Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

951Report
Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo -

NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a...

Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni.

Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura.

La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri o di razza intermedia. I miei più giovani occhi azzurri e biondi dolci come un bottone. Ho la pelle più scura dei miei genitori e potrei passare per italiana.

La mamma mi ha detto che noi bambini appartenevamo a razze diverse perché lei e i nostri antenati provenivano da razze diverse. La sua eredità nera dai tempi degli schiavi nel profondo sud. Alcuni dei miei fratelli hanno preso da papà che era puro olandese. I suoi genitori venivano dai Paesi Bassi, quando aveva sei anni. I suoi genitori hanno insegnato a mio padre l'olandese e lui lo parlava fluentemente. Andavamo a trovare i miei nonni almeno una volta alla settimana la domenica. Il più delle volte solo io e papà andavamo a trovare i suoi genitori. Non siamo mai riusciti a visitare i genitori di mamma perché erano morti prima che qualcuno di noi nascesse, la nonna di cancro e il nonno sono morti un anno dopo, mi ha detto la mamma con il cuore spezzato. Ha detto che non è più stato lo stesso dopo la morte della nonna. Almeno avevo i miei zii di varie razze da visitare con i miei fratelli. Potrei anche passare per italiano.

Mamma e papà si sono assicurati che tutto il nostro lavoro scolastico fosse svolto, poi tutti noi ci siamo allenati in palestra, abbiamo mangiato bene e ci siamo presi cura del nostro corpo. Papà diceva sempre che un buon corpo fa una buona mente. I miei fratelli lo hanno fatto e avevano corpi muscolosi e sodi dal collo ai polpacci. Io stessa con i miei enormi seni ho trovato più difficile allenarmi, ma mi piaceva la ginnastica e il nuoto.

Da parte di mamma della famiglia tutti i suoi fratelli, i miei zii erano di varie razze tra cui biondi dagli occhi azzurri e ben abbronzati ogni primavera, estate e inizio autunno. I miei fratelli correvano per la maggior parte dei mesi caldi solo in minuscoli costumi da bagno. Potevi vedere dove si fermava l'abbronzatura quando si chinavano e potevi vedere le loro linee di abbronzatura dal bianco puro al marrone intenso.

Ho anche degli zii bianchi e neri. In totale da parte di mia madre ho ventidue zii e da parte di mio padre c'è solo mio padre.

Mia madre è bionda e ha gli occhi azzurri come papà. Voglio dire bianco, mamma aveva poco tempo da passare all'abbronzatura. Papà d'altra parte lavorava all'edilizia fuori a torso nudo, pantaloncini di jeans durante la stagione calda e calda. Ho saputo in seguito il motivo per cui noi ragazzi siamo di razza mista. Era lo stesso motivo per cui i miei zii erano di razza mista.

I miei undici fratelli minori dormivano al piano di sopra accanto alla camera dei miei genitori. La mamma ha finito per dormire nel seminterrato la maggior parte delle notti.

Mi dispiaceva che papà non avesse la mamma con cui dormire quasi tutte le sere. Se era arrabbiato non lo dava mai a vedere o forse preferiva dormire da solo, dovendosi alzare presto ogni mattina, comprese le domeniche per andare in chiesa.

Il mio seno ha iniziato a svilupparsi in tenera età e all'età di diciotto anni il mio seno era più grande della maggior parte delle donne adulte. Per quanto ne sapevo, il seno di mia madre era l'unico seno più grande del mio.

La mamma non mi ha mai comprato un reggiseno e nemmeno lei lo indossava. Mi sono sviluppato così velocemente che i miei vestiti erano troppo piccoli per me, specialmente i fianchi e il seno.

Nell'ultimo anno sono passato da un metro e mezzo a un metro e ottanta. La mia vita era ancora ventidue pollici. Mi sono lamentato che le mie gonne erano strette ai fianchi. I miei seni premevano contro le mie camicette, rivelando i miei enormi seni e capezzoli. Mi ero alzato velocemente, le gonne e i vestiti mi coprivano a malapena le mutandine. Avevo chiesto a papà di comprarmi vestiti nuovi che mi andassero bene, papà mi ha detto che non mi avrebbe comprato vestiti nuovi. Il motivo per cui mi ha detto che non mi stava comprando nuovi vestiti è che li avrei cresciuti entro l'anno successivo. Dovrei solo aspettare un altro anno prima che mi compri dei vestiti nuovi per il mio diciannovesimo compleanno. Odiavo i miei enormi seni perché le ragazze e i ragazzi mi prendevano in giro.

