Massaggio incestuoso della carne Capitolo 1: Massaggio impertinente della sorella maggiore

153Report
Massaggio incestuoso della carne Capitolo 1: Massaggio impertinente della sorella maggiore

Massaggio della carne incestuoso

(Una storia incestuosa di Harem)

Capitolo uno: il massaggio impertinente della sorella maggiore

Di miopenname3000

Diritto d'autore 2018

Nota: grazie a wrc264 per la beta che legge questo!

Mi sono messa a cavalcioni sulla parte bassa della schiena di mio fratello, i miei grandi seni che ondeggiavano davanti a me. Era disteso sul mio letto, le braccia conserte, la testa appoggiata su di esse. I muscoli della sua parte superiore della schiena si flettevano e si increspavano mentre strofinavo la mia fica sulla sua pelle. Dimenai i fianchi, schiacciandomi contro di lui.

"Mmm, di cosa hai bisogno, Zoey?" Clint mi ha chiesto.

"Solo un piccolo favore", dissi mentre afferravo la bottiglia di olio da massaggio. Ho fatto scattare il tappo e gli ho spruzzato l'olio ambrato sulla schiena, il liquido gli si è depositato sulla pelle.

"Oh?" chiese.

Gli strofinai le mani sulla schiena, facendo penetrare l'olio nei suoi muscoli. Mi sporsi in avanti, i capelli color ottone che mi ricadevano sul viso. Le mie dita lavoravano in cerchio mentre emetteva un gemito. Ho lavorato l'olio sulla sua pelle, amando la sensazione della sua forza sotto la sua pelle.

«Vorrei prendere in prestito Lee per la sala massaggi», dissi, affondando le dita nei muscoli di mio fratello. Conoscevo il suo corpo. Per anni sono stato il suo amante.

Non ero la sua unica sorella a farlo.

Mio fratello minore aveva fatto della sua famiglia un harem. Per anni lo abbiamo amato. Le mie sorelle più giovani gli avevano dato dei figli. Anche nostra madre aveva partorito un figlio a Clint. Mio fratello ci aveva reclamato tutti quando era ancora al college. Ora era all'ultimo anno di giurisprudenza.

"Lei?" chiese mio fratello. Alzò la testa mentre infilavo le dita nei muscoli della sua schiena. Lanciò un'occhiata nell'angolo della stanza dove la nostra sorellastra minore, Lee, si contorceva. Era incatenata a un sedile, un bavaglio ad anello in bocca. I suoi capelli neri incorniciavano il suo viso da folletto, un ciuffo di capelli. Anche adesso, da giovane adulta, aveva quell'aria monella che aveva quando aveva diciotto anni e Clint l'aveva addomesticata per la prima volta. I suoi seni rotondi sussultavano mentre si contorceva. Le catene che la legavano alla sedia tintinnarono.

Clint ha insistito perché fosse incatenata e li ha guardati. Il ronzio del vibratore nella sua fica svanì. Lei si contorse, piagnucolando attraverso il suo bavaglio ad anello, la bocca spalancata. Se Clint voleva, poteva scoparle il cazzo in bocca attraverso il bavaglio. La bava le scendeva dalla bocca. Lei tremava, entrambi i capezzoli erano duri.

Lei lo ama. Ha preso da sua madre, mia zia Vicky. Più umilianti e dolorose erano le azioni, più le piaceva. Avrebbe trattenuto il suo orgasmo per ore, negando il ronzio nella sua fica finché Clint non le avesse dato il permesso di venire.

Poi sarebbe esplosa.

"Mmm, perché hai bisogno di Lee?" chiese Clint mentre le mie dita scivolavano sulla sua schiena. “Non ha una certificazione di massaggio o altro. Non è che possa lavorare lì.

Le mie dita affondarono nei muscoli delle sue spalle, sciogliendogli la tensione. I miei grossi seni ondeggiavano avanti e indietro. La mia figa si contrasse mentre i succhi uscivano da me. Le mie mani lavoravano su di lui, i miei fianchi si muovevano avanti e indietro.

"Beh, non come massaggiatrice, ma può gestire la reception", dissi. «Dovrà prendere gli ordini e salutare i clienti. Saremo impegnati a massaggiare i nostri clienti. Facendoli sentire meravigliosi.

Clint sospirò mentre facevo scivolare la figa su e sopra il suo culo. Le mie mani scivolarono lungo la sua schiena. Le mie dita lo massaggiarono. Il mio clitoride si strofinò contro la sua groppa muscolosa. Le mie dita andavano sempre più in basso. Ero entusiasta della sala massaggi. È stata un'idea di Juana. La lesbica ispanica ci aveva lavorato per tutto il suo ultimo anno di college. Lei, sua sorella (e schiava del sesso) Carmelita, la mia ragazza Stefani e io stavamo tutti lavorando insieme per realizzarlo. Abbiamo tutti ottenuto le nostre licenze di massaggio, abbiamo affittato un luogo ed eravamo sull'orlo della nostra apertura.

Stefani e io avevamo speso i soldi che guadagnavamo spogliandoci per pagare l'impresa. Ne eravamo impazienti, entrambi stufi di spogliarci. Era divertente, ma anni passati a scuotere le nostre cose al Flashing Glitter avevano perso quel brivido.

"Beh, ultimamente è stata brava," disse Clint, guardando nostra sorella. Lee piagnucolò attraverso il suo bavaglio. I suoi seni sussultarono. Le sue gambe, tenute divaricate dalle catene, tremavano.



Lee annuì.

"Puoi averla", disse Clint. "Non è che stia facendo qualcosa di utile in questo momento."

«Grazie», dissi, facendo scivolare le mie mani lungo la sua schiena. Mi dimenavo avanti e indietro, la mia figa diventava sempre più calda.

"Sei eccitato per questo, eh?" chiese mio fratello.

"Grande momento", dissi, i miei seni pesanti tremavano. "Anche Juana è in fiamme per questo."

Clint ridacchiò. "Sì, l'ho notato."

Juana e la sua sorella-schiava avevano vissuto con noi negli ultimi quattro anni. Clint aveva aiutato la lesbica a dominare la sua prepotente sorella maggiore. I loro genitori erano impazziti quando avevano saputo che le loro figlie erano incinte (essere cresciute da Clint faceva parte dell'accordo fatto da Juana) ed erano anche gay. Li hanno cacciati di casa. Li abbiamo accolti. Dopotutto, la nostra famiglia possedeva tre case una accanto all'altra, con Clint pronto a comprare una quarta casa nella nostra strada.

La nostra famiglia potrebbe usare più spazio.

Ho sollevato, sollevando la mia figa dal suo culo. "Rotolare. Ti massaggerò la fronte.

