CAVALCANDO IL GIAVELLOTTO

305Report
CAVALCANDO IL GIAVELLOTTO

Il divertimento più bello che ho avuto a scuola è stato quando sono entrato nella banda di Jodi Malenger. Questo accadeva in Inghilterra, molto tempo fa, ma Jodi non era inglese, era nato in Estonia o da qualche parte del genere e la sua famiglia si era trasferita lì quando era giovane.

Comunque, da qualunque parte venisse, era il ragazzo più duro e intelligente che avessi mai incontrato e chiunque avesse la fortuna di uscire con lui si sarebbe divertito moltissimo. In parte perché la sua famiglia era benestante, ma soprattutto perché Jodi sembrava riuscire a farla franca con qualsiasi cosa riguardasse le ragazze. Potresti prendere la stronza più elegante e presuntuosa della scuola, e non le piacerebbe di più che essere trascinata da qualche parte da Jodi. Inoltre, alla maggior parte di loro non sembrava importare molto se i suoi amici lo seguivano. Ma ciò che mi ha davvero dimostrato quanto fosse brava Jodi è accaduto un pomeriggio in cui Linda Beresford era intrappolata nel magazzino della palestra a scuola.

La stavamo cercando da un bel po' e lei lo sapeva quanto noi. Era una bionda piccola e grassoccia che rideva molto, specialmente quando Jodi la prendeva in giro. Quel particolare pomeriggio l'avevamo vista aggirarsi nell'area della palestra proprio mentre tutti se ne andavano. Ora doveva sapere che Jodi aveva corrotto il custode affinché ci desse un mazzo di chiavi di riserva per quella zona; tutti gli altri ragazzi della scuola certamente lo sapevano. Doveva anche sapere che restare vicino al magazzino sportivo a fine giornata significava sfidare il destino. Se eri in quel corridoio quando suonò l'ultima campana, e ti capitava di essere una ragazza dall'aspetto abbastanza decente, allora stava intrappolando il territorio. Jodi sarebbe apparso all'improvviso a un'estremità del corridoio e altri due della sua banda sarebbero arrivati ​​​​dall'angolo opposto nello stesso momento.

Un minuto dopo la porta del magazzino si apriva e la ragazza - o le ragazze - si ritrovavano dall'altra parte. Poi la porta fu chiusa a chiave e iniziarono gli strilli. Ma questa volta siamo stati disattenti e non abbiamo chiuso a chiave la porta come avremmo dovuto fare.

È stata colpa di Linda. Ovviamente stava aspettando da un po' la possibilità di essere al centro dell'attenzione e si stava davvero concentrando sul dramma mentre le arruffavamo le piume. Ogni volta che una mano la afferrava c'era più rumore di una lotta tra gatti. Non che questo le abbia impedito di lanciarci sguardi timidi da sotto i suoi capelli scompigliati mentre soppesava l'opposizione. In effetti quel giorno aveva difficoltà insolitamente pesanti da affrontare perché eravamo in cinque lì. Jodi però era quella che contava davvero: bassa e con le spalle larghe, con la faccia di un angelo e la mente di un topo di fogna. Il resto di noi ha semplicemente seguito qualunque cosa facesse.

C'era Will, il più grande e il più vecchio di tutti noi, non molto brillante, ma sempre forte e volenteroso. Micky e Jacko erano entrambi molto rispettati a scuola perché litigavano con chiunque in qualsiasi momento. Ero lì perché ero abbastanza abile con i miei pugni. E ognuno di noi avrebbe seguito Jodi praticamente in ogni situazione. Per inciso, mi chiamo Andy.

Comunque, avevamo fatto un giro intorno a Linda per darle qualche coccola pesante, giusto come presentazione. Stava rendendo il tutto più sportivo cercando di continuare a respingere le nostre mani, anche se con una probabilità di due contro dieci la maggior parte delle prese superavano le sue difese, motivo per cui faceva così tanto rumore. Dopo qualche minuto, però, ha cambiato tattica ed è rimasta lì, ridacchiando e dicendoci che sarebbe stato meglio lasciarla andare altrimenti saremmo stati nei guai.

Grossa opportunità. In piedi lì, con la sua piccola figura matura ben vestita con una camicia bianca e una gonna corta marrone, sembrava abbastanza buona da mangiare. Intendiamoci, era molto meno ordinata di prima, con la maglietta mezza tirata fuori e le tette sollevate così tanto che quasi saltavano fuori dalle coppe del reggiseno. Avremmo comunque portato a termine presto il lavoro, questo era certo.

"OK, ragazzi, proviamo con tre cadute e una sottomissione." Jodi ha detto.

"Cosa fai?" chiese Linda mentre Jacko e Will la accompagnavano attraverso il magazzino.

Era una domanda piuttosto stupida perché la stavano portando verso una pila di tappetini da judo che erano stati impilati al centro della stanza ed era ovvio a cosa servissero. E, ancora una volta, sarei rimasto sorpreso se Linda non avesse sentito storie su alcune delle performance passate in cima a quei tappetini. Come aveva detto Jodi, c'erano sicuramente state molte proposte oltre a quelle.

Uno dei più soddisfacenti era stato quello della signorina altezzosa con il naso all'aria Janet Saunders, la caposala. Era stata fotografata distesa sopra le stuoie senza un punto, mentre dava a tutti una dimostrazione di come si fa il sessantanove con il ragazzo sotto di lei. Jodi, a dire il vero, ma non si vedeva molto di lui tranne il suo cazzo, con Janet che lo leccava freneticamente come se fosse un cono gelato che si scioglie.

Stranamente, era stato Will a dare il tocco finale. In qualche angolo polveroso della stanza aveva trovato un fascio di figurine di carta attaccate a dei bastoncini, probabilmente destinate ad essere sventolate dai ragazzi della scuola durante qualche visita reale in città da tempo dimenticata. Aveva finalmente trovato un uso per una delle bandiere spingendo il bastone sul sedere di Janet, poi facendola continuare con Jodi mentre la facevamo schioccare con un cazzo da un lato e la bandiera che sventolava dall'altra. Era stata una ragazza molto imbarazzata, e aveva dovuto fare altre cose molto imbarazzanti per tenere quella foto nascosta al sicuro.

Comunque, per tornare a quello che ti sto dicendo, Linda era in piedi a lato delle stuoie. Stava respirando molto pesantemente ma non urlava né piangeva, quindi passò al round successivo. Jodi si sedette sulle stuoie davanti a lei prima di allungare la mano con mani esperte per sganciare e aprire la cerniera della gonna. Linda fece ancora qualche protesta, tanto per la cronaca, poi decise di stare zitta perché la sua gonna le cadde. Ovviamente non era la prima volta che ammiravamo le sue gambe scoperte, le avevamo viste già molte volte quando le ragazze giocavano a netball. Ma questa volta avremmo visto molto di più oltre alle sue gambe. Glielo abbiamo detto e le abbiamo dato un altro bel ritocco.

Micky e io avevamo una guancia da sedere ciascuno con cui giocare, mentre Will e Jacko si lanciavano sulle sue tette come loro area di interesse speciale. Jodi le mise la mano tra le cosce, sotto il tassello degli slip – appena sotto, ma senza toccarla del tutto.

"Piega le ginocchia, Linda."

Lei emise uno strillo più acuto di qualsiasi cosa fosse mai riuscita a fare, poi abbassò la piuma di mezzo pollice sulla punta delle sue dita, come se stesse entrando in un bagno caldo. Come si suol dire, vale la pena avere un uccello in mano - e quando arriverà a quel punto sarà sicuramente avuto. Comunque, questo significava che i preliminari erano finiti. Linda Beresford mostrava tutti i segni di essersi unita allo spirito della festa e ansimava mentre Jodi si metteva a suo agio.

"Oh, Dio, me lo farai, vero?"

Jodi la strofinò con le dita in un modo che la fece dimenare come un cane a cui viene grattato lo stomaco.