Un giorno, mentre tornavo a casa da scuola dopo aver fatto esercizio, fui fermato dalla ragazza più popolare della scuola. Ero pronto per tornare a casa a piedi da scuola. "Alice, hai un minuto?" Una delle ragazze più popolari a scuola ha urlato.

«Cosa volevi, Marian?» Ho chiesto.

“Sto chiedendo se ti piacerebbe venire alla mia festa di compleanno sabato? I miei genitori staranno a casa a stare di sopra per la maggior parte della festa. Papà mi ha detto di non sorprendermi se uno di loro passava di lì, per assicurarsi che non ci fossero alcolici o droghe alla festa. È solo una festa e niente regali, quindi non portare nient'altro che te stesso". disse Mariano.

“Me lo stai chiedendo? Pensavo di non piacere a te e ai tuoi amici. ho chiesto. «Inoltre so che mamma non mi lascerà andare se ci sono ragazzi alla tua festa.»

“Non preoccuparti, è una festa per sole ragazze, quindi i tuoi genitori non dovranno preoccuparsi dei ragazzi. Tua madre può chiamare mia madre se non ti crede. rispose Mariano.

«Non mi hai ancora detto il motivo per cui mi stai invitando. So che a te e ai tuoi amici non piaccio. dissi mettendomi le mani sui fianchi.

Avrò diciannove anni e voglio iniziare a comportarmi come un adulto e ad accettare le persone. Sono disposto ad essere tuo amico, se sei disposto a cercare di essere mio amico. Sai cosa faccio, il resto delle ragazze farà lo stesso di me, raggiungendoti in amicizia. Mariano sorrise. «La mamma sta riempiendo il frigo di bibite e limonata. Stanno preparando patatine da sgranocchiare e servono pizza prima che la festa finisca. Per favore, dimmi che verrai Alice.

“Grazie, sì, Marian, mi piacerebbe venire alla tua festa di compleanno. Posso darti la mia risposta domani? Ho chiesto. "Devo chiedere il permesso a entrambi i miei genitori."

"Certo Alice, ci vediamo domani a scuola." rispose Marian tornando a casa.

Tornai a casa pensando alla fortuna di essere stata invitata da Maria alla sua festa di compleanno. Dovevo solo preoccuparmi che papà e mamma mi lasciassero andare alla festa. Erano entrambi molto protettivi nei miei confronti più dei miei fratelli.

Mia madre era molto impegnata ad aiutare un gruppo di giovani muscolosi ragazzi in età universitaria bianchi e neri tra i venti ei venticinque anni con i compiti. Spesso passava l'intera notte in cantina ad aiutarli a fare i compiti. A nessuno, incluso papà, era permesso entrare nel seminterrato quando la mamma aiutava i giovani muscolosi con i compiti. Immagino che la mamma pensasse che la madre della ragazza le avrebbe aiutate con i compiti scolastici. I giovani venivano da tutto il paese e andavano al college qui.

La mamma è andata in città dopo gli allenamenti di calcio, calcetto e basket per aiutare a pulire gli spogliatoi degli uomini, impiegando almeno un paio di giorni per pulirli. La mamma puliva anche gli spogliatoi delle squadre in visita prima degli spogliatoi di calcio, calcio, baseball, wrestling, basket e hockey.

Il pagamento della mamma era un biglietto gratuito per le partite cittadine giocate contro squadre come i Chicago Bulls, i Toronto Blue Jays, i New York Islanders, i Boston Celtics, per citare solo alcune delle squadre in cui giocavano (The Palace of Auborn Hill, Ford Field, Comerica Park, Joe Louis Arena, Mustang Wrestling Club and Training Center, Detroit Gulf Club and Swimming, così come altri luoghi in cui si praticano sport, inclusi i sobborghi di Detroit.

Lo chiami mia madre ha preso un biglietto per vari eventi sportivi. Di tanto in tanto papà portava la mamma in città negli Stati Uniti, in Canada e in Messico.

Sono tornato a casa da scuola, sono andato nell'ufficio di papà e ho bussato alla porta del suo ufficio.

"Chi è? È meglio che sia importante perché sto lavorando su alcune importanti carte d'ufficio prima di andare al lavoro in palestra. disse papà.

