La mia mamma arrapata prt1

285Report
La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo:

"Walter!"

Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e
guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio.

"Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente
stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter,
stai ascoltando?"

Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava
più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro
mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù
cazzo rigido e dolorante.

"Walter!"

Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni
e stupendo, con grandi occhi azzurri che completano i suoi capelli biondi, e
un corpo snello, accatastato e dai seni grandi.

"Walter, prestami attenzione!"

Walter gemette, e poi la testiera cominciò a sbattere contro
il muro ancora più velocemente. Probabilmente era sul punto di spruzzare
un grosso carico di sperma su tutto il petto. Patty si voltò dalla porta,
arrossendo ferocemente mentre si ritirava lungo il corridoio. Era vestita
con disinvoltura, in jeans e una camicia da lavoro blu che le dava un aspetto ampio, senza reggiseno
tette molto spazio per dondolarsi e rimbalzare. Era il tipo di vestito
che qualsiasi casalinga normale avrebbe indossato in casa, tranne lei
non mi sentivo normale.

Per prima cosa, adesso era divorziata. La casa e il suo modesto
gli assegni mensili degli alimenti erano tutto ciò che aveva per ricordare il suo lungo matrimonio
a suo marito. Inoltre, aveva un bel figlio giovane che
era ossessionato dalle seghe.

Era cominciato sei mesi prima, dopo il divorzio. Walter lo era
un ragazzo di sedici anni insolitamente bello, alto e muscoloso, con un
inguine gonfio che Patty, nonostante il suo imbarazzo, aveva avuto
impossibile non accorgersene. Patty aveva letto che il desiderio sessuale cresce
i ragazzi possono essere molto forti, ma questo non l'aveva preparata a ciò
che il cazzo di Walter sembrava essere rigido e rigonfio per la maggior parte del tempo.

Supponeva che il suo aspetto avesse qualcosa a che fare con tutto ciò. Patty
era più snella della media, con le gambe lunghe e un fisico carino e rotondo da ragazzina
culo. Ma le sue tette erano così grandi che i suoi reggiseni con coppa G dovevano esserlo
fatto su misura. Il suo corpo aveva sempre fatto arrapare gli uomini, e Patty lo era
paura che il suo unico figlio non facesse eccezione. Era rimasta mortificata
vedere il suo cazzo gonfiarsi molte volte negli ultimi sei mesi, quando lei
lo sorprese ad osservare la sua figura.

Almeno poteva provare a trattenersi, pensò Patty. O a
almeno tacere sul fatto di voler giocare così tanto con se stesso. Era
Ormai erano le tre e mezza del pomeriggio, e Walter era a casa da un bel po'
mezz'ora. Correva letteralmente di sopra non appena camminava
attraverso la porta con un rigonfiamento dall'aspetto osceno che tendeva attraverso il suo
pantaloni.

Due minuti dopo erano iniziati i colpi. L'ha sentito a
almeno quattro volte al giorno adesso. Aveva provato a parlargliene,
sia con gentilezza che con severità, ma semplicemente non voleva ascoltare. Tutto quello che ha detto
era che non riusciva a trattenersi dallo strofinarsi il grosso cazzo non appena ciò accadeva
cominciò a irrigidirsi.

Beh, avrebbe dovuto imparare a ignorarlo, Patty
pensò all'improvviso. D'impulso andò all'armadio dell'ingresso, trovando
la chiave della porta della camera di Walter appesa a un chiodo. Decisamente lei
Tornò nella sua stanza, sapendo benissimo che stava per catturarlo
il suo ragazzo nell'atto. Non era normale che un ragazzo giocasse con se stesso
tanto. Walter doveva semplicemente imparare a controllare i suoi desideri sessuali.

Patty entrò nella sua stanza. A Walter ci volle un momento per farlo
notare che era entrata. Come si era aspettata, era sdraiato sul suo letto
indietro con i pantaloni intorno alle caviglie. C'era un barattolo di olio per bambini
ben visibile sul comodino accanto al letto. La lingua del giovane
ciondolava oscenamente dall'angolo della bocca mentre stringeva il pugno
febbrilmente sul suo inguine, sferzando la mano su e giù per la sua
cazzo palpitante e teso.

Patty lo guardò. Era la prima volta che la vedeva
il cazzo nudo e rigido del figlio; suo malgrado, non poteva aiutarla
essere curioso. Aveva immaginato che ne avrebbe avuto uno relativamente piccolo
cazzo, anche se era quasi adulto.

