Il boscaiolo e la fata

770Report
Il boscaiolo e la fata

Il sudore gli si accumulava lungo la fronte come una folla durante il Black Friday. La sua ascia urlò mentre tagliava l'aria. Pezzo dopo pezzo di legno nodoso fatto a pezzi a ogni possente colpo. L'ascia penetrava nel nucleo fibroso dei tronchi con forza e pratica facilità. Il boscaiolo continuò ad arare. Per lo più inconsapevole dei suoi bellissimi dintorni. Gli alberi torreggiavano su di lui in un cerchio quasi perfetto. Le loro foglie cerose proiettano ombre profonde e lunghe sul suolo della foresta. Tutto intorno a lui il ciclo di decadenza, rinnovamento e vita era evidente. Grandi funghi bulbosi con le teste gonfie scivolarono fuori dalla terra nell'aria umida. Piccole creature pelose combattevano, scopavano e cercavano cibo. Il baldacchino degli alberi li protegge dagli occhi famelici sopra. Il boscaiolo era in una radura. Un cerchio perfetto di erba e fiori. Farfalle e altri insetti si sparpagliavano dappertutto, saltellando di fiore in fiore, sondando ciascuno a fondo e bevendo a lungo e con forza il dolce nettare.

Due occhi, azzurri e scuri come il cielo al tramonto, spiati dai rami più bassi di un folto albero. Il fogliame nascondeva la creatura. Il suo sguardo era centrato sulla schiena del boscaiolo. Ogni volta che la sua ascia risaliva i muscoli della schiena e le braccia si contorcevano e si inarcavano creando grandi collinette e avvallamenti nella sua pelle. Si spezzarono insieme come le spesse funi intrecciate delle navi della flotta reale. Gli occhi osservavano i diamanti del lavoro scorrere lungo la sua schiena rinfrescandogli la pelle. Videro i suoi pantaloni gialli sbiaditi, strappati e strappati in fondo, riempirsi di spessi muscoli della coscia legati ad ogni colpo discendente. Osservarono le sue gambe, piantate saldamente nel terreno proprio come i behemoth che lo circondavano. Osservavano le sue morbide labbra succhiare la pelle d'acqua ogni volta che aveva bisogno di una pausa. Osservavano le sue dita scorrere tra i suoi capelli fradici ogni volta che pensava di cambiare posizione. Gli osservarono il viso e il petto quando si voltò e si diresse verso il limitare della foresta. Non sono riusciti a staccarsi quando ha tirato fuori il cazzo e si è liberato vicino al loro albero. Hanno guardato per ore.

Il sole stava già scendendo verso la terra prima che la creatura si muovesse. L'aria calda di mezzogiorno aveva cominciato a volgersi verso la fresca tregua serale. Gli uccelli sugli alberi erano più allegri e le creature pelose più attive. La creatura iniziò a districarsi dal suo nascondiglio, prima una gamba delicata e formosa, muscolosa ma agile, seguita da un'altra di pari eleganza. Un vestito modesto realizzato con le sfumature della foresta primaverile, varie sfumature di foglie verdi tagliate in lunghe strisce erano intrecciate intrecciate da bellissimi fiori multicolori. Macchie di pois bianchi, rossi, gialli e viola punteggiavano il verde freddo. Un cerchietto di viti rosso vivo è avvolto intorno al centro del vestito, segno che questa creatura è una fata. Quasi galleggia sul suolo della foresta, senza nemmeno disturbare le foglie morte sul pavimento, sembra quasi che scaturisca dalla terra piuttosto che cadere su di essa. Con un palmo ben piantato nella terra, tiene il corpo basso a terra. A gambe divaricate come un guerriero nascosto pronto a tendere un'imboscata.

La luce del sole le accende i capelli, le ciocche bionde danzanti catturano la luce e giocano con essa. Girandolo e mescolandolo in modo tale che il suo viso, con le sue curve morbide e gli occhi sbalorditivi, diventi solo un'altra macchia di luminosità abbagliante, non importa dove si trovi. Le sue piccole labbra sono serrate insieme con apprensione. Non ha mai visto un essere umano. Si avvicina quasi a rompere la linea degli alberi. Per tutto il tempo lei osserva senza mai distogliere lo sguardo dall'uomo e dalla sua schiena forte. Ogni colpo dell'ascia attenua la sua ansia e calcifica la sua curiosità. Si alza vicino a un albero, ora più incuriosita che spaventata. Sto ancora guardando. Sarebbe stata abbastanza contenta solo a guardare. L'uomo, percependo la presenza di un altro, si girò veloce come un esattore delle tasse che fiuta un deposito di grano nascosto. Dieci minuti, dieci ore, dieci secondi. Si fissarono.

