La nuova vecchia casa di Will: parte 3

570Report
La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno....

"Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene?"

“Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono.

Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso.

"Grazie" disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono.

“Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web”

«Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere".

"Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su-"

"Voglio sapere cosa sai di Brook Nicole Greene, lei è di Brownsville e voi due dovete essere imparentati" sbottò Rachel, sperando che la sua schiettezza impedisse al reverendo di riattaccare.

"Hai detto, Brook?"

"Si signore"

“Ah! Perché è meraviglioso. Sì, io e Brook siamo imparentati, sembra essere mia nipote. Tuttavia! Mi ha tradito per quella piccola merda, sai, Will...»

“Ascolta, reverendo. Non me ne frega un cazzo di Will", Dire quelle parole fece rabbrividire Rachel, "Ma tutto ciò che voglio è 'sbarazzarmi' di Brook".

Il reverendo rise: “Allora, signora Phillips, credo che possiamo organizzare una collaborazione. Siamo tutti localizzati?"

"San Diego"

«Bene, la mia segretaria ti fornirà un luogo d'incontro. E se volete che quella ragazza muoia, vi assicuro che avete scelto l'uomo giusto da chiamare.

"Grazie, signore" disse Rachel mentre riattaccava.

"Bene bene bene. Sono più che felice di questo!”

"Si signore." Hayden ha risposto in modo vacuo al suo capo.

“Questa ragazza, credo Rachel, è così piena di odio e disprezzo nei confronti di Brook. AH! Non vedo l'ora di prendermi finalmente cura di quella piccola puttana pugnalata alle spalle!

"Sì, signore, lo siamo tutti."



"Volere?"

"Sì, Blane?"

"Stai bene, tu e Pierce sembrate un po', uh, spaventati?"

"No, non preoccuparti, stiamo bene, Blane." Pierce ha risposto.

"Okay, qualunque cosa" disse Blane, diede una pacca sulla spalla a Will prima di dirigersi verso il suo armadietto mentre Pierce e Will rimasero nell'aula della signora Lewis.

Dopo circa cinque minuti Amy Lewis e Rachel entrarono entrambe nella stanza. Sorridendo, la signora Lewis era seduta alla scrivania mentre Rachel era in piedi dietro di lei. Entrambi sorrisero maliziosamente e guardarono avidamente i due ragazzi.

"Bentornati ragazzi", la signora Lewis ha detto, "Pierce, perché non rimani. Come funziona il dispositivo di castità?"

"Che cosa?" Will disse, con voce allarmata: "E perché è qui?"

"Perché, Will, ti amo ancora, e so che anche tu mi ami-"

"Sei così pazzo! Ci siamo lasciati in-”

"Nessuna volontà!" Rachel urlò: "Quella ragazza Brook ti ha semplicemente portato via da me, ma non preoccuparti, sono tornata e sarai di nuovo mia"

"Bambini, bambini", ha detto la signora Lewis, "manteniamo la conversazione civile. Ora, Pierce, come ti sta a pennello il tuo nuovo capo di abbigliamento?

"Questa è un'altra cosa", intervenne Will, "Cosa hai fatto a Pierce!"

La signora Lewis rise e si alzò dalla scrivania. Si avvicinò a Pierce e gli fece cenno di alzarsi. Successivamente slacciò la cintura e tirò giù i suoi cachi e boxer, rivelando il dispositivo.

"Che cazzo!" urlò Will, recitando nella cosa che ora racchiude i genitali del giovane adolescente.

«Oh, rilassati, Will. Non dovresti essere così spaventato. L'unico che dovrebbe esserlo è Pierce, dopotutto, ora non può masturbarsi due volte al giorno!

"SM. Lewis!” Pierce implorò, sentendosi imbarazzato mentre il suo insegnante rivelava il suo segreto al suo migliore amico: "Hai detto che non l'avresti detto!"
«Oh, Pierce, lo sai che Will non può dirlo a nessuno. Sai, scommetto che si masturba tanto quanto te, anche lui ha quattordici anni"

"Sì, quante volte ti masturbi, Will?" chiese Rachel.

