La storia secondaria del Patto del Diavolo: il sexting

353Report
La storia secondaria del Patto del Diavolo: il sexting

Il patto del diavolo
di mypenname3000
Diritto d'autore 2013

La storia secondaria del patto del diavolo: il sexting

Nota: questo avviene durante il capitolo 13 mentre Mary manda messaggi ad Alice a letto, raccontato dal punto di vista di Alice. Serve anche come prologo per il capitolo 14.

Bip! Bip! Bip!

"Prendi la sveglia, budino", mormorò mio marito Dean, assonnato.

Bip! Bip! Bip!

Cercavo di ignorarlo, volevo dormire ancora un po'. Dean si spostò, poi si allungò verso di me e fece scattare la sveglia. Mi baciò sulla guancia, il suo pizzetto mi graffiava il collo. Sembrava ridicolo con quella dannata cosa. Il suo viso era troppo stretto, i suoi capelli di una tonalità troppo chiara di castano, perché il suo pizzetto sembrasse normale.

“Buongiorno, Alice,” sussurrò Dean.

Sospirai, aprendo gli occhi. «Giorno» mormorai.

Avevo la vescica piena e sono andata in bagno. Dean doveva uscire per andare al lavoro prima di me, quindi se non l'avessi usato adesso, avrei dovuto aspettare finché non avesse finito di farsi la doccia. Anche dopo sei mesi di matrimonio, non mi sentivo ancora a mio agio nel condividere il bagno con mio marito. Ero nudo mentre andavo in bagno, una bella ragazza come avevo sempre pensato, ma Dean non poteva prendersi la briga di provare almeno a guardarmi.

Sesto mese di matrimonio e il fuoco era già spento.

Diavolo, era già sparito da mesi. Due mesi fa ho avuto una relazione con il mio istruttore di yoga, Esteban. Pensavo che Esteban fosse perfetto. Mi prestava attenzione, cosa di cui mio marito non poteva preoccuparsi, non da quando ha ottenuto la promozione a gennaio. Stavo per lasciare mio marito quando ho scoperto che Esteban stava trascorrendo lo stesso tempo di qualità con altre due puttane a cui insegnava yoga.

Quindi, non sapendo cosa fare, rimasi con Dean. Era un bravo ragazzo. Ci siamo divertiti molto quando uscivamo insieme, guadagnava bene. Sarebbe perfetto se potessi convincere mio marito a prestarmi più attenzione. E non solo sesso, anche se sarebbe carino più di una volta alla settimana, ma parlami, fatti i complimenti, confidami. Forse quando mi vedrà impennarmi nuda davanti a lui potrebbe semplicemente gettarmi sul letto e violentarmi.

Ma poi ieri mi sono riavvicinato a Mary Sullivan. Ho sempre avuto una fiamma segreta per Mary, fin da quando aveva quattordici anni, quando la vidi nuda. Era appena uscita dalla doccia, nuda, pensando di poter correre attraverso il corridoio verso la sua camera da letto. Era magra come una puledra, con un seno carino appena sbocciato e una sottile peluria rossa che le copriva la figa. Si bloccò come una cara alla luce dei fari e arrossì così graziosamente mentre la guardavo. Non ero mai stato attratto da una ragazza prima, ma l'innocenza di Mary riempì le mie fantasie per settimane.

Quando andavo al college, ho avuto a che fare con alcune ragazze, tutte con i capelli rossi, prima di incontrare Dean durante l'ultimo anno. Mi è piaciuto il divertimento che ho avuto con le ragazze, ma mi sono piaciuti di più gli uomini. O almeno finché non mi sono ritrovata a gocciolare come una cagna in calore quando Mary è entrata nel mio ufficio. Ho flirtato con lei e, con mio grande stupore, lei ha risposto. A quanto pare, il suo nuovo fidanzato, Mark, ha aperto gli occhi su tutto il divertimento che poteva avere a letto e ha accettato con entusiasmo la mia offerta di andare in un vicino motel segreto in cui scopavo Esteban.

Per tre ore abbiamo fatto l'amore dolcemente e da allora non sono riuscito a smettere di pensare a lei. Il corpo snello e puzzolente di Mary era maturato in una bellissima giovane donna dalle curve piacevoli. I suoi seni erano una manciata paffuta, il suo culo ben rotondo e i suoi fianchi piuttosto formosi. Oh, e la sua lingua era dinamite sulla mia figa. La ragazza conosceva bene la fica di una donna.

