Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

678Report
Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

Diana non era sicura se si vedesse, ma si sentiva come se stesse ansimando come un cane mentre si muoveva verso la figlia nuda mentre la ragazza si adagiava in modo così provocatorio sul letto. E dagli sguardi che l'adolescente le lanciava con i suoi occhi sensuali e abbassati, Diana era abbastanza sicura che la ragazza ne fosse entusiasta quanto lei.

Diana si sedette sul lato del letto.

Il suo piano originale era stato quello di sedurre la ragazza nello stesso modo in cui aveva fatto con Jimmy, iniziando chiedendole quanto spesso Holly si fosse fregata con una preoccupazione genitoriale fraudolenta. Ma ora Diana capiva che uno stupido sotterfugio non sembrava necessario.

Spinse fuori le sue tette grasse dalla parte anteriore aperta della sua vestaglia con volant. Madre e figlia si fissarono a lungo negli occhi fumosi l'una dell'altra. Poi lo sguardo di Holly cadde sulle tette di Diana.

"Come mai le tue tette sono tutte viscide, mamma?" chiese la ragazza, con finta innocenza.

Diana non era sicura di come rispondere a una domanda così importante. Ma poi Spinella ridacchiò maliziosamente e sua madre capì che non era necessaria alcuna risposta.

Holly allungò la mano e fece scorrere lentamente la punta dell'indice lungo il pendio della tetta sporgente di sua madre, attraverso lo sperma rappreso. Ha ripetuto la carezza, questa volta scopando contro il capezzolo gonfio della donna.

Diana tremava, in attesa, contenta che la sua bambina prendesse l'iniziativa. Com'era stata sciocca anche solo a pensare che potesse essere imbarazzante!

Spinella ritrasse la mano e la girò davanti al viso raggiante, fissando lo sperma sulla punta del dito. Poi, guardando di nuovo sua madre negli occhi, si portò una mano al viso e si leccò le dita.

"Ummmmm – buonissimo!" sospirò. Si infilò il dito in bocca e lo succhiò, con un'aria dolce e pudica come un bambino che si succhia il pollice, ma con un bagliore lascivo negli occhi.

"È delizioso, vero, mamma?" disse l'adolescente birichina, assaggiando il dito con apprezzamento.

"Sai... sai cos'è, erezione?" chiese piano Diana, non del tutto sicura, parzialmente ingannata dalla finta ingenuità e finta innocenza della ragazza.

"Certo, mamma," cinguettò Holly.

Raccolse ancora un po' di melma dalla profonda scollatura della tetta di Diana, leccandola a sua volta.

"È sperma," disse coraggiosamente Holly. Il bel viso di Diana contorto dalla lussuria. "E so anche da dove viene," aggiunse Holly, rivolgendo a sua madre uno sguardo impertinente.

Diana inarcò le sopracciglia.

"Non è lo sperma di papà," sussurrò Holly. "So che sapore ha il succo di papà perché l'ho succhiato dalle tue lenzuola, mamma."

Porca merda! Pensò Diana, stupita. Ma era anche piena di orgoglio, deliziata da quanto la sua bambina nubile prendesse da lei.

«È lo sperma di Jimmy» aggiunse Holly.

Diana, nonostante la sua sfrenata depravazione, non poté fare a meno di arrossire leggermente a quell'affermazione.

"Hai assaggiato anche tu lo sperma di tuo fratello, piccola avida civetta?" lei gracchiò.

"Non fino ad ora," rispose Holly.

"Allora come fai a sapere che è lo sperma di Jimmy, tesoro?" domandò Diana, anche se aveva un'idea abbastanza chiara di quale sarebbe stata la risposta.

"Stavo guardando, mamma. Sono sgattaiolata giù per vedere se potevo dare un'occhiata alla tua fica, dopo aver sentito papà fotterti stupidamente stamattina. Ma non eri nella tua stanza e..." disse con il pollice alzando un altro po' di succo. , "... e poi ho sbirciato nella stanza di Jimmy per vedere se riuscivo a beccarlo mentre si picchiava la carne, e l'ho visto masturbarsi addosso a te, mamma." Si succhiò il pollice, rigirandolo tra le labbra sensuali. "E poi ti ho visto succhiarlo e ingoiare il suo prossimo carico."

"Eri scioccato, tesoro?" sussurrò Diana.

