Dopo la palestra

301Report
Dopo la palestra

Sudato

Dopo aver finito le lezioni della giornata, sono andato alla palestra del campus. Normalmente odio allenarmi, ma ultimamente sono riuscito a trovare qualche motivazione in più. Ho eseguito la mia normale routine, trascorrendo trenta minuti sul tapis roulant prima di passare a una delle macchine di resistenza per far lavorare le gambe. Niente di troppo faticoso ma ho sudato bene. In effetti, sudare era il motivo principale per cui ero lì. Una volta terminato l'allenamento, ho inviato un messaggio e poi ho fatto un po' di stretching. Ho sorriso quando ho ricevuto la risposta e poi ho lasciato la palestra. Ho preso la borsa dallo spogliatoio, ma non mi sono preso la briga di farmi la doccia o cambiarmi.

Attraversai il campus fino a una delle torri del dormitorio e salii sull'ascensore. C'erano un paio di altre persone lì dentro con me, e in base alle loro reazioni potevo dire che sentivano l'odore della palestra su di me, ma probabilmente pensavano che stessi andando in camera mia per farmi una doccia invece che in palestra. Si sbagliavano, ma non erano affari loro. Scesi all'ottavo piano e scesi in una stanza vicino alla fine del corridoio.

La porta era aperta come sapevo sarebbe stato, quindi sono entrato e ho chiuso la porta dietro di me. Mi guardai intorno nella stanza, ma non era cambiato nulla dall'ultima volta che ero stata lì. C'erano una piccola scrivania e una sedia, alcuni poster alle pareti e una porta che dava sul bagno e sulla doccia che condivideva con la stanza accanto. C'era un letto singolo e Karen era seduta sul bordo, agitandosi.

Karen era una ragazzina carina, appena uscita dal liceo in una piccola città, qui per studiare infermieristica. L'avevo incontrata in una delle serate LGBTQ nel campus. Era appena uscita allo scoperto, in grado di esplorare ora che era lontana da casa. Siamo diventati amici, ma non ci ho pensato molto finché una sera, dopo aver bevuto qualche birra di troppo al bar del campus, lei mi ha confessato alcune delle sue fantasie più perverse. Da allora venivo una o due volte a settimana. Non uscivamo insieme, ma sapevo come le piaceva essere usata.

Lasciai la borsa della palestra accanto alla porta, poi mi tolsi la maglietta e il reggiseno sportivo e glieli lanciai. Si portò brevemente il reggiseno al naso, poi lo posò delicatamente nel cestino della biancheria accanto al letto. Mi sono avvicinato al letto, l'ho spinta da parte e mi sono sdraiato sulla schiena, mettendo le mani dietro la schiena. Karen si chinò su di me e avvicinò il viso alla mia ascella destra. Tirò fuori timidamente la lingua e la leccò velocemente.

Arricciò il naso mentre percepiva l'odore e il sapore, ma non si fermò. Non appena ha finito di leccare la prima ascella, si è spostata sulla seconda mentre io sospiravo e la guardavo lavorare. Quando entrambe le mie ascelle, piene di barba incolta perché non mi ero ancora rasato quella settimana, furono pulite, lei si spostò sul mio petto. Prese un seno in bocca, stuzzicando leggermente il capezzolo mentre massaggiava l'altro. Poi sollevò entrambi i seni con le mani e leccò via il sudore che si era accumulato sotto di essi.

Ben presto mi sono preparato per qualcosa di più. Le avvolsi i capelli tra le dita e spinsi la sua testa lungo il mio corpo. Ha afferrato la vita dei miei pantaloncini da ginnastica e le mutandine sotto di essi, e ha iniziato a farli rotolare lungo le mie cosce. Tutto il sudore del mio allenamento si era raccolto nelle mutandine rosa attillate che avevo indossato e sapevo che Karen poteva sentire quanto fossero umide. Dopo avermi tolto i pantaloncini e le mutandine, si è inginocchiata tra le mie gambe mentre le piegava, rimettendole di nuovo nel bucato.

Ho ammirato la donna ancora completamente vestita, inginocchiata tra le mie gambe mentre mi spogliava. Era alta poco più di un metro e mezzo e aveva una struttura molto piccola, che faceva sembrare piuttosto grande il suo unico seno con coppa B. Aveva i capelli castano chiaro tagliati a pixie e quel giorno indossava un abito da sole. Sapevo senza controllare che sotto sarebbe stata nuda.

Una volta che i miei vestiti sporchi furono piegati e messi via, prese il cuscino e me lo fece scivolare sotto il sedere per sollevarmi i fianchi. Poi mi ha allargato le gambe e ha abbassato la bocca sul mio inguine sudato e peloso. Karen si prese il suo tempo per iniziare, leccando su e giù la fessura tra la mia figa e le gambe, trasformando l'umidità del sudore nell'umidità della sua saliva. Dopo aver pulito l'esterno, allargò lentamente le mie labbra con le dita e cominciò a leccarmi la fessura. Non potevo dire quanto della mia umidità fosse eccitazione e quanto fosse sudore della palestra, ma ero fradicio mentre lei mi divorava avidamente. Immerse la sua piccola lingua più profondamente che poté, strofinando il naso contro i miei peli pubici. Ho intrecciato le mie dita tra i suoi capelli e ho cercato di spingerla più in profondità, strofinandole la figa in faccia.

