Mi scopo la mamma del mio amico

1KReport
Mi scopo la mamma del mio amico

"Alicia che fai stasera?" chiesi a mia sorella.

"Vado a stare con il mio amico a casa sua"

"Pensi di potermelo passare? Come si chiama?" Sono sempre stato protettivo nei suoi confronti, e ora che ha 16 anni ci saranno molti ragazzi che cercheranno di approfittarsi di lei. Anche io penso che sia sexy, ed è mia sorella.

"Non preoccuparti, penso che sia gay. Anzi, gay. Sai?"

Avevo fretta, non avevo più tempo per interrogarla.

"Sii prudente" urlai mentre uscivo dalla porta. Sono saltato sul mio F-150 sollevato e ho iniziato a guidare. C'era questo night club di 18 e più anni appena aperto dietro l'angolo in cui avevo deciso di andare. Mi sono fermato a casa del mio amico Paul per prenderlo, ci siamo sempre alati l'uno per l'altro ogni volta che andavamo a strisciare sulle ragazze.

"Sup dude" ho detto a Paul mentre saliva sul mio camion. Stavamo guidando da 15 minuti costanti quando ci siamo imbattuti nel traffico. Il fatto che il traffico per il night club fosse diminuito di un isolato e mezzo era già un buon segno, stasera avremmo scopato un po' di beezy senza dubbio. Ho sorriso.

"Ci saranno delle belle puttane stasera" dissi a Paul.

"Sì amico, ci scommetto, incontrerò Cindy lì però"

"Cindy Taylor? Che cazzo di uomo volerà per me?"

"Sì Cindy Taylor, e posso ancora volare, solo non davanti a Cindy"

"Stai toccando almeno quello?"

"Lavorandoci amico"

Quello era un deciso no. Cindy Taylor aveva 9 anni ed era decisamente fuori dalla portata di Paul, soprattutto perché le uniche due ragazze con cui si è scopato erano ragazze con cui l'ho incastrato io. Ho pensato di lasciarlo provare a lavorarci da solo mentre mi avvicinavo.


Abbiamo parcheggiato e aspettato in fila per circa 30 minuti. A quel punto erano circa le 10:30 e mi stavo già un po' annoiando per aver fatto la fila così a lungo. Ho persino iniziato a chiacchierare con questa grassa di fronte a me che affermava di aspettare il suo ragazzo.


Mi sono guardato intorno e c'era un rapporto di tre a uno tra ragazze e ragazzi. Anche la maggior parte delle ragazze era sexy, questa sarebbe stata una notte facile per me. C'erano due stanze principali, una aveva un'area lounge con le carrozze a forma di "L". Dall'altra parte del salotto c'era un bar, e stavano cardando ogni persona che prendeva da bere. Cindy era già in ritardo di mezz'ora quando io e Paul decidemmo di avvicinarci.

"Cazzo amico, farà tardi così, devi mostrarle che puoi avere altre ragazze" gli ho detto. Lui ha acconsetito. Ci siamo avvicinati a due bionde, che probabilmente indossavano gli abiti più stravaganti di tutto il posto.

"Ciao" dissi alla bionda sulla sinistra, io e Paul avevamo già deciso chi avrebbe preso quale ragazza, senza nemmeno doverne parlare. "Cosa stai bevendo?"

"Solo un tè freddo di Long Island", ha risposto.

"Tipica bevanda da pulcino" ridacchiai. "Fammi prendere un sorso". Mi passò il drink e ne bevvi un sorso, sapeva di merda leggera.

"Non ce la fai eh?" Lei sorrise. Per qualche ragione le ragazze cercano sempre di convincere i ragazzi a mettersi alla prova con loro.

"Immagino di no" le feci l'occhiolino. "Che ne dici di andare a prenderci 3 shot di vodka al bar?" Ho tenuto fuori un venti.

"Oh, non abbiamo 21 anni hahaha, alcuni ragazzi ci hanno comprato questi drink".

