Doctor Who - L'Undicesimo Dottore - Sex Pollen

287Report
Doctor Who - L'Undicesimo Dottore - Sex Pollen

Alla fine doveva succedere. Veramente.

Non si viaggiava nel tempo e nello spazio senza imbattersi in flora e fauna strane che stimolavano le tendenze più amorose di un essere.

Fortunatamente, il Dottore conosceva la maggior parte di loro e poteva fare molta attenzione ad evitare situazioni sessuali potenzialmente scomode e benefiche.

Quindi rimaneva veramente un solo problema:

Era un universo davvero, davvero, davvero grande.

*****

Sarvos XI era un bellissimo pianeta. Davvero, incredibilmente bello.

Amy era in cima alla collina appena fuori dalle porte del TARDIS e fissava. Lei sorrise felice. I campi che si estendevano davanti a lei erano di una gamma di colori, dal viola più intenso all'oro più chiaro con strane macchie scarlatte. La foresta in lontananza aveva ogni immaginabile sfumatura di verde e piccoli uccelli entravano e uscivano dalle cime degli alberi. Girò il viso per incontrare la brezza in arrivo e chiuse gli occhi mentre l'aria fresca si muoveva sulla sua pelle e le scompigliava i capelli.

"Questo incontra l'approvazione della signora?" chiese il Dottore proprio accanto al suo orecchio. Amy sorrise per la sua continua mancanza di spazio personale.

"È proprio così, buon signore," disse. Lo guardò con la coda dell'occhio. "Quanto sei sicuro che non finiremo per scappare su questo pianeta?"

"Oh, certo," disse, chiudendo le porte. "Beh, per lo più sicuro. Praticamente sicuro. Per lo più sicuramente sicuramente possibilmente sicuro."

Amy scosse la testa e lo seguì mentre scendevano dalla collina verso i campi sottostanti.

Proprio quando raggiunsero i piedi della collina, il Dottore si voltò verso di lei, le rivolse un rapido sorriso e le diede un colpetto sulla spalla. "Lo sei!"

Poi si è messo a correre. Amy gridò e gli corse dietro. "Hai detto di non correre!"

"Ho detto 'per lo più, praticamente, forse' senza correre! Tieni il passo, Pond!"

Alla fine lo raggiunse al limitare del bosco e si appoggiò a un albero per riprendere fiato. Lui alzò semplicemente le sopracciglia e sorrise come un pazzo.

"Che senso aveva, esattamente?" chiese senza fiato.

"Per mantenerti in buona forma cardiovascolare, ovviamente", ha detto. "Mantieni le tue gambe snelle e forti."

Amy guardò le sue gambe nude nel punto in cui emergevano dalla gonna e gemette alla vista dell'erba e dei cereali attaccati alla sua pelle e ai suoi stivali.

"Coraggio", disse, girandosi per entrare nel bosco. "Potrebbe essere stato fango!"

Alzando gli occhi al cielo, Amy si sfiorò le gambe senza troppa convinzione e lo seguì più in profondità nel bosco.

Dalla cima della collina, la foresta sembrava fitta e fitta, ma mentre si avventuravano più all'interno, Amy si rese conto che c'erano grandi spazi aperti dove la morbida luce del sole filtrava e illuminava una moltitudine di fiori.

Mentre giravano attorno a una quercia particolarmente grande, il Dottore si fermò e disse: "Ora, c'è un punto che Monet avrebbe apprezzato".

Amy si fermò accanto a lui e annuì silenziosamente.

Un piccolo stagno blu cristallo brillava alla luce del sole e piccoli fiori molto simili a ninfee galleggiavano sulla superficie. Piccoli insetti sfrecciavano dentro e fuori da ogni fiore rosa brillante perfettamente centrato sui cuscinetti. Gambi alti, di un verde intenso con fiori bianchi circondavano lo stagno.

Il Dottore improvvisamente ridacchiò.

"Che cosa?" chiese Amy, continuando a fissare l'acqua.