Ho finito di fare pipì e quando mi sono asciugata ho tremato di piacere. Ero bagnato ed eccitato pensando a Mary. Dio, dovevo vederla oggi. Come al solito avevo con me il mio I-Phone. Di solito, quando ero in bagno, navigavo su Internet. Dean diceva sempre che ero come un uomo, che portavo una rivista da leggere in bagno.

Prima di arrossire, mi sono messa in posa davanti allo specchio e ho scattato una foto, catturando una mia bella foto in topless. Tirando lo sciacquone, uscii dal bagno. Dean mi passò accanto senza nemmeno degnare il mio seno o il mio sedere. Oh beh, se Dean non avesse voluto apprezzare la mia bellezza, Mary lo avrebbe fatto. Sono tornato sotto le coperte e ho fatto scivolare una mano nella mia figa bagnata, dando un colpetto al mio clitoride come mi veniva scritto con una mano sola.

“Ehi Mary, non riesco a smettere di pensare a ieri. vuoi vederci oggi? 13:00, stesso posto?" Ho allegato la foto che ho appena scattato e ho inviato il messaggio.

Dio, speravo che dicesse di sì. Ci fu un sibilo quando Dean iniziò a fare la doccia. Sarebbe rimasto da loro per un po'. Faceva lunghe docce, per aiutarsi a svegliarsi, affermò, e poi doveva radersi le guance e pettinarsi i capelli. Trascorreva in bagno quasi lo stesso tempo di una donna. Ho fatto scivolare delicatamente un dito nella mia fica succosa. Ho avuto tutto il tempo per farmi una bella jill prima che uscisse dalla doccia.

Il mio telefono squillò, Mary aveva mandato una risposta. "Non vedo l'ora di succhiare quelle tette!" A quel testo ne seguì un secondo. “Mark vuole comprare tutte le case dell'isolato. Ne parliamo dopo il divertimento! *-)”

Sbattei le palpebre, rallentando la velocità e infilai il dito nella mia fica bagnata. La sua fidanzata voleva comprare tutte le case del quartiere. Cominciavo a chiedermi se la fidanzata di Mary non le stesse mentendo. Sembrava che fingesse di avere molti soldi e di sognare in grande. E anche se lo avesse fatto, sarebbe stato difficile convincere la gente a vendere le proprie case se non volevano.

"Venderò l'intero quartiere", ho risposto con un messaggio.

Ho chiuso gli occhi e ho aggiunto un secondo dito. Ero caldo e appiccicoso e mi sentivo così bene. Presi il ritmo, sospirando forte a denti stretti. Il mio telefono ha squillato e ho aperto velocemente gli occhi. "non contare il segno fuori." C'era una foto allegata.

Era Mary, nuda. Era sdraiata sul letto, con i capelli ramati arruffati, i seni lentigginosi vivaci e i capezzoli scuri e duri. Oh, Dio, era così bella. Ho infilato un terzo dito nella mia fica e ho iniziato a scoparmeli freneticamente dentro e fuori. Ho immaginato di leccare quei capezzoli duri, di baciare le sue labbra rosse. Potevo quasi sentire le dita di Mary scivolare dentro di me, il suo pollice che mi massaggiava il clitoride, delicatamente, in piccoli cerchi.

"Oh, Maria!" Gemetti piano: “Sì, toccami! Sono così vicino, oh sì, sì!” Il mio orgasmo si è schiantato attraverso il mio corpo, la mia schiena si è inarcata contro il letto e mi sono morsa il labbro per trattenermi dal gridare ad alta voce la mia passione. Ho tirato fuori le mie dita appiccicose dalla figa. Ho chiuso gli occhi e ho leccato via il mio sapore dolce e piccante fingendo che fossero i succhi di Mary.

Ho preso il telefono, ho allargato le gambe e ho scattato una foto della mia fica succosa. "Sono appena venuto a guardare la tua foto." Ho allegato la foto e l'ho inviata.

"Più tardi ti farò venire di nuovo :-p", ha risposto Mary, insieme a una foto della sua figa, con la vulva lisciata e macchiata di sperma lattiginoso.

