Più di quanto si aspettasse per la parte 2

725Report
Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2

La prima parte descriveva "JB" un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente...


Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per lei. Oh beh, chiamerà la polizia o me. Il tempo lo dirà.

Salgo sul camion e mi dirigo in città per fare la spesa prima di tornare a casa. Circa 45 minuti dopo sono arrivato a casa. Dopo aver portato tutto in casa controllo la segreteria telefonica. Sì! 3 messaggi.

Prendendo una birra fresca torno alla scrivania e mi siedo ad ascoltare i messaggi.

#1) da Joan – CHE CAZZO ERA QUESTO TUTTO SU DI TE FIGLIO DI FUCCIA? DOVREI DIRE A MICK E FARLO DA LUI TI UCCIDE, SCHIOTTO! COME osi approfittare di me come se fossi uno stronzo?

#2) Di nuovo Joan - JB, CI SEI? PRENDI SUBITO QUESTO CAZZO DI TELEFONO!......lunga pausa….. FIGLIA DI CAZZO!

#3) Joan per la terza volta – JB, questa è Joan….. Dobbiamo parlare. Chiamami…..Per favore?

Un grande sorriso viene sul mio viso quando mi rendo conto che è agganciata. Devo chiamarla subito o aspettare? Hmmmmmm? Diamole un'altra ora.

Esco nella stalla per fare le faccende domestiche e decido di portare il mio Quarter Horse premio per una gita su per la Montagna. 3 ore dopo torno.

Ti chiedi se ha chiamato di nuovo? Torno a casa e vado a controllare i messaggi.

#1) da Joan – JB sei a casa? Ho davvero bisogno di parlare con te. Chiamami.

#2) 45 minuti dopo – DANNATO JB.! CHIAMAMI! PER FAVORE?

Ridendo prendo il telefono e la chiamo. ANELLO – “Pronto?”

"Ciao Joan, volevi parlare?"

“JB a cosa stavi pensando? Perché mi hai fatto questo e te ne sei andato?”

“Bene Joan, non ero sicuro che tu volessi che ti legassi e facessi a modo mio con te o che mi stessi solo prendendo in giro, quindi ho deciso di fare quello che ho fatto e lasciare il resto per la PROSSIMA visita, se c'è uno, sta a te”.

“Non sono MAI stato così acceso in vita mia JB. Quando te ne sei andato, ero così arrabbiato se avessi avuto una pistola che ti avrei sparato. Quando mi sono raffreddato, mi sono reso conto di essere così eccitato che la sedia su cui ero seduto era fradicia. Penso che se mi aveste baciato o toccato un'altra volta sarei letteralmente esploso proprio lì sul pavimento"

“Questa era la mia intenzione Joan. Volevo che tu provassi la paura di essere trattenuto contro la tua volontà ma non ti ferissi. Inizialmente volevo solo trattenerti nuda e non toccarti, ma dopo che eri lì sdraiato in tutta la tua gloria indifesa, non potevo trattenermi. Dovevo solo succhiarti i capezzoli e mangiarti. Non era nemmeno dispiaciuto. Eri migliore di quanto mi aspettassi. Tette morbide sode con quei grandi capezzoli, figa pelata succosa... Dio! Sto diventando duro di nuovo solo pensando a te.

“Oh JB, ascoltarti dire così mi fa bagnare di nuovo. Puoi venire qui?"

“Potrei ma non lo farò. Vieni qui.»

"Sii subito lì!"

"Attesa. Non hai sentito le mie condizioni.

“Termini? Quali termini?"

"UNO. Ti farai un bagno e ti trucchi come se andassi al ballo di fine anno.
DUE, Indosserai vecchi vestiti che posso strappare sopra un completo sexy di lingerie.
TRE, Busserai alla mia porta comportandoti come un automobilista bloccato.
QUATTRO, aspettati di essere qui un paio di giorni.

"Un paio di giorni? non posso. Mia figlia ha bisogno di essere presa al college".

«Non importa, allora. Non voglio che ti presenti finché non ti avrò per un paio di giorni.

"Perché hai bisogno di me per un paio di giorni?"

“Non te lo dico. Dovrai solo aspettare e vedere".

"Oh Dio! Non so se posso aspettare. Non posso venire qui adesso per un paio d'ore?"

Entrando nella mia modalità prepotente - "NO BITCH!" Ho urlato "FAI COME TI DICO, QUANDO LO DICO. CAPITO?"

"Sì," rispose lei umilmente.

