Il Cavaliere e l'Accolito Libro 3, Capitolo 8: Pericoli Necromantici

1.1KReport
Il Cavaliere e l'Accolito Libro 3, Capitolo 8: Pericoli Necromantici

Il Cavaliere e l'Accolito
Libro terzo: Passione barbara
Capitolo otto: Pericoli necromantici
Per mionome3000
Copyright 2016

Nota: grazie a B0b per aver letto questa versione beta.

Thrak – Rovine di Murathi, Federazione di Larg

"Sei sicuro di stare bene?" chiese Faoril mentre mi massaggiava le spalle. "Quella pietra sembrava pesante."

“Bene,” sospirai, assaporando il modo in cui le sue dita mi massaggiavano le spalle, allentando la tensione. “È stato solo un colpo di striscio. Il livido non pulsa affatto.

"Devi stare attento", ha continuato Faoril.

Le sue dita affondarono in profondità nei muscoli del mio collo, alleviando il dolore della pietra smossa che mi colpì. Mi appoggiai all'indietro sui suoi seni nudi mentre lavorava, le mie gambe tese verso il fuoco. Dopo il nostro primo giorno intero di ricerche tra le rovine, non avevamo ancora trovato la spada. Ma c'erano ancora altri quattro templi da cercare prima che ci espandessimo.

"È l'orco in lui, Faoril", disse Serisia. Il fantasma di mia moglie si inginocchiò tra le mie cosce, la sua mano fredda che accarezzava su e giù il mio cazzo. Ogni volta che raggiungeva la punta, giocava con il mio piercing all'osso.

Ho assaporato il piacere sparando attraverso il mio corpo quando lo faceva.

"Sì, sei un guerriero orco così grande, forte e potente", disse Faoril. I suoi capezzoli erano duri contro la mia ampia schiena. "Ma questo non significa che puoi prendere una roccia da mezza tonnellata che ti spacca il cranio."

“Ma è un cranio così grosso,” ridacchiò Serisia. Il suo viso pallido mi fissava, incorniciato dai suoi morbidi capelli castani. I piercing all'osso che punteggiavano il viso di mia moglie morta hanno trasformato la sua espressione gentile e femminile in qualcosa di malizioso e feroce allo stesso tempo.

Che donna straordinaria era.

Le accarezzai i capelli castani mentre le dita di Faoril scavavano più a fondo. Anche senza che il sasso smosso mi facesse capolino dalla spalla destra e dalla schiena, cercare tra le rovine era un lavoro estenuante. Ma il tocco delle due donne aiutò ad alleviare la tensione.

"Dove hai imparato a farlo con le dita?" Ho chiesto.

"Xera mi ha insegnato."

Il mio uccello pulsava, immaginando l'elfo alto e prosperoso che passava le mani sul corpo di Faoril. Le orecchie di Xera si contrassero mentre si divertiva. Mi piacerebbe scoparla, ma l'elfo rideva sempre quando parlavo, vantandosi che il suo cazzo era più grande del mio.

Sembrava piuttosto il vanto. Quando andrà in calore la prossima volta, mi piacerebbe vedere se fosse vero. Magari mentre la guardi scopare Faoril o Serisia. Gemetti, chiudendo gli occhi e cercando di immaginare l'elfo con quel cazzo.

"A cosa stai pensando?" chiese Serisia. "Perché il tuo uccello sembra fatto di acciaio Valyan."

"Sta pensando a Xera che mi massaggia", fece le fusa Faoril. "Ha un cazzo nella tua fantasia?"

"Un cazzo", gemetti, incapace di bandire l'immagine di Xera e il suo cazzo

“Che birichina,” ridacchiò Serisia, poi si chinò e prese una lunga e lenta leccata intorno alla sommità del mio cazzo. La sua mano poteva essere fredda, ma la sua lingua era calda. Gemetti mentre lo spirito finiva di leccare la corona del mio cazzo, la sua lingua che scavava nella mia fessura per raccogliere il precum salato. "Perché una donna con il cazzo ti rende così duro?"

"Ho sentito dire che uno studioso di nome Ersaz l'ha soprannominata l'Illusione Erotica", rispose Faoril. “Cerchiamo nuove esperienze, e non c'è niente di più nuovo per noi razze a due sessi di uno degli ermafroditi. Lussureggianti corpi femminili che sfoggiano la parte più maschile del corpo. È un'immagine potente, contrastante, impossibile”.

"Forse", gemetti, l'idea mi bruciava in testa.

"È un'idea interessante anche per le donne", ridacchiò Faoril. "Fidati di me. Xera era popolare nel Magery quando era in calore. E quando mi ha massaggiato, aveva il suo cazzo".

Gemetti, il mio cazzo pulsava mentre Serisia glielo succhiava in bocca. La sua bocca si mosse su e giù, la sua lingua vorticava mentre succhiava. Chiusi gli occhi, facendo scorrere la mano tra i suoi capelli castani mentre immaginavo Xera in piedi, le sue orecchie che si contraevano mentre spuntavano dai suoi capelli verdi, mentre un enorme cazzo le spuntava dall'inguine.

«Il potente cazzo di Gewin», ringhiai.

Il mio uccello è esploso nella bocca di Serisia. Il fantasma ansimò per lo shock. Non sono mai esploso così facilmente. La sua bocca succhiò forte, bevendo tutto il mio sperma mentre tremavo nell'abbraccio di Faoril. Mi abbracciò, le sue labbra mi mordicchiarono il collo mentre le sue mani morbide accarezzavano il mio petto sfregiato.

"Qualcuno è eccitato", fece le fusa Faoril mentre l'ultima esplosione del mio sperma inondava la bocca succhiatrice di Serisia.

"Sì", ringhiai.

Serisia alzò la bocca. Si mise a cavalcioni sul mio corpo, la sua figa calda sfregava sulla mia asta ancora dura, e baciò Faoril sopra la mia spalla. Con la coda dell'occhio, ho visto le loro lingue rosa accarezzarsi, passando il mio sperma salato avanti e indietro tra di loro.

Era un altro spettacolo caldo.

Il mio cazzo pulsava sotto la figa digrignante di mia moglie mentre gemeva nella bocca di Faoril. Il mio cazzo faceva male. La sua carne era così calda, ed era inebriante guardare la loro lingua passare il mio sperma avanti e indietro come una gustosa sorpresa.

Le mie mani hanno afferrato la vita di mia moglie. Ho sollevato il suo corpo fresco, il mio cazzo puntato verso l'alto, poi ho sbattuto il fantasma sul mio cazzo. Sia io che mia moglie gememmo mentre la sua carne inghiottiva il mio cazzo. Lei era stretta, mi afferrava il cazzo mentre il piercing della mia asta le accarezzava le pareti della figa, aggiungendo un altro brivido di piacere che mi scorreva su per il cazzo.

“La fica di Slata,” ansimò Serisia dopo aver interrotto il bacio con Faoril. "È insaziabile stasera."

"I ragazzi si divertono sempre a guardare le ragazze che sborrano a palle di neve", sorrise Faoril. “È qualcosa che le maghe imparano presto durante il loro apprendistato. Saoria e io lo facevamo e li facevamo...” Faoril sospirò. «Dannazione a lei. Non se ne andrà mai?"

"Che cosa?" Gemetti mentre si spostava indietro, permettendomi di appoggiare la testa sulle sue ginocchia.

