Scatola di Polaroid

296Report
Scatola di Polaroid

Il giorno in cui è morto mio padre è stato il giorno in cui tutto è iniziato, mi hanno detto.

Quello è stato il giorno in cui mia madre è cambiata.

Alcuni hanno detto che è stato uno shock e mi hanno assicurato che sarebbe svanito.

Non soffriva di depressione e nemmeno di catatonia.

Quando sono arrivato a casa ho potuto vedere esattamente cosa significavano.

Si muoveva come se fosse in trance, silenziosa e svogliata. Dormiva molto e parlava molto poco.

Ha guardato fuori dalla finestra per ore e ha ascoltato la gente parlare, ma quello che vedeva e sentiva veramente nessuno poteva dirmelo.

Non sembrava essere in difficoltà o sconvolta. Non c'era pianto o pianto, solo uno stato di insensibilità priva di emozioni.

"Dee è in uno stato di negazione, forse una sorta di rottura mentale con la realtà." Il dottore mi ha detto:

“L’evento è stato un sovraccarico, quindi lei se ne è staccata. Tienila d'occhio, potrebbe venirne fuori. A questo punto non posso fare più niente”.

"Vivo fuori dallo stato." Ho risposto. “Io e i miei genitori non eravamo vicini, a dire il vero. I miei nonni mi hanno cresciuto fin da piccolo. Non conosco davvero mia madre."

"È un peccato. Ma ti consiglio comunque di restare con lei, finché non sarai in grado di capire le sue cure.

Così mi sono trasferito a casa loro.

I miei genitori erano giovani quando mi hanno avuto: mio padre aveva vent'anni e mia madre diciotto.

Era alta un metro e settanta, con una corporatura sinuosa, capelli scuri, un bel naso impertinente, lentiggini e occhi nocciola.

Il mio amico Jimmy mi diceva che era bella, bella; aveva le tette più belle di tutte le madri che conosceva, ma non me ne ero mai accorto.

Mia madre e mio padre non erano molto presenti. Mi sono sempre sentito come una sorpresa, una piccola intrusione nel loro stile di vita.

I miei genitori, viaggiando per lunghi periodi di tempo, hanno preso accordi affinché potessi stare con i miei nonni.

Era un dato di fatto che i miei nonni mi avevano praticamente allevato.

Al liceo passavo mesi senza vedere i miei genitori. Dopo la laurea entrambi i miei nonni erano morti e io vivevo da sola, trascorrendo il tempo a fare le valigie per la loro casa, che loro mi hanno lasciato.

Ho saltato il college e mi sono trasferito in città per iniziare a lavorare presso un'azienda di marketing. Avevo trasformato la vecchia casa dei miei nonni in un Airbnb e ho iniziato la mia vita in città.

Due anni dopo, poco dopo aver compiuto vent'anni, ho ricevuto la telefonata di mio padre.

Ho messo la mia vita in pausa e sono andato a casa loro.

Mia madre aveva appena trentotto anni.

Ho assunto Maria, una badante convivente, per prendersi cura delle cose di base che mia madre non poteva più gestire. Cose come alzarsi la mattina, vestirsi, fare il bagno e nutrirsi. Maria ha gestito tutto, mentre io sono rimasto per sostenerla come meglio potevo.

"Sta migliorando, secondo te?" Ho detto un giorno.

"Quella persona che conoscevi se n'è andata." Maria rispose. “Non tornare mai più.”

"Mai?"

“Raramente ho visto qualcuno così perso nella sua mente. Tua madre non tornerà."

"Perché dici così?"

“Questa è la sua nuova realtà. Vedi?"

Non ho visto, non ancora.

Poi è arrivata la Pandemia. E il lockdown.

Maria se ne andò per prendersi cura della propria famiglia.

Eravamo soli, almeno per un po'.

Tutti i nostri generi alimentari e di prima necessità venivano ora consegnati, poiché uscire non era più un'opzione.

La casa aveva un sistema di intrattenimento, uno spazio per allenarsi, una sauna e una cantina. Mio padre se ne è assicurato con tutti gli fronzoli.

Quindi mi sono sistemato.

La cospicua somma assicurativa di papà aveva sistemato mia madre molto comodamente, quindi non avrebbe mai più dovuto preoccuparsi dei soldi.

Il mio lavoro in città ha iniziato a licenziare tutti a causa della pandemia, quindi ho lasciato per stare con Dee.

Adesso potevo “tenerla d’occhio” a tempo pieno.

Adesso, senza Maria scomparsa, mia madre era mia responsabilità.

Mangerebbe se le mettessi del cibo davanti, si vestirebbe se le mettessi dei vestiti. La mattina l'accompagnavo in soggiorno e le accendevo la TV, ma a volte lei si limitava a guardare fuori dalla finestra.

Passarono due mesi.

