Laura la babysitter - parte 1

520Report
Laura la babysitter - parte 1

Questa è la prima parte, presto pubblicherò la seconda.

_______________________________________________________

Jake era seduto nella sua stanza e guardava un po' di porno sul computer. Mentre guardava una donna nera giocare con la sua fica scura, lui si strofinava il cazzo attraverso i pantaloni. Tirò fuori il suo uccello e cominciò a palparlo su e giù con la mano sinistra. Si sentiva bene con il suo cazzo da 6,5 ​​pollici in mano, dato che a 15 anni si masturbava ormai da alcuni anni. Prova un grande piacere nel guardare ragazze nude e accarezzare il suo giovane cazzo.

“Jake, ce ne andiamo. Ci vediamo la prossima settimana!" La mamma di Jake gridò dal fondo delle scale. I genitori di Jake stavano per partire per un viaggio d'affari di una settimana. Lasciando Jake a casa con una babysitter che sarebbe arrivata entro un'ora. Era una donna che lavorava nell'azienda di mamma. Jake pensava che il suo nome fosse Laura, ma non riusciva a ricordare bene. Jake si rimise il cazzo nei pantaloni e chiuse il browser web. Scese a salutare i suoi genitori. Dopodiché si sedette sul divano e mangiò delle patatine mentre guardava uno stupido programma televisivo. Circa un'ora dopo sentì un'auto arrivare nel parcheggio. Sentì una porta sbattere e subito dopo suonò il campanello. Jake si alzò e si avvicinò alla porta, attraverso la finestra vide una donna dai capelli neri. Sembrava circa 25 anni. Jake aprì la porta e salutò la babysitter: "Buonasera, mi chiamo Jake".

"Piacere di conoscerti Jake, mi chiamo Laura", Jake fu sorpreso, in realtà ricordava il suo nome. La donna entrò e si sporse per posare la borsa. Jake la guardò, il suo culo rotondo era rivolto verso di lui e Jake poteva vedere il contorno di un perizoma attraverso i suoi pantaloni attillati. Jake versò da bere a Laura ed entrambi guardarono insieme lo noioso programma televisivo. Laura poi si alzò: “Vado a preparare la cena, sarà pronta tra mezz’ora circa”.

"Ok, adesso vado a farmi una doccia, chiamami quando la cena è pronta." Jake si alzò, andò al piano di sopra ed entrò nel bagno, al momento ce n'era solo uno funzionante perché la settimana scorsa il bagno al piano di sotto si era allagato. Si tolse la maglietta e si guardò allo specchio, vedendo il suo torso leggermente muscoloso. Si tolse i pantaloni e aprì la doccia. Ci sarebbe voluto un minuto prima che si scaldasse, così Jake prese un asciugamano dall'armadio. Una volta che la doccia cominciò a fumare, Jake si tolse gli stretti boxer neri, esponendo il suo pene ora flaccido, il suo pube e il suo scroto glabro sotto. Jake non si era mai rasato le palle, ma in qualche modo erano sempre rimaste lisce. Jake rimase sotto la doccia lasciando che l'acqua calda facesse il suo lavoro. Il pene di Jake si allungò leggermente ma rimase flaccido, anche il suo scroto cominciò ad allentarsi. Piccoli rivoli di acqua calda si riversavano sul pavimento della doccia attraverso il prepuzio di Jake. Jake pensò a Laura, immaginando come sarebbe stato il suo culo con quel perizoma. Il pene di Jake cominciò a indurirsi, la sua testa cominciò a gonfiarsi rapidamente, allungando leggermente il prepuzio. Il cazzo di Jake ha iniziato a puntare verso l'alto ed era lungo circa 6,5 ​​pollici, di solito il massimo, ma il calore della doccia a volte lo lasciava allungare. La testa di Jake continuò ad allargarsi, diventando ancora più spessa del suo cazzo già grosso. Le vene materiche di Jake iniziarono a pulsare mentre applicava del sapone sul suo cazzo e iniziava ad accarezzarlo con calma.
"Jake, sei lì?" La voce di Laura sembrava urgente.

"Umm, sì..." Jake smise di accarezzarlo e si limitò a tenere il cazzo nella mano posteriore.

"Posso entrare? Ho davvero bisogno di usare il bagno. Prometto di essere veloce e di non guardare."

