La schiavitù di Dawn.

469Report
La schiavitù di Dawn.

Questo è il mio primo tentativo di scrivere storie erotiche, quindi il feedback sarebbe benvenuto. Fammi sapere se vuoi saperne di più su questa storia.

Prologo:
Ho aperto il mio studio legale circa un anno fa. Due mesi fa avevo più lavoro di quanto potessi gestire, quindi ho assunto Dawn, era una studentessa di giurisprudenza e sembrava che stesse lavorando bene. L'alba era giovane e bella! Ha tette 34D, lunghi capelli biondo platino, è alta circa 5 piedi e pesa circa 120 libbre con un culo da morire, e se ciò non bastasse ha occhi verde mare e un'aria di purezza intorno a lei.
Dawn e io stavamo lavorando fino a tardi un sabato pomeriggio quando arrivò una chiamata sul cellulare di Dawn. Si scusò e uscì nell'atrio per rispondere. Non ci ho mai pensato niente. Mentre era al telefono ho preso una pausa e sono andato a prenderci qualcosa da bere e ad usare il bagno. Dawn era ancora al telefono ma sembrava che fosse sconvolta. Ho deciso di non dire nulla e di ascoltare, quindi sono andato nel bagno dall'altra parte del corridoio. Avevo appena chiuso la porta del bagno quando ho sentito Dawn entrare nel bagno con me. Pensavo stesse parlando con me quando l'ho sentita menzionare il nome del nostro ultimo cliente. Ho iniziato a rispondere quando ha detto "per favore, non farmi fare questo". All'inizio ero confuso ma poi ho capito che stava ancora parlando al telefono. Stava fornendo i dettagli del nostro caso. All'inizio ero così incazzato che ero pronto a licenziarla su due piedi, ma avevo bisogno di sapere con chi stava parlando. Quindi ho aspettato e ascoltato quello che aveva da dire. Poi l'ho sentita menzionare il nome dell'imputato e l'ho capito perfettamente. Potrei licenziarla e probabilmente farla arrestare.

Dawn riattaccò il telefono, si guardò allo specchio e chiese al suo riflesso cosa avrebbe fatto? Sono uscito dal box e ho detto da quanto tempo parli a Jay di questo caso? Ha iniziato a balbettare e piangere dicendo che non aveva scelta. Le ho detto che avrei dovuto licenziarla e chiamare la polizia, perché non avevo scelta perché i miei clienti erano più importanti di lei. Ha iniziato a raccontarmi una storia strappalacrime su come suo fratello si fosse messo nei guai e che Jay Ricos, l'imputato nel mio caso attuale, lo avesse scoperto e la stesse ricattando. Sarebbe andato alla polizia e avrebbe fatto condannare suo fratello per omicidio se lei non avesse detto a Jay tutto quello che sapeva sul caso. Ha detto che Jay aveva le prove che suo fratello aveva ucciso uno spacciatore, ma in realtà è stato Jay a uccidere lo spacciatore davanti a suo fratello. Ho detto a Dawn che avrebbe dovuto darmi le informazioni di cui avevamo bisogno per inchiodarlo e così suo fratello sarebbe stato al sicuro.

Fu allora che mi fece una proposta che non potevo rifiutare. Mi ha detto che avrebbe fatto qualsiasi cosa per mantenere il suo lavoro. Le chiedo cosa avesse in mente e lei mi ha detto QUALSIASI COSA!!! Qualunque cosa fosse, da quel momento in poi si sarebbe perdonata e sarebbe stata una dipendente fedele. Le ho detto che se mi avesse aiutato a mettere Jay dietro le sbarre avrei preso in considerazione l'idea di tenerla, ma che avrebbe dovuto pagare per quello che aveva fatto, non potevo lasciarla scappare indenne.

Dawn ha impiegato tre mesi a registrare ogni conversazione con Jay prima che si vantasse di ciò che aveva fatto. Dawn e io abbiamo chiamato la polizia, abbiamo dato loro le informazioni e abbiamo fatto arrestare Jay. Ora sta scontando una condanna all'ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

Sono andato direttamente nell'ufficio di Dawn, ho chiuso la porta e le ho detto di venire a casa mia stasera e avremmo parlato se avrebbe mantenuto il lavoro o sarebbe andata in prigione. Ha iniziato a tremare e piangere ma ha detto che sarebbe stata lì.

