Guerra psicologica

896Report
Guerra psicologica

La voce arrivò dalla porta. "La terapia dell'avversione è dove fai smettere a qualcuno un comportamento sociale indesiderato facendoglielo associare a qualcosa di negativo..." bussai alla porta interrompendolo. Per esempio. David è appena arrivato in ritardo. parlate tra di voi per un momento." ci fu una pausa e lei aprì la porta, entrando nel corridoio. La guardai da capo a piedi. Era una donna molto attraente. Era magra, ma non magra, e decisamente non grassa. Il suo corpo era ben proporzionato, con almeno tette di coppa C e un bel culo.Lei era forse 5 piedi 6 contro i miei 5 piedi 10. L'ho guardata in faccia. Aveva un fascino da ragazzina, nonostante avesse 33 anni, con lineamenti affilati , un naso all'insù e leggermente appuntito, labbra rosa sottili e capelli neri sulle spalle.se devo essere onesto, avevo una cotta enorme per lei.

Aveva anche le mani sui fianchi con aria severa. "Sono stufo e stanco di tutto questo, David! A ogni lezione arrivi in ​​ritardo! So che non è l'autobus, perché so che guidi tu! quindi qual è il motivo? non pensi che la psicologia sia importante?"

"Sono 10 minuti." le dissi incredulo.

"Sono sempre 10 minuti! e questo se ti preoccupi anche solo di presentarti! Hai 18 anni per l'amor di Dio! è patetico!" sibilò. "Esci di qui e non preoccuparti di tornare!" si voltò e rientrò in classe e io rimasi lì per un momento, infuriato. Ero tentato di precipitarmi lì dentro, ma all'improvviso mi è venuta un'idea migliore. Sorrisi e mi girai, tornando alla mia macchina.

Ho camminato lentamente e quando l'ho raggiunto mi sono infilato dentro. Era un TVR Tuscan che i miei genitori avevano comprato prima di morire. La mia famiglia era estremamente benestante e la mia eredità copriva facilmente tutte le spese. era anche un bene, visto che vivevo da solo. Ho acceso il motore e sono partito lungo la strada, scivolando sulla strada principale e verso casa.

Quando sono arrivato sono uscito con calma dalla mia macchina e ho salutato la mia vicina, Sel. "Ciao Davide. Come stai?" chiese. Ho sorriso.

"Sto benissimo, grazie. Tu?" ho chiesto. Lui ricambiò il sorriso.

"Non posso lamentarmi." si voltò e si diresse verso casa sua, e io la mia. Era una bella storia alla fine di un vicolo cieco, con una conversione del loft. C'era una grande cucina/sala da pranzo/stanza sul retro, uno studio, il soggiorno, il bagno e un corridoio al 1° piano. il secondo aveva 5 stanze libere e 2 bagni, e l'intero soppalco era una grande camera da letto principale.

Sono andato dritto attraverso la cucina e sul retro, verso un capanno degli attrezzi nel grande giardino in stile toscano. Una volta lì ho preso del nastro adesivo, delle fascette e un po' di corda prima di entrare in casa. Ho praticato i miei nodi sul manico di un pennello, assicurandomi che fossero stretti. Dopo 2 ore sono entrato per la mia seconda lezione.


Il resto della giornata passò in fretta. le lezioni erano 3 al giorno, 2 della durata di 240 minuti e una della durata compresa tra 50 minuti e 1 ora e mezza. Oggi il college è uscito alle 15:45. Quando finì sono salito in macchina e l'ho portata al parcheggio, parcheggio appena fuori dall'aula del mio insegnante di psicologia e ho aspettato. Mi nascondevo ogni volta che un insegnante se ne andava, ma a parte i pochi momenti in cui mi nascondevo sotto il cruscotto nessuno mi vedeva. Finalmente ho capito che lì era solo il mio obiettivo. Il parcheggio era vuoto, fuori era buio pesto e l'unica luce che riuscivo a vedere nel college era la sua stanza. Ho avviato la macchina e acceso le luci. Ha alzato lo sguardo quando sono uscito dalla finestra e ha iniziato a lampeggiare con le luci.