"Non mi hai nemmeno preso le gambe," disse Clint mentre lo faceva.

Rabbrividii quando si voltò. Il suo cazzo duro mi sfiorò l'interno coscia. Il suo cazzo ondeggiava e ondeggiava. Si contorceva e pulsava mentre sedevo la mia figa proprio sulla sua circonferenza. Schiaccio le labbra della mia figa nella sua asta. Ho afferrato la bottiglia. Gli ho gocciolato olio sul petto mentre lo fissavo in faccia.

Assomigliava così tanto al nostro defunto padre. È stato così che tutto è iniziato. Nostro padre ha trasformato nostra madre e sua sorella, zia Vicky, nelle sue schiave sessuali. Li ha allevati entrambi. Nostra madre aveva Clint, Alicia e me, mentre zia Vicky aveva Melody e Lee. In seguito abbiamo appreso che nostro padre aveva una figlia di nome Pam con un'altra donna.

Clint ci aveva rivendicato tutti. Aveva lo stesso spirito dominante di nostro padre. Nostra madre, nostra zia, la mamma di Pam e Lee erano le sue schiave del sesso, Melody e Pam erano le sue amiche, Alicia era la sua piccola principessa e io ero sua sorella con benefici.

Schiaccio la mia fica nel suo cazzo, il piacere si riversa dentro di me mentre lavoro sul suo petto. Gemette, i suoi occhi scuri mi fissavano. Era un uomo così forte. Si è mantenuto in forma nonostante gli studi. Era un uomo così sexy. Il suo cazzo si contrasse contro la mia fica. Il mio clitoride ne bevve il brivido.

"Allora... questa sala massaggi," gemette Clint. "Sarà cattivo?"

"Mmm, lo sai", ho fatto le fusa. "Juana vuole fornire un servizio a tutte le donne che non hanno abbastanza piaceri nella loro vita."

"Allora perché non lavoro lì?" chiese Clint, con gli occhi che brillavano.

Inarcai un sopracciglio. "Non ti prendi abbastanza figa al college?"

"A Melody e Pam piace trovarmi studentesse." Clint sorrise. I tre frequentavano lo stesso college.

«Lo pensavo», dissi. “E i tuoi professori. Eh? Ti assicuri che siano sazi?"

Un sorriso si allargò sulle sue labbra.

«Quindi lascia un po' di signore con cui giocare insieme a noi» dissi. “Juana sarebbe schiacciata. Lo desidera così tanto. Tu la ispiri.

Clint gemette e annuì. Il suo cazzo si contrasse. Adoravo la sua sensazione mentre facevo scorrere le mani sui suoi pettorali muscolosi fino al suo stomaco. Ho massaggiato i suoi addominali increspati. Lo accarezzai, osservando il piacere nei suoi occhi, il sorriso che giocava sulle sue labbra.

La mia figa è diventata sempre più succosa. Ho strofinato il mio strappo su e giù per il suo cazzo. Gli ho sfiorato la punta del cazzo. Il piacere si è riversato dal mio clitoride e attraverso la mia fica. La mia schiena si inarcò. Gemetti per la gioia. Il mio cuore pompava passione nelle mie vene.

"Allora... quanto saranno cattive le cose in questa sala massaggi?" chiese Clint. Inarcò un sopracciglio.

Lee gemette in sottofondo.

"Oh, pensi di avere un lieto fine?" chiesi a mio fratello. “Eh? Pensi che giocherò con il tuo cazzo finché non esploderai?

"Beh, vuoi prendere in prestito Lee", disse Clint. "Ho bisogno di più di un semplice massaggio."

"Mmm, scommetto che vuoi che ti faccia un massaggio alle tette." Ho portato le mie mani oliate ai miei grandi seni. Li ho schiacciati e impastati. Le mie dita lucide scivolarono sulla mia carne. Ho spazzolato le mie areole. Ho tremato su di lui.

"Ora sembra interessante", disse, incrociando le mani dietro la testa, un sorriso affamato sul volto.

Rabbrividii a quel luccichio nei suoi occhi. Quella presenza imponente che aveva trasformato la nostra famiglia nel suo harem personale. Rabbrividii mentre scivolavo lungo le sue gambe, le mie mani mi coprivano le tette nell'olio, rendendole tutte belle e lisce.

Mi sono chinato e ho ammucchiato i miei seni attorno al suo cazzo duro e grosso. Lo strinsi, il suo cazzo pulsava tra le mie tette. Gemette quando sentì i miei seni. La sua asta bruciava tra le mie tette. Le mie dita affondarono nella mia carne mentre inserivo la sua asta tra di loro.

I miei seni andavano su e giù per il suo cazzo. I miei capezzoli si strofinarono contro il suo stomaco. Clint gemette mentre gli massaggiavo il cazzo. I miei capezzoli pulsavano contro il suo ventre. Si strofinavano sulla sua pelle mentre lo lavoravo su e giù.

"Hai intenzione di fare cose cattive come questa ai tuoi clienti?" chiese Clint, inarcando un sopracciglio.

"Ai nostri clienti di sole donne", ho fatto le fusa. “Ovviamente, non questo. Ma poi faremo dei massaggi nuru e...”

“Nurù?” chiese.

“Mmm, ci rivestiamo di questa chiazza d'olio dal Giappone. Poi ci stendiamo su di loro e massaggiamo i loro corpi con i nostri”. Ho stretto le mie tette più forte attorno al suo cazzo e ho massaggiato su e giù il suo cazzo. "E faremo massaggi alla cieca, massaggi alla vulva, massaggi alle tette."

"Sembra prostituzione," gemette Clint.

"The Lady's Touch Massage Parlor non è un bordello," dissi facendo le fusa, muovendo le mie tette su e giù per il suo cazzo, la mia figa bevendo il formicolio dai miei capezzoli. “Se non penetriamo nelle loro fighe, non è vero sesso. Solo... massaggi perversi. Se vengono... beh, questa è biologia.

Mi sorrise, il suo cazzo che si contraeva, pulsava.

Gli ho massaggiato il cazzo più velocemente. Il suo viso si contorse mentre gemeva di piacere. Ha reso la mia figa così bagnata. La mia crema mi gocciolava lungo le cosce mentre facevo scorrere i miei seni su e giù per il suo cazzo. L'ho massaggiato con impaziente eccitazione. Ho lavorato i miei seni il più velocemente possibile.

I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. Questo calore si è riversato nel mio corpo. Piagnucolai mentre Clint gemeva di nuovo. Il piacere sul suo viso era incredibile. Fece un respiro profondo, il suo ampio petto si sollevò, i suoi muscoli si contrassero.

Dio, era un uomo sexy.

