Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

922Report
Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile.
___________________________________________________________________________________

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava suo zio grattarsi la pelle pruriginosa che si sfaldava dai suoi peli pubici e dal sacco della noce. Il suo cazzo sembrava sfuggire alle torture del mutamento di pelle
.
Abbastanza regolarmente, era stata svegliata la mattina appena prima che Ben le leccasse la fica la portasse a un climax da capogiro. Per quanto odiasse ammetterlo a se stessa, i loro punteggi non ufficiali di succhiare e leccare erano quasi un pareggio, con Ben forse in leggero vantaggio.

Ben aveva dormito da solo nel suo letto per le ultime quattro notti, e mentre apprezzava le ragioni di Amy per avergli lasciato l'intero letto per sé nel tentativo di non irritare la sua pelle bruciata, si è ritrovato sveglio per tutta la notte mentre cercava il corpo morbido di sua nipote accanto al suo. Sembrava sempre che mancasse qualcosa e aveva difficoltà a riaddormentarsi.

Anche Amy ha sentito la mancanza del corpo forte di suo zio accanto a lei durante la notte. Quindi fu con un senso di confusione che si svegliò verso le due del mattino per sentire qualcosa di pesante dietro di lei. Voltandosi per vedere cosa aveva invaso il suo letto matrimoniale, era sia elettrizzata che preoccupata di trovare suo zio Ben sdraiato sopra le coperte.

"Zio Ben?" chiese lei assonnata. "Stai bene? Cosa c'è che non va?"

“Mmm? Niente, piccola", Ben ha risposto alla sua domanda con una voce intontita, "Mi sei mancato. Mi sono svegliato, e tu non c'eri, e non riuscivo a riaddormentarmi. Quindi sono entrato qui, per starti di nuovo vicino. Dovrei andare?"

"Sì . . . no . . . Intendo . . . per tutti gli inferi! Anche tu mi manchi, ma questo letto non è abbastanza grande per entrambi. Che ne dici di tornare entrambi nel tuo letto?" suggerì lei, e si trasferirono nel letto di Ben, rannicchiati l'uno contro l'altro, e si godettero il miglior sonno che uno dei due avesse avuto da giorni.

Sia Ben che Amy stavano diventando ansiosi di consolidare sia l'operazione Ranchland che gli interessi di Amy nel Montana. Ci è voluta quasi una settimana per prendere accordi per trasferire una parte della sua mandria a Ranchland, quindi elencare la proprietà con un agente locale del Montana. Ben aveva acconsentito che Amy prendesse il suo pick-up e la roulotte, guidasse fino al vecchio ranch e riportasse tutto ciò che voleva tenere. Con un elenco di articoli in mente, Amy ha contattato alcune delle concessionarie di rivendita per smaltire il resto. Poi se ne andò, sperando di tornare a Ranchland entro due settimane.

Per Ben, i giorni passavano lentamente, trovava una lotta per mantenere il suo entusiasmo con sua nipote che non c'era. Allo stesso modo, Amy si preoccupava per lo zio, anche se sapeva bene che viveva da solo fin da quando era una bambina ed era abbastanza capace di badare a se stesso. Gli effetti della sua scottatura solare piuttosto sfortunata si erano risolti, senza lasciare effetti collaterali evidenti. Era persino riuscita a succhiarlo una o due volte in più al giorno in cui le aveva mangiato la figa. Ma c'erano stati anche giorni in cui lei era stata mangiata più di quanto lui fosse stato succhiato. Mentre era via nel Montana, le mancavano davvero le loro avventure amorose e sessuali.

Alla fine della prima settimana, Amy aveva elencato il vecchio ranch e l'agente era molto entusiasta di trovare qualcuno con cui fare un'offerta ragionevole, preferibilmente mentre era ancora nello stato. Lo smistamento di mobili, cimeli ed effetti personali le ha richiesto più di pochi giorni e la consegna di quegli oggetti che voleva vendere la teneva occupata, correndo tra vari rivenditori di rivendita. Fu la sera del suo nono giorno di ritorno che squillò il telefono e lei rispose stancamente. La voce dall'altra parte era quella di Ben, il che le risollevava notevolmente il morale.

"Ciao?" ha parlato al telefono.

“Ciao, piccola. Ho pensato di chiamarti per sapere come stai” La voce di Ben si aggirava per le molte miglia che li separavano. "Come va laggiù?"

“Zio Ben! Dio, ma è bello sentirti! Non dirmi che hai di nuovo cavalcato la gamma e hai un'altra bruciatura?" Amy ha preso in giro suo zio.

“Beh, sì, l'ho fatto. Ho cavalcato la gamma, voglio dire. Ma questa volta mi sono bruciato il culo invece della pancia!” ha scherzato su di lei.

"Stronzo! Tornerò a una creatura croccante, vero? Accidenti, una ragazza si prende un paio di giorni di ferie e tutto lì va a rotoli e torna indietro! Cosa devo fare con te, Vecchio? Sembra che farei meglio a legare le cose qui molto velocemente, così posso tornare indietro e fare da babysitter al mio zio preferito!

"Vecchio uomo? Chi stai chiamando "vecchio"?" Ben ha risposto. “Posso stare al passo con te ogni giorno, e tu lo sai! Abbiamo già capito che posso mangiare quella tua deliziosa figa tutte le volte che puoi succhiarmi il cazzo, se non di più! Non male, per un Old Geezer, direi” ha scherzato Ben. Ci fu una breve pausa, poi Ben continuò. “Quanto ci vorrà prima che torni a casa, Piccola? Sta diventando un po' tranquillo da queste parti e ho bisogno di qualcuno che mi aiuti a prendermi cura di questo ranch enorme e vuoto".

"A quest'ora dovrei essere a casa la prossima settimana, spero" lo informò Amy. “Quasi tutto quello che mi resta da fare è caricare un quarto della mia mandria e andarmene da qui, quindi organizzare che qualcuno carichi il resto dopo che me ne sarò andato. L'agente immobiliare pensa che potrebbe avere un'offerta in arrivo, e mi piacerebbe essere qui se lo fa. Come mai? Qual è il problema, ti stai sentendo solo con me?" ha risposto Amy.

"Beh, se si sa la verità, Piccola", continuò Ben, "in realtà è un po' solo da queste parti. No, non del tutto vero. È molto solitario. Accidenti. Ragazza, ma mi manchi! Cucinare per uno è noioso e dormire da solo in quel letto enorme non basta. Non sono ancora sicuro di cosa mi sia preso, ancora. Credi che forse sono stato innamorato di una certa signorina, o qualcosa del genere?"

