L'eredità di Pete (capitolo 8-9)_(0)

752Report
L'eredità di Pete (capitolo 8-9)_(0)

"Santo cielo che era caldo da morire!" Una voce roca venne dalla porta facendo guardare tutti e tre sul letto. Lee e Bree stavano nudi, i loro panni sul pavimento. I succhi scorrevano lungo le gambe, entrambi avevano le mani bagnate per essersi stimolati a vicenda. Entrambi respiravano pesantemente. "Non intendevo spiare, ma pensavamo di aver sentito qualcosa, poi è diventato abbastanza poi abbiamo sentito Amy. Abbiamo avuto modo di vedere come Pete ha iniziato a metterglielo davvero. Sono stupito che l'abbia preso".

"Non sei l'unico! Quando ha spinto dentro solo la testa ho pensato che mi sarei spaccato! Ha fatto così male quando ha spinto dentro. Si è comportato come se stesse per fermarsi a un certo punto, e non volevo ammettere che non potevo. Una volta che finalmente è entrato e stava andando piano, ha iniziato a sentirsi davvero bene! Poi stava per farmi impazzire, ne avevo bisogno più velocemente. La mamma mi stava strofinando il clitoride e sulla mia tetta ero quasi pazzo! Cazzo che orgasmo! Non pensavo che si sarebbe fermato! Ero quasi giù di morale quando Pete si è bloccato dentro di me forte e ha iniziato a sborrare! Mi ha mandato di nuovo qui! Oh diavolo è stato fantastico!" Amy ha raccontato la sua esperienza alle sorelle. Era stordita, felice e nervosa. "È stato così dannatamente strano! Mia madre mi succhiava la tetta mentre giocava con il mio clitoride. Allo stesso tempo mio fratello mi scopa! Quante altre persone potrebbero vivere un'esperienza così strana, ma assolutamente ardente per la prima volta?"

"Sai che non puoi dire niente a nessuno fuori da questa casa? Faceva caldo però! Ecco perché sono sceso quest'ultima volta. Avevi quattro dita dentro di me, Pete veniva dentro di te e io stavo giocando con te e succhiandoti capezzolo. Mi ha colpito tutto e il fatto che mi piacesse. Bam, stavo sborrando su tutta la mano di mia figlia! Quel pensiero in realtà mi ha fatto venire più forte!" ha confessato Sara. Arrossì quando ammise alla sua famiglia quanto fosse perversa.

"Mamma... Ammm Sara penseresti che sono strano se dicessi qualcosa?" chiese Amy. Si ricordò di quello che aveva detto a Pete ieri... mi hai fottuto, quindi non chiamarmi mamma... Amy ha provato una fitta, ma sentiva che lo scambio sarebbe valsa la pena se Sara avesse continuato questa nuova strada con lei. Sara scosse la testa così Amy fece un respiro profondo prima di continuare. "Beh, vi ho sentiti qui dentro e stavo cercando di vedervi fare sesso. Pete è uscito dalla vostra stanza per prendere un asciugamano dal bagno e mi è passato accanto. L'ho annusato mentre mi passava accanto e non riuscivo a capire cosa fosse era ma sapevo che mi piaceva. È tornato fuori e mi ha baciato sulle labbra. Aveva la faccia bagnata, aveva un sapore... beh non riesco a spiegare il sapore ma non era male. Più ci pensavo e più ci pensavo ho capito che mi piaceva. L'ho seguito qui dentro e tu dormivi. La macchia bagnata sul letto, il bacio, sentirti gemere e pensare a quello che è successo la notte scorsa. Sono arrivata proprio in quel momento senza nemmeno toccarmi. Me ne sono andata le mie mutandine prima di lasciare la mia stanza perché sapevo che sarebbero state bagnate come la scorsa notte. Mi sono reso conto che il tuo sperma è quello che odoravo, assaggiavo e mi piaceva! Pete ti ha pulito, mi sono toccato il clitoride e sono tornato. È davvero brutto strano?"

"Ho rinunciato alla maggior parte dei preconcetti. So come dobbiamo agire in pubblico. Come ho già detto però, quello che facciamo qui rimane qui! Se desideri esplorare le tendenze bisessuali non ti giudicherò. Ho avuto un paio di esperienze prima che io e Tim ci mettessimo insieme. Pensavo fosse un comportamento inappropriato per una madre, ma ora…” Sara si interruppe a metà frase. Si rese conto di ciò che stava ammettendo così facilmente ai suoi figli. Beh, diavolo, non pensava segreti in questa casa. "Sì anche a me piacciono le ragazze. Ecco l'ho detto! Non è una cosa che la società educata capirebbe, ma spero che qui possiamo essere aperti e onesti. Non voglio che nessuno forzi qualcun altro in questa casa, ma se tutte le parti sono disponibili ."

