Cat Fight 22 Modifiche

150Report
Cat Fight 22 Modifiche

TERMINI

tinton  - 2 1/2 secondi
spettro - 2 1/2 minuti
Toton -   2 1/2 ore
minton -  2 1/2 giorni
daycon -  2 1/2 settimane
Malant -  2 mesi e mezzo
quant  -  2 1/2 anni
galant -  2 1/2 secoli
Metson - 2 1/2 pollici
maclon  - 2 piedi e 1/2
Heckson - 2 1/2 miglia
tetson -  2 1/2 acri
unità -    2 1/2 cc


Personaggi

Bill Axor (AKA Ambrose) - Clan Lion, Cit-Chac-Coh
Re Tomco Traxor - Il padre morto di Bill, clan dei leoni
Re Tobias Traxor - Il fratello morto di Bill, clan dei leoni
Regina Trianna Axor - La madre morta di Bill, clan dei leoni di Mandria
Regina Niaco Traxor - Clan Tiger, compagno di Tobias, ora di Bill
Twitty Glax - Clan Grey Tabby, guardia del corpo e compagno di Bill
Glenna Nox - Clan del Bengala, guardia del corpo e compagno di Bill
Mikos Glac - Clan Certosino
Skylos - Comandante dell'incrociatore stellare - Clan Wire hair
Henna Glac - Clan Chartreux, compagno di Mikos, dottore Xendran
Theta Panadon - Clan dei ghepardi
Cornelius Glax - uno degli zii di Bill, clan Grey Tabby
Conrad Nox - L'altro clan dello zio Bengala di Bill
Gruppo di assassini - clan Jaguar
secondo gruppo di assassini - clan Ocicat
Typree Maxor - Sottore di Mandria, clan dei leoni
Adina Maxor - Principessa paladina di Xendra, sottoprincipessa di Mandria, clan dei leoni
Timora - La grande madre del popolo felino, compagna del primo capo tribù
Hippacamp - Il padre di Timora, padre dei moderni medici Xendran


Cavalieri

Generale Roth - Clan Leopard
Gregor - Clan Cougar
Gwayne - Clan delle pantere
Thomas - Clan Lynx


Paladini - Cavalieri femminili

Wrena - Clan Leopard, compagno di Roth
Cetana - Clan Cougar, compagno di Gregor
Dawney - Clan Panther, compagno di Gwayne
Mileen - Clan Lynx, compagno di Thomas


Ambrogio scosse la testa alla dichiarazione del padre di Timora. Cominciò ad aprire la bocca per confutare l'uomo, poi scrollò le spalle che sarebbe stato lì tutto il giorno. Pensando un momento mi è venuta in mente un'idea. "Non voglio essere chiamato con quel nome. Ti ho dato una cura che ti permetterà di vivere. Mi dispiace in questo momento ho solo abbastanza per altre trentatré persone."

Gli occhi del padre di Timora si spalancarono, poi annuì. "Più possiamo salvare, meglio sarà. Anche se temo che sia troppo tardi per molti", disse la voce dell'uomo debole.

"Dovrei averne abbastanza per quasi quaranta più tardi oggi. Penso di poterne avere abbastanza per settantotto ogni giorno, anche se ho bisogno di un modo per raggiungere le persone che ne hanno bisogno. Combatterne centinaia o migliaia porterebbe alla morte di molti ." Ambrogio disse all'uomo.

"Quindi hai bisogno di me e di mia figlia così puoi dare questo a tutti?" La testa dell'uomo stava annuendo. "Per quello che hai dato e fatto per la mia famiglia, sarei onorato di aiutarti, grande Cit-Chac..." L'uomo si zittì improvvisamente quando Ambrose alzò la mano.

"Preferirei che mi chiamassi Ambrogio, almeno finché più persone della tua gente non saranno al sicuro. Al momento solo tu e Timora siete immuni." Ambrogio disse all'uomo.

Annuendo di nuovo, il padre di Timora si sdraiò mentre le macchine continuavano a controllarlo. Un semplice spettro dopo sentirono tutti Timora mentre iniziava a muoversi.