Dopo averla strofinata per qualche minuto, le ho tirato su la testa in modo che la sua lingua si posasse sul mio clitoride. Lei fece rotolare la lingua contro di esso mentre iniziavo a muovere i fianchi, entrambe le mani ora le afferravano la parte posteriore della testa. Mentre succhiava il mio clitoride da sotto il cappuccio e tra le sue labbra, ho avuto il mio primo orgasmo, inzuppando il suo cuscino con il mio sperma. Non le ho permesso di allontanarsi, cavalcando il suo viso verso un secondo, poi un terzo orgasmo.

Alla fine la spinsi via ansimando. Il suo viso era rosso e bagnato, un piccolo filo di bava le pendeva dal mento. Mi sono seduto e l'ho presa sotto le braccia, girandola facilmente in modo che fosse distesa sul letto. Poi mi sono inginocchiato sul suo viso, con le ginocchia accanto alla sua testa rivolte verso il basso sul suo corpo. Le ho tolto le spalline del prendisole dalle spalle e le ho abbassate per esporre il seno mentre mi abbassavo su di lei. Sapendo cosa fare, mi allargò le natiche con le mani e cominciò a leccarmi su e giù, pulendo il sudore e lo sperma che si erano accumulati lì nei capelli.

Pizzicavo e stuzzicavo i suoi grandi capezzoli gonfi che sembravano occupare metà di ciascun seno mentre mi leccava. La stanzetta, già piena dell'odore del mio sudore, aveva cominciato a puzzare anche di fica. Con una mano che continuava a martellarle il seno, ho raggiunto e alzato la gonna per rivelare la sua figa appena depilata. Per essere una ragazza così piccola aveva delle labbra sorprendentemente grandi, già bagnate e aperte in attesa.

Karen cominciò a spingere disperatamente contro il mio buco del culo con la lingua e io mi sedetti di più per aiutarla. La sua lingua calda contro il mio sfintere stretto e sudato è stata fantastica e l'ho premiata iniziando a strimpellarle il clitoride. L'ho sentita gemere, il suo viso intrappolato tra le mie chiappe e la lingua che entrava più in profondità nel mio buco del culo. Mi sono girato e tirato il suo seno e lei si è gobba contro la mano tra le sue gambe. Quando ho sentito che cominciava ad avvicinarsi, ho smesso di giocare con il suo clitoride, infilando invece due dita nella sua figa per scoparla. Lei gemette nel mio culo per la frustrazione, ma non smise di scoparmi con la lingua. Dopo averla scopata lentamente per un minuto per farla calmare, ho riportato di nuovo il dito sul suo clitoride. Mi ci è voluto ancora meno tempo per portarla al limite e poi spingerla oltre. Si è scontrata selvaggiamente contro la mia mano mentre sembrava che stesse cercando di forzare tutta la sua faccia nel mio buco del culo. Mentre veniva, schizzava, inzuppandomi la mano e il piumone del suo letto.

Mi sono seduto sul suo viso con un sospiro, usando il suo prendisole per asciugarmi lo sperma dalla mano. Rimase sdraiata sotto di me tremando per il suo enorme orgasmo per alcuni secondi, poi iniziò a picchiettarmi freneticamente sulla coscia. Mi sono seduto e lei ha fatto un respiro affannoso, a quanto pare il mio culo l'ha soffocata. Mentre lei tremava e ansimava sul letto, con gli occhi socchiusi e un piccolo sorriso sulle labbra, mi alzai. Trovai i vestiti sporchi che avevo lasciato l'ultima volta piegati ordinatamente sulla sua scrivania e mi vestii. Mi sono chinato e le ho dato un bacio, arricciando un po' il naso per il sapore che il mio culo sudato le aveva lasciato in bocca. Poi sono scivolato fuori dalla porta, chiudendola dietro di me, e sono andato a casa a farmi una doccia.

Storie simili

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Effrazione in cabina

Spesso le persone avevano un'impressione sbagliata di Ted a causa della sua altezza. I suoi antenati provenivano dalla Norvegia ed era alto 6'-4 pollici ed era molto muscoloso grazie alle ore trascorse in palestra, quindi molte persone pensavano che non fosse così intelligente. Suo padre era in realtà un noto scienziato e brevettò diverse invenzioni che diedero vita a prodotti molto redditizi. Dopo la morte dei genitori, Ted ereditò la loro considerevole proprietà e, dopo aver conseguito diversi titoli di studio, ebbe la capacità di assecondare la sua passione, ovvero scrivere libri. Scrisse principalmente di argomenti tecnici e storici, ma scrisse...

455 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2K I più visti

Likes 0

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

2K I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.