Shadows in the Storm - Parte 2 di 5: Corrine, Bill e George

613Report
Shadows in the Storm - Parte 2 di 5: Corrine, Bill e George

Bill fissò l'ufficio di Samuel Andrews, si mise una mano sulla bocca per ricordarsi di non urlare e scosse la testa mentre aspettava l'ascensore per il seminterrato sperando di essere in tempo per prendere uno dei tre jitney alla serratura. situato nell'area di preparazione delle auto blindate in modo da poter consegnare contanti e istruzioni per gli autisti venerdì. Una volta entrato nell'ascensore, ha usato il dito medio per premere il pulsante per il pavimento dell'auto blindata e lo ha sollevato in alto in direzione dell'ufficio del direttore delle operazioni. Essendo giovedì alla chiusura degli affari, il pavimento dell'auto blindata era un alveare di attività mentre tutti si affrettavano e si affrettavano a finire le cose prima dell'inizio dell'attività di venerdì. Due jitney erano spariti e l'autista dell'unico ancora nel parcheggio si era preso il giovedì libero per poter iniziare un lungo fine settimana. Bill aveva ancora un po' di tempo, ma era troppo lontano per camminare con la valigia piena di soldi, quindi avrebbe dovuto prendere il suo SUV. Ci sono voluti 8 minuti per prendere l'ascensore fino al piano di parcheggio del veicolo personale non protetto, altri 3 per raggiungere a piedi il suo veicolo e altri 2 per raggiungere la rampa di discesa al piano inferiore. Il pesante cancello d'acciaio all'ingresso del piano inferiore era già chiuso.

"FANCULO!"

Colpì il volante con il pugno.

BAM!

Più forte, potrebbe aver rotto la ruota o la mano. Diede un pugno al sedile del passeggero, fece una smorfia e accettò di essere arrivato troppo tardi. Giovedì, era uno dei suoi doveri abituali portare contanti e istruzioni dettagliate all'area di blocco delle auto blindate in modo che le auto potessero ottenere ciò di cui avevano bisogno e partire il venerdì per effettuare le consegne, ma una serie continua di lavoretti durante tutto il giorno lo ha mandato a caccia di conigli e poi a un altro e ora si trovava di fronte a due scelte. La scelta approvata dall'azienda è stata quella di depositare la valigia nel caveau al piano superiore degli uffici operativi per il trattamento del contante durante la notte e poi tornare alla centrale operativa abbastanza presto venerdì mattina per portare gli oggetti al piano inferiore in modo che le auto blindate potessero partire per le loro rotte verso effettuare puntualmente le consegne di contante alle banche associate. La sua seconda scelta era quella di portarsi a casa per la notte la valigetta con i soldi e tornare in garage venerdì mattina presto. In entrambi i casi l'obiettivo era quello di consentire alle auto blindate di partire all'ora prescritta per consegnare contanti alle banche prima o poco dopo l'apertura. Portare a casa i contanti dell'azienda era una scelta più rischiosa, ma l'aveva già fatto in diverse occasioni quando era stato ritardato e non c'erano stati problemi. Andrews sapeva che Bill lo faceva di tanto in tanto e lo aveva fatto anche lui stesso quando doveva sostituirlo. Era accettato se Bill non avesse seguito le procedure approvate avrebbe dovuto rispondere di eventuali perdite.

L'indomani era la fine del trimestre, quindi aveva una quantità di denaro maggiore nella cassa rispetto al normale, in modo che le commissioni per i servizi di elaborazione del contante sarebbero state più elevate per il trimestre. Abbassò la testa, digrignò i denti, alzò lo sguardo e serrò la mascella. Ora che era fuori dall'atmosfera infernale dell'ufficio, temeva di abbandonare la pacifica serenità fornita dal veicolo per tornare nella rumorosa mischia del centro operativo con tutte le procedure burocratiche di registrazione, registrazione, registrazione e problemi di sicurezza per non parlare del fastidio di dover ottenere le autorizzazioni necessarie per aprire il caveau al di fuori del normale orario lavorativo e di mettersi in contatto con una guardia per accompagnarlo durante l'apertura del caveau.

Lavorare tutto il giorno con pile di raccoglitori blu zeppi di pagine stampate di computer a strisce verdi e bianche coperte di colonne e file di numeri lo aveva lasciato mentalmente esausto e la custodia sul pavimento sembrava sicura, così mise in moto la prima marcia, e sterzò fino alla rampa che portava in strada per iniziare il viaggio verso casa. Fece un respiro profondo e lo espirò.

Infine!

Ora che era fuori dalle grinfie dell'ufficio, sapeva che poteva lasciarsi andare.

“Sam! Sei uno stronzo totale.

"NO! Sei quello che esce da uno stronzo!

“Uno stronzo!

"No! È una parola troppo carina.

"Signore! Sei un pezzo di merda! Escrementi! Feci!

"Vaffanculo! Vaffanculo! Vaffanculo!

“Spero che ti venga l'herpes scopando tua moglie! NO! Tua figlia!

"No! Dal fottere TE STESSO!

“Ora sarebbe divertente! Per ottenere l'herpes fottendoti!

Alla fine riuscì a ridere. Si allentò la cravatta, si sbottonò il colletto e accese la radio.

Il viaggio di ritorno era così di routine che tutto ciò che doveva fare era guidare il veicolo senza pensare. Dopo alcuni respiri più profondi, ricordò chi era lì per lui, i suoi occhi si addolcirono e sorrise.

Cory.

Continua a pensare a Cory.

Una forte dose di Cory è ciò di cui ho bisogno.

Torna a casa da Cory il più velocemente possibile!

Cory picchiettò i suoi due indici sul ripiano senza pensarci, tenendo il tempo di una delle loro canzoni preferite e si guardò intorno in cucina per assicurarsi di non aver trascurato nulla che potesse essere una distrazione quando Bill fosse tornato a casa. Inspirò profondamente, lo trattenne e lo lasciò uscire lentamente prima di richiamare la sua attività fisica su cui poteva concentrarsi e poi abbandonare, ogni volta che era particolarmente ansiosa. Dopo aver fatto scivolare indietro tutte e quattro le sedie dal tavolo, le ha spostate in senso orario attorno al tavolo, le ha spinte indietro, è andata nel ripostiglio e ha raggiunto il picco come se Bill potesse apparire magicamente. E per la seconda volta da mezzogiorno andò al frigorifero e contò le bottiglie di birra.

Tre.

Perché dovrebbe cambiare?

Ce n'erano tre prima di pranzo.

Tre l'ultima volta che ho controllato.

Bill non è stato qui oggi.

Nessuno che berrebbe una birra è stato qui tutto il giorno.

E anche se sapeva che erano stati nel frigo tutto il giorno, prese ogni bottiglia proprio come faceva ogni volta che contava e ci avvolse la mano.

Buono e freddo!

Le bottiglie fredde glielo ricordavano. Schioccò le dita, mise due spugne bagnate fradicie nel congelatore, guardò l'orologio sul bancone della cucina, guardò l'ora sul microonde e confermò l'ora con il suo telefono nel caso in cui gli altri due si fossero in qualche modo allontanati.

Quasi 545!