“Saoria era mia amica. O così pensavo. Ma quando ha superato il test e ho avuto il mio... sfortunato fallimento, non aveva più bisogno di me". Faoril corse di più, poi si mise a cavalcioni sul mio viso. “Sono troppo eccitato per perdere tempo a pensare a lei. Mangia la mia figa, Thrak. Mi piace quando lo fai. Mi fai venire così forte."

"Perché hai un sapore così delizioso", ringhiai mentre si spostava in avanti, mettendosi a cavalcioni su di me. Ho tirato giù le sue cosce, la sua figa che mi sfiorava le labbra.

“Oh, tuo marito ha talento,” ansimò Faoril mentre la mia lingua vorticava tra le sue pieghe mentre i suoi peli pubici ricci mi solleticavano le labbra. Il suo sapore speziato mi ha riempito la bocca. "Grazie per averlo addestrato."

"Era uno studente desideroso", ansimò Serisia, la sua figa che si stringeva e si rilassava sul mio cazzo mentre cavalcava su e giù. "Era ansioso di imparare tutto all'università."

Faoril ridacchiò e poi ansimò mentre spingevo la mia lingua nelle sue profondità calde. Le mie mani serrarono il suo culo magro mentre si posava sul mio viso. Ho gemuto e grugnito nella sua figa mentre Serisia scivolava sempre più veloce sul mio cazzo, facendo muovere la sua figa gocciolante su e giù mentre ruotava i fianchi e faceva roteare il mio cazzo tra le sue pieghe.

“Mmm, sì, mi piace cavalcarlo,” ansimò Serisia. "È bello essere sotto di lui, ma qui riesco a controllare il suo cazzo."

"Adoro il modo in cui rimbalzano le tue tette", gemette Faoril. "E questi piercing al capezzolo."

“Devi bucare il tuo,” insistette Serisia.

Faoril rimase a bocca aperta. Ho immaginato le dita di mia moglie che le tiravano il capezzolo. Poi Serisia emise uno squittio di gioia, la sua figa stretta sul mio cazzo mentre Faoril doveva ricambiare il favore. Entrambe le donne gemevano mentre cavalcavano la mia faccia e il mio cazzo.

"Sono divertenti con cui giocare", ha ammesso Faoril.

Faoril si spostò, sporgendosi in avanti mentre mi spalmava la sua figa calda sul viso. Il suono umido e schiocco di un bacio raggiunse le mie orecchie. Il mio cazzo faceva male mentre immaginavo Serisia che faceva scivolare la sua figa su e giù per il mio cazzo mentre Faoril aveva le braccia avvolte intorno a mia moglie, baciandola forte.

"Adoro quel suono", gemetti tra le leccate della figa di Faoril. Le mie mani le strinsero più forte il culo, muovendo la sua figa sulle mie labbra finché non trovai il suo clitoride.

Ho leccato il nocciolo. Gemette nella bocca di Serisia. La mia lingua roteò intorno al nocciolo prima di succhiare il suo clitoride sensibile nella mia bocca. L'ho succhiato e mordicchiato mentre lei si contorceva, il culo che si fletteva sotto le mie mani a tentoni.

I suoi gemiti soffocati si fecero più forti. I suoi succhi si riversarono nella mia bocca mentre continuavo a mordicchiare e succhiare. Un brivido violento percorse il suo corpo. Si sollevò su di me mentre il suo orgasmo esplodeva dentro di lei. Il mio cazzo pulsava nella figa di mia moglie mentre facevo sborrare Faoril.

“Oh, sì,” ansimò Faoril, interrompendo il bacio con mia moglie. “La fica pelosa di Slata, sì. Oh, wow. Continua a succhiarmi il clitoride. Oh si. Vengo di nuovo. Grazie, meraviglioso orco. Oh si. Oh dannazione." strillò Faoril. “Serisia. Oh, succhiami i capezzoli. Dei, sì, è meraviglioso.”

Serisia ha piantato la sua figa sul mio cazzo, alzandosi solo di pochi centimetri. Si era chinata per succhiare i capezzoli di Faoril mentre strofinava il suo clitoride contro il mio osso pubico. Il suo inguine scivolò attraverso i miei peli pubici ispidi mentre la sua figa si strinse e si rilassò sul mio cazzo.

Ho spostato le mani dal culo di Faoril e ho afferrato Serisia. Ho stretto forte e poi l'ho fatta scivolare su e giù per il mio cazzo, lavorando quella guaina calda e bagnata sul mio cazzo. Ho sofferto dentro di lei. Le mie palle ribollivano, desiderose di scaricarsi nella sua figa.

“Troppo,” ansimò Faoril, scivolando via dal mio viso e tremando accanto a noi sulle coperte.

Serisia sorrise mentre si chinava in avanti, drappeggiando i suoi seni sul mio petto. I suoi piercing ai capezzoli strofinarono sulla mia pelle sfregiata mentre ci baciavamo. Lei gemeva, la sua figa si stringeva sul mio cazzo mentre assaporava i succhi piccanti di Faoril.

La sua lingua si infilò nella mia bocca mentre veniva. La sua figa ha massaggiato il mio cazzo. Il tunnel caldo e spasmodico della carne ha inviato scosse di piacere lungo la mia asta fino alle palle. Gemetti, le mie mani serrate sul suo culo, poi esplosi nelle sue calde profondità.

Ringhiai nel bacio mentre i miei fianchi si sollevavano. Il mio sperma è bollito nella fica del fantasma. Serisia rabbrividì sopra di me. Si è nutrita di sperma. Era ciò che le permetteva di rimanere corporea e con me il più a lungo possibile.

Era anche ciò che alla fine l'avrebbe fatta impazzire se fosse rimasta troppo a lungo. Era a cavallo di una linea sottile tra amore e follia. Non sapevo per quanto tempo avrebbe potuto continuare così, ma avrei fatto tesoro di ogni momento che avevamo fino a quando non avrebbe dovuto passare alla vita successiva.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Il cavaliere errante Angela

Ci siamo separati per esplorare le rovine dopo aver interrotto il nostro digiuno la mattina successiva. Il nostro secondo giorno pieno di ricerche. Ero ancora dolorante da ieri. Abbiamo lasciato i nostri cavalli a pascolare sul nostro accampamento in cima alla collina mentre scendevamo alla piazza del tempio.

I templi di Murathi erano giganteschi e la piazza che circondavano poteva adattarsi alla maggior parte delle città del mondo. Gli orchi che avevano costruito Murathi con le enormi pietre che avevano estratto erano stati ambiziosi. E i templi erano opere d'arte.

Avevano impilato la pietra in alto e formato grandi stanze a volta. Dopo il primo giorno in cui abbiamo cercato, solo per poche ore da quando siamo arrivati ​​dopo mezzogiorno, Faoril si era sgorgata dall'architettura e lei, Thrak e Serisia avevano passato la serata a parlarne delle meraviglie.

L'orco era un enigma. Era più istruito di Sophia, e lei fu allevata con i migliori tutori e poi ulteriormente istruita dalla sacerdotessa di Saphique.

Ovviamente Sophia odiava imparare, quindi forse era per questo che non ne sapeva molto.

"Stai al sicuro", disse Xera mentre si dirigeva verso il prossimo tempio che aveva intenzione di cercare.