Non appena l'ho fatto, ha iniziato ad avere un attacco e ho spento rapidamente il motore e sono corso nella sua stanza, legandola e mettendole del nastro adesivo sulla bocca prima di trascinarla di nuovo alla mia macchina. Ho aperto il bagagliaio e l'ho buttata dentro, chiudendo il cofano e tornando a casa con la massima calma possibile. Ero estremamente eccitato e avevo un po' di adrenalina che mi pompava dentro. Mi sono assicurato che nessuno stesse guardando quando ho aperto lo stivale e l'ho tirata fuori. sono andato dritto dentro, colpendo accidentalmente la sua testa contro il telaio della porta e facendola cadere. Sono stato sollevato quando ha smesso di muoversi e di contorcersi tra le mie braccia, e lo stridio si è fermato, ma deluso avrei dovuto aspettare per divertirmi. volevo che fosse sveglia per questo.

L'ho portata nel soppalco e sul letto, slegandole le mani e attaccandole velocemente ai quattro angoli con delle fascette. Quando ebbi finito scesi le scale. ho tenuto l'altro in mano e sono andato in cucina a prendere un paio di birre e una bottiglia di Vodka e sono tornato su, seduto lì a giocare con il coltello che avevo messo prima sul comodino. Ho acceso la TV e ho aspettato.


Erano le 7 quando finalmente si era svegliata. Era priva di sensi da mezz'ora. Aprì gli occhi intontita, e dopo un momento si spalancarono per la paura e iniziò a strattonarsi mani e piedi. sorrisi mentre le fascette si stringevano. "Ciao Emma." salutai, facendo rotolare la punta del coltello sulla punta del dito. "Così gentile da parte tua svegliarti." borbottò, e io strappai il nastro.

"Lasciami andare, ora!" lei ha urlato.

"Così focoso." dissi, strisciando oltre l'estremità del letto e verso di lei. Le leccai la guancia e mi fermai vicino al suo orecchio. "Ma questo cambierà. Non ho mai voluto ferirti, sai, ma non avevo scelta. Oggi mi hai ferito. profondamente. Mi hai umiliato." le ho detto. Mi sono seduto e le ho accarezzato il viso e lei ha continuato a gridare aiuto. "Oh, nessuno ti sentirà. I miei genitori, pace alle loro anime, hanno dotato la mia stanza della migliore insonorizzazione che il denaro possa comprare. a quanto pare odiavano che suonassi la chitarra così forte." iniziò a singhiozzare per la sconfitta.

"Per favore, non farlo..." implorò.

"Direi che non voglio, ma sarebbe mentire." ancora una volta mi avvicinai al suo orecchio. "Sto per fare l'amore con te." le ho mordicchiato leggermente il lobo dell'orecchio. "Finché non mi preghi di averne di più." Ho finito. I suoi singhiozzi aumentarono di volume. Mi sono seduto sulla sua vita e l'ho guardata, negli occhi. Erano di un bel blu. "Occhi così belli. Chissà, potrei persino innamorarmi di te." le ho detto. Le accarezzai lentamente i fianchi con le mani, pensando tra me e me che ora era tutto mio.

Dopo alcuni minuti che le accarezzavo i fianchi, presi il coltello e glielo avvicinai ai vestiti. Ho applicato una leggera pressione e ha iniziato a strapparle la camicetta e il maglione, rivelando un reggiseno di pizzo bianco. Le sorrisi dolcemente mentre le strappavo le maniche e le tiravo fuori i top da sotto. "Hai un corpo meraviglioso, Emma. Non dovresti nasconderlo così tanto." le ho detto. a quanto pare erano i vestiti a farla sembrare leggermente più paffuta di quanto non fosse. Aveva il contorno più debole di una confezione da quattro. Ho tirato fuori l'etichetta dal suo reggiseno e ho visto che erano 36C. Tirai la fibbia anteriore, armeggiando un po' finché non si staccò. Ho tagliato le cinghie e l'ho gettato di nuovo di lato.

Ha lottato, ovviamente cercando di coprirsi mentre mi pregava di fermarmi. Mi chinai e iniziai a baciarle la mascella, muovendomi lentamente lungo il collo e il petto. La sua pelle era meravigliosamente liscia e non aveva imperfezioni. Aveva un sottile strato di sudore per la lotta e il suo seno oscillava. infine, ho baciato la parte superiore del suo seno. Mi sono fermato e l'ho guardata in faccia. mi stava guardando con le lacrime che le rigavano le guance. Ho tirato fuori lentamente la lingua dalla bocca e l'ho abbassata delicatamente sul suo seno. Ero estremamente eccitato dal modo in cui indossava ancora i pantaloni da lavoro, mentre le leccavo l'intera superficie del seno sinistro prima di prendere il suo capezzolo in bocca.