"Merda, no, solo fame!" ridacchiò la volpe. "Beh, forse anche un po' gelosa."

"Ti piacerebbe succhiare tuo fratello?" chiese Diana, proprio come se stesse chiedendo cosa potrebbe piacere alla sua bambina per il suo compleanno.

"Ummmm, certo. Posso, mamma?"

"Sì, tesoro, non mi dispiace", sussurrò Diana.

"Anche a me piacerebbe succhiare papà," aggiunse l'adolescente, avvicinando la testa alle tette di sua madre. "Ma, soprattutto, voglio succhiarti la fica!"

Diana rimase senza fiato due volte: una volta dopo aver sentito che Holly era calda per suo padre e un'altra quando scoprì, con sua gioia, che anche la ninfetta nubile era affamata di lei.

"Ohhhhhh, sì – sì – voglio che tu mangi la mia figa, Holly – quasi tanto quanto voglio succhiarti!"

A Diana venne in mente che questa era davvero una conversazione bizzarra per una madre e una figlia. Ma dal momento che avevano gli stessi gusti e desideri, che male c'era? E le parole erotiche costituivano una sorta di adorabile preliminare verbale, prima che usassero la bocca per qualcosa di più che parlare.

Diana si chinò e Holly alzò il bel viso e si baciarono. La bocca di Diana era tutta imbrattata del succo di gioia di Jimmy e Holly aveva ancora un accenno di succo di fica e sperma sulla lingua e sulle labbra per averlo leccato dal letto coniugale dei suoi genitori. Condivisero avidamente i sapori, le lingue che scivolavano avanti e indietro.

Poi Holly abbassò la testa bionda e iniziò a leccare e succhiare le punte unte e gonfie delle tette di Diana. Passò dall'uno all'altro, allattando avidamente, succhiando con molto più entusiasmo di quanto avesse mai avuto da bambina - e bevendo anche una bevanda molto più ricca.

Lei annusò e tirò su col naso e sospirò per la pura gioia di succhiare lo sperma di suo fratello da quei tumuli materni, ottenendo il meglio da entrambi i mondi – più il fascino dell'incesto.

Dopo un po', Holly si inarcò all'indietro e sollevò le sue tette sode e vivaci, offrendo a sua madre un assaggio. Diana si è tuffata con gusto sulle tette di sua figlia, in una strana inversione del normale processo di allattamento.

Succhiando le tette di Holly, Diana fece scivolare una mano sulla coscia snella e tremante di sua figlia e le prese la fica. Faceva un caldo rovente e così umido che sembrava si stesse sciogliendo.

Se quella fica adolescente aveva un buon sapore come si sentiva, Diana sapeva che era pronta per una sorpresa.

Lei si ritrasse e Holly si abbassò di nuovo sulle tette, cominciando a giocare anche con la fica di Diana. Diana ha infilato un dito nella manica della fica dell'adolescente e Holly ha seguito l'esempio, affondando il dito nella figa di sua madre fino alle nocche.

Ma non si stavano fottendo a vicenda con una seria concentrazione. Nessuno dei due aveva la minima intenzione di fregare l'altro a mano.

Dopo un po' si baciarono di nuovo sulle labbra e Diana ansimò nella bocca di Holly.

"Vuoi scendere nella stanza di tuo fratello per una cosa a tre, piccola?"

Sperava di no, desiderando che la ragazza fosse tutta per sé – almeno per cominciare – ma pensò che avrebbe dovuto offrirsi.

"Non ancora, mamma," rispose Holly, con gioia di Diana. "Voglio solo fare schifo con te prima, okay?"

"Ooooooh – più che bene!" Diana si entusiasmò e iniziò a sbattere la sua lingua calda nella bocca di sua figlia per mostrarle quanto fosse agile e abile il suo lapper - e quanto abilmente avrebbe presto dato piacere alla sua figa.

La lingua di Holly guizzò e ballò di rimando, dimostrando pari talento ed entusiasmo.

Quindi sembrava che il povero Jimmy avrebbe dovuto aspettare il momento giusto e sopportare la sua erezione per un po'.

Ma, in effetti, il giovane stava per caso dando uno sguardo affascinante a questa scena lussuriosa.