Patty capì immediatamente che si sbagliava. Il cazzo di Walter lo era
Enorme. Rigidamente la lunga e grassa asta di carne del gallo si sollevò dal suo cazzo
riccioli, lunghi almeno nove pollici e spessi quanto il suo polso.
Il pomello del gallo era grande come una piccola mela, gonfio e rosso intenso
luccicante di crema di gallo trasudante. Immediatamente il divorzio, sessualmente-
la madre frustrata sentì un nuovo desiderio vergognoso pulsarle nella fica.
Non avrebbe mai immaginato che avrebbe visto il cazzo duro di suo figlio
far sentire la sua figa così bagnata e calda.

"Va bene, Walter. Smettila subito!"

Walter alzò la testa e finalmente vide che sua madre era con lui
lui nella stanza. Sospirò, rilasciando il suo grosso cazzo e piegandolo
le mani dietro la testa. Non ha fatto alcuno sforzo per coprire il suo fottuto organo,
e il gigantesco albero del gallo continuava a sussultare e pulsare sul suo stomaco.
Patty sedeva accanto a suo figlio sul letto, cercando di non fissarlo
cazzo. Sentì i suoi capezzoli irrigidirsi e sporgere durante il lavoro
camicia. Avrebbe voluto indossare un reggiseno per evitare che le sue enormi tette venissero fuori
sussultando davanti a suo figlio.

"Da quando hai cominciato a piombarmi addosso quando c'è la mia porta
chiusa a chiave?" borbottò Walter. "Non posso nemmeno avere un po' di privacy?"

"Sai benissimo che stavo bussando un momento fa. Credo
questa è una giustificazione sufficiente per l'utilizzo della chiave. Walter, lo sai
è qualcosa di cui dobbiamo parlare. Tutto quello che fai in questi giorni
è uno schifo. Non è normale. Non ti svilupperai normalmente
se passi tutto il tempo a strofinarti il ​​cazzo e a farlo venire."

"Non posso farci niente," sorrise Walter. "Il mio cazzo diventa duro, e io
mi viene voglia di strofinarlo. Cosa c'è che non va?"

"Non conosci nessuna ragazza che potrebbe----" Patty arrossì,
smettendo di dire a suo figlio di trovarsi una ragazza arrapata da scopare. "---
chi potrebbe aiutarti a pensare di più alle cose normali?"

"Vuoi dire come scopare?" Il sorriso di Walter si allargò. "Merda, mamma, io
scopare un sacco di ragazze. Se vuoi, posso portarne uno a casa domani e
fanculo proprio qui. È solo che mi piace molto massaggiarmi il cazzo. Sembra
Bene."

"Tu... potresti almeno tirarti su i pantaloni quando sei tuo
la mamma ti sta parlando. Questo è molto imbarazzante."

"Beh, sei tu quella che voleva parlare, mamma. Io non voglio
smettila di fare le seghe adesso. Ho avuto un grosso carico nelle palle tutto il giorno. IO
ho bisogno di venire male!"

E poi il figlio impiccato ha scioccato di nuovo sua madre, facendogli scivolare la mano
giù per afferrare di nuovo saldamente il suo cazzo gigante. La madre stupita
non poteva fare a meno di fissare il suo tremendo cazzo mentre iniziava a battere
di nuovo la sua carne, lentamente e molto dura, gemendo mentre muoveva il pugno
su e giù per la lunghezza smisurata del suo cazzo.

"Walter! Walter, per l'amor di Dio!" Patty sussultò,
sopraffatto sia dalla rabbia che da una lussuria irresistibile e incestuosa.
"Come...come osi farlo davanti a tua madre! Prendi il tuo
Giù il cazzo in questo istante!"

"Non voglio, mamma. Mi fa sentire bene."

E poi Walter guardò apertamente le sue tette, sospirando mentre guardava
le tette enormi e spugnose che ondeggiano leggermente sotto la maglietta.

"Amico, ne hai sicuramente un paio grandi, mamma. A volte mi piacciono
pensare a succhiarli quando mi masturbo. È ancora meglio
guardandoli allo stesso tempo."

"Walter!"

Patty era così scioccata che sapeva di dover fermare il suo ragazzo
battendo il suo cazzo in quell'istante. Lei lasciò cadere la mano, con l'intenzione di farlo
togligli il dito dal cazzo. Ma Walter ritirò la mano
lo stesso tempo. La cosa successiva che Patty capì fu che la sua mano si riempì di cose
la calda rigidità del cazzo di Walter.

