Piccola cosa rotta

115Report
Piccola cosa rotta

Piccola cosa rotta

DarksX per sexstories.com

"Potrei chiedere alla mamma di lasciarmi venire a vivere con te dopo che si sono sposati, sai", ha detto Ava sedendosi di traverso sul divano enorme che avevo davanti alla TV. La giovane ragazza si è svegliata tardi, ha mangiato una ciotola di cereali per colazione, poi è venuta in soggiorno a farmi compagnia mentre controllava i compiti del fine settimana sul tablet.

Mi sono seduto sulla comoda poltrona reclinabile sul lato destro della grande sala TV, perpendicolare a dove sedeva lei, e ho guardato una gara di Formula 1. La mia settimana era stata impegnativa con un mix di lavoro in azienda, sessioni di allenamento extra in palestra e molte altre cose che dovevo fare per liberare i miei impegni e avere tempo libero per mia nipote. Quindi, da quando è arrivata lì, mi sono goduto quanto più tempo libero possibile. Nemmeno la sua proposta improvvisa è riuscita a tirarmi fuori dalla zona tranquilla e pigra in cui mi sono trovata volentieri.

"Tua madre dice che si sposerà di nuovo solo dopo che avrai compiuto diciotto anni. Ecco cosa? Fra quattro anni? A quel punto andrai al college", ho appena fatto conversazione. Anche se sapevo che era altamente improbabile che accadesse, non mi sarei affatto opposto all'idea, dato che mi piaceva molto passare del tempo con lei. Non ho mai avuto figli, non ne ho mai voluti. Accidenti, non ero nemmeno sposato. Avere Ava lì era quasi come avere una figlia, ma meglio. Era brillante, dolce, obbediente e molto, molto matura, una ragazzina che è stata costretta a crescere troppo in fretta.

"Tre anni e dieci mesi, ma è vero. Spero di poter andare via prima, però. Non sopporto più mia madre o il suo ragazzo".

Sembrava che stessimo avendo la stessa vecchia conversazione, io dicevo che sua madre ha fatto del suo meglio dopo che mio fratello li aveva salvati, presentandosi una volta all'anno, a volte, per farci sapere che era vivo e poi scomparire di nuovo dalle nostre vite . Nel complesso era una bugia, perché sapevo che anche sua madre era un disastro. Ava è rimasta con me per due settimane poiché sua madre aveva deciso di recarsi in Florida. Voleva divertirsi un po' con il suo nuovo ragazzo nel mezzo di una pandemia, senza preoccuparsi del suo lavoro di barista, lasciando sua figlia con il cognato benestante. La giovane aveva chiesto di restare per non dover mettere in quarantena e perdere ancora di più il suo già travagliato primo anno di liceo, e non c'era modo che io dicessi di no a tutto ciò che mi chiedeva, soprattutto qualcosa del genere.

Tuttavia, non abbiamo seguito la conversazione. Non parlammo più perché qualcosa aveva attirato la mia attenzione prima che accadesse. I suoi pantaloncini erano troppo grandi per lei, intenzionalmente, per renderli più comodi. Se fosse stata in qualsiasi altra posizione, sarebbe andato bene, ma da quell'angolazione, potevo vedere chiaramente che Ava non aveva le mutandine. Sono rimasto assolutamente estasiato da ciò che ho visto per due minuti buoni prima di tornare alla realtà e decidere di fare la cosa giusta. Quello, o finirei per fare qualcosa di cui mi pentirei molto più tardi.

"Ava, sai che ti amo come se fossi mia figlia, vero?" Mentre facevo del mio meglio per continuare a guardarla negli occhi, cercai di lasciar andare tutte le fantasie malvagie che si formavano nel mio cervello.

Alzò lo sguardo dallo schermo del tablet, i suoi occhi marroni grandi e le sopracciglia espressive alte per la mia improvvisa dimostrazione di affetto. Le sue guance piene bruciavano di rosso e un sorriso timido e carino apparve sulle sue labbra.

"S-Sì, lo so." Ha detto, posando il tablet in grembo: "Non posso dire di amarti come se fossi mio padre perché sarebbe un eufemismo", ha continuato con una risatina, "sei molto più figo".

"Grazie", dissi, ridendo a spese di mio fratello e fermandomi lì, perché non volevo riportare nessuno dei brutti ricordi che aveva di suo padre. "Quindi, te lo dirò tenendo a mente entrambi i nostri migliori interessi, e spero che tu capisca che la mia intenzione non è di farti vergognare o altro..." Continuai con quella che era l'ennesima bugia parziale da parte mia. Volevo vedere la sua reazione quando ho detto quello che stavo per dire perché, da dove ero seduto, potevo vedere perfettamente i cumuli gonfi e nubili della sua giovane figa che si vedevano da sotto le gambe sciolte dei suoi pantaloncini del pigiama.

"Humm... Ok... ti sto ascoltando," disse Ava, con aria preoccupata, la sua bocca piccola ma dalle labbra carnose non completamente chiusa, i suoi due grandi denti anteriori che si mostravano in un modo che la faceva sembrare sempre così adorabile.

"Sai che puoi sentirti a tuo agio qui come eri a casa tua, e questo non cambierà mai. Ma ci sono alcune parti di te che è meglio se non vedo, anche se sono tuo zio, Sono ancora un uomo..."

"Eh?" Socchiuse un po' gli occhi come se cercasse di capire cosa le dicevo, le gambe ancora piegate e parzialmente aperte.

