La storia di Robert Capitolo 12

1.8KReport
La storia di Robert Capitolo 12

Dopo il ballo


(((Suoneria)))

(((Suoneria)))

Un forte squillo invadente mi investì, presi il telefono, aggrovigliato in bambine nude.

"Ciao"?

"Buongiorno Robert" Marcus disse allegramente, "Sveglia le ragazze di Erik e mandale dal loro nonno che hanno una giornata di preparazione da fare, e unisciti a me sul balcone per un caffè. Abbiamo un po' di logistica da coprire”.

Ho gentilmente dato di gomito e baciato gli angioletti svegliandoli tirandoli su dal letto. Hanno raccolto i loro abiti come ho trovato una veste. Alicia, Tawny, Sam e Shelly si sono rotolati nel mio punto caldo ormai assente e hanno continuato a sonnecchiare.

I quad che si strofinavano le loro graziose faccine erano in fila davanti alla porta senza nemmeno preoccuparsi di vestirsi, "Che delizioso", ho pensato mentre aprivo la porta e loro inciampavano lungo il corridoio davanti a me.

Siamo entrati nella camera familiare, le porte spalancate sul balcone, Marcus ed Erik erano seduti a chiacchierare. Le ragazze nude corsero dal nonno soffocandolo di baci e abbracci.

“Ti è piaciuta la serata”, ha chiesto, “Buongiorno Robert”, ha aggiunto.

Le ragazze tutte sbuffando gli rispondono: "Abbiamo ballato e suonato" Anna è intervenuta in modo esagerato.

"Anja ha fatto sesso con Robert e una ragazzina nera mentre guardavamo", ha sbottato Anka.

"Il resto di voi non ha fatto sesso", ha chiesto Erik.

Tutti gli raccontarono storie mentre Anna strofinava il membro in crescita del vecchio nei suoi pantaloni. Erik fece scendere Anna dalle sue ginocchia e si alzò dal tavolo guardandomi.

"Grazie per aver portato le mie ragazze ieri sera, sembra che si siano divertite molto".

«È stato il mio onore, signore. “Sono tutte molto dolci e ben educate, sono davvero delle principesse”, dissi stringendo la mano a Erik

Li radunò dal balcone e uscì.

Marcus era seduto lì sorridendo, "Beh, una bella serata eh"?

“Non posso nemmeno iniziare a svelare l'intera notte Marcus. Non avevo idea che esistessero gruppi come questo e sono molto felice di aver scelto di venire con te".

"Certo che non sapevi che esistesse", ha spiegato Marcus, "spendiamo molto tempo, denaro e sforzi per assicurarci che nessuno lo sappia, tranne che per le famiglie esclusive e le persone che la pensano allo stesso modo".

Marcus mi ha offerto il caffè e io mi sono seduto ad ascoltarlo mentre mi raccontava la storia dell'organizzazione degli amanti delle ragazze. Credono che la vera perversione sia la negazione di godersi il sesso con qualsiasi partner disponibile, condividere l'amore e la passione non fa altro che derubare il mondo della bellezza. Ha continuato spiegando come avesse trovato la sua vera natura sessuale qui tra queste persone. Non era più fuori posto nel mondo.

Ho accennato delicatamente a entrare nella stanza la scorsa notte, quindi sapeva che capivo cosa mi stava dicendo. Abbiamo parlato a lungo dei suoi desideri per uomini e ragazzi, della sua defunta moglie e di scappare con le sue ragazze per vivere una vita felice lontano dal sindacato criminale in cui è cresciuto. Mi ha detto che non c'era tolleranza aperta per uomini come lui nel sindacato, tranne che dietro le porte chiuse di seduzioni segrete.

Dopo aver gustato una colazione leggera, Marcus è andato a spiegare un incontro che ha avuto con un banchiere di nome Mr. Sanchez questo pomeriggio, voleva che fossi presente. Marcus ha continuato a raccontarmi tutto dei suoi affari. Il suo bisogno di prendersi cura dei suoi figli e quanto si sentiva meglio ora sapendo che se fosse successo qualcosa, aveva me a prendermi cura di loro, come avrebbe fatto per Shelly e Sam.

Marcus ha messo le sue mani sulle mie, "questo è molto importante Robert" ha detto, "L'incontro si terrà in un bunker di massima sicurezza sotto l'hotel. A partire dalle 4:00 con il proprietario dell'hotel, poi un signor Sanchez, avremo un po' di sicurezza presente così come il signor Sanchez. Prenderò possesso dell'80% della mia ricchezza, ha curato lui e la sua banca consortile. Poco dopo la sua partenza avremo un altro incontro, con un banchiere di Dubai. Prenderà possesso dei miei soldi per tenerli nascosti in modo sicuro a qualsiasi agenzia governativa interessata a prenderli”.

"Ok, questo potrebbe essere considerato maleducato", ho detto a Marcus, "ma di quanti soldi stiamo parlando qui"?