"Niente, solo, sai," disse, indicando la scena. "Stagno."

Lei gli rivolse il suo migliore sguardo fulminante. "Wow. Non l'avevo mai sentita prima. Grazie."

Lui sorrise e le diede un colpetto sulla spalla con la sua. Gli diede una gomitata allo stomaco.

Percorsero il perimetro dello stagno e Amy andò a dare un'occhiata a uno dei fiori stelo. I fiori erano di un bianco così sorprendente. Dopo un esame più attento, scoprì che in realtà il fiore era costituito da fiori ancora più piccoli raggruppati insieme. Si sporse in avanti e inspirò. Sorrise mentre l'odore inaspettato di cannella le riempì il naso.

"Bene, che odore hanno?" chiese il Dottore, posizionandosi dietro di lei.

"Natale", disse Amy.

"Oh, non lo fanno." Si sporse sopra la sua spalla e li annusò. "Bene, che ne sai? Profumano di Natale."

Amy sorrise e allungò la mano per toccare i petali. Il suo dito era a meno di un millimetro di distanza quando il fiore esplose in un'esplosione di petali bianchi.

"OH!" Disse Amy allontanando il viso mentre l'odore della cannella diventava insopportabile e le faceva lacrimare gli occhi.

"Oooh, sì," disse il Dottore con un piccolo colpo di tosse. "Dev'essere un meccanismo di autodifesa. Avvicinati troppo e boom! Natale nel tuo naso."

"Sì," disse Amy massaggiandosi il naso cercando di eliminare la leggera sensazione di bruciore. "Uffa."

"Stai bene?" chiese.

"Mmm hmm," disse, sbattendo le palpebre furiosamente. "Passerà."

"Bene, andiamo avanti", ha detto. "Altro da vedere!"

"Certo, okay," disse, asciugandosi gli occhi ma muovendosi per seguirlo.

Si allontanarono dallo stagno e non videro assolutamente i piccoli petali bianchi tornare lentamente indietro per riformarsi come il fiore più grande.

Mentre passavano davanti alla grande quercia, una strana sensazione attraversò Amy facendola inciampare e cadere contro il tronco.

"Amy?" disse il Dottore avvicinandosi a lei. "Cosa c'è che non va?"

"Non ne sono sicura," disse tenendosi la mano sulla fronte. "Mi gira la testa. E ho così caldo."

Tirò fuori il cacciavite sonico e la scrutò rapidamente. I suoi occhi si spalancarono mentre leggeva i risultati. "Oh caro."

"Cosa? Cosa c'è?" lei chiese.

"Ah, niente," disse, girandosi il cacciavite in testa e scrutandosi. "Niente di niente." Ha letto quei risultati e ha detto: "Oh, caro".

"Che cosa?" lei chiese. "Perché i 'oh, caro'? Non dici mai 'oh, caro' a meno che non ci sia qualcosa per cui 'oh, caro'."

"Non è niente", ha detto. "Andrà tutto bene."

La mascella di Amy cadde e vacillò mentre il suo stomaco cadeva e cadeva in picchiata. "Oh, Dio. Cos'è?"

"Beh, non penso che quei fiori fossero solo fiori", ha detto. "Comunque, dobbiamo riportarti al TARDIS."

Lui le prese la mano e un'ondata di puro, crudo desiderio le fece sobbalzare il braccio e la fece sussultare bruscamente e gli afferrò la mano. Il Dottore incontrò i suoi occhi e loro si fissarono per un momento mentre Amy respirava affannosamente.

"Giusto, è normale," disse. "Andiamo."

La tirò via dal tronco dell'albero e l'aiutò mentre inciampava sul terreno irregolare della foresta.

"Com'è normale?" chiese Amy. "Ho il bisogno di..." La sua mente vorticava e vagliava esattamente ciò che aveva il bisogno di fare; tutto ciò coinvolgeva il Dottore, la sua bocca e la netta mancanza di vestiti. "Oh Dio." Amy è inciampata in una radice e il Dottore l'ha afferrata proprio prima che toccasse terra. La sensazione di entrambe le sue mani su di lei la fece chiudere gli occhi e avvicinarsi a lui.