Cercando di mettersi a sedere e di andare da suo padre, scoprì presto che era meglio stare un po' fermi. Deglutendo forte, la sentirono chiedere: "Signore? Papà starà bene? Adesso è tutto ciò che ho".

Ambrose le si avvicinò: "Sì, ora dovrebbe stare bene. Stava appena iniziando a soffrire della malattia".

Sospirando Timora annuì: "Puoi davvero aiutare tutti coloro che sono malati? Molti dei bambini piccoli sono malati, inoltre la maggior parte di quelli che sono in età avanzata sono malati".

"Sì, tuo padre mi ha detto tutto questo. Io..." Si udì un improvviso e rapido segnale acustico delle macchine agganciate a Timora. Andando da loro, gli occhi di Ambrose si ingrandirono alle letture che vide lì. Andando a guardare le letture di suo padre, vide letture quasi identiche. Tornando a Timora, Ambrose la guardò attentamente. Abbastanza sicuro le sue unghie erano più lunghe quasi come artigli. Scuotendo la testa un ampio sorriso illuminò i suoi lineamenti.

Debolmente Timora sollevò la mano per fissare l'artiglio come l'estinzione delle sue unghie. "Signore?" Quasi in preda al panico si rivolse ad Ambrose con uno sguardo spaventato e terrorizzato. "Signore, cosa mi sta succedendo?"

Sospirando ora, Ambrose dovette in qualche modo spiegare alla giovane donna. "Temo che l'unico modo per salvarvi sia questa cura. Vi ha cambiati; sarete più veloci, più forti e molto più sensibili a tutto ciò che vi circonda. Mi dispiace ma era l'unico modo per salvarvi ."

Timora annuiva ancora fissando la sua mano artigliata. Ambrose rimase in silenzio mentre i suoi occhi si spalancavano quando gli artigli si ritirarono nella sua mano. Il sorriso di Ambrose iniziò quando le fece un cenno del capo. "Sai fino a che punto cambierò mio signore?" chiese.

Ambrose scosse la testa: "Non in questo momento, anche se potrei presto. Dovrei averti qui per molto tempo. Come sappiamo entrambi, gli altri diventerebbero sospettosi."

"Sì, questo vale per entrambi." Hanno sentito da dietro di loro. Il padre di Timora era in piedi a guardare gli artigli con la propria mano. Fu in quel momento che Timora iniziò a ridere debolmente. Ambrose si voltò poi un ampio sorriso illuminò il suo volto umano. Entrambe le orecchie di suo padre avevano la pelliccia! Entrambi erano più da gatto come dargli un aspetto da gatto/umano.

"Sire!" sussurrò Roth ad Ambrose. "Stiamo assistendo alla nascita della nostra razza?"

Ambrose annuì mentre si avvicinava a Roth. "Credo di sì. Anche se temo che dovremo insegnare loro come..." iniziò Ambrose.

"Non è difficile", hanno sentito dire Timora. "Pensa solo a che aspetto aveva la tua mano normale." Suo padre ancora scioccato annuì poi con un sorriso guardò gli artigli ritrarre le sue mani e poi le sue orecchie che apparivano di nuovo umane.

"Sono felice che tu abbia imparato a cambiare mia figlia." Rivolgendosi ad Ambrose l'uomo si inchinò, "non appena starà meglio dobbiamo andare. Vedo che ci vuole un po' di forza per sopravvivere. La nostra gente è forte penso che anche i più malati potrebbero sopravvivere. Dovremo vedere Cit ... Mi dispiace Ambrose. Cercherò di ricordare. Per quanto riguarda la tua accettazione, penso che sarà facile, anche se dopo che inizieranno a cambiare potrebbe cambiare. Diremo solo a tutti che sei un uomo di medicina da un tribù dell'estremo nord che seppe dei nostri guai".

Ambrose si grattò il mento per un momento, poi annuì: "Capisco cosa stai dicendo. Fammi prendere il resto della cura per oggi, poi possiamo procedere".