"No, ragazza, ce lo farai. Ma se sei davvero gentile, potremmo anche farti una bella scopata sopra questi tappetini. Abbiamo un sacco di francesi e non lo facciamo." Non importa quanti ne usi."

Jodi parlava come se fosse quasi annoiato.

"Spogliala e gettala sopra il materassino. Lasciale però tenere le scarpe. So che le sue gambe sono nella posizione giusta per una bella scopata quando i lacci pendono dritti."

Far uscire dalla maglietta una Linda che ridacchiava era un lavoro a cui nessuno si preoccupava di dare una mano. Soprattutto perché nel frattempo siamo riusciti finalmente a far rimbalzare la sua tetta di tribordo fuori dalla tazza. Il mucchio grassoccio di carne bianca lentigginosa era sollevato in alto sopra l'ormai ridondante imbracatura per le tette, mettendo in mostra un capezzolo che sembrava duro come una noce e lo sentivo duro quando lo pizzicavo tra le dita. Linda mi ha dato del bastardo lascivo e questo ha fatto sorridere tutti.

Will le sganciò il reggiseno e lo gettò via. Jodi la allontanò dalle gambe prima di trascinargli entrambe le tette in bocca, massaggiandole bene e mordendole giocosamente. Gli occhi di Linda sembravano roteare nelle orbite, fingendo di essere così angosciata ma assicurandosi che tutti la stessimo guardando mentre veniva trattata in quel modo. Immagino che fosse esattamente quello che stava aspettando da quando era rimasta nel corridoio.

"Le farò tremare le tette ancora di più quando cavalcherà il mio cazzo," promise Jacko ad alta voce, con Linda che tremava in risposta, come se delle scosse elettriche le stessero andando su e giù per la schiena.

"Lasciaceli cadere, piccolo rompicapo," ordinò Jacko, e Jodi annuì in segno di consenso.

Praticamente senza alcuna esitazione, Linda fece scivolare le mani ai lati degli slip e le spinse più in basso che poteva, il che non era lontano dato che stava a gambe divaricate, ma abbastanza lontano da permetterci di vedere tutto ciò che contava. Aveva un bel nido di capelli castano chiaro in basso, un dettaglio fisico che fu rapidamente coperto dal palmo destro di Jodi mentre la toccava. Il resto ha sostenuto il suo buon lavoro afferrando tutto ciò che potevamo. Linda gettò indietro la testa, dicendo "Merda! Merda! Merda!" finché Will non posò le labbra sulle sue e le diede un assaggio della sua lingua.

"Penso che ne avremo una bella qui", ha detto Jacko.

Era un'affermazione abbastanza giusta perché le mani di Linda guizzavano qua e là come farfalle, accarezzando il braccio di Jodi che la stava toccando, correndo sopra la testa di Will mentre la leccava. È stato proprio in quel momento che ho sentito un sussulto femminile di indignazione e di certo non poteva provenire da Linda. Ci siamo voltati e abbiamo guardato a bocca aperta l'insegnante che stava in piedi accanto ai tappetini e osservava tutto quello che stava succedendo con gli occhi fuori dalle orbite come quelli di un merluzzo morto sul bancone di una pescheria.

Si chiamava Mrs Dunkley ed era un'insegnante di inglese, ma non molto brava. Voglio dire, sapeva tutto della sua materia ma era stata lontana dall'insegnamento per molto tempo e le scuole in cui aveva frequentato prima dovevano essere molto più educate delle nostre, perché era dannatamente debole nel far rispettare la disciplina. Era stata nel nostro slum educativo solo per un mese o giù di lì, ma le avevamo davvero reso le cose difficili in ogni lezione che aveva seguito con noi. Ma Dunkley, così la chiamava Jodi, e naturalmente lui le aveva causato più problemi di tutti noi messi insieme.

Eppure c'era una cosa in lei che suscitava tutto il nostro interesse. Ebbene, due cose in realtà. Non era un tipo appariscente, essendo di mezza età e piuttosto tranquilla, ma indossava sempre maglioni attillati e sotto quei maglioni c'erano le tette più grandi che avessimo mai visto. Non si discute nemmeno sul fatto che siano imbottiture: nessuna imbottitura mai realizzata avrebbe potuto oscillare in modo così allettante come facevano quei due tumuli. A parte questo aveva i capelli scuri e la pelle scura, con solo un ciuffo di capelli sul labbro superiore. Sangue italiano o greco in famiglia forse, con un bel culo pieno che si contorceva sotto le gonne a pieghe quasi con la stessa facilità con cui i suoi bazoon rimbalzavano avanti.

Un'altra cosa che tutti avevamo notato di lei era che, tranne che in piena estate, indossava sempre stivali che le arrivavano quasi alle ginocchia. C'erano state molte speculazioni su quegli stivali e se forse lei fosse più sexy di quanto lasciasse intendere, anello nuziale o non anello nuziale.

Quindi, eccoci lì ed eccola lì, e la merda era caduta nello spandiletame, va bene. Non appena avesse denunciato questo piccolo gruppo saremmo tutti diretti al tribunale di polizia e probabilmente agli istituti di Borstal. Ed è quello che sarebbe potuto succedere se Jodi non fosse stata lì. Perché Jodi era sempre veloce, sempre pericolosa e una leader nata. Mentre il resto di noi era ancora troppo sbalordito per reagire, lui si stava muovendo, spingendo via Linda così forte che sarebbe caduta se non fossimo stati così vicini a lei. Poi sono quasi caduto addosso mentre mi spingeva via, dirigendomi verso la porta aperta.

Per un secondo, solo per un secondo, mi sono chiesta se stesse scappando. Ma prima ancora che si formasse il pensiero, lo vidi sbattere la porta e girare la chiave nella serratura, la cosa che avremmo dovuto fare prima di iniziare con Linda. Eppure quello che fece dopo mi lasciò completamente confuso perché scomparve dietro uno scaffale, portando con sé la chiave della porta.

Il che ha lasciato tutti noi in giro come comparse senza parole in una commedia dopo che il personaggio principale è scomparso in una botola del palco. Linda era l'unica che riusciva a pensare a qualcosa di positivo da fare, tirandosi su le mutandine.

In qualsiasi altra circostanza avrei riso dell'espressione del suo viso. Linda Beresford non sembrava una ragazza debitamente grata per essere stata salvata da un terribile destino per mano - e cazzi - di un gruppo di teppisti: assomigliava più a un cavaliere di ginnasta il cui cavallo era finito disteso davanti al primo recinto; tanto sforzo, tanto allenamento, ma niente salti. Anche se Ma Dunkley ha distratto la mia attenzione abbastanza velocemente con un grido rabbioso.

"Malenger, torna qui!"

Ebbene, lo fece, uscendo da dietro lo scaffale con la stessa rapidità con cui ci era andato dietro. E nella sua mano c'era un giavellotto. Che, nel caso in cui l'inglese sia la tua seconda lingua, è una lancia di metallo con una punta piuttosto affilata a un'estremità. Le persone che non hanno niente di meglio da fare escono su un campo di atletica per vedere quanto lontano possono lanciarle. Un'altra cosa divertente e ricreativa che puoi fare con l'estremità affilata di un giavellotto è infilarlo in una cinciallegra. Se vuoi attirare l'attenzione del proprietario della cinciallegra sopra menzionata, posso assicurarti che è un modo efficace per farlo.

"Indietro! Con le spalle al muro, grassa stronza!"

Stavo pensando tra me e me: "È pazzesco, non possiamo fare una cosa del genere a un insegnante", ma stava succedendo comunque, come sembrava che accadessero sempre le cose quando Jodi voleva che accadessero. Ma Dunkley fece due passi indietro sotto la pressione della punta del giavellotto, poi cercò di mantenere la posizione.

"Malenger, devi essere matto! Mettilo giù subito."

Bene, e così ha fatto. Si sporse in avanti, lasciò cadere la punta del giavellotto e lo spinse in avanti direttamente tra gli stivali alti fino al ginocchio.

