La storia di Margo 2 - Carlo

1.7KReport
La storia di Margo 2 - Carlo

Abbiamo iniziato a baciarci e, naturalmente, ho lasciato che mi accarezzasse il seno. Non ero sicuro di quanto sapesse della mia disponibilità a fare altre cose, ma ha messo una mano sulla mia gamba e gli ho permesso di allungare una mano sotto la mia gonna e strofinare la mia coscia sul bordo delle mie mutandine. In quel momento mi sono girato leggermente e ho messo la mano sul rigonfiamento dei suoi pantaloni. Il suo respiro accelerò mentre lo strofinavo vigorosamente lì. Lui, ovviamente, lo prese come un permesso per giocare con la mia figa, prima all'esterno delle mie mutandine e poi attraverso l'apertura delle gambe.

Dopo alcuni istanti di gemiti e respiro affannoso, suggerì: "Andiamo dietro", cosa che abbiamo fatto. Non so perché, ma ho guardato le altre auto per vedere se qualcuno ci ha visto aprire le portiere e cambiare posto. Carlo si è tolto velocemente il top e mi ha slacciato il reggiseno. All'epoca ero un 34B, ma a lui non sembrava importare delle mie piccole tette. In effetti, ha iniziato baciandomi le orecchie e poi il collo – un bacio sul collo accende tutto in me fino ai miei organi dell'amore – e poi la parte superiore del mio seno. Oh mio!!!

Quando ha iniziato a succhiarmi i capezzoli, ha sollevato la mia gonna e mi ha tolto le mutandine. Si è preso un momento per guardare e suonare lì per un po', è stato così bello, ma ho deciso che avrei fatto meglio ad avvertirlo: "Io, io, sono ancora vergine".

“Possiamo sicuramente risolverlo stasera. Nessuno è più vergine", ha detto.

"No, no, voglio che sia qualcuno di speciale."

"Quindi non mi lascerai scopare stasera?"

"Possiamo fare altre cose", ho detto e ho proceduto a decomprimere la sua patta. Il suo cazzo era rimasto duro nonostante la sua delusione, e l'ho immediatamente tirato fuori e ho iniziato a strofinarlo. Immagino che fosse adeguatamente stupito quando mi sono chinato e l'ho baciato.

Mentre prendevo il cazzo di Carlo in bocca, lui è riuscito a raggiungere la mia figa e a premere le dita tra le mie labbra. La mia bocca scivolò sul suo albero e lui iniziò a pomparlo dentro e fuori. Il mio climax è arrivato prima con il suo dito dentro di me, per quanto consentito dalla disposizione goffa del sedile posteriore.

Mentre i suoi gemiti diventavano più spasmodici, mi avvertì: "Sborro!" Sono sicuro che si aspettava che gli togliessi la bocca, ma non l'ho fatto. Presto, getto dopo getto dei suoi succhi mi stavano riempiendo la bocca. Riuscivo a malapena a continuare a ingoiare tutto. Anche quando tutto è stato speso, era ancora duro e ho continuato a dondolare sul suo cazzo finché non è diventato morbido.

«Qualche vergine», esclamò. Immagino che non dimenticherò mai quell'osservazione. «Almeno puoi lasciarti mangiare da me» chiese. Quale ragazza potrebbe rifiutarlo, soprattutto dato il mio stato di eccitazione.

Carlo si è inginocchiato dietro il sedile anteriore e io mi sono sistemato con un ginocchio per ciascuna delle sue spalle. Ha iniziato leccandomi le cosce. Poi la sua lingua ha sondato la fessura tra la mia gamba e le labbra della mia figa mentre il suo dito mi solleticava il clitoride. Ci ha messo un'eternità a leccarmi le labbra mentre le sue dita mi accarezzavano i capezzoli. Stavo già avendo gli spasmi quando la sua lingua ha trovato la sua strada verso il mio clitoride e mi ha fatto urlare. Alla fine, ha spinto la sua faccia in profondità nel mio sesso e ho sentito la sua lingua accarezzare l'interno della mia vagina. "Dio mio. Dio mio. Oh mio dio", mentre ondate di orgasmi scuotevano il mio corpo.

Siamo riusciti a rimetterci in sesto. Mi sono rimessa le mutandine e lui mi ha aiutato con il reggiseno. Ci siamo seduti sul sedile posteriore a baciarci e coccolarci – mi ha persino accarezzato il petto di nuovo. Poi la mia curiosità ha avuto la meglio su di me.

"La tua prima volta è stata davvero speciale?" Mi aspettavo che dicesse di no, una ragazza glielo ha lasciato fare.