«Anche tu» disse Sophia. L'accolito ed io avremmo perquisito un altro tempio mentre Thrak e Faoril, assistiti da Serisia, avrebbero preso il terzo.

La giornata è già diventata calda. Il mito delle terre degli orchi come sempre chiuse d'inverno era assurdo. L'estate era arrivata e faceva caldo come a Secare, ma con il vantaggio di avere più mosche.

Grandi mosche.

Ne ho schiaffeggiato uno, una cosa grande e nera più grande della punta del mio pollice. Come sono sopravvissuti ai gelidi inverni?

La piazza davanti ai massicci templi era ricoperta di erba che spuntava dai selciati più piccoli. C'erano parti della piazza dove lo sporco era sceso dalle colline circostanti, formando piccoli rilievi di erba pura che si estendevano come tentacoli di un enorme kraken verso il centro della piazza.

Era impossibile dire quale tempio fosse per Pater. Nessuno aveva segni che indicassero quale dio era adorato e dove. Credevamo che il pezzo della spada del Sommo Re fosse nel Tempio di Pater.

«Sei discendente del dio Pater», sbottò improvvisamente Sophia mentre entravamo nell'ingresso.

"Che cosa?" ho chiesto mentre mi guardavo intorno. "Certo che lo sono. Tutti gli umani discendono da Pater e Slata quando ha dato alla luce le razze a due sessi durante la creazione.

Ho scansionato il tempio. Era buio, illuminato da raggi di luce solare brillante che filtravano attraverso piccoli fori nel tetto. La polvere danzava densa nell'aria, illuminata da quei raggi. Il terreno era coperto di terra che penetrava attraverso varie fessure nei muri di pietra, mentre l'aria aveva un odore stantio, muschiato.

Morto.

"No, voglio dire, sei un discendente del Sommo Re, e lui era il figlio bastardo di Pater."

«Pater ne aveva un sacco», ho alzato le spalle. «Sono sicuro che hai in te un po' del sangue di Pater. È una divinità arrapante". Ho riso. “Il dio della paternità deve generare molti figli. La maggior parte degli dei sono i suoi figli, anche sua moglie Slata e la tua dea. E generò angeli, demoni, fulmini, muse e dozzine di eroi".

"Lo so, ma hai più del suo sangue di quanto un umano medio sia tutto", ribatté Sophia. Poi ha starnutito. “Ooh, odio stare qui. Tanta polvere». Starnutì di nuovo.

Ho riso.

"Che cosa?" lei ha chiesto.

“Sei così carino quando starnutisci. Il tuo naso si contrae e la tua faccia si arriccia".

"Beh, sono contenta mia..." le sue parole si interruppero mentre starnutiva di nuovo. I suoi occhi si inumidirono mentre starnutiva altre due volte. Si raddrizzò, asciugandosi gli occhi arrossati. "Sono contento che ti stia divertendo."

"Dai, penso che sia l'altare."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

occhi di fuoco

L'esercito di orchi non morti che avevo animato inciampò davanti a noi nelle rovine. Mi trovavo in cima alla collina dove Angela e la sua banda si erano accampate. I loro cavalli erano fuggiti al primo odore di non morti. I loro nitriti di terrore sembravano quasi urlare bambini.

Mi ha ricordato alcuni dei miei esperimenti. I bambini avevano una grande vitalità ed erano affascinanti da vivisezionare.

Il simulacro si inginocchiò vicino mentre preparavo il mio incantesimo. Mi guardò mentre disegnavo un cerchio magico a cinque punte in un punto piatto, solcando il terreno duro. Poi ho graffiato i segni arcani, concentrandomi sulla vita, con aria e terra per legare lo spirito alla mia volontà.

Il mio cerchio è pronto, sono entrato e ho bevuto una fiala di succhi di figa. L'energia magica ribolliva dentro di me e scatenava la mia magia. È fluito da me nel cerchio. Una luce nera brillava intorno a me. Il cerchio avrebbe proiettato più lontano il mio incantesimo e lo avrebbe potenziato.

La magia si scagliò nelle rovine per trovare il fantasma, correndo oltre la lenta marcia degli orchi non morti che solo ora avevano raggiunto la grande piazza davanti ai templi in rovina. La mia magia ha cercato, cercando l'increspatura in realtà che il fantasma ha lasciato dietro di sé: una scia.

La mia magia lo trovò e virò verso un tempio sul lato est della piazza. Ha penetrato la pietra. Il fantasma è apparso accanto a suo marito e Faoril. Il mago dovrebbe essere il primo bersaglio della furia del fantasma. Era troppo pericolosa.

Il mio incantesimo ha colpito lo spirito. Non ha potuto resistere. La negromanzia era la mia specialità. Le sue pure urla di paura e dolore che echeggiavano attraverso il mio incantesimo erano così soddisfacenti mentre le strappavo via la sua umanità e lasciavo liberare la vera natura di un fantasma: rabbia contro coloro che erano ancora in vita.

Sorrisi mentre terminavo il mio incantesimo. Si sarebbe scatenata adesso. L'anima della donna è stata una stupida per sempre diventare un fantasma.

Il mio cazzo era duro. Lasciai il cerchio, ansioso di vedere la carneficina che avevo scatenato.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Xerathalasia

Studiai il tempio, cercando con gli occhi qualcosa che potesse condurre a un passaggio nascosto. Nell'ultima ora avevo lavorato con cura attraverso il tempio, ignorando la polvere che riempiva l'aria e ricopriva il mio corpo nudo.

Mi chinai all'altare, una massiccia lastra di pietra scolpita dalla stessa roccia scura. Le mie dita accarezzavano i segni degli strumenti martellati sulla superficie. Il posto era un misto di grezzo e straordinario. Le pietre erano grezze sbozzate e manovrate sul posto con la forza bruta, ma la costruzione era raffinata e avanzata, formando una struttura che sembrava costruita bene come le città a cui avevo assistito nel Magery.

Il mio dito corse lungo il fondo della pietra dove incontrava il pavimento. Non ho sentito alcun vuoto o movimento d'aria.

Sospirai mentre mi raddrizzavo. Le mie orecchie si contrassero. mi sono congelato. Se avessi sentito un uomo parlare nel vento.

Ho rallentato il mio cuore e mi sono concentrato sulle mie orecchie. Il suono era debole, un mormorio che produceva un suono poco intelligente. La magia era in onda. Un mago faceva gli incantesimi. Non ho riconosciuto la voce. Non era Faoril e non aveva il ringhio roco di un orco. La cadenza del discorso mi ha ricordato Occhi di Fuoco, ma questa voce era più profonda dello stregone morto.

Mi sono guardato intorno. La luce scorreva attraverso un buco nel muro sopra la mia testa. Mi arrampicai agilmente sulle pietre, stringendo in una mano il mio arco slegato. La mia faretra di frecce rimbombò mentre mi facevo strada lungo il muro, le mie dita delle mani e dei piedi che scavavano nelle fessure e nelle rientranze nella pietra.

Ho raggiunto la cima. La luce del sole era brillante per i miei occhi e sussultai mentre si adattavano. Un fetido odore di morte mi pervase. Feci una smorfia e respirai con la bocca mentre mi arrampicavo più in alto sulle mura del tempio, i miei occhi che cercavano la fonte dell'odore e della magia.