"Andiamo, inutili bastardi, datele un passaggio", ci ha gridato.

Ma Dunkley non capiva cosa intendesse, ma noi sì, perché un'altra cosa che puoi fare con un giavellotto per divertimento e profitto è usarlo per persuadere una ragazza a vedere le cose a modo tuo. Ricordi che ho menzionato una certa Janet Saunders come un eccellente esempio di entusiastica sottomissione femminile? Ebbene, era stato un giro per il magazzino su un giavellotto che l'aveva portata rapidamente e facilmente a quel modo di pensare. Ma farlo a un insegnante...

"Dai!" Jodi ha insistito e così abbiamo fatto. Che diavolo, doveva valere la pena di qualunque guaio ci avesse cacciato alla fine. Quindi ho afferrato la punta dietro di lei e anche Micky l'ha presa, mentre Jacko ha aiutato Jodi davanti.

C'era solo spazio per quattro paia di mani, ma era abbastanza. Sollevammo il giavellotto in modo preciso e livellato, direttamente tra le gambe di Ma Dunkley, sollevandole la gonna a pieghe davanti e dietro di lei. Poi abbiamo messo il suo peso sopra il giavellotto e l'abbiamo sollevato ancora più in alto, finché non si è trovata sulla punta degli stivali. Strillò come il fischio di una fabbrica che sputa vapore, sporgendosi in avanti sulla gonna spiegazzata per afferrare il giavellotto attraverso le pieghe, aggrappandosi alle mani di Jacko e Jodi mentre cercava disperatamente di sollevarsi sopra l'asta di metallo. Capivo perché: deve essere stata un'esperienza dura farsi spaccare la fica per una cosa del genere.

"Portala a spasso!"

Beh, portarla a spasso non è proprio quello che succede. Il punto è che se sollevi il ciclista abbastanza in alto non può camminare e non può appoggiare il peso a terra, tutto preme su quelle aree morbide e sensibili tra l'interno delle cosce e quella striscia rotonda di alluminio. Il giavellotto si è piegato sotto il peso di Ma Dunkley, ma ciò non ci ha impedito di sollevarla da terra e di fare diversi passi strascicati mentre barcollava da un lato all'altro, urlando di paura e dolore quando ha scoperto di essere in equilibrio sul successivo la cosa peggiore per un filo di coltello.

"Oh Dio, oh Dio, smettila, per favore! Per favore... per favore... per favore!"

"Abbasso lei. Però in punta di piedi, tutto qui. Will, prendi tu il mio posto qui."

Ecco quindi la scena, la signora Dunkley con la gonna ammucchiata, le gambe dritte e strette insieme, piegata in avanti dalla vita e ancora aggrappata al giavellotto. Aveva un buon profumo, forse acqua di rose. C'erano delle macchie bianche nel maglione grigio attillato. Le spalline del reggiseno erano chiaramente visibili attraverso il tessuto e maledissi la mia sfortuna di essere dietro di lei, invece che davanti con Will e Jacko. Li vedevo esultare alla vista delle sue grandi setole infilate tra le sue braccia tese. Tuttavia, abbiamo avuto una visione consolatoria delle sue gambe, parzialmente rivelate dalla gonna alzata. Un sacco di carne liscia e arrotondata, tutta ben avvolta in collant scuri.

"Malenger... Jodi. Per favore, è una cosa sciocca."

Nessun dubbio sul suo tono, non pretendeva più nulla ormai, ci chiedeva di non farle più del male. E sapevamo tutti che uno o due giri più veloci avrebbero fatto sì che l'insegnante implorasse di fare qualcos'altro, qualsiasi cosa. La mia immaginazione andava a gonfie vele al pensiero di avere quelle gambe avvolte intorno a me e quelle tette tra le mani. In un istante il mio uccello divenne rigido come il giavellotto.

"Tienila così," sbottò Jodi.

Continuando a muoversi velocemente come un furetto che colpisce, allungò la mano verso Ma Dunkley e diede uno strattone deciso a uno dei suoi orecchini, facendola gridare di nuovo.

"Che ne pensi, signora Dunkley? Una delle ragazze di cui dovresti occuparti ed eccola qui in un magazzino che mostra a un gruppo di ragazzi tutto quello che ha. Comunque è successo?"

"Non lo so." Lei rispondeva tranquillamente e rapidamente. Tra una cosa e l'altra, immagino che non ci fosse molta scelta. Sapevamo tutti che Jodi avrebbe toccato l'orecchio di Ma Dunkley o l'avrebbe cavalcata di nuovo sul giavellotto se avesse provato a rispondergli.

"Stavo camminando lungo il corridoio e ho sentito il rumore, così sono entrato."

Jodi le mise l'altra mano sulla nuca, sotto i lunghi capelli neri, e le massaggiò delicatamente i muscoli del collo.

"Ecco, questa è una cosa divertente, proprio lì. Sì, Linda faceva molto rumore all'inizio, ma poi si è calmata. È piuttosto difficile sentirla da lì fuori allora. La mia idea è che tu l'abbia sentita bene, solo che hai aspettato un po'." prima di entrare. Stavi aspettando perché pensavi di poter fare un patto con noi?"

Provò a girare la testa verso di lui ma non ci riuscì perché Jodi le tirò l'orecchio per farla guardare dritto davanti a sé. L'abbiamo sentita tutti ansimare di nuovo.

"Un accordo? Cosa intendi?"

"Voglio dire che siamo i ragazzi che ti hanno dato più problemi in classe. Ma se ci sorprendessi con Linda potresti farci cacciare dalla scuola o minacciarci di comportarci bene in futuro."

"No, non ci avevo mai pensato!"

"Ah, ma io dico di sì. E dico che le persone che vengono ricattate meritano di essere ricattate a loro volta. Cosa ne pensi?"

Enfatizzava ciascuna delle ultime parole tirandole di nuovo il lobo dell'orecchio ogni volta che parlava. L'insegnante sussultava a ogni strattone. Jodi le stava dimostrando ancora una volta quanto fosse sotto il suo controllo

"Ora mi permetta di chiarirmi questa cosa in mente, signora Dunkley. Qualcuno verrà presto a cercarla se la teniamo qui? E prima che lei risponda, farà meglio a sapere che se ci mente, io personalmente ficcati questo giavellotto su per il culo."

"NO." Stava sussurrando, con la voce tremante. "No, ma probabilmente il custode è ancora in giro."

"Non devi preoccuparti per lui. Lui sa quando essere sordo. Quindi sembra che starai con noi per un bel po'. Non importa, credo che possiamo trovare dei modi interessanti per passare il tempo." ."

Ci stavamo tutti leccando le labbra, anche se Mark e io stavamo ancora maledicendo la nostra sfortuna di dover stare dietro a Ma Dunkley e di non poterla vedere in faccia. Mi chiedevo se Jodi sarebbe riuscita a metterla completamente sotto il suo controllo, come sembrava riuscire a fare con tutte le ragazze. All'inizio aveva sicuramente affrontato molte sfide da parte di Janet Saunders, ma pochi minuti sul giavellotto si erano trasformati da Caposcuola in una ragazza che avrebbe preferito fare un pompino piuttosto che uscire di nuovo dalla ringhiera.

"Linda, vieni qui."

Ci eravamo quasi dimenticati di Linda, il che era già qualcosa, dato che indossava ancora solo gli slip, i calzini e le scarpe - oh, sì, e la cravatta, che in qualche modo era rimasta indietro quando le era stata tolta la camicia. Sembrava succosa come sempre, ma molto più nervosa di quando l'avevamo massacrata.

"Jodi, non voglio essere coinvolto in questa cosa."

"Va bene, non voglio farti cambiare posto con Ma Dunkley, ma lo farò se riesco a staccare un po' di più dal tuo labbro. Vai dall'altra parte di lei."