Jimmy aveva aspettato il più pazientemente possibile, sperando che sua madre tornasse subito. Ma mentre i momenti passavano, lentamente, il suo senso del tempo distorto, il ragazzo cominciò a temere che il suo cazzo potesse schizzare via da solo in una specie di sogno ad occhi aperti.

Perché la mamma ci metteva così tanto?

Accidenti, la sorella era sospettosa? Il pensiero lo fece tremare, un po' perché sarebbe stato vergognoso se la ragazza sapesse quello che lui e sua madre stavano facendo, ma soprattutto perché temeva che i sospetti di Holly potessero impedire a sua madre di dargli la scopata che gli aveva promesso.

Dopo aver aspettato qualche altro momento di agonia, Jimmy decise che sarebbe stato saggio intrufolarsi lungo il corridoio e origliare alla porta della camera da letto di sua sorella, per sentire proprio di cosa stavano parlando.

Se fosse arrivato il peggio e avesse scoperto che i sospetti di sua sorella gli stavano impedendo di scopare, almeno avrebbe saputo e avrebbe potuto alleviare il suo tormentato cazzo e le sue palle con un paio di veloci seghe.

Dopo aver deciso, si lanciò dal letto, le sue palle pendevano pesanti e il suo cazzo era alto.

Scese in punta di piedi nella stanza di Holly.

La porta era ancora socchiusa, perché la ragazza l'aveva lasciata per la madre, e la madre aveva trascurato di chiuderla. Jimmy si avvicinò e sbirciò dentro.

La scena era così incomprensibile per l'ingenuo ragazzo che, per un momento, non l'ha registrata affatto. Poi prese forma nella sua mente e quasi svenne per l'ondata di sangue che gli colò nel cazzo, lasciando il suo cervello febbricitante affamato di ossigeno.

Mamma e sorella si baciavano, si coccolavano e si succhiavano le tette a vicenda. Inoltre, stavano entrambi giocando con la figa dell'altro.

Come potrebbe essere? Era impossibile! Erano entrambe femmine, perché diavolo avrebbero dovuto pomiciare proprio come un ragazzo e una ragazza? Scosse la testa per schiarirsela. Sbatté le palpebre per schiarirsi la vista. Digrignò i denti e roteò gli occhi. Jimmy era assolutamente certo che doveva immaginarlo, sognarlo, fantasticare sull'incredibile. Si è persino pizzicato per vedere se era sveglio.

Ma, alla fine, si rese conto che era vero, anche se proprio non riusciva a capirlo. Sapeva che non erano lesbiche, quindi perché si comportavano come lesbiche? Perché due femmine normali e amanti del gallo si comportavano come lesbiche?

Eppure, sebbene il giovane inesperto non avesse mai saputo che anche la ragazza più normale, eterosessuale, femminile potesse ancora amare il leccare la fica, non ne era tanto scandalizzato quanto affascinato.

Vedere sua madre e sua sorella essere così depravate stava eccitando la baia tanto quanto la bocca di sua madre, eccitandolo freneticamente come lo aveva fatto la prospettiva di scoparsela.

E, anche se questo significava che doveva lasciare che il suo cazzo venisse trascurato un po' più a lungo, Jimmy era piuttosto soddisfatto di spiare e vedere esattamente dove lo stava portando.

E ha ottenuto tutto ciò che poteva desiderare.

CAPITOLO DIECI

Sebbene entrambi avrebbero potuto divertirsi ancora di più se si fossero resi conto che Jimmy era uno spettatore così incuriosito, Diana e Holly difficilmente avrebbero potuto divertirsi molto di più di quanto non lo fossero già, mentre si lavoravano a vicenda

esimo preliminari e desideravo ardentemente che arrivasse la cremosa conclusione.

"Lascia che ti scenda adesso, mamma!" Holly ansimò.

La sua bocca era calda quanto la sua fica, la sua lingua formicolava tanto quanto la sua fica.

Diana scosse la testa e sorrise.

"No, tesoro. Prima voglio mangiarti fuori. È una prerogativa di una madre," aggiunse con un occhiolino sensuale.

A Holly non importava, ovviamente. Finché alla fine è riuscita ad affondare la lingua nella fica di sua madre, non è stato certo difficile farsi succhiare la fica mentre aspettava il suo turno al tavolo della fica.