Era forse una volta e mezza più grande della mia miniatura. Feci rotolare la lingua attorno ad esso mentre si irrigidiva nella mia bocca e succhiai delicatamente. Ho preso la maggior parte del suo seno nella mia bocca e l'ho succhiato fino a quando non c'era solo il suo capezzolo, cosa che mi lavavo di nuovo i denti prima di ripetere. Stavo stringendo delicatamente l'altro mentre succhiavo. Ho continuato a farlo per un bel po', finché non ha smesso di lottare. Alzai lo sguardo con il suo seno ancora in bocca e lei era sdraiata con la testa all'indietro, appoggiata sui cuscini e con gli occhi chiusi piangeva lacrime silenziose. Aveva pianto a squarciagola.

Ho allungato la mano sinistra e l'ho fatta scivolare attraverso la vita dei suoi pantaloni. Ho tastato sopra le sue mutande per un momento, facendo scorrere un dito su e giù per l'inguine e sentendo un po' di umidità. I miei occhi si spalancarono e mi tolsi la bocca, sorridendole. "Qualcuno si sta divertendo. Sono contento." Ho ripreso il coltello e sono sceso per tagliarle i pantaloni. ha provato debolmente a chiudere le gambe, ma ho ignorato il tentativo. Quando i pantaloni si sono tolti, è rimasta con un paio di mutandine di pizzo bianco abbinate. Dai lati spuntava un cespuglio di capelli neri così folti che spingeva leggermente verso l'alto le mutandine. Le sorrisi. "Qualcuno dovrebbe davvero iniziare a radersi." le ho detto. Ho tagliato i lati delle mutandine dai suoi bei fianchi pieni, rivelando il cespuglio affinché tutti potessero vederlo.

Mi inginocchiai tra le sue gambe e la accarezzai dalle ginocchia alle cosce. mi chinai e leccai lentamente lo strato superiore del suo cespuglio, provando un brivido. "Qualcuno si sta decisamente divertendo." abbassai di nuovo la testa e spinsi fuori la lingua in modo che fosse rigida. ho spinto ed è entrato nella sua fessura, aprendo le labbra. Ho leccato le pieghe rosa dall'alto verso il basso. aveva un odore un po' strano e aveva un gusto forte per lei. Mi sono seduto di nuovo. "Quand'è stata l'ultima volta che hai pulito bene qui?" ho chiesto. Lei chiuse forte la bocca e mi guardò con aria di sfida. "Ho detto, RISPONDIMI!" le presi il viso con una mano e le alzai la testa.

"Mangiami." mi ha sparato. Gettai la testa nel cuscino e sorrisi.

"Oh, lo farò. Questo mette solo un temporaneo ritardo nel processo." mi alzai e andai in un bagno privato. Ho afferrato il bidone vuoto e ci ho versato dell'acqua, sciacquandolo e riempiendolo di nuovo. Poi ho preso una bottiglia di bagnoschiuma e un panno per lavare e sono rientrato. Lei si è voltata e mi ha guardato male. Ho messo giù il cestino e mi sono tolto i vestiti finché non sono rimasto lì nudo. Rimase senza fiato quando mi trovai orgogliosamente davanti a lei. Ho afferrato il mio cazzo da 9 pollici in mano e non riuscivo a chiudere completamente il pugno attorno ad esso. l'ho tenuto davanti a lei in modo beffardo. "Questo è quello che userò per dimostrarti che ti amo. per dimostrarti che d'ora in poi sarai mia, e solo mia." Ho fatto un passo indietro e ho preso il secchio, scendendo fino alla sua vita.

Le sollevai i fianchi e mi sedetti tra le sue gambe, appoggiando il suo sedere sulle mie cosce. Ho preso il panno per lavare e ho iniziato a spazzolarla. ansimò per l'acqua fredda, e quando tirai via il panno vidi che stava perdendo i suoi fluidi. Ho messo un dito sotto il flusso, ottenendone una discreta quantità coprendolo e l'ho portato al viso, mettendolo in bocca e assaporandone il sapore dolce. Ho applicato un sottile strato di gel mentre i suoi succhi mi filtravano in grembo. il mio cazzo era duro come l'acciaio quando l'ho sentito e le stava spingendo forte nella parte bassa della schiena.