Will ora sfoggiava un'erezione piena che poteva essere vista attraverso i suoi pantaloni dell'uniforme kaki. Adesso stava arrossendo, sapeva di dover rispondere, ma la domanda era così umiliante, specialmente di fronte a Rachel. Sapeva che stava provando un brivido sessuale malato da questo, "I-uh-credo, mi masturbo come-uh, anche due volte al giorno"

“Vedi, Pierce, non hai motivo di essere così imbarazzato, Will lo fa come te. E guarda, Rachel! Will sembra avere un'erezione!

"Cosa..." Will era ora completamente umiliato, mentre Pierce si alzava e girava la testa per fissarlo, "Io-non volevo! È appena successo!”

«Ne sono sicuro, Will. Probabilmente eri solo un po' nervoso". Amy disse: "Ora, Will oggi è la tua sessione. Quindi alzati e togliti tutto, e intendo tutto".

"Attesa! Ora aspetta solo un minuto! Non credo di...»

«Will, come ho detto ieri, sei in un angolo. Posso far girare la tua vita nella direzione completamente opposta se non fai tutto quello che dico.

"Dannazione" Will mormorò tra sé. Si alzò e si tolse con riluttanza la maglietta dell'uniforme. Dopo averlo gettato a terra, si tolse la maglietta bianca e si tolse scarpe e calzini. Poi si tolse la cintura.

"Finora bene, Will" disse Rachel. Era incollata al suo corpo, "Aspetta! Will, fletti gli addominali per me” disse Rachel all'improvviso, posandogli una mano sullo stomaco. Will si è piegato e ha rivelato il suo pacco da sei. Rachel gemette mentre sentiva il suo stomaco nudo.

"Oh dio..." mormorò Will, il viso rosso brillante per l'umiliazione, "Non toccarmi, puttana"

"Volere! Sii gentile con Rachel! Ora togliti quei dannati pantaloni!

Will sospirò, il tocco di Rachel lo aveva messo a disagio, e rapidamente e con riluttanza si tolse i pantaloni e i boxer, rivelando il suo cazzo di sei pollici che puntava sopra le sue palle ovali. Il suo pube era abbondante, molto di più di Pierce, e faceva una scia felice fino all'ombelico. Quindi si sono aperti a ventaglio da sopra il suo cazzo e sono apparsi ai lati delle sue cosce attorno ai suoi genitali.

"Hai un sacco di capelli, Will" disse Amy, guardandolo con lussuria.

"Uh..I.." era tornato l'umiliazione e Will iniziò lentamente a perdere sperma prima dello sperma.

Pierce distolse lo sguardo, alzando una mano per bloccare la vista dei genitali di Will.

"Oh, vieni, Pierce." Amy ha detto: "Tutti i ragazzi sono un po' curiosi l'uno dei genitali dell'altro. Ora vieni qui e guardali.

"SM. Lewis, per favore, non voglio...»

"Adesso!"

Pierce si avvicinò alla scena di fronte a lui, si era rimesso i pantaloni e i boxer, mentre guardava con riluttanza il cazzo del suo migliore amico. Amy vide il suo disagio e gli afferrò i capelli dietro la testa.

“Ora, Pierce. Stavo pensando l'altro giorno, ho bisogno di qualcos'altro per il ricatto. Ecco perché dovevo farlo!” Amy ha continuato: "Rachel, potresti per favore prendere la fotocamera dalla mia borsa?"

"Sì, nessun problema"

"Bene, ora preparati a fare una foto, Rachel"

"Bene"

Amy tirò Pierce per i capelli fino al livello del cazzo di Will, facendo sussultare il ragazzo e urlare di dolore. Lei rise della sua angoscia: "Will, non muoverti! E Pierce, preparati, stai per dare la testa al tuo amico qui!

“Co-cosa-cosa!! No! Per favore, signora Lewis! Per favore!" pregò Pierce. I suoi occhi si spalancarono mentre cercava di rimettersi in piedi.

"Per favore, non farlo!" implorò Will, guardando Amy in cerca di una qualche forma di pietà nei suoi occhi.

"No" Amy spinse la faccia di Pierce nel pube di Will, strofinandogli il naso nel pube marrone dell'adolescente.

"AHH!" Pierce gemette.

