Invadere Parigi - Parte 1

129Report
Invadere Parigi - Parte 1

La testa le pulsava. Sembrava che stesse aumentando e diminuendo fisicamente di dimensioni. Non si mosse mentre si svegliava, perché non voleva peggiorare il palpito. Lei, semplicemente, non riusciva a pensare in modo chiaro. Le è servito tutto il suo sforzo per ricordare che era stata fuori tutta la notte scorsa, non importava i dettagli, ma anche con quello, era certa di non aver fatto nulla per meritarsi una sbornia di questa portata.

Man mano che diventava più consapevole di se stessa, si rese conto che era seduta. Alzò la testa e fu allora che si rese conto che non era nel suo albergo. Lo sapeva perché la sua testa era dentro un sacco. Aprì i suoi occhi sporgenti e doloranti per vedere nient'altro che oscurità come la pece. Il sacco sopra la sua testa stava oscurando tutta la luce. Il suo cuore batteva forte.

Ogni mossa faceva male e il suo corpo doleva, ma cercava con tutte le forze che poteva di alzarsi, ma senza successo. Il sacco sopra la sua testa era stato legato intorno al collo, non così stretto da causarle angoscia durante la respirazione o la deglutizione, ma abbastanza stretto da bloccare la luce e garantire che qualsiasi quantità di scuotere la testa per rimuoverla si sarebbe rivelata infruttuosa. C'era una cinghia sulle spalle che la teneva alla sedia, e le sue braccia erano legate intorno allo schienale della sedia ai suoi polsi. Attraverso la sua vita, una cinghia simile a quella intorno alle sue spalle la teneva in posizione, e le sue gambe erano tenute divaricate da vincoli alle ginocchia e alle caviglie. Era completamente incapace di muoversi. Non riusciva a stare in piedi, e cercare di far oscillare la sedia si rivelò del tutto inutile in quanto non solo era robusta e forte, ma apparentemente attaccata al pavimento.

Cominciò a piangere. Avrebbe voluto urlare, ma quando ci ha provato la sua voce si è semplicemente spezzata e gracchiata, e sembrava che la sua gola fosse stata squarciata in due.

"Non piangere Parigi", disse una voce vicino a lei.

Era maschio e vecchio. Era freddo e suonava come ghiaia. C'era un accento. Alzò dolorosamente la testa e cercò di scoprire da dove provenisse il suono, ma senza la capacità di muoversi, o vedere, era inutile.

"Dovresti essere felice", ha continuato. “Mi è stato ordinato di 'rimuoverti'. Ucciderti non era escluso e sarebbe stato molto più facile per me se fossi onesto tesoro.

Il suo cuore quasi si fermò, e poi accelerò. Aveva smesso di singhiozzare, ma lacrime silenziose le rigavano il viso e respirava a malapena a causa della sua paura opprimente. Il dolore alla testa era ancora lì, ma era un lontano ricordo rispetto alla paura che stava vivendo in quel momento.

"Dove sono?" Ha gracchiato.

"Hai bisogno di un drink Miss Hilton", disse, quando finalmente riconobbe il suo accento inglese.

"Dove sono?" gracchiò di nuovo.

Sentì dell'acqua scorrere e schizzare in un bicchiere. Pensò a quanto sarebbe stata fantastica l'acqua in questo momento. Come potrebbe lenire così tanti dei suoi dolori e dolori. Ma sapeva che questo non era un gesto disinteressato da parte del suo rapitore. Avrebbe potuto ucciderla, l'ha detto lui stesso.

"Potresti chiamare dove sei, un seminterrato", arrivò la sua voce. “Ma non lo farei. Il mio seminterrato è parecchi piedi insonorizzati sopra le nostre teste. Chiamiamolo..." ridacchiò tra sé e sé qui, "Un dungeon".

Il suo cuore continuava a pompare per un miglio al minuto, e ora il suo respiro era diventato rapido. Cominciò a singhiozzare di nuovo, la voce di lui che si spezzava a ogni respiro stridulo.

Ha riso.

"Hai bisogno di un drink, aspetta".

Lo sentì al suo fianco e iniziò immediatamente a lottare contro le sue restrizioni senza speranza. Pianse e si permise di avere davvero paura. Poteva sentirlo arrivare. Le avrebbe fatto del male in modi che lei semplicemente non poteva nemmeno immaginare.