"Ummm, che bello, mamma! Perché non me lo strofini tu?"

"Piccolo bastardo!"

E poi Patty ha iniziato a farlo. Non sapeva cosa fosse successo
su di lei, cosa l'aveva spinta a cominciare il peggior peccato possibile
suo figlio. La sua figa era molto bagnata, pulsava così eccitante nelle sue mutandine
che difficilmente riusciva a pensare lucidamente. Si sentiva sopraffatta dalla rabbia,
frustrazione e una lussuria sfrenata e incontrollabile.

Walter giaceva lì, sorridendo mentre si sottometteva al suo sesso...
il lavoro manuale di una madre affamata. Patty guardò apertamente il suo enorme cazzo
ora, facendo una smorfia mentre sferzava la mano destra su e giù per il
la gatta del gallo più velocemente che poteva.

"Ti fa sentire bene? È questo quello che vuoi che ti faccia,
Walter? La tua stessa madre? Sei davvero così disgustoso
vuoi che la tua mamma ti prenda il cazzo in questo modo?

"Vuoi che lo succhi anche la mamma? Ti piacerebbe, no
Voi? Vorresti che tua madre si mettesse il tuo cazzo in bocca e
ingoia il tuo sperma caldo!"

Walter rispose allontanando la sua mano e girandosi
sedersi sul bordo del letto. Guardò sua madre con attenzione,
poi sorrise, schioccò le dita e indicò con arroganza le sue
cazzo dolorante.

"Sì, è quello che voglio, va bene. Perché non vai sul tuo
in ginocchio adesso, mamma? Il mio cazzo ha bisogno di una bella succhiata, subito!"

"Tu, sporco, vergognoso, ragazzino ---"

E poi le sue parole si spensero mentre faceva ciò che faceva suo figlio
chiese, inginocchiandosi davanti a lui e affrontando il
l'enorme, dolorante lunghezza del suo cazzo. Patty si rese conto che era così
respirava molto forte e poteva sentire il battito del cuore dentro di sé
la figa meglio anche di quanto potesse sentirla nel petto.

Si sentiva come se avesse perso ogni controllo su se stessa, come se fosse così
non era più possibile distinguere ciò che stava realmente facendo
adesso e cosa avrebbe potuto sognare. Non poteva crederci
stava per infilarsi il cazzo di suo figlio in gola
e ingoiare il suo sperma vomitato.

Patty avvolse strettamente le sue dita attorno al suo cazzo palpitante,
facendo scorrere il pugno alla radice. Fissò intensamente il roseo, gonfio
manopola del rubinetto per diversi secondi, vedendo come tutta la corona grassa
brillava di sperma appiccicoso. La madre sfrenata la abbassò
testa, premendo le labbra sul suo buco della pipì. Vergognosamente si spinse fuori
la sua lingua, leccando avidamente il gustoso succo del cazzo dal formicolio
punta del suo cazzo.

"Unnggh! Che bello, mamma!" Walter si contorse sul limite
letto, tenendole la testa con entrambe le mani. "Mettilo in bocca,
Mamma! Succhialo! Unggh, succhialo bene!"

Patty chiuse gli occhi, cercando di respingere la consapevolezza che lei
adesso era il tipo di madre che faceva pompini al proprio figlio.
A poco a poco lasciò scivolare le labbra sul suo organo sessuale pulsante,
succhiando centimetro dopo centimetro del suo cazzo gigante e pulsante. Lei
si fermò quando ne ebbe inalato più di un terzo, quando lo avrebbe fatto
si sarebbe soffocata se avesse tentato di ingoiare ancora un po' della carne del suo cazzo.

Poi la madre arrapata ha iniziato a succhiare il cazzo con molta forza,
tenendo gli occhi chiusi mentre curava con soddisfazione il dolore
rigidità della sua erezione. Una voce assurda nel profondo della sua mente
cercava ancora di giustificare quello che stava facendo. Gli stava mostrando come fare
sarebbe terribile se lasciasse che sua madre gli succhiasse il cazzo.

Patty succhiò il gustoso cazzo sempre più forte, scioccandosi
con la sua impazienza di succhiare e succhiare il cazzo di suo figlio. Lei
costrinse il suo viso ad avvicinarsi alla base pelosa del suo inguine, imbavagliandosi,
morendo dalla voglia di ingoiare tutta la sua carne di gallo in un solo sorso. L'enorme coglione
ha risposto alla sua suzione dura e umida diventando ancora più grande e
più rigido. Il pomello del gallo si gonfiò oscenamente, pulsando sul tetto
la sua gola.

