Parkview alto

319Report
Parkview alto

La Parkview High School era una normale scuola superiore. Tutto quello che ti aspetteresti in questi giorni. Ma stava per esserci una storia diversa con questo liceo.

Jack era uno studente normale lì. Aveva quindici anni e stava appena iniziando a conoscere l'ambiente e tutto il resto. Non aveva pensato molto alle ragazze fino a quel giorno. Era il giorno in cui aveva visto quelle ragazze. Naturalmente, nessuno sospetterebbe a prima vista quando li guardava. Sembravano proprio come qualsiasi altra ragazza adolescente. Era un gruppo di tre ragazze che sono al centro di questa storia. La prima ragazza è stata Susan. Era all'incirca di altezza media per la sua età, con un leggero suono confuso nel suo discorso. Capelli lunghi e castani, seno ben sviluppato e pelle liscia. Era quella goffa del gruppo, ma sapeva come tenersi testa. La seconda ragazza era Ashley. Ashley era sempre stata una ragazza avventurosa, fin dall'adolescenza. I suoi capelli erano leggermente più corti di quelli di Susan, ma più o meno dello stesso colore, con qualche accenno di ramato e doppie punte più che sufficienti. Indossava occhiali dalla montatura nera, pesava un po' più della maggior parte delle ragazze, ma aveva comunque una figura formidabile. Ashley era quella cippatrice amichevole, a cui piaceva sempre fare nuove amicizie. Ma i suoi nuovi amici finivano sempre in silenzio e dopo si spaventavano. Il capo del gruppo era Allysa. Allysa era la più temuta di tutte. Aveva i capelli neri corti, a volte portava gli occhiali e portava sempre qualche tipo di arma. Era la tipica ragazza cattiva, ma peggio. Le storie su di lei erano famigerate in giro per la scuola e nessuno, nemmeno la facoltà, osava offenderla, almeno fino al diploma.

La prima settimana del nuovo semestre, Jack stava andando a lezione di matematica quando si imbatte accidentalmente in Allysa, che si offende immediatamente. "Guarda dove vai, stronzo!", gridò Allysa. Jack incespicava, raccogliendo i suoi libri da terra. "Mi dispiace, non volevo imbattermi in te in quel modo." disse Jack. Allysa guardò Jack dalla testa ai piedi. Hmm... non è brutto... anche carino, pensò Allysa tra sé e sé. "Ehi", Allysa guardò Jack. “Perché non te ne dimentichi. Ho dei miei amici che voglio che tu incontri. Mentre Jack la guardava, notò uno strano sorriso contorto sparso sul suo viso. Nessuna ragazza gli ha mai parlato in vita sua, quindi naturalmente era entusiasta di essere invitato in questo modo. "Certo, mi piacerebbe", disse Jack. "Bene, ci vediamo dopo la scuola in palestra stasera alle 10.00. Non essere in ritardo” disse Allysa con un sorriso stampato in faccia, lo stesso sorriso che faceva sentire Jack a disagio.

Arrivarono le dieci in punto, quando Jack sgattaiolò fuori dalla casa dei suoi genitori dopo che si erano addormentati. Trovò la strada per la palestra, come gli aveva detto Allysa. Era buio pesto, quindi non poteva vedere nulla. Improvvisamente, le luci si accesero, accecandolo per un momento. "Ehi, cosa sta succedendo qui?" disse Jack, guardandosi intorno. Allysa, Susan e Ashley si avvicinarono da dietro Jack, tutte con in mano diverse borse da ginnastica cariche di qualcosa. "Vogliamo che tu sia il nostro nuovo amico, Jack." "Sono sicuro che ti divertirai tanto quanto noi." Allysa gli sorrise. "Ora divertiamoci un po'". Prima che Jack potesse rispondere, Allysa mise uno straccio sulla bocca di Jack. Era cloroformio. Jack è crollato sul pavimento di legno della palestra subito dopo.