Linda passò obbedientemente davanti a me e Mark. Non avrei mai pensato di lasciar passare un paio di tette nude senza afferrarle, ma poi ho dovuto farlo. Linda finì per affrontare Jodi attraverso il giavellotto con l'insegnante appollaiato tra di loro.

"Bene, signora Dunkley, cominciamo a conoscerci un po' meglio. Sarebbe gradita una presentazione. Normalmente, naturalmente, vi stringerei la mano, ma sembra che voi le stiate usando entrambe al momento. Allora, cosa faremo?" Quello che farò è avere una piccola regola che inizi proprio adesso." Jodi si pizzicò di nuovo l'orecchio, ottenendo un altro sussulto. "Stai ascoltando, signora Dunkley?"

"Sì, sto ascoltando."

"Esatto, la regola è questa: ogni volta che qualcuno ti stringe una tetta ti presenti con il tuo nome e dici 'mi fa molto piacere conoscerla'. Capisce la regola, signora Dunkley?"

La sua risposta è stata musica per le nostre orecchie, mormorata ma obbediente: "Sì, capisco".

Per me questo è stato incredibile. Ma Dunkley aveva quasi il doppio dei nostri anni, era un'insegnante, una donna sposata, e qualunque cosa facessimo avrebbe dovuto essere in grado di dominarci. Se Jodi non fosse stata lì, lo avrebbe fatto. Era invece la sua personalità, la sua determinazione a dominarla e la sua disponibilità a ferirla quanto necessario a abbatterla. A meno che, ovviamente, non volesse trovarsi in questa situazione. Forse stava aspettando fuori, trovando il coraggio di entrare e scommettendo che proprio così sarebbe andata a finire. Chi potrebbe dire perché una donna ha fatto qualcosa?

Jodi le lasciò una mano sul collo, prese l'altra dall'orecchio e lasciò che le sue dita tese scivolassero dolcemente lungo il lato di uno dei bracci spinti verso il basso davanti a lei mentre continuava a cercare di alleviare il dolore di essere sopra del giavellotto. Pensavo che dovesse essere molto stanca di trovarsi in quella posizione.

"Hmm, giusto per renderlo ancora più interessante, stabiliremo una seconda regola. Dopo che ti sarai presentato, farai tutto quello che ti verrà detto da chiunque ti tenga una delle tette. Hai capito? "

"SÌ."

"Ho un nome."

"Sì, Jodi."

"Allora cosa succede quando stringo uno dei tuoi buttafuori?"

Ha parlato molto velocemente: "Dico: 'Ciao, mi chiamo Christine e farò tutto quello che mi dici.' " Mi sembrava che avesse fretta di dimostrare quanto fosse compiacente. Non solo stanco ma probabilmente anche dolorante.

"Bene, proviamolo."

C'era abbastanza tensione nella stanza per far funzionare una centrale elettrica quando vidi la sua mano muoversi davanti a lei. Il giavellotto tremò tra le nostre mani e il maestro sussultò, poi disse: "Ciao, mi chiamo Christine e farò tutto quello che mi dirai".

Questo ha sciolto la tensione, almeno per il momento. Tutti noi ridacchiammo di gioia per la sua resa finché Jodi non alzò la mano per farci stare di nuovo zitti.

"Non male, ma la giusta mossa è giusta. La stessa regola vale per te, Linda."

Deve aver spostato la mano sulle sue tette perché lei è stata trascinata in avanti e si è piegata fino quasi ad appoggiarsi all'insegnante. Era stata colta di sorpresa: "Oh Dio, cosa ho da dire? Mi chiamo Linda e sono molto felice di conoscerti, Jodi, bastardo."

Abbiamo riso anche di questo, finché Linda non ha lanciato un vero e proprio grido di dolore. "Non permetto a nessuna donna di chiacchierare qui dentro. In questa stanza fanno quello che gli viene detto." Deve averle dato una bella scopata alla tetta con la mano perché lei ha gridato di nuovo.

"OK, quindi per essere più chiaro, d'ora in poi, ogni volta che viene tirata una mammella mi aspetto di sentire la cagna che la possiede pronunciare il suo nome e dire che farà tutto ciò che le viene detto. Proviamo di nuovo."

Linda non se lo disse due volte: "Mi chiamo Linda e farò anche quello che mi dirai".

Poi la maestra parlò di nuovo, sentendo chiaramente la mano di Jodi che le dava di nuovo lo spunto: "Mi chiamo Christine e farò tutto quello che mi dici".

Jodi rise. "Le cose sembrano andare bene. Ora, Christine, parliamo di affari. Sicuramente non sarai nella posizione di ricattarci, ma possiamo offrirti un buon affare. Se sei gentile con noi smetteremo di crearti problemi in classe. Non solo, mi assicurerò che anche nessun altro a scuola ti dia problemi. Ti piacerebbe?"

"Sì, Jodi, mi farebbe piacere."

"Piuttosto sicuro?"

"SÌ." Lei stava quasi urlando contro di lui, rispondendo il più velocemente possibile. Potevo vedere le sue braccia tremare mentre le teneva premute sul giavellotto.

"OK, ma se lo facciamo per te, devi fare qualcosa per noi. È giusto?"

"Si si!"

Jodi ridacchiò e poi Linda sbottò ad alta voce: "Mi chiamo Linda, come stai e farò anche quello che mi dirai."

Ancora non riuscivo a vedere esattamente cosa stesse succedendo, ma era ovvio che Jodi le aveva afferrato di nuovo una delle tette e stava farfugliando le parole che lui le aveva insegnato come un pappagallo ammaestrato.

"Brava, Linda. Ora, ragazza, cosa pensi che avresti dovuto fare per noi se Christine non fosse entrata a rovinare tutto? Cosa ti dicono le altre ragazze che devono fare qui?"

"Dicono che devono succhiarti il ​​cazzo, Jodi."

Mi sono fatto una risata. Will e Jacko però non la stavano guardando, stavano fissando il volto dell'insegnante per vedere la sua risposta. Sorridevano entrambi da un orecchio all'altro e desideravo essere ancora una volta al loro posto.

"Solo il mio cazzo?"

Linda di certo non stava facendo la timida adesso. Lei rispondeva forte e chiara: "No, gli fai succhiare anche tutti i cazzi del tuo compagno, e poi si fanno scopare da tutti."

Jodi scosse la testa con finta tristezza: "Chi sono queste ragazze orribili, e perché dicono cose così terribili su di me?"

Sai quando a volte inizi a ridere e non riesci a controllarlo, sei come se stessi ansimando con il respiro crescente? Immagino che a quel punto avessimo tutti raggiunto quello stadio e Linda stava ridendo insieme a tutti noi. Il fatto era che non volevamo scherzare e trattenere le cose ridendo, volevamo sentire cosa aveva da dire l'insegnante. Di certo però non stava ridendo. Mick e io eravamo affascinati dal modo in cui i muscoli delle sue gambe si flettevano sotto quelle calze scure mentre si dimenava sul giavellotto cercando di trovare una posizione - qualsiasi posizione - che non fosse così scomoda come quella in cui si trovava.

Potevo certamente capirlo perché i miei avambracci mi facevano male per lo sforzo di tenerla sollevata in punta di piedi.

Alla fine, finalmente, abbiamo smesso di ridacchiare e abbiamo continuato a meramente gongolare mentre Jodi allontanava una mano dalla nuca dell'insegnante e afferrava di nuovo il suo orecchino. Doveva aver mosso anche l'altra mano perché lei disse - quasi gridò: "Mi chiamo Christine, come stai e farò tutto quello che mi dici".

"Lo farai davvero, signora Dunkley? O posso chiamarti Christine? Ora hai appena sentito quello che Linda pensa che le faremo fare. Pensa che le farò succhiare il mio cazzo mentre tutti gli altri qui dentro guardala mentre lo fa. Pensi che farei una cosa del genere, soprattutto con una signora come te qui che deve guardare una scenetta così sporca?"