"No, no, niente di tutto questo, Pond," disse. "Continua così, per favore. Sinistra, destra, sinistra destra."

Il Dottore la fece muovere di nuovo.

"Ma, dottore, lo voglio," cominciò a dire.

"Lo so, lo so!" disse rapidamente. "Ma è il polline dei fiori. In realtà non sei tu."

Amy non ne era molto sicura, ma il ritmo che aveva impostato stava attirando tutta la sua attenzione, quindi tenne a freno la lingua. Emersero dalla foresta e tornarono attraverso i campi verso la collina e il TARDIS.

"Perché la parcheggio sempre su una dannata collina?" disse il dottore sottovoce. La sua mano si strinse su di lei e continuò a tirarla.

"Aspetta," ansimò. "Devo riposarmi un attimo."

"No, no, non lo fai", disse. "Devi continuare a muoverti, andiamo."

"NO!" disse ad alta voce e smise completamente di camminare. La sua presa sulla mano del Dottore lo fece strattonare all'indietro e lui finì per sbatterla contro di lei.

Il contatto completo del corpo fece rabbrividire e arrossire Amy allo stesso tempo. Lei emise un dolce "Oh" alla sensazione del suo corpo accanto al suo e istintivamente si premette contro di lui. Incontrò i suoi occhi, aspettandosi di vedere sorpresa, divertimento o esasperazione. Non si aspettava di vedere uno sguardo di lussuria in risposta. Un altro "Oh" è scappato. "Tu... lo senti..."

"Devi davvero, davvero continuare a muoverti," disse tranquillamente. "Attraverserà rapidamente il mio sistema, ma rimarrà nel tuo. Non so se l'aria su questo pianeta aggraverà il problema o meno. Devi continuare a muoverti, Amy."

"Va bene," sussurrò.

"Brava ragazza," disse e fece per voltarsi dall'altra parte.

"Ma", ha detto.

"Che cosa?"

Chiuse gli occhi e respirò. "Hai un profumo davvero fantastico."

Fece uno strano rumore in gola che era a metà tra una risata e un gemito e disse: "Te lo ricorderò un giorno. Ora, smettila di fare così, quindi..."

"Difficile?" fece per aprire gli occhi giusto in tempo per vederlo stringere gli occhi e digrignare la mascella.

"Difficile", ha detto. "Muoviti, Pond."

Il dottore si staccò da lei e, tenendole ancora la mano, la trascinò attraverso il campo e su per la collina.

Dopo qualche altro inciampo e vacillamento, raggiunsero il TARDIS. Il Dottore le lasciò la mano per tirare fuori la chiave. Amy si premette contro la sua schiena e strofinò il viso sul suo cappotto.

"Molto", mormorò. "Dottore tenero."

"Non in questo preciso momento," disse finalmente aprendo le porte e girandosi per tirarla dentro. La mise sotto il braccio e chiuse le porte, e Amy colse l'occasione per infilare la mano nella giacca e premergli la mano sul petto.

"Oooh, così veloce," disse, sentendo il suo cuore battere.

"Oh, accidenti," disse. La trascinò fino alla console del TARDIS e la appoggiò vicino alla ringhiera. "Restare fermo."

Amy annuì e aggrottò la fronte quando lui si voltò. Chiuse gli occhi e lo ascoltò azionare interruttori e tirare leve. Un'altra ondata di calore la investì e lei gemette. "Così caldo."

"Lo so, dammi solo un secondo", ha detto.

Amy si tolse faticosamente la giacca di pelle e poi si infilò il maglione sopra la testa, lasciandola con una canotta sottile. Sospirò di sollievo quando l'aria colpì le sue braccia nude. Fece il gesto di togliersi la canotta, ma il Dottore le apparve di fronte.

