Muoversi nella parte 1

1.3KReport
Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi..
Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia..
stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo..

L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli.

È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero impegnato a chinarmi a toccarmi le dita dei piedi quando ho notato una figura che mi guardava dall'altra parte della strada, mi sono alzato per girarmi e ho tirato giù rapidamente il mio pantaloncini un po', cominciavano ad abbracciarmi troppo forte..

Ha iniziato ad attraversare le strade e si è avvicinato a me, mi sono tagliato la frangia dietro l'orecchio e ho fatto del mio meglio per liberarmi del mio rossore, si è messo di fronte a me tendendomi la mano "Ciao, i miei nomi chad" ho preso il suo mano nervosamente "hey io sono l'avana" sorrisi. "Piacere di conoscerti havana" stringendomi più forte nella sua presa e guardandomi negli occhi, per un momento ero in una Trans.. Ho rapidamente liberato la mia mano sul sito di mia madre, "L'Avana devo andare velocemente all'ufficio.." Smise di guardarmi ora. "Oh hey sono Martha" "Piacere di conoscerti signora, i nomi chad." I veloci si strinsero la mano.

"Beh l'Avana, sembra essere tutto in ordine, devo andare in ufficio ci porto il take away per cena.. Divertitevi" era in macchina velocemente prima che potessi protestare ed è partita via.. " Vivi solo con tua madre?" Sorrise cercando di cambiare argomento.

"Uhm sì" dissi. "Penso che andrà d'accordo con mio padre, potrebbe aver bisogno di compagnia" Chad! Ci siamo girati entrambi per guardare l'auto che si avvicinava a noi "Papà mi stanno portando a casa di Johns e non tornerà fino a tardi, hai bisogno di qualcosa?" "No, penso che rimarrò in giro per aiutare l'avana ad ambientarsi.." "Oh, va bene allora" mi fece l'occhiolino e fece un cenno mentre l'auto partiva..

Non potevo nascondere il mio rossore adesso. Erano entrambi attraenti "mi dispiace per quello" si voltò a guardarmi "questo è il mio fratellino Nathan, sembra che fossero entrambi a casa da soli ora" sorrisi. La mia pelle d'oca inizia a farsi vedere.. "Si fa un po' vento fuori" disse guardandomi "vuoi prendere della cioccolata calda a casa mia? Possiamo guardare un film o qualcosa del genere" sorrise. "Certo, dammi solo un momento per cambiarmi e ci vediamo lì" si voltò e si allontanò..

Mi sono precipitato dentro, wow è stato bello vedere il design di mia madre prendere vita, tutto era a posto e sembrava fantastico, sono corso al piano di sopra e ho aperto la valigia, mi sono pettinato velocemente i capelli in una crocchia, ci ho messo sopra dei pantaloni attillati e degli ugg, ho indossò un maglione e si diresse a casa sua.. Aprì la porta prima che potessi bussare, mi fissò "oh scusa, entra" mi porse una tazza di cioccolata calda. "Grazie, mi piace il tuo posto" dissi "grazie" sorrise.."Mia madre l'ha progettato per noi prima di morire" Mi sono ripreso un po' a fissarlo negli occhi" Mi dispiace" L'ho abbracciato forte, "va tutto bene" ha detto abbracciandomi di rimando .. "Uhm beh, è ​​stato davvero carino da parte tua scegliere di restare con me" "sì beh, non potevo lasciare una bella ragazza tutta sola in un posto a cui non è abituata, sarebbe scortese da parte mia" ho sostenuto via lentamente cercando di nascondere il mio rossore.

"Allora hai una ragazza?" "No, non al momento, è davvero una piccola città, non c'è molto da fare che parlare e ascoltare, che ne dici dell'avana?" "Uhm no, non mi sono mai sistemato abbastanza a lungo in un posto per uscire e incontrare persone" "beh, è ​​uno shock" mi fissò, "sembri carino, qualsiasi ragazzo sarebbe fortunato ad averti" Sorrisi.. "Che ne dici di quel film?" "Ohh, scusa. Mi sto lasciando trasportare" Mi sono seduto sul divano e abbiamo iniziato a guardare il film..

