Parte vittoriosa 4

631Report
Parte vittoriosa 4

«Vieni nel mio ufficio.»

Victor riattaccò e si alzò. Ormai l'ufficio si era svuotato della maggior parte delle persone. Carmine era partito addirittura alle sei. Entrando nell'ufficio del suo capo, vide Meredith seduta allo schienale della sedia dietro la scrivania.

Sollevò le mani e inarcò le dita. Victor si è fatto forza per la sua corsa finale alla proposta di matrimonio. "Come sarà il nostro programma la prossima settimana, Victor?"

«Una chiamata lunedì per uscire a Leethon. È un ospedale che cerca di aggiornarsi da Dellis 9. Giovedì e venerdì due riunioni a Wendlewood, in fondo alla strada.»

“Cambia il venerdì in giovedì o mercoledì. Ho mia madre che viene in città.

"Vedo."

Meredith fece il giro della scrivania e si appoggiò allo schienale raggiungendolo. «Vieni, Vittorio.» Si avvicinò afferrando una mano. Lo tirò intimamente vicino faccia a faccia in modo che fosse premuto contro i suoi seni. Il suo fresco alito di menta e il suo Chanel si alzavano duellando leggermente.

Con l'ombretto pesante che indossava, i suoi occhi gialli sembravano particolarmente luminosi mentre lo fissava. “Hai pensato alla mia offerta di recente? Sono molto curioso di sapere se sono sorte domande durante la tua decisione.

"L'hai detto a tua madre?" chiese seccamente.

Sbatté le palpebre. "La mia offerta Victor." Si chinò per mordergli il naso.

Tirò indietro la testa, allontanandole dalla bocca i suoi capelli neri e ondulati. «Non ancora Meredith.» Lui la fece accomodare e la guardò. I suoi occhi giallo nocciola brillavano umidi e contrastavano con la sua profonda abbronzatura olivastra. "L'hai detto a tua madre?" Chiese di nuovo chiaramente.

I suoi genitori adottivi erano israeliani senza figli che le avevano insegnato meticolosamente tutto ciò che sapevano, ed erano la ragione per cui il sociopatico privo di emozioni non era su un F.B.I. elenco dei casi ormai.

Meredith si fermò a sostenere il suo sguardo prima di rispondere. Dietro di lui, la sua mano si spostò dalla sua schiena al suo sedere. “Sa che ho preso in considerazione il matrimonio. È da tempo che vuole dei figli da me. Lei ti conosce, e nonostante tu sia un gentile, tu stai... bene. Sente che se devi essere tu, allora non discuterà più. Finché le quote saranno rispettate, lei sarà d'accordo.

Victor ridacchiò, i suoi genitori cercavano attivamente di convertirlo durante le vacanze ogni anno. “Beh, non è così sexy. Immagino che là fuori non ci sia un bravo ebreo per te.»

Ha provato a morderlo di nuovo. "NO." Entrò per un bacio e catturò le sue labbra. "Sei il migliore."

Si sedette più in alto sulla scrivania e si sporse verso di lui e lo baciò di nuovo. La mano di lei scivolò verso il basso rilasciando la sua lunghezza indurita. Con una tecnica praticata, lo tirò dritto e lo fece scivolare lungo l'interno delle sue cosce.

Il suo cazzo toccava qualcosa di liscio, caldo, carnoso e bagnato. "Ccosa stai facendo?" Seduto com'era, non ricordava che non indossasse le mutandine.

Si avvicinò a lui saltando dalla scrivania sul suo cazzo. Si tenne sulla sua spalla e attorno al suo collo mentre le sue spesse gambe muscolose scivolavano su entrambi i lati di lui. La mossa lo sorprese mentre il suo cazzo si muoveva dentro di lei, il suo buco lo afferrava e si aggrappava a lui. Alla fine, i loro fianchi si incontrarono nella scomoda posizione eretta. Fece un lungo respiro profondo mentre la sua figa pulsava intorno a lui. Poteva sentire che era già molto vicina. “Grazie per aver accettato la mia offerta. Sento che sarai molto soddisfatto della nostra decisione. Offriamo un servizio eccellente.”

