Progenitore 1: L'inizio

735Report
Progenitore 1: L'inizio

PROGENITORE

Di Haramiru


Disclaimer: Questa è un'opera originale di fantascienza erotica. Nessun personaggio è stato modellato su persone reali, personaggi di altre persone, ambientazioni, ecc. I personaggi e la trama sono di proprietà dell'autore. L'autore non è in alcun modo associato ai proprietari, creatori o produttori di alcun franchising multimediale. Non è prevista alcuna violazione del copyright.

Resurrezione inaspettata
Una volta ero un uomo. Ho vissuto, amato, riso e sono morto. La mia vita non mi ha dato lamentele; era buono e lungo. E quando alla fine morii, né gli angeli né i demoni mi avrebbero sorpreso. Ad essere onesti, dopo la mia vita si sarebbe potuto fare un caso per entrambi.
Immagina la mia sorpresa quando, subito dopo aver esalato il mio ultimo respiro ed essere scivolato verso la luce, mi sono svegliato circondato da sottili esseri grigi con grandi teste. Una voce nella mia testa mi assicurò che non sarei ancora andato nell'aldilà. Ho protestato: la massa cancerosa nel mio petto era ben oltre il trattamento e avevo trascorso gli ultimi tre mesi in un'agonia crescente mentre il dolore cresceva senza controllo. La morte, quando era venuta per me, era stata un grande sollievo.
Fu allora che mi resi conto che non avevo sentito alcun dolore dal risveglio. Questo mi preoccupava un po', e alzai la testa per guardare il mio corpo. Assomigliava poco al guscio consumato e avvizzito che avevo abitato in precedenza.
Il mio nuovo corpo era nudo, giovane e muscoloso. Ho stretto il mio primo in modo sperimentale e ho girato la mano: la mia pelle sembrava che avessi tra i 20 ei 30 anni. Alla mia sinistra c'era una specie di proiezione 3D traslucida, che si muoveva quando mi muovevo. Mi sono toccato la testa e ho scoperto di essere completamente calvo.
Uno degli esseri si fece avanti e nella mia mente si formarono delle parole. «Il tuo nuovo corpo deve essere usato per adattare la tua specie. Quando ti rimandiamo sulla Terra, le capacità del tuo corpo – e le risposte geneticamente codificate già presenti nella tua specie – renderanno tutto più facile”.
Alzai il sopracciglio. "Cosa devo adattare esattamente a questo corpo?"
"Sei il Progenitore della versione 20", il grigio viene affermato semplicemente. E poi ha indicato la proiezione del mio corpo, e con mio imbarazzo il suo pene è diventato eretto. Poi il grigio toccò una tavoletta che aveva in mano e un'ondata di immagini mi attraversò la testa. Molti erano intensamente erotici, alcuni sembravano matematici e sembrava che tutto fosse stato archiviato, ma la maggior parte era solo leggermente al di là della mia comprensione.
Quello che ho capito dal download è che non ero nemmeno vicino ad essere il primo essere umano a cui era successo. Si scopre che ciò che pensiamo come umanità è in realtà una versione devoluta geneticamente modificata degli esseri grigi che mi stanno davanti. Gli alieni erano troppo fragili per sopravvivere su un pianeta appena terraformato, quindi ci hanno sviluppato. Siamo una versione più dura, dura e di breve durata di loro. Prima ci depositano su un pianeta e ci lasciano allevare, proliferare e produrre una società. Una volta raggiunta la densità di popolazione necessaria per la fase successiva della nostra evoluzione, gli alieni prendono una delle nostre anime morenti e la rimandano indietro in un corpo più evoluto codificato con DNA potenziato, feromoni speciali e vari benefici nanotecnologici. Se stai leggendo questo, probabilmente sei la versione Umana 19. Io - e tutti i miei figli - siamo la versione 20. I miei figli saranno più intelligenti, più longevi e più sani dei tuoi - a meno che tu non abbia avuto i tuoi figli con me . L'intero processo evolutivo richiede 32 passaggi e la versione 32 è identica alla specie aliena che ho di fronte. L'universo aveva migliaia di mondi colonia come il nostro, in diversi stadi di sviluppo.
Feci per aprire la bocca per dire qualcosa, ma il grigio scosse la testa e fece un cenno. I miei occhi si chiusero di riflesso mentre un brillante lampo di luce mi investiva, e poi sentii dei gabbiani.