Non indossava altro che una maglietta e pantaloncini di flanella grigio chiaro che, in quella posizione, erano molto rivelatori. E, ovviamente per me ora, anche se non l'avevo mai notato prima, le mutandine non facevano parte dei suoi indumenti da notte. Potevo anche vedere i pochi peli pubici che aveva lì. Non sarei in grado di esprimere a parole quanto sia stato difficile per me smettere di guardare, quanta mia forza di volontà ho dovuto raccogliere per essere in grado di fare la cosa migliore successiva oltre a smettere di guardare e lasciarla stare.

"Tesoro, posso vedere il tuo... laggiù," dissi con un accenno di sorriso sulle labbra.

Ava si coprì all'istante con le sue piccole mani, lasciando cadere il tablet sul pavimento in moquette. I suoi occhi divennero ancora più grandi, le sue guance più rosse, e mi guardò, senza sapere cosa dire.

"Mi dispiace, piccola, ho sbagliato a farlo notare in questo modo..." iniziai a dire, e lei parlò con me.

"Mi dispiace! Non è stato apposta, mi dispiace!" Sbottò come se potesse morire per la vergogna, sedendosi con le gambe piegate sotto di lei.

"Non devi scusarti, tesoro. Semmai, è colpa mia, perché non riuscivo a smettere di cercare." Ho risposto onestamente dopo aver notato quanto fosse difficile ottenere ciò che avevo detto, sentendomi assolutamente vergognoso.

Ava guardò in basso. I suoi lunghi capelli castani ondulati con alcuni riflessi naturali erano quasi una tenda sul suo viso carino. Siamo rimasti in silenzio per un po' finché non ho parlato di nuovo, il suono delle macchine da corsa che risuonava per tutta la stanza: "Ancora una volta, mi dispiace, tesoro".

Ava inspirò una grande boccata d'aria, "Va tutto bene", sussurrò a malapena. Non ha preso il tablet, ha solo tenuto la testa bassa, guardando ovunque oltre al mio viso. Ho abbassato il volume della TV nel caso volesse dire qualcos'altro, e avrei fatto qualsiasi cosa in mio potere per sistemare le cose dopo averla messa in un tale imbarazzo. Dopotutto, è stata tutta colpa mia, non sua. Qualsiasi zio normale avrebbe semplicemente distolto lo sguardo e poi le avrebbe detto di vestirsi in modo appropriato, di non fissarla per un paio di minuti mentre fantasticava di inchiodarla al divano e scoparla.

"Zio Allen..." disse a bassa voce.

"Sì, tesoro," e per qualche strana ragione, il mio cuore di trentotto anni ha iniziato a battere più forte proprio per il modo in cui ha pronunciato dolcemente il mio nome.

"Non potevi impedirti di guardare?" Le sue lunghe e folte ciglia sbattevano mentre sbatteva nervosamente le palpebre.

Anche se usava il tono più basso e roco della sua voce giovane e sexy, sapevo che non mi stava prendendo in giro e il suo dubbio era genuino. Ava ha avuto seri problemi con l'aspetto del suo corpo minuto, la sua forma snella, i fianchi abbastanza larghi in modo che le sue cosce sottili formassero uno spazio evidente e bello proprio dove si collegavano al suo inguine, un sedere piccolo ma perfettamente a forma di cuore... Questi dettagli rendeva il suo corpicino così perfetto per me poiché qualcuno che apprezzava le ragazze piccole e delicate era un tormento per lei. In particolare, il suo petto era alquanto piatto, i suoi seni in erba non erano più grandi delle arance. Ciò ferì profondamente la sua autostima, vedendo che quasi tutte le altre ragazze della sua classe sfoggiavano già "grandi brocche", come aveva fatto notare lei stessa alcune sere fa quando è arrivata a casa mia per passare la settimana. Questo, combinato con quanto disastrosa fosse la sua vita a casa, con un padre scomparso e una madre disordinata, l'ha fatta crescere come un'adolescente distrutta.

"Ava..." Ho passato un po' di tempo a pensare a come avrei risposto a quello che mi aveva chiesto, e poi ho capito che dato che avevo iniziato con la sincerità, avrei dovuto finire anche con quello. Qualunque male avrei potuto fare era già fatto. "Sei bellissima, e anche se sei mia nipote e ti voglio bene, sono ancora un uomo."

"Splendido..." mi fece un timido sorriso, seguito da uno scherno, "è la prima volta che lo sento." Ava mi fece un mezzo sorriso, più simile a un sorriso autoironico.

"So che non crederai a nulla di quello che dico; quanto a te, probabilmente sono solo un vecchio, ma per alcuni di noi, niente sarà mai allettante, bello come una ragazza delicata come te."

Con le sue adorabili guance ancora rosse, mi ha rivolto un timido sorriso e mi ha guardato negli occhi per la prima volta da quando è iniziata questa conversazione. "Lo dici perché ti piaccio."

"Mi piaci per quello che sei, non per il tuo aspetto. Non hai idea di quante belle donne ho avuto rapporti con, ed erano..."

"Non è il tuo tipo...?"

"Sì, quello. Per non dire altro," e ho riso, "quindi se dico che sei bellissima, intendo sul serio," e non appena ho detto l'ultima frase, ho capito quanto suonasse come se stessi provando sua.

