Eva ed io capitolo 3

620Report
Eva ed io capitolo 3

Gli eventi della scorsa notte mi hanno fatto guardare Eva sotto una luce diversa. Sapevo che dovevo averla. Avevo bisogno di seppellire il mio cazzo in profondità nella figa stretta di mia figlia. Stavo leggendo il giornale al tavolo della cucina quando è entrata Eva, con indosso i suoi culotte di pizzo blu e il reggiseno abbinato. I suoi peli neri di micio, che teneva ben curati, erano chiaramente visibili attraverso il materiale di pizzo dei suoi pantaloncini. Indossavo la vestaglia perché ero appena uscita dalla doccia.

Eva si è fatta una tazza di caffè e si è seduta accanto a me, volendo leggere anche lei il giornale. Si stava chinando cercando di dare un'occhiata al foglio, dopodiché sospirò pesantemente, rendendosi conto che avrebbe dovuto aspettare finché non avessi finito di leggere. Almeno è quello che pensavo! Eva, invece, aveva idee diverse. Non era il tipo paziente che vedi. Eva quindi si alzò dalla sedia e mi salì in grembo, sedendosi direttamente sopra il mio inguine. Gemetti e mi dimenai cercando di togliermela di dosso, ma lei spinse più forte, determinata a sedersi sulle mie ginocchia. Alla fine ho rinunciato e ho cercato di sfruttare al meglio la situazione.

È stato molto scomodo cercare di leggere il giornale, poiché ho dovuto sporgere la testa sopra la sua spalla per dare un'occhiata al foglio. Con tutto quel dimenarsi in corso, la mia vestaglia si era slacciata e il mio cazzo si era sciolto. Eva si spostò sulle mie ginocchia e questo permise al mio cazzo di spuntare attraverso il piccolo spazio che presentava tra le sue cosce. Ero completamente eretto ed Eva era molto consapevole del cazzo di suo padre incastrato tra le sue cosce. Dopo alcuni minuti di lettura del giornale, ho deciso che la tortura che il mio cazzo stava subendo era sufficiente.

Misi entrambe le mani sui fianchi di Eva, mi sedetti e cominciai una lenta spinta ritmica. Per tutto il tempo Eva ha continuato a leggere il giornale, tuttavia era pienamente consapevole delle mie azioni. Ho pompato continuamente il mio cazzo attraverso il piccolo spazio tra le cosce di mia figlia, e quando il mio pre-cum le ha ricoperto le cosce, la spinta è diventata molto più facile. Ogni pochi secondi Eva stringeva le cosce, facendomi sentire come se stessi fottendo un micio.

La parte più eccitante di questa situazione era quanto Eva fosse a suo agio con esso. Si comportava come se facesse parte della sua vita quotidiana. Prendeva casualmente la sua tazza di caffè, ne beveva un sorso e continuava a leggere il giornale. Per tutto il tempo suo padre stava pompando il suo cazzo tra le sue cosce.

Proprio in quel momento il nostro domestico entrò in cucina. Sembrava che sia Eva che io avessimo dimenticato che oggi era il giorno in cui lei veniva a lavorare. Aveva circa 30 anni ed era piuttosto attraente. Aveva un'espressione scioccata sul viso. Non l'ho incolpata. Aveva appena scoperto che il suo capo si scopava a secco la figlia di 18 anni. Ero così vicino a venirmi che mi faceva quasi male, perché Eva si è giustamente alzata dalle mie ginocchia e si è avvicinata al lavandino. Sono rimasto seduto al tavolo con il mio cazzo quasi pronto a scoppiare.

Dopo aver risciacquato la sua tazza, Eva si è avvicinata a me e mi ha dato un bacio sulla guancia, dicendo che mi avrebbe visto più tardi perché aveva degli acquisti da fare. Fece due chiacchiere con Trish, la nostra domestica, e poi si diresse verso la sua stanza. Le mie palle erano in fiamme tutto il giorno. Non vedevo l'ora che Eva tornasse a casa per continuare il nostro comportamento civettuolo.

È tornata a casa verso le 17:00. Indossava un abito estivo leggero senza reggiseno, poiché il suo vestito aveva spalline molto piccole. Le sue tette stavano praticamente fuoriuscendo dal vestito e il mio cazzo si è subito messo sull'attenti. Ero disteso sul divano a guardare la tv, quando si è chinata e mi ha dato un bacio sulla guancia. Sono stato ricompensato con una bella vista dei suoi perfetti capezzoli marroni, poiché il suo vestito scollato non ha fatto nulla per confinare il suo ampio seno.