Dopo un po', Jack si svegliò. Era completamente nudo, con le gambe e i polsi legati a lui. Le sue gambe erano separate da una barra di ritenuta alla caviglia, che allargava il culo. Sul suo viso c'era un bavaglio in bocca con un buco aperto. Non poteva muoversi. Si guardò intorno, frenetico per vedere cosa stesse succedendo. “Oh, vedo che è finalmente sveglio. Ora possiamo iniziare il nostro divertimento". Jack riconobbe la voce. Era Allysa, vestita con un completo S&M, le sue grandi tette che uscivano con il lattice dappertutto. Jack ha visto anche altre due ragazze, anche loro vestite allo stesso modo. Da destra poteva vedere una videocamera allestita, e un televisore. registrandolo. "Jack, voglio che tu conosca le mie due amiche, Susan e Ashley." Susan si avvicinò a Jack, ancora impotente sul pavimento. "Aww, è più carino di quanto mi aspettassi, Allysa." Ashley si inginocchiò accanto a Jack e afferrò il suo cazzo, accarezzandolo. "E ha anche un bel cazzo, Susan." Jack ha cercato di gridare aiuto, ma il bavaglio sulla sua bocca è stato chiuso con un tappo nel foro, impedendo qualsiasi assistenza. Allysa si avvicinò a Jack, gli fece il giro dietro di lui e aprì una delle borse che avevano in mano prima. "È da un po' che desidero una nuova cagna", ha detto Allysa mentre tirava fuori alcuni strapon dalla borsa. Susan iniziò ad accarezzare il cazzo di Jack, che era completamente eretto e rigido, con perdite pre-sborra. "So che lo vuole tanto, vero, Jack?" Susan sorrise mentre muoveva le dita attorno all'asta. "Beh, penso che prima abbia bisogno di aiuto" disse Ashley, mentre prendeva un tubetto di lubrificante dall'altra borsa. Mentre Susan accarezzava Jack, Allysa afferrò un dildo a doppia faccia dalla borsa degli strapon, applicando un po' di lubrificante su un'estremità. Ashley fece scivolare le dita sul culo di Jack, giocando con lui. "Mi chiedo quanto sia stretto", ha detto Ashley, mentre gli infilava il dito indice nel culo, spingendo dentro e fuori. Jack gemette mentre il suo dito scivolava nel suo culo, mentre Susan continuava ad accarezzare il cazzo duro di Jack. Allysa, dopo aver messo il lubrificante sul dildo, ha infilato un'estremità nella sua figa bagnata, ansimando mentre faceva. Ashley iniziò a muovere il dito dentro e fuori dall'ano di Jack più velocemente, e infilò altre due dita dentro. "Ora che è pronto, è tempo che lo faccia mio". Allysa si mise dietro a Jack mentre Ashley tirava fuori le dita. Susan si alzò e tirò fuori dalle borse uno speciale strapon, con anche altri accessori. Poi, Susan si è inginocchiata e ha ricominciato a massaggiare il cazzo di Jack. Allysa ha spinto il dildo nel profondo del buco del culo di Jack, stringendogli il culo con le mani, scavando nella sua pelle con le unghie. Mentre scopava forte con Jack, Ashley ha posizionato la telecamera per filmare l'intera cosa, con la televisione di fronte a Jack. Jack ha guardato la tv mentre si vedeva farsi inculare da Allysa, i suoi fianchi sbattevano contro i suoi mentre il dildo gli entrava nel culo. Allysa andò più a fondo, scopandolo sempre più forte. Cominciò a gemere: "Oh, è così stretto!" "mi sta facendo così fottutamente caldo!" Poi, dopo averlo scopato per circa 20 minuti, ha gridato "Ohh, sto venendo!". Allysa emise un grido mentre si tuffava nel profondo del suo culo ancora una volta. Mentre raggiungeva l'orgasmo, Susan stava accarezzando anche Jack fino all'orgasmo e raccoglieva il suo sperma in un contenitore. Ashley guardò negli occhi di Jack. "Beh, ora che si è divertita, tocca a me." Allysa ha tirato fuori il dildo da Jack, coperto di olio lubrificante e sangue. Ashley, con il suo strapon ben allacciato, si mise dietro a Jack mentre Allysa si allontanava. "Voglio un assaggio di lui". disse Allysa, muovendo la lingua sulle labbra. Si inginocchiò e si sporse in avanti, leccando la faccia di Jack con la lingua. "Mmm... è delizioso." Ashley non poteva più aspettare mentre infilava il suo strapon in Jack, facendolo gemere mentre entrava. Ashley iniziò a fotterlo forte, mentre Susan raccoglieva più sperma dal cazzo di Jack, versandolo nello