Capitolo 1:

Dawn si è presentata alle 19:00 e ho capito che era nervosa, ma è arrivata dritta al punto e mi ha chiesto come avrebbe potuto mantenere il suo lavoro. Le chiedo quando si laureerà in giurisprudenza. Ha detto tra 3 anni. Le ho detto che sai che quello che hai fatto con il nostro cliente era illegale, giusto? Ha detto che sì, sapeva che lo era, ma non aveva scelta di proteggere suo fratello poiché era la sua unica famiglia.

Bene, ecco il punto in cui dobbiamo elaborare un piano per punirti per quello che hai fatto senza coinvolgere la polizia. Hai qualche suggerimento? Ha detto che solo essere scoperti da me era una punizione. Le chiedo come fosse una punizione, lei mi ha detto che non aveva mai fatto niente del genere prima e si vergognava così tanto di ciò in cui si era permessa di entrare che ovviamente non avrebbe mai più fatto niente del genere. Come faccio a sapere che non lo farai mai più?

No, il piano è che la punizione deve essere adeguata al crimine. Avresti potuto perdermi il mio studio legale e nel frattempo saremmo potuti essere arrestati entrambi a causa delle azioni che hai scelto di intraprendere, quindi questo è ciò che propongo. Per un periodo di un anno o finché non dirò che sei stato punito abbastanza, diventerai il mio schiavo sessuale. So che non è ortodosso, ma è l'unico modo per ottenere una ricompensa per quello che mi hai fatto passare negli ultimi tre mesi. Ti darò dieci minuti per pensare a cosa vuoi fare, poi inizieremo o potrai dire addio alla tua carriera perché mi assicurerò che non lavori mai più in questo campo.

Ci sono alcune cose che devi sapere, farai quello che ti viene detto la prima volta o tutte le punizioni saranno aumentate in modo significativo. Ti trasferirai qui e resterai finché non finirai il tuo anno di servitù o finché non mi stancherò di averti tra i piedi. Lavorerai solo per me. Andrai a scuola, poi lavorerai e poi verrai direttamente qui. Comprerai vestiti e indosserai quello che dico. Non comunicherai con nessuno dei tuoi compagni di classe a meno che non ti dia il permesso. Nessun fidanzato. Avete domande? Sì, voglio dire no, ho una cosa da dirti, sono vergine. Ho detto che va bene. Non voglio prendere nulla da te. Tanto perché tu lo sappia, non sono mai stato con un'altra donna, ma sono sempre stato curioso e ho sempre desiderato una schiava. Ti restano cinque minuti, quindi andrò di sopra e ti lascerò pensare a cosa comporta tutto questo. Se hai intenzione di obbedire, togliti i vestiti e vai nel seminterrato, non guardarmi mai negli occhi quando siamo qui. D'ora in poi mi chiamerai signorina.

Ero così eccitato che riuscivo a malapena a camminare. Non vedevo l'ora di prendere una cintura e battere il suo bellissimo culo. Sono andato di sopra e mi sono messo un orsacchiotto e un cappotto da casa, poi sono andato a vedere se sarebbe rimasta. Sono andato nel seminterrato e lei stava lì con la testa chinata e le mani dietro la schiena. Era la posizione perfetta. Le chiedo se aveva qualche domanda e lei mi chiede se le avrei fatto del male. SÌ. Cosa pensi che farò, ti parlerò come punizione? Quando darò un ordine obbedirai la prima volta senza discussioni o ci sarà una punizione extra, capisci? Sì, le ho dato uno schiaffo in faccia e ho detto sì cosa? Si Signora? Meglio! Ora piegati sullo schienale di quella sedia. Ha iniziato a piangere e a scuotere la testa in segno di no. Mi sono avvicinato a lei, l'ho presa per i capelli e le ho detto che ti avrei dato solo venticinque, ma tu ne hai appena guadagnati altri venticinque. Si appoggiò molto rapidamente allo schienale della sedia bassa. Le chiedo se devo legarla e lei dice di no, resterà sul posto. Le ho detto che questa volta non doveva contare, ma che sarebbe stata una buona idea non muoversi perché avrei potuto ricominciare da capo.