Ha pensato che sarebbe stata solo più affamata e si sarebbe divertita di più - e, inoltre, con la sua figa soddisfatta, sarebbe stata maggiormente in grado di concentrarsi sul lavoro con la lingua.

L'esile ragazzina ricadde sul letto, sollevando le ginocchia e aprendo le gambe. Ha tirato su la fica come se la stesse servendo su un piatto peloso, offrendo alla mamma affamata la fica su un vassoio.

Holly - e anche Jimmy a questo punto, con l'aumentare dell'educazione erotica del giovane - si aspettavano che sua madre si tuffasse direttamente nella sua figa.

Ma Diana non aveva fretta.

Affamata com'era per la figa appiccicosa della sua bambina, voleva lavorarci sopra gradualmente. Proprio come aveva fatto quando aveva succhiato suo figlio per la prima volta, voleva che fosse un'occasione memorabile per sua figlia, in modo che la dolce piccola Holly non vedesse l'ora di fare il bis.

Invece di avventarsi sulla figa della ragazza, Diana si inginocchiò su di lei e le accarezzò ancora un po' le protuberanze, poi iniziò a leccarle un lento sentiero lungo la pancia.

Leccava la V dorata di Holly, la sua lingua frusciava tra le trecce di seta come un umido roditore rosa che corre attraverso una radura della foresta illuminata dal sole sul bordo di una pozza paludosa – avvicinandosi cautamente alla pozza d'acqua muschiata.

Tenendo il viso inclinato appena sopra l'inguine di Holly, Diana inalò profondamente, respirando quel profumo di figa, assaporando il bouquet profumato della calda fica adolescente.

Ancora una volta, Holly si aspettava che la donna si tuffasse su di lei e sollevò il cavallo, tremando per l'anticipazione, desiderando ardentemente quella lingua che lambiva.

Ma poi Diana scivolò sul letto e iniziò a lavorare sui piedi di Holly, prendendo una strada indiretta verso il solco cremoso della fica lasciva della ragazza.

Holly piagnucolò, la sua mente lacerata, amando i preliminari ma disperata per farsi fottere la lingua. Sua madre le leccava il collo dei piedi, le caviglie e la pianta dei piedi delicati. Succhiò a turno ogni minuscolo dito, così abilmente che Holly pensò che avrebbe potuto riempirsi di crema i piedi e spruzzare marmellata, come sperma, nella bocca magica di sua madre.

Diana leccò l'interno della coscia di Holly, fermandosi poco prima dell'inguine. Poi leccò di nuovo l'altra gamba, indugiando sulla parte posteriore del ginocchio.

"Fai la mia fica, mamma! Succhiami!" Holly balbettava, agitando il culo ei fianchi in una danza selvaggia di desiderio, la sua figa così calda che pensava che sarebbe scoppiata in fiamme - se non fosse stata troppo bagnata per bruciare.

Il suo inguine sembrava come se qualcuno le avesse versato un frappè in grembo e il letto era una pozza viscida sotto il suo culo agitato. Il succo di fica le scorreva lungo le cosce e Diana lo leccava mentre scivolava di nuovo verso la V.

E ancora la spietata presa in giro non era pronta a cenare nella figa di sua figlia. Tenne il viso vicino, respirando il suo respiro nebbioso sulla fica fumante di Holly, poi aspirando l'aroma mentre inalava profondamente. Sembrava che il suo respiro spingesse in fiamme la fica di Holly e il suo viso risplendeva per il calore della fica della ragazza, come se stesse fissando la porta aperta di una fornace.

"Leccami – succhiami!" implorò Holly.

Ma Diana indugiò, sebbene stesse sicuramente stuzzicando la propria lingua tanto quanto stuzzicava la fica della ragazza disperata.

Afferrò Holly per i suoi fianchi snelli e fece accomodare dolcemente l'agile adolescente su un fianco, poi su un giro in modo che Holly fosse a pancia in giù sul letto.

Poi spostò le mani sulle guance curate del sedere di Holly e le allargò, aprendo la fessura e rivelando il suo minuscolo buco di merda marrone.

Holly rimase senza fiato quando si rese conto che sua madre le avrebbe fatto uscire il buco del culo come antipasto anale.

Anche Jimmy ansimò, ma erano troppo presi l'uno dall'altro per sentire suoni estranei.