Ho trovato la scatola mentre svuotavo le cose di papà.

Era ben nascosto nella camera da letto principale, una stanza in cui non mi era mai stato permesso di entrare.

Ciò che c'era nella scatola ha alterato la chimica del mio cervello, questo è l'unico modo in cui posso spiegarlo. Dopo averlo aperto è diventata un'ossessione.

Conteneva oltre un centinaio di foto Polaroid esplicite di una donna che riconobbi come mia madre, impegnata in una varietà di atti sessuali.



Alcuni con uomini diversi da mio padre, altri con gruppi di uomini, alcuni con donne.

Mio padre non c'era in nessuno di essi, immagino che fosse dietro la telecamera.

C'erano foto di mia madre legata con una corda e mentre veniva scopata da uno sconosciuto, mentre un braccio muscoloso si allungava nell'inquadratura e le stringeva una delle sue grandi tette. Un'altra con mia madre che indossa una maschera di cuoio con un grosso cazzo in bocca. Un'altra ancora con lei seduta sul bordo del letto con una ragazza magra, pallida, con i capelli rossi, entrambe nude e baciate.

Le centinaia di immagini hanno modificato e rimodellato il modo in cui vedevo la persona che vagamente conoscevo come mia madre.

Non credo di averlo capito in quel momento, ma guardando le foto l'ho vista per la prima volta come un essere sessuale.

Vederla così era come essere presentata a uno sconosciuto.

Dopo cinque mesi di isolamento in casa mi ha chiamato "John".

Quello era il nome di mio padre.

Eravamo seduti in soggiorno. Stava guardando fuori dalla finestra, guardando piovere.

"John, vieni a sederti con me." Lei disse.

Era raro sentirla iniziare una conversazione e non volevo interrompere il momento correggendola.

Mi sono spostato sul divano e mi sono seduto accanto a lei.

Indossava una vestaglia morbida e pelosa, come faceva ogni giorno. Adesso si stava vestendo da sola, e quella era una vittoria, anche se sapevo che la vestaglia era tutto ciò che indossava.

Si rannicchiò accanto a me e mi mise la mano sulla coscia.

Inaspettatamente, il mio cazzo cominciò a crescere nei miei pantaloni di flanella.

Non facevo sesso ormai da quasi sette mesi, forse di più, e il suo tocco mi faceva rabbrividire.

La sua vestaglia era un po' aperta e potevo vedere le sue grandi tette.

Le ho messo il braccio intorno e lei ha messo la testa sulla mia spalla.

Mi prese la mano e la mise nella sua vestaglia, su una delle sue tette nude. Potevo sentire il suo capezzolo, mentre la mia mano si chiudeva involontariamente sul suo seno.

Mi sono bloccato, non sapendo come reagire.

Se mi fossi allontanato, avrebbe mandato in frantumi questa realtà per lei? Come potrebbe influenzarla in questo stato mentale?

Scivolerebbe in depressione se negassi questa realtà? Si sarebbe fatta del male?

Mi resi anche conto che stavo tenendo in mano una delle tette di mia madre. Era caldo, la pelle era morbida ed era soda.

Il suo capezzolo era duro sotto le mie dita.

"Perché non fai più l'amore con me, John?" Mi chiese, premendo la mia mano sulla sua morbida tetta.

Un'immagine mi balenò in testa, una delle foto Polaroid.

Mia madre sorride, la camicia sbottonata, entrambe le tette in fuori mentre un uomo corpulento e peloso ne tiene una nella sua grande mano, sollevandola leggermente per la telecamera.

"Sto... aspetto che tu ti senta meglio." Ho risposto.

“Mi sento perfettamente bene. Sai che puoi fare quello che vuoi per me, John.

Apparentemente questo era vero.

Ripulendo le cose di mio padre avevo scoperto una miniera di informazioni sulla loro vita sessuale. Sembrava che mia madre fosse molto sottomessa e loro avessero una vasta collezione di giocattoli accumulati nel corso degli anni. Corde morbide, pelle, manette, falli, vibratori, anelli fallici e una macchina fotografica Polaroid.

E, naturalmente, la grande scatola di sigari piena di immagini.

Un'immagine mi balenò in mente, una delle foto dalla scatola.

Mia madre è a quattro zampe, nuda su un letto, con le tette pendenti, riconosco il torso di mio padre dietro di lei, che la prende alla pecorina. Un ragazzo giovane e magro inginocchiato davanti a lei, il suo cazzo lungo e pieno di vene nella sua bocca, la mano sul lato della sua testa.



"Lo so, è solo che non sono dell'umore giusto." dissi ritirando delicatamente la mano dalla sua veste.

Sospirò.

"Benfatto." disse Dee a bassa voce e appoggiò la testa sulla mia spalla, uno dei suoi grandi seni sodi e morbidi contro il mio braccio.