La casa sulla spiaggia
Quando ho riaperto gli occhi, ero ancora sdraiato sulla schiena. I miei occhi vedevano il cielo azzurro e sembrava che il mio sedere fosse in fiamme. Mi sono seduto e ho sentito la sabbia sulla mia pelle, quindi l'ho spazzata via. Guardandomi intorno, ho visto che ero seduto nudo su una spiaggia sabbiosa, probabilmente da qualche parte in California. Nelle vicinanze, un piccolo gruppo di ragazzi del college mi indicava e rideva: per fortuna, sembravano essere stati gli unici a notarmi.
"Ehi Rocky, starai lì a mezz'asta tutto il giorno?" gridò una voce femminile.
Abbassai lo sguardo e notai che la mia enorme erezione era ancora in pieno splendore. Il sangue mi colò in faccia per l'imbarazzo e mi coprii con le mani mentre mi guardavo intorno in cerca di riparo. La voce apparteneva a una giovane tettona bionda in un piccolo bikini in piedi a circa 10 piedi di distanza sulla sabbia, ancora gocciolante per essere uscita dall'oceano. Probabilmente aveva circa 23 anni e le sue linee di abbronzatura ben definite mostravano che raramente indossava un bikini così rivelatore. Devo aver avuto una visione del genere da adolescente, ma mi sembrava di vederla per la prima volta. E certamente non avevo mai visto qualcosa di simile prima con quel livello di visione: i costumi da bagno negli anni '40 erano imbottiti molto meglio. Era come se potessi vedere ogni goccia di umidità mentre scivolava tra i suoi seni perfettamente modellati. La parte superiore sottile e aderente enfatizzava i contorni dei suoi capezzoli vivace.
«Mi dispiace, non so come sono arrivato qui», balbettai.
La bionda sorrise impertinente e si chinò per un momento a raccogliere un asciugamano, poi continuò a venire verso di me. Mi ha offerto l'asciugamano con la mano tesa e ha detto: “Allora potresti voler ridurre l'alcol, amico. Svegliarsi nudi è fantastico solo se riesci ancora a ricordare perché sei nudo.
Presi l'asciugamano e la ringraziai, avvolgendolo intorno alla mia vita. L'imbarazzante rigonfiamento persisteva ancora, ma almeno era coperto. "Pensi di poterti ricordare il mio nome se te lo dico?" chiese, sorridendo maliziosa.
Ora che potevo vederla da vicino, sapevo che sarebbe stato impossibile dimenticarla. Potevo sentire su di lei il debole bacio dell'oceano, mescolato alla crema solare e ai residui oscuri di un profumo della notte precedente. "Provami e basta."
"Kimberly Donovan", fece le fusa, facendo scorrere il dito lungo il centro del mio petto. Ho iniziato a chiedermi se stavo sognando - anche se il mio nuovo corpo aveva un bell'aspetto, non ho mai avuto donne che si avvicinassero a me in questo modo. Ho notato che alcuni dei suoi amici si guardavano in modo strano mentre Kim si avvicinava a me.
Kim emise un piccolo mormorio, chinandosi per annusare il mio collo. Nel punto in cui la sua pelle toccava la mia, sembrava un campo elettrico. Il mio pene era fatto di acciaio fuso a questo punto, tremando per l'anticipazione. Mi ha avvolto le braccia intorno al busto e mi ha aggredito le labbra, tirandosi sulle punte dei piedi e baciandomi – dapprima in modo interrogativo ed esplorativo, poi con passione. Ancora un po' sorpresa, le avvolsi le braccia intorno alla parte bassa della schiena e ricambiai il bacio, mettendoci anch'io. Potevo sentire il suo corpo modellarsi su di me, e poi qualcos'altro entrò nella mia consapevolezza... i suoi amici. Ho aperto gli occhi e ho guardato in alto quando uno dei ragazzi con cui era si è avvicinato a noi.
“Mi sono tirato indietro e Kimberly ha messo il broncio per una frazione di secondo, come se un incantesimo si fosse spezzato. Il suo amico le chiese se stava bene, socchiudendo un po' gli occhi mentre esaminava la sua reazione.
"Sì, sto bene - in realtà mi sono appena reso conto di aver incontrato questo ragazzo qui l'anno scorso e ci siamo davvero trovati d'accordo", mentì Kimberly.
Il suo amico alzò il sopracciglio. “Beh, è ​​il benvenuto se vuole uscire con noi,” si offrì.
Kimberly fece un mezzo sorriso malizioso. “Grazie John, ma lo aiuterò a smaltire la sbornia ea mettersi dei vestiti. Ti chiamo prima di cena però, ok?
John mi guardò, chiaramente preoccupato per Kimberly. "Penso che uno di noi dovrebbe andare con noi."
Kimberly scosse la testa. “No, ragazzi, godetevi la spiaggia. Terrò il mio telefono con me: ho attivato Latitudes, quindi non è che tu non sappia dove sono.
John era chiaramente infelice. “Kim, tu non conosci questo tizio. Anche se l'hai incontrato l'anno scorso.»
Kim alzò gli occhi al cielo e la sua voce si fece tagliente. “Dannazione John, farò quello che mi pare. Io e tuo fratello ci siamo lasciati il ​​mese scorso, e comunque sta già uscendo con Jackie. Quindi smettila di cercare di badare ai suoi interessi.
John sospirò sconfitto. Quando iniziò ad allontanarsi, si voltò verso di me e disse: “Assicurati che ci chiami se vai da qualche altra parte, va bene? Se succede qualcosa, diciamo solo che mio padre è un tenente nel dipartimento dello sceriffo, ok?" Tirò fuori un cellulare dalla tasca dei pantaloncini e lo sollevò per un secondo prima di dire: “Ok, e adesso ho anche una tua foto. Se è in pericolo...”
“...allora sarai in grado di mostrare quella foto ai suoi genitori e dire loro come l'ho salvata da essa. Rilassati, non le farò del male – dove sono cresciuto, non fai del male alle donne”, dissi.
John fece un cenno sprezzante, non volendo parlare oltre - chiaramente si stava riservando la sua opinione su cosa sarebbe stato effettivamente più sicuro per Kimberly. Sicuramente ero d'accordo con lui, del resto, ma i miei ormoni stavano avendo la meglio su di me e Kim sembrava pensare come me.
“John diventa un po' protettivo nei miei confronti, da quando esco con suo fratello. È dolce, però. Mi ha tirato un po' più vicino. "Ora, dov'eravamo...?" lei chiese.
“Penso che mi avresti portato in un hotel per essere ripulito e sistemato? Non so nemmeno come sono arrivato qui".
Kim inarcò un sopracciglio. “Sì, la nostra casa al mare è da questa parte. Vieni e seguimi. Mi prese per mano e mi condusse verso il marciapiede. Ho trovato dolorosa ma piacevole la sensazione della sabbia calda della spiaggia sui piedi e sulle dita dei piedi: è stato un sollievo sentire qualcosa sotto le ginocchia dopo anni di circolazione ridotta. Con questo in mente, ho accolto con favore ogni granello di sabbia rovente, assaporando il modo in cui si spostava tra le dita dei piedi. Quando siamo saliti sul cemento, ho fatto tesoro di ogni minima consistenza che potevo sentire sul marciapiede, dal cemento liscio alle giunture tra le lastre. E poi c'era la vista. Avevo dimenticato com'era essere su una spiaggia affollata d'estate - donna dopo donna sfilata, seno gonfio in mostra per il mondo. Non ho potuto fare a meno di notarlo - e in cambio venivo notato da quasi tutte le donne sotto i 50 anni che passavano.
