Intenzioni incestuose parte 1

198Report
Intenzioni incestuose parte 1

Questo è basato su una storia di prova, è stato leggermente modificato e i nomi e le posizioni sono stati cambiati. Inoltre mi rendo conto che la mia ortografia e grammatica non sono perfette, ma se noti qualcosa di importante che devo correggere, faccelo sapere. Godere!



Ho perso la verginità quando avevo dieci anni. Il mio fratellastro Devin mi ha mostrato un nuovo “gioco” mentre i nostri genitori erano via. Eravamo giovani e non capivamo appieno cosa stavamo facendo. Come puoi immaginare, per i successivi cinque anni circa ci fu un imbarazzo tra noi. Non abbiamo mai parlato di quel giorno e abbiamo fatto finta che non fosse mai successo, avevamo un accordo silenzioso. Spesso mi consolavo affermando il fatto che non eravamo realmente imparentati, mio ​​​​padre ha sposato sua madre. Col passare del tempo ci siamo allontanati sempre di più, a scuola lo vedevo ma non ho mai avuto un contatto diretto, a casa era simile con chiacchiere brevi per far felici papà e Carol. Siamo anche maturati di più, mi sono dimagrito e il mio petto è cresciuto fino a una media di 36°C, lui è diventato più alto, ha fatto crescere i suoi capelli scuri e i suoi angoli e i suoi muscoli si sono definiti. Per cinque anni ci siamo evitati e non abbiamo mai parlato di quel giorno.