"E' per questo che sei ancora single?" chiese Ava con un tono che faceva sembrare la nostra conversazione confidenziale.

"Uno dei motivi, sì", risposi, sorpreso da come una conversazione che era diventata così tesa si stesse ora trasformando in qualcosa di così personale e intimo. "E 'difficile trovare qualcuno che sia l'intero pacchetto come te..." Di nuovo, un allarme suonò nel mio cervello, urlandomi di smettere di picchiare mia nipote. Per quanto fosse bella, delicata, con quel suo tono sottomesso che suonava come musica alle mie orecchie, non faceva per me. Qualsiasi cosa tra noi sarebbe finita terribilmente, e lo sapevo. Probabilmente anche peggio delle mie precedenti relazioni, con la differenza che l'amavo davvero. Ho dovuto disinnescare la bomba che stavo piazzando nell'unica relazione che avevo di cui me ne fregava davvero. "Un giorno, qualcuno sarà molto fortunato e felice di stare con te. Dagli tempo e smetti di pensare meno a te stesso."

Per un momento, ho pensato che stesse per piangere, così emozionata che si era resa conto di quello che avevo detto. Ava inspirò profondamente e guardò tristemente in basso, pensando. "Come diavolo avevano trattato questa ragazza?" Mi sono chiesto, al punto che le semplici parole gentili sono riuscite quasi a farla piangere?

"Zio Allen..." Ava sembrava in conflitto, non molto sicura di dover continuare con quello che stava dicendo, ma quando l'ho guardata incuriosita, la bambina carina ha continuato. "Quindi, significa che vorresti continuare... Ehm... a guardarmi? Voglio dire, il mio corpo..."

Il mio cuore è andato avanti, pompando forte ancora una volta. Ava aveva la testa piegata da un lato, cercando di sembrare ancora più carina e riuscendoci. Ero l'unico a sentirmi molto in conflitto ora, ma non riuscivo a trattenermi.

"Sì, lo farei," dissi, sporgendomi in avanti e appoggiando i gomiti sulle ginocchia. "Ma non sarebbe la cosa giusta da fare", ho aggiunto, lottando, ma l'ho fatto. Non sapevo con certezza dove fosse diretta Ava, ma solo immaginarlo mi rendeva duro come una roccia.

"So che non sarebbe... Ma se nessun altro lo sapesse... Voglio dire, hai sempre fatto così tanto per me... Sei la persona che mi piace di più al mondo intero. Se ti piace guardarmi..." Anche prima che potessi dire qualcosa, Ava era per metà seduta e per metà sdraiata sul divano proprio come prima, le gambe piegate e leggermente divaricate.

Avrei potuto e dovuto dire qualcosa. Avrei potuto impedire ai miei occhi di andare quasi istantaneamente dritto lì, verso quella parte intima, delicata e bellissima del corpo di Ava, ma non l'ho fatto.

"Ava..." Ho iniziato con quello che le avrei detto di non farlo, di rispettare mia nipote e quanto fosse giovane, qualcosa che non avrei mai fatto per nessun'altra donna. Tuttavia, sono rimasto estasiato da ciò che ho potuto vedere dei cumuli pieni del luogo segreto che condivideva con me.

"Potete vederlo?" chiese in un tono sussurrato ma urgente, timido, e allargò un po' di più le gambe.

"Lo vedrei meglio se spostassi un po' i pantaloncini..."

"Come questo?" Con un dito, tirò di lato la gamba dei suoi pantaloncini, dando ancora più spazio ai miei occhi da esplorare, e ora potevo vedere le labbra delicate, piccole e rosse della sua figa incontaminata.

Mi misi una mano sulla bocca, "Sì, tesoro..." dissi, mentre nella mia mente desideravo che non avesse obbedito, ma era già troppo tardi.

"Ti piace?" chiese timidamente, osservando incuriosita la mia reazione, la sua timidezza si opponeva a quanto avidamente la guardassi.

"Sì... sei bellissima nei minimi dettagli," dissi sottovoce. Mentre mi rivolgeva un piccolo sorriso, le chiesi: "Come ci si sente a farmi vedere così?"

"Mi piace l'espressione del tuo viso... Mi fa sentire bene..."

"Sono felice di sentirlo. Sarà questo il nostro segreto, allora?"

"Sì. Non lo dirò mai a nessuno. So che è molto sbagliato..." Ava guardò di nuovo in basso, le folte ciglia che coprivano quasi completamente i suoi grandi occhi marroni, ma poi mi guardò di nuovo, "ma puoi guardarmi come quanto vuoi, ok?"

"Ok," dissi con un sorriso.

Inutile dire che non sono mai tornato a guardare la gara. C'era qualcosa di molto più elettrizzante che stava accadendo molto più vicino a me.

Siamo rimasti semplicemente a guardarci mentre io guardavo costantemente in basso per ammirare la figa della mia giovane nipote, mentre lei me la esponeva volentieri. Stava semplicemente tenendo la gamba dei suoi pantaloncini di lato, facendomi ammirare, e ho notato come tremava nervosamente mentre lo faceva, i suoi occhi erano concentrati su di me. Mi sono reso conto che Ava non si sarebbe mossa o non avrebbe detto nulla, aspettando solo che le dicessi cosa sarebbe successo dopo.

"Sei vergine, piccola?"

"S-Sì..."

"Quindi sono il primo a vederti così?"

"Il primo... Mai..."

Ho inspirato profondamente.

