevo che Monique mi avrebbe coinvolto nel suo piano, solo non sapevo come. Alla fine ne ha avuto abbastanza di frustare mio marito. Si fermò davanti a lui e spinse un piede in avanti.

Non posso dirti quanto sia stato emozionante vedere Craig sporgersi in avanti e baciarle i piedi. Le leccò le scarpe ei tacchi con volontà e le succhiò i talloni mentre lei muoveva i piedi. Non ero davvero sicuro del perché fosse così eccitante, ma era come se lei avesse sublimato il suo bisogno di scopare in un bisogno di essere scopato. Il tacco era il suo cazzo rigido, gli passava sulle labbra in una simulazione di sesso, di stupro orale a cui lei gli ordinava di sottomettersi mentre torceva i suoi tacchi a spillo per permettergli di impalarsi sul loro acciaio.

Penso che ciò che mi ha fatto gocciolare sia stata la presa assoluta che aveva su di lui. Accese una sigaretta e fumò mentre lui riversava tutto il suo amore sui suoi piedi, le sue scarpe, i suoi tacchi e le sue dita. Sarebbe stato farsesco se non fosse stato per Craig!

Le stava volentieri permettendo di scoparlo per procura!

Finalmente aveva finito e lei aveva fumato l'ultimo respiro della sigaretta. L'ultimo filo di fumo marrone blu salì e si disperse.

Batté le mani e il servitore, quello strano maggiordomo schiavo entrò nella stanza portando una scatola di legno che presentò a Mistress Monique.

Lei gli fece un cenno e lui lasciò la stanza, silenziosamente come era venuto.

Craig era inginocchiato in abietta sottomissione sui gradini più bassi della pedana del suo trono. Monique si è voltata verso di me e ha sbloccato una delle mie manette mentre mi muoveva le mani davanti a me e poi le riprendeva. Mentre lo faceva mi fece l'occhiolino. Un segno di rassicurazione, un segno che lei era dalla mia parte, che stava facendo tutto questo per me.

Le ho risposto con un cenno del capo e mi sono alzato mentre mi diceva.

Monique ha aperto la piccola scatola per rivelare un piccolo sacchetto di seta che ha tirato fuori e scartato. Da dov'era Craig non poteva vedere cosa fosse ma io potevo. Era un anello, un anello d'acciaio, acciaio chirurgico. Un pollice di diametro e con acciaio spesso come una penna a sfera, l'anello si spalancò in due metà per racchiuderlo con un segno permanente del suo possesso.

Tenendolo sollevato alla luce, rivelò due nomi incisi in profondità nell'acciaio. "Monique" era incisa in profondità in quel metallo, la sua nuova proprietaria, fantasia e realtà. Sua moglie stava ritirando la sua proprietà, questo era un altro tipo di band.

L'ho quasi chiuso con un clic, ma la mano di Monique mi ha fermato mentre mimava che una volta chiuso l'anello non poteva essere rimosso senza tagliarlo.

Le ho sorriso e lei mi ha parlato a bassa voce.

“Puttana, mettigli l'anello, schiaffeggialo e poi lascia la stanza come il bravo schiavo che sei. Non dimenticare che ti ho permesso di fuggire dal mio mondo, questa volta. La prossima volta non sarai così fortunato, ma scelgo io l'ora e il luogo. È per mia buona grazia che te ne vai. Il fatto che tu te ne vada con qualcosa è molto di cui essere grato.

Mi voltai verso Craig e alzai bruscamente la testa per farlo alzare. Non osavo parlare perché temevo che riconoscesse la mia voce.

Craig si alzò.

Ho allungato le mie mani incatenate e ho agganciato l'anello attorno alle sue palle. Non era stretto, ma rimaneva troppo poco spazio per sfilarlo.

Allungai una mano e lo schiaffeggiai con il dorso della mano. L'orlo dei miei ceppi colpì il suo viso, lasciando un taglio che risaltava sulla sua mascella.

Mi sono inchinato a Mistress Monique e sono uscito lentamente dalla stanza.

Lei mi aveva mostrato la strada.

dovevo solo seguire.

Se potessi.

In attesa di ritorno.

Ho incontrato il maggiordomo, mi stava aspettando diligentemente fuori dalla porta. Quando sono arrivato mi ha condotto alla porta d'ingresso e l'ha aperta.

"E i miei vestiti?" Ho chiesto.