“COSA HAI DETTO CAGNA? NON HO SENTITO IL MAESTRO SU QUELLO.

"Sì, maestro." Ha detto tranquillamente.

"COSA HAI DETTO?"

"Sì maestro"

"Così va meglio" Allora cosa sarà?

"Posso venire la prossima settimana in modo da poter portare mia figlia a casa dal college?"

"CON CHI STAI PARLANDO CAGNA?"

"Maestro, posso venire la prossima settimana in modo da poter portare mia figlia a casa dal college?"

"Va meglio. Sì, puoi, ma nel frattempo non ti è permesso alleggerire te stesso. Fatto? Non masturbarti prima di arrivare qui.

"Ma JB..."

“COSA HAI DETTO CAGNA? NON TI HO MAI DETTO CHE MI PUOI CHIAMARE COSI'.

"Sì maestro. Voglio dire, nessun maestro, non l'hai fatto.

"Dovrai essere punito per questo, ma quello dovrà aspettare".

"Ricorda: NESSUNA MASTURBAZIONE!"

"Si signore. Voglio dire Sì Maestro.

"Bene. Ti chiamo tra una settimana.

Lo sapevo, ho pensato. Joan è sempre stata una sub. Ha senso ora perché lascia che Mick la rimproveri come fa lui. Lei nel profondo vuole servire. Hmmmmm Questo potrebbe diventare molto interessante.

L'attesa prima di chiamare Joan è stata dura per me come immaginavo fosse per lei, ma finalmente è arrivato il giorno.

ANELLO……ANELLO……ANELLO…..ANELLO…”Pronto?”

"Giovanna?"

"No, questa è melodia."

"C'è Giovanna?"

"Posso dirle chi sta chiamando?"

"Dille solo un amico."

"Un momento." “MOMMMM, LA TUA RICERCATA AL TELEFONO!”

Attutito – “Ha detto che era un amico”……..

"Ciao?"

"Hai ESATTAMENTE un'ora per arrivare qui!" CLIC! Ho riattaccato.

Pochi secondi dopo il mio telefono squilla. Guardo e vedo che è il numero di Joan.

Ho lasciato che la segreteria telefonica lo prendesse.

Con voce sommessa senti "Maestro, per favore raccogli".... "Maestro, per favore????"

“Sì CAGNA. Cosa vuoi?"

“Maestro, posso venire dopo cena…” “NO DANNATI! HO DETTO UN'ORA!" CLIC!

Prendo una birra e aspetto di vedere cosa succede.

48 minuti dopo sento un'auto salire sul vialetto. Guardando fuori, non riconosco il veicolo, quindi guardo dal profondo della casa. Vedo due occupanti sul sedile anteriore e uno su quello posteriore. Non appena l'auto si ferma, la porta sul retro si apre e Joan esce. Li sento parlare.

"Vuoi che ti venga a prendere mamma?"

“No, non sono sicuro di quanto tempo ci vorrà. Se non riesco a trovare un passaggio, chiamerò".

"Okay divertiti!" e via scendono per il vialetto.

Mentre Joan si avvicina alla casa con una grande borsa che indossa i vestiti più vecchi, le ho detto di farlo. Vado velocemente sul retro della casa ed esco dalla porta sul retro.

Sale i pochi gradini del portico e suona il campanello. Mentre si scherma gli occhi per vedere se stavo arrivando alla porta, le corro dietro e metto rapidamente la mia mano sulla sua bocca e intrappola il suo corpo contro il muro della casa. Questo la spaventa e lei urla nella mia mano e inizia a combattere.

"Smettila CAGNA!" Le ringhio.

"Chi sei? Cosa stai facendo sconfinando nella mia proprietà?" Joan ha provato a parlare ma ho subito aggiunto. "Oh. Quindi la tua macchina si è rotta e sei venuto qui in cerca di aiuto.

Joan ha ripreso il mio scenario "La piccola ragazza perduta ha bisogno di aiuto" e ha scosso la testa di sì.

"Beh, sei venuta nella casa sbagliata, signorina." Sono mesi che non faccio sesso, quindi sembra che non sarà la tua giornata.

"Mmmmmmmffhhh" era tutto ciò che riuscì a gestire mentre la prendevo in braccio e la portavo in casa.

"Non combattermi puttana o ti farò del male come nessuno ti ha mai fatto del male prima, quindi stai fermo." Quando l'ho lasciata andare, ha detto "Why Did...' SMACK! Le ho dato uno schiaffo in bocca. Non abbastanza per ferirla, ma abbastanza per spaventarla.