Sette mesi.

La porta della camera da letto principale era leggermente aperta.

Lascio che Dee continui a dormire lì, sperando che questo riporti a fuoco un po' della realtà. Forse stava rafforzando il suo stato attuale, non potevo esserne sicuro.

Mi è sembrato di sentire un rumore e mi sono fermato lì davanti alla porta.

Una specie di sussulto.

Forse stava facendo un brutto sogno, ho pensato, quindi ho guardato dentro.

Le coperte erano raccolte ai piedi del grande letto e lei era sdraiata sulla schiena, sostenuta da una pila di cuscini dietro la testa.

Le sue gambe erano tirate indietro e spalancate.

Si stava massaggiando il clitoride con una mano, mentre con l'altra affondava le dita nella figa.

Potevo sentire chiaramente il suono umido delle sue dita che scivolavano dentro e fuori dalla sua fica.

Le sue grandi tette si muovevano dolcemente e mi resi conto che stava avendo un orgasmo.

Il suo corpo sussultò con forza alcune volte, e lei tirò via le mani, spingendo leggermente i fianchi. Giaceva lì tremante, emettendo un lieve lamento.

Nella penombra la vidi reinserire le dita e muoverle lentamente dentro e fuori per un po'.

Si voltò, abbracciando un cuscino e sembrò addormentarsi.

Mi allontanai silenziosamente dalla porta.

Un'immagine mi balena nella mente. Una delle foto

Dee è sulla sua schiena, con una mano tiene aperta la sua figa rosa bagnata, l'altra stringe uno dei suoi grandi seni. Proprio al suo fianco. visibile dalla vita in giù c'è un uomo grosso e corpulento, il suo cazzo grosso e flaccido. Accanto a lui c'è una donna, protesa in avanti con in mano un grosso vibratore color carne, la testa del cazzo finto proprio dentro la figa di Dee.

Il mio cazzo era molto duro, quindi sono andato nella mia stanza per prendermene cura.

9 mesi.

Era in piedi al centro del bagno, in accappatoio, e guardava fuori dalla finestra.

"Dee, cosa stai facendo?" dissi gentilmente. "Dovresti farti una doccia."

"Hmm?" disse, rivolgendosi a me.

"La tua doccia." dissi, indicando la grande doccia in vetro.

"OH." lei disse.

Si fermò per un momento, poi si tolse la vestaglia e raggiunse la porta.

Si è girata verso di me, con una mano sulla maniglia cromata, le sue tette piene e rotonde che sussultavano leggermente

"Non vieni, John?"

"Io... ne ho già preso uno, tesoro."

"Puoi almeno strofinarmi la schiena, tesoro?" lei chiese.

“S... sì. Sì, tesoro."

Entrò nel grande box doccia ricoperto di ardesia e aprì l'acqua mentre io guardavo. Mia madre, nuda, l'acqua saponata le scendeva sulle tette, sul culo rotondo. Le sue mani sopra la testa tra i capelli, sollevano le tette, i capezzoli scuri e duri.

Mi è venuta in mente una sua immagine Polaroid.

Un uomo grosso tra le sue gambe, il suo grosso cazzo che la penetrava mentre lei guardava, uno sguardo di puro piacere sul suo viso.

Scossi la testa e presi un respiro.

"John?"

Aveva in mano un pennello.

"La mia schiena, tesoro."

C'era molto spazio per prendere la spazzola. Mio padre si assicurava che la doccia fosse grande. Probabilmente poteva contenere comodamente quattro persone, e molto probabilmente prima o poi lo ha fatto.

Se la Polaroid fosse stata impermeabile, mio ​​padre avrebbe registrato quel momento.

Le passai la spazzola sulla schiena, insaponata e bagnata.

"Mmm, mi fa sentire bene."

Potevo vedere una mano tra le sue gambe, le dita che entravano e uscivano dalla sua figa.

Ho fatto un altro respiro.

“Va bene, tutto fatto. Finisci tu."

Chiuse l'acqua mentre mi avvicinavo alla porta del bagno. Ho dato un'occhiata alle donne nude in piedi lì, appena fuori dalla doccia.

Si stava guardando allo specchio.

"Dee, prendi un asciugamano e asciugati."

"Hmm?"

"Prendi un asciugamano dallo scaffale e asciugati."

Mi guardò sorridendo, senza muoversi.

"Puoi farlo tesoro?" lei chiese.

Presi un grande asciugamano dallo scaldacollo e glielo avvolsi attorno. Strofinando il materiale morbido sul suo corpo, ho sentito le sue tette, le sue spalle, il suo culo sodo e rotondo.

Mi sono inginocchiato e le ho asciugato le gambe e ho intravisto la sua figa, le sue labbra rosa e larghe.

Mi è venuta in mente un'altra immagine di una Polaroid.