Tre settimane dopo il mio sedicesimo compleanno, i miei genitori ci lasciarono di nuovo a casa da soli per poter andare al cinema e cenare. Ho cercato di evitare situazioni come questa andando a casa di amici, ma questa volta il preavviso era estremamente breve quindi sono rimasto bloccato a casa. Abbiamo soggiornato in parti separate della casa. Io lavavo i piatti in cucina mentre lui faceva i compiti in camera sua. Ricordo che ero irritato da tutti i piatti che dovevo lavare, quindi ho acceso il mio iPod per passare il tempo.
Poco tempo dopo Devin entrò e io evitai di guardarlo direttamente. Riempì un bicchiere di ghiaccio poi si avvicinò al lavandino per riempirlo. Mi sono irrigidito e mi sono avvicinato per cambiare l'acqua in quella fredda. All'improvviso mi tirò indietro il colletto della camicia e mi fece scivolare qualcosa dietro. Ho urlato e mi sono girata mentre un'umidità gelata mi scivolava lungo la schiena. Mi sono tolto le cuffie e ho sollevato la maglietta lasciando che un grosso pezzo di ghiaccio cadesse a terra e si frantumasse. Mi sono voltato per guardare Devin che stava ridendo così forte da aver bisogno del bancone per sostenersi. Lo fissai.
"Idiota! Spero che tu abbia intenzione di ripulirlo! sbottai lanciandogli addosso il mio canovaccio. Rise più forte e cadde a terra. Ringhiai e mi precipitai fuori dalla stanza.
“Aspetta Kas! Mi dispiace." Disse tra le risate mentre si alzava per seguirmi. Sinceramente non avrei dovuto reagire in modo eccessivo, ma il mio orgoglio è stato ferito.
"Kas!" Ha chiamato di nuovo e mi ha raggiunto nel corridoio.
"Andare via!" sbottò girandomi a guardarlo. Sebbene fosse ovvio che lo trovasse comunque divertente, potevo dire che era sinceramente molto dispiaciuto.
"Kas, mi dispiace", iniziò ad avvicinarsi. “È stato un momento di immaturità”. disse come scusa.
Mi sono fatto beffe. “Tutta la tua vita è stata un momento di immaturità.” dissi freddamente. All'improvviso ogni infantilismo lasciò il suo viso e mi tirò a sé premendo i nostri corpi insieme, cogliendomi completamente di sorpresa.
Con occhi molto seri e voce ferma disse: "Penso che sappiamo entrambi quanto posso essere maturo". Il mio stomaco si è abbassato e mi sono allontanato velocemente. Non avrebbe dovuto parlarne.
"Lasciami in pace." dissi senza fiato. Tenevo gli occhi fissi sul pavimento, ma lui non se ne andava.
"Smettila di fingere che non sia mai successo, Kas." Egli ha detto.
"Cosa non è mai successo?" chiesi stupidamente, desiderando che lo lasciasse stare.
"Che non abbiamo mai scopato." Disse con schietta semplicità. Lo guardai scioccato.
“E-eravamo piccoli…non ne avevamo idea¾”
"Cosa stavamo facendo?" Ha finito di interrompermi. "No, penso che ne sapessimo abbastanza." disse con un sorriso malizioso. I suoi occhi percorsero il mio corpo indugiando sul mio petto e poi alzandosi per incontrare i miei occhi.
"Ci sbagliavamo." Dissi indietreggiando verso il muro mentre lui si avvicinava.
"Davvero?" chiese Devin distratto mentre osservava la mia bocca e riduceva la distanza tra noi. Mi prese il viso tra le mani e poi mi strofinò il pollice sulle labbra facendomi rabbrividire. "Non hai idea... di come..." la sua voce si spense mentre abbassava una mano e la faceva scivolare nei miei jeans, bloccandomi contro il muro. Rimasi paralizzato, non sicuro di cosa avrei dovuto fare. Mi ha guardato con occhi pieni di lussuria poi mi ha baciato in un modo che nessun fratello e sorella dovrebbero fare. Pesante e duro. Istintivamente il mio corpo si mosse contro il suo e sentii la sua durezza. Anche lui mi tirò più forte e mi baciò il collo mentre le sue dita fredde percorrevano tutta la mia schiena.
"Aspettare! Fermare!" Ho sussultato. Mi guardò con impaziente curiosità. "Non possiamo." dissi allontanandomi. "Questo è sbagliato, e se papà e Carol lo scoprissero?" chiesi mentre la sensazione di malessere ritornava nel mio stomaco.
"Kas, non lo scopriranno mai." Cercò di assicurarmi con aria frustrata, ma non fui così facilmente rassicurato.
"Bene." Disse dopo una lunga pausa. "Se non vuoi, andrò a masturbarmi in soggiorno." Egli ha detto. Quando non ho risposto, mi ha lasciato andare e ha attraversato il corridoio fino al soggiorno. Mi sono ripreso e sono tornato in cucina per finire i piatti. Il ghiaccio si era sciolto in acqua e il mio iPod era caduto sul pavimento. Sapevo di aver fatto la cosa giusta, ma averlo fatto riprendere l'argomento mi ha fatto sentire in colpa. Mentre mettevo un piatto nella lavastoviglie ho sentito qualcosa. Mi sono fermato e il volume è diventato più forte facendomi arrossire quando ho capito di cosa si trattava. Devin era nella stanza accanto a masturbarsi.