A metà strada, il cadavere barcollante di un orco inciampò sotto di me, seguito da un altro. Il mio stomaco voleva ribellarsi. La negromanzia danzava nell'aria. Non c'è da stupirsi che la voce mi abbia ricordato Fireeyes. Questo era il genere di cosa che avrebbe fatto l'uomo ripugnante.

Ero contento che la mia freccia lo avesse ucciso.

Incordai velocemente il mio arco mentre i cadaveri inciampavano sotto di me. Il legno scricchiolò mentre lo piegavo per attaccare lo spago. Poi ho disegnato una freccia e l'ho lanciata contro il primo orco zombificato. La freccia incastonata nella sua spalla.

Il cadavere non lo sentiva nemmeno mentre barcollava in avanti.

La mia arma sarebbe inutile contro questo. Ma potrei dare l'allarme e allertare i miei compagni. Presi fiato e gridai.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Accolito Sofia

"L'hai sentito?" chiesi ad Angela mentre si inginocchiava davanti all'altare.

"Sentire cosa?" lei chiese.

"Non lo so. Mi è sembrato di sentire un grido". Mi accigliai, lanciando un'occhiata all'ingresso del tempio. "Dobbiamo controllare?"

"Penso di aver trovato qualcosa", ansimò Angela. «C'è un tunnel sotto l'altare. Ho solo bisogno di sollevare questa pietra."

Mi sono voltato dall'ingresso e ho sbirciato Angela mentre afferrava una grossa pietra del pavimento. Si schiantò contro le pietre vicine mentre lei lo sollevava e lo sollevava di lato. Un buco aperto sotto. Era buio e dalle profondità saliva un muschio terroso.

"C'è un tunnel", sorrise Angela. "Penso che l'abbiamo trovato."

"E la luce?" chiesi mentre Angela cadeva nel tunnel.

"Non puoi accendere una luce con la tua magia?" chiese Angela mentre si trovava nel tunnel. Era stretto e le radici delle piante spuntavano da un lato.

"Ehm...?" mi sono accigliato. Potrei fare una luce? C'era un incantesimo che lo faceva? Penso che ci fosse. Infilai la mano nella vestaglia e mi strofinai il capezzolo. Potevo controllare il mio seno e far scorrere il mio latte a piacimento. Rabbrividii quando il mio dito divenne appiccicoso con il mio latte materno. Ho alzato la mano. "Saphique, lascia che il mio latte benedetto risplenda sulla strada."

Ansimai di gioia mentre le gocce di latte che mi macchiavano le dita brillavano di una morbida luce rosa. Scesi nel tunnel, la luce che si riversava intorno a noi. Alzai il dito mentre spingevamo attraverso il tunnel.

Era stretto e stretto. Thrak avrebbe avuto difficoltà a passare di qui. Anche io e Angela abbiamo dovuto chinarci. Scommetto che un orco dovrebbe strisciare per passare di qui. I lati del muro erano terra con pietre per lastricati sopra la nostra testa.

"C'è qualcosa davanti", Angela ansimò in soggezione. "È riflessivo."

Ho sbirciato oltre lei. C'era un blocco di pietra alla fine del passaggio, un altare con qualcosa che luccicava in cima. Mi accigliai, sforzandomi di vedere. Il pezzo non era così grande, formando una T. Era fatto di un metallo argentato e incastonato con un grande rubino.

"È così?" Ho chiesto. "Quella non sembra una spada."

Angela lo raccolse e rabbrividì. Si annidò nel palmo della sua mano. La meraviglia le riempì gli occhi ei suoi capelli rossi lampeggiarono di fuoco per un momento. L'energia si lavò intorno a me e si mischiò con la mia luce. Per un momento, il rosa bruciò di rosso prima che l'energia ci passasse accanto.

«È un pezzo», sussurrò Angela. "Il manico e l'elsa." Toccò il rubino e poi i rami ramificati della guardia incrociata. "Manca il pomo e la lama, ma abbiamo trovato il primo pezzo."

"Solo altri quattro per andare." L'eccitazione mi batteva nel cuore. Se questo piccolo frammento avesse un tale potere, cosa conterrebbe l'intera spada? “Puoi uccidere Dominari con questo. Avrai successo, Angela.»

Angela mi ha abbracciato.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Mago operaio Faoril

Un brivido mi percorse la pelle. Alzai la testa e spazzai lo sguardo intorno. La mia mano corse alla tasca della mia vestaglia e afferrò una fiala di sperma. I miei sensi si sono vivi. Ho sentito la magia. Ci aveva trovato uno sciamano degli orchi? Era un sopravvissuto dei Ghost Wolves in cerca di vendetta?

Serisia urlò: "No!"

Il fantasma ebbe le convulsioni. La sua carne divenne traslucida per un momento, poi tornò solida mentre urlava. Cadde in ginocchio, la schiena inarcata. Thrak, dall'altra parte del tempio in rovina, si girò di scatto, la mano che si avvicinava all'ascia.

"Mio!" Serisia ringhiò, la sua voce contorta e grave. "Mio marito. Lui è mio."

Ho buttato giù il mio sperma mentre il fantasma si gonfiava. La sua faccia divenne brutta, contorta, con solo vestigia di Serisia sepolte lì dentro. I suoi capelli divennero neri e fragili. I suoi seni si afflosciarono e crebbero rugosi mentre le sue lunghe membra si contorcevano come un ragno.

"Quello è mio marito che stai rubando!" Serisia ringhiò mentre mi agitava una mano artigliata.

Ho inviato la mia magia, vorticando l'aria per afferrarla e sollevando le pietre del selciato per proteggermi. La magia si precipitò fuori dal mio corpo, comandando gli elementi mentre il fantasma impazzito urlava la sua rabbia. La sua mano divenne traslucida e attraversò il vento e le rocce.

Poi è diventato solido e mi ha colpito.

Il dolore è esploso attraverso il mio fianco. Sono caduto in aria urlando. La parete rocciosa del tempio si precipitò su di me e...

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

thrak

Faoril andò a sbattere contro il muro con un tonfo forte e carnoso, poi cadde inerte a terra. Il sangue le arruffò la testa e i capelli, riversandosi sul pavimento di pietra semiscoperto. Il fantasma contorto di mia moglie si rivolse a me, i suoi occhi fiammeggianti di rosso.

"Pensi che le lascerei usurpare?" si infuriò, la sua voce echeggiò attraverso la tempia mentre si avvicinava a grandi passi verso di me. "Tu sei mio marito. Non può averti. Nessuno può."

“Serisia,” gridai, il cuore che mi urlava nel petto. "Per favore, cosa stai facendo?"

La sua mano si sporse verso di me. Mi tuffai a destra, rotolando sul selciato e mi avvicinai accovacciato. Ha oscillato di nuovo. Mi precipitai a destra, ignorando il lampo di dolore mentre i suoi artigli affilati mi laceravano la carne.

Si è gonfiata, crescendo facilmente fino al doppio della mia altezza. “Nessuna donna può averti. Sei mio! Mi appartieni! Non meriti la vita senza di me".

Il mio cuore è affondato. Aveva ceduto alla sua follia. Non avrei mai immaginato che sarebbe successo così rapidamente. Pensavo ci sarebbero stati segnali di avvertimento. È tempo per Serisia di rendersi conto del suo pericolo e andare avanti prima che diventi un mostro deciso a uccidere coloro che amava.