Continuava a guardarmi di tanto in tanto, la mia mano lo sfiorava leggermente "hai davvero freddo" Ho cercato di nascondere il mio brivido, si è alzato e se ne è andato.. Pochi istanti dopo si è risintonizzato con una coperta e si è avvicinato a me, ha sbattuto la coperta attorno a noi due e mi ha tirato più vicino a lui, il mio cuore ha iniziato a battere più forte, questo mi ha messo a disagio, penso che potesse capirlo perché ha iniziato ad allontanarsi da me. "No, no" dissi trattenendolo "mi piace come ci si sente" mi guardò..

Non potevo più prestare attenzione ora, ho appoggiato la testa sul suo petto e il suo battito cardiaco è aumentato... non credo che potremmo più prestare attenzione, circa a metà del film, è iniziata una scena di sesso, ho potuto non fare a meno di guardarlo dall'alto in basso. Ora stava guardando la mia faccia mentre emisi un debole sussulto alla sua erezione che mi indicava attraverso i pantaloni. "Scusa" disse cercando di coprirlo con la mano libera, ora lo stavo fissando negli occhi, ero un po' eccitato, gli ho allontanato la mano "È naturale" gli ho messo la mano sul viso e l'ho tirato verso la mia in un bacio..

Era davvero un bravo baciatore, mi sentivo così sbagliato e allo stesso tempo così giusto, mi allontanai ansimando "scusa, dovrei davvero .." Ha iniziato a baciarmi di nuovo. Ora ero seduto in grembo con le mie mani sbattute intorno a lui, io potevo sentire il suo cazzo eretto sfregarsi contro la mia figa..

Mi ha afferrato per la vita e mi ha girato in modo che ora fosse sopra di me, fissandomi negli occhi "Non lo penso. Pensa. Dovremmo. Fare. Questo" disse cercando di riprendere fiato. . "Sono d'accordo"... "Voglio dire, penso solo che dovremmo prendere le cose con calma, mi piacerebbe davvero conoscerti prima".. "Voglio che sia speciale" Mi sono alzato in fretta cercando di sistemarmi.. "Penso che dovrei tornare a casa, potrei usare una doccia" "Ti accompagno a casa" grazie dissi .. C'era un forte temporale ora, non c'era modo di entrare in quel "Penso che potresti rimani finché non si schiarisce", ha detto. "Sarebbe carino"...

Storie simili

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

1.8K I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

162 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.8K I più visti

Likes 0

La storia di Margo 2 - Carlo

Abbiamo iniziato a baciarci e, naturalmente, ho lasciato che mi accarezzasse il seno. Non ero sicuro di quanto sapesse della mia disponibilità a fare altre cose, ma ha messo una mano sulla mia gamba e gli ho permesso di allungare una mano sotto la mia gonna e strofinare la mia coscia sul bordo delle mie mutandine. In quel momento mi sono girato leggermente e ho messo la mano sul rigonfiamento dei suoi pantaloni. Il suo respiro accelerò mentre lo strofinavo vigorosamente lì. Lui, ovviamente, lo prese come un permesso per giocare con la mia figa, prima all'esterno delle mie mutandine e...

1.6K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.1K I più visti

Likes 0

CATTURATO_(0)

Blair Ryan ha disfatto la sua borsa da notte e le ha sistemato i vestiti prima di appenderli nell'armadio dell'hotel. Si è avvicinata alla finestra e ha guardato lo skyline di Tel Aviv sottostante e ha commentato ad alta voce: Un'intera settimana in Terra Santa, non riesco quasi a credere di essere qui!!! Doveva trascorrere un paio di giorni a Tel Aviv, quindi noleggiare un'auto e guidare fino a Gerusalemme e Betlemme, era davvero ansiosa di vedere il Muro del Pianto! Beh, era stata una lunga giornata ed era esausta, e si era praticamente addormentata prima che la sua testa colpisse...

887 I più visti

Likes 0

Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo - NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a... Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni. Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura. La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri...

948 I più visti

Likes 0

La maledizione di Cupido parte 1

Di nuovo sto facendo lo stesso sogno; è sempre la stessa stanza fredda e squallida. All'inizio sembra sempre buio pesto ma grazie a qualche luce di candela nella stanza riesco a vedere nella stanza accanto dove c'è sempre un divano rosso, dove una strana donna aspetta la mia compagnia. Non riesco mai a sentire la sua voce, ma per qualche motivo so che mi sta chiamando. Mentre mi alzo dal letto per venire da lei, sento lo stesso dolore acuto nei miei occhi, eppure non smetto mai di muovermi, non importa quanto intenso diventi il ​​dolore, come se il mio corpo...

890 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.