"quelli segni sono cum?" Ho risposto al messaggio.

"Sì *-)! abbiamo fatto una bella scopata!"

La gelosia mi ha pugnalato il cuore. "Per fortuna, è da un po' che non mi faccio un pompino :-(" ho risposto con un messaggio. Ma perché ero geloso? Era perché lei veniva scopata e io no, o perché non ero io a scoparla? Mi stavo innamorando di lei?

Mary ha inviato un'altra scelta. "Vorrei che fossi tu." C'era una ragazza dai capelli neri con le trecce, riflessi blu e viola che le striavano i capelli, mangiando la fica di Mary.

"chi è quello?" La mia figa formicolava per l'eccitazione e il mio stomaco si ribellava per la gelosia. Cavolo, credo che mi sto innamorando di quest'angelo dai capelli rossi.

"Solo una troia che condivido /w mark *-)."

La doccia si fermò. Ho avuto tempo per un altro orgasmo. La mia figa era tutta succosa ed eccitata. La mia gelosia e la mia eccitazione si mescolavano in questa forza irresistibile. Il mio dito scivolò lentamente sulla mia fica, incapace di resistere. C'era qualcosa di così sbagliato nel pensare a Mary con un'altra persona, un'altra donna. Strisciando sempre più vicino al mio buco affamato. Ho stretto insieme le cosce. Il formicolio era così bello. Le mie dita hanno trovato il mio clitoride e ho iniziato a massaggiarlo in piccoli cerchi.

Il mio telefono ha squillato. Un altro messaggio di Maria. "Andare 2 ti farà venire così forte oggi."

Mi sono masturbato il clitoride più velocemente mentre Mary mi mandava messaggi disgustosi dopo messaggi disgustosi: "non vedo l'ora di leccarti la fica", "mi godrò la tua lingua sul clitoride", "ti infilerò il mio capezzolo nella figa" e "sono appena arrivato" sulla bocca delle troie, non vedo l'ora di inondarti la bocca / con il mio sperma. Mary era una ragazza così cattiva, i suoi messaggi alimentavano la mia lussuria e la mia gelosia. Ero così vicino che il mio pollice girava forte sul mio clitoride.

"Maria!" Ho gridato mentre arrivavo: “Oh, vaffanculo, Mary! Non quella troia! Fanculo a me!"

"Stai bene, budino?" gridò Dean dal bagno.

“Sì, mi sono appena scontrato con l’alluce”, ho urlato di rimando, respirando affannosamente, e ho mandato un messaggio a Mary, “sono appena tornato, non vedo l’ora che arrivi dopo. ti farà venire più forte di una troia! buon lavoro."

Mary ha inviato un'ultima foto, in posa davanti allo specchio del bagno. Un braccio alzato dietro i capelli, il suo seno vivace proteso in avanti, uno sguardo allettante della curva del suo culo e solo l'accenno della sua figa stretta che spunta sotto il suo cuore ardente. "Solo qualcosa per farti stare bene, tesoro", accompagnava la foto.

Mentre mio marito lasciava la camera da letto, ho inviato un ultimo messaggio. "Mangerò la tua fica e berrò il tuo miele."

"A chi stai mandando il messaggio?" chiese, indossando i suoi pantaloni grigi.

"Oh, solo Mary", dissi. "Era una delle mie damigelle d'onore."

"La rossa?" chiese. C'era un intoppo nella sua voce. Era quella la lussuria! La rabbia mi ha colto il cuore. Mio marito desiderava il mio amante? Quel bastardo!

Pensavo di arrabbiarmi con lui, ma non ne valeva la pena. Diavolo, come potevo arrabbiarmi quando ero io a tradirlo. "Sì", risposi, cercando di sembrare normale

Mi sono alzata e ho sfilata nuda davanti a mio marito, con le cosce appiccicose dei miei succhi, e ancora niente. È stata una fortuna avere Mary, perché una ragazza ha bisogno di apprezzare la sua bellezza. Mary aveva ragione, se Dean non avesse voluto approfittarsi della sua calda ed arrapata moglie, sarebbe stato per lui un danno. Diavolo, non sono sicuro di volere più la sua attenzione. Non quando ho Mary. Sono scivolata sotto la doccia e ho iniziato a lavarmi con il mio bagnoschiuma al gusto di albicocca, ricordando la doccia che io e Mary abbiamo fatto ieri.

