Un frullato proteico mattutino

787Report
Un frullato proteico mattutino

I fianchi di Ashley ondeggiarono suggestivamente da un lato all'altro mentre entrava nella sala di detenzione. Era nuova a scuola, ma il primo giorno aveva subito la punizione mattutina. Entrò in classe e sorrise all'unico insegnante, uno degli allenatori di calcio, mentre prendeva posto alla reception. Lo colse mentre si sistemava sulla sedia e all'istante capì cosa voleva.

Non era affatto male nel cercare qualcuno della sua età; circa un metro e settanta, con un'abbronzatura da contadino e capelli tagliati corti. Il suo corpo era snello, con accenni di muscoli dappertutto che mostravano che si manteneva in forma anche alla sua età, che non poteva superare i ventotto anni.

Premette le cosce insieme e poi alzò le mani e se le premette contro le guance, il risultato fu che la sua scollatura venne schiacciata insieme e spinta in avanti nel suo top scollato. Si leccò le labbra, mettendole in una forma imbronciata mentre parlava, scegliendo le parole con cura per dirigere le cose dove le voleva.

"Non posso credere di dover saltare la colazione per questo..."

La sua voce dolce era perfettamente chiara nella stanza silenziosa e portò il suo sguardo intorno per incontrare i suoi occhi, offrendole un sorriso a metà e una risatina alla sua situazione.

"Non puoi fare il tempo, non commettere il crimine."

Il suo accento era lento e strascicato, riaffermando il suo status di garzone di campagna. Le sue labbra si gonfiarono un po' di più mentre metteva il suo miglior viso imbronciato. Sapeva che si stava godendo la vista del suo corpo, come tutti gli altri. In tutta onestà non le era mai piaciuta molto la colazione, ma aveva un feroce appetito per il cazzo. Le era stato presentato solo un anno prima e da allora l'aveva inseguito e aveva fatto tutto il possibile per ottenerlo.

“Aww… non puoi dare tregua alla nuova ragazza? Sto davvero morendo di fame…”

Si appoggiò un po' all'indietro, lasciando che la sua scollatura si ritirasse ma aprendo solo un po' le gambe per mostrare il suo perizoma rosso che era sotto e la macchia scura che stava rapidamente crescendo mentre formava le immagini di lui che le perforava la bocca nella testa. Si spostò di nuovo, diventando visibilmente a disagio mentre cercava di mantenere la sua attenzione sui suoi occhi o sul suo giornale.

"Non è colpa mia se ti sei messo nei guai, avresti dovuto mangiare prima di venire a scuola."

E con ciò sollevò il giornale e iniziò a leggere, nascondendola alla vista e sperando che la tenda che aveva sarebbe crollata prima che suonasse la campanella per segnalare l'inizio delle lezioni mattutine.

"Dannazione", pensò, "sto prendendo il mio frullato proteico mattutino".

Si alzò, prendendosi il suo tempo per assicurarsi che la scrivania non scricchiolasse, poi si avvicinò alla grande scrivania di legno a cui era seduto. Invece di distogliere la sua attenzione dal foglio, lei si posò sul pavimento e si infilò sotto l'apertura nella parte anteriore della sua scrivania, facendo del suo meglio per evitare di urtarlo accidentalmente e avvisarlo della sua presenza.

Finalmente era sotto la sua scrivania, anche se i suoi tacchi le avevano dato un po' di problemi. Guardò oltre i suoi pantaloni finché i suoi occhi non si fermarono sul rigonfiamento al centro di essi. Non sorrideva così tanto da molto tempo. Si leccò le labbra in attesa di assaggiare il suo cazzo e il suo sacco, amava la sensazione di un grosso cazzo palpitante chiuso nella sua bocca quasi quanto amava essere squarciata da dietro.

Cautamente lei sollevò la mano destra e la spostò verso la sua asta di ferro, tenendo le dita a meno di un centimetro dalla sua gamba. Lui tossì e lei si bloccò, il cuore che le batteva all'impazzata, poiché temeva che avrebbe dato un'occhiata alla sua scrivania o si fosse spostato sulla sedia. Dopo qualche secondo capì di essere al sicuro, ma poi la sua gamba si sollevò un po' e le andò a sbattere contro la mano.

Doveva correre il rischio ora, quindi premette le sue mani calde, morbide e perfettamente curate sul suo cazzo e iniziò ad accarezzarlo. Lo sentì ansimare e far cadere il suo giornale sulla scrivania, arrivando persino ad abbassare la mano come se stesse per spingerla via... ma si fermò all'ultimo secondo e Ashley lo prese come un invito a ripescare il suo cazzo e alla fine lasciò che il primo cazzo le entrasse in bocca per quelli che sembravano eoni, ma in realtà erano solo pochi giorni.

