Più di quanto si aspettasse per la parte 2

450Report
Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2

La prima parte descriveva "JB" un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente...


Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per lei. Oh beh, chiamerà la polizia o me. Il tempo lo dirà.

Salgo sul camion e mi dirigo in città per fare la spesa prima di tornare a casa. Circa 45 minuti dopo sono arrivato a casa. Dopo aver portato tutto in casa controllo la segreteria telefonica. Sì! 3 messaggi.

Prendendo una birra fresca torno alla scrivania e mi siedo ad ascoltare i messaggi.

#1) da Joan – CHE CAZZO ERA QUESTO TUTTO SU DI TE FIGLIO DI FUCCIA? DOVREI DIRE A MICK E FARLO DA LUI TI UCCIDE, SCHIOTTO! COME osi approfittare di me come se fossi uno stronzo?

#2) Di nuovo Joan - JB, CI SEI? PRENDI SUBITO QUESTO CAZZO DI TELEFONO!......lunga pausa….. FIGLIA DI CAZZO!

#3) Joan per la terza volta – JB, questa è Joan….. Dobbiamo parlare. Chiamami…..Per favore?

Un grande sorriso viene sul mio viso quando mi rendo conto che è agganciata. Devo chiamarla subito o aspettare? Hmmmmmm? Diamole un'altra ora.

Esco nella stalla per fare le faccende domestiche e decido di portare il mio Quarter Horse premio per una gita su per la Montagna. 3 ore dopo torno.

Ti chiedi se ha chiamato di nuovo? Torno a casa e vado a controllare i messaggi.

#1) da Joan – JB sei a casa? Ho davvero bisogno di parlare con te. Chiamami.

#2) 45 minuti dopo – DANNATO JB.! CHIAMAMI! PER FAVORE?

Ridendo prendo il telefono e la chiamo. ANELLO – “Pronto?”

"Ciao Joan, volevi parlare?"

“JB a cosa stavi pensando? Perché mi hai fatto questo e te ne sei andato?”

“Bene Joan, non ero sicuro che tu volessi che ti legassi e facessi a modo mio con te o che mi stessi solo prendendo in giro, quindi ho deciso di fare quello che ho fatto e lasciare il resto per la PROSSIMA visita, se c'è uno, sta a te”.

“Non sono MAI stato così acceso in vita mia JB. Quando te ne sei andato, ero così arrabbiato se avessi avuto una pistola che ti avrei sparato. Quando mi sono raffreddato, mi sono reso conto di essere così eccitato che la sedia su cui ero seduto era fradicia. Penso che se mi aveste baciato o toccato un'altra volta sarei letteralmente esploso proprio lì sul pavimento"

“Questa era la mia intenzione Joan. Volevo che tu provassi la paura di essere trattenuto contro la tua volontà ma non ti ferissi. Inizialmente volevo solo trattenerti nuda e non toccarti, ma dopo che eri lì sdraiato in tutta la tua gloria indifesa, non potevo trattenermi. Dovevo solo succhiarti i capezzoli e mangiarti. Non era nemmeno dispiaciuto. Eri migliore di quanto mi aspettassi. Tette morbide sode con quei grandi capezzoli, figa pelata succosa... Dio! Sto diventando duro di nuovo solo pensando a te.

“Oh JB, ascoltarti dire così mi fa bagnare di nuovo. Puoi venire qui?"

“Potrei ma non lo farò. Vieni qui.»

"Sii subito lì!"

"Attesa. Non hai sentito le mie condizioni.

“Termini? Quali termini?"

"UNO. Ti farai un bagno e ti trucchi come se andassi al ballo di fine anno.
DUE, Indosserai vecchi vestiti che posso strappare sopra un completo sexy di lingerie.
TRE, Busserai alla mia porta comportandoti come un automobilista bloccato.
QUATTRO, aspettati di essere qui un paio di giorni.

"Un paio di giorni? non posso. Mia figlia ha bisogno di essere presa al college".

«Non importa, allora. Non voglio che ti presenti finché non ti avrò per un paio di giorni.

"Perché hai bisogno di me per un paio di giorni?"

“Non te lo dico. Dovrai solo aspettare e vedere".

"Oh Dio! Non so se posso aspettare. Non posso venire qui adesso per un paio d'ore?"

Entrando nella mia modalità prepotente - "NO BITCH!" Ho urlato "FAI COME TI DICO, QUANDO LO DICO. CAPITO?"

"Sì," rispose lei umilmente.