"Mi piacerebbe scopare Pete!" Lee sbottò guardando sua madre per una reazione al suo linguaggio e a quello che diceva. "Guarda come sei spalancata, Amy! Questo mi spaventa un po'! Hai detto che ti faceva male ma eri vergine. Giusto?"

"Pete è grosso! Se lo vuoi dentro di te dovrai accettare il fatto che all'inizio farà un po' male. Ha picchiato a sangue le mie parti di ligustro. Ho pensato la scorsa notte dopo che mi aveva picchiato così forte che il mio l'interno era stato rimescolato. In realtà ero un po' preoccupato di fare sesso con lui stamattina!" disse Sara a Lee con un sorriso di traverso. Lee era ancora in soggezione con la figa distesa di Amy. La crema bianca trapelava lentamente, allungò la mano per toccarla, poi guardò Sara e poi Amy. Amy fece un cenno con la testa a Lee dando il permesso. Lee esitò a guardare di nuovo Sara. "Lei ti ha dato il permesso, puoi andare avanti. Te l'ho detto che non giudicherò."

"È un po' maltrattato! Ti sei fatto male?" Lee ha parlato con Amy toccandole delicatamente le labbra inferiori lasciando che il suo dito indice intingesse un po' di sperma bianco che fuoriusciva

"Mmmmm, non proprio, ma non mi sono ancora mosso molto. Mi ha aperto e sembra che la mia pelle si sia tirata intorno alla mia figa. Un po' come un'ustione indiana. Oh gentile, è un po' piacevole, ma è tenero!" Lee aveva si avvicinò e prima leccò lo sperma che fuoriusciva da Amy. Lee ha poi messo la bocca sul suo buco aperto spingendo la sua lingua dentro e tirando fuori lo sperma di Pete dalla figa bagnata di Amy. "Oh, mi fa sentire bene, ma non credo che potrei venire di nuovo! Onestamente se dovessi venire di nuovo in questo momento, penso che potrei sbrogliarmi!"

"Ho bisogno di tornare alla colazione. Ho il bucato da fare a giudicare dall'aspetto di questo letto." Sara rise. Tutte le ragazze hanno riso. Pete sorrise. Ora sapeva che non avrebbe dovuto preoccuparsi di prendergli l'uccello. Amy gli aveva dato la sua verginità. Sua madre Sara farebbe qualsiasi cosa per lui. Sua sorella Lee ha già dichiarato che voleva che la scopasse. Bree non aveva detto molto ed era contrariata, ma Pete aveva la forte sensazione che stesse cercando di nascondere ciò che provava. "Pete, vai avanti, fatti una doccia e fai quello che devi! D'ora in poi avrai la priorità in bagno. Hai del lavoro e devi arrivarci la mattina. Possiamo aggirarlo."