Sentì qualcosa di strano avvolgerle la testa e stringersi, saldamente, attorno al sacco e sopra gli occhi. Poi sentì la cravatta intorno al collo allentarsi. Cominciò a sbattere la testa avanti e indietro selvaggiamente, ma si fermò rapidamente. La sua testa iniziò a pulsare in modo incontrollabile e si sentì male fisicamente per il movimento misto alla paura. Il suo rapitore sospirò, poi sollevò il sacco sulla bocca e lo legò con il cordoncino proprio sotto gli occhi.

“Non voglio che tu mi veda ancora,” disse piano, “Ma non sono un mostro. Le droghe ti disidratano e probabilmente ti senti un po' male. Quest'acqua aiuterà. Ora stai fermo, ho messo una cannuccia per te per rendere tutto più facile.

Sentì la cannuccia contro le labbra e pensò se prendere o meno il gesto per quello che lui sosteneva che fosse. Decise che o era acqua, o veleno, l'avrebbe aiutata a sentirsi meglio in quel momento. lei ha fatto schifo...

L'acqua gelida le inondò la bocca e le scivolò giù per la gola, ricoprendo di gloriosa umidità l'area che sembrava deserta. Cominciò di nuovo a piangere, in parte per il sollievo e la gioia di essere viva, in parte (e confusamente) per la paura assoluta di ciò che sarebbe successo dopo. Sentì goccioline d'acqua gocciolarle lungo il mento mentre piangeva, non lacrime, ma l'acqua del bicchiere mentre lottava per tenerlo tutto in bocca mentre sospirava di sollievo. Tutto il suo corpo si sentiva privo di forze e l'acqua era così fredda e rinfrescante che era totalmente confusa su come doveva sentirsi nei confronti di quest'uomo al suo fianco.

"Così meglio?" Chiese.

Lei semplicemente annuì. Si è rifiutata di ringraziarlo. La disgustava solo riconoscere la sua esistenza.

Prese il bicchiere e lo posò dall'altra parte della stanza e poi si accucciò di nuovo al suo fianco, dove era stato prima.

“Sono stato pagato per tenerti fuori dagli occhi del pubblico. Il modo in cui ho realizzato quell'impresa è stato lasciato interamente a me, ma sono stato assunto perché sono il migliore. Il punto in cui ti trovi è molto lontano da dove il tuo team di sicurezza pensa che tu sia, e ci vorranno almeno altre tre ore prima che si rendano conto che te ne sei andato. Sei parecchi metri sottoterra, in quella che è essenzialmente una scatola insonorizzata di mia progettazione e creazione. Nessuno tranne me sa che è qui e solo io so dov'è l'ingresso. A parte me, sei completamente, e totalmente, solo.

Si fermò per far penetrare l'ultima parola e Paris Hilton, la donna "famosa per essere famosa" più famosa del mondo, lasciò cadere la testa contro il petto in segno di sconfitta. Il suo pianto era di nuovo silenzioso, ma questa volta non era stata la paura, ma la completa disperazione che l'aveva sopraffatta.

“Non te lo dico per spaventarti”, ha continuato, “te lo dico perché voglio che tu sappia che qualunque cosa accada da qui in poi, sei di mia proprietà. Tu appartieni a me e posso fare di te come desidero. Sono stato pagato un'incredibile quantità di denaro per fare cose a cui non vorresti nemmeno pensare e ho più soldi di quanti tu possa nemmeno sognare. Essendo una delle donne più ricche del mondo, dovresti davvero apprezzare quello che ti sto dicendo lì. Non devo mai lavorare. Lo faccio perché lo amo. Non avevo bisogno dei soldi che ho ottenuto per averti rimosso dalla società, ma onestamente non potevo perdere l'opportunità di farlo. Se mi avessero chiesto di ucciderti, l'avrei fatto, ma non l'hanno fatto. Quindi ora sei qui e sei mio. Prima lo accetti e giochi secondo le regole, più facili saranno le cose per te.

Le parole la inondarono. Sapeva che stava dicendo la verità. Sapeva che la sua vita come sapeva che era finita. Voleva sospirare. Voleva piangere. Ma aveva perso la capacità di fare qualsiasi cosa. La lotta l'aveva completamente abbandonata e, almeno per il momento, tutto ciò che riusciva a gestire era respirare.

