Fenice parte 4 capitolo 10

48Report
Fenice parte 4 capitolo 10

Era mattina. Jake aprì gli occhi e fissò il soffitto della sua camera da letto. Béla non lo aveva perseguitato la notte precedente.

Spesso, i suoi sogni di Béla erano di loro che facevano l'amore sulla sabbia, come la notte in cui lei gli aveva rivelato di essere un vampiro.

A volte, nel suo sogno, fluttuavano in una luminosa stanza bianca, nuotando nell'aria facendo stupide capriole e facendo l'amore in posizioni assurde e impossibili.

Un paio di volte, diversi anni fa, galleggiavano in una vasta camera con il terreno a cento miglia sotto di loro. Il terreno si piegò in modo impossibile intorno a loro per diventare un cielo verde e marrone, un centinaio di miglia più in alto. Fluttuarono al centro di questo incredibile paese delle meraviglie, guardandosi negli occhi mentre si toccavano.

Ogni volta che sognava, era reale come se lei fosse davvero tornata da lui. Ogni volta, il vuoto del mattino seguente era quasi insopportabile.

Dopo la sua morte, Jake occasionalmente faceva sogni che includevano Béla. La maggior parte dei sogni erano ambientati in un lontano passato e Béla veniva chiamata con altri nomi quando la gente le parlava. Credeva che in qualche modo stesse vedendo eventi reali che erano rimasti in qualche modo intrappolati nel suo subconscio quando lei aveva condiviso le sue sensazioni con lui durante il loro rapporto sessuale, anche se non tutti i suoi sogni su di lei erano di natura sensuale. Molti erano violenti in modo inquietante, ed era triste che lei avesse sperimentato il lato crudele dell'umanità durante il suo viaggio attraverso i secoli.

Quattro anni fa, sono iniziati nuovi sogni in cui lei sembrava cercarlo attivamente. Era stato torturato con loro quasi ogni notte per i successivi due anni e mezzo. Poi, per diversi mesi, lo ha lasciato completamente solo. Ma negli ultimi mesi l'aveva sognata quasi ogni notte.

Spesso, i sogni includevano un'altra ragazza spettrale dai capelli scuri che lui considerava la sorella di Béla, anche se non sapeva di nessuna sorella quando era viva. L'unica volta che i sogni non arrivavano era quando c'era una vera ragazza dal vivo che condivideva il suo letto. Era quasi come se il fantasma di Béla rispettasse la sua privacy.

Poteva sentire Alicia sotto il lenzuolo, baciargli la pancia e stuzzicarlo con le dita. Tra un attimo, avrebbe sentito la sua bocca calda su di lui. Pochi istanti dopo, lei gli cavalcava sopra con gli occhi chiusi, la schiena inarcata e la testa rovesciata all'indietro, abbandonando temporaneamente i suoi dolori all'estasi che stava vivendo.

La progressione dell'attività si svolse come Jake si aspettava. Le sue tecniche di fare l'amore non erano cambiate molto negli ultimi settant'anni. Mentre lei lo cavalcava, lui si aggrappò ai suoi seni, impedendogli piacevolmente di dimenarsi selvaggiamente mentre lei rimbalzava su e giù.

Era sbalorditiva, i suoi capelli biondi spettinati le circondavano selvaggiamente e le coprivano per metà il viso mentre lo cavalcava. I suoi occhi erano chiusi; il suo viso mostrava le sensazioni dell'estasi orgasmica. Il suo corpo era ben tonico, ma ancora morbido e femminile. Ha oscillato in tutti i posti giusti.

'Avrebbe potuto essere una ballerina', pensò Jake, 'come sua madre.'

Continuò ad ammirare la sua ampia forma mentre si impalava ripetutamente sul suo cazzo. La calda vitalità delle sue viscere era meravigliosa come sembrava.

Improvvisamente, raddrizzò le gambe dietro di sé e si appoggiò pesantemente alle sue mani, premendovi i seni con tutto il suo peso.

“Oh, oh, merda! Fanculo!" Ansimò a denti stretti. "Maledetto crampo del cazzo!"