"Ti tocchi?" chiesi, e fu il suo turno di inspirare rumorosamente, cercando di far fronte alla sua vergogna.

"L'ho fatto un paio di volte... Non mi sembra giusto..." L'imbarazzo trasudava dalle sue parole.

"Come mai?"

"Io..." La sua voce tremava e distolse lo sguardo.

"Dai, dimmelo."

"Non mi piaccio molto... Semplicemente non funziona."

"Oh... Bambina..." dissi in tono rassicurante. "Mi piaci... Ti toccheresti per me?"

"U-zio Allen..."

"Ti sto chiedendo... non lo farai per me?"

Ava iniziò a respirare ancora più forte, e alcuni secondi dopo, andò per la sua fessura vergine con la mano che non teneva i pantaloncini di lato, toccando goffamente il suo piccolo clitoride con due delle sue dita. La ragazza chiuse gli occhi, muovendo lentamente la punta delle dita su e giù per la protuberanza, mentre io la guardavo divertita.

"È bellissimo..." dissi sottovoce, e lei mi guardò negli occhi, le sopracciglia tremolanti, chiaramente non provando alcun piacere se non sapere di aver soddisfatto il mio desiderio.

Dopo un momento, mi sono reso conto che sembrava più interessata a quello che è successo nei miei pantaloni che a quello che ha fatto a se stessa. Ero così forte che mi faceva male, ed era tutta lei. Sentivo che voleva chiederlo, che era curiosa. Quindi mi sono appoggiato allo schienale del mio sedile in un modo in cui l'erezione che avevo era ancora più evidente, e i suoi occhi marroni si sono spalancati.

"Questo è tutto per te", dissi con sicurezza.

Ava aprì la bocca, poi si morse il labbro inferiore in modo seducente, con gli occhi sognanti.

"Ne hai mai visto uno?" Le ho chiesto.

"Solo nei video..." sussurrò imbarazzata.

"Vuoi vederne uno che è difficile a causa tua?"

Smise di toccarsi e annuì all'istante.

Ho spento la tv e ho tirato giù la cintura dei miei pantaloncini da notte per liberare la mia erezione pulsante. Stavo palpitante, avidamente, in un modo che non mi sentivo da molto, molto tempo, anche se uscivo ancora molte volte al mese, quasi ogni volta con una donna diversa ma attraente. L'effetto che stava avendo su di me era indescrivibile, e se non fosse stato per l'intera situazione, avrei già cercato di essere dentro di lei. La sua timidezza, il modo in cui sembrava così vulnerabile mentre si esponeva, sottomettendosi a me, un ragazzo molto prepotente, era eccitante al limite.

"Io-è grande..." affermò, la bocca parzialmente aperta.

"È al di sopra della media, sì, ma lo stai rendendo così difficile come non riesco a ricordare che fosse prima", dissi mentre accarezzavo l'intera lunghezza perché lei lo vedesse.

"Veramente…?"

"Sì..." E continuai a farlo, masturbandomi lentamente per farle vedere, e lei ne parve ipnotizzata. Guardandola quasi ansimare, vedendola anche eccitarsi notevolmente, ho iniziato a provare impulsi che sapevo sarebbero solo diventati più difficili da trattenere. "Tesoro?"

"Sì…?"

"Se non ci fermiamo adesso, non so se riuscirò a trattenermi..."

Ava sussultò, il suo respiro visibilmente irregolare. Non si era spostata di un centimetro da dove era rimasta, le gambe magre erano ancora aperte, rendendo il suo ingresso così magnificamente esposto ai miei occhi, finché non l'ho detto, e ha chiuso le gambe. Ho sentito un misto di delusione e sollievo che mi ha invaso. Non sarei in grado di mostrare la mia vera natura a mia nipote, di prenderla. Era meglio così, pensai. Ma allora…

"Cosa faresti... Se non potessi trattenerti?" chiese timidamente, anche un po' spaventata.

"Dovrei toccarti o costringerti a toccare me, e Dio solo sa cosa accadrebbe dopo."

"Sarebbe ancora il nostro segreto?" chiese Ava, che aveva sempre difficoltà a mantenere il contatto visivo, nervosa, suonando di nuovo timida.

Tutto il resto è successo molto velocemente. Dopo che Ava l'ha detto, ho sentito un bisogno che non ero più in grado di controllare.

Mi sono alzato e ho lasciato cadere i miei pantaloncini, liberandomi da loro. Ava sussultò e i suoi occhi si spalancarono, ignorando il mio membro orgogliosamente eretto e guardando in profondità nel mio mentre mi muovevo verso il divano. Mi sono seduto di lato sul divano e molto vicino a lei, di fronte a lei. Le spalle della piccola ragazza si irrigidirono, tese, ma non mi accennò nemmeno di muovermi o di dirmi di fermarmi.

Ava mi guardò, con le labbra tremanti, mentre mettevo le mie mani sui suoi fianchi e la tiravo verso di me, facendola scivolare, sdraiata sul divano con le gambe piegate e divaricate, poi lentamente ho iniziato ad abbassarle i pantaloncini di flanella. La sentivo respirare ansiosamente proprio come me. La giovane ragazza sollevò i fianchi in modo che potessi spogliarla dal fondo del pigiama più facilmente, e mi rallegrai alla vista della sua parte inferiore del corpo nuda, del suo ventre piatto, delle curve del suo bacino che portavano a quella oh così bella giovane figa, sormontata con una linea sottile dei suoi peli pubici castani. Respirava a fatica e mi guardava mentre la muovevo a piacimento, allargando le gambe davanti a me, lasciandomi fare quello che volevo. Ho passato le mie mani sulla pelle liscia come un bambino delle sue cosce mentre i suoi occhi si alternavano a guardarmi, toccando lei e il mio cazzo duro e palpitante.