Ho fatto finta che fosse Mary a lavarmi il corpo, a insaponarmi i seni, a strizzarli delicatamente e a strofinare dolcemente la luffa sui miei capezzoli sensibili. Poi avrebbe lavato il mio ventre piatto, le mie gambe aggraziate, scivolando lungo l'interno della coscia, sempre più vicino, sempre più vicino alla mia figa dolorante. La luffa era eccitante e ruvida sul mio clitoride, scavando nel solco delle mie labbra. Strofinava la spugna avanti e indietro sulla mia vulva, andando sempre più velocemente, aggiungendo sempre più pressione, finché non urlavo il mio orgasmo.

Ho dovuto prendere l'asta della doccia perché ho quasi perso l'equilibrio quando sono arrivato sulla mia luffa. Ho riso stordito, pieno del mio orgasmo e dell'adrenalina che mi ha inondato il sangue dalla mia quasi catastrofe, ho finito tremante la mia doccia. Ho passato dieci minuti cercando di trovare l'outfit perfetto, qualcosa di appropriato per il lavoro, ma comunque davvero sexy.

Ho optato per la gonna a tubino più corta che avevo, un profondo blu reale con fili dorati intrecciati. Ho trovato una mezza maglietta blu corta che lasciava in bella vista gran parte del mio décolleté e lasciava la pancia nuda, poi ho indossato sopra un blazer blu scuro. Con il blazer addosso non si vedeva che avevo l'ombelico scoperto. Per essere ancora più cattiva, non indossavo né reggiseno né mutandine. Ho optato per un paio di calze autoreggenti marrone scuro, alte fino alla coscia, che arrivavano appena all'orlo della gonna.

Mi sono guardata allo specchio del bagno dopo essermi pettinata e truccata. Non avevo il blazer addosso. Sembravo una modella, una modella troia e pazza di sesso. Mary stava per incresparsi le mutandine quando mi ha visto. E poi potrei leccarla per pulirla!

Storie simili

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.5K I più visti

Likes 0

Bella Lilly

Nota dell'autore: se non sei un fan delle storie in cui la maggior parte dei personaggi ha poca o nessuna morale, per favore non leggere questo. Sei stato avvisato. Vai avanti se questo concetto non ti incuriosisce. Ci sono alcune persone malvagie e incasinate in questa storia. Il figlio sessualmente attivo può essere il minore dei mali. Questa non è una storia d'amore spensierata. Il suo pezzo compagno Juicy J è molto più ottimista e spensierato. Sentiti libero di leggere quella storia (sulla sorella di Lilly) se preferisci quello stile. Questo è anche un racconto a strati con diversi personaggi. Un...

1.2K I più visti

Likes 0

Festa in piscina_(1)

Ehi, tutti, gridò Gene, guardate questo, appena prima di fare una capriola selvaggia dal trampolino nella piscina del suo cortile!!! Il resto della folla gli ha rivolto una finta standing ovation e Tom ha gridato: Darei tre e mezzo a quello, e tutti sono scoppiati a ridere e poi sono tornati a fare conversazione e ad accarezzare i loro drink! Era la solita folla, le quattro coppie che erano state amiche da quando si erano trasferite nella suddivisione vent'anni prima. In estate era il nuoto e il golf, mentre durante la stagione più fredda, era il bowling o le carte, scegli...

1.1K I più visti

Likes 0

Una sorella e l'eroe della sua migliore amica

Questa è la mia prima storia in assoluto, per favore dimmi cosa ne pensi .. Mi chiamo Jack, sono 6'1'' e sono scolpito, voglio dire scolpito, da tutte quelle ore in palestra. A scuola faccio wrestling e sono stato campione dei pesi massimi nei miei ultimi due anni di scuola. Dopo la scuola sono andato a MMA e all'età di 20 anni sono stato campione di MMA. Ho gli occhi azzurri e i capelli castani che tengo corti. Comunque torniamo alla storia. Vivo con mia madre e mia sorella, che ha 3 anni meno di me. Eravamo vicini ma avevamo ancora...

