Essere di proprietà - Parte 13

731Report
Essere di proprietà - Parte 13

Con un sospiro, mi appoggiai allo schienale. Le mie gambe tremavano, il sudore mi si stava raffreddando sulla pelle. Sentivo il suo corpo sotto e dietro di me. Lentamente mi resi conto che questa era stata la prima volta che mi aveva scopato senza cambiare forma. E ancora non sapevo il suo nome.

Mi strinse tra le braccia e mi tirò più vicino. "Cosa ti piacerebbe fare?" "Ehm?" la domanda mi colse di sorpresa.

"Suggerirei una doccia, ma dopo, cosa vorresti fare oggi?"

Guardando le mie gambe sporche, ho sorriso. "Non lo so, non c'è molto che io possa fare." Ho riso. "Tranne guardare un film, leggere o farsi scopare."

"Vero", rise anche lui. “E cosa preferisci?”

"Forse un film", ho scrollato le spalle. Attraverso questo movimento il suo cazzo è scivolato dalla mia fica. Sembrava giusto, una doccia, rannicchiarsi sul divano e guardare un film. Solo un altro giorno pigro.

Ma non mi sono alzato. Per il momento mi sentivo a mio agio, seduto sulle ginocchia del mio padrone, sentendolo vicino a me. Ho persino sentito il suo battito cardiaco lento e costante, il suo respiro.

La porta della cucina si aprì e io trasalii, saltai giù dal suo grembo. Era il giovane, che mi aveva avvicinato con l'affare. Anche se ero qui solo da circa cinque mesi, mi sembrava una vita fa.

"Scusa, tornerò quando avrai finito." Il giovane si voltò per indietreggiare, ma il mio padrone alzò una mano. “Credo che lo siamo. Potresti mostrarle il bagno speciale, ci sarò anch'io, non avrò bisogno di te dopo questa, o forse, questa sera. Ti farò sapere."

Il giovane annuì e mi tenne aperta la porta.

Lo seguii, evitando ancora il suo sguardo. Mi aveva già visto nudo, anche pisciare sul prato, e ne ero sicuro, sapeva cosa stava succedendo, ma non potevo sopportare di guardarlo in faccia. Silenziosamente mi accompagnò in un'altra parte della grande casa. Ho notato che le porte non avevano maniglie e il pavimento era per lo più spoglio.

“Questa parte della casa è usata anche dai cani”, ha spiegato. “I lupi mannari possono usare le maniglie, i cani solo se sono addestrati, quindi ha optato per le porte a battente. Anche se preferiscono uscire, a volte li troverai qui”.

"Sei qui da molto?" sbottai. Ora che ero di nuovo in grado di pensare con chiarezza, la mia curiosità era tornata.

"Oh, solo quattro o cinque anni, dai o dai." Lui scrollò le spalle. "Il lavoro non è poi così male, la paga è ottima e compensa i disagi occasionali." Ho annuito. “Hai...”, ho esitato ma lui ha risposto, comunque. "Ho visto altre donne qui, anzi le ho portate qui." Fermandosi bruscamente e voltandosi mi guardò. “Ascolta, non vergognarti, non aver paura o altro. Non mi interessa che tu sia nudo e appena scopato. Fa parte del mio lavoro non preoccuparmi di queste cose. Gestisco la tenuta, faccio le pulizie, prendo delle donne e basta. Considererei godermelo come un bonus, se fossi in te. E per ora sei fuori strada, nutriti e prenditi cura di te.

Sentendomi arrossire alle sue parole, abbassai lo sguardo sui suoi piedi. In un certo senso aveva ragione. Avevo ottenuto la mia parte dell'accordo, mantenuto la mia parte. E poteva andare peggio. Mi stavo davvero divertendo, almeno a volte.

"Dai." Aprì una porta e mi condusse in un bagno enorme. "Temo che qui abbiamo solo shampoo per cani, ma puoi usarlo anche tu." Lui sorrise. "Dà ai tuoi capelli una bella lucentezza."

Ora ho riso. "Ci proverò."

La stanza era davvero grande, più grande degli altri bagni che avevo visto. Un angolo conteneva un tubo e uno scarico, accanto c'era una doccia e nell'altro angolo sembrava esserci un idromassaggio.

«Questa stanza è attrezzata per la toelettatura dei cani. Inizi in quell'angolo solo per i pezzi peggiori. Ho annuito di nuovo. "Hai una spazzola da qualche parte?"