Kim indicò una delle tante case con due o tre camere da letto affittate agli studenti universitari per le vacanze di primavera. Infilò la mano nel bikini e tirò fuori una chiave nascosta ad arte. Mentre la sua mano serpeggiava indietro con il suo premio, colsi il più breve e allettante lampo di un suo capezzolo. Aprì la serratura e disse: "Ora, spero che tu non pensi che io sia facile, o che lo faccia spesso..."
Sono entrato con lei e mi sono goduto il panorama. Era una dimora ben arredata e funzionale, chiaramente predisposta per un'abitazione temporanea. "Fare cosa spesso?" Ho chiesto.
"Questo!" quasi ringhiò. Mi ha praticamente strappato di dosso l'asciugamano, quasi staccandomi dai piedi. Mi voltai e vidi che aveva uno sguardo feroce negli occhi. La mia erezione è tornata con una vendetta, balzando in una vita furiosa. Ebbi appena il tempo di affrontarla prima che saltasse tra le mie braccia, avvolgendomi le gambe intorno come una scimmia ragno e baciandomi come se stesse annegando e io fossi la sua unica fonte d'aria. Ricambiai la passione, avvolgendo le mie braccia attorno alla sua vita mentre la sentivo abbassare il corpo. I suoi slip del bikini si stavano sfregando contro la punta del mio pene, allo stesso tempo liscia e ruvida. Erano ancora umidi per l'oceano, ma da quello che sentivo attraverso di loro sapevo che si sarebbero inumiditi ulteriormente nel giro di pochi istanti. Spostai la mia mano destra sulla parte bassa della sua schiena e la strinsi, spingendola mentre si schiacciava contro di me. Potevo sentire la punta del mio pene premere contro il suo sedere ancora e ancora. C'era un'umidità crescente nel punto in cui il mio pene si stava strofinando contro di lei, immergendosi leggermente nella sua apertura vaginale e tirando dentro il tessuto con esso. Lei gemette per l'anticipazione e si schiacciò contro di me, tirando la figa verso di me. C'era un rumore umido mentre spingeva, circa un quarto di pollice del mio pene dentro di lei ma ancora con le natiche in mezzo. Kimberly espirò bruscamente e strinse i suoi seni contro di me, desiderando un maggiore contatto con la pelle.
"Dov'è la tua stanza?" Ho chiesto. Indicò una porta in cima alle scale e io la portai di sopra. Era ancora avvolta intorno a me, continuava a macinare furiosamente i fianchi e cercava di far penetrare il mio pene nel sedere. Probabilmente ero dentro di tre quarti di pollice quando si allungò dietro di lei e tirò, spostando di lato le natiche. Potevo sentire il tessuto mentre si allontanava da lei, e poi la gravità se ne è occupata per noi. Emise un sussulto mentre scivolavo dentro di lei, con le sue gambe ancora avvolte intorno a me e noi che salivamo le scale.
Feci qualche passo e poi mi fermai, spingendola contro il muro fuori dalla sua camera mentre mi seppellivo dentro di lei. Ha tirato in una forte inspirazione mentre spingevo forte, con la schiena contro il muro, seppellendomi il più possibile dentro la sua figa. Potevo sentire la sua umidità avvolgermi completamente, e una parte di me voleva solo finire di scoparla proprio qui. Il mio braccio destro era avvolto attorno alla sua vita, tenendo il suo prezioso corpo proprio dove doveva essere, ma il mio sinistro armeggiò finché non trovò la maniglia della porta. Ho dovuto farlo alla cieca perché Kim mi stava baciando intensamente mentre mi afferrava il busto, esplorando ogni centimetro della mia bocca. La porta cedette con un cigolio, e io avvolsi il braccio sinistro attorno al suo sedere perfettamente sagomato e mi sollevai. Eravamo tornati a camminare di nuovo, il suo corpo che oscillava su e giù sulla mia asta ad ogni passo. Potevo sentirla stringersi attorno al mio palo, il suo respiro diventare irregolare. La strinsi forte mentre emetteva il primo di una serie di piccoli sussulti, aumentando sempre più il tono e il volume mentre appoggiava i fianchi su di me. Sentii la sua fica contrarsi mentre veniva, stringendo i denti e cercando di non urlarle nell'orecchio mentre i suoi capezzoli duri come il diamante penetravano nel mio petto per la tensione del nostro abbraccio. Il respiro affannoso si placò lentamente mentre trovavo il letto, poi mi voltai e ci caddi sopra, Kim sopra di me. Mentre colpivamo il letto, lei sussultò mentre il nostro impatto spingeva la mia asta ancora più in profondità del solito. Ha districato le braccia e le gambe da me, sedendosi a quattro zampe, ma con il mio cazzo ancora saldamente dentro la sua figa ora fradicia.
La prima cosa che fece fu strapparsi freneticamente la parte superiore: armeggiò con la fibbia anteriore come se stesse andando a fuoco, poi lanciò un piccolo grido di frustrazione quando le sue mani tremanti fallirono. Lo afferrò e lo tirò verso l'alto, sfoderando i suoi magnifici seni naturali da 36 pollici mentre si toglieva il top e lo lanciava contro la finestra con un unico movimento fluido.
Alzai le braccia e le avvolsi attorno alla sua vita, spingendola gentilmente verso di lei ed esplorandola in un modo più rilassato di quanto potessi fare quando era avvolta intorno a me. Le mie mani trovarono gli slip del bikini e si infilarono rapidamente sotto di loro. Kim guardò in basso per un secondo, poi armeggiò con il nodo sul lato per alcuni secondi prima di scioglierlo con successo, quindi spostandosi dall'altra parte. Ho allungato il collo verso l'alto e ho visto un punto umido nel cavallo mentre li tirava fuori, poi li lanciava nella stessa direzione della sua parte superiore. Ora completamente nuda, Kim strinse la figa contro il mio cazzo e ordinò: "FUCK ME!", spingendo per pronunciare entrambe le parole.
Nessuna parte di me poteva nemmeno cominciare a pensare a un motivo per non obbedirle. Ho spinto indietro, sollevandola in aria e seppellendo il mio palo da 7 pollici fino in fondo nel suo sesso palpitante. Emise un grido di piacere mentre mi appoggiavo contro di lei, portandomi il più lontano possibile dentro di lei. Mi ritrassi e spinsi di nuovo, stringendola saldamente mentre le sue braccia e le sue gambe si avvolgevano intorno a me come cavi d'acciaio: era pitone e tigre insieme, grattandomi la schiena mentre si avvolgeva intorno a me, nel disperato tentativo di tenermi nella sua presa. Rimasi senza fiato mentre il calore tra di noi aumentava e iniziavamo a sudare, l'umidità ci sigillava l'un l'altro come un singolo essere che lotta per raggiungere il nirvana. Si è radicata in me con determinazione e mi ha baciato con la lingua, e quando l'ho guardata negli occhi non ho potuto vedere altro che puro, sfrenato desiderio. Quando i nostri occhi si sono incontrati, ho sentito un fuoco accendersi in me, scendendo rapidamente sotto la mia vita. Chiusi gli occhi per un momento, sentendo crescere il mio orgasmo. Ricambiai il bacio mentre il potere si accumulava dentro di me - da quello che potevo ricordare degli exploit sessuali della mia ultima vita, il pre-orgasmo che stavo avendo ora era migliore del miglior orgasmo che avevo avuto nella mia vita. Una piccola parte di me stava andando fuori di testa perché stavo facendo sesso completamente non protetto, ma quella parte era piccola, irrilevante - l'unica cosa che contava ora era finire, venire dentro questa donna e riempire il suo corpo con il mio seme.
