Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

74Report
Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

La passione selvaggia di Futa

Capitolo uno: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

Con il mio pseudonimo3000

Diritto d'autore 2019

Nota: grazie a FallenAngelX00 per aver letto questa versione beta!

Una probabilità su cento milioni.

Quelle parole echeggiavano più e più volte nella mia testa mentre mi trascinavo nella mia camera da letto. Avevo diciannove anni e la mia vita era rovinata. Una probabilità su cento milioni di essere afflitto dalla condizione grande, stupida e stupida.

Non potevo crederci. Chiusi la porta dietro di me, poi mi appoggiai ad essa, facendo tintinnare il chiavistello. Il mio braccio sinistro era dolorante per il prelievo di sangue, il cerotto lo ricopre ancora. L'infermiera ne aveva messo uno rosa per cercare di tirarmi su di morale. Come se qualsiasi cosa potesse tirarmi su di morale.

"Ehm, Jenny?" chiese la mamma, poi bussò piano alla porta dall'altra parte. "Starai bene?"

«Sto bene, mamma», dissi. "Non sto morendo."

«Lo so», disse. "È solo... voglio dire, è un grande cambiamento."

"Mamma!" Sussultai, così consapevole di quanto fosse grande il cambiamento.

"Scusa, è uscito male." L'ho immaginata dall'altra parte della porta, quello sguardo di "mamma preoccupata" sul suo viso maturo, i suoi capelli biondi e ricci che le scendevano fino alle spalle, i suoi occhi di un azzurro brillante. Nonostante avesse quarant'anni, aveva le guance delicate.

Perché dovrei pensarci?

"Sai che questo non cambia nulla", ha detto.

«Così ha detto il dottore», sospirai. "Ma... voglio dire, quale ragazzo vorrà uscire con me?"

“Oh, tesoro, ci sono ragazzi là fuori che sono sicuro vorrebbero. E ci sono anche le ragazze. Sai che sono di mentalità aperta.

«Non come il reverendo August» borbottai. Proprio questa mattina aveva tenuto un sermone sui mali dell'omosessualità e sui pericoli del movimento transgender. Era stata nel mezzo quando è successo.

La mia nuova condizione.

"Beh, lo sono", disse. «Il Signore ci dà dei pesi e tutti noi abbiamo la forza...»

"Mi ha trasformato in un mostro, mamma!" Ho urlato. "Una disgraziata!"

"Ermafrodita", disse la mamma. «Per favore, non usare un termine così volgare. Oppure usa i futanari. Non suona bene? Questo è ciò che i giapponesi chiamano la condizione. Sindrome Futanari”.

Sospirai e fissai la gonna che indossavo, passai i miei seni rotondi gonfiando la mia maglietta fino al rigonfiamento dell'inguine. Non indossavo mutandine ma un paio di pantaloncini sotto la gonna. Le mie mutandine erano troppo strette per stare con il mio clitoride trasformato.

“Beh, sei sicuro di stare bene. Devo fare delle commissioni. Mi dispiace lasciarti, e i gemelli sono qui. Così è Allie.

"Sono sicuro che Allie lo sta amando", mormorai, pensando alla mia sorella più piccola. Era una tale monella.

"Se ti prende in giro, fammi sapere, ok?"

"Yeah Yeah." Mi sono allontanato dalla mia porta. «Ho diciannove anni, mamma. Non sono un bambino. Starò bene. Non ho bisogno che tu mi faccia da madre.

"Lo so, mi piace solo." L'ho immaginata sorridente. «Be', riposati un po'. Sono sicuro che ti adatterai".

"Sì, perché avere un clitoride è così normale", mormorai.

Non potevo credere a quanto velocemente fosse successo. Ho sentito parlare della sindrome di Futanari. Chi non l'ha fatto? Ha fatto notizia a livello internazionale cinque anni fa, quando la prima ragazza ha cresciuto spontaneamente un cazzo nel bel mezzo della scuola in qualche parte del Giappone. La gente pensava che fosse una bufala, ma negli ultimi anni ha continuato a succedere. Non molto. Sono stata la terza ragazza in tutti gli Stati Uniti a sviluppare questa condizione.

Una possibilità su cento milioni.

I medici non l'hanno capito. La gente sosteneva che si trattasse di esperimenti governativi, ibridi alieni, troppi ormoni nella carne bovina, vaccinazioni o la fase successiva dell'evoluzione umana. Le teorie andavano avanti all'infinito. Nessuno sapeva perché alcune ragazze della mia età fossero appena... sbocciate.

Così ha detto il dottore. Sbocciato.

Che parola terribile per questo.

Sono caduta sul letto, sdraiata sulla pancia come facevo normalmente, abbracciando il cuscino alla parte superiore del petto, dando spazio al mio seno per stare comodo e... Il mio nuovo cazzo non era comodo. Ci stavo mentendo. Lo sentivo pulsare, pulsare e contrarsi.

Gemetti e mi rotolai sulla schiena. "Cazzo stupido."

Potevo sentirlo spingere dalle pieghe della mia figa vergine. Non lascerei mai che un ragazzo mi toccasse laggiù. Nessuna terza base. Nemmeno sopra le mie mutandine. Ora... ora impazzirebbero. Non vorrebbero uscire con una ragazza con un cazzo enorme.

"Lunghezza notevolmente al di sopra della media", aveva detto l'infermiera mentre lo maneggiava. Rimasi lì, le guance in fiamme, il mio nuovo cazzo che cresceva eretto nella sua mano guantata mentre mi misurava. «Oh, mio ​​Dio, quindici pollici. Bene, questo renderà sicuramente felice una ragazza.

L'ha detto come se fosse uno scherzo.

Tutto quello che sapevo era che non entrava nelle mie mutandine. Mi ha gonfiato la gonna e... e... ho sentito quell'erezione crescere di nuovo. Ero così imbarazzato quando il dottore è entrato e mi ha trovato ancora duro, cercando di nasconderlo nelle mie mutandine. Fece solo un sorriso educato, perplesso per l'intera faccenda.

Volevo morire di imbarazzo.

“Non diventare duro,” gemetti, sentendo il mio cazzo dolere e pulsare. "Per favore, per favore, non diventare duro."