"Voi? L'amore ha colpito? Mi sembra una di quelle malattie rare che fanno il giro. Mi chiedo se è qualcosa che ti ho dato" la prese in giro Amy con una leggera risatina al suo tono. “Dovrai farti guardare dalla dottoressa Smith e prendere nota di ciò che dice. Penso che anche io ci sto andando giù. Solo non dirle delle nostre scottature, o non ne sentiremo mai la fine!” La voce amorevole di Amy rispose a suo zio.

“Nah, lo terrò per me. Inoltre, Doc Smith non ci crederebbe comunque! Ma non vedo l'ora che torni a casa. Non avrei mai pensato che mi sarei sentito così, ma hai resuscitato qualcosa in me che non sentivo da molto, molto tempo. Ora che lo sento di nuovo, non ho fretta di lasciarlo andare. Puoi crederci?" Ben ha confessato.

“Umm, sì, posso, Ben. Come ho detto, penso di avere lo stesso problema. Non appena potrò uscire da qui, tornerò di corsa tra quelle tue braccia forti e amorevoli. . . tra l'altro. Pensi di poter aspettare così a lungo?" Il calore e l'amore nella voce di Amy hanno trasceso i chilometri senza perdere un grado di sincerità.

“Posso aspettare? Toronto ha ancora un fuggi fuggi ogni anno? Domanda stupida! Ma mi fai un favore? Mi chiami appena stai per partire? Questo posto sembra un vento canaglia di Chinook che ci ha soffiato dentro, e se mia nipote torna a casa per questo disastro, le palle bruciate dal sole saranno l'ultima delle mie preoccupazioni!” Ben rimproverato
.
«Sì, ti chiamerò non appena avrò provveduto a tutto, zio Ben. Prenditi cura del mio zio preferito per me? Per favore? Lo amo molto, lo sai." Amy poteva sentire il desiderio di Ben per lei, e il suo bisogno e i suoi desideri per lui sgorgavano nel suo cuore.

«La cosa più divertente è che ami tuo zio e tutto il resto» replicò Ben a bassa voce «perché da come l'ho sentito dire, anche lui ama te. Di sicuro gli manca sua nipote, quindi è meglio che torni a casa il prima possibile, prima che faccia qualcosa di veramente stupido! Sai cosa intendo?"

“Certo. Non sono troppo preoccupato per lui, ma gli manca qualcosa di terribile” tubò Amy. “Ti amo, Ben. Farei meglio ad andare, però, perché sembra che domani sarà pieno di impegni. Prima mi occuperò di tutte queste stronzate, prima potremo stare di nuovo insieme.

Si salutarono e Amy si sedette e contemplò la sua nuova vita con suo zio. Andare così lontano significava che avrebbe lasciato la casa che aveva sempre conosciuto per sempre, ma con i suoi genitori ormai morti, non era rimasto molto per lei. Forse ricominciare da capo era davvero la cosa migliore che potesse fare.

Ben trascorse i giorni successivi occupandosi del ranch, spostando la mandria da un pascolo all'altro e ripulendo la casa del ranch prima che tornasse sua nipote. La maggior parte delle faccende era di routine e gli dava il tempo di pensare al cambiamento di direzione che la sua vita stava prendendo. Avere una nipote era una novità per lui; innamorarsi di lei è stato meraviglioso. Il fatto che l'amore fosse reciproco lo rendeva ancora migliore.

Era la tarda mattinata alla fine del viaggio di due settimane di Amy che il telefono squillò nella casa di Ranchland, e Ben quasi si tuffò per cercare il ricevitore, aveva previsto così tanto la chiamata di Amy.

"Ciao?" Ben ha parlato al telefono.

“Ciao, Polpetta! Scommetto che non riesci a indovinare chi è?" Amy lo salutò.

“Umm, suona come la Perfida Strega dell'Ovest! Sono vicino?" Ben ha preso in giro.

“Bel tentativo, però! Come sta il mio zio preferito?" chiese Amy.

"Solo, arrapato e gli manca sua nipote" rispose Ben. "Dove diavolo sei, comunque?"

«Sto solo sdoganando a Milk River. Mi ci è voluto un po' per far passare i cavalli, ma dovrei essere fuori di qui per mezzogiorno. Quanto tempo manca più o meno da qui a Ranchland?» Amy voleva sapere.

“Sembrano circa cinque ore e un po', se prendi l'autostrada 23 a Monarch, poi vai a ovest sulla strada per Granum. Ciò ti farà risparmiare una ventina di minuti rispetto al modo di Fort MacLeod. Girare intorno a Calgary e andare a Bragg Creek fa risparmiare un'altra mezz'ora, se riesci a battere il traffico pomeridiano. Dirti cosa; chiamami quando passi da Cochrane, e ti aspetterò la cena quando arrivi qui" le disse Ben.
«Grazie, zio Ben, ma quello che ho in mente ha un sapore migliore della cena! È tutto ciò a cui sono riuscito a pensare da quando ho lasciato Grasslands! Le mie mutandine sono così fottutamente bagnate che si attaccano alla mia figa!" Amy ringhiò lussuriosa.

"Oh veramente? Pensi che io sia stato in giro con pantaloncini perfettamente asciutti? Devo stare attento, o la mia testa di cazzo potrebbe incollarsi a loro! Amy, voglio che guidi davvero sicura tornando a casa, ma voglio ancora sentirti tra le mie braccia il prima possibile” rispose Ben. "Oh, e nel caso mi fossi dimenticato di dirlo, ti amo, piccola", ha aggiunto.

“Ti voglio bene anche tu, Ben. Ci vediamo appena posso. Ciao."

Dopo mezzogiorno, tutto ciò a cui Ben riusciva a pensare era che sua nipote tornasse a casa. Andava alla deriva attraverso le sue faccende, e la sua concentrazione non ero io loro. Oh, li ha fatti fare bene, ma non così bene come avrebbe fatto di solito. Ha anche finito di pulire il ranch, prestando più attenzione a quel lavoro perché sapeva che Amy avrebbe fatto un'ispezione rapida. Quando il telefono squillò poco prima delle cinque, Ben sollevò il ricevitore al secondo squillo. Amy stava appena lasciando Cochrane e lui sapeva che sarebbe tornata entro un'ora. L'eccitazione nella sua voce era impossibile da contenere; persino Amy poteva sentirlo chiacchierare come un bambino, e la cosa la fece ridere quando si rese conto di quanto fosse importante per suo zio. Quella scoperta ha lasciato una sensazione calda e confusa dentro di lei.