Attraversò la stanza e aprì un grande armadio a muro. Spazzole sul ripiano superiore, flaconi e tubetti su quello inferiore, asciugamani sugli altri. "Grazie." Ho ***********ato una spazzola che sembrava essere in grado di affrontare il disordine in cui si trovavano i miei capelli e ho iniziato a districarli.

Il giovane sorrise, annuì e mi lasciò.

Ci è voluto molto tempo per districare i miei capelli. Più di una volta ho imprecato sottovoce quando stavo lottando con una ciocca davvero brutta.

Alla fine ci ero riuscito e avevo rimesso a posto il pennello. Tutte le bottiglie contenevano shampoo per cani. Ho annusato la maggior parte di loro, mi sono sistemato su uno di loro e ho sorriso. Poi ho guardato ancora una volta oltre gli scaffali. Nessun rasoio, almeno nessuno adatto al mio scopo. Il tagliabordi per cani non andrebbe bene. Scrollando le spalle andai al tubo, aprii l'acqua.

Non sarebbe diventato più caldo che tiepido, ma si è ammorbidito e alla fine ha ripulito il fango secco dal mio corpo. Ho diretto l'acqua su tutto il corpo e mi sono fermato solo quando l'acqua scorreva limpida nello scarico.

Pronta per una vera doccia ho preso lo shampoo. Nemmeno il sapone. Non usava sapone o altro? Ripensandoci, non riuscivo a ricordare che odorasse di qualcosa che riconoscevo. Vabbè, almeno potevo lavarmi i capelli.

La porta si aprì di nuovo. Il mio proprietario è entrato. “Keith era sorpreso. Sei il primo, non imprecando contro di lui.

Risi piano, ingoiai acqua e tossii. Voltandomi cercai di riprendermi. “Avrei potuto fare più domande, per quanto riguarda l'accordo. Non ha fatto niente di male.

Accese il tubo, iniziò a pulirsi. "Perché sei così... così... razionale?"

All'inizio non ho risposto, mi sono lavato i capelli e li ho puliti accuratamente. Dopo averlo sciacquato ho avuto la mia risposta. "Cos'altro posso fare? Ho fatto un patto, devo conviverci. Non ha senso incolpare qualcun altro. E comunque non posso fare niente. Come hai detto, se rifiuto, mi prenderesti con la forza.

Non riuscivo a usare la parola 'stupro' anche se sarebbe il termine corretto. “E Keith ha detto, fondamentalmente dovrei prenderla come una vacanza. Niente dormire male, niente fame e scopare come bonus.

Il distinto odore di cane bagnato mi raggiunse il naso e sorrisi. Forse era questo il motivo per cui non usava il sapone. Allontanandomi dalla doccia, mi sono spremuto un po' d'acqua in eccesso dai capelli.

“Che shampoo usi?” chiesi mentre andavo all'armadio. Me l'ha detto e gliel'ho portato, mentre si avvicinava alla doccia.

"Grazie." Ho sorriso. "Umano ben addestrato, conosce molti comandi, disponibile per una buona casa."

Ora ha riso, mi ha tenuto la mano mentre gli porgevo la bottiglia. "Quanto bene addestrato?" “Prova a scoprirlo”, lo stuzzicai.

Le ultime 24 ore mi avevano cambiato. In questo momento, mi sentivo al sicuro, persino innamorato. Dopo essere stato spaventato, braccato dagli incubi e incapace di dormire. Razionale? Affatto.

Con un sorriso da lupo, indicò il pavimento. "Sedersi." Mi ci è voluto solo un momento per decidere. Con un movimento fluido mi inginocchiai, le gambe leggermente divaricate, e lo guardai. "Brava ragazza", mi sorrise e iniziò a fare la doccia. "Rimanere."

Rilassato rimasi sul pavimento, lo guardai fare la doccia. Ha usato lo shampoo su tutto il corpo, con calma e io ho seguito i suoi movimenti con lo sguardo. Proprio come un buon cane. Sorrisi di nuovo.

Il mio padrone ha chiuso la doccia, si è scosso come un cane. Abbassando la testa per evitare le goccioline il mio sorriso si allargò. Adesso si comportava proprio come un cane.

Ho sentito i suoi passi morbidi, ho girato la testa e avrei voluto alzarmi per seguirlo, ma lui ha alzato la mano. "Rimanere." Quindi sono rimasto a guardarlo mentre si asciugava con un grande asciugamano. Ne prese uno nuovo e tornò da me. Tesi la mano, ma lui scosse la testa.

Sempre così delicatamente ha iniziato ad asciugare la mia pelle bagnata. L'asciugamano era soffice, la sua presa gentile ma ferma. Chiusi gli occhi e mi godetti il ​​trattamento. Quando ebbe finito mi accarezzò il fianco. "Dai."