Ho cercato qualsiasi indicazione che non sarebbe stata d'accordo, dato che ci tenevo a lei. Volevo averla, essere dentro di lei, ma non volevo violentarla. Anche se, non appena ho visto da vicino il suo giovane ingresso, mi sono imbattuto in una conferma luccicante e bagnata di come si sentiva.

"Oh, piccola, sei così bagnata..."

"Non dire cose del genere, per favore..." implorò Ava dolcemente, vergognandosi.

"Sai dove sta andando, vero?" chiesi, accarezzando con il pollice i radi peli pubici su e giù.

Sembrò insicura per un secondo. Ho immaginato tutto ciò che è passato per la mente di mia nipote adolescente in quel momento, quale messaggio mi avrebbe dato se avesse detto di sì. Ho guardato mentre le sue manine tremavano, afferrando saldamente il divano. Non ci ammireremmo più i corpi l'uno dell'altro. Non appena l'ho toccata intimamente in quel modo, non mi sarei fermato finché non avessi avuto ciò che volevo, e sapevo che ne era molto consapevole. Sapevo che le stavo facendo prendere una decisione che avrebbe influenzato il resto delle nostre vite, ma dovevo essere sicura... E Ava, con gli occhi fissi nei miei, visibilmente ancora immersa nei pensieri e piena di dubbi, annuì lentamente.

Inspirai profondamente e lasciai scivolare il pollice verso il basso da dove si trovava, formando una linea verso il basso in direzione del suo sesso sensibile. Non appena il mio pollice ha toccato il suo minuscolo clitoride, la ragazza ha sussultato, e di nuovo quando l'ha accarezzato dolcemente fino alle sue labbra, così calde, bagnate, invitanti.

"Oh... Bambina..." gemetti, pieno di soddisfazione, e spostai di nuovo il pollice, fino al suo clitoride, poi in basso, lentamente, sentendo il tocco morbido del suo ingresso, un po' delle sue labbra che si allargavano e lasciavano vedo com'era incontaminata la sua figa vergine.

Ava tremava dappertutto, ansimando, offrendomi la parte più intima di lei, e provai una sorta di eccitazione che non avevo mai provato prima. Sapevo perfettamente che quello che stavo facendo non era giusto. Dovevo prendermi cura di lei, non approfittare della sua fragilità in questo modo... Ma osservando il modo in cui istintivamente si preparava per me... Il modo in cui Ava faceva piccoli rumori, come se stesse ingoiando agonizzante i suoi gemiti per non farli uscire, per non lasciarsi soccombere al piacere di essere presa così presto... Il modo in cui questa piccola cosa rotta mi ha offerto ciò che aveva di più prezioso per lei... Non sapevo se meritavo tutto questo, ma ero sicuro che avrei ripagato di dieci volte ciò che mi aveva dato.

La guardavo, osservando quel corpicino che tremava, le sue cosce che tremavano per l'apprensione, e potevo vedere i segni dei suoi piccoli capezzoli che sporgevano sotto la maglietta bianca.

"Amore mio, dimmi la verità..." dissi mentre giravo dolcemente, massaggiando il suo piccolo clitoride, e guardandola chiudere gli occhi, mordendosi il labbro inferiore e facendolo sembrare ancora più rosso di quanto non fosse sempre.

"Eh?" La domanda venne fuori come un bellissimo piccolo gemito.

"L'hai fatto apposta? Mi hai fatto vedere apposta?" le ho chiesto, senza mai fermarmi, godendomi la sensazione del suo amore sotto il mio dito, e con l'altra mano le ho accarezzato l'interno coscia della gamba destra.

"N-No... prometto che non l'ho fatto..." rispose Ava ansimando, le sopracciglia espressive che si aggrottavano mentre cercava di affrontare ciò che sentiva. "B-Ma sono contento di averlo fatto... Nnh... non avrei mai immaginato... Qualcuno come te avrebbe interesse per una ragazza come me..."

Mi sono fermato, i suoi occhi si sono spalancati. L'ho tirata verso di me, facendola sussultare, poi l'ho girata, l'ho sollevata e l'ho fatta sedere di lato sulle mie ginocchia. Con il suo visino sorpreso molto vicino al mio, l'ho presa per le guance con una mano mentre sentivo l'umidità della sua giovane fessura sulla mia coscia.

"Qualcuno come me?" chiesi, il mio viso così vicino al suo che ci stavamo quasi baciando. Il dolce profumo dei suoi lunghi capelli castani era inebriante.

"Sì," disse, evitando il mio sguardo, "più vecchio, bello, ricco... che ha avuto appuntamenti con cento belle donne... ho conosciuto alcune delle tue amiche... non sono niente in confronto a loro..."