Pete ha lavorato duramente per tre settimane spostando la neve e facendosi prendere dalle faccende del ranch. Sara preparava la colazione ogni mattina preparava i panini per il pranzo e preparava la cena in attesa alla fine della giornata. La sua giornata è iniziata intorno alle 5 del mattino e con tutto quello che aveva da fare non è tornato a cena fino alle dieci di sera al più presto. Diverse notti era dopo mezzanotte. Fece spingere il bestiame su nuovi pascoli, tutti i sentieri sgomberati dalle tracce di neve per portare il bestiame al bestiame. Aveva anche lavorato alla ricostruzione di un motore sulla mietitrebbia. Le ragazze sono tornate a scuola dopo lo scoppio della tempesta. Non vedeva molte delle sue sorelle da più di due settimane. Quando si è sentito preso in giro. Era il 20 marzo. È stato preso abbastanza quando è iniziata la pioggia. Erano circa le 10:30 del mattino quando arrivarono i primi spruzzi. Ha messo tutto al sicuro e messo via ed era a metà del cortile con 50 iarde lasciate alla porta sul retro. Il fondo è caduto, ha piovuto così forte che non poteva vedere la porta sul retro. Grosse gocce fredde cadevano con forza. Pete ce l'ha fatta nella porta sul retro fradicio fino all'osso. Lottò per togliersi il cappotto e i vestiti bagnati. Ha svuotato le tasche in una lattina Folgers che ha trovato. Posò il suo berretto su un piccolo coccio che Sara usava per asciugare cappelli e altre cose quando desiderava che mantenesse una forma rotonda con poco restringimento. Mise i suoi panni nella lavatrice, ne aggiunse alcuni dal cesto sulla lavatrice e iniziò a caricare. Pete non pensò di camminare per casa nudo, dal momento che tutti in casa l'avevano già visto nudo e aveva fatto qualche atto sessuale con lui. Aveva scopato Sara sul tavolo davanti a tutti, aveva fatto in modo che sua madre gli segava il cazzo Lee gli succhiava la parte superiore mentre Amy e Bree gli succhiavano i capezzoli e lo accarezzavano. Poi avrebbe mangiato Sara e Amy, prima di scopare Amy mentre Lee e Bree guardavano. Quindi no, non era un grosso problema. Pete attraversò la cucina ed entrò nella sala da pranzo. Oh cazzo! Era tutto ciò che riusciva a pensare. Seduta al tavolo c'era sua madre al suo posto Amy al suo posto Bree e Lee sedevano in quei posti ma nel suo vecchio set tra sua madre e Amy sedeva Heather. Era la migliore amica di Lee. Erano amici dai tempi della scuola elementare. Essendo gemelli potresti pensare che Bree e Lee sarebbero molto simili, ma erano opposti in molti modi. Erano classificati gemelli identici ma c'erano differenze visibili. Se ne vedessi solo uno all'inizio, proveresti a indovinare chi, ma fianco a fianco potresti vederlo. Erano agli antipodi nell'atteggiamento e nel comportamento. Bree era riservata e un po' tesa. Lee era estroversa, era avventurosa spontanea e un po' selvaggia. Heather era molto simile a Lee, dopo che Lee ha ammesso che le piacevano le ragazze, non era un caso con chi fosse stata. In realtà erano più vicini di quanto lo fossero Lee e Bree.

"È un venerdì casuale?" chiese Sara cercando di sdrammatizzare il fatto, Pete era nudo davanti alla famiglia. "La pioggia ti ha inzuppato piccola? Sembri infreddolita devi andare a metterti dei vestiti. Posso portarti qualcosa?"

"Grande colpo di whisky e una birra fredda!" Pete ha scherzato sapendo che Sara non l'avrebbe fatto. Oltrepassò Heather. Fissò il membro rimpicciolito di Pete incapace di spezzare il suo sguardo. Andò nella sua stanza tirò fuori un paio di jeans puliti e una camicia pulita vestita. Tornò in sala da pranzo. Sara era in cucina. Pete aveva tirato fuori un nuovo pacchetto di sigarette. Pensò a quanto fosse stato fortunato ad averne avuto solo due nel branco quando la pioggia lo inzuppava e tutto quello che era su di lui. Tentò di accendere la sigaretta ma il suo accendino si era bagnato. Pete imprecò sottovoce

"Heather fammi vedere il tuo accendino, per favore." chiese Lee a guardare il cervo alla luce dei fari, perché Sara era entrata dalla cucina. Sara ha messo un bicchiere rock con del ghiaccio davanti a Pete ha aperto la bottiglia di tacchino selvatico e ha versato circa tre once sopra il ghiaccio. Si sedette una bottiglia di birra.

"Ti ubriachi dormirai dove cadi! Non sono cattivo ma tutte noi ragazze non potremmo spostarti se dovessimo. Heather va bene se hai un accendino che Pete può usare. Sarebbe apprezzato. Non credo di averne uno in giro in questo momento. I pochi fiammiferi che ho mi piacerebbe aggrapparmi fino a quando non andrò in città. "Sara si era spostata al suo posto quando aveva smesso di parlare. Heather fissò scioccata la bottiglia di tacchino selvatico lasciata davanti a Pete. Guardò anche la birra, il bicchiere di roccia e le sigarette. È rimasta scioccata. Pete si alzò andò in cucina accese la sigaretta sul fornello e tornò. "Lee perché Heather e te stesso avete bisogno di un accendino?"

