La signorina Ginny - Capitolo 2

330Report
La signorina Ginny - Capitolo 2

Capitolo 2
Grazie per tutti i feedback e suggerimenti positivi. Ho rielaborato il Capitolo 2 per incorporare più paragrafi e spero di aver fatto un lavoro migliore nella correzione delle bozze!!

Questa è l'ultima parte della storia della mia prima volta con Miss Ginny. In realtà mi sono incontrato con lei per un totale di tre volte separate. Scriverò anche della mia seconda volta visto che faceva altrettanto caldo!

Spero che il resto di questa storia vi piaccia.



La signorina Ginny ha detto a mia mamma che le sarebbe piaciuto fare una doccia prima di cena dato che era stata al caldo tutto il giorno e si era abbronzata. Mia mamma le ha detto di usare il bagno principale accanto alla sua camera da letto per fare la doccia. Quando uscì dopo la doccia indossava un top giallo che le arrivava alla vita e un paio di pantaloncini più corti del solito. Cavolo, sapevo che non aveva il reggiseno sotto quel top e non vedevo l'ora di vedere cos'altro aveva in mente ora che sarebbe rimasta più a lungo.

Più tardi quella sera, mio ​​padre tornò a casa dal lavoro (lavorava ogni sabato) e ci sedemmo per cenare. La signorina Ginny era seduta di fronte a me e ogni tanto mi massaggiava la gamba con il piede sotto il tavolo. Ho mantenuto la calma, ma ho avuto un'erezione enorme durante gran parte della cena. Non potevo fare a meno di pensare alla nostra giornata, alle sue tette nella mia bocca e alla sensazione della sua figa. Ero ansioso di saperne di più. Mio padre mi ha detto che alcuni vicini sarebbero venuti più tardi per giocare a carte e ha chiesto alla signorina Ginny se voleva unirsi a loro. "Beh, non ho nessuno da cui tornare a casa quindi mi piacerebbe restare se non fosse un problema". “Sarebbe fantastico se restassi”, ha detto mia mamma.

Dopo un po', i vicini iniziarono ad arrivare e quelli che non erano stati in piscina prima furono presentati a Miss Ginny. I miei genitori giocavano a carte in cucina, così andai nella sala TV in fondo al corridoio. Avevo deciso che sarei rimasto lì per la sera e ho contattato alcuni amici per dire loro di non aspettarmi. Stavano andando al centro commerciale per cercare di rimorchiare alcune ragazze. Sapevo di avere il mio proprio a casa mia ed ero ansioso di vedere cosa sarebbe successo dopo. Ad essere onesti, la serata è iniziata un po' noiosa, stavo guardando la TV e sfogliando i canali per almeno un'ora e mezza prima che uno dei miei vicini si infilasse nella sala TV e dicesse "ciao". Abbiamo fatto qualche chiacchierata e poi è andato nel bagno dall'altra parte del corridoio e poi di nuovo in cucina.

Pochi minuti dopo Miss Ginny sbirciò dietro l'angolo. "Cosa stai facendo?" lei disse. "Sto solo guardando un po' di TV e uscendo insieme". Entrò rapidamente nella stanza e disse "Vorrei che fossi uscito insieme" e rise. Si è seduta accanto a me e mi ha detto che i giochi di carte erano noiosi e che tutto ciò a cui riusciva a pensare era il nostro divertimento in piscina. Poi mi ha afferrato la mano e ha spostato la gamba di lato e c'era uno spazio tra i suoi pantaloncini e la gamba. Ha spostato la biancheria intima di lato e ho potuto vedere i peli della sua figa e una delle labbra luccicare. Mi prese la mano e la spinse verso il varco. Ho messo due dita nello spazio vuoto e ho potuto sentire la sua figa calda e morbida. Era bagnata e ho infilato due dita dentro di lei e lei ha gemito nel mio orecchio. Mi sussurrò di toccarla ancora un po' mentre si rannicchiava contro di me. Continuò a soffiarmi il respiro pesante nell'orecchio mentre la toccavo più velocemente. Con la mano sinistra libera, ho raggiunto l'interno del suo top e le ho accarezzato una tetta. Facendo scivolare la mano attraverso il lato della cavezza. "Oh, è così bello, sto per venire". Nel giro di pochi secondi stava tremando e spingendo con forza la mia mano e le dita nella sua figa. Quando ha finito, ho tolto la mano dai suoi pantaloni e lei me l'ha presa e mi ha portato le dita alla bocca. Le mie dita luccicavano dei suoi succhi e me le infilai in bocca e succhiai via i succhi. Ho sempre desiderato assaggiare la fica e la sua era un po' amara, ma niente che non potessi abituarmi a gradire. Anche il suo odore era molto ammuffito. Poi si è spostata in avanti e si è tirata fuori i pantaloni e ho visto i suoi succhi scorrerle lungo la coscia e sul divano mi ha raggiunto rapidamente intorno, ha afferrato un tovagliolo e si è asciugato tra l'inguine e la gamba. "Guarda cosa hai fatto", rise. Poi guardò il grosso rigonfiamento nei miei pantaloni e disse: “Mi piacerebbe prendermi cura di te, ma devo tornare nell'altra stanza. Qualcuno mi cercherà presto. Ho detto loro che dovevo andare in bagno. Mi dispiace tanto lasciarti così”. Le dissi di andare nel secondo bagno vicino alla camera dei miei genitori dove aveva fatto la doccia e io sarei entrato dalla seconda porta. Se ne andò e un minuto dopo entrai nel bagno attraverso la seconda porta.