Era passato quasi mezzo minuto più tardi quando sei figure si intrufolarono nel villaggio. Sono stati incontrati alcune volte da guardie che li hanno guardati con sguardi sospettosi, soprattutto quando hanno visto le armi che quattro di loro avevano legato alla schiena.

Tutti si diressero rapidamente verso un enorme edificio conico isolato. Una volta dentro i quattro con le armi, le bocche si spalancarono per il gran numero di persone all'interno. Un uomo più anziano che li fece cenno li fece trasferire in un'altra sezione. All'interno videro centinaia che erano per lo più bambini.

Ambrose ricordava l'epidemia quando era bambino, ma questo era di gran lunga peggio dei suoi incubi. Muovendosi rapidamente per la stanza, il padre di Timora si fermò su un letto. "Ecco, questo è il peggiore di loro. Se può aiutarlo, penso che abbiamo una possibilità". Ambrose annuì mentre si adattava alla giovinezza del bambino, e poi, con l'uomo più anziano che bloccava la visuale, inietta il plasma nel braccio del ragazzo.

Rimasero tutti seduti accanto al letto per quasi due spettroni, quando il corpo del ragazzo iniziò a tremare. Hanno dovuto mettere qualcosa sulla bocca del ragazzo quando ha iniziato a urlare. Poi altri tre spettroni dopo, il corpo del ragazzo divenne floscio. Ambrose estrasse un piccolo scanner dai suoi vestiti. Alzando lo sguardo fece un cenno a quello di Timora
padre, sul suo volto sbocciò un ampio sorriso. Sospirando ha dichiarato: "Allora abbiamo una possibilità, era il peggiore di tutti".

Annuendo Ambrose fece più letture vedendo il plasma scorrere attraverso il suo corpo. "Quanti ne hai persi?"

"Era il peggiore del terzo set in cui ci siamo trasferiti qui. Il primo set ne aveva circa un centinaio, l'ultimo è morto due settimane fa. Il secondo set ne aveva ben più di duecento, l'ultimo è morto pochi giorni fa. sopravvivere?"

Ambrose guardò le letture in rapido aumento, annuendo e disse: "Sì, credo che lo farà. Cosa intendevi se può guarirlo, abbiamo una possibilità?"

"Oh! Questo è il figlio del capo. Se possiamo aiutarlo, il capo potrebbe concederti quasi tutto quello che vuoi." disse il padre di Timora.

Ambrose guardò un momento l'uomo più anziano, poi gli indicò le orecchie. Chiudendo gli occhi, i lineamenti dell'uomo più anziano tornarono a essere umani. "Dovrò prepararmi il più possibile. Mi sono dimenticato in tutto questo di chiederti il ​​tuo nome." disse Ambrogio.

L'uomo più anziano si inchinò ad Ambrogio: "Mi chiamo Hippacamp, Signore". Hippacamp disse l'ultimo in un sussurro.

Ambrose stava annuendo quando qualcosa scattò nella sua mente. Hippacamp!!? Quasi tradendo la sua sorpresa, Ambrogio dovette voltare le spalle. [Per il grande Felino! Hippacamp! Uno dei più grandi medici il padre di tutti i medici! Era tra quelli che l'hanno fatto atterrare su Xendra! Cugino, stai attento E rispettoso!] Vennero i pensieri di Adina.

[Pensavo di averti detto di stare fuori dai miei pensieri Adina!] disse la risposta arrabbiata di Ambrose.

[Scusa, con te lontano come sei, dovevo assicurarmi che fossi al sicuro. Inoltre volevo dirti che Skylos ha la nave quasi pronta per partire.] Venne la sua risposta.

Scoppiando in un grande sorriso Ambrose pensò, [finalmente qualcosa sta andando per il verso giusto. Anche se temo che potrebbe volerci un po' prima che possiamo tentare di tornare a casa.]

Sentì un sospiro poi Adina gli pensò: [Conosco cugino. Questo è l'inizio della nostra gente, se non li aiutiamo non lo saremo. Come hai detto tu, questo è un grosso mal di testa a cui pensare!]