Mia madre è sdraiata sulla schiena, tiene la figa aperta per una giovane donna bionda sdraiata tra le sue gambe. La bonde ha un dito nella figa di Dee.

"Tutto asciutto." ho annunciato.

"Sono così fortunato." disse, chinandosi in avanti per baciarmi sulle labbra.

L'ho permesso.

Mi baciò di nuovo e la sua lingua serpeggiava tra le mie labbra.

Dieci mesi.

Un giorno si tagliò i capelli. Era breve, come quando era molto più giovane.

"Come ti trovi, John?" chiese guardandosi allo specchio.

"Lo adoro, tesoro." Ho risposto.

"Sentivo che era giunto il momento di cambiare." Disse, abbracciandomi, premendo il suo corpo contro il mio.

"Sto riscaldando la sauna." disse allontanandosi verso la palestra

"Hai acceso la sauna?"

“Certamente sciocco. So come accendere la sauna. Dovrebbe essere pronto adesso. Entriamo."

"Non sono sicuro che sia una buona idea, Dee."

“Non essere così. Allora entrerò da solo." disse, dirigendosi verso la porta appannata.

La sauna non era enorme, era stata costruita per cinque o sei persone. Potevo vedere che le rocce erano completamente riscaldate e il vapore aveva riempito lo spazio.

Dee lasciò cadere la vestaglia fuori ed entrò nuda, seduta sulla panca rialzata di legno di cedro. Mentre la guardavo, prese il mestolo e versò l'acqua sulle rocce. Il suo corpo nudo scomparve mentre il vapore si alzava sibilando dalle rocce.

Ho iniziato a spogliarmi.

Indossando i miei boxer, entrai e mi sedetti dall'altra parte della panchina. Riuscivo a malapena a distinguere Dee vicino al secchio.

"Cosa stai facendo laggiù?" chiese attraverso la nebbia

"Solo... allungandomi un po'." Ho risposto.

Si spostò lungo la panchina per avvicinarsi a me, premendo le sue grandi tette contro il mio braccio.

“Perché indossi questi? Togli questi. Ricorda le tue regole. ‘Abbigliamento vietato nella sauna’.”

"Penso che dovrei indossarli." balbettavo. "Sono qui per assicurarmi che tu stia bene qui."

"Non ti sentiresti più a tuo agio senza di loro?" chiese, massaggiandomi la coscia con una mano. "Farà molto caldo qui."

Mi superò per accendere il sistema di illuminazione, abbassando il soffitto e inondando la sauna di morbide "luci terapeutiche" viola.

Le sue tette mi sfiorarono mentre regolava le luci.

"Oooh, non è carino, tesoro?" disse sedendosi indietro, con il sudore che le colava sulle tette, gocciolandole dai capezzoli.

Il mio cazzo adesso era duro, molto evidente anche nei miei boxer larghi.

Girando la testa, mi sono ritrovata a desiderare di aver portato un po' d'acqua quando sono corsa nella sauna.

Mi appoggiai allo schienale, con la testa un po' leggera e chiusi gli occhi.

Adesso suonava la musica, un ritmo lontano, il calore che avvolgeva il mio corpo.

Ho sentito una mano scivolare nei miei pantaloncini e dita morbide avvolte attorno al mio cazzo.

Aprendo gli occhi ho visto una mano che tirava fuori il mio cazzo dai boxer. La mano di Dee.

La sensazione delle sue dita che toccavano il mio cazzo era elettrica.

Le ho permesso di continuare.

La parola "consentito" non è esatta. Non avevo scelta, il mio corpo e il mio istinto primitivo avevano prevalso sulla mia mente..

Ho iniziato a parlare, ma sono stato sopraffatto dalla sensazione erotica della sua mano che mi accarezzava l'erezione.

Dee era seduta vicino a me, la sua mano ora mi masturbava abilmente il cazzo, un braccio intorno a me mentre sedevamo nella sauna piena di vapore, le tette premute contro il mio corpo.

Stava fissando il mio grosso cazzo, paralizzata mentre mi dava uno strattone.

Respiravo profondamente, rilassato, con la mente libera da ogni pensiero tranne la sensazione della mano ferma su di me.

All'improvviso stavo venendo, il mio cazzo sussultava nella sua mano, il mio corpo si contorceva a ondate.

Il mio cazzo ha spruzzato alcuni lunghi nastri di sperma sul mio stomaco.

Lo sperma le colò lungo la mano mentre spremeva con fermezza le ultime gocce dal mio cazzo che si contraeva e si ammorbidiva.

Tirò fuori un piccolo asciugamano bianco, caldo e umido, e cominciò a pulirmi.

Mi resi conto che l'aveva già pronta, vicino agli scogli.

“Lo facevamo sempre. So che ti piace." disse, spostandomi l'asciugamano caldo sopra.