"AHIA! COSA ERA…” SMACK! Un altro attraverso la faccia. “D'ora in poi parlerai quando ti parlerai e mi rivolgerai a me come MAESTRO prima di ogni domanda. Capito?"

"Si signore." …… L'ho fatta girare e SMACK, SMACK, SMACK duro sul suo culo. “IL MIO NOME È MAESTRO…. CAGNA!"

Piangendo ora singhiozzava “Yyyyess maestro. Scusa Maestro.” "Annusare, annusare" cercando di soffocare i suoi singhiozzi.

"Resta qui e non ti muovere!" Ho ordinato. "Sì maestro"

Sul tavolo al centro della stanza c'erano tutti i miei "giocattoli" distesi ordinatamente.

Selezionando la barra di sollevamento mi sono chinata e le ho attaccato le gambe. Quindi ho selezionato la barra di sollevamento per collo/mano e l'ho bloccata in posizione attorno al suo collo prima di bloccarvi le mani. Una volta immobilizzata, l'ho guidata nella stanza laterale dove avevo allestito il mio piccolo "Dungeon", per così dire.

La vecchia casa colonica è stata costruita alla fine del 1800 ed era incorniciata da travi con pareti di assi sovrapposte di 2 "x 10" in modo che un solido punto di attacco fosse ovunque ne avessi bisogno. La stanza laterale era direttamente sotto la soffitta del vespaio.

Questo era un posto perfetto per nascondere un argano per la sospensione. Cavi gemelli su pulegge alimentati attraverso due fori nel soffitto. Ho appena attaccato anelli "Eye" e ho appeso vasi di fiori per mascherarlo. Per azionarlo, ho fatto passare un filo nell'armadio e ho attaccato un cavo da 25 piedi che mi permetteva di muovermi completamente per la stanza.

Le pareti sono di pino nodoso, quindi nascondere diverse viti a "occhio" ben posizionate sarebbe facile.

Il mio costo principale è stato rimuovere la moquette e installare pavimenti in vinile per facilitare la pulizia, se necessario.

WHIRRRRRRRR è venuto il suono del verricello mentre abbassavo gli anelli. "Vieni qui Puttana!" Ho comandato.

Joan si avvicinò zoppicando meglio che poteva al centro della stanza. Ho attaccato i cavi alle estremità dello spargitore e ho premuto il pulsante "SU". WHIRRR…. WHIRRR…WHIRRR. Ho regolato l'argano, finché Joan non è stata costretta a stare in punta di piedi.

Stai indietro Ho ammirato la sua situazione. "Mi piace questo. E tu puttana?"

"Per favore padrone, non credo di poter stare qui così a lungo." Disse singhiozzando.

“Nessun problema Cagna. Rilassati e lasciati appendere al collo. Troverai la forza".

“Nnooo maestro. Non voglio morire!”

“Non morirai. Il tuo corpo vorrà aria, quindi continuerai a trovare la forza per tornare in punta di piedi per un bel po'. Usa le braccia per tenerti sollevato”

Mentre le parlo le giro lentamente intorno. Improvvisamente mi alzo e le strappo il top.

“AHHHHHHGGGG!”

“Bel reggiseno. Le mutandine corrispondono?" Afferrando i suoi pantaloncini ai lati, glieli strappo via con forza facendola inciampare sulle dita dei piedi e oscillare leggermente.

“ECKKKKKKKK” Conati di vomito mentre lavorava per ritrovare l'equilibrio.

"Vedere. Non sei morto. Potrebbe aver fatto male, ma chi se ne frega?

“Maestro, per favore, deludimi. Non posso resistere ancora a lungo".

“Bello, cagna. Hai ascoltato molto bene. Mi piace il tuo reggiseno e le mutandine abbinate. Molto sexy!”

"Maestro, per favore, per favore, deludimi." ha implorato.

"Dopo. Ho fame. Tornerò tra pochi". Voltandomi per andarmene, la sento iniziare a singhiozzare in modo incontrollabile. “MASTERRRRRRR!!!!!”

Esco in cucina, prendo una birra e del peperoncino avanzato e lo metto sul tavolo della cucina. Sul bancone c'è una piccola TV a circuito chiuso. Lo accendo e appare Joan mentre ondeggia lentamente avanti e indietro. La disperazione appare nei suoi occhi mentre pensa che l'ho lasciata.

Dopo circa 15 minuti sta avendo sempre più difficoltà a rimanere in punta di piedi, quindi è ora di rientrare.