Odiava muoversi, non perché si stesse lasciando alle spalle tutti i suoi amici, o perché si stava lasciando alle spalle tutto ciò che sapeva, ma perché stava perdendo tutti quelli che le avrebbero permesso, regalato, con la capacità di succhiarli via... e per alcuni di loro, fanculo. È stata costretta ad andare avanti per sempre senza farsi scopare o succhiare, e ora finalmente avrebbe avuto ciò che si meritava.

Ashley armeggiò con la cintura di Coach Johnson e in pochi secondi ne divenne frustrata, sentendo persino l'inizio dell'odio nei suoi confronti per averle negato una spessa fetta di carne in bocca, sulla lingua. Le sue labbra carnose e invitanti si aprirono in un sorriso quando lui si abbassò senza una parola e si slacciò la cintura e si slacciò i pantaloni per lei; tutto in meno di dieci secondi.

"Te l'avevo detto che avevo fame..." borbottò, e poi iniziò a infilargli la mano nei pantaloni ea scostargli i boxer mentre finalmente riusciva ad afferrare la sua carne spessa. Non era mai stata una fan dei peli pubici, ma prendeva il cazzo quando poteva... e lo spessore del suo compensava il ciuffo scuro di peli intorno.

Si prese il suo tempo, facendo scorrere la mano su per la sua lunghezza e poi giù. Al momento i suoi occhi erano fissi su di esso e non era in grado di avvolgere la sua mente, tanto meno le sue labbra attorno alla magnifica appendice davanti a lei. Ai suoi occhi Dio non aveva un dono più grande per il mondo del cazzo. Aveva così tanti usi, portava così tanto piacere, ed era il fulcro di tutto il suo mondo... forse un'ossessione, ma non ammetteva. Ne aveva una "sana simpatia".

“Non c'è molto tempo…”

Le aggrovigliava i capelli mentre parlava, attirandola un po' verso la sua erezione palpitante e incitandola a continuare. Non aveva bisogno di ulteriore incoraggiamento mentre avvolgeva le sue labbra rosso rubino attorno alla testa della sua asta e tracciava la sua lingua intorno alla sua corona, prestando particolare attenzione al punto sensibile nella parte inferiore della sua testa. Si sentiva come se tutto fosse perfetto, come se fosse completa ora che ce l'aveva. La sua mano lo afferrò saldamente; lottando per avvolgere completamente la sua circonferenza nelle sue mani piccole e morbide.

Un gemito di soddisfazione venne dal profondo della sua gola quando si appoggiò un po' all'indietro, e come risultato spinse il suo cazzo nella sua bocca ancora per qualche centimetro. Non ci pensò due volte al suo movimento improvviso, si adattò e cominciò a succhiarlo in bocca. Ogni volta scendeva un po' di più, abbassando la mano mentre faceva lo stesso con la bocca. Non aveva idea di come si sentisse per lui, ma sapeva che se fosse stata un ragazzo sarebbe stata gay e avrebbe fatto la stessa cosa che stava facendo adesso... cercando di succhiargli la sborra direttamente dalle palle senza preoccuparsi molto di cosa sarebbe come se lui ricambiasse il favore.

Ashley poteva sentire la sua grossa testa che le colpiva la gola, implorando di essere presa più a fondo. Lei lo trascinò avidamente nella sua gola finché fu in grado di muovere la testa su e giù con un ritmo maggiore, assicurandosi ancora che la sua lingua lavorasse su ogni centimetro del suo cazzo mentre il suo naso veniva accolto dal suo profumo muschiato.

La sua mano sinistra iniziò a calargli un po' i pantaloni, finché non furono alle sue ginocchia. Abbastanza basso da permetterle di alzare la mano e stringere il palmo della sua grande sacca piena. Lei gemette sul suo cazzo mentre ne sentiva il calore bagnare la sua mano gelida. Ha risposto più o meno allo stesso modo, grazie alla sua mano fredda sulle sue palle calde e alle vibrazioni che gli ha inviato sul cazzo.

Alla fine lei gli affondò il cazzo fino in fondo e cominciò a costringere la gola a deglutire, come se stesse ingoiando il suo cazzo. Lo sentì addensarsi mentre lui non riusciva più a sopportare il calore vellutato della sua bocca che si stringeva sul suo cazzo trascurato. Lei gemette e spinse il viso verso il basso il più possibile mentre la sua carne le esplodeva in gola. Si è quasi imbavagliata al primo colpo, ma si è tirata indietro un po' così il resto le è rimasto in bocca. Lei lo munse a secco usando una combinazione della sua lingua e delle sue mani e alla fine lui si appoggiò allo schienale ed emise un sospiro soddisfatto.

Si fece strada da sotto la sua scrivania, contorcendosi sul suo corpo. Premette le tette contro di lui fino in fondo finché non furono sulla sua faccia e l'unica cosa che separava la sua fessura sbavante dal suo cazzo morbido era il materiale sottile e umido del suo perizoma. Il calore si irradiava da lei a ondate mentre si premeva contro di lui, poi aprì la bocca per mostrargli lo sperma dentro appena prima di ingoiarlo..