Dopo un po' la fata sorrise: felice per come stavano le cose e piena della gioia e della grazia che solo gli esseri più belli della terra potevano provare. Aprì le sue labbra rosse e ne uscì una goffa risatina allegra. La risatina di chi si stava riposando e all'improvviso ha cominciato a farsi il solletico. La risata risuonò nella foresta molto tempo dopo che si fermò, ma il sorriso rimase. Il boscaiolo si fermò come la vittima di un basilisco. L'impugnatura della sua ascia si sollevò a metà davanti al petto e al viso in modo protettivo. Il suo baricentro era leggermente dietro i suoi piedi quasi come se il suo corpo avesse cominciato a scappare ma i suoi piedi erano occupati a stuzzicarsi il naso. Sollevò ulteriormente l'impugnatura mentre lei si faceva avanti. Non ondeggiava in modo seducente o fluttuava. Quasi inciampò e si arrampicò su piccoli oggetti. Rimbalzava di roccia in roccia. Guardando in basso per vedere dove andavano i suoi piedi ad ogni passo. Alzando lo sguardo per sorridere all'uomo dopo ogni passo. Il viso dell'uomo iniziò ad ammorbidirsi mentre lei si avvicinava. Invece della paura darwiniana, il timore reverenziale cominciò a insinuarsi sulle sue guance macchiate dal sole. I suoi occhi sono diventati più grandi e rotondi man mano che l'adrenalina si è neutralizzata e il suo corpo è tornato dal volo e dal combattimento simultanei, che è per lo più stare fermo e essere calpestato dai cavalli, per rapire soggezione.

Raggiunse solo il suo mento. Ora a portata di mano, lei gli gettò le braccia al collo. Premendo il viso contro il suo petto sudato e peloso. Le sue braccia erano un terzo delle sue, ma altrettanto definite. Riuscì a malapena ad avvolgersi intorno al suo ampio petto e alle sue braccia. Il boscaiolo lasciò cadere l'ascia. Adesso, con le braccia di lei che lo avvolgevano, provava meno trepidazione. Preferendo non chiudere gli occhi, guardò in basso nei suoi smeraldi blu cielo mentre lei guardava in alto nei suoi acuti occhi castani.

"Non ho mai incontrato un essere umano prima", ha osservato, allegramente.

“Non ho mai incontrato una fata prima d'ora” rispose.

Lo lasciò andare e fece qualche passo indietro in modo da poter vedere tutto il suo corpo. Nello stesso tempo si ispezionarono a vicenda assorbendo i corpi l'uno dell'altro. Sebbene entrambe le specie siano molto simili in termini di topografia, ci sono sottili differenze nella struttura ossea e nella struttura della pelle. Le fate non hanno bisogno di pori, la loro pelle è di porcellana malleabile. La fata ha notato come, a differenza delle fate maschi, i muscoli dell'uomo maschio siano grandi e uniti, un sano strato di grasso ammorbidisce il suo petto ribassista. È consapevole di quanta parte della sua pelle riesce a vedere, quindi rilascia l'incantesimo che tiene insieme il suo vestito intrecciato. Pezzetti di foglie e fiori cadono sul pavimento della radura. Anche gli occhi dell'uomo si abbassano, ma si fermano una volta sui suoi seni, impertinenti, bulbosi e invitanti. Piccoli capezzoli rosa spuntano caldi cumuli di carne. I suoi occhi si posano ancora una volta sullo spazio tra le gambe di lei dove può solo spiare la parte superiore di quella che presume sia la sua vagina. Non aveva peli sul corpo a parte la cascata d'oro sulla sua testa. I suoi pantaloni si gonfiano verso l'esterno vicino al suo cavallo mentre il suo pene inizia a gonfiarsi. È incuriosita dal movimento, confusa da ciò che lo provoca. Induce la stessa magia che ha districato il suo vestito sui pantaloni di lui. Si allentano piuttosto che smontare ma l'effetto è lo stesso e si sfilano alle foglie. Il suo cazzo sporge come un pino in un meleto.

Entrambi trascorrono molto tempo ad ammirare le reciproche caratteristiche. Occhi che spaziano senza sensi di colpa su tutto il corpo dell'altro. Il boscaiolo si fa avanti e prende la fata per mano.

“Mi chiamano Griz” dice, la sua voce profonda e fredda come il fragore di una cascata che si trova dall'altra parte di una collina.

Sorride raggiante sul suo largo viso “Non ho nome, ma sono la fata del colore Giallo” spiega.

La sua voce è più allegra e vigorosa, più simile allo sporadico picchiettio di una fredda doccia primaverile sul tetto di lamiera di una legnaia.

Si abbassa e prende un ranuncolo dal gambo, porgendolo a lei. Lo prende in mano, un sorriso le si apre sul viso come il sole nascente.

"Puoi chiamarmi Buttercup" ammette.

