Diciannove e conteggio.

1.3KReport
Diciannove e conteggio.

Diciannove e conteggio.

--------------

La sua delicata mano sinistra stava viaggiando in modo irregolare sul proprio corpo inzuppato di sapone, mentre la sua destra stava applicando movimenti piatti, concentrici ed esperti sul suo centro del piacere gonfio e gonfio, irradiando la sua sensibilità esagerata a tutto il suo accovacciarsi sottomesso, parte inferiore del ventre e parte superiore delle cosce. L'acqua calda della doccia della piccola casa con tre camere da letto amplificava il calore indotto dalla masturbazione del giovane diciannovenne. Jessie aveva ormai perso il controllo del ritmo del proprio respiro mentre lottava per mantenere i gemiti involontari a un livello appena udibile e ben camuffato dalla cascata battente della doccia.

Per un secondo si chiese perché fosse una persona così inadeguata. Cercò di aggrapparsi all'idea di essere ancora, in qualche modo, una brava persona. Era sicura di essere in qualche modo una brava persona, anche se doveva ricorrere a questo atto "spregevole" per trovare una parvenza di sollievo per placare o domare la sua sete e lussuria quasi immortali. La sua mente innocente rifletteva sul motivo per cui veniva sempre fuori con immagini scioccamente perverse per ottenere la sua correzione.

"È solo una fase", pensò tra sé. "È solo una fase... Dopo questa sono sicura che tornerò ad essere una normale brava ragazza."

Impassibile, la sua mano sinistra continuò il suo viaggio irrequieto attraverso il suo corpo dolorosamente sensibile, tenendo, accarezzando, pizzicando e occasionalmente palpeggiando vergognose forme voluttuose che erano, di loro spontanea volontà, cresciute dal suo corpo riluttante, un tempo pudico, portando con sé zar di gioia , ognuna delle quali richiedeva attenzioni, cure, tocchi e sculacciate oscene che lei forniva generosamente sotto l'incessante flusso d'acqua.

Ora immaginava il tubo della doccia come i suoi mille amanti immaginari, che continuavano a scuotere i loro membri grossolani e vergognosamente immensi sulla sua abietta nuda bellezza, come se si stessero liberando della loro umida inadeguatezza sulla sua persona ben educata. Jessie poteva sentire il suo climax salire come per affrontare la sfida del gruppo immaginario che si alleviava inesorabilmente con lei. Cercò invano di scacciare dalla sua mente il detestabile sogno ad occhi aperti. Ha cercato di fermare i sintomi crescenti della sua condizione imminente. Ma lei ha fallito...

L'orgasmo la colpì con tutta la sua forza, anche più forte che se non avesse cercato di trattenerlo per così tanto tempo; ancora più difficile che se non avesse cercato di imbrogliare rimanendo il più vicino possibile all'orgasmo, il più a lungo possibile, senza realmente ribaltarsi. Questo tsunami climatico sarebbe ora una meritata punizione per non essere riuscita a impedirsi di venire. Il suo respiro divenne leggermente più forte. Si appoggiò e spinse la sua tenera schiena contro la fredda parete della piccola doccia, facendole venire la pelle d'oca e brividi lungo la schiena. A poco a poco, involontariamente, la sua gamba destra si sollevò da terra, aumentando l'accessibilità al suo clitoride gonfio inzuppato di acqua e succo di figa. Con l'altra gamba, spinse con forza le dita dei piedi sul duro pavimento in modo da ridurre il tremito incontrollato che sicuramente sarebbe arrivato.

Jessie cavalcava le onde e urlava un po' più forte, con il rischio di essere sentita nella stanza accanto dai suoi severi genitori. C'era poco che le importasse a quel punto, quello che contava erano quei mille cazzi, tutti focalizzavano la loro attenzione su di lei mentre continuavano a schizzare il suo morbido ventre affabile, la sua gola, il suo collo e il suo labbro inferiore.

Nel suo stato di beatitudine, incantata e affascinata dalla propria immaginazione e dalle dita tortuose, pronunciava parole incomprensibili solo per le orecchie dei suoi amanti impassibili e incuranti.

“Ohhh... Accidenti. Figli bastardi di demoni!!! Sto per venire ", balenò. " Vieni con me! Per favore, vieni su di me!