Ho salivato mentre lo massaggiavo. Ho pompato le mie tette su e giù per lui. La sua faccia si contorse di nuovo. Il suo cazzo pulsava. Poi grugnì. Il suo cazzo è esploso. Il suo sperma è uscito tra le mie tette. Il suo sperma mi schizzò sul viso.

"Dannazione," gemette Clint.

Ha dipinto i miei lineamenti in sperma. Questa delizia salata mi attraversò il viso. Il suo sperma scorreva lungo i miei lineamenti. gemetti, aprendo la bocca. Il sapore incestuoso del suo seme mi bruciava sul viso. Il suo cazzo si contrasse di nuovo, versando l'ultimo del suo sperma sulle mie tette.

Rabbrividii e ansimai, sedendomi e sollevando le tette. Lee piagnucolò nell'angolo, le sue catene tintinnanti. Scommetto che la troia voleva leccare lo sperma dal mio seno. Era dipendente dallo sperma di mio fratello. Lo adorava. Avrebbe leccato il suo seme da qualsiasi figa o buco del culo, da chiunque.

Ho sollevato il mio grande seno, i miei capezzoli rosa spinti con forza davanti a me. L'ho leccato. Ho leccato il suo sperma sul mio seno. Rabbrividii al sapore del seme di mio fratello, la mia figa in fiamme. Ho succhiato il nocciolo mentre Clint sorrideva.

«Dannazione», disse. “Una spagnola è stata bella. Scommetto che una fica sarebbe fantastica.

Rabbrividii, guardando il suo cazzo ancora duro. Ho fatto scivolare la bocca dal mio capezzolo duro. "Hai fatto scoppiare quella piccola pillola rossa?"

Mi fece l'occhiolino. Il super Viagra sperimentale che la signora Hiragawa, la mamma di Pam, aveva acquistato dalla sua farmacia era ora in vendita. Potrebbe dare a un uomo la possibilità di scopare e scopare per ore. Con così tante donne in casa, Clint ha dovuto sopportarlo per stare al passo con noi.

Mi spostai in avanti, continuando a succhiarmi i capezzoli, assaporando il sapore del suo sperma. Ho afferrato il suo cazzo, inzuppato nei miei succhi di figa. Mi sono messo a cavalcioni sulla sua vita, sollevandogli l'uccello e abbassandogli la fica. Ho premuto il mio strappo contro di lui.

“Ecco fatto,” disse Clint, sorridendo. “Fai scivolare quella fica calda giù per il mio cazzo. Ne hai bisogno, Zoey. Lo brami. vuoi cavalcarmi e scatenarti.

Ho piagnucolato intorno al mio capezzolo mentre facevo scivolare la fica nel suo cazzo. Gemetti mentre mi riempiva. Questo piacere ha attraversato il mio corpo. La mia schiena si inarcò mentre affondavo nel suo cazzo. Ho ingoiato il suo cazzo. La sua circonferenza scivolò dentro di me.

Ho preso mio fratello nella mia fica.

La mia schiena si inarcò. Ho succhiato forte intorno al mio capezzolo. Il mio piacere abbattuto dal mio capezzolo. L'ho succhiato. L'ho allattato. I miei fianchi si muovevano attorno al suo cazzo. L'ho eccitato. La mia figa si strinse attorno al suo cazzo. Ho assaporato il suo essere in me.

"Mostrami quella passione," gemette Clint. “Fai lavorare quella fica su e giù per il mio cazzo. Fammi vedere come soddisferai i tuoi clienti.

Piagnucolai mentre cavalcavo sul suo cazzo.

Mi sorrise, tenendo le mani dietro la testa, lasciandomi fare tutto il lavoro. Lo amavo. Ho massaggiato il cazzo di mio fratello. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. Mi sono mosso intorno a lui. I miei fianchi ondeggiavano mentre la mia fica si stringeva attorno a lui. Poi l'ho sbattuto giù, il mio clitoride scoppiava di scintille.

Questo piacere caldo è salito attraverso di me. Ho allattato il mio capezzolo, il sapore del suo sperma persistente. Il suo sperma mi scorreva sul viso. piagnucolai. Mi faceva male il capezzolo. Ho lavorato i miei fianchi più velocemente. Mi sollevai, le mie cosce toniche che si flettevano, i miei capelli color ottone che mi cadevano sul viso.

"Dannazione, Zoey," gemette Clint. "Questo è tutto. Massaggia il mio cazzo. Vuoi che il mio sperma schizzi dentro di te. Non è vero, sporca, brutta troia?

Gemetti, sbattendo giù il suo cazzo. Un'ondata di rapimento incestuoso mi attraversò.

“Sei solo una sorella troia,” gemette. “Vuoi solo che lo sperma di tuo fratello goccioli fuori da te. Quando massaggierai quelle donne birichine, accarezzandole, penserai al mio cazzo. Il mio sperma.

Il mio capezzolo mi è uscito dalla bocca mentre gemevo: "Sì!" Lo fissai mentre gli sbattevo giù il cazzo. “Penserò a questo cazzo enorme! Il grosso cazzo di mio fratello!"

Sarebbe caldo. Rabbrividii, la mia figa si strinse intorno al suo cazzo. Le mie tette si sollevarono davanti a me mentre buttavo indietro la testa. Gemetti, i miei occhi sbattevano. Il cazzo di mio fratello era fantastico nella mia figa. Questo calore malvagio si è gonfiato attraverso di me.

Il mio orgasmo esplose dentro di me.

La mia fica ha avuto le convulsioni attorno al suo cazzo. L'ho massaggiato mentre sobbalzavo e ansimavo. Gemette, la sua espressione distorta dall'estasi mentre rabbrividivo sopra di lui. I miei seni si schiaffeggiarono. Le stelle esplodono attraverso la mia vista. La mia passione è esplosa nel mio corpo.

"Dammi quello sperma!" gemetti. "Voglio che esca da me!"

Clint mi sorrise mentre la mia figa si contorceva intorno al suo cazzo. Il piacere mi pervase. Il suo cazzo si contrasse. Poi è esploso in me. Lo sperma incestuoso di mio fratello è esploso nella mia fica. Gemetti, il piacere cresceva dentro di me. sussultai di passione.

L'ho assaporato. Grugnì. La sua faccia si aggrottò. La passione si è riversata dentro di me. Gemetti e rabbrividii su di lui. Lee piagnucolò. Potevo sentire l'invidia da parte sua. Mi chinai su mio fratello, accarezzandogli il petto mentre il mio orgasmo raggiungeva il picco in me.

"Grazie, Clint," dissi facendo le fusa. "Teneremo Lee in riga."

Mi fece l'occhiolino.

