Parkview alto

640Report
Parkview alto

La Parkview High School era una normale scuola superiore. Tutto quello che ti aspetteresti in questi giorni. Ma stava per esserci una storia diversa con questo liceo.

Jack era uno studente normale lì. Aveva quindici anni e stava appena iniziando a conoscere l'ambiente e tutto il resto. Non aveva pensato molto alle ragazze fino a quel giorno. Era il giorno in cui aveva visto quelle ragazze. Naturalmente, nessuno sospetterebbe a prima vista quando li guardava. Sembravano proprio come qualsiasi altra ragazza adolescente. Era un gruppo di tre ragazze che sono al centro di questa storia. La prima ragazza è stata Susan. Era all'incirca di altezza media per la sua età, con un leggero suono confuso nel suo discorso. Capelli lunghi e castani, seno ben sviluppato e pelle liscia. Era quella goffa del gruppo, ma sapeva come tenersi testa. La seconda ragazza era Ashley. Ashley era sempre stata una ragazza avventurosa, fin dall'adolescenza. I suoi capelli erano leggermente più corti di quelli di Susan, ma più o meno dello stesso colore, con qualche accenno di ramato e doppie punte più che sufficienti. Indossava occhiali dalla montatura nera, pesava un po' più della maggior parte delle ragazze, ma aveva comunque una figura formidabile. Ashley era quella cippatrice amichevole, a cui piaceva sempre fare nuove amicizie. Ma i suoi nuovi amici finivano sempre in silenzio e dopo si spaventavano. Il capo del gruppo era Allysa. Allysa era la più temuta di tutte. Aveva i capelli neri corti, a volte portava gli occhiali e portava sempre qualche tipo di arma. Era la tipica ragazza cattiva, ma peggio. Le storie su di lei erano famigerate in giro per la scuola e nessuno, nemmeno la facoltà, osava offenderla, almeno fino al diploma.

La prima settimana del nuovo semestre, Jack stava andando a lezione di matematica quando si imbatte accidentalmente in Allysa, che si offende immediatamente. "Guarda dove vai, stronzo!", gridò Allysa. Jack incespicava, raccogliendo i suoi libri da terra. "Mi dispiace, non volevo imbattermi in te in quel modo." disse Jack. Allysa guardò Jack dalla testa ai piedi. Hmm... non è brutto... anche carino, pensò Allysa tra sé e sé. "Ehi", Allysa guardò Jack. “Perché non te ne dimentichi. Ho dei miei amici che voglio che tu incontri. Mentre Jack la guardava, notò uno strano sorriso contorto sparso sul suo viso. Nessuna ragazza gli ha mai parlato in vita sua, quindi naturalmente era entusiasta di essere invitato in questo modo. "Certo, mi piacerebbe", disse Jack. "Bene, ci vediamo dopo la scuola in palestra stasera alle 10.00. Non essere in ritardo” disse Allysa con un sorriso stampato in faccia, lo stesso sorriso che faceva sentire Jack a disagio.

Arrivarono le dieci in punto, quando Jack sgattaiolò fuori dalla casa dei suoi genitori dopo che si erano addormentati. Trovò la strada per la palestra, come gli aveva detto Allysa. Era buio pesto, quindi non poteva vedere nulla. Improvvisamente, le luci si accesero, accecandolo per un momento. "Ehi, cosa sta succedendo qui?" disse Jack, guardandosi intorno. Allysa, Susan e Ashley si avvicinarono da dietro Jack, tutte con in mano diverse borse da ginnastica cariche di qualcosa. "Vogliamo che tu sia il nostro nuovo amico, Jack." "Sono sicuro che ti divertirai tanto quanto noi." Allysa gli sorrise. "Ora divertiamoci un po'". Prima che Jack potesse rispondere, Allysa mise uno straccio sulla bocca di Jack. Era cloroformio. Jack è crollato sul pavimento di legno della palestra subito dopo.