"Jodi, sono assolutamente sicuro che farà qualunque cosa le dirai, così come sono sicuro che non scenderò da questo giavellotto finché non accetterò di fare tutto ciò che fa."

Ho guardato Mick e lui mi ha guardato, ed era sorpreso quanto me. Potevamo sentire la tensione nella sua voce per essere a cavalcioni sul giavellotto, ma per il resto la signora Dunkley sembrava piuttosto calma mentre ammetteva che era nostra e potevamo fare ciò che volevamo. Oh Dio, fa' che questo pomeriggio duri per sempre.

"Beh, sì, sembra un'offerta ragionevole", ha detto Jodi, continuando a suonare alla grande. "Dimmi, Christine, stai davvero dicendo che se ti lascio lanciare questo giavellotto ci succhierai tutti?"

"Sì. Jodi, per favore, mi offro di fare quello che vuoi. Non potresti calarmi giù adesso, per favore?"

"Ti dirò io cosa faremo. Ti metteremo sui talloni e Linda e io ti toglieremo il maglione. Se ti comporti così, forse non ti solleveremo più in punta di piedi. Fai vuoi farlo?"

"Sì, Jodi, sì, grazie."

Ha riso. "Questo è quello che mi piace sentire. Ma sto ancora aspettando qualche dettaglio su quello che farai per noi. Fallo sembrare interessante e ti deluderemo."

"Oh Dio. Jodi, mi inginocchierò per te. Mi inginocchierò davanti a te mentre tutti guardano e ti darò un boccone."

Le mie dita dei piedi si arricciavano mentre ascoltavo questo. Dio, ma Jodi aveva presto rimesso questa cagna di mezza età nel suo box. E tutti sapevano che avrebbe dovuto fare ciò che aveva promesso.

"Beh, mi sembra una bella cosa. Ma supponiamo che cominciassimo spogliandoti fino alla cintola e lasciando che tutti i ragazzi giocassero con quei tuoi grossi battenti. Preferiresti farlo piuttosto che restare dove sei?"

"Sì, Jodi, per favore, per favore, giocate con le mie tette, tutti voi, per favore." Non potevo credere quanto sembrasse disperata. O quel giavellotto stava davvero ferendo la nostra insegnante catturata, oppure lei stava facendo una bella figura nel sembrare che lo fosse.

Naturalmente, più sembrava disperata, più Jodi tirava fuori le cose. "Hmm... beh, lo chiederò ai ragazzi. OK ragazzi, c'è qualcuno interessato a giocare con le grosse setole della signora Dunkley?"

Sicuramente aveva la nostra approvazione su quell'idea, e noi tutti ringhiavamo in segno di approvazione come un branco di lupi attorno a un cervo in trappola.

"OK, la mozione è approvata all'unanimità. Ora, tutti quelli che vorrebbero scopare anche la signora Dunkley, per favore, sollevatela per mostrare approvazione nel solito modo."

Lei gridò di dolore mentre le davamo un altro rapido sollevamento, dimenandosi di nuovo in cima al giavellotto come se fosse una recinzione elettrificata. Forse lo era, perché solo nel mio corpo c'era abbastanza eccitazione da aver messo una carica ad alta tensione nell'asta d'acciaio. Jodi tirò di nuovo l'orecchino dell'insegnante per assicurarsi che stesse ascoltando.

"Allora che ne dici di quest'idea, Christine? Pensi che questo potrebbe essere un buon momento per metterti sulla schiena e dare alla classe una dimostrazione pratica di educazione sessuale?"

"Sì, Jodi, sì, sì! Tutto quello che vuoi!"

Jodi ridacchiò: "Ciò include risposte a scelta multipla?"

"Dio, sì, vi affronterò tutti... tutti voi! Ma per l'amor del cielo, lasciatemi scendere, per favore!"

Sembrava che quello che avevamo qui sul nostro giavellotto fosse un'insegnante a cui era stata insegnata una lezione rapida e di grande successo su come imparare a fare ciò che le veniva detto. Se prima non avesse saputo molto su come imporre la disciplina, sarebbe sicuramente arrivata nel posto giusto per imparare. Jodi ha imposto la sua resa con richieste consegnate rapidamente.

"Bene, abbassala sui talloni. Linda, prendi il suo maglione in fondo. Christine, alza le braccia o ti sosteniamo di nuovo."

L'insegnante emise un grande sospiro di sollievo mentre la rimetteva sui talloni. Mentre Linda e Jodie tirarono il maglione stretto, sollevò all'istante le braccia sopra la testa e le teneva lì mentre il materiale veniva sconvolto fino a quando il suo cinghia del reggiseno venne alla vista. Era largo come il pollice, il bianco satinato, con doppie clip in metallo argento. Sexy, ma non un premio di consolazione per ciò che deve essere visibile dalla parte anteriore. Sorprendentemente, è stata Linda a fare il primo commento da quel punto di vista: "Mio Dio, guardali".

Se c'è mai stato un suggerimento più inutile, non riesco a immaginare dove o quando è stato realizzato. Will e Jacko avevano quasi avuto gli occhi fuori dalla testa e persino Jodi sembrava sorpreso. Poi lui e Linda hanno scatenato un maglione fino a quando non è stato preso attorno ai gomiti allevati dell'insegnante e avvolti intorno alla sua testa.

"Ok, porta via quel giavellotto. Spingila contro gli scaffali. Tienila lì. Tieni le braccia alzate."

Abbiamo fatto come ha detto in una raffica di movimento, spingendo l'insegnante contro gli scaffali e tenendo i polsi sopra la testa, anche se tutto ciò che si poteva vedere era un mucchio di capelli neri disprezzati che sporgevano dalla cima del maglione. Certamente non vedeva nulla, che la salvava almeno uno shock mentre Jodi tirava fuori il suo coltello da film. Tutto quello per cui voleva però era tagliare un paio di lunghezze da un rotolo di corsia.

"Metti i polsi contro i supporti."

Will e Jacko si sono spalancati per tenere i polsi di Christine contro gli scaffali verticali. Quando lo hanno fatto hanno rivelato le rigide tazze bianche del suo reggiseno di fondazione. Il mio pensiero immediato era che dopo tutto dovevano essere imbottiti, perché sicuramente per Dio non poteva camminare tutto il giorno a sostegno di quella quantità di peso di fronte a lei?

"Cristo, potresti portare a casa di una settimana in quelle tazze", dichiarò Mark, condividendo la mia incredulità.

Non che avessimo molte possibilità di ammirare le attrazioni perché Jodi si avvicinò immediatamente a Christine mentre le legava i polsi ai montanti. Non c'era resistenza, stava semplicemente contro gli scaffali mentre era fissata. Jodi rimase indietro, con il resto di noi che corrova intorno a lui per riporre di nuovo.

"Un insegnante, quasi pronto per le lezioni", disse Jodi felicemente.

Di Dio, è mai stata! Miavilo attorno al suo viso, tette fuori dalla finestra del negozio, la fascia in vita della gonna intrecciata attorno ai suoi fianchi larghi e la parte superiore di una cintura bianca appena vista sopra di esso con un paio di rotoli di grasso di stomaco appoggiati in cima. Non che non avesse una figura abbastanza buona senza nemmeno prendere in considerazione quelle fantastiche mammelle. Forse un po 'troppo maturo, ma cosa potresti aspettarti a quell'età. Per quanto riguarda quella gonna pieghettata e quegli stivali sotto di essa - beh, sembrava che il Natale sarebbe arrivato all'inizio di quest'anno.

Jodi iniziò a sbottonarsi la camicia. "Vai oltre e presentatevi, ragazzi. Sai cosa fare. Linda, puttana pigra, vieni qui e elabori le mie scarpe."