All'improvviso Kim sbatté le palpebre e si bloccò. "Aspetta un - che diavolo?" strillò. Ero sorpreso, guardando la sua faccia in preda al panico con il mio pene ancora dentro di lei, il mio climax stava ancora crescendo. I suoi fianchi erano congelati a metà della spinta, e il suo cervello apparentemente stava ancora elaborando il fatto che fosse impegnata a scopare con un uomo che aveva appena incontrato.
"Lasciami andare! Esci da me!”, urlò, senza accorgersi che le sue braccia e le sue gambe erano intrecciate con le mie e sarebbe stato davvero difficile uscire dalla posizione. Mi sono rilassato solo un po', lasciandola districare - ma il mio pene era ancora dentro di lei, e potevo ancora sentirlo stringersi. L'orgasmo stava per essere il migliore che avessi mai avuto.
In un'impressionante prova di forza per la sua taglia, Kim mi ha premuto sulle spalle, sollevando il mio busto da lei e guardando in basso, dove poteva vedere il mio pene che sporgeva dalla sua figa calda e liscia. "Tira fuori!" chiese.
Non potevo farlo. Le mie mani si strinsero attorno alle sue natiche sode, intrappolandola mentre mi spingevo verso l'alto con cupa determinazione. Il mio pene rabbrividì, penetrandola completamente, mentre lei mi spingeva. Il suo stesso corpo l'ha tradita mentre toccavo il fondo dentro di lei innescando il suo stesso orgasmo. La sua vagina ebbe delle convulsioni quando venne, e lei mi afferrò forte e mi tirò di nuovo a sé mentre raggiungevo l'orgasmo, la prima esplosione fu così forte che sembrava che le stesse facendo un buco. "DIO!", urlò mentre lo sentiva colpire la sua cervice, e poi un altro e un altro ancora. Il suo orgasmo continuava, alimentato dalla mia continua eiaculazione, che a sua volta era alimentata dalle contrazioni vaginali del suo piacere. Eravamo completamente da qualche altra parte, un piano di reciproca beatitudine erotica, mentre ci stringevamo l'un l'altro in preda al nostro reciproco orgasmo. Ho sentito i fluidi iniziare a fuoriuscire intorno al mio pene, anche se l'ho riempita con ancora più del mio sperma. Ho pulsato ancora e ancora, drenando lentamente l'ultimo del mio seme in questa ragazza che avevo appena incontrato. Il respiro di Kim rallentò e si normalizzò mentre allentava la presa mortale e si limitava a trattenermi con soddisfazione. Ancora sopra di me, Kim spostò leggermente il peso e sollevò la parte superiore da me, facendo scorrere le mani lungo il corpo e fermandosi sulla pancia. Lo guardò in basso, poi allungò la mano più in basso per toccarsi la figa fradicia. Un dito si è abbassato sperimentalmente più in basso, toccando la mia asta e confermando che ero ancora dentro di lei.
"Oh merda", ha detto, "NON l'hai fatto e basta!"
Si staccò con un rumore di suzione bagnata, lasciando che i nostri fluidi sessuali mescolati fuoriessero dalla sua vagina. Con un rotolo, si lasciò cadere sul letto accanto a me. Mi sono girato su un fianco, l'ho affrontata e ho detto: “Mi dispiace, Kim, non potevo lasciarmi andare. Sei stato così appassionato fino alla fine...”
Kim allargò un po' le gambe, sdraiata sul letto con un flusso costante del mio sperma che fuoriusciva dalla sua vagina. “Lo ero, vero? Se ci ripenso, lo ricordo bene, ma è quasi come se fossi stato qualcun altro, fino alla fine.
Ho alzato un sopracciglio. "Ti do la mia parola, non ti ho dato nessun dr" - ho iniziato.
“No”, lo interruppe, “lo so che non mi hai drogato. Diavolo, eri completamente nudo quando ti ho visto sulla spiaggia, quindi non avevi niente che avresti potuto usare. In effetti, sei appena apparso dal nulla, proprio dove stavo guardando. Un momento c'era solo aria dove eri, e il momento dopo ho visto un uomo che ero determinato a scopare, anche se avessi dovuto violentarti per farlo. Non ti biasimo...» si passò un dito sulla fica e arricciò il naso quando lo vide coperto dalla mia poltiglia bianca. «Be', non molto, almeno.» Chiuse gli occhi per un secondo e fece scorrere il dito lungo il suo corpo, poi iniziò a farlo scivolare dentro e fuori di sé.
"Kim?", ho chiesto.
L'unica risposta fu un gemito - apparentemente normale - Kim se n'era andato di nuovo, e il frenetico fottuto Kim era tornato al comando. La guardai mentre si sfregava il clitoride con una mano e raccoglieva lo sperma che era uscito da lei, spalancando le gambe e inclinando i fianchi in modo da poterne trattenere quanto più possibile dentro di sé. Non passò molto tempo prima che sentissi gemiti di piacere da parte sua, con un'estasi sul suo viso appena superata poco prima della fine della nostra frenetica sessione d'amore. Mi sono appoggiato su un fianco per godermi lo spettacolo, oltre che per chiedermi in che tipo di strana vita fossi rinato.
Kim aveva i fianchi spinti verso l'alto, nel profondo del suo terzo orgasmo quando si fermò improvvisamente a metà gemito, bloccandosi sul posto con le dita in profondità dentro di sé. I suoi occhi si spalancarono, un'espressione di orrore sul viso.
"Cosa... il... CAZZO?" gridò. Sembrava un'espressione appropriata, che esprimeva sia la situazione generale che il suo shock.
“È stato un episodio interessante”, osservai.
Lei scosse la testa stupita, asciugandosi la mano sul lenzuolo. «Non ho idea di cosa mi sia preso oggi. Questo non è davvero come niente che abbia mai fatto prima.
Ho scrollato le spalle. «Se può consolarti, nemmeno io.» Stavo trovando il bagliore residuo come un po' di sollievo - almeno per il momento non ho sentito l'impulso travolgente di accoppiarmi con Kim, che è stata l'unica cosa nella mia mente da quando l'ho incontrata per la prima volta.
Kim corrugò le sopracciglia e si portò la mano all'ombelico per un momento. “Cosa sta succedendo?”, chiesi.
Si è alzata di scatto nel letto in modo da essere semiseduta contro la testiera, poi ha detto "Immagino che tutto quel sesso debba avermi un po' sconvolto lo stomaco".