"Un buon frullato proteico mi aiuta sempre a buttare giù la giornata..."

Fece oscillare la gamba sinistra sopra il suo corpo, in modo da essere in piedi accanto a lui. Prima che potesse rispondere lei gli afferrò di nuovo il cazzo e gli diede una stretta. Chiuse gli occhi mentre un brivido le correva lungo la schiena. La sensazione di afferrare qualsiasi cazzo era estasi.

"Buona giornata, signor Johnson."

Storie simili

Serata di poker con sorella parte 4

Per i temi, voglio mettere e altro. Ma, lo prometto, nessun maschio su maschio. Voi stronzi siete fortunati. non riuscivo a dormire. Devo andare al lavoro tra 3 ore, quindi spero che tu ne sia grato! LOL Se non hai letto la parte 1 e 3 (2 è facoltativa e non consigliata per i finti di cuore), probabilmente ti perderai. Questa è una storia di Brother Sister Taboo con un'età superiore a 18 anni. Se ti fa piacere fammi sapere, e cercherò di scrivere di più. Qualsiasi commento o suggerimento per ulteriori scritti è il benvenuto. Molto di ciò che è...

2.1K I più visti

Likes 1

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia prima esperienza gay_(2)

Introduzione Era venerdì sera ed ero seduto a casa a guardare il porno come al solito. Quando ho deciso di guardare Craigslist, cosa che di solito facevo perché mi eccitavo così tanto da tutti i cazzi là fuori che avevano bisogno di succhiare. Stasera finirebbe per essere un po' diverso dalla maggior parte delle sere però. Ho finito per bere da pochi a molti e pubblicare la mia aggiunta che non avevo mai fatto prima. Ho pubblicato il mio annuncio dicendo che ero 26 bianco in buona forma e cercavo un bel cazzo grosso da succhiare. Ora a questo punto della...

1.7K I più visti

Likes 0

GANG BANG A SORPRESA

Anche se questo è accaduto quasi 15 anni fa, mi viene ancora duro quando ci penso. Ho deciso che è ora di condividerlo con il resto del mondo. Questa storia è vera. Scusa non ci sono cazzi mostruosi, ma penso che la verità sia comunque più calda. Mia moglie, chiamiamola Suzy, aveva 19 anni quando ci siamo sposati e io sono stata la sua prima volta. L'ho incoraggiata a cercare la propria sessualità e per il tempo ha resistito. Suzy è alta 5'6 circa 118 libbre bionda fragola con un fantastico set di tette 34C e un culo tondo e sodo...

1.8K I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh come l'amore ha artigli affilati, parte 3

Lo fissai con la confusione che mi si diffondeva sul viso prima di dire: “Sei un cosa? Darren mi fece un sorriso da gatto del Cheshire mentre rispondeva: Sono un Lemuriano. Arricciai le sopracciglia mentre lo guardavo accigliato. Con quel sorriso stampato in faccia, potevo dire che amava ogni minuto della mia confusione. Alla fine, non ce la facevo più e ho dovuto chiedere: Che diavolo è quello? Quel suo sorriso è diventato più grande in un sorriso Ho uno sporco segreto che voglio che tu indovini mentre lui rispondeva: Oh, sarà così divertente spiegare cosa sono. Vorrei iniziare parlando della...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella_(3)

La mia migliore amica sorella Mi chiamo Bubba. Sono solo il tuo adolescente medio di 16 anni che sta attraversando tutta la merda ormonale che attraversano gli adolescenti. Ho 6,6 anni e non sono nella migliore forma della mia vita. La mia vita può essere un inferno vivente, che respira di tanto in tanto. Basta con me. Ti racconterò una storia sulla mia vita sessuale con la sorella della mia migliore amica. Penso a loro come alla mia seconda famiglia perché conosco tutta la loro famiglia dalla quinta elementare. Era una mattina luminosa per un sabato presto di merda. La famiglia...

1.7K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.7K I più visti

Likes 0

Il Devastatore - Parte 1

Il romanzo non stava catturando la sua attenzione quanto aveva sperato. Distratta, sfogliò le pagine. Gayle Thomas controllò l'ora sull'orologio, un piccolo regalo d'oro costoso di suo marito. Uno dei suoi tanti gesti per lenire il dolore delle sue lunghe assenze per lavoro. Ancora una volta, Jeremy aveva lasciato lei e la loro figlia Amy sole per molto tempo. L'orologio segnava le 11:43. Amy era ancora fuori. Film con alcuni dei suoi amici, le aveva detto. Avrebbe voluto non preoccuparsi così tanto. Amy era un bravo ragazzo e aveva già diciotto anni. Che cosa poteva mai combinare di cui lei avrebbe...

1.7K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.