Quella volta devo essere stato lento dal segno perché Mark mi ha battuto, se perdonerai il gioco di parole. Ed era dietro Jacko. Non che la signora Dunkley conoscesse la differenza. Sapeva solo che stavamo a turno per sentire le sue tette e mentre era accarezzata, disse forte ancora e ancora che il suo nome era Christine, era molto contenta di incontrarci e avrebbe fatto tutto ciò che le avevamo detto. Ancora una volta, non c'erano dubbi su quanto fossero efficaci le tecniche di allenamento di Jodi. Non che mi importasse molto di nulla ma che ero bloccato alla fine della coda per aver accumulato alcuni sentimenti.

"Sono davvero", annunciò Jacko ad alta voce. Aveva le mani su ciascuna delle sue tazze, ma non per tempo che lo faceva da parte e ne prese una per se stesso.

"Mi chiamo Christine e farò quello che vuoi", disse di nuovo l'insegnante, abbastanza forte da consentirci di sentire anche se era parzialmente smorzata dal maglione sul viso. Mark si mise tra entrambi, sollevò un rotolo del maglione abbastanza in alto da rivelare la bocca aprita e mise la bocca contro la sua per vedere quale fosse la reazione. Stava anche copiando i metodi di Jodi tenendo uno dei suoi orecchini, ma non sembrava aver bisogno di fare molto con esso per ottenere i risultati che voleva. Ovviamente stavo diventando frenetico e alla fine ho dovuto tirarlo via per poter ottenere un turno.

A quel punto Will e Jacko stavano tirando su la gonna di Ma Dunkley e finalmente sono stato in grado di mettere le dita su entrambe le sue tazze. Un tocco e ho scoperto ciò che tutti gli altri avevano già fatto, che questi erano gli oggetti autentici. Il calore proveniente da loro era abbastanza prova senza nemmeno bisogno di sentire i grumi in cui i suoi capezzoli spingevano contro il tessuto rigido. Mi chiedevo come avesse reagito a un'altra lingua e le aveva dato un po 'di leccate. Quello che sono tornato immediatamente è stata una lunghezza di carne che mi ha spinto in bocca come una mucca che pulisce una depressione dell'avena.

La signora Dunkley probabilmente non aveva idea di chi stesse baciando francese e proprio come probabilmente non avrebbe potuto preoccuparsi comunque. Ho spinto due dita tra i rotoli di carne schiacciati dalla parte superiore del reggiseno e ho turbinato un po 'le cose intorno. La porta di stoccaggio a cui era legata ha iniziato a tintinnare mentre sbuffava attraverso il naso, poi iniziò a provare a leccare di nuovo le tonsille. Intendiamoci, penso che fosse principalmente dovuto a ciò che Will e Jacko stavano facendo intorno alle sue mutandine. Anche Mark si affollava di nuovo, afferrando il capezzolo che avevo abbandonato solo per un secondo. È stata una vera corsa all'oro, tutti hanno presentato un'affermazione ovunque ci fosse una possibilità. Non che tu potessi lamentarti, c'era più territorio di riserva lì di quanto non fosse in Alaska.

"Ok, tira un po 'alza il maglione", ci disse Jodi. "Voglio che lei veda questo."

Ho suscitato il fondo del maglione alla larga dal viso di Christine. Le sue palpebre erano state chiuse. Si aprirono anche se la luce cadde sulle sue guance arrossate e mi fissò in faccia in un modo che sembrava avere difficoltà a concentrarsi. "Oh, Cristo, Andy, cosa mi stai facendo tutti?"

"Prepararti per un buon cazzo", le dissi in verità e gli scaffali di archiviazione si agitavano di nuovo mentre si contraeva come un coniglio da tiro.

"Fuori mano, ragazzi."

Ci siamo allontanati con riluttanza. Jodi era nudo ora, di fronte a una Linda altrettanto nuda. Erano fianco a Christine, guardandola mentre Linda teneva il cazzo rigido di Jodi con la mano destra, strofinandolo delicatamente come se cercasse di mettere uno smalto.

"Che ne dici di farlo per me, signora Dunkley? Ti piacerebbe farlo per me?"

Non sembrava avere molte difficoltà a fissare lo sguardo sul suo cazzo. Stava tremando ma la sua voce non tremava a malapena mentre rispondeva.

"Si, va bene."

Jodi si avvicinò a lei. La vista del coltello aperto che stava trasportando le fece tremare ancora di più, soprattutto quando se lo teneva vicino.

"Sei la mano destra o la mano sinistra."

"La mano destra."

Si tagliò attraverso il nastro attorno al suo polso destro. Abbassò immediatamente la mano e tenne il cazzo proprio come aveva fatto Linda, lavorando il suo prepuzio avanti e indietro con movimenti rapidi. Il coltello di Jodi si abbassò più in basso, sotto la cinghia del reggiseno e lei fece un piccolo grugnito mentre lo tagliava con un movimento rapido, lasciando che le sue interi opere superiori si inclinano su un lato come un ponte in collasso. Quindi spostò il viso accanto al insegnante e mise le labbra sulle sue, la sua mano libera che le accarezza il fondo. Potevo vedere le sue dita afferrarsi strettamente attorno al suo cazzo e che si stava di nuovo in giro. Jacko e Will erano su entrambi i lati di Linda, tirando le sue piccole tette pulite allo stesso tempo in cui stavano cercando di togliersi i vestiti il ​​più rapidamente possibile. Sembrava una buona idea - in effetti erano entrambe buone idee, ma i ragazzi avevano problemi a risolvere le loro priorità.

Jodi fermò la lingua Christine e si appoggiò a usare di nuovo il suo coltello. L'altro cinghia cadde a pezzi e le tazze del reggiseno scivolarono a metà del busto. Abbiamo fissato la bocca aperta alle dimensioni delle sue tette parzialmente rivelate, nessun colore più chiaro del resto della sua pelle, con un granello di quattro o cinque punti di bellezza sui pendii superiori di quello giusto, come campi base sui pendii del monte Everest. Mark - e giuro su Dio, questo è vero - ha urlato "Busters" alla vista di tutta la carne che si è riversata. Ci siamo incazzati ridendo mentre Ma Dunkley è diventato ancora più rosso in faccia e persino - se puoi crederci - ancora più imbarazzato. Continuava comunque a pompare il cazzo di Jodi, non mancava un battito. Lasciò cadere il coltello sullo scaffale, afferrò la parte inferiore del reggiseno e lo trascinò verso il basso fino a quando le sue tette non erano completamente libere. Siamo rimasti a bocca aperta alla vista come i turisti vedendo le piramidi per la prima volta.

"Ok, portala ai bar." Jodi ringhiò, facendo un passo indietro, ma dando a Maps di Maps una stretta con cui andare avanti. Erano gonfiati alle dimensioni di prugne a metà mangiate, una corrispondenza naturale per le tette a cui appartenevano. Jodi prese di nuovo il coltello e tagli il nastro ancora assicurando il polso sinistro.

"Mark, prendi un altro giavellotto" ordinò.

Immagino che tutti ci chiedessimo cosa avesse nella sua mente, ma era una scommessa equa che sarebbe stata piuttosto divertente. Non che non avessimo abbastanza intrattenimento, la rana che marciava la nostra mucca ormai saldamente affollata di un insegnante mentre si recava verso il gran finale di un avvizzito pubblico. Avevo in mano una delle sue braccia e Jacko aveva l'altra, ancora sopra la sua testa e ancora intrecciato nelle maniche del suo maglione. In questo modo il materiale era di nuovo sugli occhi, il che era un peccato perché ciò che Jodi stava organizzando vicino ai tappetini era piuttosto una scena.

Non che importava molto perché non appena ci siamo fermati dai tappetini, la prima cosa che abbiamo fatto è stata quella di sollevare il maglione e gettarlo da parte. La bocca di Ma Dunkley cadde quando vide Linda. Molto tempo fa una sezione di barre di arrampicata era stata rimossa dal muro di palestra e si è impilata all'interno del magazzino. Troppi bambini che cadono e fanno male a se stessi, suppongo. Comunque, eccolo lì, lungo circa otto piedi e lungo dieci piedi, appoggiato al muro della fine. E su di esso, braccia e gambe tese, c'era Linda, che indossava ancora quella cravatta e le sue scarpe, ma nient'altro. I suoi piedi erano a circa tre piedi dal pavimento e in piedi davanti a lei c'era Andy, con il giavellotto. La parte posteriore era inclinata verso il basso, l'estremità acuta era incastonata tra le labbra della fica di Linda. Stava fissando le mani di Andy e se la macchina del tempo di Doctor Who fosse apparsa nel magazzino proprio allora non credo che l'avrebbe nemmeno accordata.