Il vecchio pick-up finalmente si fermò nel cortile e Ben fu fuori dalla porta come un fulmine. Non appena vide suo zio correre verso di lei, Amy fermò il carro fino a un brusco arresto, balzò fuori dalla porta e saltò tra le braccia in attesa di suo zio, avvolgendo le gambe intorno alla sua vita nel processo. Tenendolo stretto, premette le sue labbra aperte sulle sue, cercando la sua lingua e intrecciandola con la sua. La teneva così stretta che aveva paura che potesse svenire per mancanza d'aria, eppure non le importava. Poteva anche sentire la punta del suo cazzo attraverso i pantaloni mentre la sua erezione diventava evidente, e sapeva che lo desiderava così tanto. Ma i cavalli dovevano essere scaricati e messi nella stalla prima di ogni altra cosa. Ben condusse la cavalla di Amy alla stalla, e lei lo seguì con il giovane puledro che la sua cavalla aveva partorito la primavera precedente.

Con i cavalli accuditi, Ben iniziò a condurre Amy verso la casa, ma lei lo tirò indietro verso una delle rastrelliere per il fieno nel fienile, mentre lui la guardava con aria interrogativa, lei le slacciò i bottoni della camicia, la lanciò a uno lato, poi lo inseguì con il reggiseno.

“Ben, ho aspettato tre settimane per fotterti, e ora che ne ho la possibilità, non aspetto un secondo di più! Vieni qui e amami, polpetta, tu!” Ben non aveva bisogno di essere più convincente, e per poco non si strappò la maglietta senza slacciare i bottoni automatici, poi afferrò la nipote e la tenne tra le braccia, baciandola in modo esigente e insistente, le loro lingue che si scambiavano la saliva come due abitanti del deserto che muoiono di sete. Le sue mani furono sui suoi seni quasi istantaneamente, facendole rotolare i capezzoli tra i pollici e gli indici. Amy gemette ad alta voce con lussuriosa approvazione mentre baciava suo zio con lo stesso desiderio e desiderio del suo. Spinse forte i fianchi per sentire il suo cazzo duro di Ben attraverso i suoi jeans. La sua virilità rigonfia la faceva scopare la figa contro la sua asta in attesa del suo eventuale ingresso nella sua fica gocciolante. Anche la sensazione del materiale satinato delle sue mutandine che scivolava sul suo clitoride era così piacevole, specialmente dopo non essere stata con Ben per due settimane, ei succhi che colavano dal suo buco avevano solo reso il tessuto più scivoloso contro di lei.
Le mani di Amy erano migrate verso il rigonfiamento pulsante nei pantaloni di suo zio, e lo strofinavano dolcemente e sensualmente. Dio, voleva sentire quell'enorme virilità dentro di sé. Gli slacciò il bottone dei pantaloni, poi fece scorrere la cerniera verso il basso, il suo cazzo duro spingeva contro i suoi pantaloncini in un disperato tentativo di libertà. Ma prima che potesse agganciare i pollici alla sua cintura, sentì il bottone e la cerniera dei suoi jeans allentare la presa sulla sua pancia, e le dita di suo zio cominciarono a trascinare gli ultimi resti dei suoi vestiti sui suoi lisci fianchi giovani. Mentre le sue mani vagavano su e giù per le sue chiappe, l'aria fresca scivolava tra le sue cosce e faceva fremere la sua figa bagnata mentre veniva lavata nel sollievo della libertà e dell'esposizione. Aiutò Ben a spogliarla dimenando i fianchi e il culo, togliendole i pantaloni e le mutandine mentre cadevano a terra, poi strattonò i suoi pantaloni e pantaloncini per unirsi ai suoi dove giacevano.

Amy premette ancora una volta il suo giovane corpo contro quello di suo zio, sentendo la lunghezza indurita del suo cazzo spingersi lungo la lunghezza della sua fessura inondata, sopra il suo clitoride, oltre l'ingresso della sua fica, e finalmente si fermò appena prima del suo bocciolo di rosa. Il calore della sua asta combinato con il desiderio lussurioso che covava nel suo inguine era abbastanza per suscitare un profondo gemito di anticipazione dalle sue labbra.

Ben poteva sentire l'umidità della figa di sua nipote mentre lei si muoveva lentamente sui fianchi, spalmandogli l'asta con i suoi succhi. La morbidezza della sua pelle mentre si liberava e poi riprendeva la sua testa di cazzo lo fece quasi impazzire di desiderio. Dio, ma voleva sentire il suo cazzo dentro di lei! Gli avrebbe concesso la gioia di dargli la sua fica, o avrebbe afferrato la sua asta nella stretta del suo buco del culo? In quel momento, Ben non lo sapeva e non gli importava. Sapeva che presto si sarebbero scopati di nuovo dopo essere stati entrambi così arrapati per due settimane; dove lo portava dentro di sé sembrava una domanda accademica.

"Ben, spero che non ti dispiaccia metterti un po' in disordine", gli sussurrò Amy all'orecchio, "perché ho iniziato il ciclo due giorni fa. Ma voglio quel tuo cazzo dentro di me così fottutamente!” Fece scivolare la mano tra le gambe e avvolse le dita attorno al membro pulsante di suo zio, guidando la punta lungo i profondi recessi del suo squarcio mentre lo inumidiva abbastanza da prendere il suo cazzo nella sua entrata. Mirando al suo cazzo per l'apertura della sua fica, lei fece entrare la sua testa del cazzo nel suo canale dell'amore, poi lasciò che lui facesse la prossima mossa. In risposta, Ben iniziò a far scivolare lentamente la sua asta nelle profondità della sua fica bollente.

Sia Ben che Amy gemettero in estasi di apprezzamento mentre i loro corpi si univano di nuovo. Mentre Ben si teneva dentro la sua fica, Amy iniziò a far oscillare i fianchi avanti e indietro, facendo scivolare la sua deliziosa asta dentro e fuori dalla sua fica, e perdendosi nella beatitudine inebriante del suo cazzo che si apriva e allungava la sua fica ancora una volta. Ricordò brevemente la notte in cui gli aveva dato la sua verginità, ma questa sembrava la sua prima volta di nuovo, ma senza che il dolore della sua ciliegia fosse penetrata e rotta. La sua fantasticheria fu interrotta dal suono di suo zio che si lamentava nel suo orecchio.

"Dio, piccolino, ma mi sei mancato!" Ben gemette. “Mi è mancato il tuo corpo contro il mio, il sapore delle tue labbra, il gonfiore dei tuoi seni contro le mie mani e il mio petto, e quel calore bruciante della tua bellissima giovane fica avvolta intorno al mio cazzo. Scopami dolcemente e lentamente e fai schizzare il mio cazzo dentro di te, riempiendoti di sperma caldo!