Meredith pensava di aver chiuso l'affare.

“Ascolta…” protestò mentre lei iniziava a sbattersi contro di lui. Entrambi lottarono mentre lei rimbalzava su di lui e lui cercava di trattenerla. "Ascoltare." Disse fermando il suo corpo mentre i suoi fianchi giravano ancora. "Lo stai facendo male."

Victor si allontanò e la fece girare. Il suo cazzo luccicava ed era scioccato che lei fosse già venuta su di lui in qualche modo. Si è mosso rapidamente, l'ha fatta girare, ha piegato il suo sedere felice, ha esposto i suoi enormi panini arrotondati e l'ha inculata prima che potesse fermarlo.

"NO. Dovremmo avere un figlio. Mi è stato detto...» Meredith lo supplicò suonando scoraggiata mentre lottava con lui che cercava di tornare indietro, ma lui si fermò all'esterno delle sue gambe e la intrappolò.

Victor si spinse più in basso su di lei spingendole la testa e continuando a scivolare più in profondità. "Chiudi la bocca. Te ne darò uno quando sarò bravo e pronto. Ha aumentato la velocità nel suo grosso culo e ha iniziato a scoparla più velocemente in un ritmo spietato che ha inviato onde d'urto lungo la carne esposta.

Mentre si spingeva nel suo culo, Meredith protestò e lei cercò di uscire da sotto di lui. I suoi movimenti lo aiutarono rapidamente a raggiungere l'orgasmo dopo le precedenti prese in giro con Carmine.

Dopo aver ripreso fiato, ha cercato di dettare legge. “Questo fine settimana penserò alla tua offerta. Devo prendermi del tempo per considerarlo completamente. So che stiamo insieme da un po', ma domande come se mi trasferisco...

"SÌ." Lei intervenne.

“…O soldi? O assicurazione? Lo tieni? Quanti bambini? I nostri cani si piacciono?"

Meredith si bloccò mentre cercava di seguire le sue domande da giocoliere.

Continuò Vittorio. "Abbiamo molto a cui pensare, vero?"

"SÌ." Disse lentamente.

Tornare a casa come al solito è stato un affare tranquillo. Viveva in un complesso di appartamenti di graziosi bifamiliari per giovani professionisti e giovani famiglie da quando aveva un cane. Il suo fine settimana è stato lento e tranquillo.

Domenica mattina, Victor era sveglio fino a tardi, ma ha portato a Simon il suo Heeler australiano rosso biondo per una corsa. Sulla via del ritorno, ha preso il giornale.

"Ei, tu! Cosa stai facendo?" disse Taris sorprendendo Victor che accompagnava Simon nel parcheggio.

Taris era un biondo scuro dalle gambe lunghe con un'abbronzatura arancione. Oggi indossava una canottiera e minuscoli pantaloncini da ginnastica che mostravano quanto fossero lunghe le sue gambe.

Si avvicinò e si aggrappò a Simon the mack. «Ho appena ricevuto il giornale. Vedrò cosa pensano Dan Henninger e Steve Forbes del mondo".

Victor guardò la sua canotta. Taris era una mano decente piena ma aveva un bel culo e oggi i suoi pantaloncini la stavano rendendo famosa.

Alzò lo sguardo distratta. "Chi?"

Victor le agitò il WSJ. "La carta. Vado a leggere il giornale.

Lei inclinò la testa verso di lui. "Oh... Sembra noioso."

Victor si appoggiò allo schienale in modo da non sembrare un pervertito. "Sai che i cinesi hanno una vecchia maledizione 'Possa tu vivere in tempi interessanti'."

La guardò prendere mezzo secondo per pensarci prima di respingere ciò che aveva detto. “Eh, beh, quando hai finito perché non vieni da me? Ho bisogno del tuo aiuto con qualcosa.