Dannazione!

Non credo ci sia abbastanza tempo per andare al negozio a comprare altra birra.

Ho passato troppo tempo con il mio film.

Ma ne è valsa la pena.

Ma è giovedì!

E inoltre, so che a Bill non piace sempre lo stesso tipo di birra, quindi non so cosa vorrebbe che prendessi.

Controllò i suoi messaggi telefonici e la segreteria telefonica per assicurarsi di non essersi persa nulla di Bill. Se per caso non si aspettava di essere a casa alla solita ora, lei avrebbe avuto il tempo di fare un salto veloce al minimarket se si fosse affrettata e avrebbe preso qualcosa di scuro. La birra scura era sempre una scommessa sicura, ma a volte, se andava, sceglieva qualcosa che di solito non portavano, come una bock tedesca o una birra scozzese. Gli piaceva molto provare diverse birre.

C'erano due messaggi. Il primo era di George Simpson.

Non c'è bisogno di leggerlo.

George ha uno scopo nella mia vita.

Martedì ero con lui.

Bill tornerà presto a casa.

Niente che George possa fare mi aiuterà in questo momento.

Basta eliminarlo.

Controllò il secondo messaggio. Era di Bill. Ha detto che stava tornando a casa e si aspettava di essere lì circa 5 minuti dopo le 6.

Ogni volta che Cory pensava di stare con George, provava disgusto per se stessa. Quando voleva sentirsi amata andava da Bill. Ma quando voleva assicurarsi di avere un orgasmo andava da George. Temeva che Bill potesse scoprirlo e se l'avesse fatto l'avrebbe buttata fuori, cosa che sentiva di poter affrontare solo come un altro urto nella sua vita, ma il pensiero che il suo comportamento potesse costarle il suo amore, qualcosa che era ancora nuovo e la faceva sentire utile non lo era. Il fatto che potesse smettere di amarla la preoccupava, ma il suo bisogno di essere soddisfatta sessualmente era una forza biologica travolgente. Niente di ciò che ha provato è stato un sostituto adeguato per un cazzo maneggiato da un uomo che sapeva come scoparla e farla venire. Anche perché i suoi orgasmi fantastici funzionassero, aveva bisogno del ricordo di qualcuno che la scopava abbastanza bene da farle avere un orgasmo.

Bill l'ha sempre fatta sentire apprezzata e amata. Perdere quell'amore per qualsiasi cosa era una punizione, ma perderlo a causa del prurito tra le gambe con un motociclista spazzatura come George era un'umiliazione che non voleva affrontare. Di tanto in tanto, quando era davvero disgustata di se stessa, considerava di lasciare Bill per eliminare la possibilità, ma ogni volta che si avvicinava a farlo, perdeva i nervi all'ultimo minuto e alla fine decideva che sarebbe rimasta con Bill il più a lungo possibile e se fosse mai successo che avesse smesso di amarla, lei se ne sarebbe occupata quando fosse successo.

Cory ha incontrato George al college prima di Bill. Dopo aver iniziato a uscire con Bill, ha smesso di vedere George, ma Bill era spesso troppo veloce per avere un orgasmo e non riusciva a soddisfarla sessualmente, quindi è tornata a scopare George. Non si è mai sentita al sicuro con George come con Bill. George era un fuoco più sicuro, l'orgasmo che produceva cazzo di Bill, ma Bill era quello che aveva imparato ad amare. Di tanto in tanto faceva giochetti mentali, fantasticando su come si sentiva il cazzo di George dentro di lei quando in realtà si stava scopando Bill, e quando si stava scopando George fantasticava che fosse Bill dentro di lei. Nelle occasioni in cui non avrebbe avuto un orgasmo con George, avrebbe giurato di non stare mai più con lui, ma poi lei e Bill avrebbero scopato, lei non sarebbe venuta e sarebbe tornata a scopare George.

Avere sia Bill che George come amanti al college era stato piuttosto elettrizzante, ma poi si rese conto che Bill era il suo vero amore. E con quella consapevolezza era stato difficile per lei continuare una relazione con George. Ma il suo desiderio sessuale era così forte che continuò e ora ne era praticamente dipendente. Per quanto il suo comportamento la disgustasse e anche se sapeva che poteva costarle così caro non poteva resistere al potere del suo desiderio sessuale. Non ha aiutato il fatto che fosse diventato così facile per lei nel corso degli anni e ha richiesto pochissima pianificazione. Al massimo, aveva solo bisogno di stare con George per 20 minuti e si sarebbe presa cura di lei. Era sempre pronto a scoparsela e si pavoneggiava come un gallo quando era vicino a Cory. Ma Cory aveva deciso molto tempo prima che lo avrebbe lasciato senza un attimo di esitazione se Bill fosse riuscito a soddisfarla sessualmente.

Selezionò il messaggio di George per cancellarlo, ma se ne dimenticò non appena sentì il rombo dei rulli della porta del garage nelle guide, la prima indicazione che Bill era a casa. Aspettò finché non sentì la porta del garage che iniziava a chiudersi, andò al congelatore e tirò fuori le spugne parzialmente congelate, inumidì le gelide spugne nel lavandino del bagno padronale e se le premette contro i seni. Quando sentì chiudersi la portiera dell'auto, lasciò cadere le spugne nel lavandino e tremando le si asciugò il petto, si infilò il vestito e si diede una rapida occhiata.

Le gelide spugne avevano fatto il loro lavoro rendendole i seni più sodi e sodi, le areole rimpicciolite ei capezzoli duri che si ergevano orgogliosi sull'attenti. Entrò in cucina proprio mentre Bill stava entrando dalla porta.

La cravatta slacciata e il colletto della camicia sbottonato non erano insoliti, ma le spalle erano più curve del solito anche per un giovedì. Bill sembrava esausto.

Ho visto di peggio ma non di molto.

È cattivo.

Quei begli occhi dolci.

Sembra così stanco e sfinito.

Ma è giovedì.

Cory iniziò ad aggrottare la fronte, ma poi si rese conto che avrebbe solo fatto sentire Bill più stressato e avrebbe messo il suo sorriso felice. Gli occhi di Bill si fissarono immediatamente sul petto di Cory e mentre osservava la forma dei suoi seni dalle spalle ai capezzoli, colse ogni curva e sfumatura e sentì il primo debole formicolio mentre i suoi testicoli cominciavano a gonfiarsi e il suo pene floscio si rianimava.

Nella vasta gamma di sensazioni Bill mise quel formicolio iniziale in cima alla lista. Se avesse fatto a modo suo, sarebbe durato molto più a lungo. Gli piaceva così tanto che di tanto in tanto fantasticava su Cory ogni volta che era a una riunione di lavoro, al punto che diventava totalmente duro e se doveva andare avanti, pensava alle stampe del computer o alle auto blindate nel seminterrato fino a quando non si è sbarazzato dell'erezione.

Non voleva interrompere la sua concentrazione e sarebbe stata molto contenta che lui la prendesse, la portasse nella loro camera da letto e si facesse strada con lei, ma pensava di poter dire qualcosa nel caso non fosse ancora pronto.

"Ciao tesoro!

“Va tutto bene con te?