Già accecata con gli occhi saldamente bloccati nella parte posteriore della testa, in una spaventosa figura di beatitudine dagli occhi bianchi eppure pittoresca, come per vedere meglio la scena grottesca che il suo cervello pazzo stava generando. La sua mano aveva qualche difficoltà a trovare la punta del tubo. Seguendo il corso d'acqua fino alla fonte, riuscì finalmente a trovarlo, ma non senza interrompere momentaneamente l'orribile cascata che le stava percuotendo la parte superiore del corpo. Con una svolta verso sinistra, Jessie ha cambiato la funzione del tubo dell'acqua da flusso a impulso.

Immediatamente, i mille cazzi accondiscesero alla sua richiesta perversa e trasformarono il loro flusso in un impulso disordinato, un immaginario torrente tanto atteso di interminabile vile liberazione maschile. Un battesimo della sua anima innocente in cui il diluvio diluito di sperma che veniva versato sulla sua pelle di porcellana si mescolava con il suo stesso succo di fica, rendendo inutile il suo precedente sforzo di pulirsi l'interno coscia. Nel suo stato di eccitazione squilibrata, Jessie poteva quasi assaggiarli tutti. Poteva sentirli grugnire, mille gocce d'acqua che colpivano superfici di solidità contrastante, pelle morbida e pavimento duro, mentre mani muscolose inesistenti scuotevano spudoratamente membri sproporzionati che perdevano.


Alcuni getti viscosi dell'acqua vigorosa e pulsante schiaffeggiavano ripetutamente le tette di Jessie e i suoi capezzoli eretti e incoraggiati si aggiungevano al suo straziante piacere. Faceva oscillare e tremare i segni voluttuosi della sua femminilità nella parte superiore del corpo, mentre giocava con i suoni melodiosi quasi celestiali del suo orgasmo cataclismico.

Lentamente, esitante, le sue labbra si schiusero di nuovo, questa volta per permettere all'acqua di entrare nella sua bocca. Poteva assaggiarlo. Giurò che poteva assaggiarlo...

Divisa tra il suo senso di colpa e l'intenso piacere che stava provando, Jessie desiderava che la sensazione orgasmica cessasse. Continuò per quella che le sembrò un'eternità, sostenuta dall'osceno sogno ad occhi aperti delle interminabili e disonorevoli smontate di così tanti uomini sul suo corpo ben arrotondato.

Un'altra ondata la colpì, mentre la sua mano andava più veloce.

"Sto venendo di nuovo..." mormorò. “Io… ehm! Uh!...di nuovo su tutti i tuoi cazzi!!!””

Come una che in trance, rimase trafitta dal potere del suo incantesimo autoindotto, maledizione di una giovane ragazza con genitori severi che la tenevano come una prigioniera. Proteggendola come un tempio santo da preservare per sempre dalle grinfie dei lussuriosi, un mondo che Jessie respingeva parzialmente con la sua mente condizionata ma che bramava e bramava con ogni fibra del suo corpo.

---

La sua mano rallentò gradualmente, il respiro con essa. La sua trance svanì permettendo ai suoi occhi di ritrovare la loro posizione normale. Si guardò l'interno coscia cercando di valutare il danno. Era difficile dire dove iniziava l'acqua e dove finiva il suo sperma. Un'enorme ondata di colpa cadde su di lei. Non importava per quanto tempo fosse rimasta sotto la doccia, non poteva lavare via i desideri sporchi che bruciavano nella sua mente.

Si sentiva sollevata però. Almeno l'impulso doloroso era sparito. Forse se n'era sbarazzata per sempre. Se un orgasmo così potente non avesse avuto allora cosa sarebbe successo? Se un orgasmo così potente non poteva, allora era sicuramente condannata. Ma non voleva pensarci in quel momento.

Ora doveva fare di nuovo il bagno. Movimenti che fino a pochi minuti prima aumentavano il suo piacere, adesso erano sinonimo di disgusto. Ha spento la doccia e la funzione pulsazioni e ha lottato con il rubinetto per sciacquarsi. Evitava lo specchio, incapace di guardare quella ragazza che non riusciva nemmeno a raccogliere la volontà di controllare i suoi impulsi pieni di peccato.

Si precipitò nella sua stanza dove si vestì "come si deve"; strati su strati di materiale destinati a nascondere la sua femminilità ben sviluppata evocativa di un frutto ben maturo e maturo. Doveva raccogliere dell'altro sperma che le colava lungo l'interno coscia. Portò la secrezione più vicino al suo viso. Da esso emanava un odore inebriante e ripugnante che sembrava chiamare il suo nome a ogni inalazione. "Jeeeeessiiiiiiie, Jeeeeessssiiiie." L'intera miscela, un viscoso, morbido e trasparente come uno scarico affabile che aspetta di essere gustato, che implora di essere leccato.