Feci respiri profondi mentre la mia nuova, muta appendice pulsava e si gonfiava. Pulsava nei miei pantaloncini, la parte anteriore della mia gonna si contraeva con il movimento. Lo sentivo espandersi, diventare più spesso, più lungo. Si raddrizzò, la punta sensibile sfregava contro il tessuto.

I formicolio mi attraversavano. Era come un clitoride ma in qualche modo più sensibile. Il formicolio ha raggiunto la base del mio nuovo cazzo e ha elettrizzato la mia figa. Gemetti quando iniziò quel prurito umido. Quel caldo familiare che mi portava a masturbarmi almeno una volta al giorno.

Mi sono morso il labbro. Ho dovuto solo ignorarlo. Ho dovuto concentrarmi su qualcos'altro.

Chiusi gli occhi, concentrando la mia mente su cose a cui pensare per far diminuire la mia erezione. Le mie mani si strinsero e si rilassarono. Non c'era modo di masturbarmi. Mi farei l'intervento chirurgico. Dissero che sarei stata per lo più una donna dopo. Non avrei un clitoride e perderei parte della stimolazione sessuale del sesso, ma avevo ancora le ovaie e un utero.

Potrei ancora rimanere incinta.

O mettere incinta qualcuno.

Ho sentito il precum scivoloso che iniziava a fluire.

"Hai una prostata", aveva detto il dottore mentre passava la sonda a ultrasuoni sul mio addome. “Puoi produrre liquidi seminali e il tuo dotto deferente è collegato alle tue ovaie. Molto tipico nella sindrome di Futanari. La mutazione sembra indurre i tuoi ovuli a produrre sia gameti sessuali femminili che gameti sessuali maschili. Sperma. Si mescolano nella prostata, che produce il resto dell'eiaculato.

Non volevo pensare all'eiaculazione.

Ho dovuto pensare ad altro. Cos'era non sexy?

Il reverendo August e i suoi stupidi sermoni. In piedi con le sue vesti nere, il colletto d'amido stretto intorno alla gola, i capelli scuri che le ricadevano su quel viso lussureggiante. Aveva delle belle labbra. Erano grassocci. Il suo naso era delicato e...

Come si sentirebbero quelle labbra carnose a succhiare il mio...?

“Non pensarci,” gemetti anche mentre il mio nuovo cazzo clitoride pulsava e si contorceva. È stato completamente difficile allungare i pantaloncini, frugando nella cintura. Era semicurvato dal tessuto, dolorante per essere liberato. "Per favore, per favore, non pensare a pompini e..."

“Il Signore dice che dobbiamo aiutare i nostri fratelli e sorelle nelle avversità”, mi fece le fusa nella mente il reverendo August, la sua voce così afosa all'improvviso. “Mmm, e tu, sorella Jenny, hai bisogno di aiuto con il tuo. Lasciami tirare fuori il tuo grosso cazzo e succhiarlo.

Scuoto la mia testa. Avevo bisogno di pensare alle mie fantasie più normali. Jason Momoa a torso nudo. Khal Drogo. Aquaman. Quel pezzo. Oppure... o... Era così difficile pensare a loro mentre la fantasia del reverendo che mi tirava giù i pantaloncini mi attanagliava la mente.

"Oh, mio ​​Dio, questo è un enorme fardello che il Signore ti ha dato", fece le fusa nei miei pensieri. “Mmm, ma Lui ti ha dato la forza di resistere. Fammi solo succhiare. Lascia che ti prosciughi tutta la lussuria.

Le mie mani si strofinarono sulla mia trapunta. Mi sono asciugato il sudore dai palmi delle mani mentre il mio cazzo pulsava e faceva male. La mia figa prudeva. La mia carne vergine voleva essere accarezzata e accarezzata. Lanciai un'occhiata al mio cuscino per il corpo di Thor. Potrei metterlo tra le gambe e strofinare la mia figa contro...

Il mio cazzo non lo voleva.

“Lascia che ti aiuti,” gemette il reverendo nella mia mente.

"Sì, sì, Jenny, tesoro", tubò la mamma. È apparsa accanto al reverendo dai capelli scuri nella mia immaginazione. Nuda, i suoi grandi seni ondeggiano davanti a lei. I capelli biondi le cadevano sul viso. "Possiamo amarti insieme."

La fantasia cattiva, proibita e incestuosa mi attraversò. Il mio cazzo pulsava forte. Mi sono lamentato, le parole del dottore secondo cui un "aumento della libido e del desiderio di esplorazione sessuale era normale con la sindrome di Futanari" echeggiavano nella mia mente. Era proprio così, ma... ma...

"Dannazione!"

Ho sollevato la mia gonna rosa e mi sono infilato i pantaloncini neri. Il mio futa-dick è spuntato dal mio cespuglio di capelli rossi. I miei riccioli infuocati si sono rovesciati intorno alla base del mio cazzo, nascondendo le pieghe della mia figa. Il mio cazzo si è spinto verso l'alto, agitando, la punta che borda con il mio precum. Era gonfio, una sfumatura arrabbiata di rosa tendente al rosso. L'asta era dello stesso beige della mia pelle. Pulsava e pulsava. Potevo vedere il contorno delle vene bluastre che correvano lungo l'asta. Hanno riempito il mio cazzo di tutto quel sangue per farlo erigere.

L'ho afferrato. La mia mano ha avuto problemi ad avvolgerlo. La mia mano sinistra si unì alla mia destra. Gemetti mentre raddoppiavo il pugno, accarezzandomi su e giù per l'asta. I miei occhi si spalancarono quando sfiorai la punta, le scintille divampavano nella mia mente.

«Grazie, sorella Jenny, per averci permesso di alleviare le tue avversità», mi fece le fusa il reverendo August. Si è chinata in avanti per strofinare il naso sul lato destro del mio cazzo.

"Sono sempre qui per te", gemette mia madre.

La mia immaginazione bruciava mentre immaginavo le due donne più anziane che si strofinavano il naso sulla punta del mio uccello. Ho immaginato che le loro lingue leccassero il mio cazzo. Immaginavo di succhiare cazzi, ma ora... ora ne avevo uno. Ho stretto il pugno più velocemente, sfiorando la corona spugnosa.

La beatitudine scorreva nella mia figa.