Il mio cuore si è spezzato mentre le sue mani che si agitavano strappavano il terreno dietro di me mentre correvo verso Faoril. Mia moglie se n'era davvero andata. Non si sarebbe mai ripresa da questo. Tutto quello che potevo sperare era un esorcismo, per riportarla sul Piano Astrale dove avrebbe potuto trovare la pace. È rimasta troppo a lungo. Mi sono stretta a lei troppo forte. Le ho portato questo. Ho distrutto mia moglie con il mio dolore egoistico. L'ho tenuta legata a questo mondo, ancorata qui. I morti non appartenevano al mondo dei vivi. Non avrei mai dovuto lasciare che diventasse un fantasma.

“Mi dispiace, Serisia,” urlai mentre mi chinavo e raccoglievo il corpo inerte di Faoril. Sanguinava ancora, quindi era ancora viva.

"La ami più di me!" gridò Serisia.

Le sue parole fanno più male dei suoi artigli.

Sono uscito dal tempio alla luce del giorno. Un'orda di cadaveri barcollanti dei Lupi Fantasma che avevo massacrato nella mia rabbia mi si trovò di fronte. Il terrore si è impadronito del mio cuore. Come potrebbero essere qui le mie vittime? Li ho riconosciuti tutti. Li avevo uccisi tutti. I loro corpi portavano le inconfondibili ferite dell'ascia sulla mia schiena.

odiavo la rabbia. Ho odiato quello che mi ha fatto fare. Come mi ha fatto uccidere anche chi aveva fatto irruzione nella paura ed era fuggito, non più minacce. Molti di quei cadaveri portavano ferite alla schiena, tagliate durante la fuga.

"Vi ucciderò entrambi!" ringhiò Serisia. “Ti trascinerò nella morte e ti punirò, Thrak! Tu sei mio marito! Come osi amare quella puttana più di me! Soffrirete entrambi!”

Lo schivai mentre uno dei cadaveri degli orchi mi colpiva con una spada arrugginita mentre Serisia mi inseguiva. Tenni Faoril nel braccio sinistro, cullando il suo corpo floscio contro il mio petto mentre la mia mano destra estraeva la mia ascia. L'ho fatto oscillare con una mano sola, tagliando le mie vittime mentre scappavo da mia moglie.

Non avrei permesso a Faoril di subire ulteriori danni.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Il cavaliere errante Angela

Ho alzato Sophia e lei è scappata fuori dal tunnel. Il mio cuore batteva per l'eccitazione. Avevo trovato il primo pezzo della spada del mio antenato. La speranza mi ha sollevato il morale. Conquisterei Dominari. Un tale potere batteva nel pomo. Anche nella mia borsa da cintura, potevo sentire il pomo traboccare di energia.

"Angela!" Sophia strillò e all'improvviso si tuffò. Qualcosa si mosse sopra di lei. Un fetore fetido, come un cadavere lasciato a giacere al sole per giorni, mi assalì il naso.

Sono saltato e ho afferrato la parte superiore del tunnel. La mia armatura sferragliò mentre mi tiravo fuori dal buco e sguainavo la spada. Sophia corse via da un orco barcollante. Lanciò un altro grido mentre l'orco le brandiva un'ascia arrugginita.

C'era qualcosa di strano nell'orco. È entrato nella luce del sole che scorreva attraverso un'apertura nel muro del tempio e ho fatto una smorfia. La sua pelle scura era gonfia di putrefazione. Il sangue secco incrostò il suo corpo di profonde ferite lasciate da un'ascia. Sembrava uno degli orchi che Thrak aveva ucciso quando i Lupi Fantasma ci avevano attaccato.

«È uno zombi», gridò Sophia, correndo di nuovo verso di me.

Si tuffò davanti a me mentre il cadavere dell'orco sollevava l'ascia e oscillava con un colpo pesante e goffo che lo lasciava completamente aperto all'attacco. Ho parato e ho oscillato la mia lama, mordendo il suo lato gonfio. Puzzava aria viziata, il ventre si sgonfiava come un otre perforato.

Ho combattuto l'impulso di vomitare per la puzza.

"Ho bisogno che tu incanta la mia lama, Sophia", gridai mentre il cadavere attaccava di nuovo senza far rumore. Le scintille illuminarono le rovine oscure mentre deviavo la sua lama. "Gli zombi non sono influenzati dalle armi normali."

"Giusto", borbottò Sophia mentre si rannicchiava dietro di me. "Devo toccare la tua lama per farlo."

"La galleria. Vediamo quanto è stupido".

Sofia è scappata da me. Ho bloccato un altro attacco e ho dato un calcio, catturando lo zombi nello stomaco. L'ho spinto indietro. Il cadavere inciampò, lottando per mantenere l'equilibrio, poi mi voltai e corsi verso Sophia. Scivolai sull'imboccatura del tunnel e atterrai, roteando mentre lo zombi si caricava.

Non si è accorto del buco.

Si è schiantato contro di esso, collegandolo a metà con la sua massa, una gamba nel buco, l'altra piegata e attorcigliata ad angolo dal suo corpo sopra il buco. Lo zombi arrapava, lottando per tirare fuori il suo corpo dal buco.

Sophia, la veste semiaperta, si coprì le mani con il latte materno. Il liquido cremoso aveva un odore dolce, scacciando momentaneamente l'odore dell'orco. Sophia spalmò il latte sulla mia lama e cantò: "Saphique, la dea vergine che ama tutte le donne, benedici quest'arma in modo che possa proteggere chi la porta. Lascia che questa spada brilli luminosa, un faro per difendere tutte le donne”.

Una sfumatura rosata pervadeva la mia spada. L'orco tirò fuori dal buco il suo corpo puzzolente. ho oscillato. La mia lama è passata attraverso il suo corpo. La magia oscura che animava il cadavere finì e cadde a pezzi davanti a me. Lanciai un'occhiata fuori dal tempio. Altri zombie si aggiravano per la piazza del tempio.

"Andiamo", ho gridato.

Sophia tirò fuori il suo pugnale incantato. Brillava di rosa, segnalando il pericolo. Forse dovrei farglielo portare in giro più spesso per avvertirci. Caricai verso l'ingresso, seguito da Sophia. Thrak, Faoril e Xera erano nei guai.

Sono scoppiato alla luce del giorno e ho trafitto con la mia spada un altro zombi.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Xerathalasia

Il mio arco era inutile. E dubito che il mio coltello se la caverebbe molto meglio.

Gli zombi che ho colpito si sono arrampicati sul lato del tempio dietro di me. Salii più in alto e raggiunsi il tetto, correndo verso la facciata dell'edificio. Avevo bisogno di trovare Faoril o Sophia. Ci vorrebbe la loro magia.

Raggiunsi il bordo del tempio e sussultai.

Nella piazza del tempio sottostante, Thrak si fece strada attraverso l'orda di orchi zombi, il debole Faoril stretto nel suo braccio. Oscillava la sua ascia in potenti archi. La sua arma era banale come la mia, ma era brutale, tagliava arti e torsi, lasciando un mucchio di frammenti che si contorcevano mentre fuggiva da qualcosa di ancora peggio.

Uno spirito contorto strappò le pietre del selciato e le scagliò attraverso la piazza contro Thrak. Si schiantarono contro l'orco, esplodendo con schianti acuti. La cosa era contorta e mostruosa, torreggiava per metà dell'altezza del tempio su cui mi trovavo. Era una donna avvizzita e contorta.

