JJ: Riunione con papà

118Report
JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti.

Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo schienale, strofinando pigramente le dita dei piedi sul tappeto. Faceva più fresco nel seminterrato, un gradito sollievo dal caldo della notte estiva al piano di sopra, ma tremava ancora un po' in canottiera e pantaloncini.

"Che cosa?" I suoi occhi non lasciarono la TV e lei quasi si voltò e corse di sopra proprio in quel momento.

"La mamma mi ha detto che non potevo sedermi con loro."

"Quindi vai a guardare Netflix nella tua stanza o qualcosa del genere." Non l'aveva ancora guardata e lei poteva sentire la piccola bolla di coraggio nel suo petto scoppiare.

"Va bene papà." La sua voce era calma mentre si girava per andarsene. Poi distolse lo sguardo dalla TV e sospirò.

"Cosa volevi JJ?"

"Volevo solo coccolarmi". Si girò verso di lui speranzosa, e lui la guardò per un minuto, il suo viso illeggibile nella luce fioca della TV.

«Va bene, ma chiudi la porta. Tua madre e le sue amiche sono troppo rumorose.

"Bene!" disse allegramente, e corse su per le scale per chiudere la porta del seminterrato prima di correre di nuovo giù. Saltò oltre lo schienale del divano e si rannicchiò vicino ai suoi piedi. Era sdraiato sul divano, la sua grossa struttura occupava la maggior parte dello spazio.

Ha cercato di non spingere mentre si sentiva a suo agio, odiava le interruzioni durante i film. Guardava la TV, era un film che aveva già visto e uno dei suoi attori maschi preferiti era il protagonista. Era un film d'azione storico e gli uomini a torso nudo che correvano su un campo di battaglia erano un piacere per gli occhi perfetto. Aveva la sensazione che non fosse per questo che piaceva a suo padre, ma di certo non si sarebbe opposta al materiale di visualizzazione.

Una volta che si è sistemata, il freddo del seminterrato ha iniziato a insinuarsi e lei ha tremato un po'. Incrociò le braccia sul petto, il materiale sottile della sua parte superiore faceva poco per nascondere le punte sassose dei suoi capezzoli.

"Pensavo volessi coccolarti." disse papà, gli occhi ancora sulla TV.

"Non volevo disturbarti, eri a tuo agio."

"Vieni qui." Papà le sollevò la coperta e lei esitò per un momento. Indossava solo i pantaloncini che aveva indossato prima in palestra. "Affrettarsi." Ancora non la guardava, ma il suo tono non affrontava argomenti.

JJ si insinuò sulle sue gambe e si sistemò tra di loro, cercando di non spingerlo troppo. Si sedette un po' rigida e si stava appena sistemando quando lui l'afferrò per un braccio e la tirò giù di fronte a sé, il suo braccio si piegò attorno al suo petto e il suo sedere si posò proprio sulla sua pancia.

Tirò indietro la coperta su di loro e la strinse a sé, i peli del suo avambraccio le solleticavano il petto. L'altra mano si posò sulla sua pancia sotto la coperta.

La sua larga mano si allargò attraverso lo spazio tra i suoi pantaloncini e la sua canotta e il suo stomaco tremò al tocco.

Cercò di calmare il respiro e di non muoversi, concentrandosi invece sulla TV. L'attore principale era in battaglia e JJ ha sentito la sua attenzione spostata dall'uomo dietro di lei all'uomo sullo schermo. I suoi muscoli si incresparono mentre faceva qualcosa di interessante con la spada. In un altro paio di minuti la battaglia era finita e la scena successiva era di lui che entrava in una tenda e si toglieva l'armatura. JJ non ha trovato difficile concentrarsi sullo schermo quando il suo busto è stato rivelato e ha iniziato a slacciarsi i pantaloni, la V affusolata dei suoi addominali luccicava alla luce delle candele. JJ sospirò e spostò le gambe, quelle lisce, strofinandosi contro quelle pelose di papà.

Il personaggio sullo schermo ora era nudo e stava camminando verso una bruna dai grossi seni su un mucchio di pellicce. JJ non poté fare a meno di guardare con invidia il seno ansante della donna. Era sicura che QUESTO fosse più il motivo per cui a papà piaceva questo film. La donna assomigliava alla mamma di JJ. Tutte grandi tette e curve femminili.