«Non mi sorprenderebbe», risposi.
Improvvisamente si chinò un po' in avanti, sondandosi attentamente intorno all'ombelico con uno sguardo preoccupato sul volto. Si premeva forte sulla pancia, con un'espressione sorpresa sul viso.
"Stai bene Kim?" Ho chiesto.
“Non esattamente”, ha risposto. Si sedette sul letto e tolse la mano dalla pancia, rivelando che ciò che una volta era stato sodo e piatto ora cominciava distintamente a sporgere verso l'esterno sotto l'ombelico.
Ho guardato sorpreso mentre il rigonfiamento aumentava lentamente di dimensioni. Ho ripensato alla mia esperienza con i Grigi. "Oh, merda, penso di aver visto questo film un po' di tempo fa."
Kim fissò gli occhi su di me, terrorizzata e - cosa peggiore di tutte - supplicandomi, supplicandomi di spiegarle almeno cosa le avevo appena fatto. Ho guardato i suoi occhi, la sua pancia in espansione e la schiena. Alcune piccole smagliature si formarono mentre la sua pancia continuava a distendersi. Allungai una mano e le misi la mano sulla pancia, sentendola espandersi inesorabilmente. Aveva circa tre mesi ormai, stava ancora crescendo: la sua pancia era ben compatta, ma il tasso di crescita stava rallentando. La paura e l'angoscia sul viso di Kimberly diminuirono in qualche modo mentre la sua pancia smetteva lentamente di espandersi. Se dovessi tirare a indovinare, avrei immaginato che sembrasse incinta di sei mesi.
La sua espressione cambiò in accusa e incredulità. "Cos'è, esattamente, QUESTO?" domandò, indicando la sua pancia ormai gonfia.
Sospirai. “Onestamente, non ne sono nemmeno sicuro. Tutto quello che so è che ha a che fare con il prossimo stadio dell'evoluzione umana.
Kim faticò a mettersi seduta, trovandolo quasi impossibile con il nuovo centro di equilibrio che aveva acquisito nel corso degli ultimi minuti. “Evoluzione umana, eh? Quale parte dell'evoluzione umana dovrebbe prendermi - ohhh!
La bocca di Kim si aprì per il dolore e la sua mano volò sotto la sua pancia gonfia. Sussultò come se avesse avuto una scossa elettrica, respirando affannosamente per qualche istante. "Contrazione, credo", disse cupamente.
Abbassai lo sguardo sulla sua vulva, che gocciolava ancora del mio sperma. L'ho tamponato con il lenzuolo per toglierlo, cercando di dare un'occhiata. “Forse non lo era?”, disse speranzosa.
Poi fece un respiro affannoso e strinse i denti mentre la sua pancia si fletteva per la tensione. Alzai lo sguardo sul suo viso mentre si stringeva, il dolore le attraversava il viso mentre la contrazione aumentava fino al suo crescendo. Ha iniziato ad ansimare per lo sforzo poco prima che sentissi uno schiocco udibile e la sua vulva ha iniziato a perdere un fluido chiaro. "Sembra che tu avessi ragione, Kim" dissi, ancora stupito da quello che stavo vedendo.
Kim sembrò prendersi una pausa per un momento; guardò e iniziò ad aprire la bocca per dire qualcosa di nuovo, ma poi sussultò quando un'altra contrazione la colpì. Le sue mani volarono sulla pancia mentre la contrazione aumentava sempre di più. Le ho messo una mano sulla pancia e l'ho sentita: sembrava dura come una palla da bowling ed era calda al tatto. Kim ha emesso un grido di dolore quando ho sentito qualcosa muoversi dentro di lei dall'esterno, ma quello che era iniziato come dolore è diventato un grido di piacere.
"Oh Dio!", gridò, "non fermarti, non lasciare che smetta!" Ho sentito la sua regione pubica gonfiarsi leggermente quando qualcosa ha cominciato a premere verso il basso dal suo ventre, riempiendo la sua vagina.
Ho guardato attentamente mentre il rigonfiamento viaggiava più in basso, avvicinandosi sempre di più alla sua vulva. La sua vulva tremò, poi iniziò a dilatarsi lentamente mentre la sua vagina si apriva dall'interno. Kim spinse leggermente i fianchi verso l'alto mentre qualcosa appariva dalla sua vagina: era bianca e di forma ovale, soda ma un po' flessibile. Kim guardò in basso, sopra il suo utero gonfio e il seno ansante, mentre l'estasi cominciava a svanire dal suo viso. "Che cos'è?" lei chiese.
Ho tenuto in mano un uovo bianco con una buccia spessa e coriacea. Aveva all'incirca le dimensioni di una lattina di soda. «Un uovo, a quanto pare.»
L'uovo era rotondo e ovoidale, con un guscio morbido e coriaceo per proteggere il suo prezioso contenuto. Aveva le dimensioni di un uovo di struzzo, ovvero circa la metà di un pallone da calcio.
"Un uovo? Ma che... oh NO! La bocca di Kimberly si spalancò per il terrore quando sentì iniziare un'altra contrazione. Si passò le mani lungo la pancia, cercando disperatamente di massaggiare la contrazione per farla diminuire. Sperava – pregava – solo per una piccola pausa prima della prossima contrazione.
Non sarebbe arrivata alcuna pausa. Ho visto il terrore sul viso di Kim mentre la contrazione si intensificava, sempre più stretta, fino a quando non ha emesso un piccolo sospiro di sollievo quando un altro uovo è scivolato nel suo canale del parto, trasformando l'agonia in piacere. Mi sono preso il tempo di tastarle la pancia, controllando per vedere se riuscivo a capire quante uova portava. Sembrava che le restassero parecchie cose da fare; la sua pancia un tempo tesa non era più piena di liquido, e ora potevo sentire i contorni di molte altre uova dentro di lei.
Non appena l'uovo successivo le è scivolato fuori, ho visto che era tornata alla normalità: di nuovo Kim. «Stai dando alla luce una covata di uova, Kim», dissi. In teoria, ho allungato la mano e ho iniziato a massaggiarle la pancia gonfia.
“No, stronzo! Fammi fare una pausa prima, inizierai il mio prossimo contratto - ohhh! Questa volta, però, Kim piangeva di piacere. Sembrava che fintanto che un uovo fosse nella sua vagina, avrebbe trovato l'esperienza piacevole, ma in caso contrario, il suo corpo avrebbe attraversato il travaglio fino al parto dell'ultimo uovo. Decisi che, visto che l'avevo messa in questo pasticcio, almeno le dovevo quello che potevo fare per facilitarle il parto.
Mi sono messo a cavalcioni su di lei, una gamba su entrambi i lati della sua vita, mentre gridava di piacere. Le mie mani correvano su e giù per la sua pancia, sentendo i suoi muscoli addominali pulsare dal rilassamento alla contrazione e viceversa. Mi sono preso un momento per baciarle il capezzolo mentre Kim faceva roteare i suoi fianchi, l'uovo si faceva strada lentamente attraverso il suo canale del parto mentre faceva scorrere le mani su e giù per il suo corpo.