Rimasi senza fiato per quanto fosse intenso. La mia fica si serrava ogni volta che sfioravo la punta rosa. L'ho accarezzato mentre mi accarezzavo, la testa che si agitava avanti e indietro. Ho immaginato mia madre e il reverendo che a turno lo succhiavano.

Amandomi.

I piaceri cattivi e incestuosi si increspavano in me. Questa fantasia era così sbagliata. Non riuscivo a togliermelo dalla mente. Ho immaginato com'era per mia madre succhiare il mio cazzo di ragazza. Perché il reverendo faccia lavorare la sua bocca sposata su e giù per il mio cazzo. La mia figa si strinse mentre questa passione selvaggia mi attraversava.

«Sì, sì», piagnucolai. "Mamma... il reverendo August."

La mia mano è diventata la loro. Mi hanno preso a pugni mentre mi davano piacere. Mi succhiarono, passandomi avanti e indietro mentre tremavo sul letto. Il materasso scricchiolò. La mia figa si strinse. I miei succhi gocciolavano fuori, inzuppandomi fino alla groppa, formando una macchia bagnata sul mio letto.

Il mio dolce muschio mi riempì il naso, mescolandosi con qualcosa di sfumato di sale. Il mio precum ha ricoperto la punta del mio cazzo ora, lubrificandomi le mani mentre volavano su e giù per il mio cazzo di ragazza. I miei occhi si strinsero, le stelle che danzavano davanti a loro mentre immaginavo la scena cattiva.

Il reverendo August mi ha succhiato forte il cazzo mentre la mamma diceva: “E anche tu hai una figa. Sei doppiamente benedetto. Lascia che la mamma si prenda cura di te.

Sussultai quando la sua testa si chinò nella mia immaginazione. La sua lingua guizzò attraverso le mie pieghe. Mi ha leccato. Mi ha preso in giro. Gemetti, tremando sul letto mentre questa gioia selvaggia si diffondeva in me. La mia mano sinistra ha abbattuto il mio albero e ha trovato le labbra bagnate della mia figa. Accarezzai la carne febbricitante mentre immaginavo la mamma che mi mangiava.

La sua lingua svolazzò su e giù per me, imitando il punto in cui le mie dita mi toccavano. Non potevo più strofinare il mio clitoride, ma potevo accarezzarmi le labbra. Il mio cazzo pulsava nella mia mano, le due diverse sensazioni birichine si costruivano e si accumulavano nelle mie profondità.

Ho spazzolato il mio imene, immaginando la lingua di mia madre che lecca lì. Premette contro la mia innocenza mentre il reverendo August succhiava con tanta fame il mio cazzo. La predicatrice sposata dondolò la testa, le guance incavate mentre mi amava.

“Sì, sì,” gemetti, il mio letto scricchiolante. "Mamma! Reverendo!"

Questa fantasia era così selvaggia. La familiare pressione che cresceva nella mia figa annunciava il mio imminente orgasmo, ma c'era anche questo calore malvagio che saliva e cresceva sulla punta del mio cazzo di ragazza. Questa pressione doveva sfuggire.

Il mio sperma.

Potrei venire come un ragazzo. Non sapevo com'era, che aspetto avesse a parte il fatto che era bianco. Rabbrividii, muovendo la mano su e giù per la sua asta. Gemevo, le dita dei piedi si arricciavano. La mia fantasia è diventata sempre più cattiva, mamma e il reverendo hanno soddisfatto entrambi i miei pezzi cattivi.

Le mie dita danzavano sulle labbra della mia figa scivolosa. La mia mano ha pompato su e giù per il mio albero. Le due diverse delizie si sono sciolte nel profondo della mia fica. La mia testa oscillava avanti e indietro. I miei seni tremano e il mio reggiseno, i capezzoli che vogliono unirsi al divertimento.

Ero fuori mano.

I miei succhi mi hanno ricoperto le dita. "Hai un sapore così buono", gemette mia madre nella mia fantasia. “Così dolce e buono. Ooh, devi venire. Lascia che il tuo sperma sgorghi nella bocca del reverendo August. Ti sta aiutando.»

“Sì,” gemetti, immaginando il reverendo che succhiava con tanta fame.

Tremavo, sul punto di esplodere in estasi. La mia mano volava su e giù per il mio cazzo. Le mie dita si strofinarono sulla mia figa vergine. gemevo. La mia schiena si arcuava, i miei seni tremolavano nel reggiseno. Ho immaginato mia madre che mi leccava la fica e il reverendo che mi succhiava il cazzo, i suoi occhi scuri che mi fissavano mentre peccava.

"Sì sì sì!" Ho urlato e sono venuto.

Mentre il mio sperma sgorgava nell'aria, la mia porta si spalancò. Sussultai quando il primo schizzo del seme perlato schizzò sulla mia camicetta rosa e mi schizzò sulla faccia. Mi sono alzato di scatto, tutto il mio corpo tremava nel vedere la mia sorellina in piedi sulla soglia.

"Sapevo che ti stavi masturbando il tuo cazzo sporco e strano!" ansimò e ridacchiò.v

“Piccolo monello,” gemetti, il mio cazzo in eruzione. Il mio sperma è volato ovunque. Ha inzuppato la parte anteriore della mia camicetta. C'era così tanta roba perlata. Un altro colpo mi colpì proprio in mezzo agli occhi.

"Ooh, guardati, ti stai solo lavando con il tuo fluido perverso." Mi sorrise. Aveva un anno meno di me, un sorriso malizioso le si riversava sulle labbra. «Nemmeno cinque minuti, e qui stai solo lucidando il tuo vescovo. Oppure, aspetta, è una ragazza-cazzo, quindi stai lucidando tua suora. Rosie Palm e le sue cinque sorelle si stanno godendo un po' di divertimento da dickgirl oggi, eh?"

"Allie!" sibilai, il mio orgasmo era al culmine. Un ultimo getto di sperma si è riversato sulla mia mano stringendomi il cazzo. Mi sono seduto, sperma che mi scorreva lungo la faccia.

“Domani racconterò a tutti al college di come ti sei masturbato con il tuo cazzo strano e ti sei sfondato la faccia. Ci stai gocciolando dentro.

"Se lo dici, ti spacco il culo!" Ringhiai, la mia lussuria, la mia paura e la mia rabbia ribollivano insieme. La frustrazione è esplosa in me. Non meritavo che succedesse tutto questo, di diventare una sculacciata, e di certo non meritavo che la mia mocciosa sorella mi prendesse in giro per questo.