Amy rise e con l'altra mano afferrò la base dell'asta di Will. Ha guidato il resto del cazzo nella bocca di Pierce. Pierce, ha fatto del suo meglio per non accettare il cazzo in bocca, ma mentre lo ha fatto, l'insegnante di scuola gli ha tirato i capelli più forte, facendolo guaire per il dolore. Alla fine Amy ha costretto il cazzo di Will nella bocca di Pierce, mentre Pierce 'sussultava e tossiva mentre Amy costringeva la testa di Pierce a muoversi su e giù sul lungo cazzo.

“Rachel, fai le foto adesso”

"Bene!" Rachel si chinò e scattò una foto di Pierce che imbavagliava il giovane cazzo dell'adolescente. Ne ha presi molti altri, tutti facevano sembrare Pierce come se lo stesse facendo di sua volontà, poiché la mano di Amy non era in nessuna di loro, tuttavia, con grande sgomento di Will, è stato catturato nelle molteplici foto che Rachel gli ha fatto e Pierce.

"Di là, Will?" chiese Amy.

"N-no!" disse Will, e aveva ragione. Mentre guardava Pierce conati di vomito sul suo cazzo, si sentiva quasi male allo stomaco. Non solo Pierce stava facendo un lavoro orribile, sfregandosi spesso i denti contro il suo tenero uccello, ma Pierce era il migliore amico di Will e, per lui, quasi un fratello.

"SM. Lewis, penso che sia ora! Rachel è intervenuta.

"Giusto, Rachel." Amy ha tirato via Pierce dal cazzo di Will e lo ha lasciato andare all'angolo dove ha sputato più volte in un bidone della spazzatura. Successivamente, Rachel si tolse rapidamente i vestiti e tirò Will dalla sedia su cui era seduto e lo fece sedere sul tappeto.

Will guardò il corpo di Rachel. Era molto attraente, aveva la pelle morbida e abbronzata, i capelli castani che avevano una leggera curva. Era magra ma aveva una figura molto femminile e un seno tondo perfetto.

"Ora, Will, preparati, perché finalmente faremo quello che abbiamo sempre voluto..."

"No! Stammi lontano!" disse Will, tentando di alzarsi, ma Amy si avvicinò a lui e gli mosse un dito.

«Non credo, Will. Ora fai quello che vuole Rachel.

"Ti farò sentire benissimo!" Rachel gemette sottovoce mentre strisciava su Will, tentando di baciargli le labbra. Si chinò e tirò il suo cazzo nella sua fica. Stava già perdendo ed era stretto e caldo. Will gemette leggermente, mentre sentiva la fica adolescente scivolare sul suo cazzo.

“Rachel fermati! Non indosso un...»

"Shh" intervenne Rachel, mettendo un dito sulle labbra di Will. Ha continuato a gobbarlo, massaggiando il suo cazzo da ragazzo affamato con la sua fica che perde, "Ora fottimi, Will! Fottimi!”
Pierce stava guardando con gli occhi spalancati i due ragazzi che scopavano per terra. Era più spaventato a questo punto di quanto fosse eccitato. Non riusciva a credere di aver appena succhiato il cazzo di Will. Sentì il suo corpo tremare e il suo stomaco contrarsi, "Oh dio... perché me l'ha fatto fare!" pensò tra sé.

"Oh oh oh oh!!" Rachel gemette, continuando a dondolare su e giù sul cazzo di Will. si stava avvicinando all'orgasmo, ma ha fatto del suo meglio per non venire, non voleva dare quel piacere a Rachel.

Tuttavia, gli ormoni di Will stavano cominciando a tradirlo. La promessa di un orgasmo, anche con una persona così antipatica, era troppo difficile da gestire per un ragazzo di quattordici anni. Il suo viso iniziò ad arrossarsi, sentì aumentare il ritmo del respiro.

"Ahhh-AHHH!" gemette, sentendo che i grandi momenti stavano arrivando (nessun gioco di parole).

"Sei lì, Will?-Ahhhh....OOOOoohhhhhh!" Rachel gemette, continuava a saltellare e dondolare su e giù sull'asta di Will. Le sue labbra della figa erano ricoperte dai suoi stessi succhi mentre continuava con la sua routine.

“AHH! AHH! OOOOHHH!” Will gemette, sparò il suo carico in Rachel, che, sentendo il ragazzo venire nella sua fica, quasi immediatamente esplose con il suo miglior orgasmo da molto tempo. Rotolò via da Will, respirando affannosamente, si alzò e si rimise i vestiti.