Ha visto questo. Mentre la guardava, il suo linguaggio del corpo gli diceva che aveva finito. Non avrebbe mai immaginato che sarebbe stato così facile. Questo veloce. Ora lo avrebbe spinto al limite. La sedia su cui era seduta aveva delle stecche mancanti nel sedile e lui l'aveva posizionata proprio così, per poter accedere alla sua figa e al culo attraverso di esse. Sorrise tra sé e sé e si leccò le labbra in attesa del suo piano.

Si spostò sullo schienale della sedia e sganciò lentamente le cinghie che tenevano ferme le mani di Paris. Le sue braccia si lasciarono cadere senza vita al suo fianco, e lui sorrise al pensiero di stenderla sul tavolo su cui aveva fatto apposta per scoparla. Ha sganciato le cinghie delle sue spalle e ha fatto il giro della sedia per fare lo stesso con la cinghia intorno alla sua vita. Rapidamente, e senza preavviso, il suo gomito si alzò all'indietro, schiacciandogli l'inguine. Le sue ginocchia cedettero e cadde in posizione inginocchiata sul pavimento accanto a lei. Di nuovo colpì, e mentre le sue mani strinsero la sua virilità mentre bruciava per il dolore, il suo gomito si schiantò contro il ponte del suo naso. Le lacrime gli riempirono gli occhi e iniziò a cadere all'indietro.

La lotta era tornata. L'aveva sentito rifluire dentro di lei mentre lui le sganciava le mani. La sua eccessiva sicurezza sarebbe stata la sua rovina. Potrebbe vivere il suo schiavo, o morire cercando di scappare. Certo, ma per quanto riguarda l'opzione tre? Fuggi e vivi. Si è concentrata su quello e ha alzato le mani per liberare gli occhi dalla loro prigione... Ma non poteva. Le restrizioni avevano rallentato il flusso sanguigno e, sebbene le sue braccia operassero con una capacità abbastanza forte da distruggere le parti intime di un uomo, le sue dita non avrebbero funzionato per lei. Non riusciva a farli agganciare alla borsa sopra la sua testa... Così ha spinto. Usando il palmo della mano sollevò la borsa e, lentamente, la luce iniziò a inondarle l'occhio destro, lentamente iniziò a guardare nella stanza senza finestre, con il pavimento di cemento nudo, i mobili in acciaio inossidabile. Al suo fianco, vide la sagoma di un uomo, appallottolato per l'agonia, non poteva vedere affatto il suo viso, ma mentre cercava invano di togliersi il resto della benda dal viso si rese conto che stava cominciando a muoversi . Dondolandosi avanti e indietro, ringhiava a denti stretti. Man mano che il suo rumore diventava più forte e più gutturale, riuscì a trattenere la borsa. Se lo strappò dalla faccia e lo lasciò cadere a terra, e iniziò ad armeggiare con la cintura in vita, sganciandola molto più velocemente di quanto si aspettasse, si mosse per slacciare quelli intorno alle ginocchia.

Sfortunatamente, a questo punto, l'uomo al suo fianco, il suo rapitore era di nuovo in ginocchio, e mentre lei si aggrappava alla cinghia sul ginocchio sinistro, il pugno di lui le colpì lo stomaco. La forza del pugno la piegò a metà e rimase senza fiato, come un pesce fuor d'acqua. Alzandosi in ginocchio, si alzò rapidamente da terra, facendo oscillare il ginocchio inferiore sulla sua fronte. L'impatto l'ha accecata. Tutto quello che c'era, era oscurità tutt'intorno a lei, abitata da luci bianche intermittenti.

"Sei incasinata piccola puttana!" Ringhiò. "Pagherai per quella piccola mossa molto, molto poco saggia!"

La schiaffeggiò in faccia e tutta la parte superiore del suo corpo cadde a terra. Era appesa ad una strana angolazione dalla sedia, poiché non era in grado di cadere e le sue gambe erano ancora bloccate in posizione. Il dolore lancinante le percorse le ginocchia.

Afferrandola per la gola, il suo rapitore la sollevò in piedi, e prima che potesse rimettere a fuoco i suoi occhi, spinse la sua testa nella sua. Si accasciò, priva di sensi, di nuovo sul sedile...