Ho ronzato qualche minuto dopo mentre mi lasciavo alle spalle mio fratello, il suo sperma mi scorreva lungo le cosce. Ero avvolto in una vestaglia, i miei capezzoli si strofinavano sulla mia spugna. Scesi al piano di sotto per prendere un bicchiere d'acqua. Guardai fuori dalla porta scorrevole in vetro e sorrisi.

I miei nipoti erano fuori a correre mentre Melody e Pam li guardavano. La mia mano si strofinò distrattamente la pancia. Non avevo mai avuto un figlio di mio fratello. Stefani continuava a insistere, ma non ero sicura di voler diventare madre. Clint non mi ha mai fatto pressione.

"Ehi, Yunie", disse una voce brillante.

Mi voltai e sorrisi alla mia ragazza. Mi ha chiamato Yunie per via del tatuaggio dell'unicorno che avevo sulle pudenda. «Ehi, Dandy.»

Stefani mi ha sorriso. Aveva un dente di leone tatuato. I suoi capelli rosso vivo le ricadevano sul viso. I suoi occhi verdi bruciavano. "Così? La tua figa ha sciolto il cuore di tuo fratello?

sbuffai. “Ha detto di sì. Più tempo per massaggiare per noi.

"Caldo", ha detto Stefani mentre annuivo, guardando di nuovo fuori dalla finestra i piccoli rugrats che correvano nel cortile sul retro.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Una settimana dopo, il Lady's Touch Massage Parlour era aperto al pubblico.

Sono arrivato con Stefani, desideroso di fare questo. Il rimodellamento è stato fatto. Sembrava di classe all'interno della sala d'attesa. Lee era seduto al banco della receptionist. Le abbiamo fatto indossare un vestito. Ero abbastanza certo che avesse un vibratore o un plug anale telecomandato, qualcosa che mio fratello poteva attivare con il suo cellulare mentre era a scuola di legge.

"Sarà selvaggio!" Stefani sgorgò. Rabbrividì, il suo viso traboccava di piacere.

Eravamo amanti dai tempi del college. Prima ancora che mio fratello fondasse il suo harem. Stefani e io siamo diventati cattivi. Ci siamo presi la verginità a vicenda con i dildo. Abbiamo fatto cose selvagge che la sua rigida famiglia non approvava. Non che a Stefani importasse.

Quando ha saputo che mio fratello mi stava scopando, era giù con esso. Pensava che fosse caldo. Si è unita a noi a letto con entusiasmo. Faceva caldo quando ci mangiavamo a vicenda dopo che lui ci aveva fottuti, leccandosi la sborra l'uno dall'altro.

"Oh, dio, Yunie!" il mio amante tremò. "Non vedo l'ora di massaggiare una donna finché non viene."

«Dubito che riusciremo a farlo oggi», le dissi. “I clienti devono sentirsi a proprio agio. Devo fargli sentire che questo è un posto sicuro.

"È!" Stefani rimase senza fiato, poi mi gettò le braccia al collo e mi baciò.

Rabbrividii contro di lei. Era vestita come me, con una veste di seta, i nostri corpi nudi sotto. Rabbrividii, i miei capezzoli toccavano il tessuto fresco. Un'ondata di calore mi attraversò. I formicolii mi attraversarono. Le mie lingue danzavano nella sua bocca, accarezzando la sua. Mi strinse forte, stringendomi al suo corpo.

Stavamo per fare soldi qui. Niente più spogliarelli. Basta scuotere il culo a ragazzi arrapati. Ora potremmo massaggiare donne sexy e belle. La mia figa si contrasse, desiderando di avere un carico di sperma di mio fratello che mi fuoriusciva. Sarebbe così caldo da avere. L'ho tenuta. Ho stretto a me la mia amante, baciandola con fame.

La porta si aprì. Il campanello suonò.

"Oh, cielo", disse una donna.

Mi staccai da Stefani e mi girai per vedere una donna anziana, una bruna con i capelli corti e ricci. Aveva l'età di mia madre o poco meno. Una bellezza matura in un ampio vestito rosa, il sole della California che si riversava intorno a lei prima che la porta colorata si chiudesse.

«Oh, cielo», ripeté la donna. Poi guardò il cartello che elencava i nostri massaggi. Le sue guance diventarono rosse. "Questo è... proprio come il segno sembra implicare."

"Ciao", ho fatto le fusa, staccandomi dalla mia ragazza mentre Lee si raddrizzava al suo posto. “Benvenuti nella sala massaggi Lady's Touch. Sono Zoey, una delle massaggiatrici.

Gli occhi della donna si posarono su di me. Lei si contorse. Poi guardò il cartello che elencava i nostri massaggi, servizi e i relativi prezzi. “Quando ho visto la tua aggiunta, non riuscivo a credere che fosse... reale. Che quello che implica era... ma... voglio dire...” Lei rabbrividì. "Davvero offri... massaggi alla vulva?"

«Certo», dissi. "Lee, vieni qui così posso dimostrare."

«Sì, signora Zoey», disse Lee. Sbattei le palpebre. Juana aveva ordinato a Lee di parlare così? Clint ci aveva dato Lee, quindi tecnicamente stava servendo come nostra schiava sessuale mentre lavorava qui.

La donna sbatté le palpebre mentre Lee si alzava. La mia monella sorellastra indossava un vestito senza maniche che aderiva al suo corpo rotondo. Non era più quel maschiaccio agile. La maternità aveva messo delle curve sul suo corpo, ma aveva ancora quella faccia da elfo a ventitré anni.

"Piegati", dissi alla mia sorellastra.

Lee lo fece e io sollevai la gonna corta, il panno viola che rivelava il suo sedere nudo. La donna sussultò. La figa rasata di Lee era in mostra tra le sue gambe, le labbra della sua figa che facevano capolino dalla sua vulva stretta. Potevo vedere l'estremità di un plug anale sepolto tra le sue natiche, una piccola luce lampeggiante.

Un vibratore Bluetooth.

Ho massaggiato lungo la sua fessura, sentendo i suoi succhi, facendo tremare mia sorella. Ho massaggiato la sua carne calda, amandola. La sua crema scorreva. Il suo clitoride si è indurito e le sue fiche si sono ingrossate. La troia birichina piagnucolò.

"Vedi, facciamo solo questo", dissi. “Sto solo accarezzando le labbra della tua figa. Nessuna penetrazione. Ma anche questo è un posto che ha bisogno di relax. Allevia così tanto stress da accarezzare le labbra della tua figa, massaggiando la tua vulva e pudenda.

"Oh, quindi niente massaggi ai tessuti profondi o altro?" disse la donna, con le guance in fiamme. Lei tremò. Aveva questo sguardo negli occhi come se non riuscisse a credere di averlo visto.