L'orgasmo era stato intenso e respiravo profondamente l'aria umida.

"L'ho fatto. Voglio dire, mi piace. Ho risposto, tornando indietro, guardando la nebbia viola.

Un'altra immagine Polaroid.

Dee con una donna dai capelli molto corti. La donna è sulla schiena e Dee le sta inserendo un vibratore a forma di cazzo nella sua figa.

Una notte uscì in soggiorno con una bottiglia di vino e due bicchieri.

"Dee, cosa stai facendo?"

"Stiamo bevendo vino." annunciò, versando.

"Non penso che sia una buona idea." ho detto

"Non fare così." ha detto, chinandosi per porgermi un bicchiere, aprendo la vestaglia per mostrarmi le sue grandi tette.

Mise una mano sul lato della testa e mi baciò, facendomi scivolare la lingua in bocca.

Ho lasciato che accadesse.

L'ho baciata di rimando.

Sorridendo, tornò al divano e si raggomitolò, con la vestaglia aperta e le tette quasi fuoriuscite. Ho cercato di non guardare mentre lei guardava fuori dalla finestra, ma sapevo che non le importava.

Voleva che guardassi.

Ha messo una gamba sul divano, esponendo la sua figa, ho colto un lampo rosa nei suoi peli pubici scuri.

Una mano giocò distrattamente nella peluria scura mentre guardava fuori dalla finestra.

"Puoi tagliarmelo, tesoro?" Lei chiese.

"Dove?" ho chiesto

"Qui. La mia figa. Riesco a malapena a vederlo.

"La tua... figa?"

“Non so come sia passato così tanto tempo. So che ti piace rasato liscio.

"Non penso di poterlo fare."

«Ma lo facevi sempre. Non voglio farlo da solo. Mi sono sempre tagliato”. Lei disse.

"OK, sì,... ti sistemiamo." balbettavo.

Dee lasciò cadere la vestaglia mentre entrava nel bagno e si sedette nuda sul water, allargando le gambe.

Stava guardando la sua fica, facendo scorrere le dita tra i folti capelli ricci con meraviglia.

Presi le piccole forbici affilate e mi inginocchiai tra le sue gambe. Con attenzione ho iniziato a tagliarle il pube, lasciando cadere i riccioli scuri nell'acqua.

Le sue labbra erano scure e carnose, il sudario che nascondeva il suo clitoride era lungo e pronunciato.

Mentre tagliavo via i capelli ho iniziato a vedere la sua figa in dettaglio e ho notato che si stava bagnando, i suoi succhi trasparenti si accumulavano nelle pieghe.

"Mmm, mi piace questo." disse, guardandomi mentre sparivo.

Ogni tanto le mie dita sfioravano le sue labbra rugiadose e un piccolo suono usciva dalle sue labbra.

Quando fu abbastanza corto presi la schiuma da barba e me ne misi una cucchiaiata in mano.

Mi osservò stendere la spessa schiuma sulla corta stoppia e prendere in mano il rasoio.

"Questa è la mia parte preferita." lei disse.

Ho iniziato a radere la figa di mia madre.

Oppure lo era? Quasi non riconoscevo la bruna di fronte a me.

Aveva perso peso, si era tagliata i capelli. Mia madre era quasi un'estranea per me prima di tutto questo.

Ora, questa persona, questa donna era... Dee.

Dalla scatola delle immagini.



Mi chiamava "John" ormai da molto tempo, vedendomi come mio padre scomparso da tempo. Forse credendo che fossi lui, forse desiderando per lei quella convinzione che diventasse realtà.

E per quanto riguarda la mia realtà

.

Vivevamo insieme, solo noi due, ormai da quasi un anno. Le nostre vite avevano cominciato a confondersi, i dettagli svanivano, i ricordi, alcuni arrivavano e altri sparivano...

La donna nelle fotografie viene messa a fuoco, mia madre scompare dalla vista.

Un'immagine Polaroid mi balenò in testa.

Dee sulla schiena, che guarda negli occhi un uomo nero magro inginocchiato tra le sue gambe, con la punta del suo lungo cazzo appena dentro quelle labbra.

La sua fica rasata liscia.

"Tutto fatto." ho annunciato.

Muoversi lentamente e prendermi il mio tempo non era solo per evitare di ferirla con la lama.

Avevo apprezzato moltissimo il lento processo di rasatura.

La sua figa, una volta scoperta, era bellissima.

Era anche molto bagnato, le colava lungo la coscia e le sue labbra luccicavano.

La sua adorabile figa era ormai a pochi centimetri da me mentre si appoggiava leggermente all'indietro sul water, nuda.

Con una mano accarezzò distrattamente un seno mentre mi guardava pulire la schiuma da barba.

"Così liscio." Disse, facendo scorrere le dita sulle zone appena rasate.