“Serisia,” sussurrai con orrore.

La magia che sussurra al vento proveniva dallo spirito. Il negromante che aveva inviato gli zombi aveva imbrigliato Serisia e trasformato il povero, dolce spirito nella follia. Ha delirato mentre cercava di uccidere suo marito e Faoril.

Dei passi scricchiolavano dietro di me.

Mi girai e di riflesso scoccai una freccia. Ha preso lo zombi nel petto. Non è fuoriuscito sangue. Lo zombi non si è nemmeno tirato indietro né ha notato la mia freccia. Lui e un secondo orco morto, a cui mancava metà del cranio, avanzarono verso di me. Giro lo sguardo. Angela esce da un tempio vicino seguita da Sophia. La spada del cavaliere brillò di rosa e fendette uno zombi con facilità.

Sophia ha incantato la spada del cavaliere. Potrebbe benedire il mio arco?

Mi arrampicai lungo il lato del tempio, gli zombi che seguivano goffamente.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

occhi di fuoco

Sorrisi quando Angela emerse dal tempio, la sua spada incantata dalla magia divina. Ha squarciato uno zombi con un solo braccio, poi ha fatto perno e ha colpito per un secondo. Era abile e aveva una grande resistenza. Avevo già visto la sua abilità una volta.

Non farei lo stesso errore due volte. Ho buttato giù una fiala dei succhi di figa del simulacro e ho sollevato me e il mio simulacro su un tempio vicino per avere l'altura. gridò Angela, salutando l'orco barbaro. Portava il corpo inerte del mago.

Il fantasma era già valso lo sforzo esteso per evocarla.

Senza che il mago interferisse, potrei liberare gli elementi in sicurezza. Il fuoco si raccolse nella mia mano, poi scagliai contro Angela una sfera di calore scoppiettante. Il cavaliere si girò e si tuffò, la sua armatura scintillava mentre la mia magia si schiantava contro le pietre del selciato e dava fuoco all'erba secca che cresceva attraverso le fessure.

mi sono accigliato. Aveva riflessi pronti.

Lanciai altro fuoco, l'aria danzava intorno alle palle. Angela schivò e ondeggiò mentre le mie palle di fuoco esplodevano intorno a lei. Come ha fatto quella maledetta donna a muoversi così bene? Aveva velocità, resistenza e agilità, e la forza della sua spada era impareggiabile.

Mi guardò male mentre le mandavo un vento che le sferzava per legare la cagna. Ha tagliato la sua spada proprio nell'istante prima che il mio vento l'avrebbe colpita. L'incantesimo della spada sciolse il mio incantesimo e il vento esplose.

L'ha buttata indietro, ma è atterrata su un rullo e si è rialzata.

C'era di più su di lei. Ho inviato la magia della vita per sondarla, un incantesimo divinatorio. I was missing something about this female knight. My magic wrapped around her as I continued hurling fireballs while directing my zombies to swarm her.

The god Gewin wreathed her. She had participated in a ritual. A powerful one, and the warrior god had blessed her limbs and skill, increasing her reflexes and strength. I would have to use even more spectacular magic to take her down.

I down another vial.

“Master,” the Simulacrum said behind me. “The elf.”

My eyes were drawn to Xerathalasia. She raced along the temples, chased by a pair of my zombies, and rushed towards Sophia. The acolyte cowered behind a piece of fallen ruin. A primal growl escaped my lips. Pain flared in my chest and belly. This body had never felt the elf-bitch's arrows, but the agony and humiliation of dying to the elf was seared into my soul.

I sent my magic at the elf. Angela could wait.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Xerathalasia

“Can you enchant my bow?” I shouted as I raced towards Sophia. She huddled behind a stone, watching fire rain down from a nearby building. The necromancer stood atop there, a naked, bald woman beside him.

A simulacrum. Her face appeared familiar. Was it the same simulacrum that had been with Fireeyes? Why would she be here? Why would another mage want to kill us?

“I can,” Sophia nodded, her hand darting inside her robe to fondle her breast.

A wind ripped across the plaza. The grass bent. The necromancer's voice screamed on the wind. I gasped as it struck me like a solid object. The world spun about me and then I crashed into the side of a temple.

A bone snapped in my leg. Agony flared as I crashed to the ground. My hands clenched about nothing. I had lost my bow in the tumble. I pushed myself up, glaring at the warlock standing atop the temple. Fire billowed in his hand as he stared at me.

Even from here, his eyes burned like coals. Like Fireeyes's. Somehow he had found a new body, younger and stronger, to inhabit. And he wanted me dead.

I forced myself to dive into the temple's half-collapsed entrance as the fire burst outside, the heat rolling over me. I screamed, crawling deeper and deeper into the temple as the stones cracked and groaned. Fire washed through the walls. The stones glowed cherry red.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Thrak

I ignored the fireballs slamming into the temple. The heat rippled across the battlefield. I hoped Xera was still alive. But I had to get Faoril to Sophia. She was the only one that could heal her, and we desperately needed her magic.

Behind me, Serisia gibbered, no longer coherent. She was utterly consumed by her madness as she rampaged after me. Stones crashed around me. But I was almost to Sophia. I swung my ax and cut down a zombie between us.

I only hoped it wasn't too late to—

The world exploded behind me.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Acolyte Sophia

Danger hurtled from every direction. Poor Xera might be dead. The mad mage on the rooftop kept hurtling his fire down. The heat washed over me as I huddled, my dagger gripped in one hand. Thrak, carrying Faoril, raced towards me.

Behind him something foul hurled stones. The face was twisted and ugly, but I could see traces of Serisia's beauty. My stomach sank. Poor Thrak. I had hoped this would never happen. But phantoms always went mad in the end, turning on those they loved out of jealousy.

I shoved my hand into my pouch and pulled out the ampoule of holy milk I had made after meeting Serisia. My body trembled as the spirit loomed large, racing closer. Thrak dodged a stone, then cut down an orc zombie.

A fireball exploded behind him.

I screamed as Thrak and Faoril were thrown forward. They landed hard, Faoril rolling limply across the ground and lying on her back. The entire side of her head was covered in blood. She was badly hurt before the fireball threw her.

“Mine!” Serisia gibbered, froth pouring from the spirit's mouth.

Her clawed hand reached out and seized Thrak as he struggled to rise. The orc roared in pain as the spirit's claws sank into his flesh. She lifted him up into the air, her mouth open wide. It was full of teeth.

Serisia prepared to eat her husband.

I threw my ampoule of Holy Milk. It was blessed by Saphique. It was potent stuff. It could break curses and exorcises spirits. The bottle glinted as it twisted through the air. It reached the arch of its height and begin to plummet.

My stomach sank. I didn't throw it hard enough.

It was the only one I had. Why didn't I make more. I had the spare ampoules.

I tensed as the ampoule hurtled towards the ground. My stomach curled. I held my breath, not even flinching as a fireball burst nearby. Serisia's mouth opened wider as she pushed her struggling husband entire upper body into her cavernous opening.

The glass struck the spirit's shin. It shattered. Pink light flared as the milk washed over the spirit's leg. Serisia let out a howl. Black energy appeared around the spirit, billowing like an inky, foul smoke. The pink light crashed into the smoke. The smoke swirled around beams of radiance, struggling to consume it.