“Come va puttana? Ancora crampi alle gambe? E le tue braccia? Stanco?"

È esausta e può guardarmi orzo mentre si lascia pendere lentamente dal collo per un momento.

Prendo il controllo e clicco più volte sul pulsante "solleva" finché non si stacca dalla punta dei piedi..

WIHRR, WHIRR, WHIRR…. “ECKKKKKKK” e inizia a lottare per alzarsi con le mani….

WHIRRRRRRRRR. Lei viene giù. Lacrime che scendono dai suoi occhi. Adesso sta singhiozzando in modo incontrollabile.

“Smettila di piangere. Non sei ferito".

“B, b, b, buuttttt Maestro, le gambe mi fanno così male. Per favore, deludimi?"

"Non ancora. Ho ancora un po' di divertimento in programma". Mi avvicino a un pensile e lo apro. “Hmmmmmm. Cosa devo usare per primo? Ah, questo andrà bene. Mi giro e mostro a Joan il cappuccio di pelle. Nessuna apertura per gli occhi e un'apertura con cerniera sulla bocca.

“Nessun maestro. Per favore, non metterlo su di me.

“Silenzio il mio piccolo giocattolo. Ti divertirai con quello che sto pianificando".

Metto il cappuccio su di lei e lo sistemo in modo che possa respirare e per il momento lascio la bocca aperta. Di ritorno all'armadio, prendo lo spolverino e un frustino, uno per mano.

In silenzio torno di soppiatto al suo fianco e guardo il piccolo spazio tra il suo osso pelvico e le sue mutandine. Uno dei miei posti preferiti da leccare e fare il solletico. Inserisco la punta del frustino, facendolo scorrere delicatamente su e giù facendola contorcere.

Quindi uso lo spolverino di piume sulla parte posteriore del collo fino al suo fianco facendola guaire e provare a ballare via. “AHHHHH! NOOOOO! AHHHHH! OH DIO! FA IL SOLLETICO!!!!!"

Con il frustino le sculaccio delicatamente la guancia esposta. Schiaffo, Schiaffo. “OHHHHH!

Spolverino alle ascelle……. “AHHHAHAHAHAH…. NOOOOO! EEEEEKKKKKK!”

Un leggero schiaffo al lato del seno destro. “OOOWWW!”

Spolverare fino all'ombelico e attraverso l'osso pelvico, quindi lungo la parte interna della coscia solo per risalire all'interno dell'altra coscia. Avresti pensato che fosse in piedi sui carboni ardenti nel modo in cui ha iniziato a saltare. ‘HAHAHAHAHAHA………STOPPPPP!!! NON POSSO PRENDERE……HAHAHAHAHAHAHA!”

La prendo per i fianchi e mi chino facendo scivolare la lingua in quel piccolo spazio vuoto nelle sue mutandine. “AHHHHHH!” Lei sussulta. "Mmmmmmmmm." Una rapida carezza al capezzolo sinistro con il frustino. Joan inspira bruscamente mentre la puntura si registra nella sua mente.

Farla girare più volte la disorienta e inizia il secondo round del solletico.

Dopo altri 10 minuti di tortura del solletico, è un pasticcio piagnucoloso, quindi l'ho delusa abbastanza da sganciarla dall'argano.

La appoggio a terra perché è troppo debole per non ridere per stare in piedi. È ora che il reggiseno e le mutandine scompaiano. Recuperando un paio di forbici, procedo a tagliare gli indumenti dal suo corpo lussureggiante baciando ogni area esposta mentre appare in vista.

Fa le fusa come un gattino mentre le tolgo il collo e le mani dalla sbarra, ma si irrigidisce leggermente mentre le assicuro le mani all'esterno delle caviglie.

Con la sua apertura aperta mi sposto e mi godo la vista dei suoi petali aperti, l'umidità che brilla mentre filtra dal suo vaso di miele.

Mi avvicino e il suo odore sessuale eccitato diventa inebriante mentre mi avvicino e infilo la punta della lingua in lei. “Mmmmmmmmmmm”

Mi alzo delicatamente e le faccio scorrere il clitoride più volte facendola strillare e cercando di tornare dentro di me. La barra di sollevamento che le tiene le braccia e le gambe in posizione. Tutto quello che può fare è oscillare da una parte all'altra mentre le manette di contenimento tintinnano sulla barra.