“Non lo faresti,” ansimò.

“Lo farei,” gemetti, alzandomi e tirandomi i pantaloncini sul cazzo, le mie gonne ancora arrotolate intorno alla vita.

Si è tirata indietro. Con uno strillo arrabbiato, rimbalzai giù dal letto e mi precipitai alla mia porta.

Allie squittì e si voltò di scatto e sfrecciò lungo il corridoio, i suoi passi battevano sul tappeto. La inseguii in un lampo, uscendo dalla mia camera da letto per vedere le sue trecce biondo fragola volare dietro di lei mentre svaniva giù per le scale.

"Non correre in casa!" Tara o Sara hanno chiamato dalla stanza condivisa dai gemelli.

"Ucciderò Allie!" gridai mentre correvo.

"Solo non correre!" mia sorella maggiore strillò di rimando. “Uccidila in silenzio. Stiamo studiando!”

Allie era già giù per le scale quando li raggiunse. Il mio nuovo cazzo futa rimbalzava e sussultava nei miei pantaloncini, la cintura si schiacciava al centro della mia asta. La punta sfregò nella mia gonna mentre cadeva lungo i fianchi e le cosce. Il mio sperma mi scorreva lungo il viso, caldo e appiccicoso. Più inzuppato attraverso la mia camicetta. Si aggrappava alla mia pelle in quei luoghi umidi e sanguinava persino attraverso il reggiseno.

Corsi giù per le scale, con i miei capelli infuocati che svolazzavano. Ho toccato il fondo e sono sfrecciato per la casa. Ho sentito il raspare della porta scorrevole aprirsi. Ho girato un angolo e ho potuto vedere Allie lì. Stava per chiuderla ma armeggiò con l'altro chiavistello. Poi squittì e fuggì nel cortile sul retro, correndo a piedi nudi sull'erba verso la sua vecchia casa da principessa in cui non giocava da anni.

Papà era morto prima ancora che lo togliesse.

Mi precipitai dietro a mia sorella, i miei piedi nudi sbattevano sul linoleum. Poi ero fuori, il sole pomeridiano caldo sul viso. L'erba nuda mi frustava i piedi mentre sparavo a mia sorella canzonatrice. Il mio cazzo e il mio seno rimbalzavano, i miei capelli mi volavano sul viso.

Allie raggiunse la struttura di plastica. Le pareti grigie con un tetto rosa sono state progettate per assomigliare a un castello dei cartoni animati. Aprì la porta con uno strattone mentre le mie lunghe gambe si allungavano. Ho corso con tale ferocia, sperma che mi scorreva lungo la faccia.

"Ho intenzione di dire a tutti di te!" gridò poi sbatté la porta.

Ho abbassato la spalla come un giocatore di football e mi sono schiantato contro la porta. La plastica economica si aprì di scatto. Allie squittì e inciampò all'indietro, atterrando sul pavimento. C'era un vecchio tappeto qui dentro su cui è caduta. Mi fissò, il viso tremante.

Ero su di lei in un lampo, gettandomi su di lei. "Non lo stai dicendo a nessuno!"

"Sono!" sibilò mentre ci rotolavamo sul pavimento, lottando e lottando. “Eww, sei ricoperta dalla tua cattiva ragazza-sborra. Mi sta prendendo addosso!”

"Sei tu quello che mi ha fatto irruzione nella mia stanza e mi ha interrotto!"

Sibilò di nuovo. Si contorceva di più. Ci siamo ribaltati, sbattendo contro il muro e scuotendo il castello di plastica. Poi la stavo lanciando dall'altra parte. Le nostre mani si graffiavano a vicenda. Ho preso un codino e l'ho tirato.

Mi ha morso il polso, costringendomi ad allontanare la mano.

Siamo caduti a destra e poi sono stato in cima a lei. L'ho presa per le spalle, bloccandola a terra. La fissai, una tale rabbia e frustrazione che mi attraversavano. Non era giusto che fossi diventato un futanari. Non avevo bisogno che la mia sorellina peggiorasse le cose.

"Perché sei un tale monello!" ringhiai.

"Ti stavi masturbando!" sibilò. “Ti sentivo nella mia stanza. Lamenti. Le molle del letto scricchiolano. Cosa ti aspettavi che facessi?"

"Non irrompere su di me!" ho sibilato. "Non irromperò quando fai le tue lunghe docce."

Allie sussultò, spalancando gli occhi azzurri.

"Sì, pensi di essere l'unico che sa giocare con il massaggiatore doccia?" Le ho chiesto. "Ma non ti interrompo quando lo strofini contro la tua figa monella e..."

L'immagine di mia sorella, il suo corpicino che luccica sotto il getto della doccia, mi ha inondato la mente. I suoi seni erano piccoli, tumuli in erba. Il suo corpo era così carino. Il mio futa-dick pulsava forte, il sangue scorreva dentro mentre fissavo gli occhi di mia sorella.

Allie porterebbe quel soffione nella figa. Se lo premeva tra le cosce e si strofinava la carne calda. Il suo corpo da diciottenne tremava mentre lo spray le sparava contro le labbra e il clitoride, stimolandola. Lei gemeva e sussultava.

"Jenny", sussurrò Allie mentre mi contorcevo su di lei "Sei... stai diventando duro."

"Io..." la fissai negli occhi. Non si contorceva più. Era ferma. Ho smesso di muovermi quando ho sentito questo strano... tirare. Questa attrazione magnetica.

Una goccia del mio sperma perlato gocciolava dal mio viso e si posava sulle sue labbra rosa. La sua lingua è stata spazzata via. Ha assaggiato il mio seme. Un brivido caldo mi percorse mentre gli occhi della mia sorellina si spalancavano. Un piccolo gemito esplose dalle sue labbra.

“Allie,” gemetti, trovando la mia testa china sul suo corpo. Le mie dita, afferrandole le spalle per immobilizzarla, si rilassarono.

“Jenny,” piagnucolò. "Che cosa...? Io sento..."

«Lo so», dissi alla mia sorellina.

Le mie labbra toccarono le sue.