------------------

Quando Paris si svegliò, aprì immediatamente gli occhi. A differenza dell'ultima volta, non era più bendata, ma era adagiata supino, nuda, su un freddo tavolo di acciaio inossidabile. La testa le doleva dove era stata colpita, due volte, con vera forza, e lottò per muoversi mentre le sue mani erano ammanettate al tavolo e limitavano qualsiasi movimento che cercava di fare. Girò la testa avanti e indietro per vedere se era sola, ma non riusciva a vedere niente dietro di sé chiaramente. Con la coda dell'occhio poteva vedere che lui era lì, con le spalle al suo, ma poteva vederlo in qualsiasi modo reale. Cercò di muovere le gambe, ma sembravano essere tenute divaricate da solide cinghie d'acciaio appena sopra le ginocchia, impedendo qualsiasi tipo di movimento da un lato all'altro. Il suo bacino pendeva oltre il bordo del tavolo.

"Ora sei all'altezza del cazzo perfetta", la voce del suo rapitore proveniva da dietro di lei.

Cercò di girarsi, ma nulla di ciò che fece le dava una visione migliore di lui di quella che aveva già visto con la coda dell'occhio.

"L'altezza perfetta per cosa?" Lei rispose, indignata.

"Cazzo, stupida puttana!" Ringhiò di rimando, “L'altezza FUCKING perfetta!! Prima che tu potessi scegliere! Prima stavo andando piano piano! Prima che ti sia piaciuto! Ma ora... Ora, ti scoperò in ogni buco che hai senza riguardo per il tuo piacere, il tuo corpo o la tua sicurezza. Per me non sei altro che un buco caldo e umido in cui infilarmi il cazzo, piccola puttana sporca!

La paura la attraversò. Le era venuta in mente la sua nudità e la sua posizione compromettente, ma aveva evitato l'idea che il suo rapitore sarebbe caduto così in basso da violentarla effettivamente. Si tirò le manette sui polsi, provocandosi allo stesso tempo un grande dolore. Dimenava i fianchi da un lato all'altro, nella vana speranza che in qualche modo si sarebbe liberata, ma i vincoli che le tenevano le gambe sollevate le impedivano di ottenere un vero slancio.

Mentre lei lottava, lui camminava tra le sue gambe tremanti. Guardò le labbra della sua figa perfettamente lisce e sentì un profondo bisogno di essere dentro di loro. Lui, era nudo, il suo cazzo duro era dritto e vero di fronte a lui e pulsava mentre la guardava indietreggiare contro i suoi vincoli. Il suo sedere si muoveva da una parte all'altra nel modo più ipnotico. La sua lotta le fece aumentare il respiro e quando sentì la sua presenza andò nel panico. Il suo respiro era rapido e iniziò a strillare.

"Per favore Dio! Per favore Dio! No." Ha supplicato.

L'afferrò per i fianchi e la spinse giù, contro il tavolo, poi, andando avanti, strofinò la testa del suo cazzo palpitante contro le sue labbra glabre. Cercò di scacciarlo con tutte le sue forze, ma la pressione sui suoi fianchi era troppa per poterlo muovere.

“No... per favore no,” piagnucolò. "Per favore..."

Spingendola verso il basso con il palmo della mano sinistra con una forza sufficiente per fermarla completamente, usò la mano destra per guidare il suo cazzo dentro di lei. Ha strofinato la testa del suo cazzo bulboso contro la sua figa calda e non è stato sorpreso di sentire le sue labbra che iniziano a lubrificarsi. Lo aveva già fatto. Sapeva che, per quanto una donna avesse paura di essere scopata contro la sua volontà, il suo corpo l'avrebbe sempre tradita a un certo punto. Solo, di solito non così velocemente. Ridacchiò tra sé e sé quando Paris realizzò cosa stava facendo il suo stesso corpo e la sua testa cadde, con un tonfo, sull'acciaio. Cominciò a piangere, con respiri tremanti, lacrime e singhiozzi. Lei pianse.

Afferrando saldamente la sua virilità tra le mani, iniziò lentamente a penetrare il suo buco morbido e stretto con la sua lunga e ampia lunghezza. Era poco più di nove pollici ed era circonferenziale per la sua taglia. Mentre si accomodava in lei (più per il suo conforto che per il suo) poteva sentire i suoi singhiozzi contrarre i muscoli della sua fica. Amava quella sensazione. Scivolando ulteriormente dentro, lasciò andare il suo cazzo, e invece afferrò i suoi lunghi capelli biondi, e mentre spingeva tutta la sua lunghezza in lei, lei la tirò indietro per quanto le sue restrizioni gli permettevano. Lei urlò in agonia, e il suo cazzo pulsava mentre le sue pareti vaginali si strinsero attorno al suo grosso albero.