“Umm ok,” Jake fu preso dal panico “la porta è aperta. Entra e basta." Jake mise la mano destra attorno al suo cazzo duro cercando di nasconderlo, e la sua mano sinistra cercò di nascondere il suo scroto. La porta si aprì ed entrò Laura, andò velocemente in bagno e non guardò affatto. Il bagno era proprio di fronte alla doccia e Jake poteva ancora vedere facilmente Laura attraverso il vetro trasparente della grande cabina doccia. Rimase con le spalle al gabinetto, pronta a sedersi. Si abbassò i pantaloni, rivelando la parte anteriore di un perizoma bianco. I fiori ricamati sul perizoma nascondevano la possibile presenza di un cammello. Dopo aver abbassato i pantaloni Laura ha afferrato i lati del perizoma con l'indice e il pollice, li ha abbassati. Apparve un grande triangolo di pube che copriva l’area sopra il clitoride di Laura. Jake guardò con soggezione mentre Laura si sedeva e iniziava a fare pipì. Afferrò il suo pene un po' più forte, aumentando la tensione sulla sua asta dura come la roccia. Laura alzò lo sguardo, cercando di trovare la carta igienica. Vide Jake in piedi sotto la doccia, con le mani che si coprivano le parti intime. Anche se lei non poteva vedere esattamente il suo pene, lui vedeva la testa di Jake perché le sue mani non erano abbastanza grandi da coprirgli tutto il pene. Laura vide che non era circonciso, il primo pene non tagliato che avesse mai visto. Ne afferrò un po' dalla carta igienica e si alzò leggermente. Mise la mano sotto la vagina e si asciugò con un rapido movimento scorrevole. Jake poteva vedere le labbra bianche e candide della figa di Laura aprirsi leggermente mentre la carta applicava forza su di loro in modo che potessero essere asciugate. Laura si alzò, si tirò su i pantaloni e uscì dal bagno. Jake prese le mani dal cazzo e abbassò lo sguardo; la sua testa era più grossa che mai e alcune gocce di sperma gocciolavano dal prepuzio. Dopo la doccia Jake andò nella sua stanza e si asciugò. Il suo pene era ancora duro, non aveva nemmeno bisogno di strofinarlo per sentirsi bene. La sensazione che Jake provava guardando Laura era abbastanza buona da mantenerlo duro e puntato verso l'alto.

KNOCK KNOCK, Laura bussò alla porta di Jake. Poiché non ottenne risposta immediata, sbirciò dietro l'angolo della porta. All'interno della stanza c'era Jake, che si asciugava. Jake si voltò per vedere chi stava bussando. Ovviamente Jake sapeva che l'unica persona che poteva essere era Laura, quindi non si prese la briga di coprire la sua dura erezione. Gli è piaciuto molto quando ha visto Laura alzare lo sguardo e guardare il suo cazzo mentre era sul water. "La cena è pronta, vestiti e scendi." Laura cercò disperatamente di non abbassare lo sguardo. Sebbene Jake avesse solo 15 anni, c'era qualcosa nel suo pene che richiedeva la sua attenzione.

"OK, arrivo subito." Jake si asciugò l'asta mentre Laura si allontanava, non sapeva se l'avesse visto completamente adesso.
Laura aveva preparato del riso e delle striscioline di pancetta, era abbastanza buono. “Mi dispiace se ti ho fatto sentire a disagio sotto la doccia. Non so se te ne sei accorto, ma ti ho visto mentre cercavi di nasconderlo. Laura ha detto.

"No, non mi sono sentito a disagio... Non l'hai visto, vero?" Jake cercò di comportarsi nel modo più pudico possibile.

“Beh, ho visto la tua testa. Non l’hai coperto bene, era un po’ troppo grande e… non importa, è solo che voglio fare un accordo con te. Sono sicuro che avremo di nuovo dei problemi con la doccia perché l'altro bagno non funziona. Quindi, se non dici ai tuoi genitori cosa succede qui, non lo dirò nemmeno a loro. Concordato?"

“D'accordo,” il pene di Jake formicolava “Ho una confessione da fare, ho visto anche le tue parti intime quando ti sei tolto i pantaloni e quando ti sei asciugato le labbra. Mi dispiace."

"Non c'è bisogno di scusarsi, e comunque la parte superiore era per lo più ricoperta di peli." Laura raccolse altro riso e si inchinò in avanti per poterselo ficcare in bocca. Jake ora poteva guardare dentro la maglietta di Laura. Non solo aveva una bella figa, ma aveva anche un bellissimo paio di seni.