Probabilmente papà non riusciva nemmeno a sentire le piccole tette di JJ. Il suo avambraccio giaceva direttamente sopra di loro, e mentre ora era più calda, rannicchiata sotto la coperta, i suoi capezzoli erano ancora duri per il contatto. Le altre ragazze della sua età stavano iniziando a riempire i loro reggiseni, alcune di loro sembravano donne adulte, non ragazze. Ma JJ è rimasto ostinatamente piccolo. Una delle sue amiche le disse che tutti gli sport praticati da JJ erano la ragione per cui non si stava riempiendo molto. Il padre di JJ era il motivo per cui praticava così tanti sport, ha detto che aveva bisogno di direzione e disciplina, non di pomeriggi al centro commerciale come le ragazze popolari. Ma JJ avrebbe voluto che assomigliasse di più a quelle ragazze ea sua madre. A suo padre ovviamente piaceva.

Era stato così affezionato a sua madre, portandola ad appuntamenti e baciandola per tutta la casa. JJ li sentiva di notte, non sembravano rendersi conto che JJ potesse sentirli. Suo padre ha fatto urlare sua madre e lei poteva sentire alcune delle cose che le diceva quando facevano sesso nella vasca idromassaggio fuori dalla finestra di JJ. Il padre di JJ prestava particolare attenzione a JJ. Il suo stomaco rotolò un po' mentre ricordava i momenti in cui papà l'avrebbe tirata in grembo, sua madre nella stanza accanto mentre sussurrava che ragazza speciale e carina era mentre lo sentiva diventare duro sotto di lei. Tutti i modi speciali in cui papà usava per mostrarle quanto i papà che amavano DAVVERO le loro figlie mostravano loro quanto fossero speciali...

Era solito prestare così tanta attenzione a LEI. E poi... e poi tutto si è rovinato il giorno in cui ha avuto le mestruazioni. Era una ritardataria, la maggior parte dei suoi amici aveva già avuto i loro. E peggio, sua madre era entrata dalla porta dopo averla prelevata a scuola e l'aveva appena annunciato a papà. L'aveva guardata in modo strano prima di ridere con sua madre per quanto fosse cresciuta. Era stata furiosa con sua madre, ne aveva riso con lui come se non avesse solo umiliato JJ. Da allora, suo padre non l'ha più toccata. Era stato così distante e aveva prestato così tanta attenzione speciale alla mamma di JJ. JJ non poteva sopportarlo. Odiava stare con entrambi, preferendo passare il tempo con la mamma quando papà non c'era, così non avrebbe sentito l'ondata di gelosia ogni volta che papà schiaffeggiava la mamma o la prendeva per un bacio. Stanotte ha smesso di venire nella sua stanza e lei ha ricordato le lacrime amare che aveva pianto le notti in cui lo aveva sentito con la mamma, sapendo che non sarebbe venuto a baciarla e abbracciarla.

La donna sullo schermo stava facendo qualcosa all'uomo e JJ si rese conto con un rossore che gli stava succhiando il cazzo. Questo era sicuramente il motivo per cui a papà piaceva questo film.

La telecamera ha spostato il viso dell'attore maschio e la tensione nelle sue braccia mentre tirava su la donna. JJ ha spostato di nuovo le gambe a disagio, le sue gambe sbattevano contro quelle di papà mentre si rendeva conto che era la cosa più vicina che erano state per tutta l'estate.

"Cosa, pensi che sia sexy o qualcosa del genere?" La voce di papà le era bassa nell'orecchio e rabbrividì per la vicinanza.

"Papà!" Una delle sue gambe si avvolse sopra la sua, tirandola forte a sé e intrappolandola efficacemente contro di lui.

"Che cosa?" Va bene se lo fai, tua madre pensa che sia figo. La faccia di JJ arrossì alla menzione di sua madre e cercò di dimenarsi più lontano da lui.

“Comunque, non fare lo schifoso papà. Ha venduto." La mano di suo padre si strinse nella sua pancia e lei si contorceva ancora di più.

"Ha venduto? È più giovane di me, lo sai. La voce di suo padre suonava un po' strana ma JJ non poteva girarsi a guardarlo.

"Tu e la mamma siete vecchi però."

“Hm. E chi sarebbe una cotta per celebrità più appropriata per te? La mano di suo padre si stava ora muovendo contro il suo stomaco, correndo lungo la vita dei suoi pantaloncini.

"Non lo so, forse Nick Romero."

"Quel ragazzino della band?" La risatina di suo padre fece infuriare JJ. Chi era LUI per prenderla in giro?