Le presi una gamba, allargandola un po', e ricominciai a toccarla, sempre dolcemente, sempre assaporandola. "Se non crederai quando dico che sei bellissima, lassù con le ragazze più belle che ho avuto il piacere di vedere nella mia vita, almeno riconosci questo: quello che mi stai dando in questo momento, in questo momento, lo farebbero non potrai mai darmi. Non sarebbero mai speciali per me come te, e tu, donandoti a me in questo modo…”

L'ho baciata. All'inizio con leggerezza, poi di nuovo, e l'imbarazzo a cui l'ha ricevuto non aveva nulla a che fare con il fatto che eravamo imparentati. Ero assolutamente sicuro di essere stato il primo a baciarla. Tenendo le mie labbra sulle sue e fermando i miei movimenti sulla sua figa per un secondo, l'ho lasciata concentrare su ciò che stava accadendo. Ava socchiuse le labbra, accogliendo la mia lingua, imitando i miei movimenti, e quando la notai che cominciava a darsi a se stessa, a rilassarsi, le avvolsi un braccio intorno e le lasciai appoggiare la testa sulla spalla. Mi sono semplicemente divertito a sentire il suo corpo sciogliersi attorno al mio mentre le accarezzavo la coscia, e così, siamo rimasti, baciandoci appassionatamente per un paio di minuti.

Quando il nostro bacio finalmente si ruppe, Ava aveva uno sguardo sognante nei suoi occhi. In quel momento, sapevo che era completamente presa da me, e probabilmente sarei stato in grado di farle tutto ciò che volevo in quel momento. La sensazione è arrivata come un'onda, mi ha investito addosso, esilarante, ma è seguita da una fitta di responsabilità. Anche se era troppo tardi per provare sentimenti paterni nei suoi confronti. In quel momento, potevo vederla solo come una bellissima giovane donna che volevo essere mia.

"Siete pronti?" le chiesi con un tono basso e sussurrato.

Ava iniziò di nuovo a respirare velocemente, il suo piccolo petto ansante. Mi guardò e pensò, e potevo percepire un milione di cose che le passavano per la mente. Ho solo aspettato, dandole tutto il tempo di cui aveva bisogno. Era facile vedere che la risposta sarebbe stata sì, mentre mi guardava appassionatamente negli occhi. Poi, come prima, annuì di sì.

"Zio Allen?" Mi ha chiesto mentre le tiravo su la maglietta. Non mi ha fermato, ma ho visto la sua reazione cambiare un po' e si è messa un braccio intorno ai seni piccoli.

"Sì, tesoro," dissi, prendendole gentilmente il braccio e abbassandolo, in modo da poter vedere quei piccoli monticelli perfetti di cui si vergognava così tanto. Avevano un aspetto tenero, coronato da capezzoli piccoli e castano chiaro, e sembravano molto sensibili.

"Prometti che mi amerai ancora dopo questo?" chiese Ava in un misto di paura e tutta l'eccitazione che provava.

"Semmai, ti amerò di più," dissi mentre la stendevo sul divano e togliendomi la maglietta verde scuro che indossavo, "Non cambierà nulla tra noi, ma se succede, sarà per il meglio . Prometto,"

Non appena mi sono sdraiato su di lei, mi ha avvolto le braccia intorno al collo e mi ha baciato dolcemente, "ok..."

Posizionandomi tra le sue gambe, che lei ha prontamente aperto per me, ho preso in mano il mio membro duro e ho iniziato a strofinarne la punta su e giù per la sua piccola fessura. I nostri occhi erano fissi insieme e potevo sentire come la ragazza tremava.

"Come forse già saprai, la prima volta fa male... cercherò di essere il più gentile possibile. Ma in seguito, se pensi che non ti piaccia, mi piacerebbe riprovare finché non lo farai... E Fidati di me", dissi mentre beccavo baci su tutto il viso carino di Ava. È stata una forzatura, non solo poterla deflorare, ma già chiederla una seconda volta, ma mi sono sentita abbastanza sicura per provarci.

"Ok," disse, ridacchiando, "affare."

Ava era mia, pensai. Era davvero mia. La stavo facendo mia.

Dopo averlo posizionato delicatamente tra le labbra bagnate bagnate della sua figa, ho iniziato a spingerlo dentro molto lentamente, avanti e indietro, cercando di essere il più attento e gentile possibile, delicatamente come meritava. L'ingresso di Ava è stato stretto come potevo immaginare, se non anche di più. Anche se era naturalmente lubrificata, ho lottato per entrare dentro di lei senza forzarlo, quindi ho iniziato ad aumentare la pressione con molta attenzione. La ragazzina strinse i denti, e il disagio era tutto sul suo bel viso. Finché, all'improvviso, la testa del mio uccello è entrata dentro di lei.

"Ugh!" La mia bambina chiuse gli occhi, ed era evidente che faceva male.

Ho smesso di muovermi. Tenendolo fermo, cominciai a baciare la fronte di Ava, poi le sue labbra, le sue spalle, la sua clavicola, mentre lei respirava a fatica, cercando di sopportare l'intrusione del mio grosso coso grosso nel suo ingresso stretto e vergine. Volevo guardare in basso, vedere il mio membro allargarsi, allungare quella piccola fessura perfetta e farsi strada dentro, ma farle capire che era amata in quel momento era più importante che affermare il mio dominio sul suo corpo. Dopo un po' le ho toccato la fronte con la mia e le ho chiesto: "posso iniziare a muovermi, piccola?"

Mi guardò negli occhi, respirando affannosamente, e fece cenno di sì con la testa.

Ho spinto un po' di più dentro di lei, facendo contorcere il suo viso carino dal dolore e dai gemiti, poi di nuovo. Era così, così stretta. Stretto come niente che avessi mai sentito prima.