“Stavo per andare al negozio per una birra.

“Adesso ce ne sono un paio in frigorifero. Posso prendertene uno adesso?"

Bill fece un respiro profondo, lo lasciò uscire e si costrinse a sorridere.

Cory non è la causa della tua rabbia.

“Dammi qualche minuto per sfogarmi.

"Sono un po 'stanco. Ho passato tutto il giorno a guardare stampe di computer verdi e bianche.

“Vorrei che cambiassero più spesso le cartucce delle stampanti.

“A volte la stampa è così chiara e sfocata che devi confrontare le copie cartacee con il display sullo schermo di un computer.

«Comunque, va tutto bene. Ora comunque. Il capo è stato di cattivo umore tutto il giorno. Ogni piccola cosa sembrava irritarlo. Mi dispiacerebbe per me stesso, ma ho lavorato con quel cretino abbastanza a lungo da sapere che è il suo stile. Era così con tutti oggi. È stato così tutta la settimana.

“Una delle nuove persone in ufficio, una giovane donna, appena laureata che è appena arrivata al lavoro, è stata rimproverata per aver chiesto come voleva che fosse fatto qualcosa per assicurarsi che lo facesse bene. Mi sono sentito davvero male per lei.

“È scoppiata in lacrime e sembrava che avesse appena raggiunto il punto più alto della sua giornata facendola piangere. Volevo dargli un pugno in faccia.

“Ho lavorato il più velocemente e duramente possibile e non ho fatto pause questo pomeriggio. E ha continuato ad aggiungere un lavoro strano e poi un altro finché non ho avuto il tempo di fare la cosa più importante. Ma per ora va tutto bene. Dovrò solo andare prima del solito domani per occuparmi della cosa a cui non sono riuscito.

Cory stava lavorando duramente per mantenere la sua faccia felice. Guardare da vicino Bill ha reso tutto più facile. Ogni volta che vedeva Bill per la prima volta, anche se dopo solo poche ore, era sbalordita come se non l'avesse mai visto prima e il suo spirito si elevava al pensiero di essere amata da un ragazzo super così bello. Non era l'uomo più carino che avesse mai visto, ma era di un bell'aspetto, il tipo di bello che ti fa sentire al sicuro e protetto, con occhi gentili e affettuosi che sembravano dire "Benvenuto!", un bel naso dritto, un forte mascella e una bella bocca con labbra carnose che sembravano sempre salutarti con un sornione "Felice di vederti!" largo sorriso. I suoi occhi furono la prima cosa che notò di lui quando si incontrarono per la prima volta. Così caloroso e amichevole. È stato fortunato ad avere naturalmente una corporatura atletica. La maggior parte degli altri uomini doveva passare ore in palestra per avere un corpo come il suo.

Poteva vedere che lo sfogo aveva alleviato parte dello stress di Bill e l'inizio di un sorriso genuino per sostituire quello forzato.

"Ti amo tanto.

“Spero che tu lo sappia!

"La musica è troppo alta?"

Bill fece un respiro profondo e sorrise a Cory.

“La musica va bene.

"Io so che mi ami.

"Anch'io ti amo."

Cory cominciava a brillare ora che sembrava che stesse facendo progressi.

“Mi dispiace che tu debba sopportare tutto quel casino del tuo capo.

"Vorrei poter fare qualcosa per renderti le cose più facili."

Alla fine Bill spostò lo sguardo dal seno di Cory ai suoi capelli, si spostò sui suoi occhi azzurri e continuò sulla sua bocca.

Lei è bella.

Alla fine della giornata averti in attesa di salutarmi a casa ne vale la pena.

Come diavolo sono stato così fortunato?

L'attenzione di Bill tornò sui seni di Cory. Amava la curva del suo petto dalle spalle ai capezzoli e sapeva che non indossava il reggiseno. I graziosi seni bianchi di Cory, le sue areole rosa e i suoi capezzoli scuri quasi viola sembravano pendere dai petali e la sua consapevolezza che quelli erano separati dal suo tocco solo da un sottile strato di morbido panno di cotone era ciò che Cory aveva sperato. La prima occhiata aveva iniziato a renderlo duro e lui continuava a riempirsi la mente con il suo aspetto, il suo odore e il suo suono che lasciava spazio allo stress e alla pressione della giornata lavorativa che era terminata meno di un'ora prima avvizzire e rimpicciolirsi nel nulla.

Capelli castano cenere lunghi fino alle spalle, scintillanti occhi blu profondi, belle labbra, viso stupendo, grandi tette.

Voglio sentirla premuta contro di me, toccarla con le mie mani e tenere il suo corpo contro di me quando entro in lei.

“Tesoro, sei la mia ricompensa per aver lavorato così duramente. Tornare a casa da te ogni giorno è come vincere il jackpot e ne vale la pena.

Arrossita, Cory abbassò brevemente gli occhi e rapidamente guardò Bill.

“È così dolce da parte tua dirlo.

“Sai quanto mi fa sentire bene sentirtelo dire?

"Perché non metti giù quella custodia così posso mostrarti quanto penso sia dolce?"

Bill lasciò cadere la custodia in modo che atterrò con un leggero tonfo e si leccò le labbra mentre Corrine si avvicinava abbastanza da permettergli di sentire il calore del suo corpo quando lei gli mise le mani sulle spalle e lo spinse a sedersi sulla sedia più vicina. I suoi occhi erano all'altezza dei capezzoli che stava fissando pochi secondi prima. Si chiese se poteva guardare un capezzolo con un occhio e l'altro con l'altro. Strizzò l'occhio a ogni seno. Cory si chinò in avanti in modo che la parte anteriore del vestito si afflosciasse, lo stuzzicò con dolci piccoli baci partendo dagli angoli della sua bocca, e poi lo baciò fermamente.

Adoro quel vestito!

Ha le tette più grandi.

Senza reggiseno.

Voglio farli rimbalzare!

Strizzò l'occhio a Bill con entrambi gli occhi, poi con entrambi, e iniziò a cantare una delle sue canzoni preferite.

«Scotch e soda.

"Fango negli occhi".

Bill le sorrise.

Cory strizzò di nuovo l'occhio a Bill e continuò a cantare.

“Tutto ciò di cui ho bisogno è uno dei tuoi sorrisi.

"Puoi darmene uno?"

Bill le fece l'occhiolino e sorrise.

"Adoro quel sorriso."

Ora poteva vedere poco stress sul suo volto. Le toccò il mento per attirarla più vicino. Era stimolante e calmante allo stesso tempo. Lui iniziò ad allontanare la mano così lei gli coprì la mano con la sua per tenerla su di lei.

“Non fermarti, piccola!

"Ho avuto bisogno di sentirti toccare su di me tutto il giorno!"

Si chinò per baciarlo un po' più fermamente sugli angoli, poi leggermente su entrambi i lati della sua bocca, e quando lui schiuse le labbra fece scivolare il labbro inferiore tra le sue labbra in modo che le loro labbra si sovrapponessero.

Spostò la mano sulla parte posteriore del suo collo per tenere le loro labbra unite e la lasciò andare dopo averle morso delicatamente il labbro e schioccato rumorosamente le sue labbra.