"Ranuncolo, per favore, mi mostreresti la tua magia?" lui chiede.

Lei annuisce, scuotendo la criniera, diffondendo la luce riflessa attraverso la foresta. Griz sente la brezza sollevarsi e leccargli la nuca, senza preavviso migliaia di farfalle apparentemente nascoste nell'erba lunga fino alle caviglie esplodono nell'aria con le loro minuscole ali lanciando sbuffi di polline e semi nell'aria. Le loro ali erano bianche o gialle, con bellissimi motivi verdi. Volarono in aria confondendosi insieme e tutt'intorno, una torrida e caotica spirale di bellezza. Come una cometa che sfreccia verso l'alto nel cielo diurno, andarono sopra gli alberi e poi giù fuori vista. Griz notò a malapena che il ranuncolo lo stava trascinando lontano dalla radura, con decisione verso gli alberi. Solo realizzando una volta che l'ultima delle farfalle era fuori vista. Abbassò lo sguardo e vide che i fiori rossi, viola e arancioni erano rimasti, ma i fiori gialli e bianchi erano spariti.

Una volta oltre il limite del bosco si schiantarono goffamente lungo il suolo della foresta finché Buttercup si fermò davanti a un piccolo alberello. Il cielo sopra di esso era limpido e azzurro, un giorno questo sarebbe stato un altro colosso della foresta. Cresceva nel vuoto dove un tempo sorgeva una grande quercia, ma il tronco nodoso giaceva parallelo al terreno. Già sede di moltitudini di creature raccapriccianti e città microbiche. Mise le mani vicino allo stelo degli alberelli e chiuse gli occhi, dapprima lentamente con un lamento lo stelo cominciò a gonfiarsi, dove una volta c'erano una o due foglie ora ce n'erano dieci. La cima dell'alberello schizzò verso l'alto raggiungendo il cielo. Ha sfidato ferocemente la gravità, sostenendo il proprio peso allargando il tronco. La corteccia scoppiettava sulla sua superficie, proteggendo la corteccia carnosa, fortificando la forza dell'ormai albero. Buttercup non si fermò finché l'albero non fu assolutamente colossale. Facilmente l'albero più massiccio della foresta. Appoggiò una mano a coppa contro la base dell'albero, sussurrando nel suo nucleo. L'albero rabbrividì facendo cadere una piccola pioggia di foglie mentre lo faceva.

“Cosa gli hai detto?” chiese Griz.

"Gli ho dato un nome" ha spiegato "Gli ho detto che sarebbe stato conosciuto come il cazzo di Griz"

Gli prese la mano ancora una volta, ridendo mentre lo faceva, e lo portò via alla ricerca di qualcos'altro da mostrare. Camminarono attraverso la foresta, senza dire molto, ma godendosi la reciproca presenza. È possibile che la fata potesse leggere la sua mente e gli abbia permesso di leggere la sua, in modo che potessero conoscersi rapidamente. O forse semplicemente non sentivano il bisogno di parlare. Buttercup condusse Griz a un piccolo ruscello, facendosi strada tra i tronchi degli alberi alti. Le sue origini erano probabilmente una piccola sorgente in una montagna, o un ghiacciaio in via di scioglimento. Il ruscello trasportava ramoscelli e foglie da un luogo all'altro, l'umidità lussureggiante sui suoi lati ospitava vermi, rane e piccole creature che si contorcevano. Il ruscello scorreva lungo piccole pietre facendole rotolare, levigandole in uova ignee. Buttercup e Griz si inginocchiarono insieme e bevvero dalle sue gelide acque rinfrescanti. Assaporando la freschezza mentre bevevano assetati. Quando ebbe bevuto a sazietà cominciò a giocare con l'acqua, facendola arcuare verso l'alto in piccoli zampilli che spruzzavano Griz nell'occhio, o nella narice. Per gioco la spinse in acqua e lei sguazzò nel fango. Le sue gambe si spalancarono e gettò indietro la testa, ridendo felice. Anche Griz rise, ma si prese anche il tempo di guardare il suo tumulo pubico, vedendo la sua fessura bagnata, leggermente aperta e rosa. Poteva vedere chiaramente che somigliava molto a un essere umano e questo lo riempì di un sentimento di gioia misto a lussuria.

Saltò fuori dall'acqua, desiderando che il fango e l'umidità fossero lontani da lei, cadde come una pioggia fangosa. Con sorprendente grazia saltò sui bassi rami di un albero vicino, arrampicandosi efficacemente oscillando da un ramo all'altro, da un albero all'altro. Il sole era già tramontato e Griz corse a starle dietro mentre si lanciava nel basso baldacchino. A volte doveva fare affidamento sul suono di lei che spazzolava le foglie o sulle sue risate per sapere dove correre. Era esausto quando irruppe oltre il limite di un albero e raggiunse la radura da cui erano partiti. Corse pesantemente nell'erba e inciampò, cadendo prima sulla schiena e poi in posizione seduta. La sua faccia era all'altezza del suo stomaco. Ridacchiò di pura gioia alla scena divertente accovacciata davanti a lui. Più volte smise di ridere, tentando di fingere una faccia seria e più volte fallì, scoppiando di nuovo. Alla fine si riprese il controllo, la sua espressione perplessa non cambiò minimamente.