La vista del suo sé semi appiccicoso, che rivesteva le sue dita delicate non era d'aiuto.

Deboli balze nella stanza adiacente le stavano facendo capire che i suoi genitori avevano iniziato la loro routine mattutina. Se non voleva affrontarli e trascorrere i successivi 40 minuti sorridendo contro la sua volontà, allora era giunto il momento di andarsene. Jessie si impossessò rapidamente della sua cartella. Si affrettò lungo il corridoio, passò davanti al bagno. Si potevano ancora sentire goccioline d'acqua, che gocciolavano giù, echeggiando grida erotiche distorte per il suo nome. Jessie avrebbe potuto giurare di averli visti sorridere, un esercito di uomini, in piedi orgogliosi, con i loro falli ancora eretti, che gocciolavano elisir di lussuria per i deboli e gli assetati.

Un'altra ondata piena di rimorso tornò a ricoprire il suo umore. È scappata giù per le scale, scappando dalla sua nuova fantasia, cercando di scappare...

Lampi di carne,
immagini demenziali di una mente lussuriosa.
Perdere battaglia tra moralità e voglie.
Nudità costosa,
cerchi d'amore, capezzoli e tette
sperma vaginale, così maturo, così fresco.

Jessie scende di corsa le scale il più silenziosamente possibile. Nella fretta non si è accorta della figura accanto a lei mentre chiude delicatamente la porta cercando di non fare alcun rumore che possa allertare i suoi genitori della sua presenza.

"ciao Jessie", disse la voce femminile con un accento a cui Jessie si era abituata. "Vai a scuola?"

La voce portava con sé sensazioni e sintomi a cui Jessie, nel corso degli ultimi due anni, aveva cercato di abituarsi. L'umida estate del Mid West ha reso ancora più facile per lei inalare la firma caratteristica del profumo di Elmira, un polline simile al gelsomino di sudore carico di feromoni e profumo di shampoo costoso.

Jessie sentì di nuovo quella strana debolezza alle ginocchia per qualche motivo impossibile da ammettere. Ha iniziato a sudare nei posti più assurdi; i suoi palmi, la sua schiena e il suo accovacciarsi. Non era sicura se l'ultimo fosse sudore o qualche altro fluido più denso.

Mentre si girava per affrontare Elmira, realizzò, proprio come molte volte prima che le sue vane tecniche fallissero. Cercare di convincersi che Elmira fosse una donna e che i sentimenti che provava per lei fossero dovuti sicuramente alla sua stessa timidezza.

A suo merito, questa volta ha provato a fare qualcosa di diverso. Evitava di guardare negli occhi la donna di successo delle vendite. Jessie ha fatto di tutto per tenere lo sguardo basso durante le cordialità, i saluti, i "come stai e come va l'ultimo anno di scuola". Ma proprio come le volte precedenti, si sorprese a fissare le gambe snelle, avvolte nei jeans più attillati. Gli occhi di Jessie indugiarono sulla punta di cammello visibile di Elmira. Se avesse guardato abbastanza a lungo avrebbe potuto distinguere i capezzoli che spingevano attraverso il reggiseno imbottito. Il corpo dell'immigrato di 42 anni era in qualche modo la replica di Jessie in una struttura più forte e un petto leggermente più grande.

"Perché hai un'aria così triste?" Chiese Elmira con tono preoccupato, captando le silenziose grida emotive di aiuto di Jessie

“Io... sto bene”

"Non ti hanno fatto di nuovo la predica, spero." continua Elmira avvicinandosi.

"NO! NO! È solo che…”

«Guarda, Jessie. Non devi dirmelo. Capisco. Anch'io ho avuto 19 anni e anche i ragazzi hanno avuto lo stesso effetto su di me.

Elmira fissò gli occhi umidi di Jessie, cercando di forzare un sorriso che non sarebbe arrivato. Si avvicinò ancora di più a Jessie che ora singhiozzava e avvolse le mani intorno a lei in un caldo abbraccio premuroso. Jessie sentì le morbide mani che le attraversavano le spalle e il collo. Sentì la leggera pressione dei loro seni combinati, maldestro tentativo involontario di riallineare i loro capezzoli quasi a contatto.

I sensi di Jessie erano sovraccarichi. Lei tutto sommato si sentiva al sicuro. La voce dolce, il tenero tocco sulla pelle febbrile che desidera un tocco, specialmente quel tocco.

"Mi sento come se stessi impazzendo", ha confidato.

"Perché vorresti dirlo? Sei una delle ragazze più intelligenti che conosca Jessie. E sono stato in tutte le case di questa parte della città.