Vittorio sospirò. Taris era una ragazza carina che aveva un disperato bisogno di un ragazzo e lo considerava il bravo ragazzo che sostituiva. La sua stessa morale gli ha impedito di caricare la gat e di convertirsi in una relazione completa. Quindi, come al solito, ha approfittato della confusione e lo ha coinvolto nel lavoro di volontariato.

Notò la sua espressione dubbiosa. “Non preoccuparti, ci vorranno solo pochi minuti. Possiamo bere vino e io ordinerò una pizza. Disse alzandosi.

"È... va bene che ne dici alle quattro?"

Gli mostrò quelle che sembravano unghie perfette. "No, devo uscire per un appuntamento."

A Victor mancavano i bisogni nevrotici delle donne a volte e Taris era sempre brava a svegliarlo. "Va bene, otto?"

Lei lo guardò sospettosa. "Perchè così tardi?"

Vittorio scrollò le spalle. "Che buon momento Taris?"

“Ehm, verso le due. Immagino che potrei pranzare tardi e ordinare qualcosa.

Meredith, a differenza di Taris della dieta del parto, è un'ottima cuoca.

"Va bene Taris, suona alla grande." disse Victor voltandosi.

"Non dimenticherai?" Lei ha chiamato.

Non riusciva a vedere il suo sorriso. "No, non preoccuparti."

"Fantastico, ordinerò qualcosa di buono, lo prometto."

Alle due, Victor aveva finito con tutto e aveva tirato fuori i suoi vestiti per la visita di vendita del lunedì. Leggendo il Sunday local e il WSJ, ha appreso delle sciocche stronzate che le persone al governo facevano per tenersi occupate mentre i veri problemi crescevano.

Stranamente, Simon lo avvertì dell'ora e lui si avvicinò per vedere cosa doveva fare Taris.

Taris aprì la porta al primo colpo nonostante la sua radio a tutto volume. Dentro le borse da asporto sedevano sul tavolo.

"Così possiamo mangiare prima che ne dici?"

“Certo...” disse Victor entrando.

I burritos che ha ottenuto hanno cercato di essere buoni nonostante fossero vegani. Victor si chiese perché li prendesse a dieci dollari l'uno.

"Beh, è ​​stato fantastico..." disse Victor cercando qualcos'altro da mangiare.

Pensando che fosse pronto a lavorare, saltò su. "Giusto! Beh, volevo che controllassi il lavandino qui. Lei lo condusse. «L'ho già ripulito là sotto. Ho cambiato il filtro ma ora non esce niente. Vedere?" Ha detto di aprire l'acqua.

"Va bene, dammi un minuto." Victor salì e diede un'occhiata.

Un minuto si trasformò in quindici mentre cercava di svitare e riavvitare il filtro in cui qualcuno con incredibile flessibilità si era incastrato.

Durante una pubblicità, Taris è entrata in cucina. “Allora, Rorsiac suonerà al Metreon il prossimo fine settimana. Vuoi andare al bar dopo?"

"Uh... in realtà non posso, e non posso nemmeno più uscire." disse Victor fermandosi a guardarla.

"Cosa...?"

"Una ragazza che sto vedendo ha deciso di voler essere esclusiva ora, quindi ..." Victor si interruppe.

Taris divenne seria e un po' spaventosa mentre si muoveva per stargli vicino. "Che cosa? Voglio dire, cosa vuoi dire che ha deciso?

"Beh, era una persona che conoscevo da un po' e immagino che fosse diventato se dovessi andarmene, o farcela più di quello che avevamo."

Fece una pausa indovinando il significato nascosto. "Così l'hai appena scopata," disse con le mani sui fianchi. "...E voleva andarsene, ora LEI ti vuole... per se stessa."

"Sì, immagino..." mormorò Victor sorpreso dalla sua comprensione intuitiva della sua vita.

"Quindi un'altra donna... sono contento che tu non sia gay." Sorrise ironicamente guardando fuori senza vedere. «Mi chiedevo perché ti muovevi così lentamente. Era come se flirtassi solo quando eri annoiato o ubriaco.