stesso contenitore, poi se ne andò verso un angolo con quegli attacchi e quello strapon “speciale”. "Mi chiedo che sapore abbia il suo cazzo" disse Allysa con un sorriso. Mentre Ashley continuava a scoparlo, Allysa si scaldava sotto Jack e gli prendeva il cazzo duro in bocca, facendo roteare la lingua su di esso. Lo succhiò forte, facendolo gemere di piacere. Ashley mosse i fianchi più velocemente, spingendo lo strapon dentro Jack più a fondo, ogni spinta lo faceva gemere ancora più forte. "Ohh... devo venire" ansimò Ashley mentre si toglieva da Jack, poi si toglieva lo strapon. "Posso aiutarti in questo", disse Susan, il suo lavoro nell'angolo terminato. Susan ha immediatamente infilato due dita nella figa bagnata di Ashley, pompandola fino all'orgasmo. Un flusso di sperma scorreva sulle sue dita e Susan le tirava fuori e le leccava per pulirle. "Mmm... va bene". Allysa, sentendo che Jack stava per venire di nuovo, si staccò la bocca. "Un altro carico per il tuo giocattolo, Susan." lei disse. Susan ha ricevuto l'ultimo carico di sperma da Jack mentre Allysa lo ha picchiato, versando lo sperma nel contenitore. "Ora che ha avuto un po' di anale, vediamo come fa schifo." sorrise Susan. Susan ha indossato lo strapon che aveva prima e Jack ha guardato mentre iniziava a riempirci un buco con lo sperma che aveva fatto prima. Quindi, Ashley ha tirato fuori il bavaglio dal foro della bocca sul viso di Jack. Prima che Jack potesse dire qualcosa o gridare, Susan gli spinse velocemente lo strapon in bocca. Il lungo strapon di gomma gli andò in fondo alla gola, quasi soffocandolo mentre gemeva. "Oh, sì, succhia il cazzo abbastanza bene." disse Susan. "Quasi come te Ashley." La telecamera, ancora in registrazione, mostrava i fianchi di Susan che si muovevano avanti e indietro verso Jack, la televisione che mostrava lo strapon che si muoveva dentro e fuori dalla bocca di Jack. "Devo scoparlo di nuovo", ha detto Allysa. "Il suo culo è così buono." Allysa ha preso il dildo che aveva prima e lo ha infilato nella sua figa bagnata. Si mise dietro a Jack e lo spinse nel profondo del suo culo, facendolo gemere per la forza. Ora, Susan stava infilando lo strapon nella sua bocca, mentre Allysa gli fotteva il culo. Ashley, non volendo sentirsi esclusa, si è messa sotto Jack e ha iniziato a succhiargli il cazzo, mentre si infilava la mano dentro la figa. Allysa mosse i fianchi più velocemente, spingendo più a fondo dentro Jack. Gli ha schiaffeggiato il culo mentre lo scopava più forte, facendolo gemere sullo strapon che Susan aveva in fondo alla sua gola. Lo hanno scopato per ore, lo strapon gli scivolava dentro e fuori dalla sua gola, mentre Allysa gli fotteva il culo. "Penso di aver bisogno di venire ora" disse Susan mentre premeva un bottone sullo strapon. Non appena l'ha fatto, un flusso di sperma è spruzzato nella bocca di Jack. Era il suo sperma che lei spruzzava dallo strapon, che aveva usato quegli attacchi prima. "Ora, ingoialo cagna." disse Susan. Jack ha fatto quello che ha detto. Allysa, che ancora scopava forte Jack da dietro, le strinse le tette. "Sì, scommetto che ama il suo sperma." disse Allysa sorridendo. "Oh…..penso che verrò anche io." Ashley ha succhiato Jack ancora di più mentre Allysa gemeva forte, spingendo ancora più forte dentro Jack, il dildo spingeva di nuovo nella sua figa. Quando Allysa è arrivata, Ashley ha sentito Jack sborrarle in bocca, mentre raggiungeva l'orgasmo dalle sue dita. Susan ha poi tirato fuori lo strapon dalla bocca di Jack, il suo sperma continuava a fuoriuscire dalla punta. Allysa e Ashley si alzarono entrambe, riponendo i giocattoli e l'attrezzatura video nelle borse che avevano portato. "Ora non pensare che non ci siamo dimenticati di te" disse Allysa. "Dobbiamo tenere la nostra nuova puttana al guinzaglio, quindi conserveremo questo ricordo del nostro piccolo divertimento per dopo." Jack, dopo essere stato liberato dalle sue catene, guardò il nastro in mano ad Allysa. Le ragazze lasciarono la palestra e Jack gli afferrò i vestiti, li indossò e corse a casa, senza raccontare a nessuno quello che era successo.