Porca vacca – Anche la mamma è un rimmer, pensò il ragazzo, la depravazione si accumulava sulla depravazione nella sua mente. Ma non era risentito per quel sordido fatto – si stava solo chiedendo perché lei non gli avesse scavato anche il buco del culo?

Ma ora, proprio come aveva stuzzicato la fica di Holly, Diana cominciò a stuzzicare anche la merda sensibile della ragazza.

Tenendo aperte le chiappe di Holly, mise la lingua in cima all'inguine della ragazza e molto lentamente la tirò su attraverso il muschiato, saporito crack del suo culo, ma si fermò appena prima del suo buco di merda.

Diana leccò la macchia dell'adolescente, succhiando tra la fica e il buco del culo, ma senza nemmeno toccarla. Stava facendo dimenare e urlare Holly con doppia frustrazione.

Superando il buco del culo di Holly, Diana leccò la cresta della sua spina dorsale, fermandosi sulla delicata nuca del suo collo, poi scendendo vertebra per vertebra fino a scavare di nuovo nella fessura del culo, venendo ora dalla parte bassa della schiena e scendendo , La spina dorsale di Holly luccicava di saliva e stava sollevando le cosce con urgenza.

Diana non sopportava più di fare la presa in giro e infilò il naso nel buco del culo di Holly, tirando su col naso e tirando su col naso in quel piccolo bocciolo aspro.

Spinella sollevò le ginocchia sotto di sé, in modo che la sua testa fosse sul letto e il suo sedere sporgesse nel punto più alto della sua posizione. Il suo culo si muoveva. Se avesse avuto una coda, l'avrebbe scodinzolata.

"Non prendermi in giro!" supplicò.

Diana tirò fuori il naso e iniziò a solleticare l'anello del culo della ragazza con la lingua. Svolazzò in quella piccola fessura delicata e Holly rabbrividì e si dimenò. Sua madre leccò leggermente per un po', poi iniziò a infilare la lingua nello scivolo della merda della ragazza.

"Ahhhhh - rimboccami, mamma! Alesami il culo!" Holly si lamentò, spingendo le sue chiappe ben curate contro la faccia di Diana.

Diana iniziò a baciare alla francese il buco del culo di sua figlia, infilzando la lingua mentre succhiava il bordo.

Ha sbavato nella fessura piccante e aromatica, poi ha risucchiato la sua stessa bava, aromatizzata da cacca muschiata. La bava scorreva attraverso la fessura del culo di Holly e nel suo inguine, dove sfrigolava quando scorreva nella sua fica.

Holly stava impazzendo. Sembrava che la lingua di sua madre fosse tutta dentro la sua pancia. Quasi si aspettava che le scivolasse in bocca così che si sarebbero baciati di nuovo, in un bizzarro capovolgimento.

Diana fece uno spuntino, assaporando quel succulento buco di merda. Ma aveva paura che sua figlia potesse scremare se avesse continuato così ancora per molto e non voleva che la fica di Holly si sciogliesse prima che lei lo mettesse in bocca.

Diana infilò la lingua nell'orbita di caramello aromatizzato della sua bambina e si nascose nelle sue viscere per un altro momento, poi allontanò la faccia dal sedere della ragazza.

Fissò di nuovo la fica di Holly mentre quella delicatezza dall'aspetto delizioso le faceva scorrere il succo di fica lungo l'inguine. Diana era così affamata di quella dolce figa che la sua lingua si sentiva come se fosse tirata verso di essa per gravità.

Ma lei preferiva leccare la fica dal davanti, in modo che fosse più facile arrivare alla fica della ragazza e, anche, in modo che potesse vedere la faccia di Holly quando la succhiava fino alla cresta.

Diana piagnucolò senza parole e Holly capì. L'agile adolescente dimenava il culo in faccia a sua madre, stuzzicando a sua volta la donna più anziana ora, agitando il culo in modo impertinente e guardandosi alle spalle, entusiasta di vedere quanto fosse affamata di figa sua madre.

Girarsi era un gioco leale e Holly sapeva che sarebbe stato molto divertente strisciare via adesso, negando uno spuntino a sua madre, immaginando la lussuriosa signora che le strisciava dietro il culo, la lingua fuori come un naufrago su un'isola deserta o un viaggiatore abbandonato nel Sahara , strisciando disperatamente verso un'oasi lussureggiante.