"Grazie Elmira, sei gentile", disse Jessie con voce ansimante, mentre la sua stessa mano passava lentamente intorno alla vita di Elmira. "A volte, è come se sapessi cosa dovrei fare, ma tutto il mio corpo mi dice di fare qualcos'altro. E non ha alcun senso. Ed è come se mamma e papà mi raccontassero queste folli storie su chi dovrei essere e cosa dovrei fare. Ma... io... E...”

"va bene! Va bene!" interruppe Elmira mentre teneva per mano Jessie. “Dimentica tua madre e tuo padre per un po', sono solo preoccupati per te, tutto qui. Senti, questo sabato ti porterò a una serata tra ragazze e questa volta non ti vergognerai di me...”

"Ma. Mamma e papà non mi lascerebbero mai uscire...”

"Beh, chi dice che devono saperlo." rispose Elmira strizzando l'occhio.

Detto ciò, raccolse l'armamentario dei suoi prodotti di bellezza e si diresse verso la porta.

Jessie ammirava la donna per la quale aveva un'evidente cotta salire i gradini della porta con il suo perfetto culo blu jeans che spazzava l'aria, proliferando il suo fertile odore recentemente accentuato. Jessie si voltò e si diresse verso i suoi ultimi giorni di scuola estiva con un sorriso radioso che nessun messaggio meschino o beffardo sul cellulare avrebbe potuto detronizzare fino a sabato.

Elmira si è scusata con la signora Miller non appena è entrata in casa e ha chiesto del bagno. Rimase lì per un po', ancora sotto shock per quello che le era successo. Sembra che Jessie non sia stata l'unica ad essere eccitata dall'abbraccio consolante. Si rinfrescò un po' e girò la maniglia della piccola porta del bagno dove il tubo della doccia continuava a gocciolare a intermittenza.

“Allora, signora Miller, voleva vedere il nuovo Yves Saint Laurent? Il tuo uomo lo adorerà su di te.




----

Il sabato era finalmente arrivato, ma non dopo aver fatto aspettare un'eternità straziante ai suoi due clienti, come una diva sul palco, prolungando in modo impossibile la sua ultima nota e mantenendo il pubblico in attesa in una posa gelida pre-applauso.


Elmira aveva detto al genitore di Jessie che i suoi due adolescenti stavano organizzando una festa di giochi da tavolo a casa sua. Dopo un'indagine approfondita, i Miller avevano concesso di lasciar andare la figlia, una volta scoperto che la stessa Elmira avrebbe tenuto d'occhio il giovane branco e avrebbe ripreso Jessie quando il gioco fosse finito.

Non c'era nessun gioco da tavolo. E gli adolescenti erano già partiti da tempo per le vacanze estive nella casa del padre in South Carolina. Invece, Elmira aveva portato Jessie in un bar dove aveva introdotto la ragazza all'alcol e agli spogliarellisti. Jessie ha avuto il tempo della sua vita. Era anche entusiasta di trascorrere un po' di tempo con Elmira, a cui si stava affezionando di ora in ora.

Dopo la confessione sessuale di Elmira di avere più amanti dal suo divorzio, Jessie ha confidato che tecnicamente era ancora vergine, ma che di tanto in tanto si masturbava con una spazzola per capelli scelta appositamente che fungeva anche da dildo da 4 pollici. Jessie ha anche spiegato quanto fosse in conflitto tra la sua sessualità, i suoi genitori e la morale imposta dalla religione.

“Jessie! Ascolta», iniziò Elmira. “Tutto ciò che riguarda la religione è garantire che non danneggiamo gli altri. Da qualche parte lungo la linea quel messaggio è stato distorto nell'opprimere le persone affinché aderissero a determinate norme culturali che sono, il più delle volte, contraddittorie al principio del non danno ".

"Che cosa?" Gridò Jessie cercando di dare un senso a tutto ciò attraverso il rumore e il leggero ronzio.

“Diciamo solo che la maggior parte della religione è BS. Finché sarai una brava persona, starai bene. Inoltre,” continuò Elmira ancora sorseggiando una bibita di forma triangolare dallo strano colore “Non aver paura di ascoltare il tuo corpo.”

"Il mio corpo? Penso che il mio corpo sia un po' pazzo.

"È così? Che razza di pazzia ti sta dicendo allora? domandò Elmira.

"Mi sta dicendo che voglio farmi scopare stasera", ha gridato la ragazza, scherzando, con un sorriso sopra la musica elettronica ad alto volume.

"Questo può essere organizzato."