Lei atterrò in modo sgraziato sopra di lui, il suo respiro affannoso caldo contro il suo collo. Era incazzata che i suoi muscoli delle gambe fuori forma l'avessero tradita e rubato il suo orgasmo. Teneva la gamba dolorante dietro di sé, piagnucolando mentre costringeva dolorosamente i muscoli della coscia a raddrizzarsi. Dopo un momento, si rilassò sopra di lui.

Jake era ancora duro come una roccia e in realtà si stava godendo il modo in cui la figa di Alicia si stringeva contro il suo cazzo mentre lei faceva uscire il crampo dalla gamba. Dopo che lei fu più rilassata, lui la circondò con le braccia, afferrandole fermamente le chiappe e iniziò a spingere lentamente il suo cazzo nella sua piccola fica bagnata, calmandola.

Gemette dolcemente nel suo orecchio, facendogli sapere che apprezzava davvero quello che stava, ancora una volta, provando laggiù. Dopo un momento, iniziò timidamente a spingere i suoi fianchi contro i suoi, imitandolo presto mossa dopo mossa mentre notava felice che i suoi crampi alle gambe non si ripetevano.

Jake teneva le braccia avvolte attorno ad Alicia, godendosi il movimento sensuale del suo corpo mentre lei appoggiava silenziosamente il bacino contro il suo. Dopo un momento, sentì i suoi muscoli irrigidirsi mentre veniva.
Ha fatto un'ultima spinta dentro di lei e le ha spruzzato l'interno con il suo sperma. Sapeva che se non l'avesse fatto allora, lei non lo avrebbe finito. Una volta che Alicia è arrivata, ha finito di scopare finché non si è arrapata di nuovo.

Questa volta lo sorprese, rimanendo sopra di lui e lasciandolo stare dentro di lei. I succhi del loro fare l'amore lentamente fuoriuscivano da lei e scendevano intorno alle sue palle, continuando lungo la fessura del suo culo, facendogli venire voglia di dimenarsi. Si appoggiò sopra di lui reggendosi con i gomiti e gli avambracci premuti contro il suo petto. Lei lo fissò in faccia, la sua espressione illeggibile.

"Prima che me ne vada, rimarrò incinta", disse, sorridendogli dolcemente in faccia. “Il mio ciclo inizia tra pochi giorni e il mio body monitor mi dice che sono fertile. Non mi preoccupo se rimango incinta: sono una normale fabbrica di bambini.

Jake giaceva lì, sbalordito, e pensava a quello che gli aveva appena detto. Lo guardò mentre decideva cosa dire. Sapeva che per Alicia, Alicia veniva sempre prima (nessuno scherzo voluto). Quello era uno dei motivi principali per cui non l'amava. Si amava abbastanza per entrambi. In realtà era rimasto sorpreso dal fatto che lei non avesse tentato di intrappolarlo in matrimonio con una gravidanza quando aveva vent'anni. Se l'avesse fatto, calcolò, il loro figlio illegittimo sarebbe...

«Ho una figlia maggiore che non hai mai conosciuto. La prossima settimana compirà sessantaquattro anni. Assomiglia esattamente a me e alla mamma.»

Sbalordito dalla sua improvvisa realizzazione, Jake fissò con gli occhi spalancati il ​​viso dolcemente sorridente di Alicia. Lo baciò sul naso.

"Esce la prossima settimana per festeggiare il suo compleanno", gli disse Alicia mentre giaceva, sbalordito, sotto di lei. "Finalmente vuole incontrare il suo vero padre."

'Ho un figlio!' pensò Jake, sbalordito. 'Sono un padre!'

"Sono un padre?" chiese, guardando Alicia mentre scivolava giù dal letto, dirigendosi verso il bagno.
«Be', non sei mai stato suo padre», disse Alicia, piuttosto freddamente, «almeno non dal suo punto di vista, ma, tecnicamente, sei anche un bisnonno. Hai tre nipoti, due nipoti e, vediamo…”

Pensò furiosamente, fingendo di aver dimenticato quanti figli aveva la figlia maggiore. "... cinque pronipoti e otto pronipoti!"