«Sono Alice, papà. Devo chiederlo a te e alla mamma e preferirei chiederlo a entrambi contemporaneamente. Di solito sta preparando la cena a quest'ora del giorno. dissi preoccupato di disturbarlo.

“Va bene Alice, vai a prendere tua madre e torna subito. Sbrigati a chiamare tua madre. Sarò nel mio ufficio con la porta aperta quando torni. disse papà sporgendosi sulla sua scrivania sfogliando alcune carte.

“Va bene papà, torna presto.” Ho detto.

"Mamma." Ho chiamato camminando in cucina. "Posso parlarti con papà nel suo ufficio?" Ho chiesto.

"In cosa consiste." chiese la mamma mescolando qualcosa sul fornello.

"Preferirei chiedere a te e papà insieme e in questo modo non devo spiegare due volte." Ho detto.

“Va bene, spegnerò il fornello fino al mio ritorno. Andiamo Alice e facciamola finita. disse la mamma con voce seccata.

La mamma mi ha seguito nell'ufficio di papà ed entrambi siamo entrati. Non appena la mamma si è seduta su una delle poltrone di papà, ho parlato. “Una delle ragazze della scuola, Maria, mi ha invitato alla sua festa di compleanno sabato sera. Posso andare mamma? Per favore mamma, è la prima festa a cui sono stata invitata. supplicai.

“Non lo so tesoro, mi hai detto che le ragazze se la prendono con te. Sei sicuro di voler andare?" ha chiesto la mamma. «Cosa ne pensi, Glen?»

"Sono preoccupato se ci saranno ragazzi, alcol e droghe". Papà ha risposto.

“Maria mi ha detto che da quando ha compiuto diciannove anni ha deciso di voltare pagina e accettare tutti per quello che sono e le sue amiche sono tutte d'accordo. I genitori di Maria hanno detto che avrebbero fatto controlli a sorpresa per assicurarsi che non entrassero di nascosto alcol, droghe o ragazzi. È una festa per sole ragazze mamma, papà. Ho detto.

“Non so, ho solo la loro parola. Mi fido di te Alice, ma per quanto riguarda Maria? ha chiesto la mamma.

“Maria mi ha dato il suo numero di telefono in modo che tu potessi telefonare a sua madre.” Ho risposto porgendo alla mamma il numero di telefono che mi aveva dato Maria.

"Va bene, le telefono, ma dovrà parlare con tuo padre e me." disse la mamma, sollevando il ricevitore e iniziando a comporre il numero.

"Per me va bene mamma." Ho risposto.

"Ciao signora Mac Gregory, sono la signora Thompson, la madre di Alice." ha detto la mamma al telefono.

La signora Mac Gregory doveva aver spiegato qualcosa alla mamma perché la mamma non ha detto niente per un paio di minuti.

"Sì, è per questo che sto chiamando." disse la mamma parlando al telefono. “Questo è stato il motivo principale per cui ho chiamato. "Sapevi che tua figlia e le sue amiche hanno fatto il prepotente con Alice a scuola?" ha chiesto la mamma.

Ancora una volta la mamma rimase in silenzio tenendo il telefono.

"Ero preoccupato se ci sarebbero stati ragazzi alla festa oltre ad alcol e droghe".

Silenzio per un altro minuto.

“Mio marito vorrebbe parlare con suo marito, la signora Mac Gregory. È disponibile?" ha chiesto la mamma.

"Grazie." disse la mamma. "Qui Glen, il signor Mac Gregory si aspettava che tu chiamassi." La mamma ha consegnato a papà il ricevitore.

"Ciao Hank". disse papà. "Sto chiamando per la festa di compleanno di Maria."

Passarono alcuni minuti. Papà ascoltava quello che diceva Hank.

“Questo è ciò di cui ero preoccupato, felice di sapere delle visite a sorpresa giù per le scale per controllare l'assenza di alcol, droghe, ospiti indesiderati o ragazzi. Grazie Hank. Ti vedrò domenica in chiesa? chiese papà.

Abbi cura di te, Hank, ci vediamo domenica. Vuoi parlare con Lee, caro? chiese papà.

"No. Ho chiesto alla signora Mac Gregory cosa dovevo chiederle. Ringrazia il signor Mac Gregory per aver permesso a Maria di essere invitata alla sua festa di compleanno. La cena sarà pronta tra mezz'ora, Glen.» disse la mamma uscendo dall'ufficio di papà.