"Ummllppp," gorgogliò Patty.
I suoi suoni osceni e leccati di contentezza da pompinara erano diventati
anche molto rumoroso, riempiendo la camera da letto. Iniziò febbrilmente
dondolando la testa su e giù, scopandosi la bocca con il grosso cazzo del suo ragazzo
puntura. Le sue dita si strinsero sulla radice del suo cazzo. Poi lei
iniziò furiosamente a sollevargli l'uccello mentre lei succhiava la punta, ruotando
e imbastindo la lingua attorno alla corona a forma di fungo, leccandola
lo sperma salato che sgocciolava dal suo enorme cazzo dolorante.

"Mamma, sborrerò presto!" Walter gemette. "Unggh! Lo sento
basta, mamma! Sarà davvero un grande evento! Oh, succhiamelo, succhiamelo
difficile! Sei un succhiacazzi così fantastico!"

Il complimento scioccante e disgustoso era musica per le sue orecchie.
Patty si sentì arrossire mentre cominciava a succhiare il cazzo con la massima forza
potrebbe, raggrinzindosi rapidamente e urlando le guance attorno allo sperma-
carica rigidità del suo cazzo. Il suo pugno era una macchia confusa, che si alzava e
giù la sua erezione. Aveva un disperato bisogno di allattare un carico pesante e zampillante
fuori dal suo cazzo, per essere costretto a deglutire il più velocemente possibile per deglutire
giù tutto lo sperma di suo figlio.

"Ingoialo, mamma! Cumming, cumming!"

Lui le afferrò la testa, spingendo i fianchi fuori dal letto, scopando
l'asta del suo cazzo ancora un centimetro tra le sue labbra. Patty ha iniziato ad avere conati di vomito,
ma poi, alla fine, i suoi sforzi arrapati come pompini ebbero fine
premiato. Una tremenda pioggia di sperma esplose dal suo gonfiore
testa di cazzo, che squirta e schizza su quello della madre amante dello sperma
gola.

"Ummmmppp!" Patty gorgogliò.

Il succo del cazzo le stava vomitando in bocca, schizzandole addosso
tonsille e scorre giù per la gola. Febbrilmente si aggrappò al
un cazzo enorme che spara crema, adora il gusto di quello del suo giovane figlio
seme. Vergognosamente, la madre arrapata ha iniziato a succhiare, masturbarsi e
deglutendo tutto allo stesso tempo, non volendo liberare quello di suo figlio
pungere finché non ebbe succhiato ogni goccia di crema salata dalla corona
della sua carne di gallo.

Dopo quasi mezzo minuto, l'esplosione di sperma finì e il
Una madre bionda e sexy aveva la pancia piena del succo del cazzo che beveva di nascosto
bramato. Alzò la testa dall'inguine di suo figlio, stordita e
disperatamente arrapata, fa scorrere la lingua intorno alla bocca per leccarla
crema. Patty respirava affannosamente e la sua figa era così bagnata
aveva completamente inzuppato la fascia inguinale degli slip.

Il cazzo di Walter era ancora molto duro e pulsava davanti a lui
la sua faccia. La figa di Patty ebbe uno spasmo mentre improvvisamente immaginava l'enorme,
una figa grassa che si infila nella sua fica pelosa, penetrandola profondamente
e fuori la sua fica.

"Bene. Spero che tu sia soddisfatto, Walter," ansimò. "Voi
in realtà ho fatto succhiare il tuo grosso cazzo alla mamma per te. Suppongo che ora tu
voglio fare anche altre cose sporche con la mamma."

Walter sorrise, annuendo. Patty si alzò in piedi, armeggiando con
i bottoni della sua camicia, incapace di smettere di fissare quello enorme di suo figlio
cazzo.

"Allora penso che faresti meglio a toglierti il ​​resto dei vestiti,
Walter. Ora che abbiamo iniziato, sarà meglio che facciamo questi disgustosi
desideri fuori dal tuo sistema una volta per tutte."

Walter sorrise di nuovo, togliendosi le scarpe e infilando le sue
togliti i pantaloni per il resto. Tutto ciò che aveva addosso adesso era la camicia, e...
non aveva bisogno di toglierselo per dare a sua madre una scopata dura
necessario. Si mise a sedere e la guardò spogliarsi. Patty provò un'ondata di orgoglio
mentre si toglie la maglietta, rivelando le sue enormi tette.