Ma Holly non poteva schernire sua madre senza privarsene ancora di più, e l'ultima cosa al mondo che l'adolescente voleva era restare senza succhiare per un altro minuto.

Spinella si voltò di nuovo, un'anca sollevata, ruotando il suo agile bacino. Si girò di nuovo a pancia in su e si sdraiò, sollevando e aprendo le ginocchia. La sua schiena si piegò in un arco aggraziato e sua zia si alzò di scatto.

Diana si adagiava la tetta tra quelle gambe tornite, fissando avidamente la fica della sua bambina, come un bambino affamato che sbircia nella vetrina di un negozio di dolciumi.

La sua lingua era arricciata e uncinata, come se stesse cercando di trascinare la testa in avanti per il movimento. Scivolò un po' e si inarcò, strofinando le tette nell'inguine della ragazza come ultimo preliminare.

Poi Diana iniziò a cenare nei lombi del cestino del pranzo di Holly, eccitando la sua lingua e il clitoride di Holly - e anche gli occhi di Jimmy.

Storie simili

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

2.1K I più visti

Likes 1

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

2K I più visti

Likes 0

Il mio dovere patriottico

Vengo da una famiglia di militari. Anche se non mi sono unito a me stesso, ho sempre sostenuto coloro che lo fanno. Un fine settimana ho davvero avuto la possibilità di sostenerli, con la benedizione di mio marito! Era nell'esercito e capiva perfettamente cosa stava succedendo, quasi lo incoraggiava. Stavamo attraversando Dallas mentre tornavamo a casa dalle vacanze. Ci siamo fermati in un hotel per la notte poiché non avevamo fretta e abbiamo trascorso la serata rilassandoci un po'. Siamo scesi al bar dell'hotel per una cena tardiva e qualche drink. Mentre eravamo lì abbiamo iniziato a parlare con un ragazzo...

1.9K I più visti

Likes 0

Famiglia di proprietà - CH3: Non si torna indietro

Questa è la continuazione della storia di una famiglia che si sottomette al vicino nero. Se non ti piacciono le storie su gay, interrazziali, incesto, bestialità o sesso giovanile, per favore vai avanti. Se ti piacciono questi argomenti, divertiti. Apprezzo le critiche COSTRUTTIVE. I due giorni successivi furono molto simili. Ho lavorato a casa di Ty imparando i suoi investimenti e migliorando il suo sistema di archiviazione, se così si può chiamare un sistema. Da quello che ho potuto dire è entrato in denaro lasciatogli da un membro della famiglia mentre era al college. Ha lavorato in una scuola superiore dall'altra...

1.7K I più visti

Likes 0

Cat Fight 22 Modifiche

TERMINI tinton  - 2 1/2 secondi spettro - 2 1/2 minuti Toton -   2 1/2 ore minton -  2 1/2 giorni daycon -  2 1/2 settimane Malant -  2 mesi e mezzo quant  -  2 1/2 anni galant -  2 1/2 secoli Metson - 2 1/2 pollici maclon  - 2 piedi e 1/2 Heckson - 2 1/2 miglia tetson -  2 1/2 acri unità -    2 1/2 cc Personaggi Bill Axor (AKA Ambrose) - Clan Lion, Cit-Chac-Coh Re Tomco Traxor - Il padre morto di Bill, clan dei leoni Re Tobias Traxor - Il fratello morto di Bill, clan dei leoni Regina...

1.7K I più visti

Likes 0

Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2 La prima parte descriveva JB un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente... Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per...

1.7K I più visti

Likes 0

Dominio su debole

Karen ha concluso i suoi diciotto anni. Ha cinque fratelli, era la più grande. Hanno avuto una difficile situazione finanziaria come molte altre persone negli ultimi tempi. Era giunto il momento per lei di cercare perfettamente un lavoro con una stanza in affitto o qualcosa del genere. A causa delle cattive condizioni, non poteva permettersi molte cose. Comunque era una bella ragazza. Anche con la sua corporatura piccola di 5 piedi (1,65 m), aveva gambe lunghe e snelle incredibili, braccia sottili con dita lunghe. Fortunatamente, sua madre è riuscita a trovarle un'offerta di lavoro come domestica per un uomo d'affari quarantenne...

1.6K I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

1.5K I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

1.6K I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.