“Comunque non è che io abbia bisogno di una cotta per le celebrità. Ho un vero fidanzato". JJ sapeva che la sua sfida era stata un errore immediato e imprecò internamente mentre papà si immobilizzava dietro di lei.

"È così?" La voce di papà era diventata più bassa, ma lei poteva ancora sentire il divertimento lì. "Tua madre non ha detto niente a riguardo."

"Mamma non sa TUTTO di me." JJ sapeva che sembrava ridicola ma non poteva fare a meno di continuare. “Mi ha chiesto di uscire la scorsa settimana. È il capitano della squadra del ragazzo per il campionato di club in cui gioco".

"Oh?" La voce di suo padre dietro di lei suonava un po' storta, ma JJ continuò, troppo presa dalla sfida di sapere che un ragazzo la trovava carina. Suo padre ovviamente non la voleva, ma Jake, bello, alto, affascinante, Jake sì. “Non so se mi piace l'idea che tu esca. Dovrò parlarne con tua madre.»

"QUALUNQUE COSA! Solo perché tu non mi vuoi non significa che gli altri ragazzi non lo vogliano! JJ esplose e si mise a sedere, lottando per spingere via il suo braccio da lei.

Papà l'afferrò e la tirò giù facilmente, spostando il suo corpo in modo da giacere mezzo a guardarla. Si rifiutò con rabbia di guardarlo in faccia.

"Lasciami andare! Ti odio."

"Shhhh, JJ, stai fermo!" Spostò la gamba per tenerla ferma e le afferrò il mento, costringendola a guardarlo.

"Baby, pensi che non ti voglia?" JJ voleva strisciare sul divano mentre sentiva le lacrime calde uscire dai suoi occhi. Strinse i denti con aria di sfida.

"Rispondi alla domanda JJ."

“Come puoi anche solo chiederlo? È ovvio. Mi ignori completamente ora, e tutto ciò che puoi fare è pomiciare con la mamma e le sue grandi tette finte e scoparla nella vasca idromassaggio e per tutta la casa. Sapete che posso sentirvi, cazzo, ragazzi ed è disgustoso. JJ cercò furiosamente di scacciare le lacrime di rabbia. La bruciante bruciatura del rifiuto di suo padre non si era attenuata durante l'estate.

“Oh piccola…” Suo padre si mosse all'improvviso, scivolando sotto di lei e cullando il suo corpo contro di lui mentre spostava la coperta su di loro, il film dimenticato.

“Non è che non ti voglio, è che non posso... semplicemente non posso più. È troppo pericoloso piccola".

"Qualunque cosa", disse ostinata. “Scommetto che Jake mi vuole. Scommetto che sarebbe felice se facessi tutte quelle cose che facevo per te per lui.

Prima che potesse battere le palpebre, la mano di papà era sotto il suo mento, costringendo i suoi occhi pieni di lacrime a guardarlo. "Ascoltami, JJ, NON permetterai a quel ragazzo di toccarti, mi capisci?"

JJ sorrise un po', sapendo che suo padre era incazzato. "Posso fare ciò che voglio."

Suo padre sospirò e le lasciò il mento. “Baby... Sai perché ho dovuto smettere di giocare con te? È troppo pericoloso. Ho capito quel giorno che hai avuto il tuo primo ciclo mestruale quanto ero stato sconsiderato. Papà era così preso da te che non mi sono fermato a pensare a tutti i modi in cui avremmo potuto essere catturati, o avrei potuto rovinare seriamente il tuo futuro.

JJ rimase in silenzio mentre le parole di papà penetravano. "Ma eri TUTTO oltre la mamma".

"Lo so piccola, ma dovevo mettere tutta quell'energia da qualche parte, e vederti in piscina tutta l'estate e camminare per casa in questi minuscoli pantaloncini del cazzo mi stava facendo impazzire."

"Oh."

"Pensi che non volessi toccarti?" La voce di papà era incredula mentre la tirava più forte a sé e improvvisamente JJ poteva sentire il suo pene contro il suo fianco attraverso i pantaloncini, era decisamente duro. “Pensi che non volessi toccare la tua pelle setosa? O tenerti in grembo? O sentire i tuoi piccoli seni perfetti?" Papà tirò via la coperta dal suo petto e tirò la sua canotta fino a quando il suo capezzolo e il gonfiore del suo seno furono rivelati.

"Guarda quanto sei perfetta, piccola."

"Ma il seno della mamma è grande." Papà ridacchiò.