"Ah, questo?" chiesi e infilai le dita nella fica della mia sorellina. La donna non aveva idea che io e Lee fossimo imparentati. Che stavamo commettendo incesto proprio davanti ai suoi occhi. Lee piagnucolò, la sua fica mi strinse. «Be', la prostituzione è illegale. Non possiamo far pagare per questo tipo di servizio. Certo, se tu e la tua massaggiatrice decidete di andare oltre, beh, siamo tutti adulti consenzienti.

«Oh, cielo», ripeté di nuovo la donna. Diede un'occhiata ai massaggi. Le sue labbra si mossero mentre le leggeva.

"Mi piace il massaggio con gli occhi bendati", piagnucolò Lee, la sua figa che si stringeva intorno alle mie dita mentre continuavano a pompare dentro e fuori di lei. “Non sai da dove vengono. Ti sto solo massaggiando da ogni direzione.

"Mmm, massaggio Nuru", ha detto Stefani. Si avvicinò e mi aprì la vestaglia per mostrare di più il mio seno. “Immagina questa bellezza sexy, ricoperta di olio scivoloso, che massaggia tutto il tuo corpo in una volta. Ti sto solo strofinando addosso. È un piacere di cui ogni donna ha bisogno.

Il cliente deglutì. Si strofinò le mani, una fede nuziale le lampeggiava al dito. Scommetto che suo marito non sapeva come soddisfare quel bel corpo. La maggior parte degli uomini non sembrava sapere, o non preoccuparsi, di dare piacere a una donna. Mio fratello aveva ispirato molti ragazzi che conosceva a compiacere le donne, specialmente le loro madri, sorelle e figlie.

Ma c'era solo così tanto che poteva fare.

La donna si leccò le labbra. Si sfregò le mani. Lo leggevo nei suoi occhi: era sull'orlo della resa o della fuga. Lei tremò. Ho pompato le mie dita sempre più velocemente dentro e fuori la figa di mia sorella. Cosa sceglierebbe?

Sarebbe fuggita fuori dalla porta o si sarebbe arresa alla promessa della passione?

La mia figa è bruciata. La mia crema mi scorreva sulle gambe. Rabbrividii per la tensione nell'aria. Mi pulsavano i capezzoli. Stefani mi palpava le tette mentre Lee piagnucolava. I suoi fianchi si agitarono, muovendosi attorno alle mie dita nelle profondità della sua fica.

Poi la donna mi lanciò un'occhiata. I suoi occhi castani erano vitrei. Si leccò le labbra carnose. I suoi occhi guardarono le mie dita che si tuffavano nella fica della mia sorellina. La donna fece un respiro profondo, i seni le gonfiarono la camicetta.

"Io... io farò il massaggio nuru!"

"Grande!" Lee gemette. Si allontanò da me, la sua figa scivolava via dalle mie dita. "Lascia che ti chiami, padrona."

"Padrona?" gemette la donna.

Lee sorrise. "Siamo qui per servirti." Mia sorella fece l'occhiolino. “Se hai bisogno di qualsiasi tipo di servizio, beh...”

La donna rabbrividì mentre Lee si leccava le labbra.

"Organizzerò la stanza", dissi alla donna. "Lee ti riporterà indietro quando sarai pronto." Poi ho succhiato i succhi di mia sorella dalle mie dita. La donna rabbrividì mentre assaporavo il dolcetto piccante della mia sorellina.

Rabbrividii per il brivido incestuoso. Non aveva idea delle cose che stavamo facendo. È stato incredibile. Il mio cuore martellava e la mia fica era in fiamme. I succhi mi gocciolavano lungo le cosce mentre mi dirigevo verso la sala massaggi, lasciandomi alle spalle la sala di ricevimento, dirigendomi lungo un piccolo corridoio. Ho oltrepassato le porte, Juana e sua sorella Carmelita stavano già lavorando con i clienti secondo le serrature con la scritta "Occupata" in verde brillante.

Mi diressi nella mia stanza, un brivido nervoso mi percorse. Il mio primo cliente a pagamento. Andavo a scuola di massaggi tutto l'anno per prepararmi a questo. Avevo la patente ed ero pronto ad accontentare le donne con le mie mani.

Per dare loro un trattamento così cattivo.

Ho preparato il nuru, un olio denso e scivoloso ricavato dalle alghe. Aveva un odore neutro. È stata una cosa incredibile. Ha ricoperto il tuo corpo e ha reso tutto così scivoloso. L'ho riscaldato in un piccolo forno a microonde, portandolo a temperatura ambiente. Ho acceso candele e un bastoncino d'incenso al sandalo. L'aroma riempì la stanza mentre aspettavo che arrivasse la donna.

Ho esaminato la stanza. Il mio lettino da massaggio era rotolato in un angolo. Per questo, avevo gonfiato un materasso ad aria. È stato più facile usarlo per questa forma di massaggio rispetto a un lettino tradizionale. C'era un piccolo trittico dietro il quale il cliente poteva spogliarsi. C'erano degli asciugamani su uno scaffale, anche se questo massaggio richiedeva che fossimo entrambi nudi. Tuttavia, darle l'illusione della privacy quando si spoglia nuda aiuterebbe ad alleviare il suo nervosismo.

Un attimo dopo, qualcuno bussò. Lee poi aprì la porta, un sorriso luminoso sul viso. “Ora Zoey ti farà sentire incredibile. Fidati di me, ha le dita magiche.

"Sì, l'ho notato", disse la casalinga arrossendo mentre entrava nella stanza, il suo corpo tremante.

"Bene, divertiti", fece le fusa Lee. Mi fece l'occhiolino e poi chiuse la porta.

Un brivido mi percorse. “Beh, uh...” arrossii. "Mi dispiace, non ho capito il tuo nome."

"Olivia", disse, le sue mani aggrappate alla cinghia della borsa mentre si spostava. La sua fede nuziale brillava alla luce delle candele. «Olivia Wright.»

«Be', Olivia», dissi, «spogliati nuda dietro il tramezzo, poi sdraiati a pancia in giù sul materasso ad aria e cominciamo.

"Oh ok." Le sue guance arrossirono. "Nudo? Anche le mutandine e il reggiseno?"

«Non vuoi rovinarli», dissi. "Il petrolio andrà ovunque." Le feci l'occhiolino mentre passavo il dito nella ciotola del gel nuru.

Deglutì e poi si precipitò dietro lo schermo. Appese la borsa all'angolo. Rabbrividii quando sentii il rumore di vestiti che frusciavano. Mi morsi il labbro, immaginando il suo corpo nudo, la mia figa sempre più calda. Era una donna meravigliosa. Facendo l'amore con mia madre e mia zia conoscevo le delizie di una bellezza matura.