"Maledizione!" urlò Will mentre lui e Pierce si sedevano sulla panchina del parco. Entrambi avevano abbandonato l'allenamento di football, sfruttando uno dei loro giorni di malattia, e sono andati al parco per parlare dei terribili eventi della giornata, "Mi-mi dispiace così tanto... è colpa mia se dovevi farlo, tu sapere..."

"Non lo è, è solo malvagia e contorta, ma io-io-"

"Anche io, amico"

"Non posso credere che ce l'abbia appena fatta fare!" Pierce disse che gli veniva quasi voglia di piangere.
"Non essere una figa!" Continuava a pensare tra sé e sé: "Non piangere, non essere una figa!"

"Forare?"

"Sì?"

"Quando ho fatto sesso con Rachel... ho paura che lei... stia cercando di rimanere incinta e di avere il mio bambino. Voglio dire, senza preservativo- e lei ha preso tutto il mio sperma- e...” Will si fermò, passandosi le mani tra i capelli.

"Se vuole che voi ragazzi vi rompiate, lo farebbe in modo provocatorio." disse Pierce, continuando a guardare per terra.

“E dannazione! Ci ha fatto-ci... ci ha fatto... farlo! Se quella fosse solo la prima sessione, non riesco nemmeno a immaginare come saranno le altre!”

“Will, sei il mio migliore amico, cercherò di esserci per te, ma io-io-non posso farlo di nuovo! Davvero non posso farlo di nuovo! urlò Pierce angosciato, mentre le lacrime cominciavano a formarsi nei suoi occhi.

“Capisco, non preoccuparti. Bene?"

"Sì, grazie..." disse Will, mentre cercava di distogliere lo sguardo da Pierce, che ora stava ovviamente trattenendo le lacrime.


Amy si è seduta nel suo appartamento, ha guardato le foto delle sue scuole precedenti e i precedenti pseudonimi che aveva avuto.

"Oh signore..." si disse, sfogliando le immagini che stava guardando.

L'Amy Lewis che conosciamo oggi aveva scelto di cercare di controllarsi e aveva commesso lo sfortunato errore di usare il suo vero nome alla Davis Hall. Eppure, prima di Davis Hall, Amy era conosciuta come Tanya Grey, e prima ancora, Andrea Joyce, e come Andrea Joyce e Tanya Grey, era stata licenziata e quasi arrestata per aver commesso abusi sessuali crudeli e inauditi su ragazzi adolescenti, principalmente , matricole.
Sebbene Amy fosse sfuggita a ogni incontro, odiava comunque la vita che si era creata. Amy odiava mentire costantemente, odiava dover falsificare firme, certificati di nascita falsi e odiava dover ricominciare da capo continuamente. Anche con il suo vero nome in uso, aveva comunque un retroscena diverso. In questo momento, Amy è nata e cresciuta a Bellevue, Washington. Si è laureata con un master in Letteratura inglese alla UCLA e aveva lavorato come insegnante di inglese al St. Martha's di Sacramento, ma niente di tutto ciò era vero, la vera Amy Lewis era cresciuta in una famiglia benestante e prestigiosa nel Queens, New York. York, New York. Aveva avuto tutto ciò che aveva sempre desiderato, e poiché la scuola è entrata facilmente in Columbia, da lì è andata all'Università dell'Oregon per ottenere il suo master in Educazione, ed è allora che tutto è andato in discesa, e non importa quanto Amy abbia cercato di cambiare , la sua lussuria continuava a raggiungerla e a controllare ogni sua mossa.

“Oh, Will...oh, Pierce...mi ricordi i primi due...” Amy pensò tra sé e sé, “Vorrei poter cambiare ma voi due... voi ragazzi siete così... così ...Bellissima...".


"Rachel, non mi piace stare qui... queste persone..."

“Senti, Amy, so che in questo momento sembra impreciso, ma ascoltami, queste persone ci aiuteranno con il nostro obiettivo. Ora, se vuoi continuare a divertirti con Will e Pierce, allora stai zitto e siediti!" Rachel sputò alla sua insegnante mentre i due sedevano in una caffetteria nel centro di San Diego. Amy era un po' preoccupata per le persone che stavano incontrando. I cultisti hanno sempre preoccupato Amy, ma l'aggressività e l'atteggiamento prepotente di Rachel nei suoi confronti la facevano sentire ancora meno felice.