Ambrose annuiva mentre si spostavano verso altri malati che erano lì. Per mezzo minton hanno lavorato attraverso i settanta che erano i peggiori. Poi Ambrose stava tornando dal primo ragazzo quando finalmente iniziò a muoversi. "Come ti senti?"

Con voce crepitante il ragazzo sussurrò: "Sete, così assetato".

Ambrose sorrise mentre avvicinava alle labbra del ragazzo una tazza d'acqua che bevve avidamente. "Ecco, questo dovrebbe aiutare."

Il ragazzo annuì, poi la sua bocca si spalancò. "Chi sei? Sento qualcosa di strano da te. È quasi come se avessi un gatto di fronte a me."

"Sei malato da un po', sono sicuro che è per questo che provi cose strane." Ambrogio disse al ragazzo. Il ragazzo annuì fissando Ambrose, poi si sdraiò chiudendo gli occhi.

Ambrose estrasse di nuovo il piccolo scanner esaminando il ragazzo. Annuire Ambrose iniziò ad avvicinarsi agli altri annuendo quando vide TUTTE le loro letture diventare sempre più forti.

Ambrose finì, poi tirò da parte Hippacamp. "Come per te e Timora, anche loro inizieranno a notare dei cambiamenti. Devi tenerli tutti qui finché non saremo pronti per spostarli."

Timora annuì poi un pensiero lo colpì: "E il figlio del capo? Sicuramente cercherà di accedervi prima o poi. Lui, temo che non riusciremo a starne fuori".

Ambrose annuì mentre la sua mente correva per escogitare un piano e una copertura per i cambiamenti che lei sapeva stavano arrivando. Sospirando si rivolse a Hippacamp: “Ho paura che dovrò rivelare chi sono prima di quanto voglio. Anche se potrei solo doverlo fare, al capo."

«Sì, Lord Ambrose», stava sussurrando Hippacamp. "Potrebbe essere per il meglio, potrebbe essere in grado di aiutare con questo più di ogni altro."

"Va bene, devo tornare dove ci siamo incontrati. Devo fare più siero prima di poter davvero andare avanti. Il problema è che tutti potrebbero essere infetti. Se è vero, potrei non avere abbastanza velocemente per curarli tutti. " Lo disse un preoccupato Ambrose a Hippacamp.

«Signore», sussurrò Hippacamp. "Il fatto che tu abbia salvato così tanti bambini mi fa sperare che sopravvivremo".

"Mi sentirei meglio se avessimo molto di più, credimi." Ambrose lo disse all'uomo prima che lui ei suoi cavalieri si avviassero verso la nave.

Un quarto di toton erano tutti riuniti sulla nave. Ambrose è andato subito in infermeria eseguendo una miriade di esami. Alla fine, due totoni dopo, emerse con un mezzo sorriso.

"Sire?" chiese Niaco quando lo vide. "Immagino che tu abbia buone notizie?"

"Credo di sì. Dopo che tutti voi siete stati curati da questa nuova malattia, sembra che anche il vostro plasma sanguigno sia vitale. Una goccia del mio plasma in ogni contenitore del vostro plasma lo renderà due volte più efficace. Stimo che se prendo le unità di tutti voi potremmo averne abbastanza per quattrocentonovantaquattro. Anche se temo che ci vorrà più tempo per elaborarlo.

"Quindi puoi curare il peggio e poi iniziare a liberare gli altri prima che si ammalino gravemente?" chiese Niaco.

"Se riusciamo a farlo, penso che possiamo stare al passo. Skylos, qual è il massimo che possiamo portare a Xendra?" chiese Ambrogio.

Skylos ci pensò per qualche istante. "Sicuro ancora con spazio e aria, probabilmente non più di cento. Il viaggio è di ventitré spettroni lì e poi lo stesso sul retro. Con la nave quasi al cento per cento potrei essere in grado di accorciarla."