"Prima che ti mostri il mio regalo, hai qualche magia, Griz?" chiese inclinando la testa di lato.

La guardò impassibile poi la tirò avanti e indietro in modo che la sua schiena fosse davanti al suo petto, tra le sue gambe muscolose. L'erba gli solleticava il buco del culo, facendo sporgere un po' il suo orgoglioso pene, spingendola nella parte bassa della schiena. Le mise una mano sulla morbida schiena, raccogliendole i capelli nell'altra e avvolgendoglieli sopra la spalla. Ammirando la luce della luna che giocava sui suoi riccioli mentre le scivolavano sul petto. Le rimise l'altra mano sulla spalla e cominciò a cercare i muscoli con i pollici. La sua schiena era abbastanza simile a quella di un essere umano. Poteva sentire i tendini ei muscoli tendersi e allentarsi sotto le sue dita potenti. Il suo sangue magico stimolato dalla pressione, restituendo elasticità e rilassamento ai muscoli striati sulla schiena. La sua testa si abbassò per il piacere. Occhi chiusi. I suoi pollici esplorarono la sua carne lattiginosa, trovando i nodi e alleviandoli. Profonde e dure le sue dita fecero leva. La tirò su un fianco e poi sullo stomaco. Giù per la parte bassa della schiena le sue dita vagarono. Il suo respiro era distante. Incarnazione totale del relax. Le raggiunse le natiche. Sodo, rotondo e caldo. Ha trascorso più tempo a lavorare i muscoli lì, allontanandoli l'uno dall'altro e insieme. Godendo la sensazione nelle sue mani e guardando il suo splendido buco del culo e le labbra della sua figa aprirsi, poi scomparire dalla vista. Dopo un po', non volendo oltrepassare il suo benvenuto. Le mosse le mani lungo le gambe, sfiorandole l'interno coscia con il pollice. Fu ricompensato con un piccolo brivido. Convinse l'esterno delle sue cosce con una forte presa, desiderando che fossero guarite da qualunque stress fossero sottoposte. I suoi forti polpacci hanno ricevuto lo stesso trattamento all'esterno. I suoi piedi sono stati esplorati totalmente, ogni dito, ogni muscolo e ogni tendine ha ricevuto una carezza decisa e gentile. Risalì le gambe dando un'occhiata approfondita ai muscoli all'interno delle gambe di lei. Andò verso l'alto, caviglia, polpaccio, ginocchio, coscia e infine inguine.

Adesso era completamente eccitato, i suoi occhi erano ancora chiusi e decise di azzardare uno sguardo. Così ha usato le sue mani per spaccare le sue deliziose chiappe. Abbassò il viso per vedere meglio. Vide un morbido buco del culo marrone, che pulsava un po' mentre le sue mani lo aprivano, ma i muscoli cercavano di tenerlo chiuso. Gli stava quasi facendo l'occhiolino. Poco più in basso poteva vedere le sue labbra, ora piuttosto umide, del liquido chiaro era fuoriuscito ed era gocciolato sull'erba sottostante, metà attaccato alla sua metà sull'erba. Vide la sua prontezza, le sue labbra brillavano al chiaro di luna mentre le piccole gocce di rugiada d'amore rifrangevano la pallida luce. Lei fece un lieve sospiro e lui alzò lo sguardo, fissandola negli occhi mentre lei ora aveva la testa sollevata che lo guardava da sopra la spalla. Senza interrompere il contatto, si avvicinò a lei a quattro zampe, e lei girò il corpo in modo che il suo petto fosse sotto il suo. Hanno serrato le labbra. La sua lingua saettò nella sua bocca e lui le danzò intorno mentre lei cercava di esplorare i suoi denti e la sua lingua. Si abbassò su di lei in modo che fossero in un abbraccio più profondo e intimo. Le loro gambe erano intrecciate con la sua gamba destra tra le sue due gambe, sfregando contro il suo tumulo e la sua gamba destra intrappolando il suo cazzo molto eccitato contro il suo stomaco. Il calore sembrava accumularsi nell'aria fresca della notte. I loro movimenti lenti divennero più veloci, meno controllati, più primitivi. Le sue mani le corsero lungo il corpo fino ai seni. Gli succhiò brutalmente la lingua, avvolgendogli le braccia intorno alla schiena e afferrandogli il sedere. Le loro gambe iniziarono a dimenarsi mentre si schiacciavano l'una contro l'altra. La sua mano percorse la sua schiena grattando dolcemente i muscoli montuosi. L'altra mano gli afferrò le natiche stringendo e rilasciando.
Cominciò a baciarle il viso, poi il collo. Abbastanza aggressivo, la sua lingua molto bagnata. Praticamente le stava leccando il petto quando la sua mano trovò il suo capezzolo e cominciò a pizzicarlo. Mentre si spostava oltre la sua clavicola, il suo sedere divenne troppo lontano perché lei potesse giocarci, così lei mosse la mano e prese la punta del suo pene giocandoci tra l'indice e il pollice. Si attaccò al suo capezzolo con le labbra, facendo girare la lingua attorno ad esso, giocandoci. Poteva sentire il calore mentre il sangue scorreva nel capezzolo rendendolo sempre più eretto. Inarcò la schiena nella sua mano, cercando di spingere le dita più in basso. Si fermò per un secondo, emettendo un basso ringhio che risuonò nel profondo del suo petto. Con oscena disinvoltura la sollevò di peso in aria, facendole cadere la faccia sul suo inguine. Le costrinse una gamba sopra la spalla e guardò la sua fica fradicia. Avidamente vi costrinse la faccia a succhiare il succo abbondante che gocciolava dalle sue labbra zuppe.