Solo per il gusto di farlo, sono rimasto carponi mentre lo seguivo fuori dal bagno.

Mi sorrise di nuovo, ma mi parve di vedere uno scintillio nei suoi occhi. Due porte più avanti rispetto al bagno mi condusse in una stanza, che giaceva nella semioscurità. Riuscivo a distinguere le forme di un grande divano e di alcune poltrone, sentivo sotto le dita il tappeto morbido e spesso.

Si sedette sul divano e prese un telecomando, accese il grande televisore a schermo piatto sulla parete opposta.

Rimasi a terra, mi appoggiai alla sua gamba e appoggiai il mento sulla sua coscia.

"Sì, vedo che sei molto ben addestrato." Mi accarezzò la testa, mentre scorreva le opzioni sullo schermo. Dopo che aveva ***********ato un film, accarezzò accanto a lui sul divano. "A casa mia, i cani e gli esseri umani sono ammessi sul divano." Sorrise.

Mi sono alzato, ho allungato tutto il mio corpo prima di sedermi. Dopo un attimo di esitazione ho tirato su le gambe e mi sono rannicchiata accanto a lui, la mia testa appoggiata sul suo grembo.

Abbiamo guardato il film in silenzio, e quello successivo. La sua mano era appoggiata sulla mia spalla. Un sentimento sorse in me, che non potevo nominare. Non prestando molta attenzione al film, ho cercato di esplorarlo. Non mi sentivo così da molto tempo. Quand'era stata l'ultima volta? A casa, nel mio appartamento. Il mio amico, Shaun, era stato lì, avevamo parlato, ordinato una pizza e preso a calci un'altra squadra di giocatori sulla mia PS4. Contento. Non così alto a breve termine, ma la profonda sensazione di felicità.

Ho riso ad alta voce. Non potevo farne a meno. Eccomi qui, di proprietà di un lupo mannaro, sapendo che mi avrebbe usato per l'allevamento, ma ero felice.

"Eh?" Lanciandomi uno sguardo interrogativo tolse la mano. Scuoto la mia testa. "Niente." Mi accontentavo di restare sdraiato qui, assaporando questa sensazione e sperando di conservarla per i giorni di pioggia. Mi toccò di nuovo, le sue dita mi sfiorarono il collo.

La sua mano andò avanti, le dita mi sfiorarono la clavicola, più in basso fino alla tetta sinistra. Si fermarono al mio capezzolo, lo fece rotolare tra pollice e indice. Gemetti piano, chiusi gli occhi.

"Voglio scoparti." Non c'era emozione nella sua voce, era solo un'affermazione. "Dovremmo pensare a un comando per questo."

Mi alzai dal suo grembo, attenta a non perdere il contatto con le sue dita. "Solo una parola invece di cinque?" Sorridendogli mi sono alzato. "Come mi vuoi? Sulle mie ginocchia? Sul divano, ti stai preparando?

Anche lui mi ha sorriso e si è alzato. "Ne hai davvero bisogno?" Con un rapido movimento mi raggiunse, facendomi voltare. Le sue mani si mossero sul mio corpo, mi allargarono le gambe e senza ulteriori indugi mi mostrò le dita nella fica. Rimasi senza fiato, più per la sorpresa. Non faceva affatto male, si infilavano facilmente, si sentivano bene. “Sei in calore”, mi sussurrò all'orecchio. "Sei bagnato." Anche se non l'avevo notato, aveva ragione.

«Per favore», mormorai, «puoi cambiarti?» Ridacchiando ritirò le dita e mi lasciò andare. "Sicuro."

Mi sono girato. I suoi lineamenti stavano già cambiando, la pelliccia cresceva. Era affascinante vedere un uomo trasformarsi in un uomo-lupo. Soprattutto sapendo che ti avrebbe fottuto. Il mio sguardo scese sul suo cazzo. Ma non riuscivo a vederlo. Era ancora nel suo fodero, nascosto nella folta pelliccia nera. Un'ondata di delusione mi colpì. Per essere onesti, non riuscivo a ricordare se il suo cazzo umano fosse stato duro, sicuramente non l'avevo sentito, mentre ero sdraiato sulle sue ginocchia.