"Non molto secondo alcuni standard", ha detto Marcus, "trecentosessantasette milioni di dollari".

Mi sono soffocato con il mio caffè, "dillo di nuovo"?

“Hai detto il sessanta per cento della tua ricchezza, e oggi ne prenderemo possesso per breve tempo, trecentosessantasette milioni di dollari”!

"E qualche spicciolo", ha aggiunto Marcus sorridendo.

"Tutto questo è stato divertente, Marcus e io abbiamo preso sul serio i nostri giuramenti, ma perché io"?

Marcus ha spiegato che alcune persone mi hanno fatto ricerche mentre ero al motel nel New Mexico. Mi ha informato del mio vero nome, del mio passato, dei miei precedenti militari, del mio congedo con disonore per non aver tradito gli amici in un incidente sotto il mio comando. Aveva persino un profilo della mia personalità. Continuando ha anche spiegato che sapeva che Shelly e Sam non erano il mio stesso sangue, ma ha visto che ero veramente innamorato di loro e loro di me. Le mie caratteristiche di dovere e lealtà personale verso gli amici mi hanno reso un perfetto compagno di lavoro, che non avrei mai tradito né lui né i suoi figli. Mi aveva agganciato.

“Inoltre, mi fai fare bella figura”, rise lui finendo la sua spiegazione.

Potevo sentire dei piccoli passi che percorrevano il corridoio, quattro ragazze nude dagli occhi assonnati che vagavano nella brillante luce del mattino. Alicia e Shelly si sono arrampicate sulle mie ginocchia mentre Tawny e Sam sono salite sulle ginocchia di Marcus abbracciandosi al nostro petto. Gli sguardi sui nostri volti notati l'uno dall'altro, mentre queste ragazze si mescolavano tra loro, si mescolavano ai giri in cui sceglievano di sedersi.

“Questo è tutto”, ha sorriso Marcus, “tutto ciò che rende il mondo una gioia”.

“Buongiorno angeli”! Ho detto. Tutti si agitavano e borbottavano.

La voce di Zachary proveniva dal soggiorno, "Cosa sta succedendo"?

Una donna più anziana sulla quarantina stava camminando verso la porta coperta solo da una vestaglia, i suoi vestiti e la borsa a mano stretta al petto si piegavano timidamente mentre usciva.

"Solo colazione", ha risposto Marcus, "Ordina del cibo per te e le ragazze cercherai"?

"Doccia", ho annunciato, mentre le ragazze si spostavano verso i loro posti mentre mi alzavo.
I loro bei corpi che si scaldavano al sole era incredibile. Il mio cazzo dolorante di colore rosa faceva capolino dalla mia vestaglia rimbalzando mentre mi dirigevo verso la mia doccia.

Storie simili

Onore del dovere

Ho sentito la brezza fredda sfiorarmi il viso e le ginocchia bruciarmi i polpacci mentre prendevo velocità correndo lungo il marciapiede. Solo a circa un miglio e mezzo da casa mia stavo appena iniziando la mia corsa notturna, felice che l'estate fosse tornata. Odiavo gli inverni perché passavo più tempo in palestra o mi allenavo durante le ore più calde della giornata. L'unica cosa brutta era che mi sentivo un po' dispiaciuta per averlo pensato, niente di brutto e divertente sarebbe mai successo mentre correndo a tarda notte. Ho vissuto nello Utah per l'amor di Dio! Ero in congedo medico anticipato...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh!

Erano passati circa due mesi da quando avevo trasferito le scuole e mi sono trasferito nel mio nuovo quartiere. Non ero il ragazzo più bello, ma immagino sia vero che la personalità conta di più perché avevo un sacco di amiche e amiche. È stata un'altra noiosa domenica pomeriggio quando ho sentito bussare alla porta. Dato che stavo dormendo, mi sono alzato a fatica e sono andato ad aprire la porta. Alla porta c'era una delle mie amiche Tabatha o Tabby in breve. Abbiamo chiacchierato per un po' vicino alla porta e poi l'ho invitata a entrare. Siamo andati nella mia...

1.1K I più visti

Likes 0

Educare Anna (Parte 1)_(0)

Anna aveva 15 anni, anche se la sua famiglia diceva sempre che ne dimostrava 19, con lunghi capelli biondi, occhi nocciola e una figura snella alta un metro e settanta e un seno di 38 D che aveva preso da sua madre. Sebbene Anna fosse una delle prime sviluppatrici, era sempre stata timida e consapevole del proprio corpo, essendo la più alta della sua classe veniva sempre scelta per le battute e le prese in giro dai suoi compagni di classe. Solo quando era a casa poteva davvero rilassarsi ed essere se stessa, la maggior parte delle volte guardava la TV...