Gemette e sussultò senza sosta. Ho sempre sospettato che si masturbasse, ma questa era la prima volta che lo sentivo. Sono tornato al lavoro dicendomi che era un ragazzo ed è quello che fanno i ragazzi. Niente di strano o fuori dall'ordinario. Ma a metà dei piatti i gemiti di Devin diventarono più forti e piacevoli. Un dolore improvviso cominciò a formarsi sotto lo stomaco e cercai di ignorarlo. Tre minuti dopo mi chiedevo per quanto tempo avrebbe potuto tenermi sveglio. Ho infilato una mano nei pantaloncini e ho fatto scivolare le dita più lunghe sul clitoride. Mi sentivo così bene che mi appoggiai al bancone per sostenermi. A differenza di Devin, ho lavorato per sopprimere i miei gemiti e invece ho costruito i suoi. Cominciai a chiedermi a cosa stesse pensando quando gridò facendomi sobbalzare.
“Oh Dio Kas! Kas!” Egli gridò. Sentirlo pronunciare il mio nome in quel modo mi fece venire i brividi in tutto il corpo e mi sentii debole. Portai l'altra mano al petto e ne afferrai la carnosa rotondità. Le mie stesse mani non mi soddisfacevano più e ho emesso un piccolo piagnucolio frustrato mentre il dolore aumentava. Ho cominciato a cercare cose da attaccarmi dentro: una bottiglia di vino vuota, il manico di una spatola, una banana verde. Niente sembrava sufficiente quindi ho optato per la banana. Mi sono reso conto che all'improvviso era diventato silenzioso e non ero sicuro di quanto tempo fosse passato. Mi sono voltato e ho visto Devin in piedi sulla porta che mi osservava. Ho quasi fatto un salto, ma invece gli ho rivolto quello che speravo fosse uno sguardo annoiato e indagatore.
"Cosa vuoi?" chiesi rendendomi conto troppo tardi che era la domanda sbagliata. Lui sorrise maliziosamente, si staccò dallo stipite della porta e venne verso di me.
"Cosa pensi di farne?" chiese indicando la banana che non mi ero accorto di avere ancora in mano.
"Ehm... mangialo?" dissi fingendo confusione.
"Uh-uh." Disse dubbioso. Si avvicinò e prese il frutto dalla mia mano. Mi irrigidii per non tremare e sperai di non essere arrossato. Mi piacevano le mie labbra secche, un movimento istintivo che può essere frainteso. Tuttavia Devin non sembrava turbato da ciò e invece manteneva il suo sguardo intento su di me. Puzzava di mosto e di sesso o della camera dei miei genitori dopo che avevano trascorso un po' di tempo lì dentro. L'ho visto staccare un pezzo di banana e infilarlo nella sua bocca sensuale. Il dolore cresceva e non potevo muovermi ed ero sicuro che il respiro avrebbe rivelato tutto. Ne tolse un altro pezzettino e me lo portò alle labbra. Senza pensarci troppo ho aperto la bocca e lui l'ha spinto dentro. Ho masticato e lui mi ha sorriso. Ne mangiò un altro pezzo e mi offrì l'ultimo gettando la buccia nella spazzatura. L'ho visto atterrare perfettamente senza colpire i lati.
Mentre mi voltavo, Devin mi prese saldamente le spalle e poi mi baciò forte, stavo per staccarmi quando la sua lingua si insinuò tra le mie labbra cogliendomi di sorpresa. La sua lingua scivolò calda contro la mia e si trasferì in bocca il frutto che stavo ancora mangiando, poi lo deglutì mentre mi teneva stretto.
"Cosa stai pensando?" chiese e lo sentii premuto contro il mio stomaco. I suoi occhi erano scuri e belli e mi chiedevo come non avessi mai notato una cosa del genere prima. Lentamente mi resi conto che mi aveva fatto una domanda e aspettava una risposta.
"Ho bisogno..." ho iniziato a cercare di concentrarmi sul pensiero. "Ho bisogno... di... finire i piatti." dissi distrattamente mentre lui premeva le sue labbra lisce sul mio polso e poi sul palmo, poi prendeva il mio dito medio e lo succhiava delicatamente con la lingua lasciandolo scivolare fuori lentamente mentre mi guardava consapevolmente negli occhi per tutto il tempo. Non dovrebbe farlo, pensai e poi dissi ad alta voce. "Questo è così sbagliato."
"Ecco perché¾" si fermò per baciarmi il collo, "È così¾" mi baciò la bocca toccando appena le mie labbra facendomi desiderare di più. "dannatamente sexy." finì poi mi leccò seducentemente il ponte del naso. “Pensaci, Kas. Potremmo renderlo divertente. Potresti venire nel mio letto di notte." Egli ha detto