«Sono stati distrutti, signora.» Disse mentre si abbassava e prendeva una borsetta di plastica a forma di cuore luminoso e me la passava. "Questo è tuo adesso!"

Ho guardato dentro e ho notato che ogni oggetto della mia vecchia borsa era stato messo dentro tranne tutti i miei soldi. Nella mia borsa c'erano solo poche sterline di spiccioli, tutti i soldi erano spariti!

"Soldi? Come torno a casa?"

"Signora, il biglietto dell'autobus notturno è lì nelle sue mani." Mentre parlava indicava le monete.

Feci una smorfia e camminai nella notte. Vestita come una prostituta in pelle e calze.

Mentre scendevo i gradini ero felice di aver lasciato i miei tacchi Louboutin. L'ho visto guardarmi camminare nella notte, una puttana sessualizzata. Ero fottutamente sexy, quello che Monique mi aveva insegnato in quella sessione di due ore era stata una rivelazione.

*****

Sono tornato a casa alle undici. Per tutto il tragitto sono stata fissata e osservata da ogni uomo che ha notato che poteva vedere le mie calze attraverso lo spacco del mio lungo vestito gotico di pelle.

Appena entrata mi sono tolta le scarpe e mi sono fatta un caffè.

Monique non aveva dato alcuna indicazione delle sue intenzioni con Craig, quindi ho deciso di aspettarlo.

Devo aspettare con i vestiti che mi ha regalato o con un vestito normale? Ho soppesato i vari esiti che immaginavo e ho deciso di restare vestito con il costume che indossavo, ma senza la maschera...

Fu dopo l'una che la porta si aprì silenziosamente e Craig entrò in casa il più silenziosamente possibile. Ho immaginato che le sue palle fossero portate giù dal pesante anello. Potevo quasi vedere attraverso i suoi vestiti le strisce che Monique aveva lasciato sulla sua pelle liscia.

Appena ebbe chiuso la porta accesi la luce. The brightness made him leap around to see me, mask dangling from my hand, the vision of the slave who had fitted him with the heavy ring that marked him as property.

I allowed him to stare for a moment, to realise that I knew everything.

Tutto.

“Strip!” I said, mustering as much confidence as possible. “Now!”

He stripped and I saw the crusts on his cuts, the softening of his flesh with welts and the steel ring that crushed his independence.

He saw with shock his wife standing there.

He saw with shock the woman who had watched him punished.

He saw that they were both one and the same.

I could see that he was hesitating between ardour, excitement, fear and shock. His prick was like a barometer of his thoughts. It could not make its mind up as to whether what he was facing was a cause for joy or a cause for regret.

As for me I flickered like a flame, half between guttering in the wind that was Monique or burning bright in the brain of Craig.


Consequences.
------------------------------
Have I left you hanging?

Wondering what happened next when the leather tart met the errant husband?

Were you expecting some huge sexual finale?

You might get one yet.

Well you might think that poor little Craig was in a bad position, what with the fact that he had been caught paying another visit to his mistress, you know the wrong one!

It turns out that I was still not interested in the sexual side of dominating Craig. Yes, it’s true that I got a taste for it when I met Monique and saw how she operated. But even Monique, it turns out, often never actually had sex with her clients!

I suppose that’s the big secret that is hidden from wives and lovers. It is that all this domination has a sexual root but in reality it manifests itself as a game that is played between consenting adults.

All I was really doing was signing up to play the game and it is more fun than you might guess from the comments above.

It works like this. Craig was mine, he always had been but I had never asserted my ownership; now that had all changed! Once a month he got sent to Monique with his allowance in his pocket to gift to the woman who Craig hungered for.

Sometimes she let him climax, more often than not she did not. At every visit he carried a letter to her from me. A memo that listed all his faults and failures since the last granting of absolution.

I just did not have any sexual interest in him anymore. Monique had taken that from me. Seeing him come at her single touch purged me of that leisure activity.

That was what I lost. That was what he lost!

The ordinary sex life, the intercourse twice a week, the blow and hand jobs that used to sustain us, even though his thoughts wandered back to his fetish.

That had faded to black.

His punishment was to be used and abused without the relief and safety of a home life.

Now that that door was opened there were occasionally other men who tickled my fancy. They pleased me while my former husband stayed in the cage that he had made for his own room. He laid there hearing the sounds of lovemaking coming through the walls.

I never once let him in.