913 I più visti

Likes 0

La storia di Ann parte 2

La storia di Ann parte 2 Ann non era affatto a disagio nel retro di questo veicolo e con gli orgasmi appena avvenuti, insieme a chiunque la stesse succhiando, questo la portò di nuovo a un climax tremante. Le piaceva quando suo marito si contorceva e giocava con i suoi capezzoli, ma quello che amava ancora di più era quando giocava con loro e le succhiava la figa, specialmente il clitoride. Gli uomini che l'avevano presa apparentemente erano molto bravi a dare piacere alle donne. Era sdraiata lì incapace di muoversi ed era così consumata da tre orgasmi piacevoli, quasi di...

870 I più visti

Likes 0

Il migliore amico di mio fratello_(0)

Mio fratello Lance aveva quattro anni più di me, il che significava che aveva una grande quantità di simpatici amici. Avevo appena compiuto 16 anni e adoravo i ragazzi, i loro occhi erano sempre fissi sulle mie tette 36 D e sulla mia figura snella. Avevo lunghi capelli neri e grandi occhi castani. Mio fratello e la maggior parte dei suoi amici erano al college. Aveva un amico dalla scuola media, TJ. All'inizio era un ragazzo goffo, ma quando è andato al liceo è cresciuto in se stesso. Ha iniziato a fare sport e il suo corpo ha continuato a migliorare...

830 I più visti

Likes 0

Ora cosa devo fare?

Sono cresciuto in una città di medie dimensioni, una famiglia della classe media e per lo più al riparo dalla vita della grande città di Chicago, a poche ore di distanza. Non facevamo rave party e orge, ma ovviamente li sapevamo. Ero la più grande di tre anni e sempre molto protettiva nei confronti della mia sorellina. La mia famiglia e io abbiamo cercato di tenerle lontano dalla realtà della vita cittadina il meglio che potevamo. Il mondo mi si è davvero aperto quando sono andato al college alla Northwestern University. Ho trovato le tentazioni della grande città di droghe, orge...

686 I più visti

Likes 0

Omegle Chat #1 - Il nonno e Mariah fanno un giro

Nota: sfortunatamente, la storia è incompleta perché la connessione su Omegle è scaduta. Questo è completamente inedito da me. Godere. xxxxxxxxxxxx Sconosciuto: ((donna di 19 anni (può diventare molto, molto più giovane) in cerca di un maschio più anziano per l'incesto RP come mio padre, zio o nonno)) Tu: Quanto sei giovane, schifosa troia? Sconosciuto: ((Qualsiasi valore inferiore a 17 anni, nessun limite)) Tu: Il cazzo del nonno gli è appena cresciuto nei pantaloni. Quando viene a trovarci sua nipote di 11 anni? Sconosciuto: ((Oh okay! Vuoi che ti dia una descrizione!)) Tu: Sì tesoro. Dì al nonno che aspetto hai...

723 I più visti

Likes 0

Legare papà

Prima sei entrato e mi hai detto che volevi insegnarmi del mio corpo, poi mi hai baciato. Hai giocato con i miei seni e il mio gattino. Mi hai fatto sentire così bene. Ma non sono riuscito a vedere il tuo cazzo. Ho deciso che avrei preso in mano la situazione... Ho deciso che avrei aspettato finché non ti fossi addormentato. Sapevo dove teneva alcuni dei suoi giocattoli. Non sono così dolce e innocente come sembro. Ho preso delle manette, dei ceppi e una benda dalla tua scorta. Come ripensamento, ho afferrato un bavaglio. Mi sono intrufolato nella tua stanza. Eri...

597 I più visti

Likes 0

Oh ora me lo dice!!

Bene, questa è la mia prima storia ed è vera al 100%. Spero di fare del bene per la mia prima volta.. Quindi in passato andavo a casa di mio zio e aveva un figlio che aveva un anno più di me, (avevo circa 12 anni, forse) Era un ragazzo meraviglioso !! Capelli castani e bellissimi occhi azzurri, era circa 5'5 e aveva un bel corpo :). Si chiamava Ryan e io ero innamorato, non all'inizio, ma è cresciuto con me. Abbiamo passato così tanto tempo insieme e anche se ero giovane sapevo cosa volevo ed era LUI! All'inizio non pensavo...

534 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.