Dopo un po', Jack si svegliò. Era completamente nudo, con le gambe e i polsi legati a lui. Le sue gambe erano separate da una barra di ritenuta alla caviglia, che allargava il culo. Sul suo viso c'era un bavaglio in bocca con un buco aperto. Non poteva muoversi. Si guardò intorno, frenetico per vedere cosa stesse succedendo. “Oh, vedo che è finalmente sveglio. Ora possiamo iniziare il nostro divertimento". Jack riconobbe la voce. Era Allysa, vestita con un completo S&M, le sue grandi tette che uscivano con il lattice dappertutto. Jack ha visto anche altre due ragazze, anche loro vestite allo stesso modo. Da destra poteva vedere una videocamera allestita, e un televisore. registrandolo. "Jack, voglio che tu conosca le mie due amiche, Susan e Ashley." Susan si avvicinò a Jack, ancora impotente sul pavimento. "Aww, è più carino di quanto mi aspettassi, Allysa." Ashley si inginocchiò accanto a Jack e afferrò il suo cazzo, accarezzandolo. "E ha anche un bel cazzo, Susan." Jack ha cercato di gridare aiuto, ma il bavaglio sulla sua bocca è stato chiuso con un tappo nel foro, impedendo qualsiasi assistenza. Allysa si avvicinò a Jack, gli fece il giro dietro di lui e aprì una delle borse che avevano in mano prima. "È da un po' che desidero una nuova cagna", ha detto Allysa mentre tirava fuori alcuni strapon dalla borsa. Susan iniziò ad accarezzare il cazzo di Jack, che era completamente eretto e rigido, con perdite pre-sborra. "So che lo vuole tanto, vero, Jack?" Susan sorrise mentre muoveva le dita attorno all'asta. "Beh, penso che prima abbia bisogno di aiuto" disse Ashley, mentre prendeva un tubetto di lubrificante dall'altra borsa. Mentre Susan accarezzava Jack, Allysa afferrò un dildo a doppia faccia dalla borsa degli strapon, applicando un po' di lubrificante su un'estremità. Ashley fece scivolare le dita sul culo di Jack, giocando con lui. "Mi chiedo quanto sia stretto", ha detto Ashley, mentre gli infilava il dito indice nel culo, spingendo dentro e fuori. Jack gemette mentre il suo dito scivolava nel suo culo, mentre Susan continuava ad accarezzare il cazzo duro di Jack. Allysa, dopo aver messo il lubrificante sul dildo, ha infilato un'estremità nella sua figa bagnata, ansimando mentre faceva. Ashley iniziò a muovere il dito dentro e fuori dall'ano di Jack più velocemente, e infilò altre due dita dentro. "Ora che è pronto, è tempo che lo faccia mio". Allysa si mise dietro a Jack mentre Ashley tirava fuori le dita. Susan si alzò e tirò fuori dalle borse uno speciale strapon, con anche altri accessori. Poi, Susan si è inginocchiata e ha ricominciato a massaggiare il cazzo di Jack. Allysa ha spinto il dildo nel profondo del buco del culo di Jack, stringendogli il culo con le mani, scavando nella sua pelle con le unghie. Mentre scopava forte con Jack, Ashley ha posizionato la telecamera per filmare l'intera cosa, con la televisione di fronte a Jack. Jack ha guardato la tv mentre si vedeva farsi inculare da Allysa, i suoi fianchi sbattevano contro i suoi mentre il dildo gli entrava nel culo. Allysa andò più a fondo, scopandolo sempre più forte. Cominciò a gemere: "Oh, è così stretto!" "mi sta facendo così fottutamente caldo!" Poi, dopo averlo scopato per circa 20 minuti, ha gridato "Ohh, sto venendo!". Allysa emise un grido mentre si tuffava nel profondo del suo culo ancora una volta. Mentre raggiungeva l'orgasmo, Susan stava accarezzando anche Jack fino all'orgasmo e raccoglieva il suo sperma in un contenitore. Ashley guardò negli occhi di Jack. "Beh, ora che si è divertita, tocca a me." Allysa ha tirato fuori il dildo da Jack, coperto di olio lubrificante e sangue. Ashley, con il suo strapon ben allacciato, si mise dietro a Jack mentre Allysa si allontanava. "Voglio un assaggio di lui". disse Allysa, muovendo la lingua sulle labbra. Si inginocchiò e si sporse in avanti, leccando la faccia di Jack con la lingua. "Mmm... è delizioso." Ashley non poteva più aspettare mentre infilava il suo strapon in Jack, facendolo gemere mentre entrava. Ashley iniziò a fotterlo forte, mentre Susan raccoglieva più sperma dal cazzo di Jack, versandolo nello stesso contenitore, poi se ne andò verso un angolo con quegli attacchi e quello strapon “speciale”. "Mi chiedo che sapore abbia il suo cazzo" disse Allysa con un sorriso. Mentre Ashley continuava a scoparlo, Allysa si scaldava sotto Jack e gli prendeva il cazzo duro in bocca, facendo roteare la lingua su di esso. Lo succhiò forte, facendolo gemere di piacere. Ashley mosse i fianchi più velocemente, spingendo