I allowed Craig to stay as long as the business became mine. He consented... That was the deal. I suppose that he thought that all the concessions that he made would result in some sort of twenty four–seven relationship where sex would rear its head. What he discovered is that most basic of facts. The fantasies of two adults rarely coincide, someone has to lose.

This time it was Craig.

The next time it would be me.

I was ripe for the plucking!

He allowed me to shift the whole business into my name and I allowed him to stay. That was pretty much the whole deal. He had become an employee and I had become the ‘hot’ businesswoman of the moment.

You may have seen the small feature in some of the woman’s magazines that used words like ‘refreshing’ and ‘bracing’ in describing the way the business had grown and what an inspiration I was to other women who run their own business’.

When they interviewed Craig and asked him what it was like to be an employee for his wife he answered that he was satisfied with things the way they were and could not imagine it otherwise.

By then I had become obsessed by Monique. I needed to get close. She was all I could think about, she was all I needed. Meeting her was like climaxing, I became breathless and winded, my pulse raced and just the smell of a cigarette was enough to take me to that parting in Piccadilly.

One thing had changed a little. Our furniture business, which used to be sustained by single orders of individual pieces, swelled as we started to produce pieces for women like Monique. Basically the market is huge, but almost invisible, and we made pieces from steel that would make almost anyone blush. But, those times are gone and the business was sold.

I was left in charge of my life and my husband, but somehow I was dissatisfied with my lot. I slept with a few men but I was discontented with them.

I needed more.

I needed Monique.


Monique’s Need.
----------------------------
Well Monique and I kept well in touch. In fact we met about once every couple of weeks as we relived that first tense meal that we had all those months ago.

She was responsible for the changes that took place in my wardrobe. That leather dress was still a favourite of mine, especially with stockings and heels.

I suppose that it had become my hunting outfit.

Whatever she suggested I bought. One time we met and I spent the whole time hoping that she would realise that I was wearing the latex skirt that she had commented on.

For her!

I was hoping for just a word an acknowledgment that would make my day complete. But, she never said a word, her hand seemed to linger on my smooth ass for a moment but that was all the sign she gave, if sign it was.

*****

One week, about six months after the events above we met in the Savoy for a cup of tea and a chat. The Thames Foyer is a beautiful place to meet. I enjoyed taking Monique to all the places that showed London to its best advantage. In fact I had a whole bundle of friends but I met none of them as often as Monique.

That day was the day that she told me her real name and at last I knew that she was not only my best friend, I was hers.

I was hers.

There is a fantastic glass dome in that room. The whole place is lit in clear sunlight in the morning and an airy Edwardian atmosphere pervades the place.

We were both relaxed and enjoying just the presence of the other.

“You know that ‘Monique’ is just a stage name, a pen name?” she said as she sipped her tea. “I mean, it’s just not on, having your real name on the lips of clients like I have!”

“Do you want me to guess?”

“No, not really. Olivia is really not the right name for a dominatrix and so I changed it to Monique because that had a sort of French taste, sort of short for Dominique.”

“Well I’ll keep on calling you Monique,” I replied. “It just seems right.”

“I think that perhaps you might use Mistress Monique,” she said.

“As you like,” I answered as my heart thundered.

“You are right and you have made my mind up about something important for me. The reason for me telling you all this is that James has left me. You will remember him as the ‘butler’ who opened the door to you that Friday afternoon when you came to visit.”

“Was he a husband or a lover?”

“Neither really. He was a client who ended up staying for the duration. He was ideal, he did so much for myself and the clients without ever needing anything in exchange.”

“Why did he leave?” I asked.

“It’s a bit difficult to explain really, but let’s say that I found him another woman who he has now to serve!”

“So what are you going to do?”

“I need a butler! Tania does all the organising; she’s a sort of secretary who I am training for the business as well as doing clothes, makeup and such like.”

“Are you suggesting what I think that you are?” Ho detto. “I mean Craig...”

“Is married,” she said as she completed my sentence. “Well, the answer is: yes and no! Actually since you put my ring on him he has other priorities that take precedence over mere marriage!”

I sat back in the chair and looked her in the eye.

She was wearing her fur coat and jeans again. That strange combination that worked for her and no one else! The dark make up and the high heels said something about her that was sexual, almost indefinable to a woman, but most men recognised her strength and paid some sort of obeisance.

To me it was like a bottomless pit, I could have stared into that face all day and all night. I was falling into that pit, already with arms and legs spread, falling for ever and ever.