"Ti piacciono le tette grosse della mamma, vero, Walter?" lei chiese.
Patty si passò le mani lungo la vita sottile, stringendo a coppa le tette giganti e spugnose
e impastandoli lascivamente. I capezzoli ricoprono la crema
I coppe a doppia D erano molto larghi e rossi, con il tronco rigido e sporgente
suggerimenti. Patty si tolse le scarpe e si slaccia i jeans. Poi, nudo
fatta eccezione per le mutandine, raggiunse suo figlio sul letto.

"Puoi andare avanti e succhiare le tette della mamma adesso, Walter. I
supponiamo che anche tu ci abbia pensato quando ti sei masturbato."

Walter si limitò ad annuire. Si inginocchiò accanto a sua madre, archiviando la sua
mani con le sue tette gigantesche e sode. Affamato impastò e strizzò
le enormi tette, facendole rotolare e aprendo i pollici con i pollici
capezzoli. Patty rabbrividì quando il piacere del massaggio alle tette se ne andò
direttamente nella sua fica.

"Tu --- puoi succhiarli se vuoi," ansimò.

Walter si distese sopra di lei, spalancando la bocca per inghiottire
un capezzolo teso. Febbrilmente cominciò a bere quello di sua madre
una tettona enorme, che gli succhia e increspa la guancia, proprio come faceva una volta
allattava il latte dalle sue tette quando era un bambino allattato. Patty piagnucolò, il
il bisogno nella sua figa diventa sempre più forte di secondo in secondo. Lei teneramente
cullava la testa del suo amorevole figlio, incoraggiandolo a succhiare le tette della mamma
quanto gli piaceva.

"Tu --- puoi toccarmi la figa adesso," sussurrò. "Credo
vuoi farlo anche tu."

Walter fece scivolare la mano verso il basso, spostandola tra le sue cosce per premere
il suo dito contro la sua figa. Poi smise di succhiarsi le tette e guardò
trionfalmente nei suoi occhi.

"Amico, mamma! Stai davvero gocciolando!"

Patty arrossì. Sapeva che la sua figa era bagnata, ma non era così
sapevo che era così bagnato che perfino l'interno delle sue cosce era scivoloso
trasudando oli di figa. Walter sembrava affascinato dal caldo e cremoso di sua madre
figa. Lui le afferrò le mutandine e le tolse, insieme alle mutandine
l'inguine attaccato alla sua fica bagnata e pulsante. Ora è accatastato, sexy
la madre era completamente nuda. Walter allargò le cosce, fissandola
alla figa bagnata e pulsante che lo aveva fatto nascere per così tanti anni
Prima.

"Perché mi guardi così, Walter?" Patty
ansimava. "Perché non vai avanti e non mi sbatti dentro quel grosso stronzo
Proprio adesso? So che è quello che vuoi fare, anche se sono tuo
madre."

"Voglio leccarlo prima," borbottò Walter.

E poi si distese tra le sue lunghe gambe, spingendola verso l'alto
cosce per dare alla sua bocca un migliore accesso al suo palpito, gustoso
fica. Alla madre nuda ci volle un minuto per capirlo
suo figlio voleva succhiarle la figa. Poi rabbrividì, mordendosi il labbro
mentre sentiva la prima pressione della sua lingua che si chiudeva timidamente
tra le pieghe profumate della sua fica.

"Ungggh! Oh, Walter! Cosa... perché stai facendo una cosa del genere?
Walter? Ungh! Unnggh!"

Walter era troppo occupato a leccare per rispondere. Evidentemente amava il
il sapore della figa di sua madre, amava la sensazione di muovere la lingua
indaffarato su e giù per la sua fica rosa e luccicante. Patty all'istante
aveva paura di come avrebbe potuto comportarsi adesso. Era già abbastanza eccitata prima
Walter le è andato incontro. Non sapeva quanto sarebbe stato stravagante
comportarsi bene se avesse reso la sua fica già dolorante ancora più bagnata e pruriginosa
con la sua lingua.

"No, Walter! Tu...unggh...non devi leccare quello della mamma
figa! Unnggh! Fanculo tua madre, Walter. Adesso ecco cosa
tu vuoi!"