La mia adorata Eva si stava rivelando una piccola presa in giro. Mi ha lasciato appeso al mattino e sembrava che stesse per fare lo stesso ora. Avrei dovuto essere felice con la mia mano che finiva il lavoro stasera ho pensato.

Detto ciò mi diressi in bagno, intento ad alleviare la mia dolorosa erezione. Ho dato un'occhiata al cesto della biancheria e ho trovato un paio di mutandine sporche di Eva. Nero, il mio colore preferito. Li ho portati al naso e ho inalato profondamente, respirando il profumo del micio di mia figlia.

Proprio in quel momento la porta si aprì ed Eva entrò. C'era suo padre con le sue mutandine in una mano e il suo cazzo nell'altra. Stavo accarezzando il mio cazzo molto lentamente, volendo assaporare il momento.

"Scusa papà, non volevo disturbarti, ma ho davvero bisogno di fare pipì. Non badare a me però, fai solo finta che non ci sia." Eva poi si avvicinò al water e si sollevò il vestito. Con mia sorpresa, ho notato che non indossava mutandine. Era andata a fare shopping tutto il giorno, indossando solo quel vestito estivo leggero. Si accovacciò sulla padella e lasciò che un flusso costante di piscio giallo le uscisse dalla figa stretta.

Per tutto il tempo l'ho fissata, senza vergognarmi del fatto che mi stesse guardando mentre la guardavo pisciare, mentre accarezzavo il mio grosso cazzo duro. Quando ha finito di fare pipì, Eva ha preso il porta carta igienica e si è resa conto che non c'era carta igienica. Ha fatto cenno per la mia mano destra, e per un momento ho pensato che intendesse il mio cazzo, ma mi sono reso conto che in realtà voleva le sue mutandine che erano avvolte tra la mia mano e la mia asta. Le ho dato la mutandina e lei ha tamponato delicatamente le labbra lucenti della sua figa con il materiale nero.

Il costante stato di eccitazione in cui mi trovavo per tutto il giorno, unito alla vista di mia figlia che si puliva il gatto con le mutandine, era troppo gestibile. Con un deciso colpo della mia mano destra, esplosi, spalancandomi la testa. La mia fessura per la pipì è esplosa, prima spruzzando nell'aria un sottile succo di cazzo chiaro, poi corde di sperma denso e cremoso su tutte le cosce di Eva. Ho accarezzato la mia asta fino a quando finalmente le ultime gocce di sperma sono gocciolate fuori dalla mia testa.

Eva mi sorrise, poi mi porse le sue mutandine e io mi pulii il cazzo con le sue mutandine imbevute di piscio. Poi si è tolta il vestito sopra la testa, rivelando le sue splendide tette. Il mio sperma ora stava gocciolando lungo le sue cosce, ma questo non sembrava disturbarla. Ha aperto i rubinetti della doccia ed è entrata, chiedendomi se volevo pulirmi anche io...

Storie simili

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

286 I più visti

Likes 0

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

161 I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

2K I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

1.4K I più visti

Likes 0

Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo - NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a... Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni. Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura. La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri...

947 I più visti

Likes 0

La maledizione di Cupido parte 1

Di nuovo sto facendo lo stesso sogno; è sempre la stessa stanza fredda e squallida. All'inizio sembra sempre buio pesto ma grazie a qualche luce di candela nella stanza riesco a vedere nella stanza accanto dove c'è sempre un divano rosso, dove una strana donna aspetta la mia compagnia. Non riesco mai a sentire la sua voce, ma per qualche motivo so che mi sta chiamando. Mentre mi alzo dal letto per venire da lei, sento lo stesso dolore acuto nei miei occhi, eppure non smetto mai di muovermi, non importa quanto intenso diventi il ​​dolore, come se il mio corpo...

889 I più visti

Likes 0

L'imprevisto_(1)

Regole per la mia scrittura: 1. Scrivo per me stesso. Per tirarmi fuori. Se ti piace, bene se non vai avanti. 2. Se mi sento all'altezza, posso fare richieste ma non aspettarti che siano tempestive, le scriverò nel mio tempo. 3. Se non ti piacciono le età, i sessi o gli eventi (trama) nelle mie storie, nessuno ti obbliga a leggerle. 4. Se vuoi essere scortese nei tuoi commenti, vai avanti. Non mi dà fastidio. Fai riferimento alla regola n. 1. ---- Brittani girò la maniglia della porta d'ingresso e strisciò dentro, cercando di stare attenta a non fare rumore. Era...

757 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.