Ho asciugato il gel, assicurandomi che fosse tutto via prima di chinarmi e leccarla sperimentalmente. Adesso aveva un sapore meraviglioso. Ho messo il secchio, il gel e il panno accanto al letto e sono tornato a leccarle la fessura. Leccai i suoi succhi fluenti e dopo un minuto trovai la sua clitoride. Ho iniziato a farlo rotolare tra 2 dita e ho infilato la lingua nella sua fessura, assicurandomi che la mia bocca lo coprisse tutto. Dopo pochi istanti ha iniziato a sgroppare e un forte getto del suo sperma è arrivato dritto nella mia bocca. Deglutii mentre scorreva nella mia bocca, e quando si fermò ne tenni un boccone e scivolai sul suo corpo fino al suo viso. Stava guardando di lato, vergognosa. Le ho messo un dito sul mento e l'ho girata verso di me. non ha opposto resistenza.

L'ho baciata e lei è rimasta senza fiato. Non appena l'ha fatto, ho aperto la bocca, rilasciando i fluidi e non l'ho mossa finché non ha deglutito. Le ho spinto delicatamente la lingua nella bocca e ancora una volta lei non ha resistito, quasi ha accettato. Mi tirai indietro e le accarezzai la guancia. "Tutto quello che voglio è portare piacere a entrambi. E amo il sapore del tuo sperma, quindi ho pensato di condividerlo." le ho detto. La baciai di nuovo e mi posizionai al suo centro. Ho spinto in avanti e la sua fica fradicia sembrava quasi risucchiarmi. Era anche così stretta! mi sta meglio di un guanto. L'ho tenuto lì dentro e ho frugato in un cassetto accanto al mio letto finché non ho trovato una bottiglia che tintinnava quando si muoveva.

Mi sono tenuto le palle dentro di lei e ho scosso 2 pillole. "Non hai già preso la pillola, vero?" le ho chiesto. Lei lo guardò male ma scosse la testa. Le ho messo i due sulla bocca e lei ha deglutito con riluttanza. Mi chinai e la baciai di nuovo mentre scivolavo lentamente fuori da lei. Amavo la sensazione delle sue pareti che esercitavano una pressione calda e costante sul mio cazzo duro. Mi sono seduto un po 'e ho guardato in basso per vedere che sembrava molto tesa. Quando ho spinto di nuovo dentro non ha potuto fare a meno del gemito che è sfuggito. La baciai di nuovo, costruendo lentamente un ritmo. ogni volta che entravo assaporavo la sensazione dei suoi muscoli che si allungavano per accogliermi e i suoi gemiti. quando ho tirato fuori ho adorato la sensazione di accarezzamento che ho avuto. Ho preso il mio tempo, che sembrava aiutarmi a durare. Dopo 20 minuti di scopate lente e costanti mi sono appoggiato al suo orecchio.

"Quindi mi insegni psicologia, e ora puoi insegnarmi come fare sesso. Chi sapeva che la mia insegnante sarebbe stata la persona con cui ho perso la verginità? E tutto perché non riusciva a mantenere la calma." mi sono tirato indietro finché non sono stato a circa 2 pollici dal suo viso. Aveva gli occhi chiusi e gemeva sottovoce, ansimando. sembrava mordere le sue parole e io guardavo tristemente in basso mentre continuavo a spingere. "Non ho mai voluto ferirti. Non mi hai dato scelta. Forse ora imparerai che non serve disobbedirmi." le ho detto. Aumentai il ritmo e lei gemette forte.

"Fanculo!" gemette e io sorrisi di nuovo.

"Sapevo che ti stavi divertendo." ansimai con voce roca. Ho aumentato di nuovo il ritmo e lei ha iniziato a contorcersi e ad alzare i fianchi contro il mio corpo. Ho continuato ad aumentare il ritmo fino al punto in cui lei si dimenava in preda all'orgasmo. mentre si contorceva ho sentito le mie palle stringersi e provare quella sensazione di calore. L'ho baciata duramente e ho sparato il mio carico proprio dentro di lei. 1,2,3,4,5,6,7 spruzzi, riempiendola. Sono crollato su di lei per un secondo e sono rotolato di lato. Ansimai e cercai di riprendere fiato. Quando ho guardato in basso ho visto il mio sperma fuoriuscire lentamente da lei e ho ricominciato a diventare duro. Sorrisi, ma mi alzai mentre il mio stomaco brontolava. "Qualcosa da mangiare amore mio?" chiesi, chinandomi e accarezzandole la guancia. Mi ha appena guardato con occhi tristi.