“Monique tell me? Tell me what you would like? What can I do?”

‘She’s going to take Craig and I really want her to take me,’ I thought as I watched her eyelids flutter.

“I would like everything!
That’s all I ever needed in life.
You!”

*****


Domestic Bliss.
---------------------------
The house is a large one. It is one of those places that presents a face to the street that makes it look like a four room house. Actually it has about ten rooms depending on how you count them.

Mistress Monique lives in and uses almost the whole house.

Tania occupies a small room in the basement, that typical London arrangement with windows that look into a cavity that lies before the house. The deep hole that is bridged by the pathway to the front door.

That room is the only one that is always locked.

Tania likes her privacy and she is the boss of her own space.

Otherwise I have to clean the whole house. Craig does his bit but he has his hands full with the jobs that Mistress Monique dishes out at the start of the day.

I start at the top and work my way down to the basement. I dust, vacuum and polish all morning long. When that is finished I attend to all those little tasks that Mistress Monique needs doing.

Mistress Monique is strict, there’s no doubt about it. She keeps an eye on everything and makes sure that we do our allotted tasks to a standard that she expects.

She chose a nice little uniform for me, a short red taffeta and lace dress with all white trimmings. My outfit is just a little on the daring side. Craig gets the butler’s outfit because he is often seen by the callers to the house.

So, what, you ask made me do it?

I mean, to go from successful business woman with all the affairs that she could handle to become the domestic servant in a house of ill-repute?

It’s simple really.

I discovered that when Mistress Monique asked, I just had to obey. I know that sounds crazy, but she had filled me with herself. Mistress Monique had poured herself into me and I just had to be near her all the time. This was the only way.

Call it love if you will.

It isn’t love really. It’s more obsession than love and affection. Sort of worship I suppose. Ever since I let Mistress Monique put the cuffs on me, that first visit, I was drawn and I suppose that it was just a matter of time before Mistress Monique told me to serve her.

The short months before were like a false dawn. It seemed that I was becoming stronger and more in control of my life but the truth of it was that Mistress Monique was grooming me for her use.

*****

My morning starts at six in the morning with preparation for that day’s work. I have a shower and clean myself. Mistress Monique insists on cleanliness for myself and Craig.

“You never know when I might need to offer or sell you or your husband to a client. Or perhaps as a favour to a dear friend so you must be ready at all times,” she said as she led me through the routine the first time.

She was right.

We have earned her a fortune!

So in the shower I primp and preen and make sure that I am presentable should I have to serve. The next thing is to dress. This does not take long because Mistress Monique has decided that I should just wear the short dress and shoes and that no other clothes are needed.

It did seem strange at first, being accessible all the time but Mistress Monique likes to make sure that her guests can use her maid with the minimum of fuss.

When all the preparation is done I have to make sure that breakfast is presented at exactly eight in the morning. A tray is left with coffee and hot croissants for Tania and I am actually allowed to serve Mistress Monique personally.

Sometimes she is alone in bed and tries to coax me in between the covers with words of affection. When she does it is the highlight of the day because she is so open-handed with her orders.

She guides my body to gratify hers and I am fulfilled.

She has started to train me how to please her and Craig is sometimes trained as well. Just yesterday all three of us spent until eleven in the morning in bed as she showed Craig how to use just his lips to make a woman climax while she showed me how to massage her beautiful body as Craig made her orgasm continually.

I have never been so happy before.

The day then normally continues with the cleaning and washing. I find that this takes until about one in the afternoon when it is my duty to serve the meal that Craig has prepared for Mistress Monique and Tania.

I stand and wait for them, ready to fetch anything they might need while they eat and discuss the day and the appointments that have been made.

I try not to listen to this discussion because Mistress Monique told me that it is none of my concern, the business of the house. She says that my betters will look after me as they will and that is all I need to know about, is their decisions.

The business of the afternoon consists of all the appointments that Mistress Monique has. Sometimes I am required to wait on Mistress Monique and her clients in some way. Since she almost never allows them contact with her body I am often used as a substitute for her.

“Just do as you are asked,” she said to me. “If you are to act as doll for the clients, then they must find you fully compliant. I never want to hear any sort of resistance; you are the part of me that serves the client.”

Those clients, they learn to please Mistress’ body, but they never touch it, they would never be permitted. Instead they serve her by using me. Mistress Monica told me that I must never climax when they lick and cosset me because that would be stealing her orgasms, so I stay cold and let them fuck and serve without allowing myself any gratification.