Spingendo verso il basso la sua schiena con la mano sinistra e afferrandole i capelli con la destra, fece scivolare il suo membro palpitante dentro e fuori dalla sua figa ora gocciolante. Stava urlando di dolore e le lacrime le rigavano il viso, mentre lui iniziava a spingersi più in profondità, sempre più forte e più velocemente nel suo buco caldo. Mentre guadagnava velocità, lei lasciò andare i suoi capelli e il suo corpo cadde con un tonfo sul freddo acciaio del tavolo che aveva progettato appositamente. Era l'altezza perfetta per il suo cazzo per intromettersi nella fessura di qualsiasi ragazza, se lei fosse legata ad esso.

Le afferrò entrambi i fianchi e iniziò a martellare la sua piccola fica calda e bagnata. Spingendosi dentro di lei mentre lei urlava di paura, disgusto e dolore... Ma lui poteva sentire il piacere di farlo. Stava cominciando a goderselo. La sua mancanza di controllo, la sua natura energica, la brutalità del suo enorme cazzo che le impalava il minuscolo buco. Poteva sentirlo. Riusciva a sentire se stessa che cominciava a godersi quest'esperienza infernale, e quel riconoscimento la faceva ammalare, ma si bagnava ancora di più. La sua enorme verga, che sbatteva dentro e fuori la sua fica, le strofinava senza pietà il punto G e la faceva girare la testa per l'eccitazione. Mentre il suo pianto si placava e si aggrappava ai lati della piattaforma d'acciaio su cui era sdraiata, con il respiro rapido, improvvisamente sentì ondate su ondate di piacere incresparle il corpo. Tremava violentemente, quasi in un attacco epilettico di orgasmo, mentre la sua figa si contraeva attorno al suo violento invasore e il suo sperma scivoloso gocciolava fuori da lei, gocciolando sul pavimento e ricoprendo l'erezione dei suoi rapitori. Le sue grandi mani muscolose erano quasi abbastanza larghe da avvolgere interamente intorno alla sua vita minuscola, e mentre affondava le dita nelle orbite dei suoi fianchi, spinse i pollici nella base della sua spina dorsale e, sentendo il suo orgasmo, emise un onnipotente muggito del suo possedere. Ha aumentato la sua velocità mentre ha arato il suo cazzo duro come una roccia dentro di lei. La sua pelle intorno alle sue mani divenne bianca sotto la pressione della sua presa, e le sue natiche si contrassero, mentre lui si guardava muoversi dentro e fuori di lei. Si rallentò ancora una volta e sorrise.

“Ti è piaciuto, vero? Sporca puttana del cazzo. Ti piace essere violentata, vero?" Disse, mentre il suo corpo si afflosciava e respirava pesantemente; stendersi piatto sull'acciaio sempre più riscaldato. Il suo corpo provoca la formazione di umidità e condensa intorno a lei. “Non hai intenzione di scopare così. te lo garantisco”.

Aveva cercato di prestare attenzione a quello che stava dicendo, ma non aveva mai avuto un orgasmo così intenso, o uno che le fosse venuto addosso così rapidamente. Non conosceva l'uomo che stava violando il suo corpo, non aveva idea di che aspetto avesse o del suo nome, ma era un predatore sessuale dominante ed era completamente alla sua mercé, e per quanto si odiasse per questo, adorava assolutamente il suo cazzo dentro la sua figa calda e bagnata.

Un vero peccato per lei allora che ora l'ha rimosso. Ricoperto dai suoi succhi di figa (il suo intenso orgasmo li aveva creati in abbondanza) si alzò leggermente e si spinse contro la piccola bocca increspata della sua cavità anale. Il suo corpo, completamente prosciugato dall'energia del suo orgasmo, si contrasse nel tentativo di tenerlo fuori da lei ma inutilmente, lui la tenne semplicemente giù ancora una volta con la mano sinistra e spinse contro quel minuscolo buco stretto con la sua erezione palpitante, e quando la sua testa sporgente iniziò a penetrarle il culo, Paris emise un rumore di disagio e disapprovazione. Il suo lamento non fece che consolidare la sua già solida determinazione a continuare la sua umiliazione e abuso sessuale, e lui spinse contro di lei più forte. Di nuovo, muovendosi lentamente per assicurarsi il proprio benessere, ha usato i suoi stessi oli sessuali come lubrificante per inserire il suo pene enorme nel suo buco e farlo scivolare dentro di lei. Mentre lei gemeva per il dolore, lui emise un ringhio basso e soddisfatto.