“Non saremmo in grado di nasconderlo per sempre.” Dissi sorpreso di averlo preso in considerazione.
"Perché no? Immagina in futuro quando torneremo a casa per le vacanze. O ogni volta che ti stanchi di tuo marito. Ha fatto scivolare la mano nella mia cintura. "Potremmo scopare tutta la notte." Disse con voce roca. Le sue dita scivolarono dentro di me e io afferrai la sua maglietta. «È solo sesso, Kas. Solo due persone che si danno piacere a vicenda. Disse e incurvò le dita all'interno colpendo qualcosa di così bello da farmi sobbalzare e piangere. Ho dovuto trattenermi dal venire in quel momento. Mosse le sue dita dentro di me facendomi gemere senza pensare. All'improvviso mi lasciò andare e io rimasi tremante mentre lui si inginocchiava davanti a me e mi faceva scivolare i pantaloncini e le mutandine bagnate dai fianchi. Era surreale, ero esposto nella mia cucina mentre mio fratello iniziava a fare l'amore con me. Abbassai lo sguardo mentre lui teneva il viso tra le mie cosce e sentivo il suo respiro caldo sulla mia vagina seguito dalla lingua bagnata. Gemetti e poi afferrai a piene mani i suoi capelli scuri mentre lui mi succhiava, leccava, mordicchiava e mangiava. Mi ha afferrato il sedere e poi mi ha spinto più vicino inclinando la testa per infilare ulteriormente la lingua. Ho quasi urlato mentre i miei nervi impazzivano e riuscivo a malapena a stare in piedi mentre la pressione aumentava.
"D-Devin." Ho vacillato avvertendolo che ero pronto a venire. Si allontanò e mi guardò con pura lussuria.
"Vai a sdraiarti sul divano." chiese all'improvviso. Mi sono tolto i pantaloncini e mi sono voltato per obbedire, spinto dalla lussuria. Era solo sesso. Mi ha seguito in soggiorno e mi ha aiutato a sdraiarmi sul divano. Era morbido e fresco sotto la pelle che bruciava. Rimasi docile mentre lui mi toglieva la maglietta, mi slacciava abilmente il reggiseno e li gettava entrambi da parte. Lui gemette poi prese i miei seni tra le mani per accarezzarli. Non avevo mai realizzato di potermi sentire così bene. Le mani e le labbra di mio fratello su tutto il corpo, un atto proibito, ma così bello.
Le sue labbra calde afferrarono la punta del mio seno e i suoi denti aguzzi lo morsero mentre la sua lingua massaggiava la punta. Dopo alcuni istanti lunghi ma troppo brevi si allontanò per mettersi accanto al divano. Si tolse la maglietta dei Greenday rivelando il suo torso snello e bronzeo. Non così muscoloso ma nemmeno così magro, perfetto. Non vedevo l’ora di sentirlo premuto contro il mio corpo. L'ho guardato con occhi vitrei mentre si toglieva i boxer rivelandomi il suo cazzo da 9 pollici. Non era niente di come lo ricordavo. Le sue mani lo avvolsero e lo tirò mentre i suoi occhi percorrevano tutta la lunghezza del mio corpo nudo. Il dolore era ormai insopportabile e mi dimenai. Mi prese la mano e mi costrinse le dita attorno ad essa e mi guidò con un movimento avanti e indietro. Sono rimasto sorpreso da quanto fosse caldo e duro. Lasciò che io prendessi il comando e la sua testa si rigirò all'indietro mentre un forte gemito gli usciva dalla gola. Sentirlo e vederlo mi ha fatto preoccupare di come si sarebbe adattato dentro di me. Mentre pensavo a questo, la mia coscienza gridava da qualche parte molto lontano, ma era troppo lontano perché mi importasse cosa avesse da dire.
Sembravano secoli prima che le sue mani toccassero le mie cosce aprendole in modo da potersi infilare in mezzo. Si allineò sollevandomi dolcemente i fianchi poi lentamente spinse dentro di me la sua punta pulsante. Afferrai il tessuto intorno a me e lanciai un forte grido di dolore e piacere sollevato. Mio fratello era dentro di me. Si spinse ulteriormente e in calore gemette. Sussultai sotto di lui assaporando ogni sensazione. Un dolore insopportabile bilanciato da un piacere estremo. Mi sono spostato sotto di lui e lui mi ha guardato in modo strano ed ha espirato: “Oh Dio, sì! Fai quello."
Tremavo sotto di lui e lui cominciò a muoversi contro di me scivolando dentro e fuori. Gemevo e gemevo ad ogni spinta e mi abbassavo per massaggiarmi il clitoride mentre lui mi montava più velocemente. Non c'erano preservativi o indumenti per separare la nostra pelle, solo il sottile strato di sudore luccicante che copriva i nostri corpi nudi mentre si adattavano magnificamente. Ho cominciato a chiedermi se davvero potevamo continuare così per sempre, lui veniva nella mia stanza di notte e mi scopava mentre i nostri genitori gemevano e scopavano nella stanza accanto.