La mia lingua guizzò sulle mie labbra mentre lei drappeggiava la camicetta sul trittico, coprendo l'immagine delle orchidee in fiore, un arcobaleno di bellissime sfumature. Feci un respiro profondo, i miei capezzoli premevano forte contro la vestaglia di seta. Apparve la sua gonna. Potevo vedere la parte superiore della sua testa che si spostava.

Ho quasi piagnucolato quando il suo reggiseno è arrivato dopo, le coppe erano di un beige chiaro e rifinite con un'eccitante quantità di pizzo. La sua testa svanì e potei sentire lo scivolare della stoffa che scivolava sulla pelle. Strinsi le mani, un brivido caldo mi percorse.

Le sue mutandine si unirono al reggiseno, rosa pallido.

La sua testa sbirciò da un lato. I suoi occhi erano spalancati. Le sue guance erano rosse. "Niente asciugamano o altro?"

"Olivia", ho fatto le fusa, slacciandomi la vestaglia e aprendola, "Strofino il mio corpo contro il tuo". Sentivo i suoi occhi sul mio corpo giovane e tonico. Mi sono allenato ogni giorno per rimanere agile e agile, in forma e in forma. I miei grandi seni si sollevarono mentre sfilavo la seta dal mio corpo, rivelandomi a lei. “Devi essere nudo per quello. Fidati di me. Non c'è niente di sessuale in un massaggio nuru.

Lei deglutì, le guance rosse. Sapeva che stavo mentendo, ma se ne aggrappò per calmare il suo nervosismo. Scivolò fuori da dietro il tramezzo, il braccio destro che le copriva le tette, un capezzolo rosa scuro che faceva capolino tra le sue dita, la mano sinistra che le copriva la figa, tenendosi a coppa il suo tumulo. Capelli castani spuntavano dai lati. Sembrava così vulnerabile. Le sue labbra carnose. Il suo naso audace. Le sue guance rosse. Aveva una graziosa fossetta sul mento.

Le andai incontro e le presi la mano destra, allontanandola dai suoi seni rotondi. Erano adorabili, un po' cadenti, ma comunque belli. Sussultarono mentre la allontanavo dal trittico. La fissai negli occhi e continuai a sorridere.

"Siamo solo noi ragazze", ho fatto le fusa. "Rilassare."

Lei deglutì. "Bene."

Quando raggiunse il materasso ad aria, ci scivolò sopra. Si increspò e il vinile scricchiolò contro la sua pelle. Il suo culo era frizzante e carino. Le sue gambe erano flessuose. Aveva una leggera abbronzatura, questa povera donna aveva bisogno di prendere più sole, ma era solo sulle gambe e sulle braccia. L'estate scorsa non era fuori in costume da bagno a bere sotto i raggi della California.

Mi sono inginocchiato accanto a lei. Aveva la testa appoggiata sul materasso di vinile viola, gli occhi fissi su di me. Ho afferrato la ciotola e l'ho avvicinata. Poi ho immerso le dita nel gel trasparente. Li ho tirati fuori. Il gel Nuru era così appiccicoso che si è rovesciato in un foglio solido dalla mia mano. Me lo portai al seno, lasciandolo traboccare su di me. Gemetti al caldo contatto del gel sui miei capezzoli. L'ho versato giù per la pancia verso la mia figa rasata.

"Hai un tatuaggio di unicorno", disse la donna. Poi strinse gli occhi.

Sorrisi, guardando il mio unicorno bianco che saltellava lungo le mie pudende rasate. “Mmm, lo voglio. Puoi guardare. Non mi dispiace.

I suoi occhi si aprirono. Si spostò sul materasso ad aria mentre le mie mani coprivano il mio corpo. Ho lavorato il gel nella mia carne. Rabbrividii, massaggiandomi lo stomaco, facendo scivolare le mani sul mio tumulo pubico. Ho spazzolato il mio unicorno, accarezzando il corno del tatuaggio. Il gel caldo gocciolava sulle labbra della mia figa. La mia mano lo allargò alle mie cosce. Mi ha ricoperto. Luccicai, sentendo lo spesso strato di sostanza cattiva che adornava il mio corpo.

Coperto, mi sono spostato su di lei. Il materasso ad aria si era increspato sotto le mie ginocchia scivolose. Mi chinai su di lei, accarezzandole la schiena con le mani. “Sto solo per premere il mio corpo contro il tuo,” dissi facendo le fusa. “Questo è un antico metodo di massaggio giapponese. Rilassati, va bene?"

"Okay," piagnucolò mentre le premevo le tette contro la schiena.

Gemette al contatto dei miei grossi monticelli soffici e dei capezzoli duri. I miei boccioli pulsavano. Il piacere mi increspò, scendendo nella mia figa. Ho premuto il mio peso su di lei, sistemando il mio inguine contro la sua groppa, sentendo la sua piacevole curva. Mi accarezzai contro il suo orecchio, scostandole i capelli.

"Rilassati e divertiti", ho fatto le fusa.

Feci scivolare i miei seni su e giù per la sua schiena, sollevando il culo in aria. I miei capezzoli pulsavano mentre accarezzavano la sua pelle morbida. L'ho ricoperta di gel scivoloso. Non c'era quasi nessun attrito. Le mie tette scivolavano sulla sua carne con facilità.

La mia figa è diventata sempre più calda, bevendo il formicolio dei miei capezzoli. Ho premuto la mia figa nel suo culo ogni volta che le ho fatto scivolare le tette su per la schiena. Per un momento, la mia clitoride si è sfregata contro il suo sedere pieno di bolle, dandomi un rapido assaggio di passione.

Poi sono scivolato di nuovo su di lei, accarezzandola con le mie tette. Rabbrividii, i formicolii mi percorrevano il corpo. I miei capezzoli si contraevano e pulsavano contro la sua schiena. Questo calore malvagio cresceva e cresceva dentro di me mentre la massaggiavo.

"Oh, questo è... questo è carino," fece le fusa Olivia. Lei si spostò sotto di me, dimenando le spalle.

Massaggiare le mie protuberanze.

"Te l'avevo detto," dissi facendo le fusa, sistemando il mio peso su di lei. Questa volta le ho massaggiato il sedere con il mio inguine liscio. Schiaccio la mia clitoride contro il suo culo, i miei fianchi si dimenano. Le strusciai di nuovo contro l'orecchio, leccai il suo lobo. "Rilassati e lascia che il mio corpo porti via tutta la tua tensione."

"Uh-huh", gemette, tremando sotto di me. I suoi fianchi si mossero, strofinando il sedere contro il mio clitoride.

Scintille volarono dentro di me.