Afferrò il suo pene molto gonfio, infilandosi la testa in bocca. Rotolò il labbro superiore sui denti e tirò fuori un po' la lingua. La testa si annidò tra le sue labbra e la sua lingua. Succhiando dolcemente, tirò fuori il precum da lui e lo fece entrare nella sua gola. Aggiungendo saliva la sua testa cominciò a chinarsi su e giù, adorando la sua virilità. La sua bocca era calda, umida e tesa. Perfetto per un pene per trovare una casa. Andava su e giù, il suo naso quasi toccava i suoi testicoli cadenti. La sua lingua era speleologica, nel profondo di lei. Assaggiando i succhi aspri che si nascondevano in profondità tra le pareti rosa. Aveva il mento e il viso fradici, un misto della sua saliva e soprattutto della sua umidità. Avrebbe leccato oltre il buco fino al suo buco del culo, immergendo la lingua lì dentro e poi leccando fino in fondo al suo clitoride. Prese il clitoride tra le labbra e lo succhiò. Scegliere di non muoversi, solo succhiare. Alla fine iniziò a strofinare ritmicamente i fianchi contro il suo viso, essenzialmente masturbandosi mentre il suo piccolo clitoride riposava tra le sue labbra. Lui le prese le mani e le avvolse attorno alle sue gambe, l'indice sinistro nella sua fica fradicia cominciò a stuzzicarle il buco del culo. Due delle sue dita destre andarono fianco a fianco nella sua figa cercando di trovare il morbido muro spugnoso del suo punto g. I suoi fianchi roteanti si posarono contro le sue dita, ogni colpo portava il suo dito indice più in profondità nel suo ano. Ogni volta che muoveva le sue doppie dita stimolava il punto dentro di lei che si sentiva così bene. La sua clitoride era ancora annidata nella sua bocca. Doveva respirare pesantemente, quindi tolse la bocca dal suo attrezzo. Appoggiando la testa sulla sua coscia mentre si muoveva avanti e indietro sempre più forte.

Gemeva pesantemente, respiri vigorosi le filtravano dal petto come conigli in fuga dai segugi. Le sue dita gli afferrarono le cosce tenendole troppo strette, diventando bianche alle nocche. Le unghie gli affondarono nella pelle, facendo sanguinare. Senza preavviso lei balzò in piedi, facendo cadere immediatamente le ginocchia a terra vicino al suo bacino. Senza nemmeno prendere la mira, si affonda completamente sul suo magnifico cazzo. E inizia a martellare su e giù. Le sue natiche che sbattono contro la sua pancia. Le chiappe si uniscono mentre si alzano dal suo stomaco, rivelando il suo buco del culo poco prima che si chiudano di nuovo. Lei sta sbattendo contro di lui con più peso di quello che sembra avere. Chiude gli occhi, sdraiandosi per godersi la scopata. La sua testa è alta, le sue mani sono appoggiate sul suo petto in modo che i suoi seni siano rivolti verso il cielo. La luna è una voyeur del sordido cazzo che si svolge nel tranquillo buco nella foresta.