"Whoa, rallenta", ha detto. "Basta, proprio lì."

"Ma", ha detto. "Ho bisogno..."

"Esatto, sì, è necessario." Il Dottore sembrò esitare e Amy si appoggiò a lui e gli premette il viso sul collo. "Oh. Amy?"

"Hmm," disse nella sua pelle. Tirò fuori la lingua per un rapido assaggio e il Dottore sussultò.

"Ah no!" Egli ha detto. Si allontanò e disse: "Infermeria! Adesso!"

Le afferrò la mano e ancora una volta la tirò dietro di sé.

Erano a metà di uno dei numerosi corridoi, quando Amy sentì un'ondata di puro desiderio attraversarle l'addome. Lei gridò e si piegò in due. Il Dottore si fermò e le posò la mano sulla spalla nuda. "Va tutto bene, va bene. Non c'è molto di più, andiamo, Amy."

"No," sussurrò. "Non posso, dottore. Ho bisogno..."

Lei lo guardò e qualcosa di simile alla rassegnazione balenò sul volto del Dottore. "Oh, diamine."

"Dottore..." Amy si alzò e si premette contro di lui, il seno appiattito contro il suo petto. Rimase assolutamente immobile, ma i muscoli della mascella si contrassero e si irrigidirono. Posò baci a bocca aperta sulla pelle del suo collo. La sua pelle era fresca, più fresca della sua. Lei fece scorrere la lingua lungo i muscoli della sua gola. La mano non ancora trattenuta dalla sua, gli stringeva la vita. Lei trascinò le labbra lungo la sua mascella e fece oscillare i fianchi contro i suoi. Un'altra ondata la travolse e lei strinse la presa sulla sua mano e sulla sua vita. Lei lo guardò in faccia.

Il Dottore continuava a rimanere completamente immobile e aveva chiuso bene gli occhi. Si leccò le labbra e poi le premette sulle sue. La sua lingua scivolò sul labbro superiore e poi lentamente su quello inferiore, seguito da un morso rapido e deciso sulla parte più carnosa.

Un gemito risuonò dal suo petto e dalla sua bocca, che si aprì davanti a lei.

Risultato, gridò la sua mente prima di essere spazzata via dalla sensazione del Dottore che la baciava. Lasciò andare la sua mano per prenderle il viso, regolando l'angolazione per coprirle la bocca con la sua. La sua lingua sfiorò quella di lei dolcemente e poi con grande fervore. Lo incontrò mossa dopo mossa e spostò la mano ora libera per prendergli la parte posteriore del collo.

Amy era così concentrata sulla sensazione della sua bocca che non si accorse di lui che la guidava finché la parete del TARDIS non colpì la pelle calda della sua schiena. Lei sussultò e lasciò cadere la testa con un tonfo sul muro. Il Dottore fece scorrere la bocca lungo la gola e lei gli tirò la maglietta per trovare la pelle del fianco. Una volta che si fu liberata abbastanza da raggiungere la sua vita, la sua mano cercò immediatamente il suo osso iliaco. Una volta trovato, Amy trascinò un'unghia lungo l'osso fino alla parte superiore dei pantaloni.

Il Dottore rabbrividì e i suoi fianchi si strinsero in quelli di lei. "Oh," disse nella sua bocca. "Quello è nuovo." Amy trovò abbastanza concentrazione per sorridere e trascinare di nuovo l'unghia contro di lui, godendosi a fondo il conseguente brivido e la pressione contro il suo bacino.

Alzò una gamba per agganciarsi al fianco del Dottore e iniziò a far ruotare i suoi fianchi contro i suoi con serietà. "Dottore," disse. "Dottore, per favore."

Il desiderio che cresceva in lei rendeva i suoi movimenti irregolari e avrebbe potuto piangere per la frustrazione di non ottenere esattamente ciò di cui il suo corpo aveva bisogno.