"Ho bisogno di te tutto il giorno, ma mai più di adesso!"

Ha iniziato a cantare un'altra delle sue canzoni preferite.

“Lascia che ti intrattenga!

“Lascia che ti faccia sorridere!

“Farò alcuni vecchi trucchi e poi alcuni nuovi trucchi.

"Sono molto versatile."

"Mostrami qualche trucchetto, signora."

Sicura che il senso dell'umorismo giocoso e malizioso di Bill fosse tornato, Cory fece scivolare la mano sotto il seno sinistro, la sollevò e la lasciò cadere.

“Sa cos'è questo, signore?

"È stato in giro tutto il giorno."

"Forse se me lo mostri, lo riconoscerò."

Corrine fece scivolare giù il lato sinistro del vestito, sollevò di nuovo il seno sinistro e lo lasciò cadere

"Vedere?

“Non starà fermo.

“Ora sai cos'è?

"Ne ho un altro simile."

“Non ti credo. Ce ne può essere solo uno come quello. Faresti meglio a farmi vedere di persona!

Corrine fece scivolare il lato destro del vestito fino alla vita, sollevò il seno destro, lo scosse e poi lo lasciò cadere.

"Vedere?

"Ho anche provato a svegliarlo!"

"Perché non lo fai di nuovo?"

Cory sollevò entrambi i seni il più in alto possibile e li lasciò cadere.

“Non staranno fermi.

"Vorresti vedere se riesci a convincerli a collaborare?"

"SÌ. Per favore.

"Perché non ti avvicini e mi lasci provare?"

Corrine mise le mani sulle spalle di Bill per tenersi in equilibrio e iniziò a dondolarsi in avanti e poi indietro facendo scivolare l'interno delle ginocchia lungo l'esterno delle sue gambe. Si strinse un seno, lo sollevò e lo lasciò cadere.

"Quello mi sembra ben educato."

Gli portò l'altro seno alla bocca.

"Vedi se riesci a convincere questo a comportarsi bene."

Fece schioccare il capezzolo con la lingua, poi mise la bocca intorno al capezzolo ea metà del suo seno. La combinazione del suo capezzolo duro e del seno morbido nella sua bocca con il suo odore femminile così forte, era totalmente duro. Guardò Cory.

“Il loro comportamento mi sembra perfettamente accettabile.

"Ma poiché ce ne sono due, non so quale sia il mio preferito."

“Non devi scegliere! Sono entrambi qui per te. E proprio come me, entrambi sono felici che tu presti attenzione a loro.

Non avrebbe avuto importanza, ma Bill non stava facendo alcun tentativo di nascondere il duro rigonfiamento nei pantaloni. Cory arricciò le labbra e mandò un bacio d'aria a Bill.

“Non è tutto quello che ho.

"Vuoi vedere cos'altro?"

Cory si leccò le labbra e fece l'occhiolino a Bill.

«Sembra che non ti dispiaccia.

“Deciderò io per te se me lo permetterai.

"Forse vedrai qualcosa che ti interessa."

Per tutto il giorno Bill si era tenuto sotto controllo, soffocando, soffrendo in silenzio come tutti gli altri impiegati nell'ufficio stantio e ammuffito delle operazioni di cassa. Ma ora quell'atmosfera nociva e soffocante veniva frantumata in milioni di pezzi rotti e i pezzi macinati in una nuvola di particelle di polvere così minuscole da non avere più alcuna identità da soli.

Cory sapeva che a Bill piaceva quello che vedeva quando entrava in cucina e lei era raggiante. E proprio come le spugne fredde, il vestito aveva fatto il suo lavoro, quindi non le importava cosa gli sarebbe successo ora e sarebbe stata molto felice che Bill glielo strappasse di dosso, portandola in camera da letto sopra la sua spalla come un bruto , e scopatela finché non era troppo dolorante e sfinita per muoversi.

Fece scivolare l'orlo del vestito fino alla vita, si accovacciò con le mani strette attorno alla sua vita e spinse i fianchi in avanti per premere contro l'erezione di Bill.

"Mi lasceresti riposare contro di te?"

Bill spostò le mani sulla parte posteriore del sedere di Cory per tenerla stretta contro di lui. Il cotone era buono e lui poteva sentire quanto fosse sodo e caldo il suo sedere. Lui spostò una mano sul suo fianco.

Dannazione!

Si sente così bene!

Cory sbottonò la camicia di Bill e fece scivolare la mano dentro per toccare il petto di Bill.

"Mi piace di sicuro il tuo petto."

Lo strinse forte a sé, appiattendo i seni contro il suo petto nudo. Le mise le mani dietro la schiena e lo strinse forte contro di lei.

"È così piacevole."

Continuava a dondolare il petto contro di lui.

"Ho una richiesta speciale."

"Si signore?"

"Mi pizzicheresti i capezzoli?"

Cory si chinò e mordicchiò il capezzolo destro e poi quello sinistro di Bill.

"È quello che hai in mente?"

"Puoi continuare a farlo!"

Spostò la bocca sul collo di Bill e gli mordicchiò delicatamente dalla base del collo fino ai capezzoli.

"Ti piace quello?"

Solo venti minuti prima Bill era entrato nella stanza come un guerriero stanco dopo una battaglia che deve spingersi in avanti, ogni passo richiede uno sforzo solo per mettere un piede davanti all'altro. Ma ora il tocco della punta delle dita di Corrine che gli sfiorava la nuca, la sensazione del suo corpo premuto contro il suo, il suono del suo respiro, la sua inebriante fragranza femminile e il sapore delle sue labbra erano come un attacco coordinato su tutti i fronti che distruggeva e annientando ciascuno dei ricordi irritanti, spingendoli nella grondaia per essere lavati nello scarico dove sarebbero svaniti nell'oblio. Le fece scivolare la mano lungo la nuca, intrecciò le dita tra le ciocche dei suoi morbidi capelli, se le portò al naso e inspirò profondamente. Il piccolo residuo della fragranza leggermente dolce dello shampoo che usava era sottile, inebriante, sensuale. Continuò ad assorbire il dolce profumo, lasciando che il calore dell'abbraccio di Corrine fluisse attraverso di lui, e la attirò più forte contro di sé lasciando che il morbido calore del suo corpo lo circondasse. Cory continuava a premere il petto contro di lui in modo che ad ogni movimento potesse sentire i suoi seni premere contro il suo petto. A Corrine piaceva sentire le braccia di Bill controllarla, tirandola inesorabilmente a sé come se fosse totalmente consumata e divorata da lui.

Bill sapeva che aveva bisogno di rallentare le cose per evitare di essere sovraeccitato, prolungando il loro rapporto, dando a Corrine il tempo di avere un orgasmo, ma dopo la sua giornata lavorativa, era stanco e incapace di trattenersi mentre Corrine intrecciava dolcemente i fili erogeni del suo saluto in un'atmosfera di completa eccitazione. Bill si arrese, lasciandosi trascinare insieme a Corrine che controllava il ritmo del loro fare l'amore.

A Cory piaceva far eccitare Bill e più lei lo faceva diventare più calda. Si sporse in avanti e sussurrò piano all'orecchio di Bill.