Il suo stomaco inizia a tremare e lui può sentire i suoi muscoli contrarsi e allentarsi in un ritmo spasmodico. Le labbra della sua figa stringono il suo cazzo. Cerca disperatamente di salire sul treno del piacere, ma perde la sensibilità e inizia a rallentare. Non soddisfatto di come stanno le cose, Griz si tira fuori e la costringe a tornare indietro in modo che il suo culo sia in aria esposto alla luna. Afferra il suo cazzo e lo infila dentro. Comincia a picchiarla selvaggiamente, cercando di spingersi sempre più in profondità nel suo petto. La sua faccia è premuta contro la terra, ma dalla sua bocca non escono lamentele. Sta sorridendo, godendosi la sensazione di guarire e di essere veramente scopata per la prima volta nella sua vita. Griz si sente come se stesse martellando da molto tempo e si chiede perché non sia ancora arrivato. Rimane distratto abbastanza a lungo da ricordare una storia che ha sentito nella sua virile adolescenza sulle fate della foresta a cui sono stati dati tutti gli stessi doni delle fate della montagna e del fiume con l'ulteriore dono magico di essere la migliore scopata di qualsiasi maschio o femmina umana. avrà mai. I loro succhi vaginali attutiscono i nervi del pene in modo tale da reprimere la voglia di eiaculare ma aumentare la sensazione di piacere. La loro saliva d'altra parte costringe sempre più sangue a scorrere in una vagina, portando un intenso piacere orale a qualsiasi clitoride che succhiano.

Soddisfatto che questa sia la risposta al motivo per cui non verrà, Griz decide di rallentare e godersi il suo tempo. Si tira fuori ancora una volta, lanciandole ranuncolo sulla schiena. Entra in lei e guida il viso verso di lei. Ancora una volta le esplorava la bocca con la lingua, ma in maniera molto più riservata. Le loro mani percorrono i corpi l'uno dell'altro, tracciando disegni lungo la loro pelle con la punta delle dita. Una delle sue mani torna sulle sue natiche. Gli spacca le guance e inizia a giocare con il suo buco. Sente il suo cazzo salire dentro di lei, complimentandosi con la sensazione. Sottilmente lo fa scivolare dentro. Massaggiandogli l'interno dello sfintere fa rotolare il dito. Nuovo alla sensazione, smette di scoparla per un po'. Mi sto solo godendo la sensazione di qualcosa nel suo culo per la prima volta. Comincia a macinarsi dentro di lui mentre allo stesso tempo lo scopa con il dito, quasi come se contemporaneamente cavalcasse il suo cazzo e lo fottesse con il suo. È enormemente eccitata dalla sensazione e può sentirsi inondata, il suo cazzo è inzuppato di succo. Anche la sua giungla di peli pubici sembra attraversata da un temporale.

Dopo un po' le afferra le mani e le solleva in alto sopra la sua testa, tenendole lì. Si sporge leggermente e le solleva le ginocchia verso il petto in modo che il bacino ruoti verso l'alto. Usando la mano libera tira fuori la testa e la appoggia delicatamente contro il suo buco del culo. Il suo buco del culo è molto lubrificato dal liquido che trasuda dalla sua calda fica bagnata. Lentamente si spinge dentro, i suoi occhi si chiudono per il dolore. All'inizio è solo la testa. Non andare fino in fondo sembra incredibilmente doloroso. Poi si apre seguito a breve da un centimetro della sua asta. Con impazienza spinge il resto dentro di lei, facendola gridare dal dolore. Si riprende e si ferma, vergognoso. Aspetta, non sa cosa fare. La osserva mentre il suo viso si rilassa. Le sue ginocchia iniziano a oscillare su e giù e lui sente che lei si sta fottendo minuziosamente contro di lui. Il suo pene sembra assolutamente paradisiaco. Lui usa una mano per raccogliere l'umidità dalla sua fica e ci ricopre il cazzo. Questo aiuta molto più lubrificante c'è meno le fa male. Lei inizia ad andare sempre più veloce fino a quando il suo raggio di movimento è totalmente limitato, quindi lui prende spunto per iniziare a scoparla. Nel profondo del suo culo si infila. Adora la sensazione del suo cazzo che spinge contro le sue viscere. È così intimo e intenso. La sensazione è mista, fa male ma non così tanto, più uno strano disagio mentre il suo sfintere cerca di chiudersi ma non ci riesce. Le lascia le mani in modo da poterle piantare fermamente su entrambi i lati per una migliore leva. Si porta una mano delicata lungo il corpo fino al clitoride e comincia a massaggiarlo. Godendo della stimolazione multipla. Infila dentro alcune dita. Tirandoli fuori osserva come l'umidità si aggrappa a loro formando stringhe mentre apre e chiude le dita. Si porta la mano al viso e lo fissa negli occhi mentre si infila ogni dito in bocca e se lo lecca per pulirlo. L'altra mano è ancora nella posizione in cui era, ma non più trattenuta, chiude gli occhi e appoggia il viso sul braccio. La mano torna sulla sua clitoride e inizia a strofinare furiosamente.