"Uh oh! Dovrai farti perdonare in qualche modo" sorrisi. "che ne dici di andare a ballare?" Indicai l'altra stanza che era piena di gente che ballava. Lei acconsentì e ci facemmo strada tra la folla. Paul e l'altra ragazza rimasero lì a parlare. Abbiamo trovato un angolo stretto sulla pista da ballo di fronte al dj. La stanza era rovente ed era piena di luci rave lampeggianti. Ogni pochi secondi una luce verde mi attraversava il viso. All'improvviso ho sentito odore di nocciola e mi sono guardato intorno per vedere chi stava fumando. Non sono riuscito a trovare la fonte, quindi ho guardato la mia ragazza che mi stava già stuzzicando con il culo, scuotendolo a ritmo di musica. Ho avvolto le mie mani intorno a lei sfinita e le ho dato un'anteprima di come sarebbe stata quella notte. Ho notato uno spinello nella sua bocca, mi ci sono voluti alcuni secondi per rendermi conto che era lì che avevo sentito l'odore della canna. L'ho preso dalla sua bocca e ho preso alcuni tiri, poi l'ho passato a uno sconosciuto.

"Fallo cacciare per aver portato droga" le dissi. A lei non sembrava importare. Abbiamo continuato a ballare. Indossava pantaloncini attillati marroni e una canotta bianca attillata che sembrava essere il suo sostituto di un reggiseno.

"Non ho mai saputo il tuo nome" mi sono avvicinato per "sentire meglio" mentre lei rispondeva.

"Mi chiamo Giovanna"

"Questo è un nome molto carino, Joanna" le sorrisi e mi avvicinai per avvicinare il mio viso. Anche lei si chinò, ma mentre stavamo per baciarci mi toccò le labbra con un dito e me lo fece scorrere sul petto. Stava prendendo in giro un cazzo e ho dovuto rispondere. Le afferrai la mano e la girai in modo che la sua schiena fosse rivolta verso di me. Abbiamo ricominciato a macinare e ogni volta che girava la testa all'indietro per baciarmi, la spingevo via. Solo per stuzzicarla, le baciavo il collo subito dopo averlo fatto. Alla fine ci siamo fatti strada per macinare davanti a davanti con le nostre teste a meno di un pollice di distanza. Stavamo facendo una gara di sguardi per vedere chi di noi sarebbe uscito per primo. Alla fine ho ceduto e l'ho baciata. Una volta che ha iniziato a ricambiare il bacio, ho allontanato la testa e ho sorriso. Si è appoggiata di nuovo e ha iniziato a pomiciare appassionatamente con me. Feci scorrere la mano su e giù lungo la sua schiena, facendola scorrere di tanto in tanto per afferrarle il sedere. Ha iniziato a palparmi l'inguine e sapevo cosa significava.

Ho smesso di baciarla e l'ho condotta in direzione del salotto in modo da poter costruire un po' più di rapporto. Una ragazza ha bisogno di sentirsi a proprio agio prima di tornare a casa con un ragazzo, qualcosa che mio padre mi diceva prima di morire l'anno scorso. Mentre stavamo camminando verso il salone, una testa di carne ha iniziato a caricarmi. Mi sono guardato intorno solo per essere sicuro, e tutti stavano ballando casualmente. Ho lasciato andare la mano di Joanna nel caso volesse colpirmi.

"Cosa stai facendo troia del cazzo? Un mio amico mi ha chiamato dicendo che ti ha visto baciare un ragazzo. È lui?"

"Di cosa stai parlando? Stavo ballando con Ericka e poi lei mi ha scaricato per andare con un ragazzo. Questo ragazzo qui voleva solo tenermi compagnia fino al suo ritorno."