"Perché?" chiese semplicemente.

"Perché ti volevo." risposi, voltandomi e uscendo dalla stanza, senza preoccuparmi di mettermi dei vestiti. Scesi le scale e andai in giro, chiudendo le tende. La mia vicina è arrossita quando mi ha visto, e ho salutato sfacciatamente prima di chiudere le tende. La porta era già chiusa. Sono andato in cucina e ho tirato fuori il trito dal frigo, preparando velocemente gli spaghetti alla bolognese. Ho fatto abbastanza per entrambi e l'ho portato di sopra. Quando sono arrivato mi ha guardato con i suoi occhi tristi. Ho avuto un'erezione quando ho visto di nuovo la sua forma nuda, ma mi sono trattenuto. Mi sono seduto, l'ho appoggiata con altri cuscini sotto la testa e l'ho nutrita.

Ha mangiato con riluttanza quando le ho dato una stretta dolorosa alla sua tetta dopo che me l'ha sputata contro. le ho dato uno sguardo severo e ho continuato a darle da mangiare finché non ha finito, e ho mangiato il mio. Adesso erano le 11 e la mattina dopo ero di nuovo al college. Mi sono fatto un'altra scopata veloce da lei, finendo alle 11:45, e mi sono sdraiato con le braccia attorno alla sua vita, la mia mano che le stringeva delicatamente la tetta e l'altra appoggiata sulla sua coscia. Aveva chiuso gli occhi e respirava leggermente. si muoveva leggermente come in un incubo. "No, per favore Dave! lasciami andare! Per favore!" implorò sottovoce. "Se mi amassi non lo faresti!" ci fu un'altra pausa. "Per favore, lasciami andare!" sorrisi tra me e me. Forse sarebbe stata distrutta prima che pensassi. Detto questo, sono andato a dormire.





Mi sono svegliato la mattina dopo alle 7:30. Mi sono alzato e ho fatto la doccia, senza preoccuparmi di slegare Emma, ​​e 15 minuti dopo ero lavato e pulito, completamente vestito con dei blue jeans e una camicia nera attillata. Ho preso il mio laptop dal piano di sotto e sono andato al sito web della scuola con l'e-mail. Ho inserito l'indirizzo e-mail di Emma e le ho fatto digitare la password. Quando l'ha fatto, l'ho ripreso e ho inviato un'e-mail dicendo che era malata e che non sarebbe tornata per alcuni giorni, forse una settimana o due. ho chiesto a qualcuno di lasciare una nota sulla lavagna per informare le classi e far loro scrivere il proprio nome per mostrare che erano arrivate. Quando ciò è stato fatto, l'ho palpata e l'ho baciata per un po 'prima di andarmene.

Sono arrivato puntuale e ho finito la mia lezione mattutina alle 11:40. per mia fortuna, di martedì avevo solo il ciclo mattutino e poi stavo fuori tutto il giorno. Potrebbe essere stata la mia immaginazione, ma potrei anche giurare che un certo numero di ragazze mi guardava ogni volta che entravo in una stanza, o quando mi chinavo a dipingere.

Sono tornato a casa e mi sono fermato sulla strada per prendere un paio di hamburger da McDonald's, un po' di crema spalmabile al cioccolato e un pacchetto da 20 di sigarette da Sainsburys. sono tornato a casa 5 minuti dopo e sono andato dritto al soppalco, dopo aver chiuso ancora una volta la porta.

Quando sono entrato Emma mi ha guardato con uno sguardo disperato negli occhi. "Se ti slego le mani prometti di non provare niente?" le ho chiesto. Lei annuì, i suoi occhi brillavano un po' più luminosi. Poso il McDonald's e prendo il coltello, tagliando lentamente la fascetta. L'ha appena messo al suo fianco. Ho tagliato l'altro. Si strofinò i polsi, che avevano delle linee rosse dovute alla lotta. Proprio mentre mi muovevo ha cercato di afferrarmi. Sono stato più veloce, però, e le ho afferrato le mani. la guardai tristemente. "Perché devi mettermi alla prova?" le ho chiesto. scossi la testa e presi un'altra fascetta dal cassetto, legandole le mani dietro la schiena e aiutandola a sedersi. "McChicken sandwich, big mac o quarter pounder?" le ho chiesto. Mi guardò con quegli occhi tristi, tristi.