Mi sono avvicinato a lei e le ho strofinato la mano sul sedere e tra le gambe. Era molto nervosa e sobbalzò quando la toccai. Le ho detto di allargare le gambe e di afferrare bene i braccioli della sedia e qualunque cosa accada non muoversi. Presi la cintura, tirai indietro il braccio e sferrai la prima delle violente frustate sul suo culo quasi perfetto. Saltò ma mantenne la posizione e sentii un piccolo singhiozzo e un singhiozzo. Le chiedo se aveva mai ricevuto una sculacciata prima e lei ha detto di sì dai suoi genitori ma era passato un po' di tempo, le chiedo per cosa era stata punita e lei ha detto perché aveva marinato la scuola. Ho iniziato a contare le sculacciate per lei. Al decimo colpo piangeva, al ventesimo singhiozzava apertamente. Ero dannatamente vicino a Cumming solo per averla picchiata.

Quando l'ho colpita per la venticinquesima volta ha urlato. Ho deciso che il suo culo e le sue cosce ne avevano avuto abbastanza. Le ho detto di alzarsi e girarsi. Si stava massaggiando il culo e singhiozzava, le ho detto che poteva prendere gli ultimi venticinque sulle tette o sulla figa, cosa sarà? Mi stava implorando di non picchiarla più, ma ero completamente preso da quello che ne stavo ottenendo, era quasi come un'euforia. Non potrei fermarmi nemmeno se volessi “non volevo”. Ho alzato la cintura e l'ho abbassata su entrambi i suoi seni, lei ha urlato e si è inginocchiata, ha avvolto le sue braccia attorno alle mie gambe e mi ha implorato e implorato di fermarmi. Le ho detto che l'avrei fatto dopo altri ventiquattro colpi. Ti lascerò scegliere l'area e lo strumento che metterà fine alla tua punizione. Ecco cosa c'è in offerta. Sono andato all'armadio e ho aperto le porte ed ero orgoglioso dell'assortimento di fruste, cinture, palette e strumenti di tortura che avevo accumulato da quando avevo deciso di punirla in questo modo. Le ho detto di strisciare verso l'armadietto e scegliere qualcosa con cui avrei potuto porre fine a questa confusione della sua punizione e di sbrigarsi.

Si avvicinò e scelse una frusta piuttosto leggera. Sono rimasto impressionato. Le chiedo dove sarebbero le prossime ventiquattro sculacciate. Mi chiede se posso dividerli tra la sua figa e il suo seno. Le ho detto di alzarsi, allargare le gambe e alzare le braccia sopra la testa e le ho detto che se si fosse mossa, avrei raddoppiato di nuovo la sua punizione. Quando ho iniziato a colpirle le tette ha gemito un po', non so se fosse dolore o sollievo quello che provava, ma gliel'ho lasciato fare più forte che potevo. Quando ho finito con la sua prima sculacciata, si è inginocchiata, mi ha ringraziato e ha detto che se lo meritava. Ero quasi scioccato per quello che avevo fatto. Avevo sempre fantasticato di avere uno schiavo, ma la realtà era molto più grande. Ora tutto quello che dovevo fare era pensare a qualcosa per tenerla all'erta. Le chiedo se aveva mai pensato di farlo con un'altra donna e lei dice di no, il pensiero non le aveva mai attraversato la mente.

Le ho detto di mettere la bocca sulla mia figa. Si è semplicemente inginocchiata lì guardandomi e ha iniziato a piangere più forte, le ho dato uno schiaffo in faccia e le ho chiesto se non ne aveva abbastanza della cintura? Ha premuto la sua bocca sul mio inguine fuori dai miei vestiti e io sono venuto subito da quel primo contatto. È stato molto erotico vederla inginocchiata lì con le lacrime sul viso e la bocca premuta sulla mia figa fuori dai vestiti.

Mi sono tolto il cappotto e l'orsacchiotto e sono rimasto nudo per la prima volta davanti a lei. Le ho detto che era carino, ma ora metti davvero la sua faccia lì dentro e inizia a leccare. Non aveva idea di cosa fare ma ero ancora così arrapato che mi bastava solo toccarmi per ricominciare a Cumming. Mi sono trattenuto e l'ho afferrata per i capelli e ho iniziato a dondolarle avanti e indietro sul viso, poi l'ho spinta a terra sulla schiena e mi sono seduto sul suo naso e sulla sua bocca. Ero al settimo cielo. Le ho detto di infilarmi la lingua nel culo e di mettersi davvero al lavoro. Dopo aver eiaculato di nuovo, la sensazione si era calmata un po', quindi mi sono alzata e le ho detto di alzarsi in piedi. Era un po' tremante e respirava affannosamente, il suo viso era bagnato dai succhi della mia figa, era un sito molto eccitante.

