La ballata della signora Jones

958Report
La ballata della signora Jones

Stai aspettando un treno. Un treno che ti porterà lontano. Sai dove speri che questo treno ti porti. Ma non puoi saperlo con certezza. Eppure non importa. Ora, dimmi perché?............ Dominic Cobb 8 luglio 2010.







Capitolo uno Chiedimelo gentilmente
Con irritazione della signora Jones, Vito ha alzato la mano quando ha chiesto alla classe se qualcuno avesse dimenticato la divisa da ginnastica.

"Ancora, Vito?" Il resto della classe ridacchiò. Rosso in volto, Vito annuì mentre il grosso biondo Trent Larson recitava lo spaz, facendo cadere il braccio muscoloso sulla scrivania, provocando le urla dei suoi compari.

"Tranquillo!" La signora Jones, con i tacchi da sei pollici, si avvicinò alla scrivania di Trent, un righello in mano. Trent continuò a picchiargli il braccio ea fare commenti ai suoi brutali amici. Trent era il tipo slanciato e muscoloso: uno squalo tra i trichechi. Lo squalo guaì quando la signora Jones schioccò la sua pinna.

"Mi dispiace signora," mormorò Trent, facendo scorrere lo sguardo sulle sue gambe snelle, sulla sua minigonna nera e fermandosi sui suoi grandi seni, tenuti comodamente in una canottiera di velluto rosso che faceva sembrare la sua pelle pallida e bianca quasi alabastro. La signora Jones si è vestita con l'obiettivo di mantenere le attenzioni dei suoi studenti maschi.

"Vai dal coach Bulzwaker," disse, spingendo la spessa montatura nera dei suoi occhiali sul ponte del naso. La classe è salita quasi all'unisono. Trent si portò la mano all'inguine (non per il dolore) con gli occhi ardenti. Anche Vito si alzò, tirandosi sui fianchi i pantaloni larghi.

"Non tu, Vito," disse vivacemente la signorina Jones. La classe ridacchiò. Sapevano cosa significava.

"Piegati sulla mia scrivania, Vito," disse la signora Jones una volta che la porta fu chiusa e furono soli. Tolse la cinghia da equitazione dal supporto sopra la lavagna. Della sua cinghia si parlava con toni sommessi di paura e riverenza.

"Ma... ma..." balbettò Vito. "Gli altri ragazzi, specialmente Trent... non posso entrare negli spogliatoi!" Non riusciva a guardarla negli occhi, invece le fissò il petto.

"Quindi ammetti di aver dimenticato di proposito i tuoi vestiti da palestra", ha detto la signora Jones, cercando di sembrare severa. "Parleremo di bullismo tra un momento, ma prima..." Trasse un respiro. "La tua punizione."

Vito aprì la bocca, ma vedendo lo sguardo negli occhi della signorina Jones e il modo in cui si infilò la cinghia nell'altra mano, si chinò sulla scrivania, tirandosi su i jeans in modo che lei avesse un bersaglio migliore. Aveva sempre bisogno di un buon bersaglio quando picchiava i ragazzi.

"Dovresti saperlo meglio che mentirmi, Vito. Un anziano dovrebbe abbassarsi a queste sciocchezze!" La cinghia colpì il sedere vivace di Vito e fece sussultare il giovane. "Ti stai facendo male, lo sai. Dovresti fare esercizio, rendere il tuo corpo ancora più bello!" La cinghia sibilò nell'aria e gli colpì di nuovo le guance. Entrambi i loro volti erano rossi. La signora Jones ha colpito ancora e ancora. Vito sentiva l'atroce bruciore che si irradiava su tutto il suo povero sedere. Ha provato a combattere la sensazione, ma non ci è riuscito. Oh, era attorcigliato, il suo inguine premuto contro il solido tavolo di quercia della signorina Jones. Era così bello!

La signora Jones stava con i piedi divaricati, facendo oscillare il bastone forte e veloce, sferzando positivamente il ragazzo. Il culo di Vito era pieno e rotondo sotto quegli stupidi pantaloni larghi e il bastone sollevò un delizioso THWACK! mentre dondolava. Aveva il controllo, piena di energia lussuriosa, calda e capace di fare qualsiasi cosa le piacesse. Vito non poteva che obbedirle. Era un adolescente arrapato, totalmente sotto l'influenza della sua bella insegnante.

"Quello è--" THWACK! "Basta così," disse con rammarico, accarezzando il sedere pungente di Vito con una forza appena sufficiente a suscitare un altro gemito dal diciottenne ricurvo.