Circa quindici minuti dopo che i due si erano seduti nel negozio, un vecchio con un cappotto sportivo in poliestere e un cappello da cowboy entrò nel negozio. Era accompagnato da una ragazza che sembrava sui diciassette anni.

"Voi dovete essere tutti Rachel e la signora Lewis", disse Greene, togliendosi il cappello e inchinandosi educatamente alle due donne.

"Sì, signore, lo siamo" disse Rachel.

"Meraviglioso. Questa è la mia "segretaria", per così dire, il suo nome è Hayden".

"Piacere di conoscerti" disse Hayden educatamente senza muovere le mani da dietro la schiena.

"Ora parliamo di affari, Rachel."

«Sì, reverendo Greene.»

"Va bene, sapete entrambi dove c'era mia nipote, vero?"

"Si signore." Rachel ha risposto.

“Bene, che ne dici di questo. Conoscete anche Will Reed, vero?"

"Si signore"

"Bene allora! è molto importante smaltirli entrambi e secondo me Will può essere facilmente utilizzato. Voglio vedere il cuore di Brook spezzato prima di prenderla, quindi trova un modo per fare una cosa del genere.


Mentre Lloyd e Rachel discutevano dei loro piani, Hayden continuava a guardare Amy in un modo insolito.

"Ciao, Hayden" le disse Amy, tentando di rompere il ghiaccio salutandola gentilmente.

"Salve, signora Grey"

"Come diavolo-"

“Sei tu quello che ha fatto quelle cose a Daniel. Mi ricordo di te"

"Oh Dio! Per favore, Hayden, non dirlo a nessuno...»

“Non ne ho bisogno. Se qualcuno, è colpa di Daniel. Fu sopraffatto dal peccato e cadde in tentazione».

“Hayden, come sei stato coinvolto con quest'uomo? Se ho ragione è del Nevada, e non ricordo mai...»

“Quando il Rev. Greene è venuto in California durante l'estate, ho letto uno dei suoi volantini per strada e ho assistito al suo servizio. Mi sono convertito alla sua chiesa e lui ha scelto me come suo assistente personale”. Hayden ha risposto rapidamente, con un tono robotico.

"Cosa ne pensano i tuoi genitori..."

“Non saprei,... la signora. Grigio. Mi è stato detto di lasciarli, sono comunque dei non credenti”.

"Oh", ha risposto Amy un po' preoccupata per la decisione irrazionale della ragazza. Il momento A trascorse in silenzio mentre Hayden continuava a sedere nella stessa posizione eretta e corretta. Amy riusciva a malapena a ricordare questa ragazza, ma ricordava che era molto diversa da adesso. In passato Amy non avrebbe potuto immaginare una transizione più grande. Il vecchio Hayden era sgargiante, chiassoso e sempre agitato e agitato.
Dopo circa altri tre minuti di imbarazzante silenzio, Rachel e Lloyd conclusero la loro pianificazione e Hayden e Amy rimasero entrambi felici con i loro "datori di lavoro".

«Andiamo, Hayden, dobbiamo tornare a Los Angeles. Ringrazio voi due per voi, signorine, per la vostra adesione alla nostra organizzazione.

«Sì, reverendo Greene.» disse Rachel, stringendo calorosamente la mano al reverendo mentre il reverendo e il suo assistente si alzavano dal tavolo e uscivano dal negozio e nella notte... CONTINUA

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

287 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

524 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

800 I più visti

Likes 0

Invadere Parigi - Parte 1

La testa le pulsava. Sembrava che stesse aumentando e diminuendo fisicamente di dimensioni. Non si mosse mentre si svegliava, perché non voleva peggiorare il palpito. Lei, semplicemente, non riusciva a pensare in modo chiaro. Le è servito tutto il suo sforzo per ricordare che era stata fuori tutta la notte scorsa, non importava i dettagli, ma anche con quello, era certa di non aver fatto nulla per meritarsi una sbornia di questa portata. Man mano che diventava più consapevole di se stessa, si rese conto che era seduta. Alzò la testa e fu allora che si rese conto che non era...

713 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

657 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.