L'uovo nella figa di Kim si è liberato e un altro era già in cima alla sua vagina grazie al massaggio che le stavo facendo sulla pancia. Il suo grembo si stava restringendo costantemente, parto dopo parto riducendone le dimensioni fino a quando alla fine rimase solo un uovo. Potevo sentirlo dentro di lei, ma non ho avuto molta fortuna nel convincerlo nel suo canale del parto. Kim sospirò di piacere quando gli orgasmi dei suoi parti precedenti iniziarono a diminuire e inarcò la schiena mentre provava un'altra contrazione. "Oh Dio, che bello", disse mentre spingeva i fianchi in aria, sentendo l'energia sessuale che scorreva attraverso di lei. Ho spostato il mucchio di uova lontano da dove erano cadute dalla sua figa.
Kim spostò il peso, coprendo con entrambe le mani il piccolo rigonfiamento nel ventre. “Credo che ce ne sia ancora uno dentro di me”, disse, con voce rotta.
Ho annuito. "Ci si sente."
"Non voglio ripeterlo di nuovo - la prima parte." Gli occhi di Kim si stavano spalancando per il terrore mentre iniziava a respirare sempre più velocemente. "Oh merda. Oh merda, è – OW!”, disse mentre la sua pancia si contraeva in una contrazione.
Le mani di Kim le coprirono la pancia mentre rotolava in una palla, la contrazione aumentava. Passarono alcuni secondi e poi si rilassò, anche se aveva ancora paura.
"Ne ho bisogno", ansimò tra le contrazioni. "Ne ho bisogno prima - gaaah!"
La sua pancia si strinse di nuovo, indurendosi in una palla simile a una roccia per alcuni secondi prima che si rilassasse, lasciando Kim senza fiato. Ho sondato la sua pancia, frugando per sentire cosa stava succedendo: potevo sentire che il suo uovo era di traverso. Probabilmente ruoterebbe da solo dopo poche ore di travaglio, ma volevo velocizzare le cose per lei.
La pancia di Kim si strinse di nuovo, lasciandola urlare dal dolore. Proprio mentre quella contrazione si è conclusa per lei, ho sentito il segnale acustico della chiave magnetica al piano di sotto e la porta si è aperta.
«Kim!» gridò una voce maschile arrabbiata. Ho sentito dei passi rimbalzare su per le scale - multipli, rabbiosi. Sapevo che sarebbe finita male. La porta della camera da letto, che avevamo chiuso solo parzialmente, fu praticamente strappata dai cardini quando un uomo furioso dalla faccia rossa irruppe nella stanza. Il suo sguardo ardeva di odio, ed era solo a un passo o due da me. Il suo braccio era teso all'indietro per colpire, e potevo vedere un altro ragazzo e altre tre ragazze dietro di lui.
...e poi si è bloccato sul posto. L'altro lo spinse bruscamente da parte per caricarmi, avanzando a grandi passi, ma poi si bloccò anche lui. Il primo uomo si riprese dallo spintone dell'amico e si raddrizzò, poi si guardò attorno come stordito. Lui e il suo amico si spostarono entrambi di lato, dove rimasero semplicemente immobili. Le donne, invece, avevano una visione diversa delle cose. Erano in tre - ognuno fece qualche timido passo verso il letto, poi più veloce - poi nel corso di soli sei piedi degenerò in una rissa tra gatti. All'inizio tutte e tre le ragazze si stavano spingendo e spingendo a vicenda, e poi due di loro hanno iniziato a tentare di strangolarsi a vicenda. La terza, una ragazza asiatica dai capelli lunghi con lineamenti delicati e seni piccoli ma ben modellati, ha approfittato della distrazione dei suoi amici per schivare la lotta e stare da sola. Il suo viso si illuminò di un sorriso maniacale mentre caricava in avanti e afferrava una delle uova di Kimberly. Kim e io guardammo con stupore mentre la ragazza si girava e si sedeva sul bordo del letto, cullando l'uovo tra le mani.
I shifted around and stood in front of her and watched as, with trembling hands, this delicate girl completely ignored me and everyone else in the room, including her two fighting friends. She scooted to the edge of the bed and spread her legs wide, then reached down and snagged the edge of her bikini bottoms with her finger. She didn't care that I was watching as she exposed her vulva and then spread her lips with her fingers, widening herself just slightly before taking Kim's egg and touching it to her slit. I could smell her arousal as she moaned and caressed her tits with one arm, while her other pressed gently, insistently at her vaginal orifice.
“What are you doing, Jun-Suk?”, Kimberly asked.
Her friend glanced over at her, but her attention was immediately brought back to the desperation of her need. She thrust the egg into herself, then drew it back, slowly penetrating her vagina with it. Every hair on her body was standing up as she slid it inside of her, farther and farther with each thrust. Once the egg was halfway inside her, she stopped pulling it out, and just pressed gently on it, slipping it inside of her inch by inch.
Kim was surprised enough that her contractions had stopped for a moment - she tried to sit up, her beautiful breasts swaying side to side as she tried to stop Jun. She took one hand away from her pussy to fight with Kim, while with the other she kept pressing on it as it slid farther and farther up into into her own birth canal. “OH!”, she shrieked, as an orgasm gripped her. I could see the egg's outline on the soft skin underneath her pelvis, and the egg's shape caused the orgasmic contractions to slowly drive it up and up, centimeter by centimeter, inside of her. As the egg disappeared until only the tip was visible, Jun stopped spreading her legs and brought them together, gasping in pleasure as the motion drove the egg deeper and deeper inside of her.
Kim gave up on wrestling her friend and had risen to a kneeling position, slapping her in the face, trying to break her out of it. “Damn it Jun, you don't want - ohhhHHH!” Kim hadn't had a contraction for a few moments, but now her labor was back in force. She doubled over as the next contraction came, clutching at her belly as her body desperately tried to expel her last egg. Gasping, she rolled onto her knees and spread her legs, begging and pleading for birth as the contraction mounted in intensity. I was looking into her eyes as the pain quickly vanished, her delivery finally beginning.
I circled around behind her as she pushed, letting her last egg dilate her pussy and then crown. There was a thud from the other side of the room as one of Kimberly's other friends - a petite brunette - just threw the friend she was fighting into the closet door. She made a crazed leap for the bed and snatched Kimberly's last egg just as it cleared her vagina. Almost in the same motion, she rolled onto her back and spread her legs wide, opening herself as widely as possible to receive it. Unlike Jun, she just lined the egg up with her slit and then pressed insistently with both hands, ramming herself hard as it slipped in, inch by inch. She panted with sexual pleasure as she inserted it until it was flush with her vulva, then clapped her legs together and gave a shriek of pleasure as her hand flew to her pubic region. It was this moment that her friend managed to right herself and get out of the closet, and she gasped in horror as she saw her friend gasping in pleasure as her orgasm conveyed the egg further and further up into her womb.