Jessie sentì una flotta di farfalle correre attraverso il suo corpo alla risposta di Elmira al suo commento quasi scherzoso. Elmira stava già tirando fuori il cellulare e premendo i tasti, evidentemente cercando di raggiungere uno dei suoi tanti amanti. Se voleva smettere, l'occasione era adesso. Lei non... La musica era comunque troppo alta.

Il piano di Elmira era semplice. Ha chiamato uno dei suoi giocattoli da uomo preferiti facendogli sapere che sarebbe passata per qualche azione. Una volta lì e una volta spenta la luce, Jessie avrebbe preso il posto di Elmira e se avesse scoperto: "Beh, conoscendo Chris, sono sicuro che gli piacerà ancora di più..."


-------------


Finalmente sentì il pomello della porta dell'appartamento girare. Jessie vide la bellezza familiare venire a liberarla dagli strani sguardi delle persone che si facevano strada da e verso l'ascensore del complesso di appartamenti. Lo sguardo degli estranei però non era stato così duro come l'anticipazione.

«Scusa se ti ho fatto aspettare fuori», sussurrò Elmira. Allungò il braccio e trascinò Jessie all'interno dell'appartamento. Ovviamente ha avuto qualche difficoltà nel cercare di impedire che il suo seno nudo fosse visibile dall'esterno dell'appartamento.

L'appartamento stesso era appena illuminato da una candela come un lampadario. Jessie ha avuto difficoltà a cercare di distinguere i mobili, per non parlare delle linee superbe di Elmira. Aveva visto abbastanza però grazie all'illuminazione del corridoio e l'immagine incisa del corpo nudo della MILF aveva a sua volta inciso una forma rettangolare croccante e leccabile su ciascuno dei suoi seni color avorio.

“Sta aspettando nella stanza. L'ho preparato per te...”

"Cosa intendi?"

“Shhhh... Non così forte. Entra e divertiti un po'".

Elmira stava già spingendo Jessie nella camera da letto ancora più buia. Si scorgeva il bordo di un letto e quella che sembrava la sagoma di un uomo nudo disteso sulla schiena.

Esitanti passi avanti finché i tuoi piedi non incontrano il bordo di legno del letto,
Frontiera della tua giovinezza, ultimo custode della tua innocenza
Sai che puoi, ma non sei sicuro di doverlo fare.

Jessie si arrampicò lentamente sul letto e le sue mani e le sue ginocchia entrarono in contatto con i duri muscoli del polpaccio. Ha continuato il suo viaggio in avanti, portata dalla sua stessa crescente eccitazione. Con una mossa maldestra, il dorso della sua mano tocca una borsa morbida alloggiata tra le gambe di Chris. È molto più morbido di quanto avesse immaginato che fosse. La sua carezza involontaria sul suo partner sconosciuto è accolta con un lieve sussulto. Per una frazione di secondo la sua mente cercò di formulare domande logiche per spiegare la situazione oscena e indecente. “Perché i testicoli sono così morbidi e così vicini a qualcosa che si dice sia così duro? E perché geme di piacere? Non sa quanto sia sbagliato tutto questo?

Fa un altro passo avanti strisciante. Questa volta, è il suo seno destro che accarezza il cazzo completamente eretto di Chris, lasciando una sottile scia di morbido pre-cum muschiato e provocando un gemito più forte dal giocattolo dell'uomo che nasconde il suo stesso gemito. Mentre la sua tetta rompe il contatto con il suo cazzo, tutto il suo corpo si piega leggermente verso l'alto, chiedendo un bis che Jessie non è sicura di dover dare.

"Allora, cosa succederà questa volta, Eli?" disse la profonda voce maschile. "Sei la ragazza pudica della scuola o la puttana del dirigente aziendale?"

Jessie meditò sulle sue opzioni per un po' e decise di non dire una parola. Continuò ad avanzare e si fermò sopra Chris senza ancora toccarlo. Poteva quasi sentirlo respirare. L'aria umida dell'estate che filtra da una sottile fessura della finestra.

È tempo. Si sente pronta.

Lentamente abbassò la sua posizione accovacciata sul duro cazzo che puntava verso il cielo. Poteva sentire la propria abbondante umidità facilitare il lento inserimento. Poteva sentire il suo enorme cazzo aprire la porta all'inizio della sua vita adulta, un'entrata lenta e timida che portava con un leggero pizzico di dolore attenuante e un enorme secchio di piacere umido.