Walter non rispose. Teneva aperte le labbra della fica di sua madre
le sue dita, permettendogli di spingere la lingua più a fondo nella sua bagnata,
buco profumato. La crema del cazzo continuava a uscire dalle profondità della sua fica,
e il suo clitoride era molto grasso e gonfio, sporgente nella parte superiore
fessura con frange di pelliccia.

Walter mosse la lingua più in alto, dimostrando la sua abilità di micio
leccatore mentre cominciava a tamponare il clitoride di sua madre da un lato all'altro. IL
strillò la madre nuda, stringendogli la testa con entrambe le mani. Poi lei
ha iniziato urgentemente a spingere e scopare i fianchi fuori dal letto, con urgenza
scopandogli la figa bagnata in faccia.

"Sì, Walter," gridò con voce rauca. "Unngggh! La mamma ha bisogno
succhia adesso! La mamma ha bisogno di succhiare tantissimo! Ungh! Lecca il clitoride della mamma,
Walter! Oh, succhialo, succhialo bene, fai venire tua madre!"

Walter continuò a leccare e baciare, fermandosi per strofinarsi la faccia sul
densi riccioli color platino che le coprivano il basso ventre in modo ricco
muschio. Ora raddrizzò le dita, spingendole nello stretto,
aggrappandosi all'interno del canale della figa di sua madre. Patty rabbrividì
suo figlio cominciò a segarle la fica pulsante, leccandola direttamente
il suo clitoride allo stesso tempo.

"Succhialo, Walter! Oh, per favore!"

Walter le prese il clitoride tra le labbra. Lo succhiò delicatamente ma
con forza, bevendolo, allo stesso tempo pompando le dita
rapidamente dentro e fuori dalla sua fica. Patty sentì lo sperma sgorgare in profondità
dentro di lei, facendole formicolare i capezzoli e il buco del culo mentre il pre-
sensazioni orgasmiche davano piacere violentemente a tutto il suo corpo. Allora lo era
venendo, venendo in modo incontrollabile, mentre suo figlio la succhiava
fica.

"Mangialo, Walter! Unnggh! Leccalo, lecca tua madre! Cumming,
cuummmiiinnnggg!"

La sua figa pulsante ebbe spasmi e vomitò, dando a suo figlio un
boccata di succo di figa da leccare e succhiare. Walter continuava a succhiarla
clitoride e facendole una sega, guidandola fino all'apice del suo orgasmo.
Passò quasi un minuto prima che gli spasmi si calmassero. Per allora, Patty
aveva un bisogno doloroso, profondo, profondo nella sua figa che non aveva mai sentito
Prima. Ha un disperato bisogno di sentire il cazzo grasso e carnoso di suo figlio
martellandole la fica il più velocemente possibile.

"Tu... puoi scoparti tua madre, no, Walter. Lo so, ecco cosa
vuoi veramente. Vai avanti, Walter. Spingetelo dentro. Sbrigatevi!"

Walter montò sulla madre nuda, strisciando tra le sue cosce
con il suo cazzo gigante e gocciolante che gli pulsava sullo stomaco. Impazientemente
Patty si abbassò, afferrò l'asta del rubinetto e diresse il rubinetto
manopola alla sua figa. Lei piagnucolò e si morse il labbro quando sentì il
cazzo carnoso che la perfora e le allunga le labbra imbronciate della figa
scoppiando attorno allo spessore invadente del suo cazzo.

"Unnggh! Oh, ne hai proprio uno grasso, Walter! Unnggh!
Dovrai davvero infilarlo dentro, vero? Andare avanti.
Ungh! Infilalo nella figa della mamma, tesoro. Veloce veloce!

Walter allargò le ginocchia, per appoggiare al meglio i fianchi
posizione per martellargli il cazzo. Poi ha iniziato ad accarezzare, dentro e
fuori, penetrando più a fondo il suo organo in sua madre ad ogni colpo.
Patty alzò la testa, guardando in basso, osservando l'albero venato
entrando e uscendo dalla sua figa attaccata. La vista era violentemente
emozionante. Iniziò a masturbarsi e a dimenare il suo culetto rotondo,
spingendo la sua figa pulsante sull'enorme cazzo di Walter.

"Tu... puoi scoparmi più a fondo, Walter," ansimò. "Andare avanti,
Walter. Scopa la fica stretta della mamma più profondamente che puoi!"

Walter cominciò ad accarezzare più forte, facendo fare una smorfia alla madre e
rabbrividì quando iniziò davvero a inchiodarle il suo immenso cazzo
figa aggrappata e palpitante. Alla fine era tutto dentro di lei,
sepolto fino alle palle nella sua fica. Patty non si era mai sentita così piena
con il cazzo duro nella sua vita.