Il brivido colpisce il suo corpo come un terremoto, sente i muscoli dello stomaco contorcersi e convulsioni. Il suo sfintere anale si contrae e le sue gambe si muovono in modo spastico. Questa volta se la cava. La stimolazione dell'aria fredda della notte sui suoi capezzoli, la sua mano sul suo clitoride, un vuoto superficiale dove una volta era il suo cazzo nella sua vagina e la scomoda beatitudine dell'asta nel suo culo è sufficiente a mandarla in shock. Il suo corpo trema e freme piccoli schizzi di eiaculato sgorgano dalla sua vagina come una fontana. Gli inzuppa il petto e la faccia. Si aggrappa ai suoi fianchi cercando di aggrapparsi allo spettacolo di rodeo. Le sue mani stanno premendo sulla sua fica disperatamente per scoparsi più forte cercando di premere sempre di più il piacere. A poco a poco scende, un piccolo brivido qua e là ogni paio di secondi. Lei lo tira fuori da sé con un leggero tonfo. Lei striscia fuori da sotto di lui e si gira. Ad occhi ancora chiusi raccoglie magicamente una grossa palla di rugiada dalle foglie circostanti, vi respira dentro e la lascia stropicciare tra le sue mani come una bacinella. Si abbassa e lava delicatamente il succo e la materia fecale invisibile dal suo pene prima di chinarsi per succhiarlo di nuovo.

Lei lo guarda negli occhi mentre spinge tutto dentro e fuori dalla sua gola. Dopo un po' gli spinge il petto all'indietro in modo che si sdrai sulla schiena nell'erba. Si arrampica su di lui e fa scivolare il suo cazzo ancora duro nella sua caverna scivolosa. Comincia a rimbalzare su e giù. Occhi chiusi. Lui si alza e afferra le sue tette, giocando con loro e massaggiandole. Ogni tanto si ferma e rabbrividisce quando una scossa di assestamento la colpisce. Lei ricomincia a respirare pesantemente e comincia a scoparlo più forte. Le sue mani sulle sue spalle per sostenersi, gli picchia il pene in profondità tra le pieghe. Dimenarsi e dimenarsi come un gatto trattenuto contro la loro volontà. È nel nirvana, la sua mano è avvolta attorno al suo culo con un dito nel suo buco del culo. Ogni volta che sale, esce, ogni volta che scende, entra. All'improvviso lui la tira giù in modo che il suo viso sia vicino al suo, la avvolge con le braccia intorno al petto e le stringe il petto. I suoi movimenti sono limitati, quindi è costretta a essere alla sua mercé. Entra ed esce da lei con sconsiderato abbandono. Tra loro due diventano estremamente sudati, i loro corpi premuti l'uno contro l'altro un terreno fertile per l'umidità. La superficie liscia rende più facile per lei iniziare a scivolare orizzontalmente aggiungendo una dimensione extra al cazzo verticale. Le sue spinte sporadiche le fanno sapere che lui è vicino, lei sa istintivamente che dovrebbe prepararsi per il suo carico di sperma.

Lei si tira su e giù da lui, baciandogli il petto, lo stomaco e infine il cazzo. Bacia la testa e poi la parte posteriore. Accarezza lo spazio dove il prepuzio incontra l'asta con la punta della lingua, facendogli venire i brividi lungo la schiena. Gli bacia le palle, prendendole ciascuna in bocca e succhiandole dolcemente. Continua verso il basso, pulendo la sua macchia con la lingua e raggiungendo finalmente il suo buco del culo. Ci gioca dolcemente, sondandola e schernendola, spingendosi un po' più in profondità ogni volta. La sua mano si alza e gli accarezza dolcemente l'asta. Alza le ginocchia sopra la sua testa e le allarga in modo che lei abbia un accesso migliore. Dopo un po' torna su con i baci e sostituisce la lingua con un dito. La sua lingua va al suo cazzo e lo prende tutto in bocca. Il dito sonda intorno alla cavità anale camminando lungo la parete superiore alla ricerca del bulbo delle dimensioni di una noce che sa essere lì. Trova la sua prostata e comincia a mungerla. La sua bocca fervente continua il suo ministero. Succhiando e bevendo il suo pene come un ghiacciolo in una giornata di mezza estate. Comincia a fotterla dentro, cercando di infilarle il pene nel cranio.

Va sempre più veloce finché alla fine esplode. Non c'è abbastanza spazio nella sua testa per tutto lo sperma. Spruzza da entrambi i lati del suo cazzo, esplodendo sullo stomaco e sulle palle. Continua a succhiare e succhiare, ingoiando tutto quello che può, leccando il resto con apprezzamento. Completamente esausto, non può fare altro che godersi la sensazione della morbida lingua mentre lecca drenando l'ultimo sperma. Soddisfatta, striscia lungo il fianco del suo corpo e gli appoggia la testa sul petto. Abbassa lo sguardo e vede che il suo pene è ancora duro come la roccia.