Gli mandò un bacio e scomparve attraverso la porta del bagno.

'Oh! È stata occupata!' Pensò Jake, sbalordito. "È davvero una fabbrica di bambini!"

"Aspetta un attimo... Era solo di una figlia", si rese conto Jake. «Alicia stessa ha ottantasei anni. Quanti bambini ha avuto che si definisce una fabbrica di bambini?'

All'inizio del ventunesimo secolo, una "Fabbrica di bambini" era una ragazza che rimaneva incinta ogni volta che faceva sesso.

'Ha avuto più di un figlio con me!' si rese conto. «E sta lavorando al numero tre!»

"Alice!" urlò Jake, precipitandosi in bagno. "Sei rimasta incinta l'ultima volta che siamo stati insieme?"

Alicia disse alla doccia di fermarsi e si voltò verso di lui, il suo magnifico corpo bagnato che luccicava alla luce del sole del mattino che filtrava attraverso il muro.

"Ovviamente no!" disse, suonando offesa. “Ero qui con mio marito.”

Jake sapeva che lei era perfettamente in grado di capire esattamente cosa intendeva. Stava giocando con lui, fottendogli la testa!

"No!" Disse con rabbia. "Voglio dire trent'anni fa, quando eri qui!"

"Questa è solo la seconda volta che vengo qui, zio Jake", gli disse innocentemente. In realtà sembrava confusa. "Stai bene?"

"Dio dannazione, sai cosa intendo!"

Jake era frustrato. Era così brava a manipolarlo. Aveva appena scoperto che l'aveva fatto per tutta la sua vita adulta.

“Ho un altro figlio?” le chiese, a bruciapelo, controllando strettamente il suo temperamento.

“Quanti pensi di avere?” gli chiese. “Passami un asciugamano o qualcosa del genere, vuoi? Sto diventando freddo.

Le ha lanciato un asciugamano di spugna. Fece finta di asciugarsi mentre attirava ancora di più la sua attenzione sulla sua figura bagnata e luccicante.

«Rispondi alla domanda», disse Jake, più piano di prima. "Per favore?"

"Qual era la domanda?" chiese, rigirando spietatamente il coltello nella sua mente.

"Quando tu. E io. Eravamo insieme. Trenta anni fa." Disse Jake, controllando intenzionalmente il suo temperamento. “Sei rimasta incinta?”

«Oh, quella domanda», disse Alicia.

Poi gli mandò un bacio e gli lanciò l'asciugamano. Si voltò e tornò nel box doccia.

«No, è stato ventisei anni fa. Lo so, perché adesso ha venticinque anni», disse. "Fai la doccia, per favore."

I doppi soffioni della doccia iniziarono a girare, spruzzandola con acqua bollente e fumante e muovendosi, ancora una volta, su e giù, massaggiando delicatamente il suo corpo nudo splendidamente bello, ben formato e molto seducente.

"L'ho chiamato come te, sai..." la sentì gridare sopra il rumore dello spruzzo della doccia.

Stordito, Jake si fermò sulla soglia del bagno e la guardò mentre si faceva la doccia. In realtà ha ammesso di aver avuto un altro figlio da lui venticinque anni fa.

C'era stato un sottofondo di tensione tra Alicia e i suoi genitori quando erano venuti a trovarli l'anno scorso. Jake ha pensato che fosse un problema familiare tra loro e l'ha ignorato e le occasionali strane comunicazioni che si sono verificate tra lei ei suoi genitori. Pensava che fossero scortesi a portare con sé i loro problemi familiari, ma gli piaceva abbastanza la sua famiglia adottiva da perdonarli per questo.

Ora capiva che Frank e Tanya avevano portato Alicia con loro con l'intenzione di dire a "zio" Jake che era un padre. Dal momento che nessuno glielo aveva detto in quel momento, era evidente che Frank e Tanya avevano deciso di lasciare ad Alicia il compito di "scavarsi la fossa", per così dire. Non volevano essere loro a distruggere la relazione di Jake con la loro figlia maggiore. Alicia aveva chiamato il loro bluff e aveva vinto. Non hanno avuto il coraggio di denunciarla.