"Stronzate! Mi stai mentendo in questo momento Joanna e io non lo tollererò." La schiaffeggiò con tutta la sua forza direttamente sul suo viso. Essendo un lottatore, sono andato a prenderlo con una doppia gamba, sollevandolo più in alto che potevo. Ha provato a reagire, ma ho continuato a servirgli pugno dopo pugno fino alla sua cupola. Aveva del sangue su tutto il viso e mi stava implorando di fermarmi quando due guardie della sicurezza mi sono saltate addosso. La mia adrenalina mi ha sopraffatto e prima che me ne rendessi conto sono stato buttato fuori dal retro del club. Ho guardato il telefono ed erano solo le 10:30. Che busto di una notte. Ho chiamato Paul solo per assicurarmi di poterlo lasciare e ha detto che andava bene. Sono salito in macchina e ho deciso di chiamarla solo una notte dato che ero stanco per cominciare.

Quando sono tornato a casa, sono rimasto sorpreso di vedere la jetta bianca di mia sorella ancora qui, immagino che abbia deciso di non uscire. Ho aperto la porta d'ingresso e ho sentito delle urla, sembrava mia sorella, quindi mi sono precipitato alla sua porta. Era aperto e lei era lì, con le sue tette che si muovevano su e giù cavalcando il cazzo di un ragazzo. Mi sono sentito un po' imbarazzato per aver assistito a quello che ho fatto così sono andato nella mia stanza. Fuori dalla mia finestra c'era una Black Scion TC con cerchi rossi.

'Che strano' ho pensato tra me e me. Sembrava esattamente come il camion del mio migliore amico Bryan. Sono andato alla porta d'ingresso e ho visto i suoi germogli sdraiati accanto al mio armadio. Questo mi ha davvero fatto incazzare. Stavo valutando se irrompere lì e prenderlo a calci in culo. Ero già stanco per un litigio stasera, però, ho deciso che avrei dovuto trovare un altro modo per riaverlo. Ci ho pensato, ero una specie di amico di sua sorella. Stavo per scoparla per vendicarmi. Sono tornato sul mio camion e mi sono diretto a casa sua. Erano le 11:15 e speravo che i genitori di Bryan stessero già dormendo. Ho parcheggiato alcune case più in basso e ho raccolto alcune bacche da un albero lì vicino. Tutte le camere da letto erano al secondo piano. C'erano due finestre principali nella parte anteriore della casa e sapevo che quella di Bryan era sulla destra. La finestra a sinistra aveva la luce accesa, ho pensato che doveva essere la sorellina di Brett, Brooklyn. Ho lanciato ogni bacca una per una, ognuna un po' più forte, fino a quando l'intera finestra è stata schizzata di micio di bacche.

Nessuno aveva aperto la finestra e io avevo finito le bacche. La casa di Bryan aveva lo stesso albero di bacche proprio accanto alla porta d'ingresso. Mi avvicinai in punta di piedi e cominciai a strapparne delle bacche. All'improvviso la porta d'ingresso si spalancò ed ecco la signora Collins in camicia da notte senza reggiseno.

"Perché lanci bacche alla mia finestra?" mi chiese, apparentemente irritata.

"Oh ops signora Collins, pensavo fosse la finestra di Bryan. È nei paraggi?"

"Doveva essere con te e Paul stasera... devo chiamarlo."

"Oh no! In realtà ero con loro prima, ma hanno deciso di prendere del cibo e ho pensato che sarebbero tornati qui. Ti dispiace se aspetto fino al loro ritorno?"

"Certo, ma il signor Collins non è qui stasera. È andato in viaggio d'affari, e tu conosci le sue regole sui pigiama party mentre è via."

"Preso, grazie signora Collins" le sorrisi. L'ho seguita attraverso la porta e su per le scale. Andò nella sua camera da letto e si chiuse la porta alle spalle. Andai nella camera da letto di Brooklyn. Ho sentito la musica suonare forte, quindi ho bussato alla porta. Non ci fu risposta. Ho aperto la porta e non c'era nessuno nella stanza. C'è un bagno direttamente a sinistra quando varchi la porta, ed era chiuso. Potevo sentire la doccia che scorreva. Ho appoggiato l'orecchio alla porta e ho sentito dei deboli gemiti. Deve essersi fatta un ditalino sotto la doccia. Questo mi ha eccitato così ho iniziato a strofinare il mio cazzo attraverso i miei pantaloncini. Ho alzato l'occhio al buco della serratura per vedere se riuscivo a sbirciare. Ho visto a malapena un capezzolo e una tetta. Ho aperto la cerniera lampo e ho tirato fuori il cazzo.