Non ero affatto soddisfatta, andai all'armadio e cominciai a tirarne fuori delle cose. Ho un set di manette, una barra di sollevamento e un dildo. Volevo prenderle le ciliegie e volevo davvero che fosse doloroso. Immagino di essere sadico. L'ho messa sulla schiena su un tavolo da cucina e le ho detto di mettere le braccia sopra la testa. Avevo attaccato dei ganci per gli occhi sul tavolo attorno ai bordi. Le ho messo le manette e le ho attaccate al gancio ad occhiello in cima al tavolo, poi ho messo la barra di sollevamento tra le sue gambe e l'ho fissata alle caviglie, poi ho sollevato le sue gambe in aria e ho attaccato la barra a un catena pendeva da una trave del soffitto. Questo le ha messo il culo e la figa proprio sul bordo del tavolo. Le ho messo un bavaglio rosso brillante in bocca e una benda sugli occhi e mi sono infilato tra le sue gambe in modo da poter vedere se era bagnata e con mia sorpresa era umida. Ho iniziato ad accarezzarle la figa con le dita e lei ha gemuto leggermente ma ha scosso la testa in segno di no.

Questo mi ha fatto incazzare, quindi le ho infilato due dita nella figa e le ho girate e girate finché non ha iniziato a piangere di nuovo. Ho sorriso tra me e me e ho pensato che dovrebbe essere doloroso. La sua figa era stretta sulle mie dita quindi sapevo che questo vibratore le avrebbe fatto male. Ho appena messo un po' di lubrificante sulla punta e me lo sono legato in vita, poi sono andato al bordo del tavolo e ho iniziato a strofinare il cazzo finto su e giù per la fessura della sua figa. Il dildo era lungo 8 pollici e grande circa quanto il suo polso. L'ho spinto dentro un po' finché non ho incontrato la sua ciliegia poi l'ho tirato fuori e sono andato dall'altra parte del tavolo e mi sono chinato sulla sua testa e le ho morso i capezzoli e le ho dato una pacca sui seni, le ho sussurrato che le stavo per far scoppiare Cherry e spero che faccia male da morire.
Ha iniziato a piangere più forte e a borbottare attraverso il bavaglio. Ho riso e sono tornato a lavorare sulla sua figa. Questa volta le ho messo le mani sui fianchi e ho messo il vibratore all'apertura della sua figa e l'ho infilato fino in fondo. Ha lanciato un urlo attraverso il bavaglio, anche se era un po' soffocato, era musica per le mie orecchie. Ho spinto dentro e fuori la sua figa per circa cinque minuti, poi l'ho tirato fuori e mi sono avvicinato di nuovo alla sua testa, ho tolto il bavaglio e le ho messo in bocca il vibratore macchiato di sangue e le ho detto di pulirlo, lei l'ha lavato con la sua lingua e quando fu pulita mi chinai di nuovo e le sussurrai che le era rimasto solo un buco vergine e che avrebbe potuto indovinare dove sarebbe andato il mio cazzo, prima che potesse dire qualcosa le ho rimesso il bavaglio in bocca e l'ho allacciato stretto.

La volevo in una posizione umiliante. Così l'ho liberata dalla sua schiavitù e le ho detto di piegarsi oltre l'estremità della sedia. Ho fatto passare una corda sotto la sedia dai suoi polsini alla barra di sollevamento e li ho attaccati insieme, poi le ho tolto la benda cieca e mi sono messo di fronte a lei ad accarezzarla. il grosso dildo e dicendole quanto avrebbe fatto male. Le chiedo quando è stata l'ultima volta che ha cagato. Ha borbottato qualcosa che non sono riuscito a capire, quindi ho tolto il bavaglio. Stava singhiozzando e implorandomi di non violentarle il culo, ma era quello che intendevo fare. Le ho dato uno schiaffo in faccia e le ho detto di smettere di piangere e di dirmi quello che volevo sapere. Era rossa come un pomodoro quando mi ha detto che era successo ieri. Le ho detto che mi dispiace tanto ma non posso scoparti il ​​culo adesso, prima dovrai farti un clistere perché non mi piace avere merda addosso.