Jake ora si rendeva conto che Alicia stava effettivamente costruendo la dinastia familiare di longevi che aveva immaginato quando lo aveva incontrato. Non aveva lasciato che una piccola cosa come il buon vecchio zio Jake che non voleva sposarla si intromettesse. Una volta che stava portando in grembo suo figlio, lo aveva lasciato andare, finché non fosse stata pronta per il prossimo.

Ora che Jake era in pensione e Alicia era di nuovo vedova, evidentemente aveva deciso di mettere tutte le sue carte in tavola e fare un'ultima giocata per lui: il vincitore prende tutto. E sembrava che avesse chiesto aiuto alla figlia maggiore per conquistarlo. Sua figlia!

Quando Alicia finì il suo ciclo di asciugatura, scese dal box doccia e andò in camera da letto. Zio Jake non c'era. Aprendo la sua borsa da viaggio, tirò fuori e indossò il suo involucro di puce preferito fatto di vera seta cinese trasparente e trotterellò al piano di sotto, ancora a piedi nudi e appena coperta.

Il sole era già alto nel cielo di metà mattina e la casa aveva attirato le ombre sulla sua esposizione a sud. La luce del sole filtrata, riflessa dal collettore sul tetto, si diffondeva allegramente nel soggiorno e nella cucina.

Individuando la console sul muro, Alicia si avvicinò e si assicurò che funzionasse. Sapeva che lo zio Jake non era pazzo di cose tecnologiche e tendeva a ignorarlo ora che non ne aveva bisogno per il suo sostentamento.

"Trova Jake, per favore", disse Alicia alla console.

Nel muro si aprì un quadrato che mostrava una mappa dell'area intorno a loro. Alicia capì facilmente la sua disposizione che mostrava dove si trovava la cabina. Il display attorno al punto in movimento che rappresentava Jake indicava che stava viaggiando a Mach II, diretto a nord. Era già a metà strada per Bozeman.

'Ha lasciato! Merda! Ho detto a papà che sarebbe successo!'

"Dammi una battuta con Jake, per favore", chiese Alicia alla console.

'Linea aperta...' stampata sul display. Jake aveva disattivato la voce della console.

«Zio Jake?» disse, nella consolle. “Zio Jake?

“So che puoi sentirmi. Per favore, torna indietro", ha detto.

"Ricevitore disconnesso..." stampato sul display.

«Dannazione!» sbuffò. «Sta tornando a casa. Nella sua vecchia casa, per sistemare le cose nella sua testa. Lo zio Jake è così dannatamente testardo a volte. E il suo processo di pensiero richiede un'eternità.'

Beh, aveva tutto per sé. Odiava stare da sola, ma se doveva stare da sola, quello era un bel posto per soffrirne. Le è piaciuto molto il gusto di zio Jake nel progettare questo piccolo rifugio.

"Spero davvero che tu possa perdonarmi per quello che ho fatto, zio Jake", pensò tra sé. «Speravo che mi avresti lasciato stare con te per un po'.»

Sapeva, dalla reazione di zio Jake, che le sue possibilità di vincere non erano molto buone. Ma aveva promesso a suo padre che glielo avrebbe detto apertamente, e lo aveva fatto, anche se in cuor suo credeva che quello fosse il modo sbagliato di trattare lo zio adottivo.

Alicia era molto più brava a interpretare la vedova addolorata. Lo zio Jake era un tale romantico senza speranza che le piaceva davvero lasciarlo sentire come se la stesse aiutando a superare le sue crisi emotive. Era qualcosa in comune che potevano usare per relazionarsi tra loro: i propri cari perduti. Gli amori perduti e le loro lunghe vite erano davvero le uniche cose che avevano in comune, anche se credeva che il suo vero amore perduto fosse lo zio Jake.

Alicia ha anche capito che lo zio Jake non sarebbe stato davvero un buon compagno. Trascorreva la maggior parte del suo tempo soffermandosi sul passato ed era un pensatore lento. La mente di Alicia operava su molti livelli diversi, risolvendo i problemi che le poneva in modo efficiente e senza tregua. Aveva una buona mente per gli affari e lo sapeva.