“Certo che lo sono, mi ha fatto pagare un bel po' per quelli. Le sue tette erano della tua taglia, forse un po' più grandi. E quando ti ha avuto, le ho promesso che avrebbe potuto avere nuove tette se ti avesse allattato al seno abbastanza a lungo da farti diventare bella e forte.

"Non ti piacciono le sue... tette?" JJ era distratto dalle mani di papà sui suoi seni, il suo dito che scorreva leggermente sulla punta del suo capezzolo.

"Sono grandi e finte, e la fanno sembrare quelle stupide barbie da country club con cui esce."

"Oh." Papà la strinse forte a sé e lei poteva sentire i suoi fianchi muoversi contro la sua gamba, il suo cazzo che premeva su di lei.

“Tu piccola, sei perfetta. Anche la tua piccola scaltra è perfetta.

"PAPÀ." JJ si contorceva. “Le ragazze a scuola dicono figa. Nessuno dice... quella parola. La mano di papà è scivolata lungo la sua pancia fino alla cintura dei suoi pantaloncini e le è scivolata tra le gambe, coprendole completamente la fessura.

"E di cosa parlereste tu e i tuoi amici per sapere così tanto su quale sia il termine giusto?"

JJ, si rese conto del suo errore, arrossendo. "Solo roba da ragazze", mormorò, trasformando il viso nella spalla di papà. Una delle sue dita ha tracciato una leggera linea di piume sulle labbra della sua figa.

"Perché non hai i capelli bambina?" Tirò su la coperta e tirò giù un po' i pantaloncini per esporre il suo soffice tumulo.

"Papà! Brittany ha detto che dovevo farmi la ceretta durante l'estate, altrimenti il ​​mio bikini non sarebbe stato a posto”.

"È così? E Brittany ti ha portato a prendere questa cera?" JJ fece un cenno alla spalla di suo padre. Poteva sentire l'aria contro il suo tumulo mentre papà riprendeva ad accarezzarla.

“I tuoi capelli erano così chiari, piccola. Non avevi ancora bisogno della cera. JJ scrollò le spalle, rimanendo in silenzio.

“Per quanto riguarda la mia scelta di parole….Posso chiamare la tua piccola fica come voglio. Ma l'astuzia è adatta a te, sai perché?"

JJ scosse di nuovo la testa quando un dito di suo padre trovò il punto che sapeva che le piaceva, proprio sul lato del suo clitoride, e si premette. “Ci sono alcuni motivi. Cunny, descrive perfettamente quel rosa perfetto del tuo piccolo buco. E adoro il suono della tua voce quando dici cose come "Mi sei mancato papà alla mia fica". JJ arrossì e premette ulteriormente il viso sulla spalla di papà.

"Dillo per me piccola." Fece oscillare il dito contro di lei, un altro dito che premeva contro il suo buco, la punta ruvida che stuzzicava il suo ingresso.

"Mio mio…"

"Ecco fatto piccola."

"Mi sei mancato papà alla mia cunny." Le cosce di JJ si strinsero contro papà mentre premeva lentamente la punta del dito su di lei, la pressione sul suo clitoride le faceva venire voglia di sgroppare.

“Beh piccola, anche a papà è mancata la tua piccola scaltra. E anche il cazzo di papà ha mancato la tua fica. Riesci a sentire che sono dura, piccola?"

JJ annuì, il calore della sua erezione premeva sulla sua coscia. La luce della TV sullo sfondo proiettava una strana luce sul viso di papà mentre lui la girava in modo che la sua schiena fosse contro di lui: "Baby, abbassati i pantaloncini per papà, voglio sentire meglio la tua piccola fessura dolce".

In trance, JJ si abbassò i pantaloncini. Poteva sentire il tessuto dei pantaloncini di papà contro il suo sedere mentre si sistemava di nuovo su di lui. Tirò su la coperta su di loro e la sua mano trovò di nuovo i suoi seni attraverso la sua canotta. Lo sentì spostarsi e poi improvvisamente lo sentì caldo e duro, la pelle del suo cazzo nudo che premeva tra le sue gambe.

“Senti quanto è difficile papà per te? Non chiederti mai quanto ti voglio di nuovo. Guardarti per tutta l'estate e non toccarti è stata una tortura. E anche se sapevo che ora che hai il ciclo potrei metterti incinta, il numero di volte in cui volevo scoparti mi ha quasi ucciso. Ricordando la tua dolce figa avvolta attorno a papà nel buio della tua stanza, quei piccoli rumori morbidi che hai fatto quando sei venuto sul mio cazzo…”

JJ si contorse quando le dita di papà trovarono di nuovo il suo clitoride, le sue braccia avvolte strettamente intorno a lei mentre i suoi fianchi lavoravano contro di lei, premendo a malapena contro il suo buco e poi scivolando di nuovo oltre, stuzzicandola.