"il panino McChicken, per favore." chiese stancamente. Annuii e presi la scatola, aprendola lentamente e avvicinandogliela alla bocca. ha dato un morso e l'ho guardata mentre chiudeva gli occhi e il suo stomaco brontolava mentre masticava. L'ha divorato e io le ho dato da mangiare le patatine fritte e l'ho aiutata a sorseggiare la coca cola dietetica. Non volevo che ingrassasse, dopo tutto. Ho mangiato il quarto di libbra e il big mac, non avendo comprato le patatine per me stesso. Poi ho bevuto un po' della mia coca. poi mi sono tolto i vestiti e mi sono seduto accanto a lei nudo. si appoggiò a me, stancamente. ovviamente era uno sforzo per lei mettersi seduta con le mani dietro la schiena. Mi sono spostato così ero dietro di lei e lei era tra le mie gambe, prendendo una delle sigarette e un accendino. Ho chiesto se ne voleva uno e lei ha scosso la testa in senso negativo.

Alzai le spalle e mi accesi, facendo una boccata profonda. Le ho avvolto le braccia intorno alla vita, appoggiandole sullo stomaco, e mi sono sdraiato leggermente in modo da trovarmi a 45 gradi rispetto alla testiera. Ho accarezzato il suo corpo come se avessi la mia sigaretta, amando la sensazione dei suoi seni e la sensazione ruvida del suo cespuglio. Ho brevemente giocato con l'idea di raderlo, ma ho deciso di lasciare a lei quella scelta. le accarezzai le labbra e infilai un dito dentro, muovendolo delicatamente dentro e fuori finché non si dimenò contro di me. Alla fine ho finito la mia sigaretta e ho tagliato la fascetta, prima di tirarle velocemente le braccia davanti e legarle di nuovo. Mi sono infilato tra le sue braccia e il suo petto, così sono stati avvolti intorno a me e l'hanno spinta indietro in modo che si sdraiasse di nuovo.

Mi chinai in avanti e catturai le sue labbra, lasciando che le mie dita la portassero al punto dell'orgasmo. L'ho sentita iniziare a tremare e sapevo che un altro secondo delle mie dita sarebbe venuta. Ho sorriso e ho spinto il mio cazzo dentro duramente. Non appena passò le sue labbra urlò forte. "OH!!!" ha urlato, e ho sentito il suo sperma schizzare contro il mio inguine. La guardai, sollevandomi finché le sue braccia non furono intorno al mio collo.

"Mi piace quando vieni." le dissi, prima di baciarla di nuovo. Sono andato a un ritmo decente e ho continuato a godermi la sensazione dei suoi muscoli interni che scivolavano e stringevano il mio cazzo per tutta la lunghezza. Le ho preso il seno in bocca e ho iniziato a leccarle e mordicchiarle il capezzolo. è venuta dopo soli 5 minuti e ha spinto la mia testa nel suo petto, ansimando e gemendo sempre più forte. Ha iniziato a muovere i fianchi verso di me a ritmo, ovviamente senza controllo di se stessa, mentre gemeva e fletteva le mani sulla mia schiena con gli occhi chiusi e il viso accigliato. Ho continuato a pompare e godermi la sensazione.

Tenevo le mani ai lati del suo petto sul letto con la testa sepolta tra i suoi bei monticelli mentre sentivo le mie palle gonfiarsi e quella sensazione di tensione iniziare. L'ho guardata e lei ha aperto gli occhi, guardandomi. "Ti amo." sussultai quando entrai in lei, e lei ricominciò a piangere. Mi sono sdraiato tra le sue braccia e l'ho tenuta mentre piangeva.

Mi sono alzato all'1:30 e le ho tagliato i lacci alle gambe. Stava di fronte a me a testa bassa, apparentemente vergognosa, ma accettando di non poter scappare. Ho sorriso e le ho sfiorato i lati dello stomaco finché non mi ha guardato. Poi l'ho tirata sulle mie ginocchia e l'ho baciata. con riluttanza iniziò a ricambiare il bacio, e la sua lingua sfiorò la mia con esitazione. Sorrisi nel bacio e mi tirai indietro, succhiandole la lingua fino all'ultimo minuto, e mi alzai. L'ho portata in bagno e ho iniziato a farle correre la vasca idromassaggio. Mi sono assicurato che fosse caldo. Si sedette nella vasca mentre si riempiva guardandomi.