Mi sono chinato in avanti per posare un bacio sul suo monticello liscio.

Poi un altro.

Potevo sentire l'odore della sua pelle, sentirne il calore.

Ho baciato il cappuccio del suo clitoride.

Ho allungato la lingua e ho cominciato a leccare delicatamente il bocciolo nascosto sotto.

Ansimò e si tese, come se una piccola carica di elettricità la attraversasse. Lei allargò le gambe e sollevò i fianchi, offrendosi alla mia lingua..

Perdendomi totalmente, ho iniziato a far scorrere la lingua sulla sua fica bagnata. Succhiandole il clitoride, leccandole le labbra carnose, infilando la lingua nel suo buco per assaporare i succhi che colano da lei.

Mi sono concentrato sul suo clitoride, che ora spuntava un po' da sotto il cappuccio, leccandolo con la lingua bagnata.

La bellissima donna anziana che una volta chiamavo mia madre, con le gambe spalancate, il respiro affannoso, mi guardava mentre le mangiavo la figa.

All'improvviso iniziò ad avere orgasmi, contraendosi ancora e ancora

"John, sì tesoro, non fermarti." gridò.

Non mi fermai e Dee continuò ad avere spasmi mentre veniva

"Unn, unn, unn." grugnì mentre era in preda alle convulsioni.

Mentre il suo orgasmo svaniva, continuavo a baciarle dolcemente la figa qua e là, ancora perso nella sensazione travolgente che mi aveva travolto.

Il mio cazzo pulsava.

Mi sono seduto e lei si è alzata, prendendomi per mano e conducendomi nella camera da letto principale.

Il grande letto che ho riconosciuto dalle tante foto era ancora disfatto, con le coperte di traverso.

La bella bruna mi condusse al letto, si voltò e si inginocchiò sul pavimento..

Le sue mani andarono all'elastico dei miei pantaloni da notte di flanella e li abbassarono.

Il mio cazzo duro si è liberato. Prese il pezzo in mano, accarezzandolo, osservando un sottile flusso di sperma pre-eiaculare penzolare dalla testa liscia.

"Adoro il tuo cazzo, tesoro." Disse sognante, baciando la punta bagnata.

Poi lo prese in bocca.

Mentre guardavo il mio cazzo scomparire tra le labbra della mia adorabile madre, un'altra immagine mi balenò in mente.

Dee tiene in mano un cazzo, grosso, nero e lucido di saliva, con lo sperma che le gocciola dal mento mentre sorride.

Tenendo il mio cazzo duro nella sua mano morbida, baciò amorevolmente la testa e fece scorrere la lingua attorno alle creste della mia punta a forma di fungo.

Una sottile linea di sperma si allungava dalla sua lingua quando la leccava.

Lo sollevò per leccarne la parte inferiore, colpendo il triangolo nel punto in cui la punta incontrava la testa.

Tutti i sette pollici del mio cazzo sono scomparsi nella sua bocca, mentre mi ingoiava. Dee lentamente ed abilmente fece scivolare fuori l'asta, l'asta bagnata e luccicante di saliva.

"Dio, mi ero perso questo." Disse, tenendo la mia grossa erezione in mano.

Ha bagnato la testa, succhiando alcune volte la punta grassa e bulbosa in bocca, prendendomi in giro

Poi, con entrambe le mani ai lati delle mie cosce, ha preso tutto il cazzo in bocca. Dee cominciò a scoparmi con la bocca, facendo scorrere il mio spessore avanti e indietro.

Lei fece una pausa, ansimando, continuando ad accarezzarmi. Abbassò la testa e aprì la bocca per permettere ad una boccata di sperma e alla sua saliva di gocciolare sulle sue tette.

L'ho vista fare l'amore con il mio cazzo per molto tempo, emettendo suoni deboli mentre mi succhiava amorevolmente

Dee, la donna nelle foto, non mia madre. ho pensato, con il cervello che girava.

«Non ricordo che fosse così grande, John. Lo adoro." Disse Dee, accarezzando lentamente la lunghezza del mio cazzo, scivoloso e bagnato dalla sua bocca.



Una delle sue mani era caduta tra le gambe e aveva iniziato a giocare con la sua figa appena rasata, l'altra mano si alternava tra tirarmi delicatamente le palle e accarezzare l'asta del mio cazzo tra un respiro e l'altro.

La sollevai e lei obbedientemente si spostò sul letto, sdraiandosi su un fianco. Mi sono inginocchiato sul materasso e ho guidato il mio cazzo duro nella sua bocca, e ho abbassato la mano per posare il mio grande indice nel mezzo della sua fica molto bagnata.

Mentre mi succhiava, le massaggiavo il clitoride, con l'altra mano affondata nei suoi capelli neri corvini, guidandola a succhiare dolcemente.