Devin si muoveva più velocemente ora, non c'era più gentilezza mentre si muoveva. Respirava affannosamente e ansimava mentre giacevo in coma indotto dalla lussuria e mi mordevo il labbro inferiore. Mi ha attirato a sé come una possessione e ha scopato più forte facendomi urlare.
"Divino... Devino." L'ho implorato, non sicuro se lo stavo implorando di fermarsi o di muoversi più velocemente.
"Kas... Kas... tesoro." Gemevo tra i pantaloni esortandomi a restare con lui. Mi baciò appassionatamente mentre i nostri corpi si muovevano con frenetica urgenza. Il divano scricchiolò protestando contro le nostre azioni. Cominciò a leccarmi, la bocca, il collo, il petto. Si sentivano dei suoni singhiozzanti mentre colpiva contro di me e i nostri succhi si mescolavano e gocciolavano lentamente come miele.
"Devin... oh Dio!... fanculo." Ho cantato e lui è stato più che felice di obbedire. Il suo corpo era così caldo e solido, perfettamente capace di sostenermi nel mio stato debole. Mi sollevò in modo che fossimo in posizione seduta e la sua mano mi tenne il collo sotto i capelli. Mi sollevò per i fianchi e mi riabbassò sul suo cazzo e io guardai il suo viso desideroso.
"Kas, tesoro... vieni con me." Disse stringendomi più forte. Mi sono lasciata trasportare dalle onde del piacere e ho sentito il mio corpo lasciarsi andare. Abbiamo ansimato insieme, con il cuore che batteva contro il mio seno finché alla fine ha gridato e un calore mi ha riempito facendomi chiamare il suo nome e venire anche io. Mi lasciò andare e mi lasciò ricadere mentre continuava a riempirmi e le mie viscere si attaccavano a lui. I miei lunghi capelli si attaccavano al mio corpo umido mentre mi stringevano forte il seno.
Troppo presto l'orgasmo se n'è andato, ne volevo un altro ma non ero sicuro che il mio corpo potesse produrne uno così presto dopo il primo. Devin giaceva accanto a me e respiravamo esausti insieme. Le sue braccia mi avvolsero tirandomi anche a lui e sentii il suo cazzo non semiduro appoggiarsi contro il mio ventre piatto. All'improvviso ho capito cosa avevamo appena fatto e mi sono seduto.
"Divino!" Ho urlato. Alzò gli occhi al cielo e mi guardò.
“Cavolo! Non così forte."
"Tu... sei venuto dentro di me!" Ho accusato.
"Sì..." Disse non capendo perché fossi così arrabbiato.
"Io... non prendo anticoncezionali e tu non indossavi il preservativo!" Ho spiegato cominciando a farmi prendere dal panico.
"COSÌ?"
"E se rimango incinta?!" esclamai.
"Allora", iniziò e mi mise una mano sullo stomaco. "Avremo qualcosa che ci ricorderà la nostra prima... seconda volta insieme." Sorrise pigramente attraverso i suoi capelli umidi e arruffati. Sono rimasto sorpreso da quanto fosse calmo al riguardo, e stranamente mi ha fatto rilassare un po', anche se non volevo ancora un figlio a 16 anni. Allungò la mano, prese una ciocca dei miei capelli tra le dita e la accarezzò.
"La prossima volta userò il preservativo se ti fa sentire meglio." Lo disse in modo disinvolto. Ho notato che aveva detto "la prossima volta". Si alzò e mi baciò la parte superiore del seno sinistro ed emise un sospiro soddisfatto. La sensazione delle sue labbra sulla mia pelle stava diventando così familiare ed essenziale. "A proposito della prossima volta..." cominciò, poi mi baciò sotto il collo. "Ho dei programmi per la prossima volta."

Storie simili

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2K I più visti

Likes 0

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

2K I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

1.3K I più visti

Likes 0

Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

La passione selvaggia di Futa Capitolo uno: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2019 Nota: grazie a FallenAngelX00 per aver letto questa versione beta! Una probabilità su cento milioni. Quelle parole echeggiavano più e più volte nella mia testa mentre mi trascinavo nella mia camera da letto. Avevo diciannove anni e la mia vita era rovinata. Una probabilità su cento milioni di essere afflitto dalla condizione grande, stupida e stupida. Non potevo crederci. Chiusi la porta dietro di me, poi mi appoggiai ad essa, facendo tintinnare il chiavistello. Il mio braccio sinistro era...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.