Continuavo a cercare di parlarle, ma lei non rispondeva, cosa che accettai con un sospiro. Le ho detto tutto quello che c'era su di me mentre si riempiva, e dopo che lo aveva fatto. Rimase sdraiata nell'acqua mentre parlavo, e dopo poco tempo iniziai a insaponarla. Ho trascorso più tempo sui suoi seni e sulla sua fica mentre spazzolavo i grandi globi e li massaggiavo delicatamente. stava gemendo di nuovo, e le sue mani sembravano essere vicino alla sua fica sotto le bolle, ma non potevo dirlo. Le ho massaggiato i seni per 10 minuti prima di fermarmi e sciacquarli. Poi l'ho fatta alzare. Lo ha fatto e l'acqua è gocciolata dal suo corpo mentre prendevo un'altra goccia di gel doccia sulle mie dita e lo massaggiavo nella sua fica pelosa. Lei gemette e le sue gambe vacillarono un po' come me. ho spinto alcune dita dentro e le ho insaponato le viscere.

L'ho fatta sedere nell'acqua e ho lavato via il gel con le dita. L'ho fatta alzare di nuovo per controllare il mio lavoro e le ho spinto di nuovo un dito dentro. In qualche modo era ancora stretta. Ho afferrato un asciugamano e l'ho tirata fuori dalla vasca, asciugandola con secchi pieni di cure e attenzioni. Quando fu asciutta la riportai a letto.

"Inginocchiarsi." ho ordinato, e lei l'ha fatto. ho afferrato il mio cazzo e l'ho tenuto vicino alle sue labbra. senza pensarci si chinò in avanti e iniziò a succhiarlo. All'inizio era quasi come se stesse solo facendo i movimenti, ma dopo appena un minuto mi ha fatto passare tra le sue braccia in modo da potermi attirare più a fondo dentro di lei. era ovviamente imbarazzante, ma stava diventando sempre più appassionata man mano che andava avanti. Ha iniziato ad accarezzarmi con la sua lingua ruvida, leccando la testa e premendola contro la punta. A un certo punto ha provato a spingermi in gola, ma è soffocata. Lo ha fatto un altro paio di volte, ma sembrava che non ci riuscisse e grazie al sesso sono riuscito a resistere per un'ora. le ho tenuto la testa tra le mani. "Sto venendo amore!" sussultai e lei iniziò a succhiare sempre più forte. Alla fine le ho mandato il mio carico in gola con un gemito e lei l'ha leccato.

Quando ebbi finito, uscii dalle sue braccia e mi tirai indietro. Si alzò e mi sorrise in modo sexy, facendo un passo avanti. "Ema?" chiesi, un po' confuso. la luce era tornata nei suoi occhi e sembrava quasi felice, come se mi vedesse per la prima volta e fu amore a prima vista. Ero molto confuso. non avrei mai pensato che sarebbe successo così velocemente!

"Sì amore mio?"

"Cosa fai?" sollevò la testa intorno al mio collo e premette il suo corpo contro il mio, guardando in alto innocentemente.

"Niente amore." mi baciò profondamente, tirandomi giù per incontrare la sua bocca, e balzò in piedi, avvolgendo le gambe intorno a me, appena sopra la mia vita. Gemetti e le afferrai il sedere con entrambe le mani per tenerla su. Ho adorato la sensazione del suo culo! era pieno ma non grasso. Stavo diventando di nuovo duro mentre lei continuava a baciarmi, e sono inciampato contro il muro con un tonfo. Ben presto fui duro come l'acciaio. Si tirò indietro e mi sorrise con amore mentre si abbassava sul mio cazzo. Rimase senza fiato mentre scivolava lungo il mio corpo e usò le gambe per spingerla su e giù mentre mi alzavo. Ero felice che sembrasse sincera e mi voltai in modo da avere le spalle al muro. L'ho spinta forte contro di esso e l'ho baciata appassionatamente, le sue mani che vagavano sulla mia schiena e le mie che le massaggiavano le natiche. Infilai un dito nel suo piccolo anello stretto e lei gemette forte nella mia bocca.

