Appuntamento misterioso

135Report
Appuntamento misterioso

Si scrollò la pioggia dall'ombrello mentre entrava nel club - il tempo non stava collaborando, ma sapeva che l'avrebbe aspettata, e questo è stato sufficiente per farla uscire stasera - anche di fronte all'acquazzone lei avevo appena sopportato.

Si tolse l'impermeabile e svelò un vestito semplice che le sembrava tutt'altro che semplice. L'abito terminava a metà coscia e la leggera irregolarità nel modo in cui scivolava sulle gambe lasciava intendere la possibilità che le giarrettiere reggessero le calze nere a fantasia che le definivano le gambe lunghe. I tacchi a spillo rosso scuro segnalavano che questa donna era più di quanto sembrava - forse un po' pericolosa? La cintura abbinata stringeva il vestito comodamente alla vita e accentuava la curva del suo corpo, con la profonda scollatura che rivelava un accenno del reggiseno di pizzo nero sottostante. Le perle le drappeggiavano il collo in tre festoni, luccicavano sulla sua pelle chiara e si illuminavano dei riflessi dei suoi capelli rosso scuro. Il suo viso aveva una serie di chiari occhi verdi che brillavano per l'eccitazione che provava, le sue guance mostravano un leggero rossore che tradiva la stessa eccitazione.

Più di un paio di occhi la seguirono mentre si dirigeva verso il bar e ordinava un semplice Martini secco. Diversi uomini hanno annuito con approvazione alla sua scelta di un cocktail classico libero dalle vetrine della moda e delle tendenze mentre assaporava le note croccanti del gin con un pizzico di vermouth. Sorrise a coloro che hanno mostrato il coraggio di trattenere il suo sguardo quando ha incontrato il loro, ma era ovvio che stava cercando un volto particolare nella folla. Momenti di invidia riempirono molti dei suoi ammiratori quando il suo sguardo si posò sull'uomo dai capelli scuri che entrò in quel momento.

Quando entrò e la vide si dimenticò di tutto... dei problemi sul lavoro e di altre cose che aveva in mente mentre era in viaggio, il tempo piovoso lo metteva sempre di cattivo umore... tutto ciò scomparve in un batter d'occhio occhio quando l'ha vista. Si fermò per un secondo sulla porta e poi con un sorriso gentile sul viso si avvicinò a lei. Lo ha fatto di nuovo... non importa quanto sia stupito ancora e ancora dalla sua bellezza e quando pensa che non possa sorprenderlo di nuovo lo fa. Mentre camminava verso di lei, stava pensando a come, qualunque cosa indossi, sia semplicemente fantastica – e stasera è fuori di testa! I brividi gli attraversarono il corpo quando le toccò la mano e la baciò - era sempre come se fosse la prima volta. Così eccitante, sensuale - le sue labbra lo facevano sempre sentire come un ragazzino che ha appena ricevuto il suo primo bacio.

Aveva pensato a lei tutto il giorno, i minuti sembravano ore mentre faceva il conto alla rovescia fino alla sera - e lei adesso era lì...seduta accanto a lui, sorridendo, facendolo sentire come se fosse l'unico uomo al mondo per suo. Notò gli sguardi invidiosi dell'altro uomo che desiderava solo una cosa... essere al suo posto, stare con lei... La sua mano scivolò nella sua mentre si baciavano e si sistemavano sulle sedie per godersi i drink e beccare su.....

Sentì il familiare impeto di emozioni, stupita come sempre di quanto fosse sempre nuovo, di come "nel momento" diventasse al suo cospetto. Mentre parlavano, lasciò che il suo piede viaggiasse su e giù per la sua gamba, sapendo che gli piaceva il tocco, ma apprezzava il fatto che chiunque guardasse sapeva che lei era interessata solo a lui e che le loro menti sarebbero sfrecciate con fantasie su ciò che avrebbero fare il prossimo. Il brivido che aveva provato dopo quel pensiero aveva solo una fonte: il fatto che sapeva, indipendentemente dalle fantasie dell'altro, l'avrebbe realizzata in modi che non potevano nemmeno immaginare.

Si chinò per un bacio e guidò la sua mano sul vestito, facendogli sentire il contorno della giarrettiera, il bordo della sua calza e la pelle nuda sopra di essa, lasciando che la sua mano si posasse brevemente sul suo fianco e si accorse che indossava reggicalze e nient'altro laggiù sotto il suo vestito. "Non so se potrei aspettare abbastanza perché tu mi spogli" gli sussurrò all'orecchio mentre le loro labbra si aprivano "Così ho pensato di darti la possibilità di portarmi quando e dove vuoi stasera" Si sentì si irrigidì per la sorpresa e lo guardò negli occhi con un sorriso diabolico, annuendo per assicurarsi di aver capito l'offerta che lei gli aveva fatto. "Ogni volta che vuoi, dove vuoi, qualunque cosa tu voglia stasera, caro cavaliere, sono io a comandare." Sollevò il bicchiere in un brindisi silenzioso, senza il leggero tremito nella sua mano mentre toccavano i bicchieri in accordo con la sua proposta.