La sua figa succhiava e aveva spasmi incontrollabili adesso, costantemente
allattandosi attorno all'enorme rigidità del suo cazzo che gli sonda la pancia. Walter
rimase immobile sopra di lei per diversi secondi. Lui
lascia che il suo gomito si pieghi, schiacciando le sue enormi tette sotto la sua discesa
Petto.

"Fanculo tua madre, Walter!"

L'intensità del suo desiderio incestuoso diventa sempre più evidente,
Patty alzò le gambe più in alto che poté e bloccò i polpacci
insieme sulla schiena. Poi ha iniziato a dimenarsi e a saltellare
una cagna in calore, che le scopa freneticamente la figa stretta e bagnata
il cazzo del proprio figlio.

"Ho detto fanculo, Walter! La mamma è terribilmente arrapata adesso! Fanculo,
fottimi bene!"

Walter si tirò fuori, ritirandosi fino alla sommità della sua
gonfio, gocciolante erezione dilatato le labbra della figa di sua madre. Lui
rabbrividì mentre cadeva di nuovo con forza, trafiggendo di nuovo ogni centimetro
il suo gigantesco organo nella sua figa. A quel punto Patty stava già scopando
una macchina affamata di sesso, con le sue enormi tette che rimbalzano e tremano
ha messo la sua figa sul cazzo di suo figlio. Walter ha incontrato quella di sua madre
ritmo, sbattendo il suo cazzo profondamente nella sua fica burrosa, succhiandola.

"Esatto, Walter! Unngggh! Oh, merda, fallo più forte, cazzo
La fica della mamma più forte che puoi!" Patty abbracciò la sua
spalle, abbracciandolo forte, ansimando e strillando come la sua figa
spasò in modo incontrollabile attorno al suo grosso cazzo. "Fanculo, Walter! Fanculo
Me!"

Walter ansimò sulla sua spalla e poi cominciò a scoparsela
madre più forte che poteva. Instancabilmente muoveva i fianchi
le sue cosce, grugnendo mentre lui le piantava dentro il suo cazzo gigante, simile a una freccia
le profondità appiccicose della sua figa che succhia. Già la madre arrapata
poteva sentire la seconda serie di spasmi che le crescevano nei lombi,
facendola succhiare ancora più forte nel suo buco del cazzo estasiato e pieno di cazzi
Il coglione di Walter.

"La mamma sta venendo di nuovo, tesoro! Fanculo tua madre, fanculo la tua
mamma arrapata! Unnggh! Vieni, Walter! Sono cummmmiinnnnggg!"

La sua figa esplose deliziosamente nell'orgasmo, trasudando crema da scopare,
le strette pareti rosa che si stringevano e si contraevano attorno a quelle di suo figlio
cazzo tremendamente enorme. Walter le crollò sopra, colpendo il suo
cazzo fino in fondo. Poi è uscito il secondo carico di crema di sperma
il suo cazzo. Patty lo sentì schizzare e sputare, esplodere nel profondo
la sua figa, inondandole il grembo con un carico di sperma caldo e rilassante.

Arrapatamente fletté i suoi fottuti muscoli attorno all'eruzione
albero del gallo, aiutando suo figlio a svuotare il serbatoio nelle sue palle
completamente nella sua figa. Ma poteva già sentire il senso di colpa, la vergogna
e il disgusto ritornava ora che aveva ceduto al desiderio di farlo
dare la sua figa a suo figlio. Sarebbe la prima volta, lei
pensiero, e anche l'ultimo. Semplicemente non potrebbe vivere con se stessa se
continuava a dare sollievo al cazzo di suo figlio ogni volta che le faceva male
e rigido.

Storie simili

Il nostro primo incontro parte 1

Era una fredda notte di ottobre. Il caminetto stava bruciando e abbiamo avuto un paio di drink. Ci siamo seduti casualmente a fissare il fuoco e chiedendoci cosa stessero pensando l'un l'altro. Lanciai un'occhiata a mia moglie, Stacie. Era in un altro mondo. Il silenzio è stato rotto da Heather che chiedeva a Stacie se stava pensando? Stacie ha risposto con una risatina, Oh niente di importante. In realtà mi stavo chiedendo com'era la tua vita sessuale? Avresti potuto bussare a me e Bill mentre iniziavano a ridacchiare e a discutere dell'intimità della loro vita sessuale. Bill e io sedevamo ad...