Si alzò, assicurandosi che i suoi jeans tornassero nella loro solita posizione sformata. Le ginocchia gli tremavano e sembrava che il suo sedere fosse attraversato da centinaia di tizzoni di bestiame. Ma non sentiva il dolore. Riusciva solo a fissare, respirando affannosamente, il seno ansante della signorina Jones. Era sicuro di poter vedere i capezzoli eretti. Alzò lo sguardo sulle sue labbra rosse, dischiuse mentre lei ansimava per respirare. Il sudore scorreva lungo il lato della sua guancia arrossata.

"Adesso Vito," disse, lasciandosi cadere sulla grande sedia dietro la sua scrivania. "Vieni a sederti con me e parla di questo bullismo". Il viso di Vito arrossì ancora di più e si voltò goffamente per avvicinare una sedia alla cattedra.

"NO." La signora Jones sorrise. "Vieni a sederti qui." Si accarezzò il grembo, disincrociando le gambe snelle.

Vito spalancò gli occhi e per un attimo di panico pensò di rifiutare. Ma se avesse detto di no ci sarebbero state altre fustigazioni e quindi l'agitazione sarebbe stata impossibile da contenere.

"Sì, signora Jones." Le scivolò docilmente in grembo. La sua mano scivolò casualmente sotto la sua maglietta mentre lui si appollaiava. Poteva sentire le vibrazioni dei suoi muscoli tesi. Sentì la durezza di un capezzolo premere contro il suo fianco.



Capitolo due Ingannato e ingannato come un cane che insegue le macchine

"Ora dimmi," disse, facendo scorrere la mano sulla sua schiena muscolosa. "Raccontami tutto del bullismo nello spogliatoio dei ragazzi."

"Io... non posso!" Vito stava arrossendo furiosamente, amando il modo in cui la mano fredda della signorina Jones gli accarezzava la schiena. «È sotto la doccia che...» S'interruppe.

"Fanno cosa, tesoro?" La signora Jones fece le fusa. "Tu e gli altri ragazzi siete nudi, i muscoli doloranti per aver giocato. Probabilmente siete tutti insaponati e tutti danno una sbirciatina a tutti gli altri." iniziò Vito. "Tutto molto naturale." Lei gli sorrise in modo abbagliante. "Mi piacerebbe vederlo... per avere un'idea della mente del maschio adolescente."

"Ma non è naturale!" protestò Vito. "Ecco perché mi tengono al muro, mi tirano su e ridono. L'hanno detto alle ragazze e ora ridono anche di me! Suzie Meyers mi è saltata in grembo per una sfida, ma ha ottenuto il suo!"

"Oh Vito!" La signora Jones gli ha stretto la gamba. Era sorpresa di come i suoi muscoli si contrassero! "Non sono le dimensioni che contano", mentì. "È come lo usi."

"Trent ha detto che nessuno mi avrebbe mai voluto." Vito abbassò gli occhi, lasciandoli soffermarsi sulla valle della scollatura della signorina Jones.

"Beh, se non mi credi," disse la signora Jones, afferrandogli la cerniera, "dovrai mostrarmelo!"

"No, signora Jones!" Vito balzò in piedi, la cerniera ancora saldamente in mano, ei pantaloni caddero a terra. Mentre cercava invano di coprirsi, la signora Jones cercò di soffocare una risatina. Cosa si era fatto il povero ragazzo?

Indossava gli slip più attillati, ma sotto di esso era attorcigliato il profilo più ridicolmente grande.

'Se n'è andato e si è infilato i pantaloni per aumentare il suo povero ego', pensò la signora Jones. 'Devo aiutarmi... voglio dire lui!'

Scivolò sulle ginocchia e spinse Vito contro il tavolo.

"Non devi cercare di impressionarmi," disse, facendo scorrere le mani sul suo sedere sodo e rotondo.

"Non ci sto provando." Ha cercato di allontanarsi. "Per favore, mi vergogno così tanto."

"Stai fermo e giudicherò io se hai qualcosa di cui vergognarti." Si fissò un sorriso sul viso - non si sa quanto fosse piccolo - e gli tirò giù le mutande, aspettandosi che un paio o due di calzini sportivi le cadessero in grembo.

Ma nessun calzino le lasciò cadere solo la mascella.

Invece, uno schlong di dodici pollici si dispiegò come una grande giraffa e la scrutò avidamente con il suo unico grande occhio.

La signora Jones sbalordì. Paga sporco!

"Lo so," disse tristemente Vito. "È troppo grande."

La signorina Jones si allungò e gli accarezzò i fianchi, le vene pulsanti salirono facilmente in superficie. Fece scorrere la mano su e giù, legata all'incantesimo. Questo era un bastone magico!

"Oh, signorina Jones," gemette. "Per favore, non prendermi in giro! È troppo bello."

"Non prendo in giro", ha detto la signora Jones, riprendendosi. "Insegno." Lentamente e deliberatamente gli leccò la testa gonfia.