Prima che potesse formulare una risposta, lo condusse sulla piccola pista da ballo mentre la musica iniziava. Il sax di Coltrane uscì dagli altoparlanti mentre lei lo conduceva fuori sotto gli sguardi invidiosi di uomini e donne. La attirò a sé e lasciò che la musica li portasse, un lento passo di valzer che si adattava perfettamente alla musica. Si chinò su di lui, i suoi capelli si allargarono come una sciarpa ramata sulla spalla del suo vestito, inalando il suo profumo e sentendo il suo calore.

Ascoltò la musica e sorrise, sussurrandogli all'orecchio "Canzone perfetta per la notte, non credi, piccola?" Ascoltò e rise piano. La sua mano scivolò più in basso, accarezzandole la schiena fino alla curva del suo culo, inviando un piccolo brivido attraverso il suo corpo mentre incontrava di nuovo il contorno del suo reggicalze. Sospirò felice e baciò dolcemente il suo collo mentre continuavano la loro danza, i riff di Coltrane riempivano la melodia di "My Favorite Things". La canzone finì e lui prese il controllo, guidandola verso una cabina vuota e ordinando un altro paio di martini.

Seduto vicino a lei, lasciò che la sua mano le accarezzasse l'interno della coscia e sentì il calore che emanava da lei. Gli lanciò uno sguardo di pura lussuria e lasciò che la sua mano giocasse sul suo petto mentre lo baciava, lasciandolo cadere casualmente in grembo per dare una stretta al suo cazzo da giardinaggio attraverso i suoi pantaloni. “Qualunque cosa, ogni volta, ovunque, piccola – proprio come ho detto” sorrise mentre accarezzava forte la sua rabbia. La sua risposta fu immediata mentre guidava la sua mano verso la sua cerniera e l'aiutava a esporre il suo grosso cazzo. "Succhiami ora, proprio qui" sorrise pensando di averla chiamata bluff, poi guardò con stupore mentre questa bellissima donna scompariva sotto il tavolo e inghiottiva il suo cazzo nella sua bocca calda e bagnata. Si guardò intorno e notò che più di un frequentatore di club lo studiava attentamente – ovviamente l'avevano vista scivolare sotto il tavolo e stavano aspettando la sua reazione.

Prese il suo martini e bevve un sorso mentre la sua lingua girava intorno alla testa del suo cazzo e scivolava lungo la sua asta, la sua gola stringeva e mungeva il suo cazzo per tutto quello che valeva. Le sue mani erano sulle sue cosce, tenendolo fermo al suo posto quando tutto ciò che voleva era macinare i fianchi in faccia e scoparla in bocca. Arrossì quando la familiare sensazione di un imminente orgasmo iniziò a crescere nel suo inguine, cercando di rimanere calmo di fronte all'interesse del suo pubblico. Diverse coppie avevano osservato da vicino le sue reazioni - ha alzato il bicchiere verso coloro che hanno incontrato il suo sguardo e ha cercato di prendere un altro sorso della bevanda - appoggiandolo invece mentre soffocava un gemito - è venuto duro - tirandole una corda dopo l'altra in gola mentre lei gli succhiava il cazzo come una bambina affamata di latte. Lo tenne in bocca finché non si era calmato, pulendo e baciando il cazzo, poi riponendolo di nuovo dentro prima di emergere da sotto il tavolo e sorridere a coloro che stavano ancora guardando. Si leccò le labbra e prese un lungo sorso dal suo cocktail trascurato, poi si avvicinò e lo baciò. "È stato un ottimo inizio, piccola, non vedo l'ora di vedere cosa c'è dopo nella tua lista" mormorò, guardandolo profondamente negli occhi. "Dammi un minuto per far funzionare le mie gambe" sorrise "abbiamo così tanti posti dove andare" La sua mano scivolò tra le sue gambe e testò l'umidità del suo inguine mentre parlava….

Storie simili

Il patto del diavolo Capitolo 26: L'ordine di Maria Maddalena (fisso)

Il patto del diavolo per mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2013 Capitolo ventisei: L'ordine di Maria Maddalena Visita il mio blog su www.mypenname3000.com. «Entrate», dissi alle mie consorelle, invitandole nella mia stanza d'albergo. Beh, in realtà non era la mia camera d'albergo. Ieri sera, quando sono volato in SeaTac da Miami, la Provvidenza mi ha portato da un perito assicurativo di nome Curtis al ritiro bagagli dell'aeroporto. Abbiamo flirtato mentre aspettavamo i nostri bagagli e lui mi ha invitato nella sua camera d'albergo. Quando la Provvidenza ti dà un posto dove stare, con un ragazzo carino come stivale, non dici di no...