“COSA HAI DETTO CAGNA? NON HO SENTITO IL MAESTRO SU QUELLO.

"Sì, maestro." Ha detto tranquillamente.

"COSA HAI DETTO?"

"Sì maestro"

"Così va meglio" Allora cosa sarà?

"Posso venire la prossima settimana in modo da poter portare mia figlia a casa dal college?"

"CON CHI STAI PARLANDO CAGNA?"

"Maestro, posso venire la prossima settimana in modo da poter portare mia figlia a casa dal college?"

"Va meglio. Sì, puoi, ma nel frattempo non ti è permesso alleggerire te stesso. Fatto? Non masturbarti prima di arrivare qui.

"Ma JB..."

“COSA HAI DETTO CAGNA? NON TI HO MAI DETTO CHE MI PUOI CHIAMARE COSI'.

"Sì maestro. Voglio dire, nessun maestro, non l'hai fatto.

"Dovrai essere punito per questo, ma quello dovrà aspettare".

"Ricorda: NESSUNA MASTURBAZIONE!"

"Si signore. Voglio dire Sì Maestro.

"Bene. Ti chiamo tra una settimana.

Lo sapevo, ho pensato. Joan è sempre stata una sub. Ha senso ora perché lascia che Mick la rimproveri come fa lui. Lei nel profondo vuole servire. Hmmmmm Questo potrebbe diventare molto interessante.

L'attesa prima di chiamare Joan è stata dura per me come immaginavo fosse per lei, ma finalmente è arrivato il giorno.

ANELLO……ANELLO……ANELLO…..ANELLO…”Pronto?”

"Giovanna?"

"No, questa è melodia."

"C'è Giovanna?"

"Posso dirle chi sta chiamando?"

"Dille solo un amico."

"Un momento." “MOMMMM, LA TUA RICERCATA AL TELEFONO!”

Attutito – “Ha detto che era un amico”……..

"Ciao?"

"Hai ESATTAMENTE un'ora per arrivare qui!" CLIC! Ho riattaccato.

Pochi secondi dopo il mio telefono squilla. Guardo e vedo che è il numero di Joan.

Ho lasciato che la segreteria telefonica lo prendesse.

Con voce sommessa senti "Maestro, per favore raccogli".... "Maestro, per favore????"

“Sì CAGNA. Cosa vuoi?"

“Maestro, posso venire dopo cena…” “NO DANNATI! HO DETTO UN'ORA!" CLIC!

Prendo una birra e aspetto di vedere cosa succede.

48 minuti dopo sento un'auto salire sul vialetto. Guardando fuori, non riconosco il veicolo, quindi guardo dal profondo della casa. Vedo due occupanti sul sedile anteriore e uno su quello posteriore. Non appena l'auto si ferma, la porta sul retro si apre e Joan esce. Li sento parlare.

"Vuoi che ti venga a prendere mamma?"

“No, non sono sicuro di quanto tempo ci vorrà. Se non riesco a trovare un passaggio, chiamerò".

"Okay divertiti!" e via scendono per il vialetto.

Mentre Joan si avvicina alla casa con una grande borsa che indossa i vestiti più vecchi, le ho detto di farlo. Vado velocemente sul retro della casa ed esco dalla porta sul retro.

Sale i pochi gradini del portico e suona il campanello. Mentre si scherma gli occhi per vedere se stavo arrivando alla porta, le corro dietro e metto rapidamente la mia mano sulla sua bocca e intrappola il suo corpo contro il muro della casa. Questo la spaventa e lei urla nella mia mano e inizia a combattere.

"Smettila CAGNA!" Le ringhio.

"Chi sei? Cosa stai facendo sconfinando nella mia proprietà?" Joan ha provato a parlare ma ho subito aggiunto. "Oh. Quindi la tua macchina si è rotta e sei venuto qui in cerca di aiuto.

Joan ha ripreso il mio scenario "La piccola ragazza perduta ha bisogno di aiuto" e ha scosso la testa di sì.

"Beh, sei venuta nella casa sbagliata, signorina." Sono mesi che non faccio sesso, quindi sembra che non sarà la tua giornata.

"Mmmmmmmffhhh" era tutto ciò che riuscì a gestire mentre la prendevo in braccio e la portavo in casa.

"Non combattermi puttana o ti farò del male come nessuno ti ha mai fatto del male prima, quindi stai fermo." Quando l'ho lasciata andare, ha detto "Why Did...' SMACK! Le ho dato uno schiaffo in bocca. Non abbastanza per ferirla, ma abbastanza per spaventarla.