"Facile, facile," disse il dottore. Le passò una mano lungo il fianco e sopra la gonna. Amy si morse il labbro quando la mano di lui finalmente raggiunse la sua pelle e le toccò l'interno della coscia. Tastò il bordo delle sue mutandine con il dito e poi le passò direttamente sul davanti.

Ansimò e saltò. "Sì, sì, lì."

Il Dottore infilò un dito sotto il tessuto delle sue mutandine e tracciò lentamente lungo la sua carne. I fianchi di Amy si dondolarono con impazienza e lui fece scivolare il dito dentro di lei. Trovò rapidamente il suo clitoride e lo massaggiò lentamente e delicatamente.

Amy sospirò e baciò alla cieca il suo collo mentre i suoi fianchi dondolavano a tempo con i suoi movimenti. Ritrovò la sua bocca e lo baciò disordinatamente dove lui incontrò il suo goffo entusiasmo con il suo. Aggiunse delicatamente un altro dito e Amy succhiò forte la sua lingua.

Il desiderio stava ancora crescendo, crescendo in lei e cercò di affrettare il Dottore muovendo i fianchi più velocemente. Ma non cambiò il ritmo e Amy gridò di frustrazione.

"Per favore! Più veloce, ho bisogno, ho bisogno..." disse.

"Shhh," disse. "Stai lasciando che il polline prenda il sopravvento. Non vuoi veloce, vuoi lento. Più lento è meglio." Lui trascinò il pollice dolorosamente lento su di lei e lei gemette. Lui si avvicinò e le mormorò all'orecchio: "Rallenta, Pond. Ti porterò lì. Lo prometto."

Lei gemette di nuovo. I suoi fianchi seguirono il suo ritmo e lasciò che la sensazione delle sue dita nel profondo di lei e della sua bocca sul collo prendesse il sopravvento.

Le sue dita non si fermavano mai e lei sentiva il desiderio dentro di lei continuare a crescere e la pura, assoluta immensità la sopraffaceva.

"Io non..." cercò di dire. "È troppo..."

"Troppo?" chiese. Premette forte il pollice contro di lei. "O semplicemente... giusto?"

Il suo corpo si inarcò mentre l'orgasmo la trafisse. Scoppi di sensazioni esplosero nella sua spina dorsale e corsero lungo ogni singolo nervo del suo corpo.

"Oh, Amelia," le sussurrò il Dottore all'orecchio.

Amy rimase senza fiato e affondò le unghie nella pelle del collo e dei fianchi mentre le scosse di assestamento la attraversavano.

Quando tornò giù, aprì gli occhi e incontrò lo sguardo cupo del Dottore. Notò le sue labbra gonfie e il leggero movimento delle sue dita ancora dentro di lei. Poi Amy ha fatto qualcosa che non aveva mai fatto in tutta la sua vita.

È svenuta.

*****

Quando Amy si è svegliata, era nell'infermeria. Indossava ancora i vestiti di prima, senza gli stivali, che erano sistemati ordinatamente sul pavimento accanto al letto. Si stirò languidamente e fece il punto della sua situazione attuale.

BENE.

I muscoli del suo addome erano piacevolmente doloranti in quel modo in cui si ha appena avuto un orgasmo spettacolare e il bisogno impellente di aver detto l'orgasmo sembrava essere sparito. Si sentiva sorprendentemente sveglia, a dire il vero. La maggior parte dei dettagli su come si era sentita in quel modo erano un po' confusi, ma poteva fare qualche ipotesi.

Amy si sedette e si guardò intorno. Il suo maglione era su una sedia lì vicino e il Dottore non si vedeva da nessuna parte. Amy era alternativamente sollevata e delusa dalla sua assenza.

Il pavimento fresco dell'infermeria era piacevole sotto i suoi piedi nudi. Prese il maglione e gli stivali e andò nella sua stanza. Anche se era riluttante a farsi una doccia e a lavare via l'odore di, beh, lui, voleva davvero un paio di mutande pulite.