286 I più visti

Likes 0

La mia mamma arrapata prt1

Capitolo primo: Walter! Patty si scostò i lunghi capelli biondi ondulati dagli occhi e guardò con rabbia verso la porta della camera da letto di suo figlio. Walter, so cosa stai facendo lì dentro! Lo so assolutamente stufo di ascoltarti mentre ti masturbi nella tua stanza ogni giorno! Walter, stai ascoltando? Suo figlio adolescente non rispose. Il battito ritmico continuava più forte che mai, il rumore della testiera che sbatteva contro il muro mentre Walter si picchiava avidamente l'uccello, agitando il pugno su e giù cazzo rigido e dolorante. Walter! Patty imprecò e bussò con rabbia alla porta. Aveva trentaquattro anni...

178 I più visti

Likes 0

Frankenmamma; o, Mia madre Frank

Frankenmamma; o, Mia madre Frank INTRODUZIONE: La mamma trascorre il fine settimana nel dormitorio di suo figlio e le cose vanno diversamente... Naturalmente, essendo una matricola, l'unico corso d'arte disponibile era l'equivalente di Disegno 101. Non c'erano test. Il giorno in cui mi è stato detto di rappresentare un cavallo da disegno in una prospettiva a due punti ho chiamato la mamma in lacrime, implorandola di districarmi da questa pessima decisione. La mamma, essendo pragmaticamente mamma, ha rifiutato, confortandomi con il consiglio di concederle più tempo. Poco dopo, le mie fortune universitarie cambiarono. Ho preso un volantino, un invito per una...

161 I più visti

Likes 0

Il riparatore Capitolo 3 e 4

Capitolo 3 Tesoro, sono a casa Jimmy si svegliò per primo e si ritrovò a cucchiaio con Jane e il suo legno mattutino stretto contro il suo morbido culo, si sporse un po' in avanti e iniziò a baciarle dolcemente il collo e poi l'orecchio. Mmm, gemette dolcemente mentre girava la testa a metà per guardare per vedere chi la stava baciando. Jimmy la baciò dolcemente sulle labbra e poi iniziò a manipolarle il capezzolo sinistro. Niente ha fatto andare Jane più veloce di qualcuno che si occupava dei suoi capezzoli. Ha lasciato cadere la mano sul culo e ha trovato...

2K I più visti

Likes 0

La sorella mi lascia II

Inutile dire che ero molto preoccupato per il resto del giorno e della notte. Già solo il pensiero del dolce culetto di mia sorella mi eccitava, ma averlo leccato davvero era il paradiso. Tuttavia, per me e la sorella è stato tutto normale per i due giorni successivi. La mamma stava tornando a casa dal lavoro in orario e presto il papà l'ha seguita. Eravamo anche a scuola, quindi era difficile trovare del tempo da soli. Ogni notte, però, fantasticavo su mia sorella e sul nostro piccolo gioco che di solito si concludeva con una rapida sessione di jack off che...

1.4K I più visti

Likes 0

Le vere avventure di Alice -Prologo-_(1)

Le vere avventure di Alice - Prologo - NESSUN vero sesso in questo capitolo, ma ce ne saranno molti nei capitoli futuri. Sono rimasto vergine fino a... Tutti hanno almeno 18 anni in questa avventura. Potrei non specificare l'età esatta ma sono tutti maggiorenni. Sono stato convinto a scrivere la mia storia da quando avevo diciotto anni da mia figlia Barbara. Spero che ti piaccia il primo capitolo della mia avventura. La mia vita è cambiata nel 1974 ea 41 anni mi tengo ancora in forma. Nel 1974 ero il maggiore di dodici figli. I miei undici fratelli erano bianchi, neri...

947 I più visti

Likes 0

La maledizione di Cupido parte 1

Di nuovo sto facendo lo stesso sogno; è sempre la stessa stanza fredda e squallida. All'inizio sembra sempre buio pesto ma grazie a qualche luce di candela nella stanza riesco a vedere nella stanza accanto dove c'è sempre un divano rosso, dove una strana donna aspetta la mia compagnia. Non riesco mai a sentire la sua voce, ma per qualche motivo so che mi sta chiamando. Mentre mi alzo dal letto per venire da lei, sento lo stesso dolore acuto nei miei occhi, eppure non smetto mai di muovermi, non importa quanto intenso diventi il ​​dolore, come se il mio corpo...

889 I più visti

Likes 0

L'imprevisto_(1)

Regole per la mia scrittura: 1. Scrivo per me stesso. Per tirarmi fuori. Se ti piace, bene se non vai avanti. 2. Se mi sento all'altezza, posso fare richieste ma non aspettarti che siano tempestive, le scriverò nel mio tempo. 3. Se non ti piacciono le età, i sessi o gli eventi (trama) nelle mie storie, nessuno ti obbliga a leggerle. 4. Se vuoi essere scortese nei tuoi commenti, vai avanti. Non mi dà fastidio. Fai riferimento alla regola n. 1. ---- Brittani girò la maniglia della porta d'ingresso e strisciò dentro, cercando di stare attenta a non fare rumore. Era...

757 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.