Il suo compito autoproclamato per tutta la vita era creare una dinastia familiare con se stessa come matriarca. (Tecnicamente, sua madre sarebbe stata la matriarca, ma Alicia avrebbe gestito la cosa.) Aveva già avuto un buon inizio, con una mezza dozzina di figli da ciascuno dei suoi due matrimoni.

Aveva abbagliato i suoi ricchi, potenti, potenziali compagni con la sua arguzia, intelligenza e bellezza naturale e li aveva conquistati entrambe le volte, diventando la perfetta moglie trofeo. I suoi modi sociali erano impeccabili, poiché aveva assunto le persone migliori per insegnarle esattamente ciò che aveva bisogno di sapere ed esattamente come comportarsi nell'alta società. Sapeva bene che non mettere in secondo piano le mogli dei personaggi affermati nel mondo politico e degli affari, e spesso si è resa una preziosa alleata contro i nuovi arrivati. Era stata molto attenta a evitare quell'etichetta, lei stessa, non scuotendo la barca di rango e status. Non è mai stata motivo di imbarazzo per nessuno dei suoi mariti e li ha tenuti felici a letto, rimanendo incinta tutte le volte che poteva per espandere la sua dinastia.

Attualmente era la matriarca di due potenti famiglie che contavano oltre settanta persone e possedeva partecipazioni di controllo in diverse grandi industrie. La figlia maggiore di ogni famiglia era una longeva come lei, inconsapevolmente generata dallo zio Jake. Erano i suoi luogotenenti e agivano come suoi delegati. Entrambi conoscevano la verità su chi fosse il loro vero padre e sulla loro eredità genetica. Condividevano l'ambizione della madre e sostenevano i suoi sforzi per aumentare la fortuna e l'influenza della famiglia.

Aveva bisogno di un'altra fortuna di famiglia in un altro settore per conquistare lei, o uno dei suoi figli speciali, un posto nel Consiglio di amministrazione supremo. Non era preoccupata di non poter avere un altro figlio dallo zio Jake. Secondo il suo body monitor, era già incinta e lo era da diverse ore.

Quello che doveva fare ora che Jake era fuggito era rinunciare a questa fantasia infantile di conquistare lo zio Jake e darsi da fare con quel terzo potenziale marito. I suoi sogni romantici sullo zio Jake sarebbero solo d'intralcio. Dopo che ha creato la sua struttura di potere a tre punte e il suo prossimo marito è morto, ci sarebbe abbastanza tempo per lo zio Jake.

Aveva già scelto e conquistato il suo terzo marito. Quando il suo secondo marito era morto, aveva detto al suo potenziale corteggiatore, un caro amico che aveva curato negli ultimi due anni, che voleva stare da sola per qualche settimana, per addolorarsi in privato. Aveva rispettato i suoi desideri e le aveva detto che era disposto ad aspettarla per sempre, se ci fosse voluto così tanto. Non aveva nemmeno dovuto essere infedele per conquistarlo. Era orgogliosa del fatto che, durante i periodi in cui era effettivamente sposata con i suoi mariti, non si fosse mai allontanata da loro. Questo era anche uno dei motivi per cui il suo prossimo marito la voleva così tanto.

Alicia aveva camminato avanti e indietro per la cabina mentre elaborava le cose nella sua testa. Ora che aveva preso una decisione, le restavano solo due, no, tre cose da fare. Si è lasciata cadere sul divano.

"In fila, per favore", disse nell'aria. Una consolle si sollevò dal bracciolo del divano. Digitò una serie di numeri.

"Priorità - Famiglia", disse alla console. La faccia di Frank apparve sul monitor.

«Ciao, papà», disse Alicia.

"Ciao, piccola", disse Frank. "Com'è andata? Gliel'hai detto?"

Alicia sospirò e guardò tristemente nella console. "Gliel'ho detto; mi ha lasciato."

"Bene", disse suo padre, "sapevamo che poteva succedere..."