Ambrose sorrise, era contento ora di aver deciso di non uccidere il comandante. Il membro del clan Wire Hair lo sorprendeva ad ogni turno. "Bene, se puoi aumentare il numero, fallo. Voglio portarne il maggior numero di persone a Xendra il più velocemente possibile"

"Sì, sire, farò tutto quello che posso, anche se potremmo spingerlo a centodieci sarà angusto ma dovremmo farlo bene." Skylos gli ha detto.

"Abbiamo un gran numero di persone per spostarne centinaia, forse migliaia, ne hanno già perse centinaia. Voglio solo che se ne vadano da qui al sicuro su Xendra." Ambrogio ha risposto.

"Sì, sire, farò tutto quello che posso. Voglio anche loro al sicuro." Con ciò Skylos andò a prepararsi per la massa di persone che avrebbero viaggiato sulla nave.

Ambrogio tornò ai suoi compagni, ai cavalieri e ai loro compagni. "Ho bisogno di iniziare a prelevare le unità da tutti voi così possiamo iniziare."

Tutti gli occhi si spalancarono quando Ambrose ne parlò. "Quindi suppongo che rimarrai qui mentre Skylos li trasporta?" chiese Niaco.

Un momento dopo, Glenna e Twitty erano accanto a Niaco e ringhiavano ad Ambrose. "Amico, non pensare di poterti allontanare di nuovo da noi così facilmente!" sibilò Glenna.

"L'ultima volta che abbiamo capito a causa della malattia, non saremo più separati da te!" disse Twitty mentre sguainava la spada. "Morirò prima di permetterti di metterti di nuovo in pericolo in quel modo," un basso ringhio che esce dalla sua gola.

Ambrose deglutì a fatica un momento poi gli venne un'idea. "Sono d'accordo, anche se entrambi dovrete essere in forma umana se vogliamo tornare dove sono i malati."

Anche mentre guardava sia Twitty che Glenna fecero una smorfia quasi di disgusto sui loro volti. "Davvero amico, se questo è uno stratagemma, allora..." iniziò Twitty.

"No amico, non lo è. Sono molto più numerosi di noi. Non voglio che abbiano paura di attaccare te o me. O è quello, o resta qui." Ambrose pensò che sarebbe stata l'ultima cosa finché non li avesse visti girarsi l'uno verso l'altro. Poi entrambi si voltarono verso Ambrose annuendo.

La bocca di Ambrose si spalancò quando prima Twitty e poi Glenna iniziarono ad acquisire un aspetto più umano. I capelli di Glenna erano di un colore dorato mentre quelli di Twitty diventavano più scuri fino a diventare quasi neri. Voltandosi l'uno verso l'altro, Ambrose li sentì sussultare entrambi alla vista dell'altro.

Sorridendo entrambe le femmine guardarono la faccia sconvolta che Ambrose stava mostrando. "Come abbiamo detto entrambi, faremo qualsiasi cosa per proteggere tuo sire. Anche indossando queste... brutte apparenze esteriori. Ora, allora, dobbiamo iniziare? Siamo sicuri che desideri tornare a casa tanto quanto desideriamo." ha detto Twitty.

Ambrose annuiva ancora un po' scioccato quando iniziò a prelevare sangue prima dai suoi compagni, poi dagli altri. "Quindi quanto devi prendere? Una Glenna leggermente preoccupata ha detto mentre guardava Ambrose prendere il sangue.

"Penso che sessantadue unità e mezzo due volte oggi dovrebbero permetterci di guarire più di cinquecento. Mille dovrebbero aiutare a prendere quasi quelli che sono i più malati". Ambrogio ha risposto. "Spero che riusciremo a rimetterci in piedi a sufficienza. Ricordo che hanno un nemico feroce non lontano."

"Pensi che potremmo combattere?" disse un eccitato Roth mentre un ampio sorriso gli sbocciava sul viso. "Per quanto deboli siano queste persone, dovrebbe essere facile sconfiggerle!"

"Temo che il loro nemico sia in gran numero. Potrebbe anche essere più di quanto possiamo gestire." disse un sorridente Ambrose, anche se il pensiero di un'altra bella battaglia gli faceva battere il cuore.