"Papà…"

“Che piccola, ti sono mancato anche tu? Eri geloso che il cazzo di papà non ti riempisse? Eri geloso della mamma?"

JJ annuì, la pressione del dito di papà contro il suo clitoride e la lenta presa in giro del suo cazzo che scivolava oltre il suo ingresso stavano creando quella corporatura agonizzante che le era sfuggita dai tocchi speciali di papà. “Lo so dolce ragazza, la mamma non è così incredibile come te. E so che entrambi la amiamo, ma non può mai sapere quanto penso alla mia dolce ragazza ogni volta che devo scopare la sua vecchia figa.

Papà si spostò dietro di lei e all'improvviso la punta del suo cazzo premette contro il suo ingresso. La testa spessa sembrava grande quanto la prima notte in cui aveva preso la sua verginità, la pressione lenta era agonizzante mentre faceva oscillare un dito contro il suo clitoride.

“Oh mia dolce bambina, sei proprio stretta come ricordo. La figa di tua mamma non è niente in confronto alla tua. JJ provò un rossore di orgoglio alle sue parole, anche se si contorceva alla sensazione della sua circonferenza che premeva su di lei. Doveva sempre andare così piano per lavorarci dentro….la sua corporatura la faceva sembrare piccola normalmente e lei non ne era mai stata più consapevole di quando lui stava lentamente infilando il suo cazzo dentro di lei.

“Papà…” ansimò.

"Oh piccola, papà aveva bisogno di questo." Il ringhio delle sue parole coprì il suo sussulto mentre lui si spingeva dentro di lei bruscamente, la sua spinta insolitamente dura la faceva contorcere lontano da lui, ma le sue braccia la presero e la tennero contro di lui, il suo corpo dentro di lei.

"Mi dispiace piccola, ho perso il controllo per un minuto, so che ti ci vuole un minuto per abituarti a papà, non riuscivo a trattenermi, ti senti così bene piccola, la migliorerò."

Papà le strinse il viso e la baciò, spostando di nuovo il dito contro il suo clitoride finché non la sentì stringersi intorno a lui.

“Ecco fatto piccola, stai andando così bene. So che papà ha trascurato la tua piccola scaltra ed è per questo che è così difficile per te in questo momento. Ma stai andando così bene e papà è così orgoglioso di te. Papà è così fottutamente orgoglioso di te piccola…” Il dolore del grosso cazzo di papà che premeva su di lei si stava allentando in una pressione che poteva gestire, lentamente si lasciò rilassare e premere su di lui, la pressione contro il suo clitoride faceva tornare l'ondata di piacere , con il respiro affannato mentre papà muoveva un po' i fianchi.

“Oh dio piccola, è passato troppo tempo dall'ultima volta che sono stato dentro di te. Mi dispiace tanto, papà non avrebbe mai dovuto lasciare che le cose andassero così male. So che hai bisogno di me tanto quanto io ho bisogno di te, piccola.

Papà tirò indietro i fianchi fino a quando la punta del suo grosso cazzo era appena dentro di lei, lavorando l'ingresso sensibile della sua figa mentre faceva oscillare le dita contro il suo clitoride, costruendo lentamente la pressione che aveva imparato a creare durante le molte notti che aveva passato intrufolato nella sua stanza.

"Papà, mi ami?" JJ aveva bisogno di sentire le parole, il dolore per i mesi in cui lui la ignorava, il bisogno di essere lenito dalle sue parole. Il piacere di averlo dentro di sé mentre sua madre era al piano di sopra a sghignazzare con i suoi amici non era abbastanza per cancellare il dubbio e l'angoscia per mesi senza che i tocchi speciali di papà si fossero creati.

“Certo, sei sempre il mio bambino, JJ. Ti ho creato e ti ho tenuto nel momento in cui sei entrato in questo mondo e ora posso abbracciarti e scoparti, sei la mia ragazza speciale e sei fatta per me. Lo so perché ti ho creato io".

Papà ha pompato contro di lei e JJ sussultò. La pressione del suo grosso cazzo che faceva funzionare il suo ingresso combinato con le sue dita contro il suo clitoride e il senso malato di vittoria su sua madre stavano costruendo qualcosa che implorava di essere scatenato.