Dopo cena Laura sarebbe andata di sopra a farsi la doccia. Jake aveva intenzione di sfruttare l'occasione per dare un'occhiata a Laura. Non voleva entrare troppo in fretta, quindi aspettò un po' prima di bussare alla porta. Nel frattempo Laura si era spogliata, si osservava allo specchio. Vide una bellissima giovane donna con piccoli seni sodi e piccoli capezzoli rosa e gonfi posti sopra, rivolti in avanti. Abbassò lo sguardo, un cespuglio leggermente peloso le copriva la regione pubica. "Dannazione, devo radermi." si disse Laura. Ha tirato fuori della schiuma da barba e se l'è applicata sulla figa. Poi se lo rasò, lasciando solo un piccolo triangolo sopra il clitoride. Poi sentì bussare alla porta: "Umm, scusa se ti disturbo ma devo fare pipì". disse Jake.

Storie simili

Oh come l'amore ha artigli affilati, parte 3

Lo fissai con la confusione che mi si diffondeva sul viso prima di dire: “Sei un cosa? Darren mi fece un sorriso da gatto del Cheshire mentre rispondeva: Sono un Lemuriano. Arricciai le sopracciglia mentre lo guardavo accigliato. Con quel sorriso stampato in faccia, potevo dire che amava ogni minuto della mia confusione. Alla fine, non ce la facevo più e ho dovuto chiedere: Che diavolo è quello? Quel suo sorriso è diventato più grande in un sorriso Ho uno sporco segreto che voglio che tu indovini mentre lui rispondeva: Oh, sarà così divertente spiegare cosa sono. Vorrei iniziare parlando della...

1.7K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

1.3K I più visti

Likes 1

Mi scopo la mamma del mio amico

Alicia che fai stasera? chiesi a mia sorella. Vado a stare con il mio amico a casa sua Pensi di potermelo passare? Come si chiama? Sono sempre stato protettivo nei suoi confronti, e ora che ha 16 anni ci saranno molti ragazzi che cercheranno di approfittarsi di lei. Anche io penso che sia sexy, ed è mia sorella. Non preoccuparti, penso che sia gay. Anzi, gay. Sai? Avevo fretta, non avevo più tempo per interrogarla. Sii prudente urlai mentre uscivo dalla porta. Sono saltato sul mio F-150 sollevato e ho iniziato a guidare. C'era questo night club di 18 e più...

1K I più visti

Likes 0

L'harem dell'imperatore - Parte 1

Nell'harem dell'imperatore 1. Sai chi sono? chiesi alla ragazza incatenata di fronte a me. La donna sembrava così piccola rannicchiata davanti alla mia virilità eretta. Evitò il mio sguardo e si inginocchiò in silenzio. Rispondetemi! urlai, facendo schioccare la frusta che avevo in mano contro il pavimento di marmo decorato. Non avrei mai potuto usare la frusta su di lei, ovviamente, apprezzavo troppo la pelle impeccabile delle mie donne e non cicatrizzavo mai una di loro, ma lei non lo sapeva. «Sei l'imperatore Domiziano», disse piano. Hai ucciso la mia famiglia. “Ah ti sbagli amore mio,” risposi velocemente. Sono stati i...

922 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

897 I più visti

Likes 0

Eva ed io capitolo 3

Gli eventi della scorsa notte mi hanno fatto guardare Eva sotto una luce diversa. Sapevo che dovevo averla. Avevo bisogno di seppellire il mio cazzo in profondità nella figa stretta di mia figlia. Stavo leggendo il giornale al tavolo della cucina quando è entrata Eva, con indosso i suoi culotte di pizzo blu e il reggiseno abbinato. I suoi peli neri di micio, che teneva ben curati, erano chiaramente visibili attraverso il materiale di pizzo dei suoi pantaloncini. Indossavo la vestaglia perché ero appena uscita dalla doccia. Eva si è fatta una tazza di caffè e si è seduta accanto a...

776 I più visti

Likes 0

Ashley & Madison III capitolo 2

Jim e Beverly sedevano nella vasca ricordando certe cose accadute molti anni fa. Jim ha appena rivelato che si sarebbe riconciliato con suo fratello Raymond. Jim sta raccontando a sua moglie Beverly i molti modi in cui suo fratello Raymond ha tradito uomini molto importanti in altre sette segrete del Minotauro e del Satiro. Quindi riprendiamo la storia con Jim che racconta a Beverly una nuova storia sulle gesta di suo fratello gemello Raymond. Jim guardò sua moglie dall'altra parte della vasca da bagno e disse: “Sai che ci sono così tante cose che non sai su mio fratello. Ricordi la...

821 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.