"Cosa stai facendo?" disse la signora Collins, con noncuranza mentre io sussultavo per la sorpresa. Il mio cazzo era ancora fuori dai miei pantaloncini.

"Oops haha ​​salta fuori sempre questa cosa. Devo sistemare i pantaloncini". La mia faccia era rossa per l'imbarazzo.

"Se stai cercando di avere una visuale migliore, vieni con me." Mi ha accompagnato nella sua camera da letto e si è chiusa la porta alle spalle. Si tolse la vestaglia lasciandola in topless ma ancora con le mutandine.
"Lo fa tutte le sere da quando aveva 14 anni, un giorno Herald la stava cercando e poteva sentire i suoi gemiti, come hai fatto tu attraverso la porta. Questo è stato piuttosto eccitante per noi, la nostra vita sessuale stava diventando un po' noiosa così abbiamo deciso installare una telecamera nascosta sotto la doccia e guardarla per ravvivare le cose". Ha mosso il mouse sul suo computer. Non ho ancora dato un'occhiata alle sue tette perché la sua schiena era rivolta verso di me.

All'improvviso, c'era un ruscello nudo sdraiato accanto alla sua doccia con l'acqua che scorreva. Aveva le gambe divaricate con una appoggiata sul bordo del gabinetto e l'altra sul bancone direttamente accanto al gabinetto. Si strofinava la clitoride in tondo, a volte molto velocemente ea volte molto lentamente. Stava facendo delle smorfie, come se stesse facendo il broncio. Era quasi come se stesse cercando di farsi del male masturbandosi furiosamente. Il mio cazzo era di nuovo gonfio nei pantaloni. Ho distolto lo sguardo dallo schermo e c'era la signora Collins, che si guardava e si toccava. Adoro guardare le ragazze giocare con se stessa, è sicuramente qualcosa che mi eccita. Meglio ancora, ho visto una madre e una figlia masturbarsi entrambe, due donne che conosco a livello personale.

"Sentiti libero" mi sussurrò la signora Collins. Abbassò lo sguardo sul mio pene rigonfio e poi sorrise.

"Sei sicura, signora Collins? Non pensi che sia inappropriato?" le chiesi nervosamente. Speravo che si girasse per rispondere alla mia domanda, ma i suoi occhi erano incollati allo schermo

"Sì, ne sono sicuro, e per favore, chiamami Sheila." Era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Ho urlato fuori il mio cazzo e mi sono sdraiato sul letto proprio accanto allo schermo del computer. Ora che vedevo Sheila e il suo seno laterale mentre si toccava le dita, mi sono posizionato in modo da poter dare un'occhiata allo schermo e poi di nuovo a lei. Questa era la mia fantasia erotica che diventava realtà. Brooklyn ha iniziato a infilarsi ogni sorta di merda a caso nella sua vagina, ha iniziato con un pettine e in qualche modo si è fatta strada per forzare una bottiglia di shampoo gigante lì dentro. Si stava fottendo usando la bottiglia con una mano, mentre con l'altra cercava a tentoni il cazzo fuori dalla sua tetta.

Le gambe di Brooklyn caddero improvvisamente e lei si alzò e aprì la porta della doccia. Potrei dire che Sheila non aveva ancora raggiunto l'orgasmo, e so che di certo non l'avevo fatto. Questo mi avrebbe sicuramente lasciato con le palle blu.