But Saphique's light burned majestic.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Fireeyes

My eyes scanned for Angela. I had lost her trying to kill the elf. I had no idea if Xera was even dead. I hoped she was. I threw a fireball at the orc then kept my search. Serisia's gibbering grew triumphant as she seized him.

“Where are you, Angela?” I snarled. “Do you see her?”

“No, Master,” the Simulacrum calmly answered.

“Las-damn her. Where could she have gone.”

Smoke drifted across the plaza from the many fires my magic had started. It obscured some of the ground. I sent wind to sweep across the plaza and gather up the smoke. What was hidden was revealed. Angela wasn't hiding in the smoke.

“Where—”

Magic exploded from Serisia. Pink light flooded across the plaza. My control over the Phantom vanished, ripped away by the Goddess Saphique. The spirit let out a last, maddening gibber, and then she billowed away to the Astral Realm.

My eyes spotted Sophia where she huddled. The bitch had exorcised Serisia.

Fire crackled on my fingers. I knew who had to die next.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Thrak

The pink light engulfed me.

<em>I'm free, Thrak,</em> Serisia whispered in my mind as I fell to the ground. <em>I'm so sorry. It wasn't me. The voice made me do it. But I'm free. Sophia did it.</em>

I grunted as I crashed into the ground. I looked up, tears burning in my eyes as the monstrous, twisted thing that had been my wife billowed like steam. The pink light wafted it away. The steam diffused, fading into nothingness.

<em>I love you, Thrak.</em> Serisia's voice was so faint. <em>I am glad for every heartbeat we had. I know she'll take care of you. Ti amo. I'll be waiting for the pair of you. Watching... loving...</em>

“No!” I screamed, my hands reaching up, trying to grab the fading mist. But you couldn't clutch vapor. The mist spilled out from between my fingers before vanishing. “No!” My fist slammed into the ground. She was gone.

Truly. Irrevocably. Gone.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Journeyman Mage Faoril

I jolted into consciousness. My mouth stained with sweet, creamy milk. I bolted up, staring at the wide-eyed face of Sophia. Energy suffused my body. I was alert and strong. There was no pain in my body. The soreness of the last two days of searching, the lingering ache from days spent riding a horse, to the massive blow to my head that had plunged me to unconsciousness had all vanished.

Sophia held a vial clutched in her hand. She had used a potion on me. There must not have been time for the acolyte to use her healing magic.

“Where's Serisia?” I demanded, trying to get my bearing. I was outside. Fire crackled across the plaza. Zombie orcs lumbered towards us. Thrak was nearby, sobbing on his hands and knees as he punched the paving stones, blood matting his side.

“Exorcised,” Sophia answered. “Listen, there's a mage. He's throwing fireballs down at us.”

Sophia pointed at a man who threw a fireball. The air hissed as it streaked right at us. I sent out my magic. Stones shuddered as a wall of earth ripped up before us. The fire crashed into the wall, flames licking over the top.

“Who is that?” I demanded.

“I have no idea,” Sophia countered.

“Stay here,” I told her. I pulled out another vial of cum and downed it, adding to my reserves of power. “I'll deal with the mage.”

Sophia emphatically nodded her head, her green eyes trembling.

“And...find Angela. I don't know what happened to her.”

“I will,” I answered.

I strode out from behind the barrier. Another fireball streaked down. I summoned the wind, catching the ball and deflecting it into a pair of zombies. Their dead flesh burned like wax candles, consuming the zombies.

Smiling, I lifted into the air. I did not recognize the mage. He was Thosian and young, with a face tanned by the sun. He had broad shoulders and the frame of a man who spent his days laboring in the field instead of one who spent his time in study.

And he had a Simulacrum.

Fireeyes's Simulacrum.

“You're him,” I gasped. “Fireeyes.”

“I am,” the man answered, a grin spread across his young face.

He found a way to transfer his soul. Greedy excitement filled me. “How did you do that?”

Fireeyes laughed and sent his magic crashing into mine.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Knight-Errant Angela

I heaved myself up onto the roof of the temple. When Fireeyes stopped attacking and switched to Xera, I took the chance, darting down the side of the temple and reaching the back. Then I climbed. It was hard. My fingers ached, two bleeding from the rough stones.

I had ignored the pain and made the top.

The mage dueled with Faoril, who flew on the winds. Fire and wind exploded between the two, filling the air with ear-splitting detonations. My ears rang. I flinched against the powers unleashed. The building trembled beneath my feet.

I drew my sword and advanced on his back.

“Master,” the Simulacrum shouted as I advanced.

My stomach tensed. I charged, raising up my sword.

The mage never turned, focused on his duel with Faoril. The pair poured all their magic into killing each other. My boots crunched on the stone. My armor jingled. The mage kept ignoring me. I had a perfect shot at his back.

It wasn't honorable. But this man was dangerous. He may have killed Xera. If he noticed me, he would rip me apart with his magic. I was lucky to survive the onslaught at a distance. I had never moved with such dexterity before.

Gewin's guidance had been on me. The blessing I received the night before I departed on my Quest had kept me alive.

“Master!” There was something approaching urgency in the Simulacrum's voice. Emotion crossed her face.

She bent down and came up with a dagger. Without a word, she rushed at me, lunging with the sharp weapon.

My sword swung. I cut the naked simulacrum down. She fell in a spray of blood at my feet. I leaped over her and thrust my sword through the back of the mage. He stiffened and let out a gurgling gasp. He threw a look over his shoulder.

“How?” he gasped, blood bubbling on the corners of his mouth. “Where?”

I kicked him off my sword. His body fell and landed hard on the paving stones below, bursting like a rotten melon.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Xerathalasia

It was quiet around the fire. We had found the first piece of the sword, but no one wanted to celebrate. Sophia sat cuddled up to Angela as the pair both stared into the fire. Thrak was alone, his eyes red with grief, and Faoril was buried in Fireeyes's book.

How much vitriol did the warlock have to steal another man's body after he died. What did Angela do to receive this man's enmity? Why had he hunted us across the Magery? He was dead, hopefully for good, along with his Simulacrum.

But we would never discover his motivations.

“So that's how he did it,” Faoril suddenly announced.

"Che cosa?" Ho chiesto.

Sophia and Angela sat up, glancing at Faoril. Thrak didn't move.

“Fireeyes,” Faoril said. “He used what he dubbed a phylactery, a container that held his soul when he died.”

Faoril paused and then opened a pouch. She pulled out a pair of pendants. The pouch had belonged to Fireeyes. We let Faoril attend to his belongings. Angela let out a gasp, her eyes locked on one of the pendants studded in garnets.

Its twin was about Angela's neck.

“This one,” Faoril said, touching a pendant with a large, black gem set in it. “I think his soul is in here, waiting for a vessel. The Simulacrum must have smuggled the amulet away and then found her master a new host. I think that's what caused the spiritual disturbance Sophia felt weeks ago. It was Fireeyes's soul warring with the soul of the poor man he possessed.”

“Destroy it,” Thrak rumbled.

Faoril tossed the amulet into the fire. It roared brighter and brighter as Faoril poured her magic into it. A scream raced out of the fire. The flames momentarily burned blackish-green, and then they completely extinguished.

“No more Fireeyes,” Sophia whispered.

“Where did you get that broach?” Angela asked, her cheeks pale.

“From Fireeyes, of course,” Faoril asked. “Don't worry. It's destroyed.”

“No, the one you didn't throw in the fire.”