Quasi un intero toton dopo, Ambrose, Twitty, Glenna più tre dei suoi cavalieri erano di nuovo nell'enorme edificio. Ambrose annuì quando vide che i circa trenta che aveva curato erano già in piedi. Muovendoli il più velocemente possibile Ambrose e i suoi compagni ebbero presto il peggio, a cominciare dai casi più recenti che erano entrati in gioco.

Un trambusto all'ingresso attirò tutta la loro attenzione quando un uomo alto, imponente, autorevole entrò andando dritto verso il giovane che avevano curato per primo. Parlando con il ragazzo, l'uomo annuì e poi si trasferì a Hippacamp.

"Questo è un buon guaritore, la sua febbre è sparita ed è forte quasi quanto prima. Sarai ben ricompensato per questo." L'uomo ha dichiarato.

Hippacamp si inchinò, poi scosse la testa. "No, mio ​​capo, non sono stato io. Questo è Ambrose, un visitatore della nostra terra da molto lontano. LUI è quello che è riuscito a guarire il popolo. Perciò è lui che dovresti premiare."

Il capo annuì con un sorriso mentre si girava verso Ambrose. "Noi del popolo desideriamo ringraziarla, signore. Ambrose dici? Strano quel nome riporta alla mente i ricordi di un altro guaritore sebbene fosse anche un grande utilizzatore di magia."

Ambrose si inchinò al capo guardando mentre il capo mandava le sue guardie fuori dall'edificio. "Sono felice di essere stato in grado di aiutare. La tua gente e la mia condividono molte cose. Era nel nostro e nel tuo interesse che noi..."

Improvvisamente una delle guardie tornò di corsa con un'espressione preoccupata sul viso. "Capo! Quelli dell'altra città sono stati avvistati mentre venivano da questa parte! Le nostre spie dicono che stanno progettando di attaccare avendo sentito che molti sono malati." Annuendo il capo mandò la guardia a indossare gli altri.

Ambrose ringhiò profondamente nella sua gola facendo girare il capo verso di lui. Poi con un sussulto gli occhi del capo si spalancarono e la bocca spalancò. Cadendo in ginocchio il capo iniziò a sussurrare. "Per favore, risparmia alla mia gente il grande Cit-Chac-Coh!"

Anche gli occhi di Ambrose si spalancarono mentre si guardava le mani, maledizione! Le sue zampe stavano mostrando! "Come puoi vedere capo, sono qui per aiutare a non ferire la gente. Devo dirtelo capo. Non appena tutto guarirà, lasceremo TUTTI questo posto. Anche se per ora sembra che abbiamo una battaglia da pianificare. Vieni a dirmi di questo nemico in modo che possiamo distruggerlo!"

Il capo tremante annuì ancora incapace di guardare direttamente Ambrose. Poi i suoi occhi si spalancarono perché non solo gli uomini cambiavano, ma anche le femmine! Scuotendo la testa pensò: 'con così tanti dèi dalla nostra parte come possiamo perdere?'

Storie simili

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

1 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

411 I più visti

Likes 0

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

309 I più visti

Likes 0

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

487 I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

411 I più visti

Likes 0

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

473 I più visti

Likes 0

DEMONE

E stai fuori! Sono stato buttato fuori dall'unico posto che chiamo casa. Questa volta, probabilmente non tornerò strisciando da Rebecca. So benissimo che ho fatto una cazzata a sceglierla, e non c'è ritorno da questo. Posso almeno prendere i miei vestiti? Ho chiamato dal marciapiede, ma l'unica risposta che ho ricevuto è stata una porta sbattuta. Probabilmente li avrebbe venduti comunque. Dannazione. Ho spintonato con le tasche della giacca, cercando di trovare le chiavi della mia macchina sportiva. Trovando le chiavi nella tasca sinistra dei pantaloni, ho avviato la macchina e ho cominciato a partire. Non volevo sapere, né mi interessava...

451 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

457 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

466 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

502 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.