Trasformazione completata, si mise a quattro zampe. Non c'era modo di scambiarlo per un lupo o un cane. Le proporzioni erano sbagliate,

Annusando sonoramente, venne da me, seppellì il muso nel mio inguine. Dopo tutta l'esperienza con lui ei suoi cani, il primo tocco del naso freddo e umido era qualcosa a cui non mi ero abituato. Involontariamente, ho fatto un passo indietro. Mi ha seguito, mi ha spinto più indietro, mi ha indirizzato verso il divano. Quindi, mi sono seduto, ho allargato le gambe più che potevo. La sua lunga lingua sferzò le labbra della mia figa, si fece strada tra di loro. gemetti. La differenza tra lui ei suoi cani era che sapeva cosa mi stava facendo. Conosceva tutti i miei punti sensibili, mi faceva sentire in questo momento, come non mi ero mai sentito prima. Sentendomi stordito, ho appoggiato la testa all'indietro, ho avvicinato il sedere al bordo. La leccata si fermò.

Proprio mentre aprivo la bocca per protestare, sentii le sue zampe sulla mia spalla. Il suo cazzo, ora duro e pronto, sondava l'ingresso della mia fica. Gemetti mentre scivolava dentro di me. Lentamente si è spinto più a fondo, ha seppellito il suo cazzo dentro di me, si è fermato e si è ritirato. E ancora, e ancora, dolorosamente lento e profondo, riempiendo la mia fica bagnata, stirandomi, proprio sul punto di farmi male. Feci scorrere le mani sulla sua pelliccia, gemendo piano. Ho sentito i muscoli della sua schiena, la radice della sua coda, il suo sedere sodo. Sollevando i piedi da terra, avvolsi le mie gambe intorno a lui. La sua coda mi ha dato un bel punto di appoggio per loro, e l'ho tirato vicino.

Ringhiò. Ormai sapevo che quel suono significava, che gli piaceva. Ho gemuto, mi è piaciuto anche a me. Stava ansimando nel mio orecchio ora, saltandomi più velocemente. Non molto tempo fa, lo sentivo. Era vicino, mi sentivo stordito e fantastico, ma lontano dall'orgasmo. La sua pelliccia mi sfiorò la pelle mentre mi tirava più vicino, cercando di fottermi ancora più a fondo. Forzando il suo cazzo fino in fondo con ogni spinta, ferendomi leggermente, ringhiò di nuovo. Ho sentito il nodo iniziare a gonfiarsi, l'ho tirato più vicino. Ansimante è venuto, ha seppellito il muso tra i miei lunghi capelli mentre ha sparato il suo carico caldo dentro di me. Gemetti, mentre il nodo sigillava la nostra connessione. Era stato bello, ma...

Senza sforzo mi avvolse le braccia intorno e si alzò. Attento ci adagiò a terra, si sdraiò sul pavimento e mi tenne tra le sue braccia.

Storie simili

Storia sexy di partner intimi-01

Questa è una storia del primo sesso con Roji, il suo primo partner intimo. Questa è la storia del mio amico Deepak Kumar. Deepak Kumar è un personaggio importante nella mia storia. Presenta una bella storia della sua vita sessuale in questa storia. La Storia come descritta dal mio carissimo amico Deepak Amici Sono Deepak, sono stato bravo negli studi fino all'età di diciotto anni. Ero uno studente brillante. Fino a quel momento non avevo amici speciali e mi occupavo solo di studio senza altre attività. Sono l'unico figlio dei miei genitori. I miei custodi erano anche servitori maschi. Sebbene mio...

2.2K I più visti

Likes 0

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio schieramento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare come tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando tornerò. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in giardino su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Bene, mi sono imbattuto in una ragazza di nome Lily...

2.1K I più visti

Likes 0

La mia prima volta con April

Ho conosciuto April quando avevo 16 anni. Eravamo insieme nella banda musicale del nostro liceo, aveva la mia stessa età, ma aveva già delle tette enormi. Giuro che dovevano essere almeno DD. Mi bastava solo pensare a loro per potermi masturbare, cosa che a quell'età facevo molto. Eravamo buoni amici, ma non sono mai riuscito a trovare il coraggio di chiederle di uscire. Se avessi le palle lo avrei fatto, non solo perché aveva il miglior portapacchi che abbia mai visto, e non perché il suo culo fosse altrettanto buono, ma davvero perché era l'unica ragazza che abbia mai incontrato che...

2.1K I più visti

Likes 0

SEI UNA DONNA MOLTO EMOZIONANTE LIZ

Indossava una mia camicia nera, tacchi alti e il suo profumo preferito. La maglietta era appoggiata sulle sue spalle e completamente aperta mostrando il suo corpo lussureggiante e i capezzoli eretti. Aveva le sue magnifiche gambe spalancate mentre si dava piacere con un vibratore su mia richiesta. Lo sguardo sul suo viso mostrava che si stava ovviamente divertendo mentre guardavo. Il giorno prima mi aveva telefonato chiedendomi se avevo dei lavori che poteva fare per aiutarmi a pagare alcune bollette. In passato aveva fatto richieste simili e io l'avevo pagata per stirare e pulire. Questa volta le ho detto che sarei...