L'ho lasciata lì legata alla sedia e sono andata di sopra per vedere se avevo un clistere ma non ne avevo uno quindi ho deciso di aspettare fino al giorno dopo per deflorare il suo culo vergine.

Non vedevo l'ora di trovare qualcosa di umiliante da farle fare e volevo che domani fosse stupenda al lavoro, quindi sono scesa, l'ho slegata e le ho detto che saremmo andati a fare shopping. Le ho detto di mettersi la camicetta di seta senza reggiseno e di buttare via le mutandine che non ne avrebbe più avuto bisogno.
Siamo usciti di casa con lei rossa e io così arrapato che riuscivo a malapena a camminare. L'ho portata nella città più vicina a dove vivevo e l'ho portata al centro commerciale per comprarle qualcosa di interessante da indossare. Le ho detto di comprare delle minigonne, dei top stile scollato e delle camicette di seta per il lavoro. Poi siamo andati al negozio di lingerie dove le abbiamo trovato dei bellissimi reggiseni e delle mutandine di seta senza cavallo, delle giarrettiere e delle calze di seta trasparente. Abbiamo parlato di alcuni doveri mentre facevamo la spesa e le ho detto cosa poteva aspettarsi mentre era mia schiava. L'impiegato continuava a lanciarci sguardi strani e ho detto a Dawn di mostrare le sue tette alla donna così avrebbe avuto qualcosa di cui parlare con le sue amiche. Dawn è diventata scarlatta e ha iniziato a dire di no, poi immagino che ci abbia ripensato, si sia girata e abbia aperto la maglietta in modo che la donna potesse vedere le sue bellissime tette. La donna mi sorrise poi si avvicinò a noi e chiese se Dawn fosse mia figlia o la mia amante. Le dissi che non sarebbe stata nemmeno la mia schiava per il prossimo anno.

Dawn sussultò, guardò il pavimento e non disse una parola. La donna sembrò sorpresa nel vedere questo e chiese dove poteva trovarne uno. Le chiedo se era seria e lei ha detto di sì molto. Le ho dato il mio indirizzo e le ho detto di passare a casa domani e avremmo parlato di Dawn come sua schiava per un fine settimana. Toccava a me insegnare a Dawn una lezione che non avrebbe dimenticato.

Storie simili

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

2.1K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

2K I più visti

Likes 0

La prima gangbang di mia moglie!

Per cominciare ti dirò che siamo una coppia sposata da 20 anni e viviamo questo stile di vita da 19 anni. Mi piace guardare mia moglie Roxanne stare con e scopare altri uomini mentre guardo o da sola e lei può raccontarmelo quando torna a casa. Questa notte Roxanne stava uscendo da sola con l'idea di trovare uno strano cazzo, e l'ha fatto! Si è vestita tutta con décolleté nere da 5 pollici con tacco alto, calze cubane alte nere e abbronzate e con la linea che corre lungo la schiena, un reggicalze di pizzo nero, mutandine perizoma in pizzo nero...

2.2K I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.9K I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

2K I più visti

Likes 0

Camminatore di strada

Storia di Fbailey numero 213 Camminatore di strada Mia moglie ed io ci divertiamo un po' a giocare nel nostro matrimonio. I miei due giochi preferiti sono La piccola scolaretta cattolica e Streetwalker. Adoro quando la mia bellissima moglie indossa un vestito da scolaretta cattolica che ha ricevuto in una svendita la scorsa estate. Di solito sono il Capo Mater e devo punirla per qualcosa. Anche lei ci entra davvero. Fa sicuramente del buon sesso dopo. Ora lo Streetwalker permette alla mia moglie alta e snella di acquistare cose che non indosserebbe mai normalmente. A una svendita di un metro ha...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

1.8K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.8K I più visti

Likes 0

Moglie e sorella scopano duramente

Questo è Alì. Sono un uomo sposato di 32 anni. Sono sposato e mia moglie Niha ha 28 anni ed è una casalinga. Lei è una bella signora. Ovunque vada, i ragazzi intorno non distoglieranno gli occhi da lei. Sono molto fortunato ad averla. La sua taglia è 36-28-40. Ha un seno bello e sodo e un culo rotondo e spumeggiante che oscilla mentre cammina e molte persone per strada aspettano di vedere il momento del suo culo mentre cammina per il mercato vicino. Indossa sempre Sari e talvolta a casa, le piace indossare la notte. Abbiamo avuto una buona vita...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.