“Ben, stai zitto e fottimi! Ho sognato che tu fossi dentro di me ogni giorno nelle ultime due settimane. Ora che ti ho di nuovo nella mia fica, ti senti molto meglio di quanto potessi immaginare! Scopami a fondo e lasciami cavalcare quella tua asta dura. Voglio pomparti fino a farmi sparare la tua sborra dentro, mentre io schizzo i miei succhi su tutte le tue palle! Amy ringhiò lussuriosa.

Presto le spinte di Ben eguagliarono quelle di sua nipote, e il calore del suo sesso eguagliò le sue stesse fiamme di passione. Con crescente desiderio, poteva sentire le sue palle iniziare a sollevarsi mentre il suo cazzo si preparava per far esplodere il suo seme bollente in profondità nella fica in fiamme di sua nipote. Poteva anche sentire le sue pareti iniziare a svolazzare mentre spingevano la sua asta più in profondità dentro di lei, mungendo disperatamente lo sperma da lui. Cominciò a respirare senza fiato mentre il suo corpo iniziava a tremare e tremare, e il tremito dei suoi muscoli gli disse che stavano per venire all'unisono. Sentire la sua fica che chiedeva sempre di più il suo cazzo era abbastanza per mandarlo al limite. La sua testa di cazzo schizzò la prima corda del suo sperma dentro l'utero in attesa di Amy proprio mentre lei emetteva un grido estatico di liberazione. Sbatté i fianchi contro i suoi, facendo scivolare la sua lunghezza dentro e fuori da lei, poi lo premette profondamente dentro la sua fica senza muoversi, mentre sentiva uno spruzzo dopo l'altro del suo sperma caldo riempire la sua figa lussuriosa. La realizzazione inconscia che Ben le stava dando il suo seme che produce la vita la riempì di gioia orgasmica, e lei sentì la sua stessa ragazza-sborra schizzare dal suo buco del cazzo, lavando e inondando il suo albero pulsante e sopra le sue palle, poi sbavando su di lei proprie cosce. Le sensazioni combinate hanno fatto esplodere il suo corpo in un'estasi climatica mentre condivideva lo sperma di suo zio e anche il suo con lui.

Con l'ultimo del suo sperma che ora lavava l'interno della fica di sua nipote, Ben continuò lentamente a pompare il suo cazzo dentro e fuori da lei dove aveva interrotto mentre il suo orgasmo aveva interrotto la sua capacità di controllare i suoi muscoli. Amy lo tenne stretto abbastanza da causare dolore, e lui si divertì nella sua stretta stretta. Era passato troppo tempo da quando erano stati insieme così. Non aveva fretta di perdere le sensazioni elettrizzanti della sua fica intorno al suo cazzo, o il delizioso formicolio delle sue pareti che scivolavano sulle creste del suo cazzo. Dio, se fosse fisicamente possibile, ucciderebbe per poter stare nel suo calore per giorni e giorni!

Il bagliore della scopata di suo zio scese su Amy, e lei tenne stretto a sé l'uomo che amava, non volendo mai sentirlo separato da lei per tutto il tempo in cui viveva. Poteva sentire i loro succhi combinati fuoriuscire da lei e correre sull'inguine di lui, poi giù per le sue gambe. Appoggiandosi all'indietro quanto basta per guardare tra i loro corpi ancora connessi, il residuo del suo flusso insanguinato le ricopriva le cosce e la base del suo cazzo.

"Cavolo, Ben, di sicuro lascio un campo di battaglia disordinato", ha commentato Amy, "ma avevo così tanto bisogno di te! Dovrò darti una ripulita, no?"

“Non andrei troppo di fretta, Piccola, se fossi in te. È passato troppo tempo dall'ultima volta che ti ho avuto, e ti garantisco che non appena ci laverai, farò un altro casino." Ben esaminò di nuovo il disordine, poi aggiunse: "Immagino che questo significhi che non stiamo per diventare genitori, vero? Spero proprio che quelle pillole anticoncezionali facciano effetto, perché non essere dentro quella tua fantastica figa non è un'opzione per me. Ogni volta che mi fai venire, mi sento meglio della volta prima. E ogni volta che schizzi la tua ragazza-sborra su di me, mi fa arrapare più di quanto non sia mai stato." Con ciò, Ben attaccò le labbra morbide e imbronciate di Amy con le sue, il che era difficile da fare quando le sue stesse labbra erano già sotto attacco da parte di sua nipote.

Interrompendo il loro bacio, i due raccolsero i loro vestiti e si diressero verso la casa. Amy ha lasciato i vestiti nella lavanderia, poi ha incontrato Ben in bagno, dove aveva impostato la temperatura della doccia, e stava aspettando sua nipote. Aveva preso i due accappatoi dall'armadio del corridoio e due asciugamani dall'armadio della biancheria del bagno. Poi spinse suo zio nella doccia e lo raggiunse.

Ben ha insaponato il corpo di Amy dalla testa ai piedi, prestando particolare attenzione al suo culo e alla sua figa, così come ai suoi seni sodi e sodi. Era quasi istintivo per lui accarezzarle i capezzoli fino a farli diventare turgidi ed eretti. Amy gemette di gioia, soprattutto perché erano passate due intere settimane da quando suo zio aveva passato così tanto tempo a dar piacere al suo giovane corpo. Quando lui insaponò il sapone tra le sue chiappe, lei poteva sentire il suo dito stuzzicarle mentre le solleticava il buco del culo, il che le fece pensare a quanto sarebbe stato bello il suo cazzo duro dentro il suo intestino. Ma era il lavaggio della sua figa che si sentiva meglio. Le dita di Ben le strofinarono leggermente il clitoride, poi iniziarono ad accarezzare la valle della sua fessura ed esplorarono leggermente il suo ingresso. Trattenne il respiro in attesa che il suo dito si allentasse nella sua fica, e lui non la deluse. Con lo scorrere dei suoi succhi, Ben scivolò facilmente all'interno del suo canale dell'amore, trovando e strofinando leggermente le creste che segnavano il suo punto G mentre il rivestimento vellutato della sua vagina lo accarezzava e lo tirava.

“Ben, fammi venire. Fammi squirtare per te” supplicò Amy. Le sue dolci richieste lo ispirarono a far piacere a sua nipote in qualsiasi modo lei desiderasse. Mentre le toccava la figa deliziosa, la teneva stretta, baciandole le labbra completamente e con un desiderio esigente che bruciava l'anima di Amy. Passarono pochi minuti prima che iniziasse a lottare per respirare mentre il formicolio nel suo clitoride si diffondeva in tutto il suo corpo. Afferrando la mano di Ben e spingendo forte le sue dita nella sua fica, il suo corpo iniziò a tremare, poi fu distrutto da uno spasmo dopo l'altro di estatica beatitudine mentre il suo orgasmo esplodeva, e lei grugnì forte e lussuriosa mentre la sensazione opprimente del suo sperma la travolgeva.