"AHIA! COSA ERA…” SMACK! Un altro attraverso la faccia. “D'ora in poi parlerai quando ti parlerai e mi rivolgerai a me come MAESTRO prima di ogni domanda. Capito?"

"Si signore." …… L'ho fatta girare e SMACK, SMACK, SMACK duro sul suo culo. “IL MIO NOME È MAESTRO…. CAGNA!"

Piangendo ora singhiozzava “Yyyyess maestro. Scusa Maestro.” "Annusare, annusare" cercando di soffocare i suoi singhiozzi.

"Resta qui e non ti muovere!" Ho ordinato. "Sì maestro"

Sul tavolo al centro della stanza c'erano tutti i miei "giocattoli" distesi ordinatamente.

Selezionando la barra di sollevamento mi sono chinata e le ho attaccato le gambe. Quindi ho selezionato la barra di sollevamento per collo/mano e l'ho bloccata in posizione attorno al suo collo prima di bloccarvi le mani. Una volta immobilizzata, l'ho guidata nella stanza laterale dove avevo allestito il mio piccolo "Dungeon", per così dire.

La vecchia casa colonica è stata costruita alla fine del 1800 ed era incorniciata da travi con pareti di assi sovrapposte di 2 "x 10" in modo che un solido punto di attacco fosse ovunque ne avessi bisogno. La stanza laterale era direttamente sotto la soffitta del vespaio.

Questo era un posto perfetto per nascondere un argano per la sospensione. Cavi gemelli su pulegge alimentati attraverso due fori nel soffitto. Ho appena attaccato anelli "Eye" e ho appeso vasi di fiori per mascherarlo. Per azionarlo, ho fatto passare un filo nell'armadio e ho attaccato un cavo da 25 piedi che mi permetteva di muovermi completamente per la stanza.

Le pareti sono di pino nodoso, quindi nascondere diverse viti a "occhio" ben posizionate sarebbe facile.

Il mio costo principale è stato rimuovere la moquette e installare pavimenti in vinile per facilitare la pulizia, se necessario.

WHIRRRRRRRR è venuto il suono del verricello mentre abbassavo gli anelli. "Vieni qui Puttana!" Ho comandato.

Joan si avvicinò zoppicando meglio che poteva al centro della stanza. Ho attaccato i cavi alle estremità dello spargitore e ho premuto il pulsante "SU". WHIRRR…. WHIRRR…WHIRRR. Ho regolato l'argano, finché Joan non è stata costretta a stare in punta di piedi.

Stai indietro Ho ammirato la sua situazione. "Mi piace questo. E tu puttana?"

"Per favore padrone, non credo di poter stare qui così a lungo." Disse singhiozzando.

“Nessun problema Cagna. Rilassati e lasciati appendere al collo. Troverai la forza".

“Nnooo maestro. Non voglio morire!”

“Non morirai. Il tuo corpo vorrà aria, quindi continuerai a trovare la forza per tornare in punta di piedi per un bel po'. Usa le braccia per tenerti sollevato”

Mentre le parlo le giro lentamente intorno. Improvvisamente mi alzo e le strappo il top.

“AHHHHHHGGGG!”

“Bel reggiseno. Le mutandine corrispondono?" Afferrando i suoi pantaloncini ai lati, glieli strappo via con forza facendola inciampare sulle dita dei piedi e oscillare leggermente.

“ECKKKKKKKK” Conati di vomito mentre lavorava per ritrovare l'equilibrio.

"Vedere. Non sei morto. Potrebbe aver fatto male, ma chi se ne frega?

“Maestro, per favore, deludimi. Non posso resistere ancora a lungo".

“Bello, cagna. Hai ascoltato molto bene. Mi piace il tuo reggiseno e le mutandine abbinate. Molto sexy!”

"Maestro, per favore, per favore, deludimi." ha implorato.

"Dopo. Ho fame. Tornerò tra pochi". Voltandomi per andarmene, la sento iniziare a singhiozzare in modo incontrollabile. “MASTERRRRRRR!!!!!”

Esco in cucina, prendo una birra e del peperoncino avanzato e lo metto sul tavolo della cucina. Sul bancone c'è una piccola TV a circuito chiuso. Lo accendo e appare Joan mentre ondeggia lentamente avanti e indietro. La disperazione appare nei suoi occhi mentre pensa che l'ho lasciata.

Dopo circa 15 minuti sta avendo sempre più difficoltà a rimanere in punta di piedi, quindi è ora di rientrare.