Vito singhiozzava, le nocche delle sue mani diventavano bianche, aggrappate al bordo del tavolo.

"Hai bisogno di rilassarti," disse la signorina Jones, sfilandosi il top e lasciando che le sue grosse tette colpissero dolcemente il suo cazzo. "Sarà piacevole."

"Le tue tette, sono così..." Il membro di Vito si faceva sempre più grosso e lungo a ogni sguardo bramoso. "Così grande e bello!"

"Ti ho visto guardarli mentre raccolgo il gesso." La signorina Jones ha unito le sue tette, infilando il dong di Vito. Ha fatto un dovere di chinarsi su ogni classe.

"Sì, guardo!" grugnì Vito, la sua testa di cazzo che ondeggiava su e giù tra le sue tette. "La tua classe è la peggiore. Divento così grande che riesco a malapena a camminare. E poi è il momento della palestra!"

"Povero ragazzo," disse la signorina Jones, abbassando il mento in modo da poter leccare il precum che colava dal cazzo di Vito. "Diventi così grande da me vecchia troia e poi Trent ti mette le mani addosso nello spogliatoio." Fece scivolare le mani attorno alla base dell'asta del suo cazzo e strinse forte. Non voleva ancora esplosioni.

"Trent in particolare! Mi fa fare la doccia da solo e tira e tira, finché... oh cazzo, le tue tette!" Vito si stava scopando forte le tette della signorina Jones. Poteva sentire la pressione crescere alla base.

"Non ti sei mai scopato una donna, vero Vito?" Si alzò e si chinò su di lui. Il suo cazzo ha lasciato una scia di sperma su tutta la parte anteriore della minigonna.

"No. No, signora." Sembrava quasi spaventato.

"Bene," disse, aprendo la cerniera della gonna e lasciandola cadere a terra. "Oggi è il tuo giorno fortunato. Sono stanco di essere il miglior stuzzicacazzi del mondo. Sono pronto per il cazzo più grosso del paese." Afferrò il suo dong e lo tirò giù dal tavolo. Si strofinò la testa su tutta la parte anteriore del suo perizoma rosso, lasciando che il cotone assorbisse tutto il liquido trasparente che ribolliva mentre lo stringeva. Girandosi, si strofinò il sedere su e giù, lasciandolo scivolare tra le sue guance, permettendo alle sue mani di stringerle forte le tette. Le sue mani erano abbastanza grandi da tenerle a coppa! Mentre lui ansimava e imprecava, lei si staccò da lui e si arrampicò sul tavolo, allargando le gambe.

"Fanculo il mio umido, arrapato, CUNT!" abbaiò allegramente.

Vito ringhiò e le strappò le mutandine dal culo rotondo e pieno.


CAPITOLO TERZO Spingi un uomo troppo in là, lui lo asseconderà

"Sto per scopare la tua passera, signorina Jones," sussurrò con voce roca.

"Dai," incalzò la signora Jones, allargando e chiudendo le gambe come un ventaglio. "Ecco quello che vuoi." Il buio trVitogle era un delta umido che Vito bramava penetrare.

Sollevando il suo cazzo in una mano, Vito si è spinto tra le sue gambe e ha spinto il suo cazzo nella sua figa succosa. Le sue mani le afferrarono le tette e lei sentì l'odore del testosterone salire dalla sua pelle olivastra.

"Oh Dio!" gridò la signora Jones, mentre la sua figa si allungava per inghiottire il suo casco duro. Era come uno di quei proiettili di portaerei!

"Mi dispiace!" Vito iniziò a tirarsi indietro. La sua voce era tornata ad essere un timido smanettone. "È troppo?"

"No, no!" La signora Jones ha afferrato il suo righello e ha iniziato a schiaffeggiare il culo già dolorante di Vito. "Scopami, cavallo impiccato!" Si spinse su di lui, avvolse le gambe attorno alle sue, gli afferrò la schiena con una mano e continuò a sculacciarlo con l'altra. La sculacciata ha scatenato il fottuto mostro in Vito.

Ha scavato in profondità nella presa della signora Jones e lei ha gridato come una vergine spaventata. Non si sarebbe mai aspettata di sentirsi di nuovo così, non dopo tutte quelle serate trascorse sul tavolo da biliardo al Mike's Bike Bar. Aveva reso "accarezzare il velluto" una parola d'ordine erotica per i membri di almeno due bande di motociclisti.

Spinse la testa di Vito tra le sue tette mentre il suo cazzo la allargava sempre di più. Stava balbettando adesso, pazza di piacere, accarezzandogli la nuca vellutata, osservando le sue natiche contrarsi e rilasciarsi mentre il suo cazzo a tronco d'albero le solleticava ogni centimetro.