Quel delizioso bagliore post-orgasmico scorreva attraverso la coscienza di Amy, poi si attenuava lentamente mentre riprendeva il controllo muscolare ancora una volta. Appoggiata alla spalla di Ben, iniziò a insaponare il suo corpo, partendo dal collo e procedendo lungo il petto e lo stomaco. Ben stava aspettando che lei lavasse il suo cazzo semi-eretto quando lei lo fece girare e lasciò che l'acqua della cascata lo sciacquasse via. C'era una vera sensazione di delusione dentro di lui mentre sua nipote continuava dalla parte posteriore del suo collo e lungo la spina dorsale. Ma quando iniziò a far scivolare le dita sul suo culo e tra le sue guance, sentì il suo cazzo irrigidirsi un po' di più. Proprio come aveva fatto, gli accarezzò leggermente il buco del culo con le dita, poi iniziò a massaggiargli le palle. Le sensazioni erano elettrizzanti, e quando Amy si allungò intorno a lui e iniziò a insaponargli e accarezzargli il cazzo, lui era in paradiso. Per lo meno, non vedeva l'ora di farsi una bella sega mentre Amy faceva scivolare la sua mano liscia e morbida su e giù per la sua asta, strofinando la cresta della sua testa del cazzo in modo tale da rendere il suo cazzo ancora più duro. Poi, senza alcun preavviso, si lasciò cadere in ginocchio, sciacquando il sapone dal suo cazzo e lo bevve tra le labbra finché non ebbe metà del suo cazzo in bocca.

Ben si limitò a fissare la testa di Amy che si muoveva su e giù sul suo cazzo, mentre lei leccava e succhiava abbastanza da farlo venire. Dio, ma questa ragazza poteva fare la miglior testa e la miglior fica che avesse mai avuto. Si appoggiò alla parete della doccia e si arrese a lei. In risposta, inspirò profondamente, poi ingoiò il cazzo di suo zio fino in fondo alla sua gola quanto lui sarebbe andato. I suoi gemiti sommessi vibrarono sul cazzo di Ben, e lo spinse fuori di testa. Lo tenne in gola il più a lungo possibile, finché non rimase senza aria e dovette inspirare di nuovo. A pieni polmoni, lo prese di nuovo in gola e gemette o mormorò ancora una volta. Amy ha ripetuto questa tecnica finché non ha potuto sentire il cazzo di suo zio ingrossarsi e contrarsi. Con un'ultima ricarica dei suoi polmoni, fece scivolare l'intera lunghezza del suo cazzo dentro di lei, poi gemette rumorosamente. Tra le vibrazioni e la presa dei suoi muscoli esofagei, Ben non riuscì più a trattenersi, e esplose getto dopo getto del suo sperma caldo nella gola di Amy, riempiendo la sua pancia esigente con il suo seme. Solo quando le sue palle si sono sentite completamente prosciugate, Amy ha ceduto la presa sul suo cazzo. Lentamente permise a quella massa di virilità di scivolare fuori dal suo controllo orale, drenando e ingoiando ogni goccia vagante del suo sperma, finché il suo cazzo non le uscì dalla bocca e rimase sospeso davanti ai suoi occhi in uno stato di semi-morbidezza.

"Santo cielo, piccolino", dichiarò Ben quando riprese fiato, "Avevo quasi dimenticato che grande succhiacazzi sei! Ma non è giusto avvicinarsi di soppiatto a un ragazzo quando non se lo aspetta, ok?"

Amy si alzò e ringhiò nell'orecchio di suo zio: "Stronzate! Mi mangi la figa senza avvisarmi, quindi perché dovrei darti un suggerimento prima di succhiarti il ​​cazzo? O preferiresti che non lo facessi più?"

“No, no, mi piace come mi succhi, Amy. E hai ragione sul fatto che ti mangio la fica. Ma non riesco a trattenermi quando la tua splendida figa mi chiama, tutta bagnata e setosa, e quando squitti la tua ragazza, mi sento come un ubriaco con una bottiglia piena di vino. Un assaggio e non riesco a smettere. Tuttavia, forse non dovremmo intrufolarci a vicenda?"

"Che cosa? E ti manca svegliarti nel bel mezzo di una sborra dura ogni mattina?" Amy quasi sibilò. «Non è fottutamente probabile, Ben. Qualcosa di meno del modo in cui mi mangi per prima cosa al mattino, e preferirei non svegliarmi affatto!" Gli occhi di Amy brillarono di indignazione mentre cercava di ritrovare la calma. “Ben, adoro succhiare il cazzo; in particolare il tuo cazzo. Amo il sapore della sborra e la sensazione che mi scivola in gola. Ma se preferisci non lo faccio. . . “

"Ehi! Piccolo! Sei a casa da un'ora e stiamo litigando? Non è quello che avevo in mente" si scusò Ben. “È stato davvero solitario senza di te nelle ultime due settimane. Non averti qui mi strapperebbe il cuore. E mi dispiace, Amy. Sono fuori linea qui." Ben si chinò e aiutò sua nipote a rimettersi in piedi, poi, guardandola profondamente negli occhi, aggiunse: "Perdonami, piccola? Per favore?"

Amy non poteva rimanere arrabbiata con suo zio. Nel profondo di lei, sapeva di amarlo troppo.

"Sì, ti perdono, grande Polpetta!" gorgogliò mentre avvolgeva le braccia intorno al suo collo e lo teneva stretto a sé. "Ma ti succhierò comunque ogni volta che ne ho l'occasione, lo sai", ha aggiunto. Poi lo baciò profondamente, facendo roteare la lingua ovunque potesse entrare nella sua bocca.

Amy alla fine ruppe il suo bacio, ma non la sua presa. Le forti braccia di Ben intorno a lei si sentivano così bene. Non ha mai voluto che lui la lasciasse andare. Premendo i suoi capezzoli duri contro il suo petto, lei lo supplicò dolcemente, "Potresti aspettare che finisca il mio periodo prima di svegliarmi con la bocca che mi succhia la figa, però? Il mio clitoride diventa super sensibile quando ho le mestruazioni, al punto da essere molto a disagio. Non riesco nemmeno a toccarmi durante il mio mensile. Ma questo non significa che non mi piaccia quando mi mangi la figa. Bene?"