Erano così caldi e bagnati. Questa corsa incestuosa mi ha attraversato. Il mio cazzo pulsava tra di noi. Il calore si è gonfiato nelle mie mutandine. Una linea di sperma corse lungo la mia guancia e raggiunse le nostre bocche. Il sapore salato condiva il bacio mentre le nostre labbra iniziavano a muoversi.

All'inizio era gentile. Il nostro bacio. Ad ogni battito del mio cuore che batteva, cresceva di intensità. Chiusi gli occhi, la mia bocca si scioglieva contro la sua. Si contorceva sotto di me, dimenandosi, il suo corpo così agile e cattivo, facendomi sentire così malvagio. Ero una ragazza perversa, una futanari perversa, per aver baciato mia sorella.

Il calore incestuoso si è accumulato nella mia figa. Si è gonfiato per tutta la lunghezza del mio cazzo duro. Il mio nuovo albero pulsava e pulsava tra di noi. Si contorceva sotto di me mentre altra sborra scorreva sul mio viso. Alcuni gocciolavano via da me mentre altre perline salate trovavano le nostre labbra.

Quel sapore salato del mio seme di ragazza ha solo reso il bacio più caldo.

Il mio petto si sentiva schiacciato dall'intensità delle emozioni che mi attraversavano. La mia sorellina piagnucolava contro di me. La mia lingua ha sondato. Le accarezzavo le labbra. Non avevo mai baciato nessuno così. Non con la lingua. La sua bocca si aprì in segno di resa.

Ho fatto scivolare la lingua nella bocca della mia sorellina.

Ho baciato alla francese la mia sorellina!

Questo era selvaggio. Il mio cazzo pulsava di nuovo. Il calore mi uscì increspato. È stato così intenso. I miei seni si alzarono e si abbassarono, premendo contro i suoi. Le nostre lingue ballavano e si baciavano. Si sono duellati. Il mio cuore batteva sempre più veloce.

La mia mano scivolò dalla sua spalla. Scivolai giù, tracciando il giromanica della sua canotta fino a quando non me la passai davanti e toccai le sue costole. L'ho fatto scivolare fino a sfiorare il bordo del suo seno piccolo. I miei capezzoli erano duri, palpitanti. Ero così consapevole di quanto fosse agile.

Era cresciuta. Diciotto. Non più un ragazzino. Si è masturbata. Aveva il seno. Una figa.

Mia sorella era carina. Sexy, anche.

L'ho baciata più forte. Il mio cazzo clitoride pulsava. La mia figa si è bruciata. Gemetti nel bacio mentre la mia mano strinse il bordo del suo tumulo in erba. Ho sentito la sua piccola tettarella. Rabbrividì sotto di me e piagnucolò.

Ma non con gioia.

Ho rotto il bacio. I suoi occhi erano selvaggi. "Allie?"

“Io... ho paura,” sussurrò, la sua voce senza fiato.

«Non ho intenzione di farti del male», dissi.

"So cosa hai intenzione di fare." Lei rabbrividì. “Cosa faremo. Posso sentirti. È solo che... non l'ho mai fatto.

«Anch'io» le dissi.

"E... e... siamo sorelle."

"Lo so, ma sei così sexy." Le ho stretto il seno. "Mi dispiace, mi fermo se vuoi, io solo..."

“Non voglio che ci fermiamo,” gemette. “Sono così succosa, bagnata e pruriginosa. Da quando la mamma ci ha detto cosa c'era che non andava, mentre aspettavamo mentre eri dal dottore, io ci pensavo e... e... mi sono intrufolata perché volevo vederlo, ma ora sono solo così spaventato. Non ho mai sentito niente di così intenso prima”.

Le sorrisi e le diedi un bacio gentile. Morbido. Ho sentito il suo corpo rilassarsi sotto di me. Le mie dita scivolarono sul suo seno, premendo tra le nostre tette. Attraverso i suoi vestiti, le ho spazzolato il capezzolo duro. Gemeva e tremava, sentendosi così morbida ed eccitante.

Interruppi il bacio, fissandola negli occhi. "Andremo piano, ok."

"Va bene", disse, la voce tesa. “Jenny... io... mi dispiace di essere un monello. È appena..."

"L'unico modo per attirare la mia attenzione." Le ho sorriso. "Ero così con Tara e Sara."

"Eravamo entrambi", ridacchiò. "Ci hanno ignorati entrambi".

"Mmm, e chi è qui con me?"

"Me!" Allie sorrise raggiante, le sue trecce biondo fragola sparse intorno al suo viso carino. Il suo piccolo naso a bottone si contrasse per l'allegria.

Ho baciato la punta, un bacio veloce, e lei ha riso.

Reclamai di nuovo le sue labbra, la mia bocca lavorava contro la sua mentre il mio dito le massaggiava la protuberanza. Il mio futa-dick pulsava, intrappolato tra i nostri corpi e succhiava i miei pantaloncini. Volevo andare veloce. Volevo solo seppellirmi in lei e saziarmi. Venire forte è stato fantastico, ma volevo renderla speciale per la prima volta.

La nostra prima volta.

Questa corsa incestuosa per la mia sorellina mi attraversò. Ho rotto il bacio e poi mi sono alzato. Ho afferrato l'orlo della mia maglietta e l'ho tirato su. Le parti imbevute di sperma si sono staccate dalla mia pelle. L'ho tirato sopra la mia testa, i miei seni che si alzavano e si abbassavano nel mio reggiseno rosa.

I suoi occhi fissarono il mio reggiseno. Erano così larghi. Si morse il labbro inferiore quando all'improvviso mi sentii così timida. Non avevo mai avuto qualcuno che mi guardasse spogliarmi prima. Non con tale controllo. Non era come negli spogliatoi del mio college dopo l'educazione fisica.

Le mie dita sganciarono il fermaglio. Mi sentivo verginalmente timida, le mie guance si scaldavano di un rossore mentre la mia sorellina mi fissava con tale intensità. Ho sentito il suo desiderio per me incresparsi nell'aria. Ho scrollato le cinghie dalla mia spalla mentre tenevo le coppe alle mie tette.

"Ooh, non prendermi in giro!" gemette. "È il mio lavoro."

ho riso. "Scusa, non sei l'unico nervoso."

“No, sei più grande e hai il cazzo. Devi essere tutto sexy e sicuro di te. Sono la piccola vergine che sta per essere deflorata.