Lo sentì entrare nel suo culo e sapeva che avrebbe potuto facilmente strapparla a metà. Pensò a tutti gli uomini con cui era stata, quasi innumerevoli, e nessuno le aveva dato un orgasmo come quello che aveva appena sentito. Neanche uno era stato grosso come lui. La sua lunghezza non era il problema, ma la sua circonferenza e i suoi modi brutali l'addoloravano e le davano ugualmente piacere. Il suo ringhio, mentre si spingeva dentro di lei più a fondo, era così primordiale. La figa iniziò a bagnarsi all'idea di quello che stava per succederle. La sua paura che si sarebbe tuffato in lei senza riguardo per il suo corpo era mista alla curiosità su come si sarebbe sentito. Aveva iniziato il suo assalto sessuale alla sua figa con nient'altro che paura e l'aveva concluso con la sensazione sessuale più intensa che avesse mai avuto. La sua aspettativa stava avendo la meglio su di lei, e mentre continuava a piagnucolare, sapeva che stava diventando sempre più eccitata dalla sua invasione su di lei. Sapeva di essere persa. Era una puttana...

La sua troia.

Cominciò a implorare, sottovoce, che si fermasse, ripetendo la parola più e più volte. "Per favore, smettila", disse. "Per favore."

Ma sapeva che i suoi lamenti ei suoi sussurri non erano niente per lui, e che tutte le sue suppliche non avrebbero fatto differenza. Sapeva che la sua riluttanza lo spingeva solo ad andare avanti, eppure continuò. Il suo enorme palo scivolò lentamente nel suo sedere, si fermò a metà e scivolò fuori ancora una volta. Iniziò un movimento ritmico e ad ogni spinta in avanti spingeva il suo cazzo più in profondità nel suo culo. Con ogni movimento che faceva, tutto ciò che poteva sentire era lo strangolamento attorno al suo cazzo solido come una roccia. Era intensamente piacevole per lui. Mentre lei gemeva e supplicava sotto di lui, lui poteva sentire il suo culo che lo stringeva forte, e dopo il suo orgasmo intorno alla sua lunghezza solo pochi istanti prima, sentiva le sue palle pronte ad esplodere.

Cominciò a spingere con più forza, riempiendola più a fondo di quanto non fosse mai stata riempita prima. Era consapevole che il dolore che stava provando era molto più del piacere che aveva ricavato dall'attesa e la sua implorazione divenne più rassegnata. Non voleva sentire il suo cazzo che le faceva a pezzi il culo e la sua paura iniziò a tornare completamente, penetrandola in profondità come lui. Il suo cazzo pulsava dentro di lei e tutto ciò che riusciva a pensare era che da un momento all'altro l'avrebbe squarciata, rompendola completamente e distruggendole il buco...

Ma poi, senza preavviso, ha sentito spruzzi caldi di sperma dentro il suo culo, coprendo le sue pareti interne con il suo sperma appiccicoso. Grugnì quando tutto il suo corpo si contrasse nel suo buco e sgorgò dentro di lei, riempiendola di liquido caldo e appiccicoso. In realtà iniziò a piangere di sollievo per il fatto che avesse finito così in fretta, e confusione sul fatto che il suo rilascio le avesse fatto scorrere di nuovo i succhi di figa e ora era pronta per più della sua violazione nella sua fica.

Quando le ha sparato il suo ultimo flusso di sperma dentro di lei, è crollato sulla sua schiena, premendo il suo corpo contro la pelle che si raffreddava costantemente sotto di lei. Il suo respiro si condensava su di esso, mentre il suo respiro le solleticava la nuca e lui grugnì di piacere. Il suo pene ammorbidito iniziò a ritrarsi da lei e, stranamente, entrambi iniziarono a ridere. Era del tutto involontario da entrambe le parti, ma la sensazione del suo cazzo morbido che scivolava fuori dal suo culo stretto stava solleticando i nervi in ​​entrambe le loro aree sensibili. Incapaci di trattenersi, i due risero e all'improvviso l'uno si umanizzò per l'altro.