"Deal" e Ben chiusero l'acqua mentre accompagnava sua nipote fuori dalla doccia, poi iniziò ad asciugare teneramente e amorevolmente il suo giovane corpo. Amy fece assolutamente le fusa con la magnifica attenzione che suo zio le prestava, e lei ricambiò quando fu il suo turno di asciugarlo. Quando meno se lo aspettava, lei baciò leggermente la punta del suo cazzo flaccido, poi lo fissò negli occhi, l'amore nel suo cuore che si irradiava nella sua anima.
Per celebrare il ritorno di Amy, Ben ha preparato delle costolette, delle patate e delle verdure fresche dell'orto. Non restava che cuocerli sulla griglia. Mentre lui si occupava di quel lavoretto, Amy apparecchiò la tavola, preparò un'insalata e versò due bicchieri di vino che trovò sul crinale. Non appena la carne fu pronta, si sedettero per mangiare e per discutere i dettagli del viaggio di Amy. Ha informato lo zio di tutto ciò che aveva realizzato e gli ha chiesto se l'agente immobiliare avesse chiamato. Ben non aveva sentito nulla di cui sapeva, ma si alzò per controllare la segreteria per nuovi messaggi. Non c'era niente.

La discussione cambiò argomento, con il destino della mandria di Longhorn il primo argomento. Ben era abbastanza disposto a schierare la mandria di Amy, ma ha sottolineato che mescolare i due tipi potrebbe causare problemi. Finché li tenevano separati, però, non poteva prevedere problemi reali. Nella sua mente, decise che il posto migliore per il bestiame di Amy sarebbe stato nella sezione immediatamente a sud del ranch. Amy ha ascoltato la sua argomentazione e ha concordato con le sue idee. Il primo carico del suo bestiame sarebbe arrivato entro due o tre giorni, e il resto nelle due settimane successive. Proprio in quel momento, il telefono squillò e Ben rispose. La chiamata era per Amy, dal suo agente immobiliare.

"Ciao?" Amy ha risposto. "Chi? . . . Oh ciao . . . Uh Huh . . . mm-hmm. . . ok, quanto? . . . no, in nessun modo. . . guarda, voglio venderlo, non donarlo. . . no, ma manda loro una controfferta di uno virgola sette-cinque, e vediamo se fanno sul serio, o semplicemente tirano calci alle gomme. . . no, non scenderò così in basso. . . la linea di fondo, come ti ho detto la scorsa settimana, è ancora uno virgola sei. Qualcosa di meno e puoi rispedircelo. . . sì, lo capisco, ma non sto inseguendo offerte stupide in tutto il continente. Questo è ciò che ottieni dal grande rotolo di quarti. . . no, apprezzo quello che stai dicendo, ma anche il mio tempo vale soldi. Ti ho dato i criteri. Se devo fare il tuo lavoro, cercherò anche una buona fetta della commissione. . . sì, non ho problemi a chiamarti, ma se l'offerta non soddisfa i criteri, non sprecare il quarto, a meno che tu non pensi seriamente che valga la pena fare un'altra controfferta. . . nessun problema, Jackson. Apprezzo quello che hai fatto finora. Facciamo vendere quel terreno, ok? . . . sì, è stato bello sentirti. Rimaniamo in contatto?" Amy riattaccò lentamente il telefono, poi si sedette di nuovo a cena. Aveva uno sguardo pensieroso sul viso.

"I problemi?" chiese Ben.

“Eh? Oh, no, non proprio. Jackson ha ricevuto un'offerta nel ranch del Montana, ma è troppo bassa. Ad un certo punto, non ci penserò nemmeno. That land’s worth at least two, and with the herd moving here, it should be a quick possession for whoever buys it. That alone has to be worth a couple of grand, as they can get right into production as soon as they move in” Amy explained.

“Maybe it’s none of my business, but what did you plan to do with the funds? Investing here is a little different than it is in Montana. I do know an excellent financial advisor in Vancouver, if you’re interested. She’s made the difference between success and failure for this ranch” Ben volunteered.

“Actually, I spent some time thinking about that on my way back” Amy replied. “How much are we looking at to get that grain and hay set-up going? You mentioned the two sections on the other side of the road for that. If I’m bringing in two hundred head, they’ll need something to winter over with. It won’t happen this year, but maybe next?” Amy wanted to know.

“If I can get Harold Shantz to plow and seed it, then combine it in the fall, we’d be looking at maybe five-hundred thousand for seed, silos and grain mixing bins, and whatever else I’ve forgotten. Figure on a four year return until break-even, and we start making money in the fifth one. Come mai? You thinking of investing that kind of money in grain?” Ben quizzed.

“I’m thinking seriously about it,” Amy responded, “but it’ll depend on how much I realize from the land sale. I sold off three horses when I was down there, and that’ll pay for most of the cattle transport. Except for a couple of other loose ends, I’m pretty well caught up with all the other expenses. Anything that I’ve sent to the resellers should pay for itself. So, if Ranchland is about to become my new home, I figured that helping it grow would be a good idea. That’s if you think you can stand having me hanging around for a decade or three” Amy opined.

“Three decades, huh? That’s a lot of pussy to eat, even for a horny old bugger like me. Not sure I’ll be able to keep up, but I’m more than willing to give it my best shot” Ben teased. Amy caught the twinkle in his eye, and felt a similar gleam inside her that was accompanied by a knowing smile on her face.

“Thirty years of eating me out every morning, huh?” ha preso in giro. “You realize, of course, that I’m gonna suck your cock every time you eat me, and in thirty years, you’ll look like a piece of spaghetti; half an inch around, and three yards long! Shit, I gotta see how you’re gonna stuff that back in your pants!”

“You horny little minx!” Ben chuckled. “You really think you can suck cock that much? I mean, with a body like yours, I can be pretty horny myself for quite a few decades, no problem. But that’s a lot of cum for one girl to swallow. Think you’re up to it?” Ben teased back. Amy appeared to give his challenge some serious thought before she answered his hypothetical question.

“I guess there’s only one way to find out, isn’t there? You want to start now, or wait until after supper?” ha scherzato. Both of them had a knowing smirk on their faces. The thought of Amy sucking him off that often was getting Ben’s cock excited and semi-erect. Amy envisioned taking her uncle’s thick cock down her throat at every opportunity, and she felt her panties becoming wet against her pussy. What a welcome challenge this would be, for both of them!

Once the dishes were cleared and washed, Amy realized that she was exhausted from her trip home, and told her uncle that she was ready for bed. Ben’s eyes lit up with lustful anticipation until his niece informed him that she really needed to get some sleep. She could see the disappointment in his eyes, and felt badly about not being able to make love with him. Ben understood, but still wanted to be with his niece, even if it was only to sleep. Just holding her close to him was thrill enough after missing her so much over the previous two weeks. Amy crawled into bed, and Ben curled up behind her spoon-style. She was asleep almost before her head hit the pillow. The lulling sound of her soft breathing was enough to send Ben off to slumber-land within minutes.