Inarcai un sopracciglio verso di lei. "Mmm, la mia sorellina sexy ha solo bisogno del mio grosso cazzo clitorideo per prendere la sua ciliegia."

"Sì!" gemette, sorridendo.

Le strizzai l'occhio mentre tiravo fuori il reggiseno dalle mie tette, le cinghie che mi scivolavano lungo le braccia.

Lei inspirò quando le mie tette rotonde apparvero in vista. Avevano un'influenza vivace su di loro, fermi e maturi di giovinezza. I miei capezzoli rosa spuntavano con forza dalle mie areole. Mia sorella si morse il labbro inferiore mentre i suoi occhi li fissavano.

"Non ho mai pensato che le tette potessero essere sexy, ma..." Si contorse a terra. "Ma hai delle belle tette, sorella."

Le ho fatto l'occhiolino.

I miei seni ondeggiavano mentre mi alzavo in ginocchio, raddrizzando le gambe. Ho allungato una mano sotto la gonna e ho tirato giù i pantaloncini che indossavo. Il panno nero scivolò fuori da sotto la mia gonna, il mio cazzo si protese in avanti, tendendo il tessuto del mio vestito. Una chiara goccia di liquido sanguinò attraverso il tessuto.

Mia sorella gemette. Si contorceva a terra, i suoi occhi si fissavano sul mio clitoride. Mi sono spostato da un lato all'altro, togliendo il peso da ciascuna delle mie ginocchia in modo da poter sfilare i pantaloncini dalle gambe. Un tremito caldo mi percorse.

Questo era ciò che voleva vedere. Perché era entrata nella mia camera da letto. Il mio grosso cazzone. Quindici pollici di cazzo duro, palpitante e pulsante. Gemetti mentre afferravo la parte anteriore della mia gonna e poi la tiravo su.

Il mio cazzo è saltato fuori.

“Oh, wow,” gemette Allie, spalancando gli occhi. “Pensavo fosse grande ma... è così grande? Destra? I ragazzi non diventano così grandi".

“Non credo,” dissi, la mia figa vergine che si stringeva.

Allie si sedette. Si morse il labbro inferiore. "Posso toccarlo?"

Annuii, il mio turno per sentirmi spaventato e verginale. La sua mano scattò. Ci avvolse le dita attorno. Il suo tocco incestuoso ha inviato un'ondata di calore lungo il mio cazzo fino alla mia figa. Gemevo, i miei seni ondeggiavano mentre lei mi afferrava.

Mi ha accarezzato.

La sua mano ha pompato su e giù per il mio nuovo cazzo. Tutto il fastidio, tutta la frustrazione e l'impotenza che stavo provando quando è cresciuto per la prima volta sono svaniti sotto la gioia del tocco malvagio della mia sorellina. Mi accarezzò con questo sguardo intimorito nei suoi occhi.

Volevo che continuasse a farlo, ma volevo anche giocare con il suo corpo. Fissai la sua canotta, a strisce rosse e blu. Ho afferrato l'orlo e l'ho tirato su per lo stomaco, esponendo la sua pancia piatta e l'ombelico carino e innie. Il mio dito si tuffò nella sua cavità, e lei ridacchiò, le sue dita si strinsero sul mio cazzo di ragazza.

"Jenny!" strillò mentre le giravo intorno. La gioia la percorse.

Ho sorriso. "Mmm, sei così solletico, monello, vero?"

"No!" ansimò, spalancando gli occhi mentre le mie dita scivolavano sul suo stomaco fino ai suoi lati. "Non lo faresti."

Le diedi un sorriso malizioso e le feci il solletico.

Mia sorella scoppiò in un parossismo di risate. La sua faccia divenne rossa mentre le sue risatine e risatine sfuggivano alle sue labbra. La sua mano ha rilasciato il mio cazzo mentre si contorceva a terra. Le mie unghie le graffiarono leggermente il fianco, correndo su e giù per lei mentre lottava per respirare sotto la sua allegria.

Era così carina, le sue trecce biondo fragola le volavano sulla testa mentre giocavo con lei. Tremava sul pavimento, contorcendosi mentre la sua risata echeggiava attraverso il castello di plastica. Le sue gambe scalciavano intorno a me.

"Fermare!" è riuscita a sussultare. "Per favore!"

“Mmm, ma sei una cosa così carina quando ridi,” feci le fusa, rilassando il mio solletico per un momento. "Perché dovrei?"

“Ti darò dei baci,” gemette.

«Allettante», dissi. "Dove?"

I suoi occhi impazzirono. "Sul tuo cazzo!"

Sembrava che la sua turbolenza avesse vinto sui suoi nervi. Mi piaceva quell'idea. Ho preso la sua canotta e l'ho tirata su. “Allora ti mettiamo a nudo. Ti bacerò anch'io. Ci divertiremo così tanto, vero?"

Lei annuì con la testa, gli occhi sbarrati. Si leccò le labbra mentre il mio cuore batteva forte. I suoi piccoli seni si alzavano e si abbassavano nel reggiseno azzurro che indossava, i bordi bordati di pizzo color neve. L'ho solo spinto su e sopra i suoi piccoli seni, esponendoli al mio sguardo affamato. Sono precipitato giù e ne ho succhiato uno.

"Jenny!" ansimò, togliendosi il reggiseno sopra la testa mentre succhiavo e mordicchiavo la sua piccola protuberanza rosa. "Oh, wow, è... è carino!"

Ho mordicchiato la protuberanza della mia sorellina, amandone la sensazione in bocca. Il mio futa-dick pulsava mentre le mie mani le accarezzavano di nuovo i fianchi. Si tese e si contorse mentre le sfioravo la pelle, i suoi occhi si spalancavano in segno di avvertimento.

Ho continuato ad andare, senza farle il solletico, e ho raggiunto i suoi pantaloncini. Mentre succhiavo il suo grazioso capezzolo, ho trovato la chiusura dei suoi pantaloncini e l'ho fatto scattare. La sua cerniera lampeggiò mentre la aprivo. Ho adorato il suono che ha prodotto. Questo suono malvagio che mi ha fatto stringere la figa. I succhi mi scorrevano lungo le cosce. Ero così pronto a fare cose così malvagie con lei.