“Preferisco prendere le cose come vengono.”

Si avvicinò a lui e si accovacciò per scendere al suo livello. "Anch'io. Non posso dire di essere troppo contento." Lei lo fissò. "Gli uomini di solito tradiscono per una ragazza come me."

“Giusto…” disse Victor lentamente chiedendosi cosa diavolo stesse facendo. Il suo cazzo più consapevole si stava svegliando con le allusioni che volavano in giro.

“Non che io pensi che tu...” aggiunse pensierosa. "Ma... questa è la parte che mi piace." Posò una mano sulla coscia di Victor in contemplazione. “In effetti sono quasi curioso di sapere chi potrebbe averti su di me. Potrei farti molto meglio sai.

Quando le sue dita iniziarono a vagare, Victor si trascinò giù per uscire da sotto il lavandino, ma si bloccò quando la sua mano scivolò lungo la sua coscia sopra di lui mentre si contorceva fuori. “Dai fammi…”

Taris si mosse lentamente come in un sogno e allungò l'altra mano per afferrargli la cerniera. “No, lasciamelo fare. Mentre sei qui, fai finta di essere un idraulico. Lei disse. "Facciamo una fantasia."

Il suo cazzo traditore ha disertato dai suoi pantaloni con il suo sostegno. Una volta in volo e libere anche le sue palle fecero appello all'amnistia.

Taris era come una bambina che tira e gioca con i suoi nuovi amici, imparando i loro segreti. “Questo è enorme. Questo è come il più grande. Perché non hai mai...?” Lei lo guardò con dolore che mostra.

Victor sospirò e le lanciò lo sguardo da "Sento il tuo dolore" in cui gli uomini diventano davvero bravi quando una donna ha le palle. "Aspetto. Non è che non mi piaci. È solo che ci metto un po' a scendere. Quindi, davvero non mi limito a tirarlo fuori o divento troppo invadente a meno che non abbia il tempo. Inoltre, a volte le ragazze si irritano prima che io abbia finito, alcune sono troppo piccole per entrare, una ragazzina asiatica ha pianto e si è rifiutata, e a causa di probabili complicazioni non lascio entrare le donne nella mia cerchia di intimità molto spesso, ok?

Taris ha assunto uno sguardo determinato e ha abbassato il viso su di lui e ha scoperto in prima persona che era più di un boccone. "È come una lattina di coca cola."

“Sì, è ingannevolmente grande, immagino perché è più piatto. A volte dimentico quanto è grande.

"Riesco a farlo. Se lei può, io posso. Disse e riprovò con solo un po' più di fortuna.

Victor la lasciò continuare pietosamente come un gatto che cerca di prendere un cavallo, finché alla fine lei indietreggiò.

“Beh, immagino che tu debba fare pratica o qualcosa del genere. Non ti preoccupare. Disse muovendosi per metterlo via. La performance di Taris è stata purtroppo la norma.

“Deve fare schifo per non avere la garanzia di una bella scopata. Sono sempre stato geloso di questo con i ragazzi, se la cavano sempre.

“Sì, immagino che abbia cambiato anche la mia visione del sesso. Non sono sempre fuori a cercare di bagnarmi il cazzo dato che è raro la prima notte senza molta preparazione. disse Victor chiudendosi i pantaloni. "Sono diventato più selettivo perché il sesso era un processo invece che un evento."

Taris lo fermò mentre si divincolava e cercava di uscire. "Aspettare." Si alzò e si tirò giù i pantaloncini. "Posso farlo."

La sua figa era calva e dal basso poteva vedere quante chiappe sporgevano da dietro di lei.

"No, a meno che tu non faccia sesso spesso." Victor la guardò a cavalcioni su di lui. "Sai che ci vogliono due notti di fila per aprire una ragazza... vedi che è come una sedia che non ci sta." Il suo cazzo poteva solo spingere il suo buco. Parti come l'angolo o i lati della punta sono entrati, ma non tutto. "Non rimbalzare". Disse prima che lei facesse del male a entrambi.