Jessie sussultò in estasi, anche se non ci aveva provato anche lei. Gemette di gioia mentre le sue mani si stringevano sui lisci pettorali di Chris. Lei risalì lentamente fino alla punta del suo cazzo, lasciando uno strato di succo di figa spalmato sul suo pene, chiara prova della sua maggiore età, poi tornò giù, più in profondità e un po' più velocemente. Ripeté il movimento ancora un paio di volte, ogni volta un po' più in profondità, e le sembrò che ci fosse ancora un po' di cazzo su cui scendere eppure si sentiva già piena. Questo era decisamente più grande del manico del suo pettine per capelli.

Ogni penetrazione sembrava costruire sulla torre di eccitazione precedentemente costruita, portandola a nuove altezze che pensava non fossero possibili senza raggiungere l'orgasmo. I suoi gemiti stavano diventando più forti ora. Chris stava grugnendo silenziosamente in sincronia con la sua melodiosa scopata.

"Eli", gridò Chris tra gemiti sommessi, "se questo è il gioco della tortura... Se questo è il gioco della tortura... sono pronto ad arrendermi".

Jessie stava a malapena prestando attenzione a Chris adesso. Era persa nella dolcezza della sua prima scopata. Poi, sentì il cazzo di Chris diventare più grande dentro di lei, nel profondo di lei, mentre i suoi gemiti diventavano forti grugniti. Jessi sentiva che anche lei era vicina, molto vicina. Poi di nuovo si era sentita così per tutta la notte. Questo era un po' diverso però. Sembrava più potente. Le sembrava che stesse per accadere un evento importante. Qualcosa che voleva, qualcosa che aveva temuto per così tanto tempo, e che ancora temeva. Stava per venire e ha lasciato che un altro uomo le venisse dentro.

---

Ci fu un leggero rumore alla porta.

“Ehi Chris, non spaventarti, sono io. Elmira”

Jessie rallenta la sua cavalcata sul cazzo malconcio di Chris per voltarsi verso la porta. La luce si accese, inondando l'elegante nido d'amore di una tenue luce gialla. Elmira era in piedi accanto alla porta della camera da letto, nuda con i tacchi alti. Si avvicinò alla coppia fornicatrice e iniziò a baciare sulle labbra uno sbalordito Chris.

Jessie capì che il bacio era la silenziosa approvazione di Chris che stava aspettando. Continuò da dove si era interrotta prima dell'interruzione. Questa volta ha potuto vedere il muscoloso corpo trentenne di Chris. Non era diverso da quello su cui aveva fantasticato. Poteva anche vedere le tette di Elmira oscillare, scuotersi e accarezzare il braccio e il petto di Chris mentre dava una nazionalità al loro bacio con la lingua.

Jessie si dedicò completamente alla sensazione e ricordò il precedente consiglio di Elmira. "Ascolta il tuo corpo". Voleva che la sua prima volta includesse Elmira. Voleva assaggiarla. Continuando a cavalcare freneticamente, le sue mani si protesero per raggiungere la testa di Elmira. Jessie l'ha avvicinata e da qualche parte ha trovato il coraggio di dire e fare ciò che non aveva fatto per così tanti anni.

"Ti amo Elmira," Jessie sussurrò dolcemente quasi senza fiato.

Elmira si è eccitata per la tenerezza del suo tono. Allungò la mano e accarezzò i capelli di Jessie un paio di volte prima di infilarsi la lingua in bocca per massaggiare la sua. Con l'altra mano Elmira strinse delicatamente il seno ei capezzoli di Jessie.

Il corpo di Jessie stava facendo tutto il pensiero ora. La sua crescente aura di piacere aveva completamente avvolto la sua mente impedendole ogni tentativo di esprimere sensi di colpa, eppure irradiava tutta la passione e le richieste depravate che il suo corpo desiderava. Voleva di più. Anche più di quanto la sua povera mente giovanile potesse sopportare. In quel momento di pura passione disinibita, le sue vere voglie emersero.

Tra baci e luppoli, ha avvicinato la testa di Elmira per un altro messaggio, questo non così tenero.

“Fanculo la mia bocca, sporca puttana. Trattami come un giocattolo», gridò Jessie nella sua trance ansimante. So che lo vuoi."

Jessie notò l'esitazione negli occhi di Elmira. Sapeva che Elmira teneva troppo a lei per comprendere appieno ciò che le stava chiedendo. Un suono acuto riempì la stanza mentre Jessie schiaffeggiava Elmira, facendo quasi perdere l'equilibrio sul cazzo su cui stava rimbalzando. Per un breve secondo Elmira rimase sconcertata e inorridita dalla sporcizia e dalla perversione che provenivano dall'adolescente pudica che presto sarebbe stata deflorata. In una risposta naturale e non programmata, la mano di Elmira si mosse. Ha schiaffeggiato le grandi tette di Jessie con la mano sinistra, poi subito seguita da uno schiaffo sulla guancia con la destra.