Le mie mani le tirarono giù la gonna. Il mio cuore batteva forte mentre facevo questo. Si contorceva di più, piagnucolando e gemendo. Le mie dita affondarono nella cintura delle sue mutandine, scivolando sempre più in basso, sfiorando le radi ciocche dei suoi setosi peli pubici.

"Jenny!" gemette, la sua voce diventava seria.

Ho staccato la bocca dal suo capezzolo. "Voglio mangiare la tua piccola astuzia", ​​gemetti, mentre questi nuovi desideri mi frullavano dentro. Non avevo mai voluto fare queste cose con una ragazza, ma farmi crescere il cazzo aveva cambiato tutto. Volevo la mia sorellina. La mia lussuria incestuosa mi attraversa. "Mi lasci mangiare te?"

Lei annuì con la testa, diventando di nuovo timida mentre le mie dita erano a solo un centimetro dal toccarle la figa. Poi si morse il labbro. «Ho sentito parlare di questa cosa. Sessanta nove. Potrei... baciarti il ​​cazzo mentre lo fai?"

Le sorrisi. "Togliti i pantaloncini, siediti sulla mia faccia e facciamo sessantanove!"

Il suo sorriso le esplose sul viso.

Mi rotolai sulla schiena mentre Allie si metteva a sedere. Le sue piccole tette non tremavano affatto. Si tolse i pantaloncini e le mutandine azzurre. Il suo cespuglio biondo fragola apparve. Non aveva molti capelli, solo una peluria sottile che non faceva nulla per nascondere la fessura stretta della sua figa verginale.

Mi sono lamentato alla prima vista della fica di una ragazza. Voglio dire, non ho guardato le altre ragazze nelle docce. Non così. Stavo fissando la figa di mia sorella, la mia bocca bramava di lei. Si è seduta mentre mi leccavo le labbra.

"Non posso credere che lo stiamo facendo", gemette Allie.

"Lo so." Il mio cuore si strinse. Era così sbagliato, ma... io la volevo. Volevo amarla. Per mangiarla. Per leccarla. Per farla sentire meravigliosa.

Si è messa a cavalcioni sulla mia testa. Affondò la sua figa succosa sul mio viso. I suoi peli fini mi sfiorarono il mento e le guance. Ho respirato l'aroma fresco della sua figa. La mia lingua, esitante, svanì. Ho sfiorato la sua fessura, sfiorandola leggermente.

Aveva un sapore incredibile.

“Jenny,” gemette, contorcendosi. Mi ha strofinato la fica calda in bocca. Ha spalmato i suoi succhi sulle mie labbra mentre ha appoggiato il suo peso su di me.

“Mmm, Allie, hai un buon sapore,” gemetti.

Ho leccato di nuovo la figa della mia sorellina. Ho trascinato la sua fessura e questa volta ho aperto le sue labbra esterne per toccare le sue profondità interiori. Sussultò mentre si contorceva su di me, strofinando la figa su di me. La mia lingua scivolò più in alto e attraversò il suo imene.

Il mio cazzo di futa pulsava.

Ha afferrato il mio cazzo. Lo tenne in mano e sfiorò con le labbra la corona sensibile. Mi ha baciato sulla punta mentre le accarezzavo la figa. È stato un piacere così incredibile. Questa incredibile delizia mi ha colpito l'asta mentre lo baciava ancora e ancora. Poi le sue labbra si sono sigillate sulla mia fessura e hanno succhiato.

"Allie!" I gasped, my toes curling at the incestuous rush of bliss that shot down my futa-cock to my pussy.

She sucked and nursed on the tip of my girl-cock. I groaned as my tongue darted through her folds. I caressed her pussy. I feasted on her snatch. My tongue danced through virginal flesh. She whimpered about my cock, her body squirming on me.

The suction on my dick was incredible. She pumped her hands up and down it. My pussy clenched, drinking in the delight of this moment. My heart pounded as this ache grew in my ovaries. My tongue slid through her pussy folds as she did. She took more and more of me into her mouth, opening wide to swallow my thick tip.

“Oh, Allie!” I moaned in delight.

My tongue flicked through her folds and found something amazing. I brushed a little bud. This hard, throbbing clit. I licked and lapped at the hard nodule. She gasped in delight, her body shaking atop me. She moaned around my girl-cock, the humming passion surging through me. My pussy clenched. My heart raced at this wicked thrill shooting through me.

She was such a naughty tease. Such a wicked, kinky, wild thing. Lo amavo. I sucked hard on her nub as she swirled her tongue around my crown. The pressure grew in my depths. Was that my ovaries? Was I about to cum again?

Should I warn my sister?

“Allie!” I moaned as she sucked with such passion. “I... I... Oh, no!”

I gasped as my cum fired from my girl-dick. It spurted out of my shaft, basting her mouth. A rush of pleasure shot through my body, slamming into my mind a moment before the gentle waves of rapture washed out of my pussy. I shuddered and moaned. I latched onto her clit and sucked as the bliss filled me.

She squealed on top of me. My sister's fresh juices bathed my face as she gulped down my cum. She swallowed between her hot sucks. More and more of my jizz fired from my girl-dick. My seed pulsed into her mouth while the pleasure slammed into my mind, leaving me dizzy with incestuous rapture.

“Allie!” I moaned between licks of my little sister's delicious twat. I lapped up her fresh cream.

I reveled in this moment of shared pleasure.

My pussy convulsed as my dick unloaded the last of my cum into my sister's mouth. She sucked hard, squirming on me, rubbing her wispy curls into my cheeks and her hot twat onto my hungry lips and tongue. I drank her cream as my body buzzed from my orgasm.

Her mouth popped off my cock. Before I knew it, she'd spun around and was staring down at me, her small breasts jiggling. She bent down, pressing her naked body tight to mine, my round tits drinking in the feel of her small boobies. Her lips met mine.

She shoved my salty girl-cum into my mouth.

I groaned at the wild taste of my own seed. My girl-dick throbbed against her stomach. She squirmed on me, her ticklish bush rubbing into near the base of my new cock. I groaned, our tongues dancing, sharing my futa-cum.

This wild lust surged over me. I rolled her onto her back, acting on these new instincts rippling through me. My nipples grazed hers, shooting delight down to my girl-dick. I reached between us, grasping my futa-cock. I shifted it, pressing it between her thighs.

I groaned at the feel of her hot flesh against my pussy. I trembled at the hot feel. This wicked and incestuous delight that surged through my body as I rubbed my cock up and down her virginal slit, kissing her with passion, the salty flavor of my cum lingering on her lips.