Poteva sentirlo tremare e rabbrividire e in quell'istante il suo enorme cazzo premette un pulsante nascosto dentro di lei. Urla indesiderate esplosero, e lei mosse i suoi fianchi pieni con e contro di lui, finché la forza del suo cazzo fu così travolgente che lei stava quasi implorando che si fermasse mentre il resto di lei stava implorando di essere fottuta a morte. I suoi succhi le scorrevano lungo le gambe. Stava nuotando nei fiumi del suo sperma, il suo cazzo era una canoa che la portava all'estasi. Con un ultimo urlo ed un'esplosione di piacere svenne, ma solo per un momento.

"Oh, oh!!" lei ansimò, mentre tirava il suo cazzo ancora contorto dalla sua figa spalancata. "Prendi una A!"

"A Trent piace questo," disse Vito. Usando entrambe le mani si accarezzò finché, anche se aveva già sborrato, gemette di nuovo e il suo cazzo sgorgò colpi di viscosità bianca su tutto il seno e il viso di lei.

"Un vantaggio, un vantaggio!" La signora Jones rise, strofinando il pasticcio appiccicoso su tutto il suo corpo sinuoso.

Nel bagno, mentre Vito asciugava con cura la signorina Jones dopo una doccia veloce, lei annunciò il programma della lezione successiva.

«Tu e il tuo ragazzone», disse, strappandogli l'asciugamano dalla vita. "Il tuo ragazzo molto grande, a cui piace quando lo accarezzo in questo modo. Oh sì! un ragazzo molto vivace! Sei esonerato dalla palestra per il resto dell'anno."

"Mmmmm...." La signorina Jones inarcò la schiena e permise a Vito di allattare i suoi capezzoli. "Faremo perdere la palestra anche a Trent. Penso che tu ti stia divertendo da matti con lui."

"Un'altra punizione?" chiese Vito, staccando le labbra dai grandi capezzoli marroni della signorina Jones solo il tempo necessario per porre la domanda.

"Un sacco di punizione per entrambi i miei studenti", ha detto la signora Jones, avvolgendo entrambe le mani intorno al cazzo di Vito. "Sbrighiamoci ora, la lezione inizia tra dieci minuti. Dovremo essere molto puliti." Cadde in ginocchio e alzò lo sguardo. Sembrava molto più giovane dei ventisette anni senza gli occhiali. "Non preoccuparti, ingoierò ogni goccia."

Storie simili

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

2.1K I più visti

Likes 1

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

2.1K I più visti

Likes 1

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

2K I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

1.8K I più visti

Likes 0

Creare un mondo migliore... il giorno del nostro matrimonio

La mattinata era stata frenetica, con capelli e trucco da fare, ma il prosecco aiutava ad alleviare lo stress. Ma poiché sua sorella Lucy l'ha aiutata a vestirsi, Leanne era ansiosa di iniziare la sua nuova vita da donna sposata. Questo e il fatto che stasera sarebbe stata scopata dall'enorme cazzo nero di Darrell, lui avrebbe preso la sua verginità invece di suo marito. Adorava la sensazione della lingerie sexy che indossava sotto il suo abito da sposa e non vedeva l'ora di farla vedere a Darrell, inoltre non vedeva l'ora di vedere Matt nel suo. Sia la sposa che lo...

1.9K I più visti

Likes 0

GANG BANG A SORPRESA

Anche se questo è accaduto quasi 15 anni fa, mi viene ancora duro quando ci penso. Ho deciso che è ora di condividerlo con il resto del mondo. Questa storia è vera. Scusa non ci sono cazzi mostruosi, ma penso che la verità sia comunque più calda. Mia moglie, chiamiamola Suzy, aveva 19 anni quando ci siamo sposati e io sono stata la sua prima volta. L'ho incoraggiata a cercare la propria sessualità e per il tempo ha resistito. Suzy è alta 5'6 circa 118 libbre bionda fragola con un fantastico set di tette 34C e un culo tondo e sodo...

1.8K I più visti

Likes 0

Il mio dovere patriottico

Vengo da una famiglia di militari. Anche se non mi sono unito a me stesso, ho sempre sostenuto coloro che lo fanno. Un fine settimana ho davvero avuto la possibilità di sostenerli, con la benedizione di mio marito! Era nell'esercito e capiva perfettamente cosa stava succedendo, quasi lo incoraggiava. Stavamo attraversando Dallas mentre tornavamo a casa dalle vacanze. Ci siamo fermati in un hotel per la notte poiché non avevamo fretta e abbiamo trascorso la serata rilassandoci un po'. Siamo scesi al bar dell'hotel per una cena tardiva e qualche drink. Mentre eravamo lì abbiamo iniziato a parlare con un ragazzo...

1.9K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.7K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.