«Torno a Boston», disse Alicia. "Se Jackie vuole ancora incontrare suo padre..."

"Ci penserò io, piccola", le disse suo padre.

Le mandò un bacio. Alicia arricciò le labbra verso di lui. Il monitor si oscurò.

"Linea computer fuori servizio", disse Alicia alla consolle.

Sul monitor apparve una tastiera. Ha digitato i codici per richiamare l'itinerario serale del suo prossimo marito. Aveva potenziali prenotazioni per un ristorante diverso ogni sera per il mese successivo. Ogni prenotazione era per una sola persona. Quello era il suo modo di lasciarla scegliere quando voleva rientrare nella sua vita sociale.

Ha aggiunto il suo nome alla prenotazione per stasera e ha premuto "Conferma prenotazione". Sapeva che avrebbe ricevuto una copia della conferma entro pochi minuti. Era giunto il momento di andare avanti con la sua vita.

"Chiudi la console", disse mentre si alzava dal divano e trotterellava su per le scale per vestirsi e portare giù i bagagli. L'efficiente piccola consolle scomparve nel bracciolo del divano.

Dopo pochi minuti, tornò giù per le scale vestita con la sua tuta da volo rossa attillata e dal taglio speciale. Se il suo prossimo marito l'avesse incontrata quando fosse arrivata, questo vestito sexy era quello che l'avrebbe vista indossare. Ha maneggiato le tre borse che zio Jake aveva portato al piano di sopra fino alla porta d'ingresso della cabina.

C'era solo una cosa da fare. Si avvicinò alla consolle a muro e si fermò per un momento, facendo un paio di respiri profondi per calmare la voce. Questi modelli più vecchi a volte erano pignoli riguardo al tono e alla modulazione della voce.

"Sequenza. Ora di inizio, cinque minuti", disse e attese che il display rispondesse. Quando lo ha fatto, ha continuato.

"Uno. Metti al sicuro i locali fino al ritorno di Jake.

"Due. Elimina la sequenza di riconoscimento vocale Alicia. Guardò il display.

Sequenza. Inizia tra 4:47 minuti.
1. Blocco di sicurezza 1A
2. Elimina Alicia VR. Impossibile conformarsi. Inserisci il codice amministratore.

"Che cosa? Fallo e basta!" Alicia ha detto, con rabbia.

Si rese conto che cancellare il proprio codice vocale dalla console di zio Jake era solo un piccolo tentativo di bendaggio per compensare l'enorme frattura che aveva appena creato nella loro relazione, ma era l'unica cosa che poteva fare in quel momento. E quello stupido computer non le avrebbe permesso di fare nemmeno quello.

"Codice amministratore confermato", la console stampava sullo schermo.

'Veramente?' Alicia pensò tra sé, ridendo a crepapelle. La password amministratore di zio Jake è "Cosa?" Fallo e basta?' '

La sua realizzazione ha confermato ciò che già credeva sulla relazione di zio Jake con la tecnologia moderna.

"Termina la sequenza", disse, quando ebbe il controllo della voce sufficiente per dirlo senza intoppi.

Guardò il display. Aveva poco più di tre minuti per uscire o restare chiusa dentro. Si avvicinò alla porta e raccolse le valigie. La porta si aprì e un forte vento del deserto la colpì, asciugandole il viso e le mani mentre camminava sulla sabbia verso il suo piccolo volante. Mentre chiudeva il portapacchi, guardò verso la cabina. Si stava chiudendo da solo.

'Dannazione. Ho dimenticato di mangiare qualcosa", si rese conto. 'Troppo tardi adesso. Oh, beh, ho un appuntamento a cena tra cinque ore. Vivrò fino ad allora...

La cabina ha registrato il ramjet di Alicia che si alzava in aria e virava a est, seguendolo fino a quando non aveva lasciato il raggio della cabina e trasferendo i dati alla console nel velivolo di Jake come aveva richiesto.

Storie simili

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

965 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

955 I più visti

Likes 1

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

929 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

924 I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

927 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

900 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

917 I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

889 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

866 I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

821 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.