Rabbrividii, amando questo massaggio impertinente. Il calore si increspò nel mio corpo. Mi mordo il labbro, la mia fica diventa sempre più calda. Queste meravigliose sensazioni si incresparono attraverso il mio corpo. Il cuore mi martellava nel petto. I miei capezzoli pulsavano contro la sua schiena. Mi appoggio su di lei, massaggiandola. Amavo la sensazione di lei sotto di me.

La mia passione ha costruito e costruito, ma questa era solo un'anteprima. La vera delizia stava per cominciare.

«Ora», feci le fusa, sollevando il mio corpo in fiamme dalla sua carne, la sua schiena ricoperta di gel viscido, «girati. È ora di fare la tua parte anteriore.

"Oh, wow," piagnucolò. "Veramente. Quello... quello...”

"Non vuoi che ti rilassi?" I asked, my gel-coated tits swaying above her. She looked at me over her shoulder, shifting on the air mattress. I grinned at her, my brassy hair falling about my face. “Don't you want to achieve that... climatic moment of relaxation.”

She let out a groan. The sexy, married woman turned over. Her breasts jiggled, gravity pulling them into two plump mounds. Her nipples thrust hard. She licked her lips as she twitched. I grinned at her and pushed my right leg between her thighs, pushing them apart.

Then my left leg slid in.

I lowered myself down to her body, my pussy burning. I stared into her brown eyes as my breasts kissed hers. My slick belly rubbed against her flat stomach. My pubic mound pressed against hers. Her ticklish bush caressed my shaved pudenda. My pussy lips and clit drank in the sensation.

“Oh, my,” she gasped as I wiggled my hips, grinding my clit against hers. “I... I...”

“Mmm, just enjoy the massage,” I told her, staring into her eyes as I squirmed my body against hers.

I tribbed her.

The married woman shuddered beneath me as I rubbed our pussies together. My slippery nipples slid across her breasts. They brushed her hard nubs. Sparks burst through me. The hot embers landed in my molten pussy, joining the heat churned by my clit rubbing into her pussy lips.

Her silky pubic hair teased the shaved folds of my pussy as I flexed my ass. I ground into her, massaging her bud. She gasped and moaned, pleasure spilling across her face. She squirmed beneath me, increasing the delight.

“Mmm, yes, yes,” I purred. “Don't you just feel more and more relaxed.”

“I feel something,” the woman groaned. “I can't believe this is happening.”

“Just enjoy it,” I purred, staring into her eyes. This intimacy built between us. I shuddered, grinding on her pussy. My forehead pressed against her temple. My nose brushed her. I felt her breath washing across my face, hot and excited. “Enjoy your massage.”

“Yes!” she whimpered, her hips moving. Her pupils dilated, her eyes growing so dark.

Her hands found their way to my back. She stroked me as we tribbed. Our clits and pussies rubbed together. I shuddered, massaging her. I kept staring into her eyes as I brought us both closer and closer towards that shuddering moment of pure relaxation.

She groaned. She gasped. She quivered beneath me. My pussy grew hotter. My juices leaked out of me. Did she feel the heat of my passion? Did she feel my cream dribbling out of me and coating her juicy twat? Her silky pubic hairs rubbed against me now while her slippery body squirmed beneath me.

Her hands moved down my back.

“Oh, Zoey!” she gasped, trembling beneath me. Her hands grabbed my ass. She squeezed me, pulling me tight. “I've never... never had a female masseuse. This... this...”

“But you've always wanted a woman to... massage you,” I purred, grinding my clit against hers.

“I've thought about it!” she moaned. Her fingers bit into my rump. “I've been getting more and more curious and... and... Yes!”

She achieved relaxation.

Her body quivered beneath mine. Her pussy felt hotter. Her juices bathed my clit. Our nipples kissed, throbbed. Her lips found mine. She kissed me with hungry passion. I shuddered against her, trembling atop her.

My clit brushed hers.

Sparks exploded.

I joined her in relaxation. I trembled atop her. I squirmed and groaned, grinding into her. My tongue dueled with hers. My lips moved atop hers. This was so wild. I shuddered as we both groaned and gasped. I dueled with her. I caressed her, feasted on her. Our tongues darted together. They danced and dueled.

We pleased each other.

It was incredible to feel. Waves of rapture washed out of my spasming pussy. My juices gushed out of me. I trembled on her, groaning in the kiss. She whimpered beneath me, fingers gripping my rump as we both trembled through our orgasmic rapture.

She broke the kiss, her eyes wild. She whimpered as she squirmed beneath me. Her tongue darted over her lips. Her eyes danced around. She rubbed her nose against mine. I grinned at her, loving the passion in her eyes.

“Oh, Zoey!” she moaned, still squirming, rubbing our pussies together. “I want... I want...”

“What?” I asked. “You want us to do some consenting behavior?”

She nodded her head.

“I know what you want,” I purred, shifting on her. I could feel the passion brimming in her. I turned around on her body, the nuru gel slicking the way.

The air mattress groaned beneath us as I turned all the way around, straddling her head, my large breasts rubbing into her flat stomach. I stared down at her soaked bush. It half-hid the thick folds of her pussy. I grinned as I smelled the mix of our pussy juices on her. Her spicy cunt mixed with my tangy twat.

My mouth watered.

“Oh, my,” she groaned as she stared up at my shaved pussy.

I leaned down to give her a wicked tongue massage. Maybe we should add that to the list. Just licking a woman's entire body. It would be hot. I groaned, salivating, then buried my face into her furry muff.

I licked through her folds, my tart juices mixed with her spicy musk. I soaked her when I came. The married woman squirmed beneath me, Her breast rubbed into my belly while my nipples throbbed against hers. Her breath caressed my pussy as I plunged my tongue into her spicy depths.

I only tasted her.

She groaned and quivered beneath me. Her hands grabbed my rump again. She pulled me tight against her. A tremble raced through her body. A throaty groan rose from her lips. Then the married woman took her first lick of a woman's pussy.

My pussy.

I shuddered atop her as her tongue brushed over my clit then teased the folds of my pussy. I moaned into her snatch, my tongue buried deep in her. I wiggled around in her as she dove in for a second lick. A third. She caressed my pussy.

“That's good,” she groaned. Her tongue fluttered through my folds. “Oh, Zoey, that's really good.”

“Mmm, it is,” I purred and then sucked on her pussy lips, her soaked pubic hair tickling my face.

She shuddered beneath me, her fingers biting into my rump. She thrust her tongue into my depths, stirring it around in me. I groaned. My eyes fluttered as the heat billowed through my body. I shuddered on top of her, my eyes blinking fast.