"Heather ha preso dell'erba da suo fratello maggiore. Ne abbiamo fumata un po'." Lee disse a Sara senza un attimo di esitazione. La famiglia aveva iniziato a dire la verità e ad essere onesti l'uno con l'altro. Heather sembrava come se fosse completamente fuori di testa. Potresti leggere la sua faccia che urla che diavolo c'è che non va in te?

"Non sei fuori a guidare, vero?"

"No Sara. Ci siamo seduti sui gradini di servizio ieri sera." Lee ha risposto. È stata una conversazione rilassata. Né Lee né Sara erano sconvolti in alcun modo, era come un normale evento quotidiano. L'erba era illegale, ma Sara era proprio come ok, non ci stai guidando.

"Immagino che i tuoi genitori non sappiano che stai fumando erba? Non voglio che tu dica una parola ai tuoi genitori cosa succede qui! Ci siamo rilassati qui da quando sei stato qui l'ultima volta. Non permettiamo nulla che farà del male a te o a qualcun altro. Non permetteremo nulla di imposto a nessuno qui intorno. Se puoi essere aperto e onesto, non blaterare con nessuno e rispettare gli altri, ti saranno concesse molte libertà qui". disse chiaramente Sara

"Intende, per esempio, come sei sempre così preoccupato che ci beccano a scherzare. Non è un problema." Lee ha parlato con Heather cercando di farla capire. Il silenzio nella stanza era forte come la tempesta di pioggia all'esterno. Heather stava cercando di cogliere ciò che era stato detto. Non aveva mai sentito parlare di genitori così aperti e liberi con i bambini. Lee flat ha detto a sua madre che stava fumando erba e sua madre ha preso tutto con calma. Il suo figlio più piccolo sta fumando una sigaretta bevendo whisky e birra. Ora Lee ha ammesso di aver avuto incontri sessuali

"Quindi stai dicendo che se volessi accendere una canna in questo momento e fumarla proprio qui..." Heather si mise in posa ma Sara intervenne.

"Poche cose su cui tacere? Rispetterai gli altri, nel senso che se a qualcuno qui non piacesse l'odore di bruciato, lo spegneresti o lasceresti la stanza? Quello che succede qui rimane qui! Non "non mettere in pericolo te stesso o gli altri. E alla fine sei disposto a condividere?" Sara ha posto una domanda dopo l'altra dando a Heather la possibilità di annuire dopo ogni domanda

"Wow, sto ancora inciampando! Sto facendo fatica a girarmi intorno. Se volessi strisciare sotto il tavolo e giocare con Lee?" chiese Heather diventando rosso barbabietola ma spingendo avanti "o se volessi arrampicarmi sul tavolo e farmi scopare da Pete proprio davanti a te non avresti problemi?"

"Non saresti il ​​primo a farsi scopare su questo tavolo davanti alla famiglia! Potresti essere sicuro di essere pronto per Pete. Se Lee o Pete sono disposti, allora non abbiamo problemi." Sara ha rischiato di sapere che Heather era una brava ragazza con una buona testa sulle spalle. È una delle poche che vengono a stare con la famiglia durante la notte.

"Stai accettando molto la signora... ASPETTA! Cosa vuoi dire? Chi ha scopato chi su questo tavolo davanti alla famiglia? È quello che hai detto giusto?" Heather aveva cominciato a rilassarsi quando le parole di Sara la colpirono. Sapeva di aver sentito bene, ma cosa diavolo voleva dire?

"Hai sentito bene! Sono stato gettato sul tavolo proprio qui. Davanti a tutte e tre le ragazze." Sara ha ammesso di godersi davvero il formicolio nei suoi lombi. Parlarne e ricordare quanto fosse bello.

"È successo mentre tuo marito era ancora in vita? Dov'era Pete? Chi era?" chiese Heather pensando che forse Sara la stesse prendendo in giro. Tutto rideva e lei si sentiva l'unica a non essere coinvolta nello scherzo.

"Scusa tesoro, non intendiamo insultarti. Ti racconterò la storia. La terresti per te giusto? Ok! Pete e io abbiamo avuto problemi dopo la morte di Tim. Per farla breve, entrambi eravamo sessualmente frustrati gravemente . Abbiamo litigato la maggior parte del tempo dopo la morte di Tim. Quella notte Pete era arrapato da morire e non era stato in grado di ottenere sollievo. Ero così dato che Tim non era qui per prendersi cura di me. Abbiamo discusso che ha visto quello di cui avevo bisogno e mi ha piegato sul tavolo e mi ha fottuto muto e sbavando. "Sara ha raccontato la storia bagnandosi mentre ricordava che Pete l'aveva presa duramente da dietro.