“Ehi signore!

"Mi vuoi scopare?"

"Uh Huh!"

"Lo prendo come un sì.

"Mi riempirai?"

"Eh!"

Cory gli slacciò la cintura, agganciò le dita attorno alla fascia in vita e spinse tutto sotto la vita fino alle caviglie lasciando Bill nudo sopra le sue caviglie. Avendo accesso a Bill dai suoi piedi alla sua vita, gli mise una mano sulla parte bassa della schiena, poi strinse le guance di ogni sedere, fece scorrere le dita di una mano tra le sue guance e gli mise la mano intorno ai testicoli.

“Mi piace il tuo culo.

"Signore?"

“Sì signora.”

“Mi piacciono i tuoi giocattoli. Mi lasci giocare con loro?"

"Vorrei che tu!"

Gli avvolse una mano attorno al pene e iniziò a far scorrere lentamente la mano fino alla punta e poi di nuovo alla base e usò la punta delle dita dell'altra mano per accarezzare i suoi testicoli.

"È così piacevole."

"Si signore! Certamente lo fai.

Spostò la mano che gli aveva accarezzato i testicoli per afferrare la base del membro di Bill, tenendolo fermo e appiattì il palmo della mano che aveva usato per accarezzargli il membro per premerlo contro la punta, facendolo ruotare in un senso, poi il altro, comprimendo delicatamente e stimolando la punta sensibile.

Mentre il fluido preliminare di Bill preparava il percorso per il flusso del suo sperma dentro di lei che presto avrebbe avuto luogo, lei sentì la leggera forma di umidità.

"Mi verrai dentro?"

"Sì, io sono!"

Premendo più forte con il palmo sulla punta, Cory unì le dita a coppa intorno alla parte superiore dell'asta e fece scivolare la punta delle dita verso la punta. In diverse occasioni aveva usato la mano per stimolare Bill al punto da farlo raggiungere all'orgasmo e siccome non voleva che accadesse quella sera, ha inumidito il pene di Bill con la lingua, e poi ha soffiato dolcemente dalla base alla mancia. L'improvvisa frescura gli bastò per perdere la concentrazione.

Ho pensato che gli sarebbe piaciuto!

“Voglio sentirti dentro di me.

“Penso di essere troppo piccolo per il tuo cazzo.

“Ho paura che mi farai del male.

"Mi farai del male?"

“Non voglio farti del male!

"Voglio scoparti!"

"Ti dispiacerebbe? È un dolore così piacevole!

“Scopami finché non fa male!

“Come vuoi!

"Quanto vuoi.

“Ma per favore, per favore!

“Fottimi! Fottimi! Fottimi!"

Il tubare seducente di Cory stava elevando l'eccitazione di Bill sempre più in alto, spingendolo sempre più vicino all'orgasmo. Con pochissima stimolazione in più sapeva che lui avrebbe eiaculato, che fosse dentro di lei o no. Si alzò velocemente, si tolse il resto dei vestiti, mise la punta dentro di sé e si abbassò finché non si fu trafitta con metà di lui dentro di lei. Bill le afferrò la vita, la premette e spinse la sua erezione dentro di lei il più profondamente possibile. Corrine sapeva come suonava Bill quando era vicino all'orgasmo e sapeva che probabilmente sarebbe venuto molto presto. E per quanto desiderasse che non raggiungesse l'orgasmo prima di lei, sapeva che probabilmente non sarebbe successo così.

Amava ogni aspetto di Bill che la scopava, ma aveva le sue parti preferite. Uno dei suoi preferiti era il cambiamento nella faccia di Bill quando il suo orgasmo era a pochi secondi di distanza. Più si avvicinava all'orgasmo, più la sua faccia diventava selvaggia e animalesca. Aveva pensato all'espressione sul suo viso e l'aveva paragonata a una trasmissione di un animale selvatico che si nutriva. Sembrava un lupo affamato dopo una caccia, strappando pezzi di carne, inghiottendo un pezzo, e poi un altro e un altro finché la vittima non era stata completamente spogliata della carne lasciando solo le ossa.

La frenesia alimentare iniziata poco tempo prima con il loro stuzzichino come stuzzichini era ora quasi completa mentre il desiderio sfrenato di Bill continuava a essere saziato divorando Cory. Le prime volte ha assistito alla trasformazione mentre facevano l'amore e quando lui stava per venire lo sguardo feroce la spaventava. Ma ora desiderava vederlo. La faceva sentire come se la lussuria di Bill sarebbe stata soddisfatta solo consumandola totalmente. Non era mai riuscita a trovare le parole giuste per descriverlo, quindi evitava persino di parlarne con qualcuno. Quando era nel bel mezzo del suo orgasmo, era capace solo di gemiti animaleschi e selvaggi gemiti gutturali come una bestia durante un rigido inverno che si nutriva dopo una caccia brutale.

Quello di Cory era quasi arrivato e dai suoi movimenti e dai suoni che stava facendo capì che il suo orgasmo era imminente. Se riuscisse a raggiungere l'orgasmo molto presto, verrebbero insieme. L'improvviso scatto all'indietro dei suoi fianchi e poi la potente spinta in avanti come se stesse cercando di spingere il suo pene attraverso di lei fu rapidamente seguito da un improvviso, incontrollato fremito delle sue natiche mentre entrava dentro di lei allagandole la cervice.

Così vicino!

Eravamo così vicini.

Aspettò finché non lo sentì iniziare a ritirarsi, scivolò indietro lungo le sue cosce per inginocchiarsi tra le sue ginocchia sul pavimento, lo circondò con la bocca e usò la punta morbida e appuntita della lingua per estrarre il residuo di sperma dalla punta.

Con la gola il più rilassata possibile, spinse quanto più poteva del suo pene in bocca, attese finché non divenne completamente morbido, e iniziando con la punta del suo pene continuò lungo il suo petto per finire baciandolo. saldamente sulla bocca.

"Grazie piccolo!

"Era delizioso."

Incapace di concentrarsi, scosse la testa per schiarirsela.

Cory si chinò in avanti e gli sussurrò all'orecchio.

“Adesso vado a prenderti una birra.

"Ti interessa che tipo?"

Scosse di nuovo la testa.

"Buio."

«Tornerò tra un po'. Vuoi che ti prenda una birra dal frigo?"

Bill scosse la testa.

«Me ne occuperò io.»

«Preparo la cena quando torno. Sto progettando di grigliare gli occhi di costolette. Abbiamo un po' di prosciutto freddo e crema di patate in frigorifero proprio adesso. Vuoi che te ne riscaldi un po' prima di andare a bere una birra?"

Sembrava sul punto di addormentarsi.

Cory ha baciato Bill,

“Fai quello che vuoi.

“Va bene allora.

"Tornerò tra un po'!"

Cory, gonfia, con lo sperma di Bill che le gocciolava dalla vagina, si infilò di nuovo il vestito e afferrò un paio di mutandine a vita alta tutte di cotone dalla cesta nell'armadio prima di uscire dalla porta con un rotolo di salviette di carta. Il sesso con Cory era esattamente ciò di cui Bill aveva bisogno per scacciare dalla sua mente tutti gli stress repressi e le frustrazioni della giornata di lavoro e stava ancora fluttuando in trance quando Cory se ne andò per la corsa alla birra.