"Oh mia dolce bambina, posso sentire la tua astuzia stringere, sei così vicino ..." I fianchi di JJ si spinsero all'indietro mentre continuava esasperando il suo ingresso. “Bambina, non so se riuscirò a tirarmi fuori, la tua figa è così stretta. Papà dovrà venire dentro di te, mi dispiace piccola ma mi stai facendo impazzire con la tua piccola fica stretta. Cazzo…” Le sue parole si trasformarono in un ringhio e JJ si rese conto che le sarebbe venuto dentro.

“Ma papà, potresti mettere un bambino dentro di me! Jake ha detto che è per questo che potevo solo fargli un pompino!

Papà si bloccò, i suoi fianchi si immobilizzarono dentro di lei. Improvvisamente la fece girare sulla schiena, spinse via la coperta da loro, il suo corpo in bilico sopra il suo, il suo cazzo in bilico sopra il suo buco.

"Hai fatto un pompino a quel piccolo cazzo di adolescente?" Poteva sentire la rabbia di papà mentre la sua mano si aggrovigliava tra i suoi capelli, tirandola rudemente a guardarlo. "Rispondetemi!"

"No papà, abbiamo solo, abbiamo appena scritto ..."

"Se quel coglione pensa di avvicinarsi a te..." Il viso di papà era una furiosa maschera di ombre e si inginocchiò sui talloni. "Turnover."

"Papà mi dispiace..."

"Ho detto di girarti, JJ, adesso." JJ si è affrettata a girarsi e papà l'ha tirata giù verso di lui sul divano, le sue gambe erano schiacciate insieme e lui si è messo a cavalcioni su di lei, le sue cosce pelose le solleticavano mentre appoggiava deliberatamente il suo cazzo contro la sua fessura del culo, la grossa lunghezza pesante contro di lei.

“Bambina, ho fatto un errore e ho smesso di scoparti quando hai avuto il ciclo perché ero un idiota. Ma non commettere errori, non accadrà di nuovo. Sei a casa mia e sei la mia bambina. La tua astuzia è mia e non devi permettere a nessun altro di toccare ciò che è mio. Papà ha spostato il suo peso e ha aperto le sue chiappe, spingendo il suo cazzo contro la sua fica prima di lasciarsi andare e chinarsi su di lei.

"Metti la mano sotto lo stomaco e tocca il clitoride." Ordinò, le sue parole confuse mentre si spingeva lentamente dentro di lei. Rimase fermo quando trovò il suo clitoride e iniziò a lavorarlo di nuovo. Il piacere sbocciò quando il suo peso si posò contro di lei, l'epicentro del suo cazzo, premendola contro il divano.

“Ascoltami molto attentamente ragazzina. Non ti avvicinerai mai allo stronzo di quel ragazzo di Jake. Papà tirò fuori i suoi fianchi e premette di nuovo il suo cazzo lentamente mentre le sue dita premevano contro il suo clitoride. Il lento trascinamento del suo cazzo stava uccidendo il processo di pensiero di JJ mentre la sua guancia ruvida premeva la sua e lasciò che il suo peso cadesse completamente contro di lei, i suoi fianchi affondavano in lei con pesanti e lente spinte.

“Sei la dolce ragazza di papà, JJ, mia e mia da sola. Comprendere?"

"Si papà.

“La tua fica è mia e il mio cazzo è l'unico che può entrare. Comprendere?"

“Sì, papà,” ansimò JJ, la crescente pressione nella sua scaltra che le rendeva difficile parlare. "Oh dio papà.."

"Ecco fatto piccola... Il cazzo di papà è stato fatto per la tua fica e non dimenticarlo. Ti scoperò il più spesso possibile, non mi interessa quante volte vengo dentro di te. Non mi interessa se stai gocciolando sborra ogni giorno della settimana, papà ha bisogno della tua piccola cugina e io la userò, cazzo.

"Papà!" JJ pianse e all'improvviso papà le premette la faccia sul divano per attutire le sue grida mentre la pompava furiosamente.

"Oh cazzo, la mamma è di sopra, non può sentire", papà afferrò i capelli di JJ, i suoi fianchi ora sbattevano contro di lei, la circonferenza del suo cazzo si riempiva e la allungava esattamente come ricordava. Le sue piccole dita lavoravano ancora furiosamente sul clitoride. La mano di papà scese sul divano davanti al suo viso e lei guardò le vene nella sua mano gonfiarsi mentre afferrava il divano, i suoi fianchi all'improvviso si spingevano sempre più in profondità dentro di lei, sapeva che era vicino a venire. Stava per venire dentro di lei, proprio nel suo piccolo buco non protetto.