Naturalmente Andy non ci aveva mai pensato da solo. Fu Jodi a organizzare la scena, proprio come era Jodi a divertirsi di più guardando la reazione di Ma Dunkley. Mark gli consegnò un altro giavellotto e Jodi fece uno spettacolo finto per sentire la punta per la nitidezza e lo soffiava.

"Ok, Christine, metti le spalle ai sbarre e sali accanto a Linda. È facilmente fatto, proprio come salire una scala all'indietro e molte impugnature per aiutarti." Sollevò il giavellotto. "Se pensi di aver bisogno di un ulteriore incentivo, fammi sapere."

Era chiaramente sconcertata, ma certamente non è in vena di discutere. Ci ha lasciato spingere in modo irrisonante contro le barre inclinate, poi grugnì e sbuffò mentre saliva di alcune barre, fino a quando non era a livello con Linda e nella stessa posizione, le braccia erano distese a livello delle spalle per mantenere l'equilibrio. C'era qualcosa di una doppia scena di crocifissione al riguardo, un'impressione rinforzata dai giavellotti a forma di lancia. Nient'altro che peccatori qui, o almeno sarebbero stati quando avremmo finito con loro.

Forse i pensieri religiosi si sono spenti per un momento o due però, perché quando ho guardato le tette ondeggianti dell'insegnante ho pensato che fosse un peccato che non potessimo portarla in chiesa e metterla all'alter all'ora del festival del raccolto - Per come era, nuda, paffuta e piena di generosità della natura. Forse avrebbe rimosso il vicario dal suo sermone, ma che diavolo, era il pensiero che contava. Le prossime parole di Jodi hanno sicuramente dato a Christine ancora di più a cui pensare.

"Giusto, facciamo un po 'di tetto che tira qui."

Nessun problema. Era come un treno di tubi affollati con tutti la cinghia che pendeva anche se molto più interessante. Ho iniziato con l'unica tetta gratuita che ho potuto ottenere - una delle Linda, peggiore. Non importa, ho anche scoperto che la sua figa era all'altezza giusta per me per dare un buon leccare al clitoride e ho anche avuto un'altra mano nelle complicate manovre in corso sotto la gonna dell'insegnante. Forse ha contribuito a distogliere la mente dall'assort che gestiva le sue enormi tette, anche se non molto. Non a giudicare dagli strilli che stava facendo e dal modo in cui i bar stavano tintinnando: avresti pensato che un gorilla li stava scuotendo. Linda stava facendo un sacco di dimenticarsi e gridare se stessa. Quando ho lasciato che qualcun altro la lingua e alzava lo sguardo sulla testa era inarcata, la bocca si apriva e lei si contraeva i fianchi come se fosse stata solleticata il twat con uno spolverino.

"Ok, Andy, prendi la fotocamera."

Fidati di me per rimanere bloccato con il peggior lavoro. Tuttavia, qualcuno ha dovuto tenere un record ben dettagliato dell'insegnante e il suo allievo più bello che veniva messo alla prova.

Quando sono tornato con l'Olympus 35 e le lampadine flash entrambe le nostre vittime hanno gridato per protesta. Quella fotocamera sarebbe stata uno strumento di destino per loro e lo sapevano. Linda probabilmente lo aspettava dall'inizio, ma l'insegnante ha dato un lamento disperato mentre iniziavo a fare delle buone esposizioni.

Ed è stato quando abbiamo iniziato a fare una buona esposizione di Christine stessa che ho iniziato a sospettare che forse si aspettava di trovarsi a fare un po 'di lavoro. Perché una volta che i ragazzi avevano tirato via la gonna e la cintura, c'erano piccole mutandine di colore lilla sotto il collant. Bene, minuscolo rispetto alla larghezza dei suoi fianchi che tremava come un ballerino di ventre turco quando Jodi si trascinò la punta del dito lungo il bighes umido delle mutandine.

"Per l'amor di Dio, Jodi. Non sopporto molto di più" gemette. "Non tenermi più in giro, fottimi, per favore!"

Sì, beh, aveva un senso dell'umorismo, dovevi darle. Ci siamo sorrisi e Jodie. E Jodie, il bastardo, disse agli altri ragazzi di lasciare Linda da soli per un po 'e tutti per spremere le tette di Christine e alzare le mani tra le gambe. Mentre lo facevano, ha tagliato il collant sulle cuciture, le rotolò giù per le gambe e poi lo tagliò di nuovo fino a quando non era in brandelli intorno alla cima degli stivali. Era un lavoro abile, lasciandola senza nulla ma le sue mutandine sexy come mano dopo la mano si strofinava il tumulo di Venere e si muoveva con quei grandi capezzoli. E mentre stava succedendo tutto ciò, ho fatto scatti dell'insegnante, alcuni in piedi all'indietro, alcuni in vicino con i capelli su tutto il viso, le labbra tirate indietro, la bocca aperte e i denti serrati come una volpe che scendeva sotto un branco di segugi.

Oh sì, e ho anche avuto un paio di bei colpi di povera deserta Linda, riattaccata accanto all'insegnante e con una delle sue mani alla fica, dandosi un wanking e non premuroso chi faceva una foto di lei che lo faceva. Ma poi l'ho fatta fermare, e ho fatto un altro bel colpo di lei stringendo le sbarre e giurandoci con ogni parola sporca a cui poteva pensare mentre l'abbiamo lasciata sullo scaffale per un po '.

"Hai marcio bastardi, fallo allora, se hai intenzione di fare! Fottimi, fottimi!"

"Anche me!" Christine gemò.

Ciò ha causato una risata seria prima che Jodi finalmente riprendesse le cose tagliando le mutandine di Ma Dunkley e le intascarono come trofeo. Aveva una chiazza di capelli neri così grossolani e ricci come la fronte di un corno corto e lo stesso tipo di soddisfazione bovina stupefaceva dei ragazzi in fila per leccarla, con Linda come ordine laterale. Se Christine avesse già fatto oscillare i fianchi prima, quello che aveva fatto l'avrebbe resa il brindisi dell'Accademia dei ballerini del ventre di Instanbul.

Immagino che se vuoi parlare di teneare la tua carne, era il momento. La carne era appesa lassù, accarezzata, accarezzata, linguistica e i loro capezzoli succhiavano come se stesse munendo il tempo. I ragazzi urlavano e sollevavano le dita in trionfo per dimostrare che il succo d'amore stava uscendo da entrambe le fiche come il miele che trasudava da un alveare: non c'era nulla che quei due appesi sui bar non fossero da allora e non vorrebbero non " Mi importava se fossero sui cinegiornali, per non parlare delle foto che stavo scattando.

Jodi ha fatto in modo che Linda si trovasse faccia a faccia con l'insegnante sui bar, le sue gambe su entrambi i lati di Christine, la sua faccia contro la donna e la baciavano in stile francese completo mentre li facevamo di toccare entrambi come Fury. C'erano urla di approvazione mentre facevano una routine completa e la routine l'una contro l'altra. Quindi li abbiamo deluse e li abbiamo messi in ginocchio, fianco a fianco. Questo è stato il grande momento. Prima Jodi fece prendere Linda il suo cazzo in bocca mentre l'insegnante lo teneva stabile per lei. Stava guardando l'azione molto da vicino, anche se non è durata molto prima che Jodi ordinasse un cambiamento.