"Non riattaccare papà, chiedi al signor Mac Gregory se posso parlare con Maria dei dettagli." Ho chiesto.

"Maria è in giro?" chiese papà. "Alice vorrebbe parlarle."

“Va bene Hank, ci vediamo domenica in chiesa. Era accanto al telefono con i suoi genitori. Voleva parlarti, Alice. disse papà porgendomi il telefono. "I tuoi amici genitori sono brave persone Alice."

Ho parlato con Maria per ottenere dettagli su cosa avrei dovuto indossare e portare. Maria mi ha detto che è informale e di indossare qualcosa di comodo come un abito estivo.

La settimana scorreva e finalmente era sabato. La mamma mi ha lasciato indossare uno dei suoi vestiti estivi tradizionali che mi copriva il seno e mi superava le ginocchia in lunghezza. Non ero mai stato nel quartiere di Maria e papà era uscito per una riunione serale, quindi dovevo trovare la strada per andare da Maria.

Mezz'ora dopo ho bussato alla porta sul retro di Maria. È stata una festa davvero divertente, abbiamo cantato tanti auguri a Maria, giocato a giochi e dischi. Era più tardi di quanto avevo programmato di lasciare la festa. Le altre ragazze avevano un passaggio fino a casa, ma io no, quindi ho dovuto camminare.

Ho attraversato la strada camminando lungo la strada ben illuminata. Ho camminato per un paio di isolati dove il marciapiede era debolmente illuminato. Stavo per attraversare la strada quando ho sentito qualcuno gridare. "Ciao, vedo che sei tutto solo e non è un quartiere sicuro." Mi voltai vedendo un uomo di colore, nella tarda adolescenza o poco più che ventenne, che camminava verso di me. Era a torso nudo, indossava pantaloncini di jeans attillati e sandali.

"Hai ragione, è un po' spaventoso." Il ragazzo alto e muscoloso nero mi aveva raggiunto e stava in piedi accanto a me. "Ti stai offrendo di accompagnarmi a casa?" Ho chiesto.

"Sì, lo sono. Dove vivi? A proposito, mi chiamo Evan. Vivo sei neri a est ea nord di qui. Vivi lungo la strada. Non preoccuparti, se non lo fai ti accompagnerò comunque a casa. Disse Evan prendendomi le mani e guardandomi negli occhi. "Sei molto bella."

“Grazie Eva. Vivo otto isolati a est e un isolato a sud. È l'altro lato dei bassifondi bianchi. Questo ti toglierà di mezzo?" Ho chiesto.

“Solo per un isolato. Non mi dispiace. disse Eva. Avevo trascurato di chiedergli perché fosse uscito così tardi, ero grato di non dover tornare a casa da solo.

Evan ed io abbiamo camminato in silenzio fino a raggiungere casa mia. "Vivo qui. Grazie per avermi accompagnato a casa. dissi educatamente.

"Ti accompagnerò alla porta principale e mi assicurerò che tu sia dentro e al sicuro prima di tornare a casa." Evan mi ha accompagnato alla porta d'ingresso aspettando che aprissi la porta d'ingresso pronto per entrare. “È buio dove sono tutti? Starai bene?" Chiese.

“Sì, starò bene. Probabilmente papà è nel suo ufficio o al piano di sopra a dormire. Va a letto presto il sabato, si alza presto per andare in chiesa la mattina. La mamma è probabilmente nel seminterrato ad aiutare i ragazzi del college a fare i compiti. Starò bene."

«Ti accompagno comunque. Sono assetato. Puoi darmi qualcosa di freddo da bere? L'acqua del rubinetto andrà bene se la lasci scorrere un po' fino a quando non sarà fredda. disse Evan mentre mi seguiva nel corridoio buio e accendeva la luce.

“Immagino che andrà tutto bene. Per favore aspetta qui e torno subito. Ti piace la limonata?" Ho chiesto. "Questo è tutto ciò che abbiamo che fa freddo."

"Va bene, aspetterò qui nel corridoio." disse Eva.

Sono tornato pochi minuti dopo con due bicchieri di limonata uno per Evan e uno per me. Possiamo sederci in soggiorno a bere la nostra limonata. dissi andando verso il divano e sedendomi.

"Oh scusa, accendo la luce così non è buio." aggiunsi per alzarmi.