It was two in the morning when Ben woke with a start. At first, he couldn’t figure out where he was, then he felt Amy’s soft lips sliding up and down his hard cock. His first reaction was to ask her what she was doing, but that was a dumb question. He lay quietly, enjoying the feeling of his niece sucking him as her tongue swirled around his cockhead, then down the length of his shaft. As she slid his cock out from between her lips, she kissed his tip, then slurped almost his full length back inside her mouth, slowly bobbing up and down on him. Ben wondered if she would swallow him, and while he looked forward to the heady sensations that gave him, he also wanted to be buried deep inside her.

“Come up here, Little One” he whispered. “I need to taste those luscious lips of yours, especially when I bury that hard cock you’re sucking deep inside you.” It was an offer Amy couldn’t refuse, and she let Ben slip out of her mouth as she eased herself into his waiting arms, then locked her lips on his.

“No fair, Uncle,” she cooed, “you get to eat me until I cum, but you know I can’t refuse having your hard cock inside me, no matter how good your cream tastes!” With that declaration made, she kissed him again, hard and demandingly, all the while shifting herself so that she was poised over top of his throbbing cock. Guiding him to her entrance, she slowly impaled herself until she had taken his full length inside her steaming hot cunt, then began to rock her hips slowly.

Ben could feel her heat as well as her wetness, and the velvety soft walls of her cunt massaged his hard cock in a way that only his niece could. She slid rhythmically on his shaft, her vaginal muscles gripping him as she let him withdraw, then easing of as she reclaimed his cock. At the bottom of each stroke, Amy would wiggle her hips sideways, rubbing her clit against Ben’s pubic bone, and sending a tingling through her entire pussy. That tingle also induced her to ride him a little faster, until she was literally riding him like he was a wild horse. The pounding of her cunt on Ben’s cock drove him wild, as his hips thrust to meet her rhythm. He began to feel the tell-tale signs in his cock, and as Amy’s breathing became shallower, Ben knew they were both going to cum simultaneously. Amy began to mewl, softly at first, then louder and louder as she pumped her uncle’s cock in and out of her cunt with more urgency, until she screamed with the onset of her climax. When Ben’s first spurt of his boiling seed spurted out of his cock and into Amy’s fluttering cunt, it triggered an explosion of light and feeling that engulfed her whole body. In a final surrender to her ecstasy, she slammed herself down on to Ben’s cock as hard and as deep as she could, her body convulsing in spasms as he shot rope after rope of heated goo inside her. His own orgasm was so intense that he thrust himself up and deeply into his niece’s love canal, moaned loudly as the lust of their lovemaking captured all his senses, and lifted her weight off the bed and held her onto him by the sheer hardness of his cock.

In their post-coital bliss, the two collapsed onto each other as that magical glow filled their consciousness. It was all that Amy could do to keep from crushing her uncle wit her full weight, while Ben held his niece tightly to him, struggling to catch his breath while feeling her heart pound in her chest, and against his. He kissed her neck, cheek, and ears softly with little butterfly kisses. The texture of her skin, the smell of her hair, and the warmth of her body felt so good to him; he never wanted to let her out of his arms.

“God, Amy,” Ben whispered in her ear when he had finally caught his breath, “remind me never to complain about being attacked like that, ever again! Damn, but that felt good! Is that what it’s like for you when you wake up while I eat you out?”

“Close enough, Ben” Amy replied softly. “A woman’s cum is different from a man’s, in that it spreads through her whole body with an intensity that can’t be described. It sure does feel good, though, even if it is the first thing she’s aware of in the day.”

"Veramente? I never thought about it before; about a woman’s climax, I mean. Oh! If it’s that intense, you have any idea of how much danger your little pussy is going to be in every morning? Just the thought that I can start your day off with that much pleasure gets me all worked up and horny.”

“Mmm, it really is a great way to start the day,” Amy agreed, “but I’d appreciate it if you’d wait for a couple of days until my period’s finished. Speaking of which, I’ll bet we’re a mess. Let me go get a cloth and clean you off.”

“No, I think I’d rather clean up in the morning,” Ben directed her, “and enjoy the warmth of you laying beside me for the rest of the night. Besides, these sheets are overdue for the laundry, and now I have no excuse to ignore them any longer. I can live with the temporary mess. What I can’t seem to live with is missing you, and your fantastic love. We’re becoming a good team, you and I. Might be a part of why I love you, my precious Little One.” Ben softly and tenderly kissed his niece. “How about you get some more sleep?”

“No problem, Ben,” Amy managed to tell him, “but I do love you, maybe more than you’ll ever know. Buonanotte amore mio." She was asleep within seconds.

“Good night, my Little One” Ben managed to reply, just before sleep overtook him, too.

Amy woke later that morning to the sensation of he uncle curled up behind her, spoon style, his semi-erect cock pressing against her ass crack, and his arm over her waist with one hand on her breast. She felt warm and protected in his grasp, and pushed her body a little tighter to Ben’s. The rhythm of his breathing indicated that he was still asleep, and she had no desire to awaken him from a rest that he probably needed more than he would ever admit. Sliding her own hand over his and holding him to her, she drifted back into a dream-like state between sleeping and awakening. Every muscle in her body relaxed, leaving Amy feeling at peace with the world, swept up in her uncle’s love. She lay in their bed for a couple of hours, dozing on and off, until Ben started to moan softly as he made the transition from sleep to consciousness.

Feeling his niece’s hand holding him to her breast, he softly squeezed her firm orb, then lightly flicked a finger over her semi-turgid nipple. Her ass engulfing his semi-hard cock reminded him of just how wonderful her young body felt against his. As wakefulness seeped into his brain, the thought of licking Amy’s pussy until she either woke or climaxed, crossed his mind. God, how he loved the taste of her delicious nectar. But she’d asked him to refrain for a couple more days, and he was determined to honour her request. He didn’t like not tasting her, but it became more important to consider her needs and wishes.
Leaning over her gently, Ben softly kissed Amy’s exposed ear several times, until she began to stir and waken. As she rolled her head to grant him closer access, he teased her nipple until it became fully erect and hard as a diamond under his finger.

“Morning, Little One,” he whispered as he licked her earlobe, “sleep well?”

“Mmm, yeah, I did” Amy moaned in response. “It feels like it’s time to get up . . . especially if you’re a hardening cock pressed against someone’s ass” and with that, Amy reached behind her and began stroking her uncle’s thick cock, convincing it that she had holes for it to fill. Suddenly, she rolled over so that she was facing her uncle, kissing him hard and demandingly. Ben felt her guiding his hard cock along the length of her slit, smearing his cockhead with her juices, then aiming him towards her entrance. As he gently slid his cock into her hot and wet cunt, Amy moaned in delight. As soon as she had his entire shaft buried in her velvety wet pussy, she pushed her hips tightly to his, broke their kiss, and gazed lustfully into his eyes.