That friend, a beautiful redhead whose top had burst open during the fight to expose milky-white breasts, stormed back and forth, not sure what to do. Then her head snapped around and she leveled a focused, almost predatory gaze at the pile of eggs near Kimberly.
I wasn't about to get in the way - within moments, three women were lying on the bed or floor, moaning in orgasmic ecstasy as Kim's eggs were slowly guided up into their birth canals and the men stood aside, silently watching - guarding? Thoroughly exhausted, Kimberly turned to me and asked, “What just happened here?”
Parts of the information the aliens had downloaded into my mind was starting to make sense. “This is how we evolve. It's not a long, slow process over millions of years – every so often, the aliens decide we're ready for the next milestone. And this is how it happens – a guy like me comes back from the dead to fuck women, they lay eggs... and every other woman wants to be pregnant with the eggs we produce. It ensures that for every time one woman conceives for me, it results in a large number of children - spread out across the population.”
Kimberly frowned. “I think you skipped a whole lot of explanation somewhere along the way”, she said.
I sighed and looked back at Kimberly's sexy body, which had already nearly returned itself to its pre-egg-laying shape. Glancing around the room, I saw that the other girls had passed out with smiles in their faces, each one just barely showing with a barely-discernable baby bump. “Unfortunately, it won't matter if I did explain everything.”
Kim grabbed my arm. “What do you mean it won't matter? I sure as hell won't forget what just happened to me!” ha insistito.
I looked at the guys, still frozen in their guardian state. I looked at Kim's friends, who were all now carrying Kim's and my children. And then I looked sadly at Kim - she was outrageously, ravishingly beautiful to me right then. The part of me that was still Human v19 felt compelled to hug her. “Because you won't remember a moment of this - any of it. You're just programmed not to - this has happened 19 times before in human history, and there's never been a record because no one can remember it.”
Kim frowned, then the frown gradually softened as her eyes started to focus on a distant point that wasn't there, staring right through me.
I stood up from the bed and went to raid the laundry basket for shorts and a t-shirt. When I turned back, I caught movement out of the corner of my eye. Kimberly's hand was moving over towards the towel where I'd piled her eggs. She selected an egg and plucked it out, then set it down next to her. I sat down next to her and ran my hand down her thigh as she laid the egg on her belly contemplatively.
I looked into her eyes and saw a resolve that could only be satisfied one way. “You're right, you know...” I raised an eyebrow as she continued, “...I can already tell I'm going to forget this whole thing as soon as you leave. Hell, I'll forget it even if you stay. But I want you to know that when it comes to these eggs, I'm not like the rest of them. I don't have to have one of our babies. But my girlfriends are all pregnant now, so I figure it isn't fair that I'm the only one who gets away with it. I could be like them and get myself pregnant, but - I want you to do it. I want my baby to have been touched by his father at least once.” She spread her legs invitingly, and part of me ached to fill her again with my sperm. Part of me wondered if we should produce another clutch of eggs together – but Kim didn't seem to be interested at the moment.
I kissed her, chastely, on the cheek. “I'll check up on you - even though you won't know me.”
She smiled devilishly as I touched the narrow part of the egg to her vulva. She shivered with anticipation - clearly part of her programming engaging - and said, “Don't wait long after I have our baby, ok? I want my children close together in age.” Her smile widened as I touched the egg to her pussy firmly, insistently. Wetness was dripping out of her pussy already, and her eyes rolled back in her head as the egg started to slide into her. I pushed slowly, gently, as her legs quaked and the egg slid deeper and deeper. As soon as it was far enough into her that her vulva started to close over it, she started to quake in orgasm and she reached for her pussy with both hands, masturbating furiously as the impregnation process continued. Her breasts heaved as her breath came in ragged gasps. Meanwhile, her vaginal muscles clenched and unclenched, slowly drawing the egg up farther and farther inside her. The egg came up against her cervix and stopped, and Kim started to moan - at first slowly, then faster and faster as she masturbated, pressing firmly against her pubic region. The egg was penetrating her cervix, slowly but surely, and triggering orgasm after orgasm until it finally entered her the rest of the way. As Kim's womb finally accepted the egg within her, she reached her final orgasm, squirting her arousal over the bed sheets and then passing out from the exertion.
I leaned over and kissed her forehead, then looked around the room. There were four unconscious newly-pregnant women here, and two men who were still standing in a trance. And then there was me – I figured that at this point, I should probably show myself out. I had no idea how long this effect would last, or what would happen if someone else walked in.
I got up and put on the t-shirt and shorts I'd found earlier, then stood up and took a last minute look around the room. There was one last egg left in the towel I'd been storing them on, so I wrapped the egg in the towel and put both into a picnic basket I saw by the front door. The kids had left the front door unlocked; I went ahead and locked it so that they wouldn't get robbed blind while they were unconscious – however long that was going to last. I wasn't sure what the kids would remember when they woke up, but it probably wouldn't wouldn't be a great idea for me to be there.
I looked left and right, half expecting to see police waiting for me. The closest thing to it was a bicyclist who nodded at me as he pedaled along on his way. “Great”, I said to myself, “no money, no ID, no car. Hell, I don't even have anyone to call.” I've never felt so alone in my life.