“Come va puttana? Ancora crampi alle gambe? E le tue braccia? Stanco?"

È esausta e può guardarmi orzo mentre si lascia pendere lentamente dal collo per un momento.

Prendo il controllo e clicco più volte sul pulsante "solleva" finché non si stacca dalla punta dei piedi..

WIHRR, WHIRR, WHIRR…. “ECKKKKKKK” e inizia a lottare per alzarsi con le mani….

WHIRRRRRRRRR. Lei viene giù. Lacrime che scendono dai suoi occhi. Adesso sta singhiozzando in modo incontrollabile.

“Smettila di piangere. Non sei ferito".

“B, b, b, buuttttt Maestro, le gambe mi fanno così male. Per favore, deludimi?"

"Non ancora. Ho ancora un po' di divertimento in programma". Mi avvicino a un pensile e lo apro. “Hmmmmmm. Cosa devo usare per primo? Ah, questo andrà bene. Mi giro e mostro a Joan il cappuccio di pelle. Nessuna apertura per gli occhi e un'apertura con cerniera sulla bocca.

“Nessun maestro. Per favore, non metterlo su di me.

“Silenzio il mio piccolo giocattolo. Ti divertirai con quello che sto pianificando".

Metto il cappuccio su di lei e lo sistemo in modo che possa respirare e per il momento lascio la bocca aperta. Di ritorno all'armadio, prendo lo spolverino e un frustino, uno per mano.

In silenzio torno di soppiatto al suo fianco e guardo il piccolo spazio tra il suo osso pelvico e le sue mutandine. Uno dei miei posti preferiti da leccare e fare il solletico. Inserisco la punta del frustino, facendolo scorrere delicatamente su e giù facendola contorcere.

Quindi uso lo spolverino di piume sulla parte posteriore del collo fino al suo fianco facendola guaire e provare a ballare via. “AHHHHH! NOOOOO! AHHHHH! OH DIO! FA IL SOLLETICO!!!!!"

Con il frustino le sculaccio delicatamente la guancia esposta. Schiaffo, Schiaffo. “OHHHHH!

Spolverino alle ascelle……. “AHHHAHAHAHAH…. NOOOOO! EEEEEKKKKKK!”

Un leggero schiaffo al lato del seno destro. “OOOWWW!”

Spolverare fino all'ombelico e attraverso l'osso pelvico, quindi lungo la parte interna della coscia solo per risalire all'interno dell'altra coscia. Avresti pensato che fosse in piedi sui carboni ardenti nel modo in cui ha iniziato a saltare. ‘HAHAHAHAHAHA………STOPPPPP!!! NON POSSO PRENDERE……HAHAHAHAHAHAHA!”

La prendo per i fianchi e mi chino facendo scivolare la lingua in quel piccolo spazio vuoto nelle sue mutandine. “AHHHHHH!” Lei sussulta. "Mmmmmmmmm." Una rapida carezza al capezzolo sinistro con il frustino. Joan inspira bruscamente mentre la puntura si registra nella sua mente.

Farla girare più volte la disorienta e inizia il secondo round del solletico.

Dopo altri 10 minuti di tortura del solletico, è un pasticcio piagnucoloso, quindi l'ho delusa abbastanza da sganciarla dall'argano.

La appoggio a terra perché è troppo debole per non ridere per stare in piedi. È ora che il reggiseno e le mutandine scompaiano. Recuperando un paio di forbici, procedo a tagliare gli indumenti dal suo corpo lussureggiante baciando ogni area esposta mentre appare in vista.

Fa le fusa come un gattino mentre le tolgo il collo e le mani dalla sbarra, ma si irrigidisce leggermente mentre le assicuro le mani all'esterno delle caviglie.

Con la sua apertura aperta mi sposto e mi godo la vista dei suoi petali aperti, l'umidità che brilla mentre filtra dal suo vaso di miele.

Mi avvicino e il suo odore sessuale eccitato diventa inebriante mentre mi avvicino e infilo la punta della lingua in lei. “Mmmmmmmmmmm”

Mi alzo delicatamente e le faccio scorrere il clitoride più volte facendola strillare e cercando di tornare dentro di me. La barra di sollevamento che le tiene le braccia e le gambe in posizione. Tutto quello che può fare è oscillare da una parte all'altra mentre le manette di contenimento tintinnano sulla barra.

Prendo lo spolverino e mentre attacco il suo clitoride con vigore faccio scorrere lo spolverino su entrambi i suoi capezzoli duri come la roccia. “GAWWWDDDDDDD!!!!! AAHHHHHHHHHHH!!!!” questo ha funzionato quando il suo orgasmo l'ha sopraffatta e l'ha mandata in spasmi incontrollabili.