Il giorno dopo a scuola, Jack stava camminando lungo il corridoio mentre andava a lezione. All'improvviso sentì una voce provenire da dietro di lui. "Se non vuoi che tutti vedano che stronza arrapata sei, farai quello che ti dico, capito?" Poteva sentire la mano di Allysa stringere il suo inguine. Jack chiuse gli occhi e annuì in silenzio. «Bene» disse Allysa. “Ci vediamo dopo la scuola a casa mia. Non essere in ritardo. Allysa sorrise e andò a lezione.

La fine.

Storie simili

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

0 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

411 I più visti

Likes 0

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

309 I più visti

Likes 0

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

487 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

465 I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

411 I più visti

Likes 0

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

473 I più visti

Likes 0

DEMONE

E stai fuori! Sono stato buttato fuori dall'unico posto che chiamo casa. Questa volta, probabilmente non tornerò strisciando da Rebecca. So benissimo che ho fatto una cazzata a sceglierla, e non c'è ritorno da questo. Posso almeno prendere i miei vestiti? Ho chiamato dal marciapiede, ma l'unica risposta che ho ricevuto è stata una porta sbattuta. Probabilmente li avrebbe venduti comunque. Dannazione. Ho spintonato con le tasche della giacca, cercando di trovare le chiavi della mia macchina sportiva. Trovando le chiavi nella tasca sinistra dei pantaloni, ho avviato la macchina e ho cominciato a partire. Non volevo sapere, né mi interessava...

451 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

457 I più visti

Likes 0

Oh come l'amore ha artigli affilati, parte 3

Lo fissai con la confusione che mi si diffondeva sul viso prima di dire: “Sei un cosa? Darren mi fece un sorriso da gatto del Cheshire mentre rispondeva: Sono un Lemuriano. Arricciai le sopracciglia mentre lo guardavo accigliato. Con quel sorriso stampato in faccia, potevo dire che amava ogni minuto della mia confusione. Alla fine, non ce la facevo più e ho dovuto chiedere: Che diavolo è quello? Quel suo sorriso è diventato più grande in un sorriso Ho uno sporco segreto che voglio che tu indovini mentre lui rispondeva: Oh, sarà così divertente spiegare cosa sono. Vorrei iniziare parlando della...

194 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.