"U-zio Allen..." mi chiamò Ava, quasi piangendo, "Mi sento come se stessi per squarciarmi lì dentro..."

"Vuoi che mi fermi?" chiesi, muovendomi leggermente dentro e fuori ancora una volta, facendola una smorfia.

Ava mi guardò, con gli occhi che lacrimavano, mentre io respiravo a fatica, cercando di contenermi. Mi guardò per un secondo e scosse la testa.

"No. Lo voglio anch'io..."

"Cosa vuoi, piccola?"

"Per favore, non farmelo dire..."

"Mi piacerebbe sentirlo."

"Io... voglio che tu mi scopi," disse Ava con la sua voce carina che tremava.

"Veramente?" Ho ricominciato a muovermi, facendola gemere, sentendo la sua figa stringersi intorno a me come se la sua vita dipendesse da questo, "Vuoi che ti scopi la figa? In questo modo?"

"S-Sì..." gridò la risposta, gemendo ancora di più mentre iniziavo a seppellirmi lentamente ma costantemente dentro di lei sempre più a fondo ad ogni movimento. "Ah-Ahi..."

Ho preso uno dei suoi seni in mano, l'ho massaggiato, accarezzato, giocato con il suo capezzolo piccolo e duro tra le dita mentre iniziavo a muovere i fianchi un po' più velocemente e l'ho sentita bagnarsi.

"Ungh-Ungh-Uhhh..." I suoi piccoli gemiti iniziarono a riempire la grande stanza bianca.

"Oh, Ava... Non hai idea di quanto sei deliziosa." dissi gioendo per tutto quel momento, il suo corpo piccolo e delicato sotto il mio, le sue braccia così strette intorno al mio collo, la sua vocina che suonava più forte e riconosceva ogni mio movimento... Il modo in cui si sentiva il suo ingresso, il modo in cui si stringeva intorno al mio membro, così caldo, così tenero...

Ho iniziato a prendere ritmo, a muovermi dentro e fuori di lei più velocemente, ogni volta un po' più in profondità. Ero già più che a metà, più entrando a ogni spinta. Seppellì il viso sul mio collo e gemette più forte, lasciandosi sentire e senza mai chiedermi di fermarmi o di andare più piano con lei.

"Ungh! Ughh! Uhhh! Oh! Oh mio Dio! U-Unnn... Zio Al-len!"

"Ecco fatto, piccola! Solo un po' di più!" dissi tenendola stretta. Ho fatto del mio meglio per soddisfare il mio bisogno di essere dentro di lei senza spingerlo troppo in profondità o brutalmente.

Presto lo stavo spingendo dentro di lei, sbaciucchiandola, a un ritmo così veloce che la mia bambina ha iniziato a dondolarsi avanti e indietro, emettendo lunghi gemiti e piangendo.

“Uuuuuuungh! Aau-uuuuuu! Huuuu-uuuuuh!”

Ava tenne la sua piccola faccia sul mio collo e mi fece sapere tutto quello che sentiva dal tono tagliente della sua voce. Potevo sentire il dolore e il disagio che provava, ma potevo anche percepire come ha accolto con favore ciò che le ho fatto dal modo in cui l'ha preso, senza un solo briciolo di riluttanza in tutto ciò. Si è semplicemente avvolta intorno a me, l'ha sentito e mi ha dato piacere, poiché sapeva che volevo che fosse. Potevamo entrambi sentire i rumori bagnati provenienti dal modo in cui ho picchiato il suo ingresso vergine, da quanto era bagnato e da quanto mi stringeva forte.

Normalmente, quando sentivo un orgasmo crescere così presto, mi fermavo, spostavo la ragazza in un'altra posizione e continuavo, facendola durare più a lungo. Non lo farei a lei. Non adesso. Ora volevo arrivarci e darle il miglior finale possibile per la sua prima volta, lasciando tutto quello che avevo dentro di lei.

"A-Ava! Cazzo! Ahhhh!" Ho iniziato a tuffarmi dentro e fuori da lei più avidamente, rudemente, con un ritmo più distanziato, e mi sono assicurato di guardarla negli occhi mentre lo facevo.

"Hungh! Huuuuh! Guuuuuh!!" Ava mi guardò con il viso contorto in una dolce agonia, la bocca aperta, e potevo vedere nei suoi occhi che sapeva cosa stava per accadere. La mia bambina ha iniziato a respirare ancora più velocemente in attesa.

Poi esplosi in un forte orgasmo, scuotendo tutto ciò che avevo, facendo sgorgare tutto il mio sperma in profondità dentro di lei con ciascuna delle spinte finali.

Mi guardò con i suoi grandi occhi marroni che lacrimavano, osservando attentamente quanto piacere mi dava. Il mio sperma le ha inondato le viscere. Anche se aveva ancora i denti serrati, poiché l'intrusione probabilmente le era sembrata agonizzante come lo era all'inizio, potevo notare quanto fosse soddisfatta di tutto ciò. Ha riconosciuto ciò che il suo corpicino era capace di darmi.

I let myself fall on top of her shaking petite body, panting, and I wrapped her in my arms. My little girl shook to the core under me, and she gasped when I finally took it out of her. I kissed Ava's lips, caressing her cheeks, watching her breathing slowly going back to normal after a while. She looked exhausted.

"Come ti senti?" Ho chiesto.

"I… I feel good."

"Veramente?"