“Now tell me, Uncle,” she growled softly, “doesn’t my cunt feel better than just humping my ass? Isn’t this more like how you’d like to start the day?”

“Truth?” Ben queried. “If it was up to me, I’d love to start the day with you cumming all over my face, and letting me feel you twitching and shuddering as I ate that perfect pussy of yours. After what you told me earlier this morning, about a woman’s cum? All I can think of is sucking you every morning. And before you say anything else, I do love to be deep inside you like this. I love to cum in you, and I especially love to feel you cum all over my cock. The only reason I didn’t lick your pussy this morning was because you asked me not to; not until your . . . flow was over. But as soon as it is, well, you know what you can expect . . . Giusto?"

“Mmm, I think I’m gonna like that!” Amy exclaimed. “I should be finished in a couple of days. But until then, would you be willing to fuck me?”

“Amy, I could happily fuck you until the cows come home!” Ben declared.

"Veramente? God, that sounds awesome!” She kissed Ben as passionately as any woman can kiss, then added, “By the way, my ‘cows’ are scheduled to arrive home the day after tomorrow. You’ve got your work cut out for you, lover!”

Ben didn’t say a word. He just slowly began to thrust his hips, as his niece returned his thrusting rhythm with her own.

The next two days would be something they’d both remember for a long, long time.

Storie simili

Il Club dei Pensionati (12)

Andie si alzò e ci abbracciammo l'un l'altro. «Andiamo a letto», sussurrai. La sua risposta fu un gemito sommesso ed entrambi ci voltammo per andarcene, con lei che afferrava la sua borsa. Quando siamo arrivati, le ho chiesto: Mi piacerebbe farti piacere, mia cara. L'ho spinta delicatamente di nuovo sul letto, poi ho iniziato a far scorrere le mani su e giù per le sue gambe. Prendendo la fibbia e la cerniera dei pantaloni, ho aperto loro e ha raggiunto per la vita dei suoi pantaloni. Non sapevo cosa aspettarmi, dal momento che ha detto che non aveva avuto nessun cambiamento...

909 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

966 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

887 I più visti

Likes 0

Camminatore di strada

Storia di Fbailey numero 213 Camminatore di strada Mia moglie ed io ci divertiamo un po' a giocare nel nostro matrimonio. I miei due giochi preferiti sono La piccola scolaretta cattolica e Streetwalker. Adoro quando la mia bellissima moglie indossa un vestito da scolaretta cattolica che ha ricevuto in una svendita la scorsa estate. Di solito sono il Capo Mater e devo punirla per qualcosa. Anche lei ci entra davvero. Fa sicuramente del buon sesso dopo. Ora lo Streetwalker permette alla mia moglie alta e snella di acquistare cose che non indosserebbe mai normalmente. A una svendita di un metro ha...

805 I più visti

Likes 0

Creare un mondo migliore... il giorno del nostro matrimonio

La mattinata era stata frenetica, con capelli e trucco da fare, ma il prosecco aiutava ad alleviare lo stress. Ma poiché sua sorella Lucy l'ha aiutata a vestirsi, Leanne era ansiosa di iniziare la sua nuova vita da donna sposata. Questo e il fatto che stasera sarebbe stata scopata dall'enorme cazzo nero di Darrell, lui avrebbe preso la sua verginità invece di suo marito. Adorava la sensazione della lingerie sexy che indossava sotto il suo abito da sposa e non vedeva l'ora di farla vedere a Darrell, inoltre non vedeva l'ora di vedere Matt nel suo. Sia la sposa che lo...

809 I più visti

Likes 0

Il paradiso dei bikini

Questa è la seconda storia della serie, 'Soaked through' è dove tutto ha inizio... Trascorsa la serata con molta confusione, Debbie tornò al piano di sotto dopo che si era asciugata e si era cambiata. Indossava i suoi soliti abiti larghi e sbattuti al chiuso e si comportava come se gli eventi appena accaduti dopo il suo fradicio arrivo a casa da scuola non fossero accaduti. Non sapevo se dovevo parlarne o meno, visto che avrei dovuto essere il tutore, il responsabile. Mentre la serata volgeva al termine, ci salutammo entrambi e andammo a letto. Una volta che ero sdraiato lì...

647 I più visti

Likes 0

Cat Fight 22 Modifiche

TERMINI tinton  - 2 1/2 secondi spettro - 2 1/2 minuti Toton -   2 1/2 ore minton -  2 1/2 giorni daycon -  2 1/2 settimane Malant -  2 mesi e mezzo quant  -  2 1/2 anni galant -  2 1/2 secoli Metson - 2 1/2 pollici maclon  - 2 piedi e 1/2 Heckson - 2 1/2 miglia tetson -  2 1/2 acri unità -    2 1/2 cc Personaggi Bill Axor (AKA Ambrose) - Clan Lion, Cit-Chac-Coh Re Tomco Traxor - Il padre morto di Bill, clan dei leoni Re Tobias Traxor - Il fratello morto di Bill, clan dei leoni Regina...

628 I più visti

Likes 0

Più di quanto si aspettasse per la parte 2

PIÙ DI QUANTO HA CONTRATTO PER LA PARTE 2 La prima parte descriveva JB un contadino vedovo e benestante che ha un amico che gli ammette (mentre ubriaco) di avere una fantasia di essere trattenuta con una barra di sollevamento e che JB la sorprende, la trattiene, la prende in giro, poi la rilascia e la lascia furiosa per l'intero incidente... Riportando la mia borsa di chicche sul mio camion non ho potuto fare a meno di ridacchiare quando l'ho sentita urlare e maledirmi per l'intera passeggiata. Immagino che il mio scenario di stupro potrebbe essere stato un po' troppo per...

605 I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

525 I più visti

Likes 0

HSA-033 TEST-001

------------------------------------------------------------------ ------------------------------------------------- Commento dell'autore: Salve ragazzi e ragazze, sto provando un nuovo formato con questa storia ispirata ai log di SCP, non ho molta esperienza con il contenuto di SCP o la scrittura in generale, ma volevo principalmente sapere se vi piace l'idea di it, qualsiasi consiglio o commento è molto apprezzato! ------------------------------------------------------------------ ------------------------------------------------- Articolo: HSA-033 Classe oggetto: Euclide Procedure speciali di contenimento: HSA-033 deve essere tenuto in una cella rinforzata sufficientemente grande, sono necessari ulteriori test. Descrizione: Una creatura simile a un armadillo ha un carapace con punte che coprono l'intera schiena. Ha 4 estremità, 2 braccia e 2 gambe...

201 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.