"Vuoi dire che tuo figlio ti ha fottuto davanti a Bree Lee e Amy? Andiamo, avresti chiamato la legge!" disse Erica

"L'ho minacciato! Pete le ha tirato i capelli e con la stessa mossa l'ha fatta urlare per farsi scopare." Bree ha dichiarato

"In realtà gli ha urlato di scoparla? Usando quella frase?" Heather guardò da Sara a Bree e viceversa scioccata.

"Sì, l'ho fatto! A quel punto mi aveva così dannatamente eccitato. Che quando è rimasto dietro di me senza muoversi! Mi ha afferrato i capelli e mi ha tirato su la testa e tutto ciò che riuscivo a pensare era che accidenti, fottimi e basta!" Sara riferì arrossendo

"Da quello che vedo lo vuoi di nuovo Sara!" Alla fine Pete si unì alla conversazione. Sara gli ha dato uno sguardo che diavolo. "Riesco a vedere i tuoi capezzoli che risaltano da qui. Scommetto che le tue mutandine sono già inzuppate."

"Sono i miei lo so!" intervenne Amy

"Beh, sei stato impegnato per tre settimane! Non ho avuto alcuna attenzione. Sta scendendo la pioggia, quindi puoi lavorare su alcuni progetti indoor" fece le fusa Sara

"Oh mio Dio! Vuoi davvero scopare tuo figlio? È così perverso!" gridò a gran voce Heather

"Oh diavolo Heather, sai che sei fottutamente eccitata, ragazza! Non fare quella merda con me!" Lee rimproverò

"Sì lo sono! È strano ma dannatamente caldo!"

"Volevo provarlo ma è un po' spaventoso! Ha un cazzo di cavallo! Ho visto le conseguenze, due volte, distrugge una figa!" Lee ammette

"Sei stato fregato due volte da lui! Davanti a tutti?" Le coppe a C di Heather mostravano i suoi capezzoli attraverso il reggiseno e la maglietta senza imbottitura sottile.

"No, l'ho preso solo una volta. Una mattina mi ha mangiato la figa e sono venuto così forte che ho avuto la nebbia del cervello. Amy ha avuto modo di scherzare con lui e lui l'ha mangiata. Stava per scoparmi ma Amy voleva che lo prendesse la sua verginità».

"Aspetta! Ti ha scopato davanti a tua madre?" chiese Erica

"Sì! Mi ha allungato come se non ci credessi! Si è preso facilmente le cose con me. Nessun duro martellamento. Alla fine l'ho pregato di accelerare. È andato veloce ma non ha davvero battuto. Ha guidato un po' il suo cazzo fino a profondo quando è venuto Mi ha ferito le viscere o qualcosa che ho ferito quel pomeriggio e per due o tre giorni dopo.

Pete aveva finito metà della sua Turchia e parte della sua birra. Sentì un piccolo ronzio niente di grosso. Aveva ascoltato questi racconti del sesso che aveva avuto con Sara e Amy. era per metà duro e da quando aveva lavorato così tanto e per così tante ore non aveva avuto alcun rilascio in tre settimane. "Ho intenzione di andare in camera mia. Tutto questo parlare di sesso mi ha fatto crescere. Qualcuno vuole unirsi a me?"

"Lee vuoi la tua occasione?" chiese Sara guardando Lee. Pete bevve un sorso di Turchia. Suo padre gli aveva permesso di bere della birra ma questo era il suo primo whisky. Bruciò fino in fondo. Pete si alzò e iniziò a muoversi verso la sua stanza, sentì dei passi dietro di lui e capì che era Lee.

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

287 I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

570 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

524 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

800 I più visti

Likes 0

Invadere Parigi - Parte 1

La testa le pulsava. Sembrava che stesse aumentando e diminuendo fisicamente di dimensioni. Non si mosse mentre si svegliava, perché non voleva peggiorare il palpito. Lei, semplicemente, non riusciva a pensare in modo chiaro. Le è servito tutto il suo sforzo per ricordare che era stata fuori tutta la notte scorsa, non importava i dettagli, ma anche con quello, era certa di non aver fatto nulla per meritarsi una sbornia di questa portata. Man mano che diventava più consapevole di se stessa, si rese conto che era seduta. Alzò la testa e fu allora che si rese conto che non era...

713 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.