Quando sono entrato in bagno lei era appoggiata al muro, "allora, cosa avevi in ​​mente di fare qui?" Prima che potessi rispondere lei si fece avanti e cominciò a sbottonarmi i pantaloni. Adesso è stata molto veloce e quando mi ha aperto i pantaloni la testa del mio cazzo stava uscendo dalla parte superiore delle mutande e il mio pre-sperma aveva reso la fascia delle mie mutande tutta appiccicosa. Con il suo dito, lo ha fatto scorrere sulla parte superiore della testa del mio cazzo raccogliendo un po' di pre-sborra e poi ha tirato fuori la lingua e mi ha mostrato che la leccava via. Poi si alzò, si sporse in avanti e mi baciò forte infilandomi la lingua in gola mentre la sua mano era ancora sul mio cazzo. Poi mi ha tirato giù i pantaloni e la biancheria intima e si è inginocchiata davanti a me. Con una mano mi massaggiava le palle mentre con l'altra mi accarezzava il cazzo con lunghi colpi su e giù. La sua bocca era un po' più in basso del mio cazzo quindi me lo ha tenuto dritto piegandolo verso il basso mentre mi accarezzava. Quella posizione sul mio cazzo mi faceva male ma allo stesso tempo mi faceva sentire bene. Ogni tanto si alzava e leccava il pre-cum della testa del mio cazzo e poi mi guardava. Dopo qualche minuto si alzò e andò in bagno. Con il coperchio chiuso si sedette sopra e mi tirò a sé. Poi ha iniziato a ingoiare profondamente il mio cazzo fino alla base delle palle e poi risalire verso l'alto, succhiando forte non appena ha raggiunto la cima. Stava risucchiando un forte suono e avevo paura che qualcuno potesse sentirlo. Non avevo mai sperimentato nulla del genere e sentivo che avrei rilasciato il mio carico da un momento all'altro e glielo dissi. Poi ha raggiunto il lato del top e ha tirato fuori le mutandine. Le stesse mutandine con cui avevo giocato prima. Mise le mutandine nella stessa mano con cui mi accarezzava il cazzo. Si stava strofinando le mutandine sul mio cazzo mentre mi accarezzava. "So che ti piacciono questi", disse. Whoa, come faceva a saperlo? Rapidamente la mia mente cambiò mentre stavo per esplodere, quindi non mi importava. Le sue morbide mutandine che sfregavano contro il mio cazzo mi facevano sentire bene. Le sue mutandine si riempivano del mio sperma e della sua saliva. "OHHH, sto arrivando". Ha spostato le mutandine in cima al mio cazzo e ha catturato gran parte del mio sperma mentre poteva mentre le altre parti le vomitavano sulle dita. Quando ho finito, si è leccata le dita e ha detto: "Adoro il tuo odore e hai un sapore delizioso". Poi piegò le mutandine e le mise nella borsa che era sul pavimento. “Dato che l'ultima volta ne hai lasciati solo pochi, ho pensato che questa volta li avrei riempiti tu. Li porterò a casa con me, li indosserò e penserò a te questa settimana. Mi ha guardato dritto in faccia e ha detto: "che ne pensi?"

Dopo il mio incontro con la signorina Ginny in bagno, ho trascorso il resto della serata nella nostra sala TV sperando di passare più tempo con lei, ma dopo la fine del gioco di carte tutti se ne sono andati a casa, inclusa la signorina Ginny.

Pochi giorni dopo la signorina Ginny chiamò a casa nostra alle 3:30 del pomeriggio per vedere se sarei stata a casa sabato…. Continua

Storie simili

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2K I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

1.3K I più visti

Likes 0

Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

La passione selvaggia di Futa Capitolo uno: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2019 Nota: grazie a FallenAngelX00 per aver letto questa versione beta! Una probabilità su cento milioni. Quelle parole echeggiavano più e più volte nella mia testa mentre mi trascinavo nella mia camera da letto. Avevo diciannove anni e la mia vita era rovinata. Una probabilità su cento milioni di essere afflitto dalla condizione grande, stupida e stupida. Non potevo crederci. Chiusi la porta dietro di me, poi mi appoggiai ad essa, facendo tintinnare il chiavistello. Il mio braccio sinistro era...

1.1K I più visti

Likes 0

Affari Parte 1

Jeb grugnì mentre adagiava con cura sul pavimento l'ultima delle ragazze prive di sensi. Facendo un passo indietro, si fermò ad ammirare le loro forme nude, prima di chiamare sua madre, Amy, per ripulirle. Si precipitò dentro, tutta rotonda e nonna, ed esclamò, “Oh Jeb, ti sei superato! Randal sarà così contento, scommetto che tiene per sé quel biondo argenteo. aggiunse sfacciatamente, e lui ridacchiò. Dietro di lei si trascinava una minuscola ragazza con la pelle molto abbronzata, una criniera bionda e occhi incredibilmente viola. “Ciao Violetta cara. si chinò per baciarla e lei arrossì dolcemente. “Ora Violet, prenderò questi due...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.