Storie simili

Oh come l'amore ha artigli affilati, parte 3

Lo fissai con la confusione che mi si diffondeva sul viso prima di dire: “Sei un cosa? Darren mi fece un sorriso da gatto del Cheshire mentre rispondeva: Sono un Lemuriano. Arricciai le sopracciglia mentre lo guardavo accigliato. Con quel sorriso stampato in faccia, potevo dire che amava ogni minuto della mia confusione. Alla fine, non ce la facevo più e ho dovuto chiedere: Che diavolo è quello? Quel suo sorriso è diventato più grande in un sorriso Ho uno sporco segreto che voglio che tu indovini mentre lui rispondeva: Oh, sarà così divertente spiegare cosa sono. Vorrei iniziare parlando della...

1.7K I più visti

Likes 0

Bob troie sua moglie trofeo molto disponibile

BOB TROIA LA SUA MOGLIE DEL TROFEO MOLTO DISPONIBILE IL VOLUTTUOSO RICETTO DEL CAZZO: Bob guardò fuori dalla finestra di casa sua e guardò sua moglie, Vicky, guidare la sua auto sportiva di lusso su per il lungo vialetto circolare e parcheggiarla appena oltre la porta d'ingresso. Quando la Jag si fermò, lei scese e lui osservò il suo corpo assurdamente ben fatto ondeggiare intorno alla parte posteriore del veicolo e avviarsi verso la porta d'ingresso, ondeggiando provocatoriamente sui suoi stivali con tacco a spillo da 5 pollici. Era uno spettacolo pungente da vedere. Era vestita con una tuta arancione assolutamente...

1.7K I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

1.7K I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

1.3K I più visti

Likes 1

Mi scopo la mamma del mio amico

Alicia che fai stasera? chiesi a mia sorella. Vado a stare con il mio amico a casa sua Pensi di potermelo passare? Come si chiama? Sono sempre stato protettivo nei suoi confronti, e ora che ha 16 anni ci saranno molti ragazzi che cercheranno di approfittarsi di lei. Anche io penso che sia sexy, ed è mia sorella. Non preoccuparti, penso che sia gay. Anzi, gay. Sai? Avevo fretta, non avevo più tempo per interrogarla. Sii prudente urlai mentre uscivo dalla porta. Sono saltato sul mio F-150 sollevato e ho iniziato a guidare. C'era questo night club di 18 e più...

1K I più visti

Likes 0

L'harem dell'imperatore - Parte 1

Nell'harem dell'imperatore 1. Sai chi sono? chiesi alla ragazza incatenata di fronte a me. La donna sembrava così piccola rannicchiata davanti alla mia virilità eretta. Evitò il mio sguardo e si inginocchiò in silenzio. Rispondetemi! urlai, facendo schioccare la frusta che avevo in mano contro il pavimento di marmo decorato. Non avrei mai potuto usare la frusta su di lei, ovviamente, apprezzavo troppo la pelle impeccabile delle mie donne e non cicatrizzavo mai una di loro, ma lei non lo sapeva. «Sei l'imperatore Domiziano», disse piano. Hai ucciso la mia famiglia. “Ah ti sbagli amore mio,” risposi velocemente. Sono stati i...

922 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

897 I più visti

Likes 0

Eva ed io capitolo 3

Gli eventi della scorsa notte mi hanno fatto guardare Eva sotto una luce diversa. Sapevo che dovevo averla. Avevo bisogno di seppellire il mio cazzo in profondità nella figa stretta di mia figlia. Stavo leggendo il giornale al tavolo della cucina quando è entrata Eva, con indosso i suoi culotte di pizzo blu e il reggiseno abbinato. I suoi peli neri di micio, che teneva ben curati, erano chiaramente visibili attraverso il materiale di pizzo dei suoi pantaloncini. Indossavo la vestaglia perché ero appena uscita dalla doccia. Eva si è fatta una tazza di caffè e si è seduta accanto a...

776 I più visti

Likes 0

Ashley & Madison III capitolo 2

Jim e Beverly sedevano nella vasca ricordando certe cose accadute molti anni fa. Jim ha appena rivelato che si sarebbe riconciliato con suo fratello Raymond. Jim sta raccontando a sua moglie Beverly i molti modi in cui suo fratello Raymond ha tradito uomini molto importanti in altre sette segrete del Minotauro e del Satiro. Quindi riprendiamo la storia con Jim che racconta a Beverly una nuova storia sulle gesta di suo fratello gemello Raymond. Jim guardò sua moglie dall'altra parte della vasca da bagno e disse: “Sai che ci sono così tante cose che non sai su mio fratello. Ricordi la...

821 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.