"Va bene, non mi dispiace il buio." Disse Evan scegliendo di sedersi accanto a me sul divano invece che sulla poltrona.

"Forse dovresti sederti sulla poltrona, Evan." Ho detto di non voler essere scortese ma di non voler sedere accanto a un ragazzo muscoloso nero che conoscevo a malapena.

"È meglio sederti accanto a te così non svegliamo tuo padre di sopra." sussurrò Evan, porgendomi un paio di piccole pillole bianche e una rossa. "Sembri
Alice tesa. Ho un paio di pillole che ti aiuteranno a rilassarti. Si è infilato in bocca una pillola ovale blu, deglutendo con l'aiuto della sua limonata.

Senza pensarci, mi misi in bocca le due pillole, bevvi un sorso della mia limonata e le inghiottii. Abbiamo parlato del tempo e cose del genere per circa dieci minuti finché non ho iniziato a sentirmi assonnato e qualcos'altro nel profondo di me.

Ho sentito Evan allungarsi, ma era annebbiato e si è premuto contro di me. Non ero sicuro di quello che stava succedendo finché non ho sentito papà gridare.

"Cosa sta succedendo Alice e chi è questo ragazzo nero?" Perché sei mezzo svestito? Mi deludi. Non sei altro che spazzatura per incoraggiare un ragazzo a spogliarti.

Mi sentivo ancora stordito ma più vigile di quanto non fossi stato. Ho abbassato lo sguardo su me stesso. Il mio vestito estivo era aperto, entrambi i miei grossi seni pendevano sciolti. I miei capezzoli erano eretti e la parte inferiore del mio vestito era intorno alla mia vita e non avevo le mutandine. "Cosa mi è successo." ho biascicato.

“Non darmi quella spazzatura Alice, ti sei spogliata davanti a questo giovane uomo di colore. Cosa penserà tua madre di te. Tua madre non capirà mai il tuo comportamento e nemmeno i tuoi fratelli. gridò papà. "Aggiusta i tuoi vestiti."

Non riuscivo a trovare le mie mutandine, mi sono abbottonato il vestito estivo, alzandomi in piedi lasciando cadere il vestito fino a quando il fondo era sotto le mie ginocchia. “Non so cosa sia successo papà. Onestamente!" supplicai guardando papà.

"Probabile storia." urlò papà. "Non sei per niente come la tua dolce madre che aiuta i giovani a fare i compiti."

"Sì, lo farei papà." supplicai.

“Aiutali va bene, ma non con la loro troia dei compiti. Ti voglio fuori di qui. Papà ha iniziato a dire ma è stato interrotto quando la mamma è entrata nella stanza.

La mamma era coperta dalla testa ai piedi con una spessa sostanza bianca che le gocciolava dal viso lungo la parte anteriore dei suoi grandi seni appena coperti che filtravano nella giacca di cotone. "Cosa sta succedendo?" Lei chiese. “Ti ho sentito per tutto il tragitto nel seminterrato. Mi sono precipitato fuori e sono inciampato in una pozzanghera di fango perché mi sono precipitato per arrivare qui.

La mamma si passò le dita tra i capelli infangati lunghi fino alle spalle. Non avevo mai visto il fango bianco prima, ma non ero mai stato nemmeno nel cortile sul retro. Tutti noi tranne i ragazzi che avevano bisogno di aiuto con i compiti e la mamma usavano la porta sul retro. C'è un incendio o qualcosa del genere?"

“Fuoco sì, ma non del tipo a cui stai pensando. Ti dirò qual è il problema. Tua figlia Alice era mezza nuda quando sono sceso le scale. Sono contento che si sia sistemata prima che tu arrivassi qui, cara. disse papà. “Non è altro che una vagabonda che si spoglia di fronte a questo giovane uomo di colore, cercando di attirarlo con il suo corpo. Non biasimo il giovane, biasimo Alice. La voglio fuori di casa e subito. urlò papà.

“Per favore Glen, non la nostra unica figlia. Sono sicuro che non lo intendeva e non lo farà mai più. supplicò la mamma. "Vuoi Alice?"

“No, non lo farò mai più, per favore fammi restare papà. Prometto che non lo farò mai più. supplicai.

"Mi dispiace che tu sia fuori di qui e ora." Papà disse un po' più calmo.

"Non so dove andare." supplicai. "Come puoi mandarmi fuori a quest'ora della notte papà?"

"Avresti dovuto pensarci quando hai invitato il giovane in casa." urlò papà.