Le ho tolto il cazzo dalla bocca e mi sono sdraiato accanto a lei, baciandola, facendo scorrere le mani sulle sue grandi tette sode.

Succhiare i loro capezzoli duri, sentendoli eretti nella mia bocca.

Gemeva mentre le leccavo e succhiavo le tette e scendevo lentamente lungo il suo stomaco.

Mi sono inginocchiato tra le sue gambe e ho strofinato con fermezza il mio cazzo lungo le labbra gonfie della sua figa, finché non ho sentito la testa gonfia scivolare nel suo buco.

“Ohh tesoro. È da parecchio tempo." gemette. "Non sai quanto questo mi renda felice."

Tutto quello che potevo vedere erano le bellissime donne nude sotto di me, tutto quello che potevo essere era quello che lei voleva, tutto quello che volevo era fare l'amore con lei.

Tremando come un drogato ho spinto il mio grosso cazzo nella sua umidità. Le pareti della sua figa sembravano velluto bagnato mentre racchiudevano il mio cazzo.

Ho guardato il mio cazzo grasso e gonfio scivolare tra le sue labbra carnose, allargando la sua fica come una rosa.

"È così bello, tesoro." disse piano, con la mano appoggiata sul monticello rasato, due dita che allargavano le labbra.

Ho continuato a far scorrere lentamente il mio cazzo dentro di lei, finché tutta la mia virilità non è stata sepolta in lei.

La sua schiena si inarcò mentre ancoravamo i nostri corpi insieme.

"Ooooh, è così bello, tesoro." disse Dee a bassa voce

Le sue mani erano ai lati del mio viso adesso, mi avvicinavano e mi guardavano negli occhi.

"Ti amo così tanto, John." lei sussurrò

"Ti amo Dee, così tanto." Ho risposto.

Ci siamo baciati, il mio cazzo dentro di lei, che si contraeva leggermente, la sua figa che si agitava, afferrando il mio cazzo delicatamente.

Ho cominciato ad accarezzarle la figa lentamente, stupito di quanto fosse stretta. Sorridendomi con aria sognante, si flette, afferrando il mio cazzo con la sua figa.

Mi sono seduto e le ho preso entrambe le gambe appena sotto il ginocchio, allargandole, spingendole indietro e in basso in modo da poter guardare il mio grosso cazzo scivolare dentro e fuori da lei.

Sembrava che tutti i miei sensi fossero intensificati, più acuti, ogni sensazione fosse più acuta.

Il mio cazzo era gonfio, le vene sporgevano, la punta grassa e liscia. Raramente ero stato così eccitato.

Ero in uno stato alterato, la realtà che stavo scopando con mia madre era svanita, come un sogno offuscato.

La donna sotto di me era Dee, la donna nelle foto, la donna di cui mi ero preso cura nell'ultimo anno.

Mi sono fermato per tirarla fuori e girarla, con il suo sedere rotondo e sodo ora in aria. Adesso a quattro zampe, i suoi grandi seni pendevano liberamente, oscillando leggermente.

Mi sono chinato in avanti per leccarle di nuovo la figa, entrambe le mani sulle sue guance, allargandole. La mia lingua affamata cercò il suo clitoride.

"Oh si baby. Leccami. Leccami anche il sedere." Ha implorato.

Ho fatto scorrere la lingua bagnata lungo la fessura fino alla piccola stella marina marrone chiaro e l'ho fatta scorrere. Il suo corpo sussultava ogni volta che la mia lingua entrava in contatto.

Mi alzai e infilai di nuovo il mio membro grasso nella sua figa, osservando le sue labbra allargarsi per il mio spessore.

“Oh cavolo, John. Si si." Lei gemette mentre il mio cazzo scivolava dentro di lei.

Una delle sue mani si allungò indietro per palpare il mio cazzo. Ha fatto scorrere le dita sulle mie palle, lungo la parte inferiore dell'asta fino al punto in cui il mio cazzo era sepolto tra le sue labbra bagnate.

Le sue dita poi andarono al clitoride, strofinando e tirando il piccolo bocciolo eretto.

Ho iniziato a perdere il controllo, scopandola forte, martellando il mio cazzo dentro questa splendida donna anziana.

"John, sto venendo, tesoro!" - esclamò, gettando indietro la testa, facendo volare i capelli scuri.

Il suo corpo morbido iniziò ad avere convulsioni potenti mentre l'orgasmo la devastava di piacere.

Potevo sentire la sua figa afferrare il mio cazzo ad ogni spasmo intenso, e sentivo il mio orgasmo crescere.

"Sto per venire, tesoro" ansimai, la mia stessa esplosione molto vicina.

All'improvviso il mio cazzo ha iniziato a sussultare nella sua figa, spruzzando flussi del mio sperma nella sua figa mentre la tenevo stretta a me.