No, Christine non ha esitato anche per il battito di ciglia di un occhio prima di succhiare il mostro di Jodi come un venditori di aspirapolvere che dimostrano l'ultimo prodotto. Non rimase nulla su di lei tranne gli stivali, il grande culo bianco sporgeva, le tette enormi tremavano e gli occhi fissavano Jodi mentre faceva tutto il possibile per guadagnare un cazzo. Lo prese presto anche lei.

"Ok, prendiamola" ordinò Jodi.

L'abbiamo gettata in cima ai tappetini e tutti hanno tenuto le gambe di Ma Dunkley il più lontano possibile. Rabbrividiva e i suoi denti chiacchieravano come se avesse freddo, ma non lo era, non con l'esercizio che stava ottenendo dal masturbare il suo honeypot in giro. Riesce a malapena a tenerlo fermo mentre Jodi si scatenò la sua lunghezza e poi urlava come se avesse segnato un goal in una finale di coppa e ci chiamava tutte le merda. Poi gli occhi della signora Dunkley sono tornati indietro e lei ha gridato selvaggiamente: "Fanculo, piccoli bastardi, fottimi!"

Qualcun altro ha gettato Linda attraverso i tappetini dall'altra parte, a faccia in giù attraverso lo stomaco dell'insegnante, ed sia Jodi che Ma Dunkley stavano giocando con la fica della scolaretta prima che la riempiasse con il suo cazzo. Durante la croce fottuta in seguito l'insegnante continuava ad accarezzare i capelli e il fondo di Linda per tutto il tempo che i partner stavano cambiando per entrambi. Anche dopo tutto questo tempo devo ancora scattare le foto a volte e guardarle per credere che sia davvero successo.

Successivamente, però, era ancora meglio. Una volta che ci siamo spinti per la prima volta in quelle fiche calde, abbiamo avuto un pomeriggio di succhiare il gallo che è stato semplicemente incredibile. Grazie a Dio che le femmine parlano così tanto che hanno tutti più muscoli in bocca che altrove: senza quell'addestramento naturale non credo che né Linda o Christine avrebbero superato quella sessione di rianimazione della bocca enorme al cazzo senza RSI della mascella .

Era rigorosamente due contro uno. Ognuno di noi ha fatto una svolta sdraiata sulla schiena sui tappetini. Christine e Linda si trovavano su ciascun lato della pila e lavoravano in alternativa - due minuti ciascuno e dovevano toccare il fondo almeno una volta ogni turno o fare le tette attorcigliate. Solo per renderlo più interessante, quello che stava guardando ha dovuto raccontarci tutto su un cazzo davvero buono che aveva avuto, o un modo che voleva essere fottuta. Verità da dire, Linda non era molto poliziotto. Non aveva avuto esperienze importanti prima di prenderla in mano e non aveva molta immaginazione.

Intendiamoci, alcune delle nozioni di Jodi combinate con un sacco di diteggiatura l'hanno fatta uscire come un spettacolo pirotecnico. Stava per sederla in cima a un cavallo da salto, ad un'estremità, metteva un giavellotto attraverso i buchi delle mani e legheva le caviglie. Un'altra lunghezza di corda attraverso i buchi delle mani dall'altra parte, piegarla in avanti, legare i polsi alle estremità e sarebbe piegata in avanti come un fantino su un vero cavallo, il suo culo appeso alla fine della scatola e non in grado di vedere dietro di lei. Poi chiamiamo tutti i nostri compagni e lasciamo che formassero una coda ordinata per un buon allenamento sano in palestra. Un sacco di sculacciata dura, un sacco di olio e molti cazzi che si masturbavano e fuori dalla fica e dal culo di Linda mentre qualcuno teneva il punteggio su una lavagna che poteva guardare. Magia!

Christine stava ascoltando tutto questo mentre stava lavorando al cazzo di Will e lo ha davvero dato il meglio. Ma quando Jodi ha detto che forse sarebbe ancora meglio se avessimo montato l'insegnante dall'altra parte della scatola, è quasi andata in travaglio sul posto solo a pensarci. Will dice ancora che pensava che avrebbe succhiato il suo cazzo dalle radici. È venuto in bocca e non ha mai visto una goccia per dimostrarlo. Dovevamo quasi trascinarla da lui come allontanare una tigre da un pezzo di carne. Mark e Jacko avevano abbastanza cuore da toccare la fica, qualcosa di cui aveva bisogno disperatamente per lei. È la prima e unica volta che ho mai visto una donna tap che ballare durante un orgasmo: quegli stivali sono stati fatti per arrivare!

Ovviamente non c'era modo di fare qualcosa del genere a scuola, più è il peccato. Non sarebbe mai stato zittito e saremmo stati tutti nella merda più profonda. Ma non c'era affatto motivo per cui non potevamo fare un accordo con alcuni dei compagni fuori città di Jodi per una grande festa ben fuori dai sentieri battuti. Tutti a portare quante più fiche possibili, sia disposte che per ottenere un'offerta che non potevano rifiutare. Non ti annoierò con tutti i dettagli sordidi ma la logistica era pulita. Jodi è riuscito a prendere in prestito un camion del bestiame e l'abbiamo pulito fino a quando non è stato immacolato, quindi lo abbiamo riempito di paglia pulita. Quando abbiamo fatto il giro per raccogliere le ragazze, quelle desiderose e quelle riluttanti allo stesso modo, i loro occhi sono quasi spuntati quando hanno visto cosa era l'allenatore di Cenerentola.

Ma non era niente, niente, rispetto al modo in cui apparivano quando siamo arrivati ​​al campo per cui era organizzato il Rendezvous. Devono esserci stati quaranta o più ragazzi in attesa sull'erba, le motociclette e alcune macchine parcheggiate dappertutto. Un buon lavoro è stato davvero un luogo remoto perché la maggior parte dei compagni erano già spogliati per l'azione. Abbastanza sensibile perché se avessi tolto qualcosa in quel camion non lo ritroveresti mai più. Comunque, la folla maschile ha dato un grande allegria mentre il camion è entrato in campo. E la vista di tutti quegli occhi femminili che fissavano le doghe nella parte posteriore del camion: ora era davvero un'occasione strabiliante. Le doghe erano buone però, molte utili maniglie e si poteva far incazzare il lato ogni volta che ti piaceva. Anche tutta l'attrezzatura della ragazza è esagerata attraverso di loro. E con una scala e una macchina fotografica alcuni dei grandi colpi di orgia di tutti i tempi erano in offerta da qualsiasi angolazione che volevi. Sì, un giorno dovrò raccontare quella storia in modo più dettagliato.


FINE

Storie simili

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2K I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

1.3K I più visti

Likes 0

Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

La passione selvaggia di Futa Capitolo uno: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2019 Nota: grazie a FallenAngelX00 per aver letto questa versione beta! Una probabilità su cento milioni. Quelle parole echeggiavano più e più volte nella mia testa mentre mi trascinavo nella mia camera da letto. Avevo diciannove anni e la mia vita era rovinata. Una probabilità su cento milioni di essere afflitto dalla condizione grande, stupida e stupida. Non potevo crederci. Chiusi la porta dietro di me, poi mi appoggiai ad essa, facendo tintinnare il chiavistello. Il mio braccio sinistro era...

1.1K I più visti

Likes 0

Affari Parte 1

Jeb grugnì mentre adagiava con cura sul pavimento l'ultima delle ragazze prive di sensi. Facendo un passo indietro, si fermò ad ammirare le loro forme nude, prima di chiamare sua madre, Amy, per ripulirle. Si precipitò dentro, tutta rotonda e nonna, ed esclamò, “Oh Jeb, ti sei superato! Randal sarà così contento, scommetto che tiene per sé quel biondo argenteo. aggiunse sfacciatamente, e lui ridacchiò. Dietro di lei si trascinava una minuscola ragazza con la pelle molto abbronzata, una criniera bionda e occhi incredibilmente viola. “Ciao Violetta cara. si chinò per baciarla e lei arrossì dolcemente. “Ora Violet, prenderò questi due...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.