Dopo una doccia veloce e aver indossato un paio di jeans e un maglione nuovo, Amy si diresse verso il ponte. Lo sentì muoversi prima di entrare e non fu sorpresa di vedere solo le sue gambe sporgere da sotto la console principale.

"Non si è fatta male, vero?" chiese Amy, avvicinandosi alle sue gambe.

"No," disse il dottore, con la voce soffocata. "Solo riparazioni standard. Anche se, ora che ti sei alzato," si tirò fuori da sotto e balzò in piedi, "possiamo andare."

Si voltò, lanciò una leva e girò un quadrante.

"Okay," disse Amy. "Quindi non lo faremo, sai..."

Lui la guardò da sotto la frangia. "'Sai cosa?"

"Ebbene, cos'è successo?" disse. "Non ne parliamo?"

"Ne abbiamo bisogno?" chiese. "Pensavo che non avresti ricordato molto."

"Beh, è ​​un po' nebuloso," ha ammesso. "Ma..."

"E' tutto allora," disse, distogliendo lo sguardo. "Ora, un grande segnale di avvertimento lampeggiante è stato affisso sul Sarvos XI e siamo pronti per la prossima avventura!"

"Oh, okay," disse accigliandosi. "A patto che tu sia sicuro."

"Ne sono sicuro", ha detto. "Assolutamente, assolutamente sicuro."

Si avvicinò a lei e sorrise mentre si allungava per azionare un interruttore accanto alla sua mano. Quando le sfiorò la pelle, un familiare lampo di desiderio la attraversò e gli occhi del Dottore si spalancarono. Si guardarono sbalorditi.

Il Dottore si schiarì la gola e disse: "Beh, forse soprattutto, forse sicuro."

Storie simili

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

352 I più visti

Likes 0

La mia prima volta_(44)

La mia prima volta Non crederei mai, nemmeno in un milione di anni, che lo direi a qualcuno, ma devo solo condividerlo con qualcuno. Sono ormai molti anni che scopo mia nuora. Quando si è trasferita fuori dallo stato, la nostra relazione di sesso reciproco è finita. Credimi, darei il mio dado sinistro per riaverla; Ma un uomo deve fare ciò che deve fare. Una notte stavo navigando in rete e mi sono imbattuto in un sito porno di cui non sapevo esistesse. Spettava agli uomini gay incontrare altre persone che la pensavano allo stesso modo. Mentre scorrevo gli elenchi e...

258 I più visti

Likes 0

Il nostro primo incontro parte 1

Era una fredda notte di ottobre. Il caminetto stava bruciando e abbiamo avuto un paio di drink. Ci siamo seduti casualmente a fissare il fuoco e chiedendoci cosa stessero pensando l'un l'altro. Lanciai un'occhiata a mia moglie, Stacie. Era in un altro mondo. Il silenzio è stato rotto da Heather che chiedeva a Stacie se stava pensando? Stacie ha risposto con una risatina, Oh niente di importante. In realtà mi stavo chiedendo com'era la tua vita sessuale? Avresti potuto bussare a me e Bill mentre iniziavano a ridacchiare e a discutere dell'intimità della loro vita sessuale. Bill e io sedevamo ad...

1.9K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

1.9K I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

Le Sorelle Calzino (Capitoli 9-12)

CAPITOLO NONO Jeff ci ha lasciati davanti alla casa di Kim intorno alle 8:30 e lei ci ha incontrato sulla porta con indosso una delle soffici vecchie vesti. “Sono appena uscito dalla doccia ragazze. Vieni nella mia camera da letto, ci cambiamo lì. Phil se n'è appena andato e mi sono quasi dimenticato del tempo! Phil se n'è appena andato, eh? Ho scherzato. E cosa stavate combinando voi due per aver perso la cognizione del tempo? “Stavamo scopando, Mar! Cosa hai pensato? Kim sorrise a me e Beth e scoppiammo tutti a ridere. Quando arrivammo nella stanza di Kim, lasciò cadere...

1.6K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.6K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.