"Yes… It hurts, but… But I'm glad I could give it to you…"

"You have no idea how happy you just made me."

"L'ho fatto?" She said, tilting her head to one side, a delighted look on her sweaty and tired little face.

"Yes. Very. I'll make you feel good too, soon as we can give it another try."

She looked at me with a beautiful smile on her face, one full of meaning.

"I feel good already… But we can try again anytime you want," and Ava tenderly kissed me on the lips. "I had no idea I could make you feel this good, but now that I do… I'm all yours."

In an instant, I forgot all about the fact that she was my niece or how young she was. The only thing I could think of was how much I would fight, from that moment on, to keep her around me, and gratefully so. La volevo. Solo per me.

DarksX for sexstories.com - Don't copy or republish without permission.

**********

Like it? Vote positive and leave me your thoughts in a comment.

Storie simili

Il nostro primo incontro parte 1

Era una fredda notte di ottobre. Il caminetto stava bruciando e abbiamo avuto un paio di drink. Ci siamo seduti casualmente a fissare il fuoco e chiedendoci cosa stessero pensando l'un l'altro. Lanciai un'occhiata a mia moglie, Stacie. Era in un altro mondo. Il silenzio è stato rotto da Heather che chiedeva a Stacie se stava pensando? Stacie ha risposto con una risatina, Oh niente di importante. In realtà mi stavo chiedendo com'era la tua vita sessuale? Avresti potuto bussare a me e Bill mentre iniziavano a ridacchiare e a discutere dell'intimità della loro vita sessuale. Bill e io sedevamo ad...

222 I più visti

Likes 0

Decisioni decisioni

Ci sono molte volte nella tua vita in cui ti troverai di fronte a decisioni che mostrano conseguenze significative. Alcuni sono più importanti di altri, ovviamente, ma ognuno di essi avrà un grande impatto sulla direzione della tua vita. Mentre mi tiravo fuori e le arrivavo sulla pancia, mi chiedevo se avessi preso la decisione giusta. Avvolse le sue gambe intorno a me, mi afferrò la nuca, mi tirò verso il basso e mi baciò appassionatamente... Ovviamente non aveva remore per la situazione. Ma forse sono andato troppo lontano. Forse dovrei tornare un po' indietro e spiegarti le circostanze della situazione...

224 I più visti

Likes 0

Mi sono svegliato - Parte 2

PASSANDO AL SUO NUOVO GIOCO Avevo passato le ultime settimane da quando mi ero diplomato al liceo uscendo con Ronnie. Ho anche trascorso diverse notti con lei nel suo appartamento in centro. Mia madre non era il suo solito severo. Dopo essere stata lontana da casa diversi giorni, non mi ha interrogato nemmeno un po'. Penso che abbia avuto molto a che fare con mia sorella maggiore Katrina che mi ha coperto. Passava da Ronnie tanto tempo quanto me. Lei e l'assistente di Ronnie, Mel, si stavano dando da fare. La scorsa settimana, Katrina aveva ricevuto un invito da Ronnie, perché...

161 I più visti

Likes 0

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

254 I più visti

Likes 0

I miei desideri, bisogni e desideri

Non ti vedo di persona da oltre quindici anni, ma ti vedo nei miei sogni giorno e notte. Penso all'unica notte che abbiamo passato insieme e a come voglio rimediare. Ero giovane e inesperto quando eravamo insieme quella notte. Non sapevo cosa fare, quindi non ho fatto niente. Voglio cancellarlo dalla tua memoria e crearne uno nuovo con te, che ti farà sorridere ogni volta che ci pensi. Voglio te. Ho bisogno di te. Desidero davvero stare con te. Ho questo blocco mentale che mi impedisce di lasciarmi andare e di godermi appieno il sesso. Non ho ancora avuto il mio...

253 I più visti

Likes 1

Il Club dei Pensionati (12)

Andie si alzò e ci abbracciammo l'un l'altro. «Andiamo a letto», sussurrai. La sua risposta fu un gemito sommesso ed entrambi ci voltammo per andarcene, con lei che afferrava la sua borsa. Quando siamo arrivati, le ho chiesto: Mi piacerebbe farti piacere, mia cara. L'ho spinta delicatamente di nuovo sul letto, poi ho iniziato a far scorrere le mani su e giù per le sue gambe. Prendendo la fibbia e la cerniera dei pantaloni, ho aperto loro e ha raggiunto per la vita dei suoi pantaloni. Non sapevo cosa aspettarmi, dal momento che ha detto che non aveva avuto nessun cambiamento...

183 I più visti

Likes 0

Il Cavaliere e l'Accolito Libro 3, Capitolo 8: Pericoli Necromantici

Il Cavaliere e l'Accolito Libro terzo: Passione barbara Capitolo otto: Pericoli necromantici Per mionome3000 Copyright 2016 Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta. Thrak – Rovine di Murathi, Federazione di Larg Sei sicuro di stare bene? chiese Faoril mentre mi massaggiava le spalle. Quella pietra sembrava pesante. “Bene,” sospirai, assaporando il modo in cui le sue dita mi massaggiavano le spalle, allentando la tensione. “È stato solo un colpo di striscio. Il livido non pulsa affatto. Devi stare attento, ha continuato Faoril. Le sue dita affondarono in profondità nei muscoli del mio collo, alleviando il dolore della pietra...

251 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

205 I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

218 I più visti

Likes 0

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

222 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.