It is what she wants.

Occasionally Craig is called in to serve, when the client has paid extra and wishes to abuse a man, not a woman. This he does most skilfully. I must say that I am really proud of the way that he follows his orders. I have watched him suck and swallow exactly as Mistress Monica trained him to do. As far as I know he has never failed to please, no matter how difficult or demeaning the task that he has been given.

For myself I can modestly say that I have done all that is required of me and even been rewarded with a kind word from Mistress Monique.

It is the most that I am allowed.

The evening is spent making sure that Tania and Mistress Monique are comfortable and contented. That means making sure that favourite snacks and drinks are at hand at all times and any other personal service that they may require.

Tania is particularly appreciative of the massages that I give to her legs and feet. With gentle strokes of the fingers and tongue I sooth the cares of her day away. Of course Tania is Mistress Monique’s collaborator and I have to serve her as well, but my day is made when I am allowed to sit at Mistress Monique’s feet and give them a soft resting place.

It is the evening that Craig and I are punished if for any reason we have been less than perfect in our duties. Mistress Monique picks the punishment and applies it with great determination.

She is supreme, she decides and the weight of choice is lifted from my shoulders. Our betters should have power over us, that is now my creed, my reason for breathing.

Finally it is midnight and we go to bed. Occasionally, and it is really quite seldom, Mistress Monique picks one of us to go to bed with her to play with. I don’t think that I have spent more than a night a month with her in all the time that I have served her.

When I have been picked I have tried so hard to satisfy her, but sometimes she is just in need of me to vent her anger or frustration at the irritations of the day. That is her right, her privilege and she needs the outlet.

As she tells me, that is what I am there for, I am her plaything.

It is what I wanted from the first time that she shackled my hands, Craig was the one that discovered Monica but in the end it was I that became addicted to Mistress Monique.

She is the needle in my arm.





The End.
-------------------------------------------------------

The End.

Copyright Miss Irene Clearmont 2011(Oct)

More of Miss Irene Clearmont’s WWW writing can be found at:
http://www.missireneclearmont.com

contact me at:
[email protected]
Most E Mails get a reply.

Storie simili

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

2.1K I più visti

Likes 1

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

1.7K I più visti

Likes 0

GANG BANG A SORPRESA

Anche se questo è accaduto quasi 15 anni fa, mi viene ancora duro quando ci penso. Ho deciso che è ora di condividerlo con il resto del mondo. Questa storia è vera. Scusa non ci sono cazzi mostruosi, ma penso che la verità sia comunque più calda. Mia moglie, chiamiamola Suzy, aveva 19 anni quando ci siamo sposati e io sono stata la sua prima volta. L'ho incoraggiata a cercare la propria sessualità e per il tempo ha resistito. Suzy è alta 5'6 circa 118 libbre bionda fragola con un fantastico set di tette 34C e un culo tondo e sodo...

1.8K I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh come l'amore ha artigli affilati, parte 3

Lo fissai con la confusione che mi si diffondeva sul viso prima di dire: “Sei un cosa? Darren mi fece un sorriso da gatto del Cheshire mentre rispondeva: Sono un Lemuriano. Arricciai le sopracciglia mentre lo guardavo accigliato. Con quel sorriso stampato in faccia, potevo dire che amava ogni minuto della mia confusione. Alla fine, non ce la facevo più e ho dovuto chiedere: Che diavolo è quello? Quel suo sorriso è diventato più grande in un sorriso Ho uno sporco segreto che voglio che tu indovini mentre lui rispondeva: Oh, sarà così divertente spiegare cosa sono. Vorrei iniziare parlando della...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella_(3)

La mia migliore amica sorella Mi chiamo Bubba. Sono solo il tuo adolescente medio di 16 anni che sta attraversando tutta la merda ormonale che attraversano gli adolescenti. Ho 6,6 anni e non sono nella migliore forma della mia vita. La mia vita può essere un inferno vivente, che respira di tanto in tanto. Basta con me. Ti racconterò una storia sulla mia vita sessuale con la sorella della mia migliore amica. Penso a loro come alla mia seconda famiglia perché conosco tutta la loro famiglia dalla quinta elementare. Era una mattina luminosa per un sabato presto di merda. La famiglia...

1.7K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.7K I più visti

Likes 0

Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2 La prima parte descriveva JB un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente... Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per...

1.6K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.