Prendo lo spolverino e mentre attacco il suo clitoride con vigore faccio scorrere lo spolverino su entrambi i suoi capezzoli duri come la roccia. “GAWWWDDDDDDD!!!!! AAHHHHHHHHHHH!!!!” questo ha funzionato quando il suo orgasmo l'ha sopraffatta e l'ha mandata in spasmi incontrollabili.

Con i polsini della mano e della caviglia che "tintinnano" sulla barra di sollevamento, Joan quasi vibra sul pavimento mentre continuo ad attaccarle il clitoride. “AAWWWWWWGGGGGGGG. N-N-NOOOO DI PIÙ!!!!” disse senza fiato.

Ho mollato momentaneamente in modo che lei possa ricomporsi. Respirando pesantemente, dice "Santo cielo! È stato fantastico! Questa è la cosa più difficile che abbia mai affrontato in vita mia".

"Bene, perché c'è dell'altro da sborrare." (gioco di parole inteso)

Mi alzo da terra e vado alla mia scorta di giocattoli e scelgo un vibratore "a uovo" telecomandato, una pinza a farfalla e una serie di pinze per capezzoli e clitoridi che sono attaccate a un anello continuo di catena d'oro.

"Maestro, sei ancora qui?"

“Sì il mio piccolo animaletto. Sto solo ricevendo più giocattoli"

"Puoi toglierti questo cappuccio, per favore, maestro?"

“No il mio animale domestico. Non ancora."

Quando inizia a protestare, infilo l '"uovo" nella sua vagina usando i suoi succhi per inumidirla.

"HAAAPTTT!" lei sussulta. "Cos'è quello?"

"Da non preoccuparsi. Solo una piccola sorpresa". Quindi prendo il morsetto a farfalla e aggancio con cura i morsetti alle sue labbra esterne, fissando l '"uovo" in posizione.

"AHIA! COS'È QUELLO??? FA MALE!!!! TOGLIERE!!!!”

“Succhialo. Non è così male. E poi lo dimenticherai abbastanza presto.

I prossimi sono i morsetti per capezzoli e clitoridi. Le stringo delicatamente e le tiro il capezzolo destro, quindi allenta la pinza del capezzolo su di esso molto lentamente, facendo sembrare che il suo capezzolo già duro sia esploso per la pressione.

“AHHHHHHHHH!!!! OH DIO!!!! STOPPPPPPP!!!!!! FA COSÌ MALE!!!!!!"

Il capezzolo sinistro è il prossimo.

“AARRGGGG!!! NO!!!! NON UN ALTRO!!!! PER FAVORE, TOGLIERE IL MAESTRO!!!!”

"Pensi che sia scomodo che ne dici di questo?" Faccio scorrere il morsetto cit in posizione. Rabbrividisce mentre la catena del freddo scivola sul suo stomaco tremante.

“FUUCCCCKKKKK!!!!!!! NNNNNOOOOOO!!!!!! AAAARRRRGGGHHHHH!!!!! TOGLIEREFFF!!!!!”

Merda! Stava sgroppando come uno stallone selvaggio appena castrato.

“NOOOOO!!!! PER FAVORE, TOGLIEREFFFFF”

"Adesso adesso. Andrà via presto.

“Clic” Clicco sull'uovo vibrante. “Zzzzzzzzzzzzzzz” canticchia.

Joan dapprima si irrigidì come una tavola. La schiena si inarcò dal pavimento, la bava le colava dagli angoli della bocca.

All'inizio pensavo che fosse svenuta perché non riuscivo a vedere il suo respiro. Stava trattenendo il respiro per lo shock della pinza e il ronzio dell'uovo.

“AAHHHHHH!!!!” finalmente è uscita. "Mmmmmmmmm" i suoi fianchi iniziano a girare meglio che possono nello spreader. Lo giuro, se avessi potuto vedere i suoi occhi, sarebbero stati roteati nella parte posteriore della sua testa.

Uno stridulo "EEEEEEEEKKKKKKKKK!!!!!!!!!!!" e un fiume del suo succo di donna inizia a sgorgare dal suo nido d'amore.

Trascorsa, giace sdraiata sul pavimento ancora ammanettata alla barra di sollevamento, tremante e convulsa mentre un'onda dopo l'altra le scorre attraverso l'inguine. Improvvisamente si affloscia e il suo respiro rallenta. Fuori come una luce! L'orgasmo era apparentemente troppo per lei poiché dimora nell'incoscienza della sua mente.

Le rimuovo con cura la maschera per permetterle di respirare liberamente. Nemmeno un suono da parte sua. Lei è fuori!