Si alzò da lei e fissò il suo corpo, legato per il suo piacere. Aveva violentato molte donne ai suoi tempi, ma nessuna come lei. Nessuno aveva davvero apprezzato la sua invasione sui loro corpi e nessuno aveva condiviso una risata con lui dopo il fatto. Per quanto non provasse dolore per quello che aveva fatto (il suo corpo giaceva prono perché era semplicemente per il suo divertimento mentre il suo cazzo si contraeva in approvazione alla vista) sapeva che per il momento aveva finito con lei.

Silenziosamente lui sganciò i suoi cinturini per le gambe e poi fece il giro del tavolo per slegarle le mani. Alzò lo sguardo su di lui per la prima volta, ei suoi luminosi occhi azzurri fissarono il suo viso. Se non fosse stata solo violentemente e brutalmente violentata dall'uomo, lo avrebbe quasi descritto come un aspetto dolce. I suoi capelli erano neri, spolverati di grigio e i suoi occhi erano di un azzurro intenso. Il suo viso mostrava l'età, ma non tanto quanto lei poteva vedere nei suoi occhi, ma mentre i suoi occhi si spostavano lungo il suo corpo divenne ancora più difficile giudicare. Se non fosse nudo, avrebbe immaginato che avesse tra la metà e la fine dei quarant'anni (e si sbagliava ancora) ma il suo corpo era più strappato e lucido di qualsiasi uomo con cui fosse mai uscita, era chiaramente in ottima forma.

Scivolò in posizione seduta sul tavolo senza interrompere il contatto visivo con lui. Lei lo fissò e poteva sentire il suo sperma caldo che filtrava lentamente dal suo buco del culo sulla superficie sotto di lei. Era stranamente piacevole per lei e le rendeva difficile tenere gli occhi fissi su di lui, senza tradire la prontezza del suo corpo per di più.

"Chi sei?" Lei chiese.

"Davide". Lui ha risposto.

Storie simili

Il nostro primo incontro parte 1

Era una fredda notte di ottobre. Il caminetto stava bruciando e abbiamo avuto un paio di drink. Ci siamo seduti casualmente a fissare il fuoco e chiedendoci cosa stessero pensando l'un l'altro. Lanciai un'occhiata a mia moglie, Stacie. Era in un altro mondo. Il silenzio è stato rotto da Heather che chiedeva a Stacie se stava pensando? Stacie ha risposto con una risatina, Oh niente di importante. In realtà mi stavo chiedendo com'era la tua vita sessuale? Avresti potuto bussare a me e Bill mentre iniziavano a ridacchiare e a discutere dell'intimità della loro vita sessuale. Bill e io sedevamo ad...

222 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

224 I più visti

Likes 0

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

161 I più visti

Likes 0

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

254 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

253 I più visti

Likes 1

Il Club dei Pensionati (12)

Andie si alzò e ci abbracciammo l'un l'altro. «Andiamo a letto», sussurrai. La sua risposta fu un gemito sommesso ed entrambi ci voltammo per andarcene, con lei che afferrava la sua borsa. Quando siamo arrivati, le ho chiesto: Mi piacerebbe farti piacere, mia cara. L'ho spinta delicatamente di nuovo sul letto, poi ho iniziato a far scorrere le mani su e giù per le sue gambe. Prendendo la fibbia e la cerniera dei pantaloni, ho aperto loro e ha raggiunto per la vita dei suoi pantaloni. Non sapevo cosa aspettarmi, dal momento che ha detto che non aveva avuto nessun cambiamento...

183 I più visti

Likes 0

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 3, Capitolo 8: Pericoli Necromantici

Il Cavaliere e l'Accolito Libro terzo: Passione barbara Capitolo otto: Pericoli necromantici Per mionome3000 Copyright 2016 Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta. Thrak – Rovine di Murathi, Federazione di Larg Sei sicuro di stare bene? chiese Faoril mentre mi massaggiava le spalle. Quella pietra sembrava pesante. “Bene,” sospirai, assaporando il modo in cui le sue dita mi massaggiavano le spalle, allentando la tensione. “È stato solo un colpo di striscio. Il livido non pulsa affatto. Devi stare attento, ha continuato Faoril. Le sue dita affondarono in profondità nei muscoli del mio collo, alleviando il dolore della pietra...

251 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

205 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

218 I più visti

Likes 0

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

222 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.