“Non preoccuparti Alice puoi venire da me. La mia famiglia si prenderà cura di te. Prometto ad Alice che potrai tornare a casa dopo che tuo padre si sarà calmato. Evan disse sorridendo.

Mi alzai dirigendomi verso la scala di sopra. "Vado a preparare un po' di cose per la notte." Ho detto.

"No, andrai come sei." gridò papà.

"Farai meglio a..." La mamma lo fissò dicendo.

Una dozzina di giovani uomini bianchi e neri alti e muscolosi entrarono nel soggiorno. Indossavano tutti jeans attillati e strappati strappati e basta. Erano a petto nudo.
,
"Cosa sta succedendo, signora Thompson?" Il giovane nero poco più che ventenne aveva i muscoli legati di almeno un metro e ottanta. “Stavamo solo prendendo qualcosa di buono......”

"Lezione di geografia." Una bionda dagli occhi azzurri profondamente abbronzata forse un pollice o più più alta del giovane nero e all'incirca della stessa età disse rapidamente interrompendo ciò che il giovane nero stava dicendo.

“Va tutto bene ragazzi, tornate giù per le scale vi raggiungo subito, riprendiamo da dove avevamo lasciato. Credo che Hank e George stessero per ripassare le prossime lezioni di Geografia. Giusto ragazzi?" ha chiesto la mamma.

"Esatto, signora Thompson." Parlarono due bei giovanotti uno nero l'altro con i capelli color sabbia. "Saremo pronti per te quando tornerai giù, signora Thompson."

La dozzina di giovanotti si diresse fuori dal soggiorno verso le porte a battente della cucina della sala da pranzo. “Scendo subito ragazzi, assicuratevi di essere pronti per me Hank e George. Non voglio perdere tempo ad aspettare che voi ragazzi vi prepariate. Sai che posso essere pronto in fretta. Assicurati di avere i tuoi strumenti pronti per l'azione.

"Certamente." Hank e George risposero premendo le loro grandi mani sui loro jeans rigonfi. “Non preoccuparti per i nostri attrezzi, signora Thompson, la mia è già pronta per l'azione. Hank si voltò seguendo George, spingendo attraverso le porte a battente della cucina.

“Guarda che buon esempio mostra tua madre, anche coperta di fango pensa solo ad aiutare i ragazzi con gli studi a differenza di te troia.” disse papà. "Vattene fuori e subito." gridò papà.

“Ascolta tuo padre e domani quando chiamerai sarà di umore migliore. Devo scendere le scale e aiutare i giovani con le loro lezioni di geografia. disse la mamma alzandosi.

“Una cosa volevo chiederti cara. Di che tipo di strumenti hanno bisogno Hank e George per studiare la geografia?" chiese papà.

“Oh quello. Cose per guardare le mappe e misurare le distanze e cose del genere. La mamma ha risposto.

“Stai attenta Alice, sono sicuro che questo giovane si prenderà cura di te. Vero? ha chiesto la mamma. "Non so nemmeno come ti chiami."

"Sono Evan Mrs. Thompson e prometto che i miei fratelli e cognati aiuteranno tutti a prendersi cura di tua figlia." Disse Evan, sorridendo alla mamma e giurando di aver fatto l'occhiolino ma doveva essere la mia immaginazione.

“Grazie Eva.” Avrei potuto giurare che gli occhi della mamma hanno viaggiato su e giù per il corpo atletico di Evan, concentrandosi sul rigonfiamento che scendeva lungo la sua gamba destra. “Ho capito che non vai a scuola. Non ti ho mai visto prima. Forse dovresti pensare di tornare a scuola. Aiuterei volentieri te e i tuoi fratelli e cognati a migliorare la vostra istruzione, se fossero interessati. disse la mamma tutto d'un fiato. Non puoi mai ottenere abbastanza istruzione.

"Chiederò ai miei fratelli e cognati, la signora Thompson, la tua gentile offerta." Anche detto.

“Guarda che donna meravigliosa è tua madre. Nel bel mezzo dei tuoi modi da prostituta, lei offre un'istruzione alla famiglia di Evan. Dovresti essere più simile a lei. Ora esci subito. gridò papà.