6 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

653 I più visti

Likes 0

Papà non può più dire di no alla sua ragazza

Mia madre aveva un ragazzo quando ero molto, molto giovane. Gli piaceva giocare con le ragazze e giocava con me alle spalle di mia madre. Questo ha creato impulsi sessuali in me che sarebbero emersi costantemente crescendo. Ciò ha causato molte angosce e problemi mentali a causa del fatto che non sapevo come liberarmi da quegli impulsi, ma sapevo che doveva esserci un modo per soddisfare questi impulsi e liberarmi. Andando avanti anni dopo, mia madre sposò Bruce, il mio nuovo patrigno. Abbiamo avuto una vita familiare molto piacevole fino a quando quegli impulsi non sono ricominciati in pieno vigore. Il...

353 I più visti

Likes 0

La nuova vecchia casa di Will: parte 3

Prima quel giorno.... Ciao, sono Rachel Phillips, sto chiamando il reverendo Greene? “Aspetta per favore” disse con calma la donna che rispondeva al telefono. Dopo un minuto di attesa, l'operatore donna ha risposto al telefono: “Rev. Greene ti parlerà adesso. Grazie disse Rachel. Dopo circa mezzo minuto, Rachel sentì e il vecchio tossendo iniziò a parlare al telefono. “Salve, sono il Rev. Greene, dal sito web” «Salve, reverendo Greene. Sono interessato alla tua organizzazione e ho alcune domande a cui potresti voler rispondere. Beh, perché non leggete il sito Web, la maggior parte delle domande che potreste avere saranno su- Voglio...

569 I più visti

Likes 0

Aggiornamento incompiuto della terza parte del campo

Giona:- Celeste io..i..io sono.. Celeste:- Jonah non è colpa tua, non lo è mai stata, tutte le cose che hai fatto non sei mai stato tu, ti ha contorto, ti ha trasformato in qualcosa che non sei Giona:- Ma.. Celeste:- No ma è mister, alla fine arrivi a fare l'eroe, devi finire questo, finire di lancia per sempre, proteggi il campo e proteggi te stesso Giona:- Ma tu..io..io.. Celeste:- Conosco Jonah ed è troppo tardi per fare qualsiasi cosa, voglio che tu faccia una cosa per me, Jonah, voglio che tu sia l'eroe, finisci quello che ho iniziato e uccidi Lance...

287 I più visti

Likes 0

3 sorella malvagia

Improvvisamente mi sono venute in mente tre lettere speciali. WTF ero avventatamente sotto la doccia con me e la mia mente correva a ciò che Izzy aveva detto prima di cenare. -se ottieni anche solo un pompino avventato, dirò a tutti in quella stanza cosa hai fatto con quelle donne- merda mormorai Max, so che sei matto e mi dispiace. So che quello che ho fatto è sbagliato ma mi dispiace. Mi sono fatto impazzire pensando se tu e spero che tu mi perdonerai. All'improvviso ricordi di quella notte in cui l'ho trovata spaventata da cagare guardando un film e di...

523 I più visti

Likes 0

Urla appiccicose

Era di circa 5'6 per lo più gambe, con una bella pelle abbronzata, capelli castani lunghi fino alle spalle. Aveva un bel seno da qualche parte intorno ai 36 o 38 gradi C. indossava una gonna corta nera fottimi e una canotta rosa. Alcune scarpe nere sexy con cinturino da 3 pollici. Siamo andati a cena fuori e poi siamo andati a vedere un film di ragazze sdolcinate. Era ora di riportarla a casa sua. Mi sentivo un po' deluso a questo punto, non stavo ricevendo alcuna indicazione che ci sarebbe mai stato un secondo appuntamento. Siamo tornati a casa sua...

357 I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

797 I più visti

Likes 0

DEMONE Parte 4

Il ripetuto bussare mi ha svegliato. Era di nuovo Jayce? Non avevo bisogno delle sue stronzate così presto la mattina. Gettai le coperte e scesi dal letto, presi gli occhiali e mi avvicinai alla porta. Oh sei tu. Sono stato sollevato che non fosse Jayce a chiedere più soldi. Era Max, il tesoro che ho rapito due sere fa. Ehi, Korra. Sarebbe meglio se me ne andassi? Ha chiesto gentilmente. No, entra. Ti preparo da mangiare o qualcosa del genere. Gli feci segno di entrare. Sei stato occupato, dissi, ignorando la piccola fitta di rimpianto nel mio cuore. Entrai in cucina...

727 I più visti

Likes 0

Nuova vita parte 2

Sono la puttana di 13 anni di Jack da un mese ormai. Da quando mi ha violentato nella fogna la notte dopo la morte dei miei genitori e io sono rimasto solo, ci siamo trasferiti in un appartamento. Il video che aveva fatto di Big Jack, il suo pene da 10 pollici, mentre prendeva la mia verginità e poi il mio essere stato violentato ripetutamente dai suoi compagni di banda è stato venduto per una zecca così ha potuto pagare l'affitto e comprarmi dei vestiti per aiutarmi con attività commerciale. Quando mi ha violentato pensava che avessi 16 anni o giù...

704 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.