Embarrassed by her very own sexuality and even though there was no one else in the garage, she ducked behind the rover to wipe up cum that had flowed out of her, pulled on her panties, and fumbled with the SUV remote before finally managing to drag herself into the driver’s seat to make a beer run.

I almost made it!

The sticky feeling between her legs that hadn’t been there before Bill got home was screaming at her and letting her know in no uncertain terms that there was unfinished business. She turned the mirror so that she could see herself and shrugged her shoulders.

Veramente?

She shot the finger at the face in the mirror.

Accidenti!

Vaffanculo!

The face in the mirror staring back at her disgusted her so she turned it so that she couldn’t see herself. She balled up her fist as if she wanted to hit something. Anything would do. She slapped herself on her right cheek, then her left cheek, and wacked herself with glancing blows on both sides of her mouth with each hand.

I could wait for Bill to fuck me again, but it’s Thursday, he’s tired, and I don’t think he’ll be able to fuck me again tonight.

And even if he can and I don’t cum I’ll be even more frustrated.

I’d rather not jack off.

Bill has three cold beers and some cold ham and potatoes.

I should be able to get this done and be back before he notices.

She backed out of the drive, stopped about a half block past the corner, and quickly skimmed George’s earlier message before she sent a reply.

“Meet me at the park!”

She waited 30 seconds.

Nessuna risposta.

Maybe he’s doing some drug deal or who knows what?

He’s supposed to be my go to fuck.

Am I not going to be able to get a good fucking tonight?

I need an orgasm.

Ascoltami!

I need a fucking orgasm!

I need a good fucking!

She waited another 30 seconds and sent a follow up.

“Response?”

Accidenti!

Va bene!

It’s a crappy choice!

Shitty actually!

But maybe I’ll have to just jack off!

She shifted into drive to continue the beer run, but then she heard the beep that she had a call, stopped, and picked up the phone.

"Quando?"

"Ora?"

“I’ll meet you there!”

Cory was his first choice but after no reply to his earlier text, George went to the pool joint on the corner assuming he would either have to fuck one of the bar flies or get blasted. So, he did both. Bonnie was the pool joint pincushion. About the only time you couldn’t stick your dick in Bonnie was if she already had someone inside the hole you wanted to use. And then you only needed to wait until whoever she had inside her finished and then fuck her. Or if you were really in a hurry and she had a free hole you could fuck her, drop your load inside her pussy, mouth, or ass and then be on your way. It wasn’t unheard of for Bonnie to take care of three guys at once. Her record for the number of guys she had serviced at one time was four. The first guy fucked her in the ass, the second guy put it in her mouth, and then two more fucked her pussy. She had once taken on all the football players from the home team and then the visiting team in that team’s dressing room after a home coming game. On her 18th birthday she was in the joint as a nine ball tournament was going on. Whenever a player lost a game, as a consolation prize he got to fuck her on the table before the balls were racked for the next game. By the end of the tournament she had fucked all 12 entrants whether they lost or won. Every year on her birthday she tried to increase the number of guys she fucked and the number of tournament participants continued to grow each year. A lot of the entrants didn’t even know how to play nine ball and they lost on their first game. She had changed her priorities when she turned 22 so that last years champion got to start the tournament for the next year by fucking Bonnie in the poker room before the first game. On her 26th birthday 3 years ago she set her personal best record with 28. The big joke in the hall was that Bonnie had more balls sunk in her than all the other pockets in the hall combined.

After a joint, six beers, and 20 minutes fucking Bonnie doggy style with her bent over cartons of toilet paper and boxes of paper towels in the storage room, George was sufficiently blasted and fucked out to stagger home and crash. At least he had the sense to leave the Nomad at home and walk to the bar. Cory’s text woke him. Still loaded, he stumbled to the bathroom, splashed water on his face, and shook his head to finish waking up. He was already thinking about Cory and how good it was going to be to fuck her in just a little while.

He finished admiring himself in the mirror, cinched up his pants, and gave himself three “Hip, hip, hooray!” cheers while he sauntered out to his motorcycle. For tonight he would ride without a helmet so that he could look more macho.

Bill thinks he’s so smart but I’m the smart one!

He works his ass off and I fuck his woman!

I’d like to have been there when my mom shoved it in his mom’s face that Bill’s dear darling Cory, his sweet little wife, has been getting me to fuck her from before they met in college.

And I’m still fucking her.

The reason she comes to me, Bill, is that you’re a lousy fuck and don’t know the first thing about how to satisfy that horny little bitch.

Let him work his ass off. When Corrine needs a good fucking, she comes to me.

I think it’s great!

When Bill licks that whore’s pussy it’s like he’s licking my dick!

It was a typical early Thursday evening at the park. Cool but clear, empty except for a few people who were there minding their own business, and making it their business to keep the noses of others out of their business. Cory parked in the secluded spot she and George used on Tuesday but since it was a little cool and the temperature dropping she left the motor idling and the heater on a low-medium setting. She touched herself to see if any cum had leaked out on the drive to the park, found nothing, but used one of the moist wipes she kept in the back and the paper towels she grabbed on the way to her SUV anyway.

George often used the park for his drug dealing and lived only a few minutes away. As soon as he finished his awards ceremony acceptance speech, he rode to the park and stayed out of sight until he saw that Corrine had parked so that he could make his grand entrance, revving the engine excessively to broadcast his arrival as he rode up and parked in front of Cory’s SUV. As soon as she saw George’s motorcycle driving up, she gave herself a final look of disgust in the mirror, hung her head, and gritted her teeth.

Just get it done as quick as possible slut!

Still grinding her teeth, she slid into the back of the SUV, hiked up her dress, and started finger fucking herself so that she could cum and be on her way as soon as possible. George opened the rear hatch, clambered in, and flopped down next to her.

Corrine had no time to waste. She grabbed the back of George’s head, pushed him down to her crotch, and shoved her vagina up so that he could stimulate her clitoris with his tongue.

He looked heavy eyed as if he had been sleeping. She wondered if he was awake enough to fuck her and thought she might need to give him some coaxing to wake him up, so he would fuck her, and she could get going.

“Damn, baby!

“You do it so good!”

Even though she was already hot from fucking Bill and her own finger fucking, she knew that George’s tongue licking her clitoris would only get her so far.

A man’s hard cock ramming my cunt fast and hard is what I need and not some drawn out turtle dove cooing, romantic, foreplay crap.

An ORGASM is what I’m here for and the sooner I can get that the better.

She turned him to lay on his back and put her mouth around his dick.

How about that Bill?

She’s sucking MY dick!

Corrine licked George’s dick with her tongue and nibbled the tip with her teeth to get him hard like she wanted him to be. She grabbed his dick and gave it a good squeeze.

Hard enough!

She put her hands on his shoulders, slid up along his hips, pushed the tip of his erection inside, waited a couple of seconds, and pushed down one more time to take him completely inside her.

Corrine, you are a terrific fuck.

And George. You are one lucky son of a bitch.