2K I più visti

Likes 0

Il Club dei Pensionati (12)

Andie si alzò e ci abbracciammo l'un l'altro. «Andiamo a letto», sussurrai. La sua risposta fu un gemito sommesso ed entrambi ci voltammo per andarcene, con lei che afferrava la sua borsa. Quando siamo arrivati, le ho chiesto: Mi piacerebbe farti piacere, mia cara. L'ho spinta delicatamente di nuovo sul letto, poi ho iniziato a far scorrere le mani su e giù per le sue gambe. Prendendo la fibbia e la cerniera dei pantaloni, ho aperto loro e ha raggiunto per la vita dei suoi pantaloni. Non sapevo cosa aspettarmi, dal momento che ha detto che non aveva avuto nessun cambiamento...

2K I più visti

Likes 0

Guerra a Geminar parte 3

Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per far uscire questa parte della storia. Il mio laptop si è bloccato e ho dovuto farlo riparare. Spero che questo sia valsa la pena aspettare. Ho cercato di farlo uscire il prima possibile, quindi potrei aver perso alcuni errori, quindi mi scuso in anticipo. Mi sono svegliato con la testa che mi girava e mi risuonava nelle orecchie. Ho avuto la sensazione che qualcuno mi stesse osservando e poi è tornato di corsa verso di me come un'onda anomala. Sono stato attaccato dalla ragazza dai capelli rossi con il vestito di...

2K I più visti

Likes 0

La prima gangbang di mia moglie!

Per cominciare ti dirò che siamo una coppia sposata da 20 anni e viviamo questo stile di vita da 19 anni. Mi piace guardare mia moglie Roxanne stare con e scopare altri uomini mentre guardo o da sola e lei può raccontarmelo quando torna a casa. Questa notte Roxanne stava uscendo da sola con l'idea di trovare uno strano cazzo, e l'ha fatto! Si è vestita tutta con décolleté nere da 5 pollici con tacco alto, calze cubane alte nere e abbronzate e con la linea che corre lungo la schiena, un reggicalze di pizzo nero, mutandine perizoma in pizzo nero...

2.2K I più visti

Likes 0

Mandy adora cucinare

Mandy e io siamo sposati da circa ventiquattro anni. È una splendida bruna di 45 anni e mezzo che è 5'6 130 libbre e ha una figura perfetta 34C - 24 - 35. Dopo la nascita del nostro unico figlio, Mandy ha messo su circa 25 libbre, ma in tutto e per tutto posti, il suo culo fantastico e una linea di busto aumentata Considerando i nostri ventiquattro anni di matrimonio, la nostra attività sessuale si è stabilizzata in una volta alla settimana o giù di lì e il più delle volte consiste nella richiesta di Mandy, faccio sesso orale prima...

1.9K I più visti

Likes 0

Ranchland - (Il vero) Capitolo 3

Mi scuso per aver postato male il primo capitolo 3. Dovrò smettere di farlo nelle prime ore del mattino. Per rimediare a quella cazzata, sto lavorando a un quarto capitolo, che posterò appena possibile. ___________________________________________________________________________________ Ranchland - (Il vero) Capitolo 3 Era tardo pomeriggio quando Ben e Amy tornarono alla casa di Ranchland. Amy aveva applicato più della crema anti-prurito che aveva dato un po' di sollievo a Ben, e combinata con molti bagni freddi per ridurre il calore nella sua pelle ustionata, la sua scottatura solare si era trasformata nella pelle secca e desquamata della guarigione. Amy ridacchiò mentre guardava...

2K I più visti

Likes 0

Piccola cosa rotta

Piccola cosa rotta DarksX per sexstories.com Potrei chiedere alla mamma di lasciarmi venire a vivere con te dopo che si sono sposati, sai, ha detto Ava sedendosi di traverso sul divano enorme che avevo davanti alla TV. La giovane ragazza si è svegliata tardi, ha mangiato una ciotola di cereali per colazione, poi è venuta in soggiorno a farmi compagnia mentre controllava i compiti del fine settimana sul tablet. Mi sono seduto sulla comoda poltrona reclinabile sul lato destro della grande sala TV, perpendicolare a dove sedeva lei, e ho guardato una gara di Formula 1. La mia settimana era stata...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.