Storie simili

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

2.1K I più visti

Likes 1

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

1.7K I più visti

Likes 0

GANG BANG A SORPRESA

Anche se questo è accaduto quasi 15 anni fa, mi viene ancora duro quando ci penso. Ho deciso che è ora di condividerlo con il resto del mondo. Questa storia è vera. Scusa non ci sono cazzi mostruosi, ma penso che la verità sia comunque più calda. Mia moglie, chiamiamola Suzy, aveva 19 anni quando ci siamo sposati e io sono stata la sua prima volta. L'ho incoraggiata a cercare la propria sessualità e per il tempo ha resistito. Suzy è alta 5'6 circa 118 libbre bionda fragola con un fantastico set di tette 34C e un culo tondo e sodo...

1.8K I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh come l'amore ha artigli affilati, parte 3

Lo fissai con la confusione che mi si diffondeva sul viso prima di dire: “Sei un cosa? Darren mi fece un sorriso da gatto del Cheshire mentre rispondeva: Sono un Lemuriano. Arricciai le sopracciglia mentre lo guardavo accigliato. Con quel sorriso stampato in faccia, potevo dire che amava ogni minuto della mia confusione. Alla fine, non ce la facevo più e ho dovuto chiedere: Che diavolo è quello? Quel suo sorriso è diventato più grande in un sorriso Ho uno sporco segreto che voglio che tu indovini mentre lui rispondeva: Oh, sarà così divertente spiegare cosa sono. Vorrei iniziare parlando della...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella_(3)

La mia migliore amica sorella Mi chiamo Bubba. Sono solo il tuo adolescente medio di 16 anni che sta attraversando tutta la merda ormonale che attraversano gli adolescenti. Ho 6,6 anni e non sono nella migliore forma della mia vita. La mia vita può essere un inferno vivente, che respira di tanto in tanto. Basta con me. Ti racconterò una storia sulla mia vita sessuale con la sorella della mia migliore amica. Penso a loro come alla mia seconda famiglia perché conosco tutta la loro famiglia dalla quinta elementare. Era una mattina luminosa per un sabato presto di merda. La famiglia...

1.7K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.7K I più visti

Likes 0

Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2 La prima parte descriveva JB un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente... Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.