And Bill. You may be successful in your job and be married to Corrine but I’m the one she comes to when she needs a good fucking!

Like she had with Bill a short time earlier, Corrine set the pace, rotating her hips, grinding George against her clit, and now the orgasm she needed was happening. George felt the series of her vaginal contractions squeezing his cock and came deep inside her.

12 minutes after he joined her in the back of the SUV, they cleaned up with the moist wipes and paper towels, zipped up, and Corrine was ready to resume her beer run. He climbed out and looked around as if he were about to address a crowd of adoring fans. Cory had already moved to the driver’s seat, rolled down the window, and was adjusting the heater.

“Tell Bill I said thanks.”

Cory’s head snapped around to look directly at George.

"Che cosa? Cosa hai detto?"

“Tell Bill thanks for letting me fuck his wife.”

She shook her head in disbelief and growled through her clinched teeth.

“Do you really think that would do anything positive?

“We both got what we came here for didn’t we?”

Wide eyed and stunned, George looked at his bike wishing he had just left instead of saying anything to try to pump up his ego. He hunched his shoulders and looked back at Cory with a nervous grin wondering how he would salvage the situation.

“Don’t be such a prude.

"Sì! We got what we’re here for.

“How come you didn’t answer my text?”

Cory finished straightening her dress and shrugged her shoulders.

It was not the meek, helpless intimidated female reaction George had been hoping for. He puckered his forehead and decided to give Cory another poke to try to get the response he wanted.

"Sai cosa?

“Bill’s mom is always acting so high and mighty around my mom.

“Maybe the next time I get together with my mom I’ll tell her what we do and she can pass that along to Bill’s mom.

“Maybe I’ll tell her that even on your wedding day, I fucked you.

“What do you think about that?”

Cory shook her head harder this time, rolled her eyes up remembering a time when the three of them were in college, and George got into a verbal put down contest with Bill only to be crushed before he knew it. She was confident that any direct assault George could make on Bill would end just as miserably for him. George could only hurt Bill by hurting someone he cared a lot about like his mother.

She set her jaw. Instantly, her mind was made up. Tight lipped, she turned to look at George. It would be no contest for Cory. If she felt Bill’s love for her was at risk, she would end her relationship with George right then and there. But she needed to think about what she had to do to keep George from hurting Bill’s mother and using that to get to Bill.

“I would tell Bill that you aren’t anything but a liar.

“That I never have fucked you since he and I started dating in college.

“That he is a better fuck than you ever were.

“What do you think about that?

“And who do you think he would believe?

“Me who he loves?

“Or you?”

George’s off-hand ego pumping remark was exploding in his face. She was one of the classiest women he knew and he didn’t want to stop fucking her, but his male vanity was wounded and he desperately needed to recover some amount of male pride.

“Do you want to find out?

“I have pictures of your SUV with my motorcycle parked behind it here at the park.

“I’ll give my mom the pictures and she can show them to Bill’s mom.”

George pulled out his cell phone to show Cory the pictures.

Cory laughed so hard that George shoved his phone back into his pocket before he had turned it on.

“Anyone can take pictures dumb ass. They don’t prove anything except you can take a picture with your phone.

“Do you know that before I came here tonight that Bill fucked me?

“And that just before you licked my pussy, his cum was dripping from me?

“And that you swallowed some of his cum?

“Did it taste good?

“What do you think about that?”

“I think that’s a lie.”

“Why else do you think I was already so tight and wet?

“Are you really so dumb to think it was me thinking about fucking you?”

George’s eyes darted around not knowing how to recover from the situation he had put himself in.

This is turning into a mess.

He wanted to think that when Bill licked Cory it was like he was licking his dick and maybe swallowing some of his cum but Cory’s explanation of why she was already so wet and tight left him shocked. The bike wasn’t going to save him so he looked at the picnic table hoping it would save him, gave up and turned back to face Cory still hoping to say something clever, and regain some self-esteem.

“Well, slut!

“Before I came here tonight I fucked Bonnie doggy style.”

Cory clapped her hands and howled.

"Oh!

“Fucking a dog like table top Bonnie?

“Was there another nine ball tournament?

“Was she awake or passed out?

“What number were you?”

George looked like he had just had the hell beaten out of him. Cory looked at him for a long time.

Let him go or he may actually do something you’ll regret.

It took almost a minute for her to compose herself. She turned back to George.

Now is not the time to tell him that he’s nothing to me except a stupid fuck monkey!

Nothing but the life support system for a dick!

“Do you want this to be the last time you got to fuck me?

“So, go back to your sleazy, cheap bar maids that reek of stale tobacco and cheap booze with their rotten teeth, overdone make up, and dirty hair.

“Think about it George.

“Did you just have the last time with this classy lady!”

George looked hopeful that he might yet salvage his pride.

“Well, maybe I don’t really want to fuck you anymore.

“And maybe I think it would be the classy thing to tell Bill’s mom what kind of slut Bill’s darling Cory really is.”

Cory knew George well enough to know that he was nothing more than a bag of hot air. She ground her teeth angry at herself for allowing herself to be put into such a vulnerable position.

It was totally distasteful for her, but she thought the smart and best thing for her would be to give in, wave the white flag, surrender. Almeno per ora.

She leaned forward palms ups to offer a truce to end the spat.

“Why did you start this?

“Don’t you like fucking me?

“You don’t have to pay any bills or take me on any dates. You get to fuck me. You don’t have to do much except stick your dick in me. Is that not enough for you?”

Anxious to confirm that he had managed to get to a position that victory was within his grasp, George lifted his eyebrows and extended his neck forward.

“Well, next time I send you a text message you better answer quicker.”

Cory thought he seemed calmer, like his ego had been stroked sufficiently, and she sensed that any threat had passed.

“I will but I still have to be a bit discreet.

“You do understand that don’t you?”

She thought one final stroke would be sufficient to drive the final nail in.

“Bill? Well he pays the bills but YOU’RE the clever one. Voi. His wife runs to you and YOU get to fuck her all the time.”

She threw out a final chunk of bait to shut George up and seal the deal.

“Maybe we should take a trip together?”

George nervously glanced at Cory.

“And you’ll pay?”

Cory let out a deep sigh realizing she was out of danger.

"SÌ. Let’s plan to make it happen soon.

“Make sure you have a valid passport.”

With his pride recovered he strutted back to his bike.

Inferno!

Maybe I’ll get a nice trip out of this as well as fucking Cory.

And she’ll pay!

She was still shaking when she could no longer see the bike’s tail lights. After putting the SUV in reverse instead of drive, she managed to calm herself down enough to finish the beer run. Most of the time if she were going to fuck George to get her orgasm fix, she would have done so much earlier in the day like she had on Tuesday so that she had time to thoroughly enjoy the warm afterglow feeling that always followed. But tonight, the spat with George left her shaking and no time to coast. All the way back to their house she kept snatching glances at her reflection to practice making a carefree face for Bill to see.

The stickiness between her legs was no longer there only because of Bill and it disgusted her. She had already accepted that her behavior might be the end of Bill loving her, but the thought of George hurting Bill because of her was paramount.

This has gotten too risky.

Cory, you need to end this with George.

Neutralize him.

Do not let him get to Bill because of you!