Con i polsini della mano e della caviglia che "tintinnano" sulla barra di sollevamento, Joan quasi vibra sul pavimento mentre continuo ad attaccarle il clitoride. “AAWWWWWWGGGGGGGG. N-N-NOOOO DI PIÙ!!!!” disse senza fiato.

Ho mollato momentaneamente in modo che lei possa ricomporsi. Respirando pesantemente, dice "Santo cielo! È stato fantastico! Questa è la cosa più difficile che abbia mai affrontato in vita mia".

"Bene, perché c'è dell'altro da sborrare." (gioco di parole inteso)

Mi alzo da terra e vado alla mia scorta di giocattoli e scelgo un vibratore "a uovo" telecomandato, una pinza a farfalla e una serie di pinze per capezzoli e clitoridi che sono attaccate a un anello continuo di catena d'oro.

"Maestro, sei ancora qui?"

“Sì il mio piccolo animaletto. Sto solo ricevendo più giocattoli"

"Puoi toglierti questo cappuccio, per favore, maestro?"

“No il mio animale domestico. Non ancora."

Quando inizia a protestare, infilo l '"uovo" nella sua vagina usando i suoi succhi per inumidirla.

"HAAAPTTT!" lei sussulta. "Cos'è quello?"

"Da non preoccuparsi. Solo una piccola sorpresa". Quindi prendo il morsetto a farfalla e aggancio con cura i morsetti alle sue labbra esterne, fissando l '"uovo" in posizione.

"AHIA! COS'È QUELLO??? FA MALE!!!! TOGLIERE!!!!”

“Succhialo. Non è così male. E poi lo dimenticherai abbastanza presto.

I prossimi sono i morsetti per capezzoli e clitoridi. Le stringo delicatamente e le tiro il capezzolo destro, quindi allenta la pinza del capezzolo su di esso molto lentamente, facendo sembrare che il suo capezzolo già duro sia esploso per la pressione.

“AHHHHHHHHH!!!! OH DIO!!!! STOPPPPPPP!!!!!! FA COSÌ MALE!!!!!!"

Il capezzolo sinistro è il prossimo.

“AARRGGGG!!! NO!!!! NON UN ALTRO!!!! PER FAVORE, TOGLIERE IL MAESTRO!!!!”

"Pensi che sia scomodo che ne dici di questo?" Faccio scorrere il morsetto cit in posizione. Rabbrividisce mentre la catena del freddo scivola sul suo stomaco tremante.

“FUUCCCCKKKKK!!!!!!! NNNNNOOOOOO!!!!!! AAAARRRRGGGHHHHH!!!!! TOGLIEREFFF!!!!!”

Merda! Stava sgroppando come uno stallone selvaggio appena castrato.

“NOOOOO!!!! PER FAVORE, TOGLIEREFFFFF”

"Adesso adesso. Andrà via presto.

“Clic” Clicco sull'uovo vibrante. “Zzzzzzzzzzzzzzz” canticchia.

Joan dapprima si irrigidì come una tavola. La schiena si inarcò dal pavimento, la bava le colava dagli angoli della bocca.

All'inizio pensavo che fosse svenuta perché non riuscivo a vedere il suo respiro. Stava trattenendo il respiro per lo shock della pinza e il ronzio dell'uovo.

“AAHHHHHH!!!!” finalmente è uscita. "Mmmmmmmmm" i suoi fianchi iniziano a girare meglio che possono nello spreader. Lo giuro, se avessi potuto vedere i suoi occhi, sarebbero stati roteati nella parte posteriore della sua testa.

Uno stridulo "EEEEEEEEKKKKKKKKK!!!!!!!!!!!" e un fiume del suo succo di donna inizia a sgorgare dal suo nido d'amore.

Trascorsa, giace sdraiata sul pavimento ancora ammanettata alla barra di sollevamento, tremante e convulsa mentre un'onda dopo l'altra le scorre attraverso l'inguine. Improvvisamente si affloscia e il suo respiro rallenta. Fuori come una luce! L'orgasmo era apparentemente troppo per lei poiché dimora nell'incoscienza della sua mente.

Le rimuovo con cura la maschera per permetterle di respirare liberamente. Nemmeno un suono da parte sua. Lei è fuori!

***********
Si prega di lasciare un feedback

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

288 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

800 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

657 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

525 I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

371 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.