"Ti rendi conto che dovrai finirmi, vero?" mi disse Sheila mentre toglieva lentamente la mano dalle mutandine e leccava ogni dito uno per uno facendo rumori di suzione esagerati. Mi stropicciai gli occhi solo per assicurarmi che questa realtà. Quando ha finito, si è alzata e mi è saltata addosso. Stava a cavalcioni sulle mie cosce mentre mi immobilizzava con le mani. Non potrei liberarmi nemmeno se avessi voluto. Si è chinata verso il mio viso e ha spinto con passione la sua lingua nella mia bocca, usando la sua lingua per implorare la mia in cambio. Il mio cazzo si stava strofinando contro le sue mutandine, sembrava che stesse per staccarsi e ogni volta che si muoveva dovevo fletterlo solo per non esplodere.

"Che cazzo?" Ho pensato. Mi stava prendendo in giro a morte, e io non avevo intenzione di restare a guardare e lasciare che accadesse. Mi dimenai per uscire dalla sua spilla e le salii sopra, senza rilasciare il nostro bacio appassionato nemmeno per una frazione di secondo. Le sue gambe erano ancora a cavalcioni sui miei fianchi, aveva un braccio attorno al mio collo e l'altro mi correva aggressivamente tra i capelli. Ho iniziato a montarla per allentare la sua presa sullo straddle ma lei non si è mossa. Sapevo che avrei dovuto usare le mie abilità di wrestling per sfondare, ho infilato entrambe le braccia sotto le sue gambe e le ho sollevate fino a quando non è riuscita a mantenerle. Poi ho scavalcato le sue gambe in modo che non fosse in grado di trattenermi di nuovo.

"Puniscimi" disse subito dopo avermi schiaffeggiato il culo e avermi piantato le unghie nella schiena. L'ho schiaffeggiata in faccia e in cambio lei si è leccata le labbra in modo seducente mentre mi guardava negli occhi implorando praticamente altri abusi. Le ho afferrato le mutandine da sotto con la mano destra e le ho strappate via. Il mio cazzo era già fuori e premuto contro il suo stomaco. Mi sono tirato fuori dal nostro bacio e l'ho girata. Si contorse per tornare sulla schiena ma io la tenni ferma con la faccia premuta contro il letto con la mano sinistra. La mia mano destra era occupata a schiaffeggiarle continuamente le chiappe. Erano perfetti per forma, volume, dimensioni e tenuta. Aveva segni di abbronzatura minori che erano impercettibili perché le avevo coperto il culo nudo con le impronte delle mani. Aveva il corpo perfetto, per una quarantenne, era meglio della maggior parte dei ventenni con cui ho dormito.

"Ti è piaciuto?" le sussurrai all'orecchio.

"Farai meglio a scoparmi o mi giro e ti prendo a calci in culo."

"Non prendo ordini da una puttana" dissi con un sorrisetto. Ho spinto il mio cazzo da 8 pollici tra le sue chiappe trovando un buco umido che implorava il mio piacere. La fessura rosa ha consumato facilmente tutto il mio pene. L'ho forzato brutalmente sempre più dentro con ogni spinta dei miei fianchi. Ero così preso dal momento in cui non ero neanche lontanamente vicino al cumming.

L'ho girata di nuovo e l'ho costretta a rotolare all'indietro sul collo con le gambe sopra la testa spalancate. Ho messo il mio cazzo nel vortice oscuro del suo buco del culo, non avendo bisogno di alcun lubrificante perché i suoi succhi di figa mi hanno lasciato il cazzo più scivoloso del wd-40. Le lacrime iniziarono a rigarle il viso.

"Scopami più forte" implorò, potevo dire che stava trattenendo le urla di piacere perché Brooklyn era solo poche stanze più in basso. La mano di gravità affondava le sue gigantesche tette da milf sul collo, sussultando ogni volta che spingevo i fianchi nel suo stretto buco del culo. Aveva facilmente i DD e sebbene non fossero le tette più vivaci, non erano cadenti e le sue areole erano della dimensione perfetta.

Le mie palle erano dentro il mio stomaco, aspettando che mi rilassassi anche solo per una frazione di secondo in modo da poter rilasciare il loro carico. Ero appena a metà dell'opera. Ho tirato fuori il mio cazzo e ho avvolto le mie gambe attorno al viso costringendola a pulirmelo con la bocca. Lo ha pulito e massaggiato volentieri, gola profonda senza conati di vomito.