Faoril frowned at the second necklace, encrusted with garnets.

“Angela has one just like that,” Sophia gasped. I nodded in agreement.

“Lady Delilah gave it to me,” Angela whispered, pulling out its exact match from beneath her armor. “What does that mean?”

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

King Edward IV – Shesax, The Kingdom of Secare

I paced outside of my wife's bedchamber. Her moans echoed inside along with the midwife's muffled voice. How long did labor take? It had been hours. Almost the full day had past. The sun had already set. Night wearied on.

I reached the end of the hallway and turned to walk back.

Lady Delilah stood before me. I started. Where had she come from?

“Your majesty,” the magnificent woman bowed, her red hair curling about the shiny pauldrons of her armor. “I have found him.”

"Che cosa?" I asked, my mind struggling to focus. “Oh, the next assassin?”

“One more subtle than Fireeyes,” Lady Delilah purred as she strolled up. “One that will kill Angela at the right moment. So stop your worrying.”

I glanced at the door to my wife's bedchamber. That was hard. My son was being born while the very threat to his life and rule, Angela, was out there questing to find the pieces of her ancestor's sword. Why didn't I just have her killed instead of listening to this mad plan to begin with?

“Who?” I demanded. “Who is this assassin?”

“A changeling,” Lady Delilah answered with a smile. “You know how well they are at deception and seduction. My contacts tell me he is in the southern Magery. Right along Angela's path once she finishes her business in the orc lands.”

“You mean, once she has found the first piece of the High King's sword?” I growled.

“One out of five. Relax, your majesty.”

“How can I relax when—”

The door opened and the midwife stepped out, wiping her hands free on a cloth. “You're majesty, you have a healthy son.”

Through the door I could hear his wails. Excitement beat in my heart. I walked past Lady Delilah and stepped into the room. My wife, her face wan, held a small bundle wrapped in cloth, his pink face peeking out of the swaddling.

“My son,” I whispered as I moved to the bed, awe beating through my heart. He was so tiny. I sat on the bed, leaning over to look at him. His eyes were closed but his mouth opened wide. “Henry. One day you will be king. And no one, especially not an upstart knight, will take that from you.”

END of Book 3

Storie simili

UK Council Estate Slags Vol.1: Parte terza

Ci siamo seduti sul bordo del letto di Tracey. La sua camera era grande il doppio di quella di Kerry e il letto era di proporzioni generose, immagino fosse king-size... per adattarsi alla sua mole procace ea chiunque altro avesse avuto la fortuna di dormire con lei! Eppure non c'era traccia di un uomo nella stanza, tutto era fanciullesco e arruffato ma sembrava vecchio e logoro. Il fumo di sigaretta aveva ingiallito la carta da parati scrostata e il drappo sporco e sbiancato che copriva la finestra anteriore. Davanti a noi c'era una vecchia TV malconcia e un lettore VHS in...

299 I più visti

Likes 0

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

878 I più visti

Likes 0

CATTURATO_(0)

Blair Ryan ha disfatto la sua borsa da notte e le ha sistemato i vestiti prima di appenderli nell'armadio dell'hotel. Si è avvicinata alla finestra e ha guardato lo skyline di Tel Aviv sottostante e ha commentato ad alta voce: Un'intera settimana in Terra Santa, non riesco quasi a credere di essere qui!!! Doveva trascorrere un paio di giorni a Tel Aviv, quindi noleggiare un'auto e guidare fino a Gerusalemme e Betlemme, era davvero ansiosa di vedere il Muro del Pianto! Beh, era stata una lunga giornata ed era esausta, e si era praticamente addormentata prima che la sua testa colpisse...

11 I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

1.1K I più visti

Likes 0

Proprietà dei fuorilegge del diavolo (parte 3)

Capitolo 4: Inizia la rottura di Hannah Proprio come pensava Hannah, i motociclisti tornarono subito al bar. Erano via solo da circa un'ora, ma quando sono entrati nel parcheggio Hannah ha notato che c'erano almeno altre 10 moto sedute lì. Il suo cuore batteva per il terrore mentre veniva trascinata di nuovo nella grande taverna, con gli altri Fuorilegge proprio dietro di lei. C'erano diversi motociclisti che bazzicavano nel salone e bevevano birra, ma non appena videro Hannah si alzarono e la seguirono nel retro. Prendi il tuo culo nudo, troia, ordinò Tank, spingendo il piccolo asiatico verso il materasso mentre...

935 I più visti

Likes 0

Muoversi nella parte 1

Scuole finite e anche noi.. Mia mamma ha comprato una nuova casa molto più vicina al lavoro.. Non è mai davvero in giro, praticamente sta al lavoro.. O con il suo nuovo amante di cui pensa che non sappia.. stabilirsi in posti nuovi è qualcosa che facciamo spesso.. Spero solo che questo sia l'ultimo.. L'auto si è fermata davanti alla nostra nuova casa, i camion stavano quasi per scaricare tutto in casa quando siamo arrivati, lasciandomi in macchina mia madre è andata a prenderli. È stato un viaggio piuttosto lungo, quindi sono uscito dall'auto e mi sono allungato un po', ero...

550 I più visti

Likes 0

Tutto sbagliato con

Ogni cosa che non va in Era stupro se ti piaceva? di Cuore legato Narrativa, Bondage e restrizione, Crudeltà, Dominazione/sottomissione, Droga, Maschio/Adolescente, Sesso orale, Stupro, Riluttanza, Romanticismo, Sculacciata, Adolescente, Verginità, Scritto da donne, Giovane Introduzione: Lise, una ragazza del secondo anno, ha avuto una relazione con Alex, che si era già diplomato al liceo. Liza ha rotto con Alex. Ma chissà cosa può succedere a una festa? 1: Festeggiare? Capitolo I - Liza Lise! Lisa! Elisabeth!! Alex mi ha chiamato mentre passavo. Ho continuato a camminare a passo svelto, mettendo distanza tra me e il mio ex ragazzo. 2: Wtf, non...

775 I più visti

Likes 0

Non ho mai saputo il suo nome

Non ho mai saputo il suo nome ….Una moglie solitaria…. una casa in campagna…. un bell'uomo di riparazione... una tempesta…. una strada allagata che porta lontano dalla casa…. un continuo acquazzone…. le luci si spengono e non c'è altro da fare che aspettare. La casa si raffredda senza riscaldamento elettrico. Cosa possono fare per riscaldarsi mentre aspettano? La mente di una moglie inizia a fantasticare. ….Suo marito, capitano di mare, torna a casa solo due volte l'anno. Prende una grande coperta da metterci sopra mentre aspettano sul divano. Fuori sta diventando più buio. Ha delle candele... ma l'oscurità è molto erotica...

722 I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

579 I più visti

Likes 0

JJ: Riunione con papà

Stava guardando un film nel seminterrato, la luce blu tremolante gli faceva sembrare un po' alieno il viso. La mamma l'aveva mandata fuori dalla stanza di famiglia, stava passando una specie di serata del vino con le sue amiche. A papà di solito piaceva essere lasciato solo durante le serate del vino della mamma... qualcosa sui livelli di estrogeni troppo alti. Sapeva che quel giorno era un po' scontroso, ma era passato così tanto tempo da quando le aveva prestato attenzione. I suoi amici erano al campo estivo ed era annoiata e sola. Si avvicinò al divano e si appoggiò allo...

500 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.