1.9K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

Wartime Comfort House Diario - Giorno 7 British Sausage

Avevo incaricato la signorina Yamaha di portare la giovane madre coreana Maple a nutrire la mia debole moglie del posto ogni volta che andavo a consumare con Cherry, oltre alle sue normali poppate quotidiane. Sapevo che il nutrimento extra avrebbe aiutato Cherry a diventare più forte. Sono stato anche incuriosito dall'orgasmo di mia moglie dopo che ho sparso i miei semi e mi sono ammorbidito, quindi ho deciso di lasciare la mia virilità nel suo grembo ogni volta che raggiungevo l'orgasmo. Mi eccitavo baciando appassionatamente mia moglie mentre accarezzavo i suoi seni sodi in crescita (quasi coppa B ora) e i...

1.1K I più visti

Likes 0

Matrimonio parte 1 (pilota)

Mia moglie ed io eravamo sposati da 11 anni. La nostra storia non è affascinante, l'ho incontrata a un festival rock ed era ubriaca. Sono diventata la sua preda mentre mi infilava la lingua in bocca e danzava intorno alle mie gengive. Prima ancora che potessi battere le palpebre, avevo una ragazza di 23 anni che mi succhiava la faccia con i fumi di bourbon che uscivano dal suo corpo. Normalmente qualcuno come me si sarebbe tirato indietro, ma ero bloccato nella foga del momento e ho visto quanto fosse bella. Alcune persone potrebbero averla definita una skank, una troia o...

900 I più visti

Likes 0

Giro in barca di compleanno rivisto

Giro in barca di compleanno rivisto Capitolo 1 Cosa indossi, ha chiesto Diana? Uh, stavo solo per indossare i miei pantaloncini da surf e una camicia hawaiana, perché me lo chiedi? rispose Jack. Perché i ragazzi lo fanno così facilmente, indossi qualsiasi cosa, mentre noi donne dobbiamo pensare al tempo, cosa succede se mi bagno, cosa indosserò se andiamo a cena? Smettila di stressarti, indossa solo il bikini e prendi pantaloncini e un top, cosa c'è di così difficile? Niente, immagino che quando la metti in questo modo, ma prendi un paio di giacche a vento nel caso in cui faccia...

797 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

815 I più visti

Likes 0

35Harry Potter e la spada di Grifondoro - Capitolo finale

Disclaimer: queste storie non sono mie tutti i personaggi appartengono a JK Rowling. Diciannove anni dopo... Aspetta cosa? Diciannove? Perché diciannove? Queste cose non accadono in quantità pari di anni come due, dieci o venti? O anche incrementi di cinque anni? Perché dovrei andare contro le convenzioni e usare un numero dispari come diciannove? “Oh, guardami; Sono un tale ribelle. Colloco il mio epilogo diciannove anni nel futuro! Sono un tale trend setter. Chi sono io per andare contro le convenzioni? Quindici anni dopo... Non importa quante volte Harry vedesse la nuova Hogwarts, il petto del mago si gonfiava di meritato...

732 I più visti

Likes 0

Stazione Anton.

Mi dispiace per le persone che si prendono una pausa da Link perché sono TOTALMENTE perplesso e ho pensato a una nuova idea per una storia, Kai, con i suoi lunghi capelli castani e ricci con l'aiuto della brezza, le sferzava la nuca. Le sue lunghe ciglia, che quasi nascondevano i suoi occhi celesti, le tenevano lontano lo sporco dagli occhi. Mentre il cavallo si impennava davanti a lei, Kai alzò le braccia davanti a lei e si inchinò dolcemente al cavallo. I suoi movimenti rapidi erano taglienti e Kai non sapeva se poteva domare il cavallo o no. Dopo circa...

602 I più visti

Likes 0

Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

Diana non era sicura se si vedesse, ma si sentiva come se stesse ansimando come un cane mentre si muoveva verso la figlia nuda mentre la ragazza si adagiava in modo così provocatorio sul letto. E dagli sguardi che l'adolescente le lanciava con i suoi occhi sensuali e abbassati, Diana era abbastanza sicura che la ragazza ne fosse entusiasta quanto lei. Diana si sedette sul lato del letto. Il suo piano originale era stato quello di sedurre la ragazza nello stesso modo in cui aveva fatto con Jimmy, iniziando chiedendole quanto spesso Holly si fosse fregata con una preoccupazione genitoriale fraudolenta...

553 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.