Sembrava disperata. "Non posso dire alla gente che ho lasciato scappare un bravo ragazzo perché il suo cazzo era troppo grande."

Vittorio sorrise. "Anche tu non ce l'hai."

"Le ragazze... al lavoro... già... sanno di te, stallone." Taris lo fece entrare e si bloccò. "Oh merda."

Victor la guardò. La sua figa non era abbastanza bagnata ma stava iniziando a rilassarsi. "Sì, migliora più ti muovi."

Lei lo guardò spaventata. "Non credo di poterlo fare."

Vittorio scrollò le spalle. "Permettimi."

Victor scivolò ancora di più in cucina mentre lei gli camminava sopra come un granchio, poi si alzò a sedere, le tirò su le gambe e iniziò a girarle.

Con le sue gambe sulle sue spalle, si spinse lentamente dentro di lei. Come per magia, il suo corpo si aprì e si allungò sotto il suo peso. "Non hai intenzione di... rallentare." Taris protestò. "Slaa..Naaa..." Venne mentre il suo corpo entrava in crisi.

Dopo solo qualche spinta, e qualche centimetro guadagnato, cercò di fermarlo dopo essere venuta due volte. “Mi dispiace ma per favore non farlo. Oh Dio! Mi ucciderai.

"Lo dicono tutti."

Taris si agitò in preda al panico. "No, voglio dire... Aaaarugh aaaaahhh." È venuta rumorosamente mentre la sua figa cercava di strizzarlo. “Dannazione, smettila. Per favore, per favore, sono già venuto. Ha supplicato.

Victor sapeva cosa stava facendo mentre la faceva entrare. I suoi colpi erano lunghi sei corti, e sotto di lui, la figa indifesa di Taris sgorgava numerose volte apparentemente ad ogni colpo mentre lei farfugliava e si aggrappava a lui.

Alla fine, l'ultimo colpo le toccò i fianchi contro i suoi, molto tempo dopo che la sua cervice era stata spostata di lato.

Victor guardò l'indifesa creatura tremante sotto di lui mentre si contorceva e tremava di sudore. "Ora, penso che tu abbia finito." Disse tirandosi fuori da lei. È stato uno spreco, ma non sarebbe potuta durare con lui fino al gran finale.

“Aarrahh?” fece i gargarismi mentre lui si staccava da lei.

"Riposati e tornerai a quello che gli uomini si aspettano in una settimana, credo." Disse guardandola dall'alto. Victor ha controllato velocemente il suo rubinetto prima di andarsene. "Oh sì, il tuo lavandino funziona."

Storie simili

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

351 I più visti

Likes 0

Incontrare di nuovo Taylor al Park

Erano passati diversi mesi da quando io e Taylor ci eravamo messi insieme e, col passare del tempo, ho finito per vedere la mia vecchia ragazza. Stavo cercando di lasciarmi l'esperienza alle spalle, ma ogni volta che facevo sesso, sembrava che finissi sempre per pensare a Taylor. Ero ossessionato da lei, al punto che passavo davanti a casa sua, sperando disperatamente di incontrarla. Avevo iniziato a rendermi conto che non l'avrei mai più rivista, ma continuavo a portare il mio cane a fare passeggiate intorno al lago tutti i giorni, a volte anche due volte. Ancora una volta, non mi sarei...

329 I più visti

Likes 0

HSA-033 TEST-001

------------------------------------------------------------------ ------------------------------------------------- Commento dell'autore: Salve ragazzi e ragazze, sto provando un nuovo formato con questa storia ispirata ai log di SCP, non ho molta esperienza con il contenuto di SCP o la scrittura in generale, ma volevo principalmente sapere se vi piace l'idea di it, qualsiasi consiglio o commento è molto apprezzato! ------------------------------------------------------------------ ------------------------------------------------- Articolo: HSA-033 Classe oggetto: Euclide Procedure speciali di contenimento: HSA-033 deve essere tenuto in una cella rinforzata sufficientemente grande, sono necessari ulteriori test. Descrizione: Una creatura simile a un armadillo ha un carapace con punte che coprono l'intera schiena. Ha 4 estremità, 2 braccia e 2 gambe...