Il suo cazzo sapeva, anche se il suo cervello non lo sapeva, che il suo piccolo buco stretto era la scelta infinitamente migliore della vecchia fica di sua madre. In quel momento, a JJ non importava nemmeno se suo padre fosse entrato dentro di lei, voleva che il suo sperma la marcasse. La pressione del suo corpo contro la sua schiena e il lavoro furioso contro i suoi fianchi era troppo e le piccole grida di JJ erano attutite dal divano mentre la sua scaltra stringeva il cazzo furioso di suo padre.

Sentendo la compressione e il fremito del suo corpo sotto di lui, lo perse, il suo cazzo dentro la sua bambina come lo stesso sperma che l'aveva fatta, sparato dentro di lei.

"Vaffanculo bambina, mi dispiace così tanto... non posso fermarmi, non mi fermerò mai, questo è il posto a cui appartengo, dentro di te."

JJ ha cavalcato il suo orgasmo mentre le contrazioni del cazzo di papà dentro di lei le facevano sapere che la stava riempiendo come mai prima d'ora. Il pensiero del suo sperma nel profondo di lei le dava un senso di nauseante soddisfazione mentre una risata particolarmente forte filtrava dal piano di sopra.

Improvvisamente la porta del seminterrato si aprì e il rumore si intensificò. "Fanculo!" Papà ha afferrato la coperta e l'ha tirata su di loro, girandoli in modo che JJ fosse ancora una volta cullato contro la sua fronte di fronte alla TV.

"Eccoti! Divertirsi nella caverna dell'uomo con papà?" La voce della madre di JJ era terribilmente forte nell'oscurità del seminterrato. Il cazzo di papà dentro la sua figa sobbalzò e lei poteva sentire la sua sborra filtrare intorno ai loro corpi uniti mentre combattevano furiosamente per controllare il respiro. Le scosse di assestamento del suo orgasmo continuavano a pulsare attraverso il suo corpo anche se il battito cardiaco accelerava all'ingresso di sua madre.

"Sì mamma, stiamo guardando il film con quell'attore super sexy che ti piace, penso di capire perché ti piace, è INCREDIBILE in questo film." JJ poteva sentire la mano di suo padre stringerle lo stomaco, avvertendola di comportarsi bene.

“Beh voi due vi divertite, io e le ragazze andiamo a casa di Gina per vedere la sua nuova cucina e la nuova cantina. Divertitevi, non aspettate in piedi!”

La mamma si chinò sullo schienale del divano e arruffò i capelli di JJ prima di chinarsi per dare un bacio sulle labbra a papà. JJ si strinse brutalmente con la figa come faceva e le mani di papà le graffiarono la pancia in risposta.

Aspettarono con il fiato sospeso, il cazzo di papà ancora dentro la sua figa che ora perdeva, che sua madre andasse di sopra e la porta si chiudesse.

Nell'istante in cui lo fece, il cazzo di papà si stava muovendo di nuovo dentro di lei. "Maledizione di Dio JJ!" Era troppo vicino!”

“Non mi interessa papà! Mi è piaciuto molto averti dentro di me, quando è venuta di sotto. Mi è piaciuto avere il tuo sperma che colava intorno al tuo cazzo sapendo che la mia figa è più stretta di quanto lo sarà mai la sua. Sei il MIO papà e ti ha tenuto lontano da me per tutta l'estate!

Papà si muoveva dentro di lei furiosamente: "Non puoi fare quella merda! Se mai ci avesse beccati... Dio, mi stai uccidendo JJ!

La sua figa si strinse intorno a lui, malata soddisfazione per il suo bisogno che lei si riempisse di lei ancora più sballo di quanto avesse avuto il suo orgasmo. "Papà mio, mio!" Disse sfacciata, le sue dita che si schiacciavano nel suo braccio, la sua figa che gli schiacciava il cazzo.

"Mio padre, il mio cazzo, le mie sborrate, tutto per la mia piccola fica stretta, non è vero papà?"

Con un grido soffocato, ancora una volta, i suoi fianchi premettevano su di lei e lei poteva sentirlo sussultare dentro di lei.