Jessie rimase senza fiato per l'evidente beato piacere per l'aggressività aggiunta. Ha avuto appena il tempo di ricomporsi ed Elmira era già in piedi sul letto di fronte a lei e spingeva la sua figa bagnata tra le labbra, la lingua e il mento delicati dell'adolescente.

Questo era un po' troppo da gestire per un primo timer. Un cazzo duro nella sua figa che perde. La donna che amava, non solo presente, ma nuda, che baciava alla francese lei e il ragazzo giocattolo che stava cavalcando, le sue tette che rimbalzavano e perdevano deboli tracce di latte sul suo corpo. E ora stava forzando la sua fessura bagnata e gonfia sulla sua giovane bocca...

"Sto per venire..." mormorò dolcemente Jessie. La sua voce si affievolì nella vigorosa perversione del momento. "Posso per favore venire sul tuo cazzo?"

Elmira ha rotto il suo cunnilingus forzato per ammirare il climax deflorante. Jessie però non stava aspettando una risposta. I suoi occhi stavano già roteando nella parte posteriore della sua testa come per ridurre il sovraccarico emotivo causato dalle simulazioni combinate del cazzo e della figa che ora martellavano sulla sua stessa figa e bocca.

Rispondendo ancora ai suoi desideri primordiali, Jessie interruppe il cunnilingus e tirò via il cazzo di Chris. Cavalcò l'ultima ondata del suo orgasmo sulla bocca di Chris, strofinando i suoi succhi ancora gocciolanti su tutto il suo viso carino.

Chris, che l'aveva trattenuto per un po', ora ha rilasciato la pressione che si era accumulata, una volta realizzato che Jessie era venuta. Ha iniziato a scaricare il contenuto delle sue palle strette, sparando il suo seme su tutta la schiena di Jessie.

Nessun succo sarebbe andato sprecato; Non sotto l'orologio di Elmira. Mentre si strofinava la figa incustodita, leccò lo sperma del giovane con ripetuti movimenti verso il basso che prolungarono l'orgasmo di Jessie.

Jessie era insaziabile però. Voleva tutto. Tutto ciò che aveva sempre desiderato. Aveva aspettato così a lungo, negandosi i piaceri della giovinezza per genitori immeritevoli e alcuni preti senza Dio. Oggi voleva tutto. Tutto. Voleva tutte quelle cose di cui aveva sentito parlare molte volte dai suoi compagni di scuola. Tutte le cose che aveva intravisto prendendo in giro e provocando e-mail e messaggi di testo. Tutte le cose che la sua stessa mente aveva fantasticato.

Voleva fotterli con tutto quello che aveva, con tutto quello che poteva; mani, figa, bocca e culo. Voleva fotterli così, e poi rimuovere tutte le prove di questo osceno fallimento nell'autocontrollo ripulendo il loro cazzo e la loro figa da tutto il succo di fica, sperma e succo di culo.

Si staccò dalla faccia di Chris, lasciandolo finalmente respirare. Si voltò e sorrise a Elmira che ora si stava massaggiando freneticamente la figa. Si prendeva cura del cazzo di Chris succhiando e baciando il suo fallo ancora duro, aggiungendo la sua saliva più densa al pene già umido e pieno di odore, succhiandolo come un predatore farebbe con l'ultimo osso dell'ultima preda sulla terra.

Si dilettava della consistenza del cazzo di Chris. Una pelle morbida e pastosa, sotto la quale poteva sentire il muscolo più duro che rispondeva con scosse involontarie a ogni suo bacio e carezza.

Jessie quindi tenne saldamente la base del suo cazzo e si sedette su di esso, inserendo centimetro dopo centimetro del cazzo scivoloso nei suoi buchi più stretti. Si appoggiò un po' all'indietro e lo colpì mentre il cazzo andava più in profondità di quanto il suo dildo "di merda" avesse mai avuto.

“Ohhhhhhhh. fottimi il culo! Devi fottermi il culo!

Dopo il piacere iniziale del cazzo eretto di titanio che le passava attraverso lo sfintere, allargò di più le gambe e tirò di nuovo la testa di Elmira verso di sé. Questa volta attaccò il viso di Elmira sulla sua figa e sul suo clitoride mentre da sotto salivano suoni sciatti di penetrazione anale, facilitati dal lubrificante più naturale, una miscela di tutti i succhi che l'uomo e la donna potevano fornire;

Tutti hanno scopato e si sono rallegrati in questo raro momento. Il raggiungimento della maggiore età di una tenera donna. Una vera ninfa in divenire...