Storie simili

BANDIERE A SCACCHI FATEMI SCOPARE.

Alla fine del 200esimo giro della gara modificata NASCAR Oswego Fall Classic del 1973, la bandiera a scacchi sventolò sulla mia Vega n. 2 con motore big block. Probabilmente 10.000 delle 15.000 persone sugli spalti tifavano per me. Agli altri o non piacevo o speravano semplicemente che il loro pilota preferito vincesse. Un'altra vittoria in una gara era nei libri con il mio nome sopra. Quella è stata la mia sesta vittoria della stagione su quattro piste diverse nel programma del tour del Nordest. È stata una buona cosa che la gara fosse finita quel giro perché potevo sentire che una...

351 I più visti

Likes 0

Incontrare di nuovo Taylor al Park

Erano passati diversi mesi da quando io e Taylor ci eravamo messi insieme e, col passare del tempo, ho finito per vedere la mia vecchia ragazza. Stavo cercando di lasciarmi l'esperienza alle spalle, ma ogni volta che facevo sesso, sembrava che finissi sempre per pensare a Taylor. Ero ossessionato da lei, al punto che passavo davanti a casa sua, sperando disperatamente di incontrarla. Avevo iniziato a rendermi conto che non l'avrei mai più rivista, ma continuavo a portare il mio cane a fare passeggiate intorno al lago tutti i giorni, a volte anche due volte. Ancora una volta, non mi sarei...

329 I più visti

Likes 0

Wartime Comfort House Diario - Giorno 7 British Sausage

Avevo incaricato la signorina Yamaha di portare la giovane madre coreana Maple a nutrire la mia debole moglie del posto ogni volta che andavo a consumare con Cherry, oltre alle sue normali poppate quotidiane. Sapevo che il nutrimento extra avrebbe aiutato Cherry a diventare più forte. Sono stato anche incuriosito dall'orgasmo di mia moglie dopo che ho sparso i miei semi e mi sono ammorbidito, quindi ho deciso di lasciare la mia virilità nel suo grembo ogni volta che raggiungevo l'orgasmo. Mi eccitavo baciando appassionatamente mia moglie mentre accarezzavo i suoi seni sodi in crescita (quasi coppa B ora) e i...

1.1K I più visti

Likes 0

Catherine- prima parte._(1)

Lentamente, Catherine si sveglia dal letto sentendo l'aria fredda della California inondare la sua stanza. Si alza dal letto solo per sentire le piastrelle fredde sul pavimento. Allontanandosi dal letto, si prepara per la scuola. Entrando in bagno, ricordò la scorsa notte quando si era toccata per la prima volta. È stata un'esperienza strana, aveva sentito parlare e voci sulla masturbazione ma non l'aveva mai fatta da sola, anzi, a se stessa. Guardandosi allo specchio Catherine vide una ragazza con i capelli castani e gli occhi castani, un seno un po' sviluppato che sembra un po' insolito per una diciottenne. Si...

880 I più visti

Likes 0

Inaspettato..Parte 2

Cosa sta succedendo qui? La voce riecheggiò nella stanza, e subito lei capì chi era, suo fratello. Emyd si girò con calma sul letto e parlò con calma. Hey Josh, umm Aria è caduta disse mentre si alzava. Aria ha cercato di nascondersi sotto le coperte. mmhmm Josh si rivolse a Emyd I giochi al piano di sotto, vieni? Chiese. sì disse mentre faceva qualche passo verso la porta, ma poi si rivolse ad Aria Dovresti restare a letto per un po', sai, per ogni evenienza.. Mentre usciva e lasciava Aria, lei poteva ancora sentire le sue labbra sulle sue. Aria...

814 I più visti

Likes 0

Angeli e Demoni:1

C'è una battaglia per il cuore in me, una battaglia per la mia anima, vedi. Perché io sono l'ultimo istinto. Prima ancora che io fossi creato, loro erano la mia gente. Eravamo esseri antichi che si sono fatti strada con gli artigli per uscire dall'abisso che veniva prima di ogni cosa. Eravamo l'incarnazione del puro istinto primordiale e presto l'istinto di approvazione ha preso il sopravvento e abbiamo iniziato a creare cose. Il più grande tra noi ha creato quindici rocce di straordinaria bellezza e per un certo periodo la mia gente ha vissuto su di esse. Dopo un millennio, però...

693 I più visti

Likes 0

Il sexy shop – storia 16

In primo luogo, mi chiamo Lucy e ho 24 anni, 5 piedi e 5 con capelli biondi lunghi e folti, seno 32b e pesavo a quel tempo circa 110. La maggior parte delle persone direbbe che ero ben messa, il mio ex ha sempre detto che ero ben scopabile. Non ho trovato difficile trovare ragazzi. Sono appena venuti da me e ho avuto difficoltà a dire di no. Giovani, vecchi, belli, brutti, magri o grassi. Se avevano un cazzo ne avevo bisogno dentro di me. Lavoravo al bordello da poco più di quattro mesi e continuavo a scoparmi il padre di...

613 I più visti

Likes 0

Stazione Anton.

Mi dispiace per le persone che si prendono una pausa da Link perché sono TOTALMENTE perplesso e ho pensato a una nuova idea per una storia, Kai, con i suoi lunghi capelli castani e ricci con l'aiuto della brezza, le sferzava la nuca. Le sue lunghe ciglia, che quasi nascondevano i suoi occhi celesti, le tenevano lontano lo sporco dagli occhi. Mentre il cavallo si impennava davanti a lei, Kai alzò le braccia davanti a lei e si inchinò dolcemente al cavallo. I suoi movimenti rapidi erano taglienti e Kai non sapeva se poteva domare il cavallo o no. Dopo circa...

601 I più visti

Likes 0

Mom Eyes The Kids Capitolo nove e dieci

Diana non era sicura se si vedesse, ma si sentiva come se stesse ansimando come un cane mentre si muoveva verso la figlia nuda mentre la ragazza si adagiava in modo così provocatorio sul letto. E dagli sguardi che l'adolescente le lanciava con i suoi occhi sensuali e abbassati, Diana era abbastanza sicura che la ragazza ne fosse entusiasta quanto lei. Diana si sedette sul lato del letto. Il suo piano originale era stato quello di sedurre la ragazza nello stesso modo in cui aveva fatto con Jimmy, iniziando chiedendole quanto spesso Holly si fosse fregata con una preoccupazione genitoriale fraudolenta...

552 I più visti

Likes 0

La mia confessione_(1)

Questa è la mia partecipazione alla sfida Calling All Writers - Chapter 6 sul forum Sex Stories su www.xnxx.com. (Questo è per quegli stronzi che rubano storie e le pubblicano altrove.) Il tema di questa sfida era scrivere una storia sull'amore non corrisposto, facendo riferimento alla canzone All I Have to do is Dream, resa popolare dagli Everly Brothers come singolo di successo pubblicato nell'aprile 1958. C'è un problema: gli scrittori che hanno accettato la sfida dovevano scrivere dal punto di vista del sesso opposto. Sono un uomo, quindi ho dovuto scrivere come una donna. ATTENZIONE: questa non è una bella...

499 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.