“Il mio…” sussurrò, il bagliore della TV che creava strane ombre sulle sue dita strette al braccio di papà. Riempita con due carichi di sperma di suo padre nel profondo della sua piccola fica stretta, sapeva di essere di nuovo la sua ragazza speciale. Papà l'amava e non l'avrebbe mai lasciata andare di nuovo, se ne sarebbe assicurata.

Storie simili

Parkview alto

La Parkview High School era una normale scuola superiore. Tutto quello che ti aspetteresti in questi giorni. Ma stava per esserci una storia diversa con questo liceo. Jack era uno studente normale lì. Aveva quindici anni e stava appena iniziando a conoscere l'ambiente e tutto il resto. Non aveva pensato molto alle ragazze fino a quel giorno. Era il giorno in cui aveva visto quelle ragazze. Naturalmente, nessuno sospetterebbe a prima vista quando li guardava. Sembravano proprio come qualsiasi altra ragazza adolescente. Era un gruppo di tre ragazze che sono al centro di questa storia. La prima ragazza è stata Susan...

389 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

418 I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

336 I più visti

Likes 0

Il re 3

2070, Orbita terrestre. King È stato divertente Doc, grazie di tutto (Il re muore). Doc Holiday Addio Mr Sims. Il 24° secolo, Spazio della Federazione. Augurando buona fortuna a Steve e alla sua famiglia e salendo sulla sua nave, Kevin lascia la base stellare 12 per iniziare la sua nuova vita nel 20° secolo. Sta per usare la stessa tecnica usata dal Capitano James T Kirk quando lui e il suo equipaggio hanno viaggiato indietro nel tempo quando è stato contattato da un'altra nave. Comprensibilmente Kevin è sorpreso quando il pilota dell'altra nave dice Ciao Mr Sims è così bello rivederti...

345 I più visti

Likes 0

Moglie e sorella scopano duramente

Questo è Alì. Sono un uomo sposato di 32 anni. Sono sposato e mia moglie Niha ha 28 anni ed è una casalinga. Lei è una bella signora. Ovunque vada, i ragazzi intorno non distoglieranno gli occhi da lei. Sono molto fortunato ad averla. La sua taglia è 36-28-40. Ha un seno bello e sodo e un culo rotondo e spumeggiante che oscilla mentre cammina e molte persone per strada aspettano di vedere il momento del suo culo mentre cammina per il mercato vicino. Indossa sempre Sari e talvolta a casa, le piace indossare la notte. Abbiamo avuto una buona vita...

298 I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella_(3)

La mia migliore amica sorella Mi chiamo Bubba. Sono solo il tuo adolescente medio di 16 anni che sta attraversando tutta la merda ormonale che attraversano gli adolescenti. Ho 6,6 anni e non sono nella migliore forma della mia vita. La mia vita può essere un inferno vivente, che respira di tanto in tanto. Basta con me. Ti racconterò una storia sulla mia vita sessuale con la sorella della mia migliore amica. Penso a loro come alla mia seconda famiglia perché conosco tutta la loro famiglia dalla quinta elementare. Era una mattina luminosa per un sabato presto di merda. La famiglia...

278 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

480 I più visti

Likes 0

Creare un mondo migliore... il giorno del nostro matrimonio

La mattinata era stata frenetica, con capelli e trucco da fare, ma il prosecco aiutava ad alleviare lo stress. Ma poiché sua sorella Lucy l'ha aiutata a vestirsi, Leanne era ansiosa di iniziare la sua nuova vita da donna sposata. Questo e il fatto che stasera sarebbe stata scopata dall'enorme cazzo nero di Darrell, lui avrebbe preso la sua verginità invece di suo marito. Adorava la sensazione della lingerie sexy che indossava sotto il suo abito da sposa e non vedeva l'ora di farla vedere a Darrell, inoltre non vedeva l'ora di vedere Matt nel suo. Sia la sposa che lo...

407 I più visti

Likes 0

La storia di Margo 2 - Carlo

Abbiamo iniziato a baciarci e, naturalmente, ho lasciato che mi accarezzasse il seno. Non ero sicuro di quanto sapesse della mia disponibilità a fare altre cose, ma ha messo una mano sulla mia gamba e gli ho permesso di allungare una mano sotto la mia gonna e strofinare la mia coscia sul bordo delle mie mutandine. In quel momento mi sono girato leggermente e ho messo la mano sul rigonfiamento dei suoi pantaloni. Il suo respiro accelerò mentre lo strofinavo vigorosamente lì. Lui, ovviamente, lo prese come un permesso per giocare con la mia figa, prima all'esterno delle mie mutandine e...

388 I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

347 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.