Ho allontanato il mio corpo dalla sua bocca e lei si è sdraiata sulla schiena. Ho fatto scivolare il mio cazzo nella sua vagina mentre allargava le gambe parallele al letto. Le parole non potevano descrivere quanto fosse bagnata la sua figa, i muscoli della sua vagina si stavano irrigidendo come se stessero cercando di tenere fermo il mio cazzo. I suoi fianchi iniziarono a spingere violentemente in sincronia con i miei, con uno scontro continuo che lasciava un suono schioccante. L'odore del sesso mi circondava, potevo sentire ogni molecola di profumo diffondersi nell'aria e nelle mie narici e poi controllare completamente il mio corpo. Il nostro ritmo stava accelerando ogni secondo che passava.

"STO CUMMING!! FUCK MY CUNT CON IL TUO GRANDE CAZZO DEL CAZZO" Questo è stato per me, il mio cazzo ha rilasciato circa 9 getti giganti nella sua figa. Mentre tiravo il mio cazzo ero inzuppato di un litro della sua femminilità. Sono crollato e mi sono sdraiato accanto a lei esausto.

"Stai bene mamma ti ho sentito urlare?" Brooklyn aprì la porta con aria preoccupata. Ha guardato e mi ha visto inzuppato nello sperma di sua madre con il mio cazzo ancora semi eretto.

"Ehi.... Brook, come va?" Si precipitò fuori dalla stanza piangendo per quello che aveva appena visto.

Un paio di giorni fa e non avevo notizie di Bryan. Quella stronza finì per dare buca a Paul, ma lui riuscì a scoparsi la ragazza con cui stava parlando quella sera. Sento di aver avuto una vendetta adeguata su Bryan? Certo. Ecco cosa ti prendi per aver scopato mia sorella, idiota.

Storie simili

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, senza fine finché non raggiunse i suoi seni. Prende uno dei grossi seni nella sua mano, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul capezzolo sinistro, succhiandolo non appena le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scorre lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge la mano dentro rudemente mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto noto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Rilascia la mano dal suo seno, togliendosi lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori, li lancia attraverso...

1.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2K I più visti

Likes 0

La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo (((Suoneria))) (((Suoneria))) Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude. Ciao? Buongiorno Robert Marcus disse allegramente, Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”. Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare...

1.9K I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

1.7K I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato. Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto...

1.3K I più visti

Likes 0

Futa's Wild Passion 01: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina

La passione selvaggia di Futa Capitolo uno: Futa fa scoppiare la ciliegia della sua sorellina Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2019 Nota: grazie a FallenAngelX00 per aver letto questa versione beta! Una probabilità su cento milioni. Quelle parole echeggiavano più e più volte nella mia testa mentre mi trascinavo nella mia camera da letto. Avevo diciannove anni e la mia vita era rovinata. Una probabilità su cento milioni di essere afflitto dalla condizione grande, stupida e stupida. Non potevo crederci. Chiusi la porta dietro di me, poi mi appoggiai ad essa, facendo tintinnare il chiavistello. Il mio braccio sinistro era...

1.1K I più visti

Likes 0

Affari Parte 1

Jeb grugnì mentre adagiava con cura sul pavimento l'ultima delle ragazze prive di sensi. Facendo un passo indietro, si fermò ad ammirare le loro forme nude, prima di chiamare sua madre, Amy, per ripulirle. Si precipitò dentro, tutta rotonda e nonna, ed esclamò, “Oh Jeb, ti sei superato! Randal sarà così contento, scommetto che tiene per sé quel biondo argenteo. aggiunse sfacciatamente, e lui ridacchiò. Dietro di lei si trascinava una minuscola ragazza con la pelle molto abbronzata, una criniera bionda e occhi incredibilmente viola. “Ciao Violetta cara. si chinò per baciarla e lei arrossì dolcemente. “Ora Violet, prenderò questi due...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.