Mi diressi verso la porta d'ingresso uscendo di lato con Evan che mi seguiva da vicino. "Mi dispiace che tu abbia dovuto affrontare tutto questo." Evan ha detto una volta fuori. "Faresti meglio a prendere qualche pillola in più per calmare i tuoi nervi, Alice." Evan frugò nella tasca della giacca e tirò fuori un paio di contenitori di plastica. Mi porse un paio di piccole pillole bianche e rosse. "Non avrai bisogno di niente per inghiottirli, sono abbastanza piccoli da poterli ingoiare con la saliva."

“Grazie Eva.” dissi ingoiando le tre pillole con l'aiuto della mia saliva. Mi ha persino preso la mano e presto ci siamo diretti a casa sua. Ci volle una buona mezz'ora di cammino prima di raggiungere la baracca a due piani di Evan. Sembrava davvero una baracca. Mi sono tolto le scarpe alla porta sul retro nello stesso modo in cui Evan lo seguiva attraverso la cucina e al piano di sopra.

Evan aprì la seconda porta in fondo al corridoio accendendo la luce. "Ho una sorpresa speciale ragazzi." disse Evan conducendomi nella grande stanza con quattro letti e solo uno era vuoto.

"Evan cosa sta succedendo." chiesi sentendomi stordito e qualcos'altro nel profondo della mia figa che non avevo mai sentito prima.

Quello che succederà dopo potrebbe sorprenderti o forse no. Ricordo come fosse ieri. Spero ti sia piaciuto il Prologo de Le vere avventure di Alice. Se l'hai fatto, lavorerò al Capitolo 1.

Storie simili

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

179 I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

163 I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.7K I più visti

Likes 0

Piccola cosa rotta

Piccola cosa rotta DarksX per sexstories.com Potrei chiedere alla mamma di lasciarmi venire a vivere con te dopo che si sono sposati, sai, ha detto Ava sedendosi di traverso sul divano enorme che avevo davanti alla TV. La giovane ragazza si è svegliata tardi, ha mangiato una ciotola di cereali per colazione, poi è venuta in soggiorno a farmi compagnia mentre controllava i compiti del fine settimana sul tablet. Mi sono seduto sulla comoda poltrona reclinabile sul lato destro della grande sala TV, perpendicolare a dove sedeva lei, e ho guardato una gara di Formula 1. La mia settimana era stata...

1.8K I più visti

Likes 0

Dominio su debole

Karen ha concluso i suoi diciotto anni. Ha cinque fratelli, era la più grande. Hanno avuto una difficile situazione finanziaria come molte altre persone negli ultimi tempi. Era giunto il momento per lei di cercare perfettamente un lavoro con una stanza in affitto o qualcosa del genere. A causa delle cattive condizioni, non poteva permettersi molte cose. Comunque era una bella ragazza. Anche con la sua corporatura piccola di 5 piedi (1,65 m), aveva gambe lunghe e snelle incredibili, braccia sottili con dita lunghe. Fortunatamente, sua madre è riuscita a trovarle un'offerta di lavoro come domestica per un uomo d'affari quarantenne...

1.4K I più visti

Likes 0

L'imprevisto_(1)

Regole per la mia scrittura: 1. Scrivo per me stesso. Per tirarmi fuori. Se ti piace, bene se non vai avanti. 2. Se mi sento all'altezza, posso fare richieste ma non aspettarti che siano tempestive, le scriverò nel mio tempo. 3. Se non ti piacciono le età, i sessi o gli eventi (trama) nelle mie storie, nessuno ti obbliga a leggerle. 4. Se vuoi essere scortese nei tuoi commenti, vai avanti. Non mi dà fastidio. Fai riferimento alla regola n. 1. ---- Brittani girò la maniglia della porta d'ingresso e strisciò dentro, cercando di stare attenta a non fare rumore. Era...

759 I più visti

Likes 0

Scopando il mio collega_(1)

Lasciatemi solo dire che sono un uomo sposato. Ho una moglie adorabile con un avvertimento: poco dopo che ci siamo sposati ho scoperto che era stata sbattuta in gruppo da alcuni dei suoi amici al liceo. Permettetemi anche di assicurarvi che questo non ha cambiato il modo in cui mi sentivo per lei, solo il mio impegno a rimanere monogamo. In altre parole, me la cavo quando mia moglie non guarda. Sarò breve, perché questa è una storia vera, e queste storie sono sempre brevi. C'era questa ragazza ebrea troia al mio lavoro. So che aveva figli perché ho visto le...

612 I più visti

Likes 0

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

530 I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

289 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.