I found her hymen.

She stiffened.

I broke the kiss and stared into my little sister's eyes. She whimpered and then nodded her head. “I'm ready, Jenny.”

I grinned at my little sister and pressed forward. Her face tensed as her maidenhead stretched and stretched. She groaned beneath me. Her body wiggled and undulated. Her face contorted with bliss. Then she gasped as my cock popped her cherry.

The tip of my girl-dick slid into my sister's pussy. I groaned at the silky, incestuous grip of her virginal flesh clinging to my cock as I went deeper and deeper. Her blue eyes widened. Il suo naso si contrasse.

“Oh, Jenny!” she moaned, squirming, her nipples kissing mine. Delight sparked from them, my pussy clenching. “Oh, wow.”

"Lo so!" I groaned as my cock went deeper. She swallowed more and more, stretching to take my massive girth. “You feel incredible. Oh, gosh, that's good.”

"Così buono!" gemette. A big smile crossed her lips. “Ooh, sex is amazing with a futa! With my futa-sis!”

I grinned at her. “You're not bad yourself. Mmm, so tight and juicy. I just want to pump away.”

“Do it!” she said, hips wiggling, stirring her pussy around my cock. “Make me cum with your big girl-dick!”

“I will!” I moaned and kissed her.

I drew back my dick and almost came from the intense delight. Her silky, wet pussy gripped my cock as I pulled it back and back. More and more of my cock emerged, the friction caressing the spongy tip. It was a wild delight. I couldn't believe how amazing it felt. I groaned and then thrust forward. I rammed to the hilt in her cunt. I buried into her depths.

She groaned into the kiss. My little sister squirmed beneath me, her pussy gripping my new cock. It was awesome to be futa. To be inside my sister's incestuous pussy. It was an incredible treat to experience. A wonderful gift that she gave me.

My ass flexed as she clung to me. Her hips moved, squirming around my flesh. She stirred her hot cunny about my cock as I plunged into her again and again. I buried to the hilt in her wonderful flesh. I savored being in my little sister's pussy.

Our nipples kissed.

Our tongues dueled.

Her fingernails scratched at my back.

Every plunge into her pussy made my virgin cunt clench. I trembled atop her, thrusting faster. Più forte. I buried to the hilt in her again and again. I rammed into her, loving every moment of being in her juicy body. This wicked and wild delight burned through me as my cock pumped away hard and fast.

It was such a treat. Her pussy squeezed around me. She massaged me with that amazing cunny of hers. She felt so silky. Cosi meraviglioso. Our nipples kept brushing, my round tits rubbing into her little mounds.

I broke the kiss and gasped, “Allie! Oh, Allie!”

“Yes, yes, Jenny!” she moaned, her cunny squeezing around me. “Ram that cock into me. Bury into my pussy!”

“So hard!” I groaned, grinning down at her. “I'm going to flood you with all my cum.”

Her eyes widened. "Sì!" she hissed. “Ooh, do that. Make me cum then I'll make you explode!”

Her pussy squeezed around my futa-dick. Her flesh gripped me as I slammed forward into her incestuous depths. Her hot cunny gripped me. That wonderful heat that surged through me. It brought me closer and closer to that moment of eruption.

I panted, staring into her eyes. I kissed her hard. My tongue darted into her mouth. I dueled with her as she clung to me. Her pussy clenched around my dick as I pumped over and over into her pussy. I filled her again and again with my girl-dick.

Her cunt grew hotter and hotter. Juicier and juicier. Her fingernails bit into my back. She squealed into the kiss. Her flesh rippled around me. She writhed and spasmed all of a sudden as I buried into her depths.

I made her cum.

I broke the kiss, staring into her blue eyes.

“Yes, yes, Jenny!” she howled. “My futa-sis is such a sexy dickgirl! Ooh, yes, yes, cum in me!”

Her flesh writhed around me, sucking at my cock. The pressure surged to the tip of my clit-dick. I rammed forward into her hard, my ovaries brimming with another load of cum. I gasped, my body shaking with delight, then I buried into her.

Wild bliss exploded out of me. The rapture spurted over and over from my cock. It bathed my little sister's spasming pussy. My own cunt went wild. Ecstasy and euphoria swept through me as bliss spurted from my erupting girl-dick.

“Oh, Allie, yes!” I moaned as her pussy milked my cock. Her flesh writhed around my massive shaft.

“You're spurting so much in me!” she gasped, trembling on the ground. “Oh, wow, futa-sis! You're flooding me!”

I could only groan now as the pleasures drowned my mind. Two different raptures surged through my body. One intense and the other gentle. One had me bucking while the other had me trembling. They carried me higher and higher as I reveled atop my sister.

We shared our incestuous passion.

I fired the last blast of cum into her, my pussy still writhing. Her cunt spasmed around me, drawing out those last drops. I groaned, collapsing on my sister. My breasts piled into her small titties. My nose nuzzled hers as I purred out my pleasure.

“That was the best,” groaned Allie.

“Glad you liked it.” Then a wicked thought popped into my head. “You know futas always breed a girl on the first time. You're going to be a mommy.”

"Che cosa!" lei sussultò. “No, they don't. That's not what was in the pamphlet the doctor gave you.”

"Sei sicuro?" Le ho chiesto. “Did you read it all?”

“Well...” Uncertainty crossed her face.

I burst into laughter.

“Oh, you're just being a cunt!” gemette.

“Allie!” ho sussultato. “What a thing to say to your futa-sister after she deflowered you.”

“Well, so I'm not pregnant?” lei chiese. This strange look crossed her eyes. Was it... disappointment? No, it couldn't be.

“Probably not,” I said. “I mean, it's possible. We didn't use protection.”

This naughty gleam burst in her eyes. “Well, why don't you just keep fucking me until I am!”

She grabbed my red hair and yanked my head down for a wild kiss, her pussy throbbing about my still-hard cock. Pleasure shot up my shaft. I couldn't help moving my hips as a fresh ache grew at the tip of my new futa-dick.

Just what had I unleashed in my little sister?

Continua...

Storie simili

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

965 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

955 I più visti

Likes 1

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

929 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

924 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

927 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

900 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

917 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

889 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

866 I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

821 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.