Mia madre, ora un'amante, completamente trasformata dalla sua mente e dalla mia.

Uno sconosciuto reso familiare da un anno di isolamento e da una scatola di foto Polaroid.

Mesi di intimità, tentazione, tensione, cura, amore.

Ora l'intimità era abbracciata.

Nella mia mente ero con Dee, ed ero sempre stato con lei...

Il mio corpo tremò potentemente una mezza dozzina di volte, il mio cazzo pulsava dentro di lei. Sono quasi svenuto, tanto era intenso il mio orgasmo.

Non ricordavo di aver mai avuto questa intensità.

Quando tornai in me le mie braccia erano avvolte intorno a lei, entrambe le mani piene delle sue grandi tette, il mio cazzo era ancora sepolto in lei.

Stava ancora tremando, piccole scosse di assestamento del suo stesso orgasmo viaggiavano attraverso il suo corpo in piccole onde.

Lentamente mi sono tirato fuori dalla sua fica. Il mio cazzo, morbido e ancora grosso, emerse finché non si liberò. Dee abbassò la testa sul letto e sollevò il sedere in aria e io guardai il mio sperma fuoriuscire dalle sue grandi labbra.

"Sei sempre così tanto, John." Disse, cadendo sulla schiena.

Mi sono sdraiato pesantemente accanto a lei.

“Dio, tesoro, adoro il modo in cui mi scopi. Non so perché hai aspettato così a lungo, tesoro. Lei disse,

"Volevo assicurarmi che tu... ti sentissi meglio e che stessi bene."

"Bambino. Sei mio marito. Sono tuo. Puoi avermi quando vuoi, John, tesoro." Disse stringendosi forte a me.

«Mi piacerebbe Dee. E 'questo quello che vuoi?"

“Certo che è quello che voglio! Che domanda stupida."

“Uhm. Porterai qualcuno a casa per me presto?" Lei chiese. "Sai che lo adoro anch'io."

“Qualunque cosa tu voglia, tesoro. Forse più tardi. Dopo la pandemia”. risposi sorridendo in modo rassicurante.

Dee appoggiò la testa sulla mia spalla.

Che cosa è successo a quell'omone italiano, con tutti quei capelli e quel cazzo corto e davvero grosso?"

"Non ne sono sicuro, tesoro."

"Mi piaceva. Spero che tu possa trovarlo.

"Troveremo qualcuno." le ho assicurato.

"Forse dovrei indossare un preservativo quando scopiamo?" dissi dopo una pausa.

“John, te ne sei dimenticato? Ce ne siamo occupati anni fa, non posso avere figli. Disse sorridendo.

Ci siamo trasferiti circa quattro mesi dopo.

Dopo che la pandemia si è attenuata e la vita è tornata alla normalità, la relazione sarebbe stata troppo difficile da mantenere segreta, impossibile da spiegare.

Abbiamo venduto sia la nostra casa che quella dei nonni e ci siamo diretti nel sud-ovest per il bel tempo.

E una vita tutta nuova insieme.

Viviamo in un vasto sobborgo con migliaia di altre coppie sotto il sole del deserto.

Ospitiamo cene, feste in piscina e grigliate in giardino.

Alcuni *********** amici intimi sono invitati occasionalmente alla "Serata dei giochi".

Dee è con me, mi chiamo John e sono suo marito.

Questa è la nostra realtà, ed è positiva.

Storie simili

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2K I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

1.3K I più visti

Likes 0

Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

La passione selvaggia di Futa Capitolo uno: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2019 Nota: grazie a FallenAngelX00 per aver letto questa versione beta! Una probabilità su cento milioni. Quelle parole echeggiavano più e più volte nella mia testa mentre mi trascinavo nella mia camera da letto. Avevo diciannove anni e la mia vita era rovinata. Una probabilità su cento milioni di essere afflitto dalla condizione grande, stupida e stupida. Non potevo crederci. Chiusi la porta dietro di me, poi mi appoggiai ad essa, facendo tintinnare il chiavistello. Il mio braccio sinistro era...

1.1K I più visti

Likes 0

Affari Parte 1

Jeb grugnì mentre adagiava con cura sul pavimento l'ultima delle ragazze prive di sensi. Facendo un passo indietro, si fermò ad ammirare le loro forme nude, prima di chiamare sua madre, Amy, per ripulirle. Si precipitò dentro, tutta rotonda e nonna, ed esclamò, “Oh Jeb, ti sei superato! Randal sarà così contento, scommetto che tiene per sé quel biondo argenteo. aggiunse sfacciatamente, e lui ridacchiò. Dietro di lei si trascinava una minuscola ragazza con la pelle molto abbronzata, una criniera bionda e occhi incredibilmente viola. “Ciao Violetta cara. si chinò per baciarla e lei arrossì dolcemente. “Ora Violet, prenderò questi due...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.