“Ah, ah! Mio padre mi portò alla prostituta del villaggio. Deve aver pagato molto, perché ha passato tutto il pomeriggio con me. Sono rimasto un po' scioccato nel sentire questo, ma non ho potuto fare a meno di ridacchiare.

“Mi ha insegnato tutto. Dopo esserci baciati per un po' sul divano, mi ha messo le mani sui seni. 'Sfregami lì; alle ragazze piace molto.' Poi ha messo la mia mano sul suo ginocchio nudo. 'Vai avanti, raggiungi laggiù.' Non credo di essermi reso conto 'fino ad allora che le ragazze si bagnano laggiù, ma le sue mutandine erano fresche al tatto e quando mi ha fatto entrare dentro ho imparato quanto tutto diventa bagnato e scivoloso. “

Ho riso di nuovo.

"Poi ha detto 'Baciami e aprimi il vestito.' Quindi l'ho baciata e allungato una mano dietro e sono riuscito a decomprimere il vestito. "Ora il mio reggiseno", ha detto. Ah, ah.”

Non ho potuto fare a meno di intervenire: "Beh, hai imparato bene quella lezione, eheh. E questo cos'è?" Raccontare la storia lo stava eccitando di nuovo. Ho iniziato a strofinarlo delicatamente attraverso i pantaloni. "Vai avanti, eheh."

“Beh, credimi, è stata una lotta. Era una ragazza grande e il suo reggiseno reggeva un sacco di peso,” ridacchiò. "Spingi insieme le estremità", ha detto un paio di volte. Alla fine, tutto è crollato e lei mi ha fatto finire di spogliarla. Ha aperto le gambe e mi ha fatto guardare la figa.

"'Bene, è meglio che ti spogli anche tu, se vuoi che succeda qualcosa', ha detto e io l'ho fatto."

Lo stavo ancora strofinando. "Vai avanti. Avanti,” ridacchiai.

“Mi ha riportato in camera da letto. Ricordo che le lenzuola erano già state tirate giù. Si sdraiò sul letto. Le sue tette cadevano da ogni lato e la sua grande pancia si appiattiva. Le sue ginocchia erano sollevate e le sue gambe erano divaricate e io fissai di nuovo la sua figa. Ha detto: "Sali sopra di me" e ha tenuto il mio cazzo nel posto giusto. 'Fottimi' disse, usando l'inglese per la prima volta. Ci andò dentro e iniziò a gemere. Anch'io gemevo, era così fantastico e non dovevo masturbarmi per farmi venire. Quella miscela di dolore e piacere mentre sentivo i miei succhi pompare in profondità nel suo corpo.

“Ma non era tutto. Mi ha fatto sesso orale finché non sono diventato duro di nuovo e mi ha lasciato scopare di nuovo.

"Era migliore di me, eh?" chiesi mentre lo decomprimevo e raggiungevo l'interno. Non rispose, ma continuò dopo aver fatto alcuni respiri profondi.

“Ha detto che anche alle ragazze piace essere mangiate. 'Oh no,' ho pensato. «Ma aspetta», disse, e scomparve in bagno. Ho sentito scorrere l'acqua".

“È uscita con un asciugamano intorno a sé e si è seduta sul bordo del letto. 'Avevo bisogno di ripulire un po' per te.' Immagino che abbia lavato via tutto il mio sperma.“

“Ha alzato un piede e ha detto: 'Baciami le dita dei piedi.' Ho obbedito, quindi: 'Baciami la caviglia. ... Baciami la gamba. … Baciami le cosce dentro. La mia faccia era così vicina alla sua figa, e c'era questo aroma, e all'improvviso non mi ha infastidito quando ha detto: 'Baciami la figa.' "

“Mentre lo facevo, ha detto: 'Le ragazze amano essere scopate con le dita. Metti un paio di dita lì dentro.' Sono rimasto stupito anche da come si sentiva.“

“ ‘Ora leccami in mezzo. … Proprio qui. … Sì, sì, è vero.' gemette, cosa che mi ha sorpreso. "Metti dentro la lingua". È stato fantastico e le è piaciuto davvero!"

"'Oh dio, fottimi, fottimi', ha detto di nuovo.

“Abbiamo fatto un sacco di altre cose quel pomeriggio. Mi ha persino lasciato sborrare in bocca e scoparle il sedere! Vorresti che lo facessi? Ah, ah,” mi ha chiesto.

Beh, non volevo provarlo, ma Carlo non poteva fare a meno di gemere mentre prendevo il suo cazzo in bocca. A quel punto mi stava strofinando tra le gambe mentre diventavo più vigoroso con il suo cazzo. Poi, mi sono allontanato. "Carlo, quella storia era così eccitante."