Storie simili

GANG BANG A SORPRESA

Anche se questo è accaduto quasi 15 anni fa, mi viene ancora duro quando ci penso. Ho deciso che è ora di condividerlo con il resto del mondo. Questa storia è vera. Scusa non ci sono cazzi mostruosi, ma penso che la verità sia comunque più calda. Mia moglie, chiamiamola Suzy, aveva 19 anni quando ci siamo sposati e io sono stata la sua prima volta. L'ho incoraggiata a cercare la propria sessualità e per il tempo ha resistito. Suzy è alta 5'6 circa 118 libbre bionda fragola con un fantastico set di tette 34C e un culo tondo e sodo...

1.9K I più visti

Likes 0

La troia arrapata di papà, capitolo 1

Capitolo 1 “Oh papà! SÌ! Fottimi, fottimi! Oh Dio! Kattie ha urlato mentre rimbalzava sul cazzo di suo padre. Sì! Prendi questo cazzo, piccola troia! ringhiò Richard, stringendo la presa sul sedere di sua figlia. Era così morbida e paffuta nei punti giusti. Cosce spesse e un piccolo spreco, Kattie era la definizione di sexy. Ed era la migliore puttanella che un papà potesse desiderare. Ciao? C'è qualcuno in casa? una voce chiamò dal piano di sotto. Era sua madre. Oh merda! ansimò Kattie, mentre saltava giù dal grembo di suo padre e afferrava la sua vestaglia. Suo padre si tirò...

953 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.8K I più visti

Likes 0

I giovani vogliono essere presi da modello

“Sono come un animale, che si nutre di lei, mentre consuma il mio ardente desiderio. Una volta nutrito, non più il lupo. Un amico mi ha parlato della figlia di un amico che voleva intraprendere la carriera di modella. Mi è stato dato il suo portafoglio limitato e altre informazioni; Il suo nome Alla - 23 anni - mai sposata - alta circa 5' 6 - non più di 115 libbre - lunghi capelli ramati - i suoi lineamenti del viso squisiti sono privi di imperfezioni come porcellana fine - corpo flessuoso - seno piccolo - culo perfetto a forma di...

1.2K I più visti

Likes 0

L'altra donna_(0)

L'altra donna Di Signorina Irene Clearmont Una fantasia che si è avverata. Copyright © 2011 (novembre) Preambolo. ---------------- Suppongo che ci sia un punto in ogni matrimonio in cui uno dei partner si smarrisce. Bene, OK allora, non tutti i matrimoni, ma devo ammettere che è successo a me, quel momento in cui dici a te stesso: 'C'è qualcun altro in questo matrimonio, qualcuno che non ho ancora incontrato, qualcuno che si sta intromettendo. ' Questa è la storia di un'intrusione diventata invasione. Una donna ha aperto la porta ed è entrata. Ovviamente tutti ci aspettiamo che l'altra donna sia una...

842 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

1.9K I più visti

Likes 0

STIVALI DA COWBOY ROSSI

Christy ha sbirciato nel suo armadio cercando di decidere quale vestito indossare per la sua solita uscita del sabato sera, e poiché è di Ft. Worth, il Texas, la sua destinazione sarebbe stata sicuramente uno dei tanti bar da cowboy che punteggiavano il paesaggio di Metroplex. Alla fine ha deciso per un vestito lungo in stile country che fosse scollato sulla parte superiore, ma abbastanza ampio da consentire la sua libertà di movimento sulla pista da ballo. Posò l'indumento sul letto e si sedette davanti al suo specchio cosmetico per spazzolarsi i lunghi capelli biondi. Non c'era dubbio, Christy aveva un...

1.4K I più visti

Likes 0

La tua mascella è caduta e sei coperto di sperma

>> Giochi con il tuo vibratore, gemendo forte mentre mi intrufolo > nella tua stanza. I tuoi occhi dietro la testa come me > tocca il tuo corpo nudo. Mi senti ma non aprire gli occhi come > le mie mani violano la tua figa infilando le mie dita nel tuo bagnato > fica. Ti dico vuoi un vero cazzo, vero? > gemi mentre ti lego le braccia al letto. quindi diffondi il tuo > gambe larghe legandole al fondo del letto. Giaci > impotente di fronte a me mentre ti guardo con il cazzo dentro > la mia mano...

989 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2.1K I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.