1.2K I più visti

Likes 0

Wartime Comfort House Diario - Giorno 7 British Sausage

Avevo incaricato la signorina Yamaha di portare la giovane madre coreana Maple a nutrire la mia debole moglie del posto ogni volta che andavo a consumare con Cherry, oltre alle sue normali poppate quotidiane. Sapevo che il nutrimento extra avrebbe aiutato Cherry a diventare più forte. Sono stato anche incuriosito dall'orgasmo di mia moglie dopo che ho sparso i miei semi e mi sono ammorbidito, quindi ho deciso di lasciare la mia virilità nel suo grembo ogni volta che raggiungevo l'orgasmo. Mi eccitavo baciando appassionatamente mia moglie mentre accarezzavo i suoi seni sodi in crescita (quasi coppa B ora) e i...

1.1K I più visti

Likes 0

La storia di Ann parte 2

La storia di Ann parte 2 Ann non era affatto a disagio nel retro di questo veicolo e con gli orgasmi appena avvenuti, insieme a chiunque la stesse succhiando, questo la portò di nuovo a un climax tremante. Le piaceva quando suo marito si contorceva e giocava con i suoi capezzoli, ma quello che amava ancora di più era quando giocava con loro e le succhiava la figa, specialmente il clitoride. Gli uomini che l'avevano presa apparentemente erano molto bravi a dare piacere alle donne. Era sdraiata lì incapace di muoversi ed era così consumata da tre orgasmi piacevoli, quasi di...

944 I più visti

Likes 0

Catherine- prima parte._(1)

Lentamente, Catherine si sveglia dal letto sentendo l'aria fredda della California inondare la sua stanza. Si alza dal letto solo per sentire le piastrelle fredde sul pavimento. Allontanandosi dal letto, si prepara per la scuola. Entrando in bagno, ricordò la scorsa notte quando si era toccata per la prima volta. È stata un'esperienza strana, aveva sentito parlare e voci sulla masturbazione ma non l'aveva mai fatta da sola, anzi, a se stessa. Guardandosi allo specchio Catherine vide una ragazza con i capelli castani e gli occhi castani, un seno un po' sviluppato che sembra un po' insolito per una diciottenne. Si...

880 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

814 I più visti

Likes 0

Angeli e Demoni:1

C'è una battaglia per il cuore in me, una battaglia per la mia anima, vedi. Perché io sono l'ultimo istinto. Prima ancora che io fossi creato, loro erano la mia gente. Eravamo esseri antichi che si sono fatti strada con gli artigli per uscire dall'abisso che veniva prima di ogni cosa. Eravamo l'incarnazione del puro istinto primordiale e presto l'istinto di approvazione ha preso il sopravvento e abbiamo iniziato a creare cose. Il più grande tra noi ha creato quindici rocce di straordinaria bellezza e per un certo periodo la mia gente ha vissuto su di esse. Dopo un millennio, però...

693 I più visti

Likes 0

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

Stazione Anton.

Mi dispiace per le persone che si prendono una pausa da Link perché sono TOTALMENTE perplesso e ho pensato a una nuova idea per una storia, Kai, con i suoi lunghi capelli castani e ricci con l'aiuto della brezza, le sferzava la nuca. Le sue lunghe ciglia, che quasi nascondevano i suoi occhi celesti, le tenevano lontano lo sporco dagli occhi. Mentre il cavallo si impennava davanti a lei, Kai alzò le braccia davanti a lei e si inchinò dolcemente al cavallo. I suoi movimenti rapidi erano taglienti e Kai non sapeva se poteva domare il cavallo o no. Dopo circa...

601 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.