***********
Si prega di lasciare un feedback

Storie simili

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

865 I più visti

Likes 0

CATTURATO_(0)

Blair Ryan ha disfatto la sua borsa da notte e le ha sistemato i vestiti prima di appenderli nell'armadio dell'hotel. Si è avvicinata alla finestra e ha guardato lo skyline di Tel Aviv sottostante e ha commentato ad alta voce: Un'intera settimana in Terra Santa, non riesco quasi a credere di essere qui!!! Doveva trascorrere un paio di giorni a Tel Aviv, quindi noleggiare un'auto e guidare fino a Gerusalemme e Betlemme, era davvero ansiosa di vedere il Muro del Pianto! Beh, era stata una lunga giornata ed era esausta, e si era praticamente addormentata prima che la sua testa colpisse...

194 I più visti

Likes 0

Affari Parte 1

Jeb grugnì mentre adagiava con cura sul pavimento l'ultima delle ragazze prive di sensi. Facendo un passo indietro, si fermò ad ammirare le loro forme nude, prima di chiamare sua madre, Amy, per ripulirle. Si precipitò dentro, tutta rotonda e nonna, ed esclamò, “Oh Jeb, ti sei superato! Randal sarà così contento, scommetto che tiene per sé quel biondo argenteo. aggiunse sfacciatamente, e lui ridacchiò. Dietro di lei si trascinava una minuscola ragazza con la pelle molto abbronzata, una criniera bionda e occhi incredibilmente viola. “Ciao Violetta cara. si chinò per baciarla e lei arrossì dolcemente. “Ora Violet, prenderò questi due...

117 I più visti

Likes 0

Il Club dei Pensionati (12)

Andie si alzò e ci abbracciammo l'un l'altro. «Andiamo a letto», sussurrai. La sua risposta fu un gemito sommesso ed entrambi ci voltammo per andarcene, con lei che afferrava la sua borsa. Quando siamo arrivati, le ho chiesto: Mi piacerebbe farti piacere, mia cara. L'ho spinta delicatamente di nuovo sul letto, poi ho iniziato a far scorrere le mani su e giù per le sue gambe. Prendendo la fibbia e la cerniera dei pantaloni, ho aperto loro e ha raggiunto per la vita dei suoi pantaloni. Non sapevo cosa aspettarmi, dal momento che ha detto che non aveva avuto nessun cambiamento...

1K I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

1.2K I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

628 I più visti

Likes 0

La mia prima volta_(31)

La mia prima volta Aprendo la pagina non avevo mai visto niente di simile prima, sapevo che era una rivista cattiva ma non sapevo cosa aspettarmi perché non ne avevo mai vista una prima>Davanti a me una doppia pagina di una donna nuda aprendo le gambe, ho potuto vedere la sua figa sbattere tutti i capelli e le sue tette, prima ho riso poi ho guardato con stupore. Il mio amico ha detto che aveva visto tutto prima. (Beh, aveva cinque anni più di me a tredici anni avevo solo otto anni) Abbiamo sentito la porta d'ingresso aprirsi ed è...

65 I più visti

Likes 0

La maledizione di Cupido parte 1

Di nuovo sto facendo lo stesso sogno; è sempre la stessa stanza fredda e squallida. All'inizio sembra sempre buio pesto ma grazie a qualche luce di candela nella stanza riesco a vedere nella stanza accanto dove c'è sempre un divano rosso, dove una strana donna aspetta la mia compagnia. Non riesco mai a sentire la sua voce, ma per qualche motivo so che mi sta chiamando. Mentre mi alzo dal letto per venire da lei, sento lo stesso dolore acuto nei miei occhi, eppure non smetto mai di muovermi, non importa quanto intenso diventi il ​​dolore, come se il mio corpo...

126 I più visti

Likes 0

Cosa mi ha fatto

La sua figa era dolorante e il suo culo faceva davvero male, ma continuava a gocciolare sperma dalla sua figa. Le scorreva lungo le cosce, incurante della sua umiliazione, soprattutto a causa di essa. Il piacere che le scorreva ad ogni fitta di dolore dal buco del culo faceva ridere gli uomini e lei piangeva, ma chi poteva negare che le piacesse? Gli uomini l'avevano trovata a una festa, le avevano fatto i complimenti, l'avevano presa in giro e le avevano detto cose cattive. In qualche modo sapevano che troia fosse, sapevano che si stava eccitando a sentirli. Ma era brava...

24 I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.