This was an incredible delight that swelled through me. Her tongue stirred me up. She caressed my pussy lips, her fingers digging into my rump. I groaned into her snatch, licking and nibbling. I teased her pussy lips and clit.

She squealed when I sucked on her bud.

“Zoey!” she moaned between hungry licks. “Ooh, yes, yes. Mi piace. That's great.”

Her lips found my clit.

We sucked on each other, her bold nose rubbing into my pussy folds. I quivered atop her, another wonderful orgasm building and building in the depths of my cunt. I squirmed atop her, grinding my pussy into her face.

My juices flowed out of my snatch as she nursed on my bud. She sucked and nibbled, copying me. I taught her how to love cunt. I circled her clit with my tongue. I teased her with my fluttering caresses. She quivered beneath me, her breasts rubbing against mine.

I plunged my tongue into her spicy depths.

Her tongue buried into my twat.

I nibbled on her labia; she nibbled on mine.

We loved each other. Her spicy cream filled my mouth over and over. I gulped down her pussy juices, savoring this married woman. Her fingers dug into my rump, holding me tight while our slippery bodies squirmed together.

Her nipples rubbed into my belly. Mine ached against her stomach. I whimpered; she groaned. Our tongues caressed the other's snatch. We teased each other. Drove each other wild. Her licking grew bold, frantic.

Her tongue fluttered over my folds.

“Oh, yes, Olivia!” I moaned, trembling on her. “Just like that. I'm going to... to...”

“Cum?” she asked. “Make me cum, Zoey! I'll make you explode!”

“Yes,” I whimpered, my fingers moving.

I thrust two digits into her twat. She gasped, her married pussy clenching down around my digits. I felt so wicked and wanton. Her husband had this beautiful woman. He should be loving her. He wasn't. What a pity.

My fingers pumped in and out of her twat. I buried them again and again into her. I plundered her pussy. She quivered beneath me. She whimpered and groaned. Her passion surged around me. It was incredible to feel her pussy soaking my fingers.

“Zoey!” she gasped then sucked on my clit.

“Cum!” I moaned. “Let yourself go!” I licked her bud and jammed my fingers deep into her pussy.

Her orgasm burst through her. Olivia gasped beneath me. Her tits rubbed into my belly while her pussy convulsed around my fingers. I plundered her married depths, licking up her spicy cream that gushed out around my digits.

This wicked thrill shot through me. She moaned around my clit. My ass clenched beneath her fingers. Then I joined her in ecstasy. The pleasure swept through me. Hot winds of rapture that slammed euphoria in my mind.

“Yes, yes, yes!” I howled, loving giving my first professional massage. “Olivia!”

“Zoey!” she gasped, squirming beneath me. “Oh, my! Oh, my, this is amazing!”

She licked at my pussy, gathering the cream flooding out of me. More gusts of searing winds swept ecstasy through my body. Her cunt writhed around my fingers. I lapped up her spicy passion, quivering on her, shuddering, loving her.

Then we collapsed. We panted and groaned. I shuddered, rolling off of her and onto the tiled floor. It was cool beneath me. The air mattress shifted and groaned as she shuddered. I stared up at the ceiling, my body buzzing from my bliss.

“That was amazing,” she groaned. “Ooh, I have to try your other packages. I wish I could stay. I have to pick up my daughter from junior college.”

“Maybe... you should bring her... here,” I said, my body buzzing. “Enjoy a mother-daughter massage.”

Olivia shuddered. “You mean... You would...”

“Massage her,” I purred, sitting up. “Show her the delights that only a female masseuse can give. You know, make sure she's tried it all.”

Olivia licked her lips, her eyes glassy. “Maybe...” She swallowed, a strange gleam appearing in her eyes. “Maybe I will.”

I smiled. I hoped she did. My first massage was great. I was glad Juana had this idea. I couldn't wait for my next client. Especially if it was Olivia with her daughter. I bet she was just as sexy as her mother.

Maybe I could teach a little incest, too.

To be continued...

Storie simili

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

1.1K I più visti

Likes 0

Moglie e sorella scopano duramente

Questo è Alì. Sono un uomo sposato di 32 anni. Sono sposato e mia moglie Niha ha 28 anni ed è una casalinga. Lei è una bella signora. Ovunque vada, i ragazzi intorno non distoglieranno gli occhi da lei. Sono molto fortunato ad averla. La sua taglia è 36-28-40. Ha un seno bello e sodo e un culo rotondo e spumeggiante che oscilla mentre cammina e molte persone per strada aspettano di vedere il momento del suo culo mentre cammina per il mercato vicino. Indossa sempre Sari e talvolta a casa, le piace indossare la notte. Abbiamo avuto una buona vita...

880 I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

777 I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

732 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

679 I più visti

Likes 0

Bella Lilly

Nota dell'autore: se non sei un fan delle storie in cui la maggior parte dei personaggi ha poca o nessuna morale, per favore non leggere questo. Sei stato avvisato. Vai avanti se questo concetto non ti incuriosisce. Ci sono alcune persone malvagie e incasinate in questa storia. Il figlio sessualmente attivo può essere il minore dei mali. Questa non è una storia d'amore spensierata. Il suo pezzo compagno Juicy J è molto più ottimista e spensierato. Sentiti libero di leggere quella storia (sulla sorella di Lilly) se preferisci quello stile. Questo è anche un racconto a strati con diversi personaggi. Un...

480 I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

389 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

354 I più visti

Likes 0

Mia sorella è un cassonetto di sperma

Mi chiamo Zack e la mia sorellina Melinda è il mio cassonetto personale da quando aveva 12 anni. Questa non è una storia d'amore incestuosa. Non è ricatto o coercizione. Mia sorella è solo una troia e adora scopare. Fortunatamente per lei, anche suo fratello adolescente è una fabbrica di ormoni pubescenti che scopa 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Mi capita anche di avere un bel cazzo da 8 e un apprezzamento per adolescenti sexy, atletiche e bionde con pance piatte e tette vivaci. A dire il vero avevo 7 anni e lei ne aveva quasi 6 quando...

221 I più visti

Likes 0

Mi scopo la mamma del mio amico

Alicia che fai stasera? chiesi a mia sorella. Vado a stare con il mio amico a casa sua Pensi di potermelo passare? Come si chiama? Sono sempre stato protettivo nei suoi confronti, e ora che ha 16 anni ci saranno molti ragazzi che cercheranno di approfittarsi di lei. Anche io penso che sia sexy, ed è mia sorella. Non preoccuparti, penso che sia gay. Anzi, gay. Sai? Avevo fretta, non avevo più tempo per interrogarla. Sii prudente urlai mentre uscivo dalla porta. Sono saltato sul mio F-150 sollevato e ho iniziato a guidare. C'era questo night club di 18 e più...

105 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.