E poi di punto in bianco: “Oh, Carlo. Voglio che tu sia tu!” Ero già abbastanza lontano dal suo lavoro manuale.

"Che cosa? … Oh! … Ora? … Veramente?"

"Oh, Carlo."

Ci siamo spogliati di nuovo e lui si è infilato un preservativo. Quando siamo arrivati ​​in posizione, si è spinto un po' dentro di me e poi sempre di più. All'improvviso faceva male! Molto! Carol mi aveva detto che non faceva quasi male, ma per me era apparentemente diverso. Ho iniziato a piangere. Carlo ha avuto pietà di me e non ha finito. "Mi dispiace così tanto", ha detto, e anche io ho detto la stessa cosa.

Così ci siamo vestiti ancora una volta, abbiamo ripulito il posto sul sedile e siamo partiti. Le altre auto erano già partite.

La notte successiva pensavo di sentirmi meglio. E tu sai cosa? Era quasi il mio ciclo. Ho pensato che sarebbe stato ok se avessimo colto l'occasione. Quando siamo arrivati ​​al vicolo degli innamorati, ho detto a Carlo cosa stavo pensando. Con il progredire delle cose, si è scoperto che ero ancora dolorante, ma mi stavo godendo molto di più il suo ingresso nel mio corpo. Presto il suo seme eruttò dentro di me. Mentre partivamo, avevo un grande sorriso stampato in faccia.

Storie simili

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

352 I più visti

Likes 0

Il nostro primo incontro parte 1

Era una fredda notte di ottobre. Il caminetto stava bruciando e abbiamo avuto un paio di drink. Ci siamo seduti casualmente a fissare il fuoco e chiedendoci cosa stessero pensando l'un l'altro. Lanciai un'occhiata a mia moglie, Stacie. Era in un altro mondo. Il silenzio è stato rotto da Heather che chiedeva a Stacie se stava pensando? Stacie ha risposto con una risatina, Oh niente di importante. In realtà mi stavo chiedendo com'era la tua vita sessuale? Avresti potuto bussare a me e Bill mentre iniziavano a ridacchiare e a discutere dell'intimità della loro vita sessuale. Bill e io sedevamo ad...

1.9K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.9K I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

Le Sorelle Calzino (Capitoli 9-12)

CAPITOLO NONO Jeff ci ha lasciati davanti alla casa di Kim intorno alle 8:30 e lei ci ha incontrato sulla porta con indosso una delle soffici vecchie vesti. “Sono appena uscito dalla doccia ragazze. Vieni nella mia camera da letto, ci cambiamo lì. Phil se n'è appena andato e mi sono quasi dimenticato del tempo! Phil se n'è appena andato, eh? Ho scherzato. E cosa stavate combinando voi due per aver perso la cognizione del tempo? “Stavamo scopando, Mar! Cosa hai pensato? Kim sorrise a me e Beth e scoppiammo tutti a ridere. Quando arrivammo nella stanza di Kim, lasciò cadere...

1.6K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.2K I più visti

Likes 0

Wartime Comfort House Diario - Giorno 7 British Sausage

Avevo incaricato la signorina Yamaha di portare la giovane madre coreana Maple a nutrire la mia debole moglie del posto ogni volta che andavo a consumare con Cherry, oltre alle sue normali poppate quotidiane. Sapevo che il nutrimento extra avrebbe aiutato Cherry a diventare più forte. Sono stato anche incuriosito dall'orgasmo di mia moglie dopo che ho sparso i miei semi e mi sono ammorbidito, quindi ho deciso di lasciare la mia virilità nel suo grembo ogni volta che raggiungevo l'orgasmo. Mi eccitavo baciando appassionatamente mia moglie mentre accarezzavo i suoi seni sodi in crescita (quasi coppa B ora) e i...

1.1K I più visti

Likes 0

La storia di Ann parte 2

La storia di Ann parte 2 Ann non era affatto a disagio nel retro di questo veicolo e con gli orgasmi appena avvenuti, insieme a chiunque la stesse succhiando, questo la portò di nuovo a un climax tremante. Le piaceva quando suo marito si contorceva e giocava con i suoi capezzoli, ma quello che amava ancora di più era quando giocava con loro e le succhiava la figa, specialmente il clitoride. Gli uomini che l'avevano presa apparentemente erano molto bravi a dare piacere alle donne. Era sdraiata lì incapace di muoversi ed era così consumata da tre orgasmi piacevoli, quasi di...

945 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.