Oh!

148Report
Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche.

È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare.

Siamo andati nella mia stanza e siamo rimasti un po' in giro. Durante l'ascolto della musica abbiamo iniziato a parlare di sesso, cosa che mi ha reso duro. Ho fatto sesso due volte prima di questo, quindi non ero molto esperto. Presto ci siamo stufati della mia stanza e siamo andati nel mio soggiorno, mentre seduto sul divano stavo scherzando e mi sono proposto di fare sesso. Con mia sorpresa ha detto di sì ma non potevamo perché mia madre era nell'altra stanza. Ho chiesto di vedere le sue tette ma lei ha detto che era autocosciente ma me le avrebbe fatte sentire, così l'ho fatto. Erano circa la coppa C e molto sode come si potrebbe immaginare che si sentirebbero le tette di una quindicenne.

Mi ha chiesto di scherzare ma ho detto che non mi piaceva baciare e lei ha risposto "nemmeno io". Quindi, non sapendo cosa fare, mi sono alzato e sono andato in bagno. Mentre ero in bagno pensavo a cosa avrei fatto dopo, quando sono uscito lei stava solo guardando la tv. Mi sono seduto accanto a sentire e ho allungato la mano mettendo le mani sul suo fianco e facendola girare e sedersi sulle mie ginocchia.

Mentre si sedeva sulle mie ginocchia ha iniziato a macinare, il che ha reso il mio cazzo di circa 7 pollici più duro di quanto non fosse già. Ho messo le mani sulla sua maglietta sentendomi sulle sue tette mentre immaginavo come sarebbe stato il mio cazzo che entrava nella sua figa stretta e bagnata.

Avevo quasi dimenticato che mia madre era ancora in casa, quindi sono andato nella sua stanza e ho chiuso la porta per poter sentire quando usciva. Sono tornato e mi sono seduto accanto a lei, le ho chiesto di scopare in questo momento, ma ancora una volta ha rifiutato perché mia madre era lì. Ha detto che mi avrebbe permesso di sditalinarla mentre iniziava a aprirsi i pantaloni.

Ho raggiunto sotto le sue mutandine e ho sentito le sue morbide labbra della figa, era la figa più bagnata che abbia mai sentito. Lentamente ho fatto scivolare il mio dito medio nella sua figa mentre emetteva un debole gemito. Ho iniziato a far entrare e uscire il mio dito dalla sua figa calda e bagnata mentre lei alzava gli occhi al cielo per il piacere. Presto ho messo il mio dito indice e lei ha emesso un gemito più forte. Le ho chiesto se faceva male e lei ha detto di no, quindi ho continuato ad andare avanti.

Le mie dita non andavano fino in fondo, quindi mi sono inginocchiato e le ho detto di abbassare le mutandine e sollevare le gambe come faceva lei. La vista delle labbra della sua giovane figa stretta era incredibile e la sua umidità le gocciolava davvero dalla figa. Ho inserito le mie due dita e ho iniziato ad andare sempre più veloce mentre lei si aggrappava alle mie spalle e gemeva con più regolarità. Mi sono fermato un secondo, ho tirato fuori le dita e le ho leccate, aveva il sapore di una vergine anche se non lo era. Ho fatto scivolare di nuovo le dita e ho iniziato a fotterla ancora con le dita. Quando è arrivata mi sono fermato, ho tirato fuori le dita e mi sono seduto accanto a lei mentre si tirava su i pantaloni.

15 secondi dopo aver finito, mia madre è uscita dalla stanza.

Mi ha chiesto se mia madre lavorava quella notte perché faceva il turno di notte e ho detto di sì. Abbiamo fatto in modo che venisse alle 22:00-23:00 e poi avremmo scopato.

Dimmi cosa ne pensate e potrei scrivere cosa succede quella notte.

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

653 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

569 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

287 I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

135 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

523 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.