lo strapon dentro Jack più a fondo, ogni spinta lo faceva gemere ancora più forte. "Ohh... devo venire" ansimò Ashley mentre si toglieva da Jack, poi si toglieva lo strapon. "Posso aiutarti in questo", disse Susan, il suo lavoro nell'angolo terminato. Susan ha immediatamente infilato due dita nella figa bagnata di Ashley, pompandola fino all'orgasmo. Un flusso di sperma scorreva sulle sue dita e Susan le tirava fuori e le leccava per pulirle. "Mmm... va bene". Allysa, sentendo che Jack stava per venire di nuovo, si staccò la bocca. "Un altro carico per il tuo giocattolo, Susan." lei disse. Susan ha ricevuto l'ultimo carico di sperma da Jack mentre Allysa lo ha picchiato, versando lo sperma nel contenitore. "Ora che ha avuto un po' di anale, vediamo come fa schifo." sorrise Susan. Susan ha indossato lo strapon che aveva prima e Jack ha guardato mentre iniziava a riempirci un buco con lo sperma che aveva fatto prima. Quindi, Ashley ha tirato fuori il bavaglio dal foro della bocca sul viso di Jack. Prima che Jack potesse dire qualcosa o gridare, Susan gli spinse velocemente lo strapon in bocca. Il lungo strapon di gomma gli andò in fondo alla gola, quasi soffocandolo mentre gemeva. "Oh, sì, succhia il cazzo abbastanza bene." disse Susan. "Quasi come te Ashley." La telecamera, ancora in registrazione, mostrava i fianchi di Susan che si muovevano avanti e indietro verso Jack, la televisione che mostrava lo strapon che si muoveva dentro e fuori dalla bocca di Jack. "Devo scoparlo di nuovo", ha detto Allysa. "Il suo culo è così buono." Allysa ha preso il dildo che aveva prima e lo ha infilato nella sua figa bagnata. Si mise dietro a Jack e lo spinse nel profondo del suo culo, facendolo gemere per la forza. Ora, Susan stava infilando lo strapon nella sua bocca, mentre Allysa gli fotteva il culo. Ashley, non volendo sentirsi esclusa, si è messa sotto Jack e ha iniziato a succhiargli il cazzo, mentre si infilava la mano dentro la figa. Allysa mosse i fianchi più velocemente, spingendo più a fondo dentro Jack. Gli ha schiaffeggiato il culo mentre lo scopava più forte, facendolo gemere sullo strapon che Susan aveva in fondo alla sua gola. Lo hanno scopato per ore, lo strapon gli scivolava dentro e fuori dalla sua gola, mentre Allysa gli fotteva il culo. "Penso di aver bisogno di venire ora" disse Susan mentre premeva un bottone sullo strapon. Non appena l'ha fatto, un flusso di sperma è spruzzato nella bocca di Jack. Era il suo sperma che lei spruzzava dallo strapon, che aveva usato quegli attacchi prima. "Ora, ingoialo cagna." disse Susan. Jack ha fatto quello che ha detto. Allysa, che ancora scopava forte Jack da dietro, le strinse le tette. "Sì, scommetto che ama il suo sperma." disse Allysa sorridendo. "Oh…..penso che verrò anche io." Ashley ha succhiato Jack ancora di più mentre Allysa gemeva forte, spingendo ancora più forte dentro Jack, il dildo spingeva di nuovo nella sua figa. Quando Allysa è arrivata, Ashley ha sentito Jack sborrarle in bocca, mentre raggiungeva l'orgasmo dalle sue dita. Susan ha poi tirato fuori lo strapon dalla bocca di Jack, il suo sperma continuava a fuoriuscire dalla punta. Allysa e Ashley si alzarono entrambe, riponendo i giocattoli e l'attrezzatura video nelle borse che avevano portato. "Ora non pensare che non ci siamo dimenticati di te" disse Allysa. "Dobbiamo tenere la nostra nuova puttana al guinzaglio, quindi conserveremo questo ricordo del nostro piccolo divertimento per dopo." Jack, dopo essere stato liberato dalle sue catene, guardò il nastro in mano ad Allysa. Le ragazze lasciarono la palestra e Jack gli afferrò i vestiti, li indossò e corse a casa, senza raccontare a nessuno quello che era successo.

Il giorno dopo a scuola, Jack stava camminando lungo il corridoio mentre andava a lezione. All'improvviso sentì una voce provenire da dietro di lui. "Se non vuoi che tutti vedano che stronza arrapata sei, farai quello che ti dico, capito?" Poteva sentire la mano di Allysa stringere il suo inguine. Jack chiuse gli occhi e annuì in silenzio. «Bene» disse Allysa. “Ci vediamo dopo la scuola a casa mia. Non essere in ritardo. Allysa sorrise e andò a lezione.

La fine.

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

569 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

287 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

655 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

524 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

800 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.