L'ho scopata più velocemente e più forte di quanto avessi mai fatto prima e lei gemeva e urlava. C'era un caldo attrito nella sua fica che stavo amando. l'ho sbattuta contro il muro come un martello pneumatico, scrollandomi di dosso tutti i quadri ei quadri appesi sopra, anche la mia acustica. Cadde con un clangore, ma non mi importava mentre picchiavo il mio insegnante urlante. Si strinse forte a me mentre veniva avanti e indietro, lasciando una pozzanghera sotto di me sul pavimento. Sono scivolato dolorosamente sulla schiena e lei ha tolto le mani da dietro di me, mettendole sul mio petto e cavalcandomi come un cavallo. Stava urlando di piacere mentre le sue tette rimbalzavano con selvaggio abbandono. Alla fine sono arrivato, ma solo pochi spruzzi questa volta, e ho legato insieme i piedi di Emma prima di portarla a letto e sdraiarla.

Ci siamo lentamente addormentati con lei che mi diceva quanto mi amava.



Adesso è passato un mese. avevo lasciato che Emma tornasse al lavoro il lunedì dopo il suo cambio. Ogni giorno mi invitava a pranzo nella sua classe e durante le lezioni mi faceva sempre l'occhiolino e mi mandava baci. La ragazza accanto a me, una ragazza molto attraente e atletica con un seno di coppa B sembrava piuttosto scioccata e impressionata la prima volta, e ora continuava a guardarmi con curiosità durante la lezione. Tuttavia, Emma ora era mia. Dopo il college sparava dritto al mio e mi saltava sulle ossa non appena varcavamo la porta e spesso prima. Stavo valutando chi potesse essere il mio prossimo obiettivo...

Adoro la sindrome di Stoccolma...

Storie simili

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

2.1K I più visti

Likes 1

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

2K I più visti

Likes 0

Il mio dovere patriottico

Vengo da una famiglia di militari. Anche se non mi sono unito a me stesso, ho sempre sostenuto coloro che lo fanno. Un fine settimana ho davvero avuto la possibilità di sostenerli, con la benedizione di mio marito! Era nell'esercito e capiva perfettamente cosa stava succedendo, quasi lo incoraggiava. Stavamo attraversando Dallas mentre tornavamo a casa dalle vacanze. Ci siamo fermati in un hotel per la notte poiché non avevamo fretta e abbiamo trascorso la serata rilassandoci un po'. Siamo scesi al bar dell'hotel per una cena tardiva e qualche drink. Mentre eravamo lì abbiamo iniziato a parlare con un ragazzo...

1.9K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.7K I più visti

Likes 0

Cat Fight 22 Modifiche

TERMINI tinton  - 2 1/2 secondi spettro - 2 1/2 minuti Toton -   2 1/2 ore minton -  2 1/2 giorni daycon -  2 1/2 settimane Malant -  2 mesi e mezzo quant  -  2 1/2 anni galant -  2 1/2 secoli Metson - 2 1/2 pollici maclon  - 2 piedi e 1/2 Heckson - 2 1/2 miglia tetson -  2 1/2 acri unità -    2 1/2 cc Personaggi Bill Axor (AKA Ambrose) - Clan Lion, Cit-Chac-Coh Re Tomco Traxor - Il padre morto di Bill, clan dei leoni Re Tobias Traxor - Il fratello morto di Bill, clan dei leoni Regina...

1.7K I più visti

Likes 0

Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2 La prima parte descriveva JB un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente... Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per...

1.7K I più visti

Likes 0

Dominio su debole

Karen ha concluso i suoi diciotto anni. Ha cinque fratelli, era la più grande. Hanno avuto una difficile situazione finanziaria come molte altre persone negli ultimi tempi. Era giunto il momento per lei di cercare perfettamente un lavoro con una stanza in affitto o qualcosa del genere. A causa delle cattive condizioni, non poteva permettersi molte cose. Comunque era una bella ragazza. Anche con la sua corporatura piccola di 5 piedi (1,65 m), aveva gambe lunghe e snelle incredibili, braccia sottili con dita lunghe. Fortunatamente, sua madre è riuscita a trovarle un'offerta di lavoro come domestica per un uomo d'affari quarantenne...

1.6K I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.